IRENE CRISTINZIO

di , 19 Luglio 2013 13:52

OROSEI: Foto di un tramonto in “Su Gollei” (L’altipiano)

di , 5 Febbraio 2016 20:42

TRAMONTO NELL’ALTIPIANO 

“Quando guardo un tramonto e mi emoziono, non mi domando a che velocità gira la Terra o a che distanza è il Sole o quanto sono grandi… Amo quel momento. Punto. Non c’è da capire, c’è da amare”.

(Fabio Volo, È una vita che ti aspetto, 2003)

OROSEI, Abba Vona: «Il progetto prosegue»

di , 5 Febbraio 2016 19:51

OROSEI,

Abba Vona: «Il progetto prosegue»

Si è svolto lunedì sera a Cagliari l’incontro tra il comitato di Abba Vona e l’assessore ai lavori pubblici Paolo Maninchedda alla presenza dei dirigenti del Genio Civile.

Ai responsabili del Movimento è stato illustrato il progetto che è stato realizzato dal Genio Civile di Nuoro che prevede la captazione delle acque a 300 metri dalla fonte di Su Gologone, esattamente dalla grotta di “Mussintommasu”.

Adesso sia il progetto realizzato dal Movimento sia quello del Genio Civile di Nuoro verranno analizzati dal Savi che decreterà quale sia il migliore. Le tempistiche si aggirano sui due mesi circa, in seguito verrà scelto un soggetto attuatore e verranno appaltati i lavori.

Il Servizio Territoriale Opere Idrauliche attraverso un esame accurato tra i due progetti ha concluso che il progetto del Genio Civile risulta ambientalmente, idrogeologicamente, paesaggisticamente ed economicamente più fattibile, infatti non intacca la fonte di Su Gologone denominata monumento naturale e area Sic.

Una foto panoramica della 1° 'Assemblea indetta dal movimento "Abba Vona" nel Cineteatro Pitagora per contestare il problema dell'acqua potabile in Bassa Baronia. Presenti i cinque Sindaci dell'Unione dei Comuni Valle del Cedrino

Per il Movimento Abba Vona è comunque una grande vittoria. Malgrado alcune piccole controversie e l’avviso di Abbanoa di possibili diffide dopo le dichiarazioni sullo stato delle acque del fiume Cedrino.

«Siamo soddisfatti e orgogliosi dei risultati di un anno di proteste, riunioni e assemblee» così si definisce il Movimento che è riuscito a portare il proprio progetto sui tavoli regionali.

«Abbiamo trovato grande disponibilità nella persona dell’assessore ai Lavori pubblici, Paolo Maninchedda che ha mantenuto le sue promesse e si è interessato concretamente a un problema che durava ormai da troppi lunghissimi anni» conclude il Comitato Abba Vona.

(DA:La Nuova Sardegna-Cecilia Fontanesi-3Febbraio 2016)

COMUNE DI NUORO: conferisce onorificenza a Toni Servillo

di , 5 Febbraio 2016 19:51

ONORFICENZA SPECIALE

A TONI SERVILLO

Dopo il grande successo del reading radiofonico su “Il Giorno del Giudizio” interpretato dall’attore Toni Servillo, il comune di Nuoro, per iniziativa dell’assessore alla cultura Sebastian Cocco, ha deciso di conferire un’onoreficenza speciale all’attore napoletano che sarà ospite della città il prossimo 3 agosto.

Un riconoscimento alla magistrale interpretazione dei brani tratti dall’opera di, protagonista di tredici puntate della trasmissione di Radio3 “Ad Alta Voce”, dove importanti nomi del cinema e del teatro, attraverso le frequenze della terza emittente radiofonica nazionale, leggono estratti delle più importanti opere letterarie italiane e internazionali.

“Il Giorno del Giudizio” è sicuramente uno dei pilastri della letteratura sarda del 900, un romanzo che racconta la vita di un paese, Nuoro, che stava diventando città.

L’assessore Cocco, facendosi voce del sentimento di gratitudine della città, si è da subito attivato per organizzare un incontro con Servillo, che con il suo lavoro ha dato visibilità e lustro all’opera di Salvatore Satta.

(DA: comunicato Comune di Nuoro-4 Febbraio 2016)

-foto da Internet-

ASCOM: Nasce il Gruppo Guide in Confcommercio

di , 5 Febbraio 2016 19:20

AMBIENTE, CULTURA E TURISMO

Nasce in Confcommercio il Gruppo Confguide

Una professione importante per il territorio, per il rispetto dell’ambiente e la sua tutela, per la salvaguardia della cultura e la sua diffusione, nonché per l’accoglienza dei visitatori. Accompagnano quotidianamente viaggiatori nei suggestivi scenari ambientali o nei musei e piazze dei nostri paesini, ne curano la sicurezza e ne garantiscono l’incolumità attraverso la loro professionalità ed esperienza, oltre a stimolare curiosità e meraviglia con i loro racconti.

Un professione fondamentale, spesso dimenticata che, anche per le Guide che operano in Sardegna, dopo numerose altre regioni d’Italia , ha finalmente la sua rappresentanza sindacale in seno alla Confcommercio, che appunto oggi trova espressione nel Gruppo Confguide, al quale hanno aderito per il momento una trentina di guide di tutte le tipologie previste dalla normativa: guide turistiche, guide ambientali escursionistiche e guide sportive.

Il Gruppo di Confguide in un’affollata assemblea ha nominato il gruppo dirigente ed ha eletto presidente Letizia Marongiu che verrà affiancata nell’incarico dai componenti del direttivo che sono: Alessandra Bacchitta di Dorgali, Fabrizio Caggiari di Oliena, Simone Dessena di Orosei, Leo Fancello di Dorgali, Manuela Forense di Nuoro, Martine Gusai di Orosei, Gavino Meloni del cagliaritano ma operatore ad Orosei, e Paolo Palimodde di Oliena.

Il gruppo si è messo subito al lavoro per mettere in atto tutte le strategia di promozione della categoria, per la sua formazione e soprattutto per la difesa da fenomeni come l’abusivismo che anche in questo settore ha un ruolo devastante. “L’auspicio, dice la neo presidente, è quello di instaurare quanto prima un dialogo con l’Assessorato al Turismo della Regione Sardegna, perché da tanto tempo la nostra professione non trova adeguata risposta ad alcune problematiche, siamo in mano ad una legge regionale che ha appena 10 anni, ma è come se ne avesse 60. La Regione non cura abbastanza questo settore e la sua integrazione con tutto il comparto turistico, cosa ben più grave siamo ancora in regime di disciplina transitoria per l’accesso alla professione e peggio ancora non sono stati stabiliti gli standard formativi e la loro certificazione”.

Il ruolo della guida è fondamentale in un territorio come il nostro dove in particolare ogni anno grava sulle tasche dei contribuenti il costo dei numerosi salvataggi di turisti imprudenti che si avventurano nelle nostre montagne da soli.

Il Gruppo già da qualche settimana, grazie alla disponibilità concordata con il Presidente dell’Isre Bruno Murgia, ha iniziato un percorso formativo con la Dott.ssa Francarosa Contu (vedi foto in alto) finalizzato all’esigenza delle Guide di essere formate al meglio riguardo il nuovo assetto museale della sede del Museo del Costume, per poter offrire un servizio sempre migliore ai visitatori che decideranno di avvalersi delle conoscenze e dell’accompagnamento delle Guide Turistiche locali anche per visitare questa importantissima realtà museale.

(DA: comunicato Ascom Confcommercio-5 Febbraio 2016)

GALTELLI’: Concorso della Leva 1990 per logo Festa SS.Crocifisso

di , 2 Febbraio 2016 23:37

LOGO IDENTIFICATIVO PER

LE EDIZIONI ANNO 2016/2017.

Si avvicina il termine di scadenza della presentazione degli elaborati grafici inerenti il Concorso che la Leva 1990 ha indetto per la realizzazione, perl’edizione di quest’anno 2016 e del  2017, del logo identificativo della Festa del SS Crocifisso, Patrono di Galtellì.

Il concorso è rivolto esclusivamente ai bambini e i ragazzi della scuola primaria e della scuola secondaria di Iº grado del comune di Galtellì che parteciperanno organizzati come gruppo classe studenti delle scuole elementari e medie.

La premiazione avverrà a Maggio 2016 in data da definirsi.  Scopo, caratteristiche, come presentare le domande, valutazioni e premiazione  si possono leggere nel sito istituzionale del Comune (http://www.galtelli.gov.it/).

La scadenza  per la consegna degli elborati grafici è infatti fissata per il prossimo 15 Febbraio. La leva 1990 si impegna, a fine anno lavorativo e compatibilmente con le risorse avanzate, a dare un contributo alle scuole, e ringrazia anticipatamente tutti coloro che vorranno partecipare.

TESTO INTEGRALE DEL CONCORSO:

Alla c.a. della Dirigente Scolastica e alla c.a. dell’ Amministrazione Comunale di Galtellì

La leva 1990 di Galtellì organizza:

Gara perla realizzazione del logo perlaƒesta del SS Crocifisso 2016/2017.

  • 1.Scopo del concorso;
  • 2.Caratteristìche del concorso;
  • 3.Come presentare domanda;
  • 4.Va|utazione;
  • 5.Premìazione

1. SCOPO DEL CONCORSO

In previsione dell’ ormai prossimo inizio dei lavori, per la festa del Santissimo patrono del Comune di Galtellì, la leva 1990 ha deciso di coinvolgere attivamente nei preparativi i piccoli concittadini nel concorso in oggetto. Lo scopo dello stesso è la realizzazione di un logo identificativo che accompagnerà le manifestazioni organizzate durante I’ anno 2016/2017

2. CARATTERISTICHE DEL CONCORSO

Chi può partecipare: Sono ammessi al concorso tutti i bambini e i ragazzi della scuola primaria e della scuola secondaria di I grado del comune di Galtellì che parteciperanno organizzati come gruppo classe. I partecipanti al concorso dovranno presentare un elaborato che dovrà rispondere alle caratteristiche sotto riportate.

Caratteristiche del logo: ll logo dovrà rispettare i seguenti criteri:

  • -Dimensione massima: foglio A4;
  • -Caratteristiche tecniche: bianco e nero oppure colorato;
  • °Caratteristiche del contenuto: il logo può rappresentare luoghi/oggetti del paese, riferimenti al SS Crocifisso. Il riferimento può essere reale o figurato;-ll logo dovrà essere accompagnato da una descrizione scritta che spieghi, nel dettaglio, cosa si è scelto di rappresentare e perché.

3 COME PRESENTARE LA DOMANDA

Saranno ammessi a partecipare tutti gli elaborati corredati di descrizione che dovranno essere depositati in apposite cassette presso le bidellerie degli istituti, entro e non oltre lunedi 15 Febbraio 2016.

4. VALUTAZIONE

L’ elaborato che verrà scelto come logo della leva 1990 sarà valutato da una giuria composta da:

  • -La leva 1990 o una sua rappresentanza;
  • -ll Sindaco di Galtellì o una rappresentanza dell’ Amministrazione Comunale ;
  • -ll parroco;

Le motivazioni della scelta verranno rese note in sede di premiazione.

5.PREMlAZIONE

La premiazione avverrà a Maggio 2016 in data da definirsi.  La leva 1990 si impegna, a fine anno lavorativo compatibilmente con le risorse avanzate a dare un contributo alle scuole, e ringrazia anticipatamente tutti coloro che vorranno partecipare.

(DA: sito Istituzionale Comune di Galtellì)

NUORO-4 febbraio dalle 15 alle 21: convocazione Consiglio Comunale

di , 2 Febbraio 2016 15:10

(DA: comunicato Comune di Nuoro-2 Febbraio 2016)

OROSEI: Progetto Sociale mette a dispone per i bambini ogni sabato e gratis spaziosa sala per “Festa di compleanno”

di , 1 Febbraio 2016 21:28

(DA: comunicato Cooperativa progetto Sociale-20 Gennaio 2016)

PAOLO MANINCHEDDA:«L’acqua è un diritto, Oliena deve capirlo»

di , 1 Febbraio 2016 21:19

 «L’acqua è un diritto, Oliena deve capirlo»

Paolo Maninchedda risponde agli amministratori che contestano il progetto di approvvigionamento da Su Gologone.

OLIENA. Il tema dell’approvvigionamento idrico

anima ancora il dibattito politico.

Sulla questione interviene l’assessore regionale ai Lavori pubblici Paolo Maninchedda. L’esponente del partito dei Sardi respinge le accuse degli amminstratori di Oliena.

Foto durante la riunione con Movimento Abbavona nella Sala Consiliare del Comune di Orosei (m.camedda: 7 Aprile 2015)

« Sono stato il primo a dire che è necessario ridurre le perdite della rete di Oliena. Ho anche trovato i soldi per farlo – ha precisato Maninchedda –. Non solo. Ho dichiarato la mia contrarietà rispetto a qualsiasi soluzione che prevedesse di toccare un solo filo d’erba della fonte. Ho chiesto conto, poi, di quali siano gli studi che hanno accompagnato il prelievo attuale di 110 litri al secondo, mettendo in risalto il fatto che non ci sia alcuno studio: il primo l’ha fatto in questi mesi il Genio Civile».

Per Maninchedda «è paradossale che si contesti una valutazione seria, durata più di un semestre – peraltro ancora non letta da alcuno e depositata l’altro ieri al Sav unitamente all’idea progetto del Comitato Abba Nova di Orosei – e non ci si chieda se l’uso attuale sia mai stato accompagnato, quanto alla sua sostenibilità, da approfondimenti adeguati».

«Non credo certamente di avere la verità in tasca – aggiunge l’assessore – pertanto mi muovo con i piedi di piombo, al punto che al Sav andranno entrambe le idee progetto presentate, sia quella del Comitato, sia quella del Genio civile, ritenendo doverosamente che occorra calcolare bene e prudentemente il prelievo d’acqua da Su Gologone, per distribuirla a Dorgali, Oliena e ai paesi della Baronia, con la differenza che adesso, e non prima, conosciamo meglio i periodi di piena e quelli di magra, sappiamo quando e quanto prelevare, mentre prima si prelevava e basta».

Continua Maninchedda. «Come ho già detto più volte, sono contrario a qualsiasi ipotesi di spostamento degli alvei dei fiumi.  Ma difendo, con forza, la richiesta dei cittadini della Baronia di non dipendere solo dall’acqua del Cedrino ma di accedere anche all’acqua di qualità come quella della fonte di Su Gologone».

«Non ho mai preso decisioni unilaterali e mi sono sempre preoccupato di coinvolgere le amministrazioni e la società civile in ogni decisione – conclude l’assessore– Chi ha voglia di accendere micce su temi di questa portata attribuendo ad altri addebiti immeritati e infondati, gioca con una miccia molto corta e molto dannosa».

(DA: La Nuova Sardegna-30 Gennaio 2016)

ASL-NUORO: Spettacolo teatrale del Centro Diurno Delocalizzato

di , 1 Febbraio 2016 21:18

Spettacolo teatrale del Centro Diurno Delocalizzato

Si svolgerà venerdì 5 febbraio alle ore 19.00, presso il Teatro Eliseo di Nuoro, lo spettacolo “L’irresistibile flussuo della vita”, che la neonata compagnia dei SogniAttori, composta dai partecipanti al laboratorio teatrale del Centro Diurno Delocalizzato del Dipartimento di Salute Mentale di Nuoro, porterà in scena per la regia del Maestro Gavino Poddighe.

«Si tratta – spiega il Dott. Franco Salvatore Delrio, Psicologo Responsabile del Centro – dell’ultima tappa di un percorso artistico e terapeutico iniziato lo scorso anno che, mediante il teatro, si riproponeva di incidere sul benessere psico-fisico e l’autonomia delle persone coinvolte, allo scopo di migliorarne le capacità, le competenze, la socialità e, non ultimo, il livello di autostima». «La riabilitazione attraverso l’arte terapia – continua Delrio – si snoda con un approccio che, partendo dalla dipendenza, cerca di portare le persone verso maggiori livelli di indipendenza. Con l’attività teatrale, infatti, si interviene in modo da realizzare modifiche funzionali nel mondo interno/cognitivo della persona, con l’obiettivo dichiarato che tali cambiamenti possano poi riflettersi sul suo ordinario comportamento, compreso il modo di interagire con la realtà esterna».

Un sentito ringraziamento è dovuto a tutti i volontari per la preziosa collaborazione e, oltre al Maestro Poddighe, alle operatrici del Centro: Elena Bacchitta e Marilena Roych, anche per il lavoro svolto come collaboratrici artistiche.

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-1 Febbraio 2016)

OLIENA: da Su Gologone arriverà l’acqua per la bassa Baronia

di , 1 Febbraio 2016 20:38

Da Su Gologone arriverà

l’acqua per la bassa Baronia

Il verdetto del Genio civile che ha esaminato due progetti. L’approvvigionamento limitato ad alcuni periodi dell’anno

CAGLIARI. Non solo Oliena e Dorgali: l’acqua della sorgente di Su Gologone potrà dissetare anche i comuni della bassa Baronia, ma non per tutto l’anno. È il verdetto emesso dallo studio di fattibilità affidato dal Genio civile di Nuoro su richiesta dell’assessorato regionale ai Lavori pubblici. Lo studio è stato presentato dall’assessore Paolo Maninchedda ai sindaci di Oliena e Dorgali, riuniti insieme ai primi cittadini di Orosei, Galtellì, Irgoli, Loculi e Onifai, cioè i centri che chiedono di poter attingere alla fonte. Lo studio, che segue un monitoraggio di sei mesi, ha valutato due opzioni di intervento, comparando i costi economici e gli impatti ambientali e paesaggistici. Sulla vicenda da tempo va avanti una lunga battaglia tra i comuni.

Progetti a confronto. L’idea sottoposta alla Regione da parte del comitato “Abba Vona”, basata sul prelevamento delle acque a valle della sorgente è stata messa a confronto con un inedito progetto che prevede, invece, di attingere direttamente dalla grotta “Mussintommasu” a monte. Entrambi i progetti verranno ora mandati al Savi: lo studio del Genio Civile è stato reso necessario dal fatto che il Servizio di valutazione ambientale deve esaminare, per legge, due alternative.

L’acqua da dividere. La quantità di acqua disponibile a Su Gologone non è costante nel tempo. Con il monitoraggio della sua capacità nei diversi momenti dell’anno è stato stabilito che sarà possibile estrarre 40 litri al secondo nel periodo meno siccitoso e 20 litri al secondo nel periodo siccitoso iniziale (circa 40 giorni). Nei mesi restanti, la quantità dell’acqua non è tale da permetterne il prelevamento ulteriore senza intaccare le caratteristiche ambientali e paesaggistiche della fonte. Per cui, nessuno dei due progetti può garantire l’approvvigionamento totale e continuo per 365 giorni l’anno Ma il progetto B, al contrario di A, comprende la possibilità di implementazione futura per la soluzione del problema anche nel periodo di magra.

I costi e l’ambiente. Secondo il Servizio territoriale opere idrauliche, la soluzione B risulta ambientalmente, idrogeologicamente, paesaggisticamente ed economicamente più sostenibile della soluzione A. Dal punto di vista dei costi, il progetto B costerebbe circa la metà del progetto A, per il quale l’importo stimato del finanziamento è pari a 1.800.000 euro. Anche dal punto di vista paesaggistico la soluzione B sembra più consigliabile perché tutte le opere verranno realizzate esternamente all’area del monumento Stesso discorso anche dal punto di vista idrogeologico: gli interventi previsti dal progetto A ricadono in un’area con pericolosità idraulica elevata, con almeno due inondazioni all’anno.

Qualità delle acque. Una delle differenze più interessanti fra le due proposte riguarda la qualità delle acque distribuite: l’idea progettuale del comitato “Abba Vona”, con l’estrazione dell’acqua a valle della sorgente, contempla la produzione di un’acqua di categoria decisamente alta, ma che dovrebbe essere sottoposta a un trattamento di potabilizzazione. Il progetto B, al contrario, attingendo a monte direttamente dalla grotta, non ha bisogno di alcun intervento, essendo le acque di tipo sorgivo.

(DA: LA Nuova Sardegna-26 Gennaio 2016)-foto da internet

ASL3 NUORO: Vaccinazioni obbligatorie per i bambini

di , 1 Febbraio 2016 08:55

IMPORTANTE VACCINARE I BAMBINI

I livelli di adesione alle vaccinazioni in età pediatrica stanno diminuendo in tutta Italia. Questo è dovuto in gran parte all’opera di disinformazione messa in opera da varie associazioni che sono pregiudizialmente contrarie alle vaccinazioni.

Questo fatto, unito alle apprensioni dei genitori, sta determinando il ritorno di malattie che si pensavano sconfitte per sempre. La ASL di Nuoro, con il suo Servizio di Igiene e Sanità Pubblica che si occupa di vaccinazioni in età pediatrica e adulta, pur avendo coperture vaccinali ancora al di sopra della media nazionale per le vaccinazioni obbligatorie (con oltre il 98 % nel 2014) vuole contrastare questo fenomeno e vuole rendere consapevoli i genitori dell’importanza delle vaccinazioni.

Il fenomeno del dissenso verso le vaccinazioni interessa anche fasce di popolazione con discreto livello culturale e in Italia, per esempio, vi è un calo di adesione alla seconda dose del vaccino antimorbillo-rosolia-parotite del 2-3% rispetto agli anni trascorsi.

Tutti i servizi vaccinali, nel proporre le vaccinazioni, sottolineano i loro rischi e i loro vantaggi come una delle misure di sanità pubblica più efficaci per la protezione della salute sia individuale che collettiva.

Tuttavia, è noto che fattori non razionali sono spesso alla base di timori e di “leggende metropolitane”, che allontanano l’obiettivo di una sicura protezione effettuate attraverso le vaccinazioni.

È doveroso, da parte del Servizio Sanitario Nazionale, migliorare la comunicazione per sostenere i genitori nel processo decisionale.

In quest’ambito la ASL di Nuoro vuole promuovere la relazione fra servizi vaccinali e cittadini, basata sull’ascolto e sul dialogo, e offrire ulteriori strumenti per facilitare scelte consapevoli.

Uno di questi è rappresentato dalla pubblicazione, appositamente studiata per il web e curata dallo studioso nazionale Dott. Franco Giovanetti, “#IoVaccino”, che – con linguaggio chiaro e semplice – affronta le principali questioni poste da chi è pregiudizialmente contrario alle vaccinazioni, ma anche da chi esprime preoccupazioni e ansie comprensibili.

La speranza è che possano essere di aiuto per i genitori, affinché affrontino consapevolmente e con fiducia questa pratica sanitaria, per il bene e la salute dei propri figli.

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-20 Gennaio 2016)-foto da internet

GALTELLI’: documenti di valore storico dell’Antica Diocesi di Galtellì

di , 30 Gennaio 2016 19:43

Consultabili on-line

in Biblioteca Comunale documenti

di valore storico dell’Antica diocesi di Galtellì

Proseguendo e puntando sempre più sulla crescita culturale l’Amministrazione Comunale di Galtellì ha dotato la propria Biblioteca Comunale di una importante fonte documentaria online sulla storia dell’Antica Diocesi di Galtellì di tutto il XVII secolo e il primo decennio del settecento.

La ricerca storica è stata affidata nel 2013 dall’allora Sindaco Renzo Soro al ricercatore e storico oroseino prof. Michele Carta che l’ha effettuata presso l’archivio storico diocesano di Cagliari (ASDCA), che disponeva tale documentazione.

Il comune di Galtellì, volendo approfondire le conoscenze del suo passato, grazie anche alla disponibilità dell’allora direttore (ASDCA) Mons. Tonino Cabizzosu, fece acquisire in formato digitale dal prof. Carta 446 documenti (circa 900 pagine ), tratti dai volumi di due fonti (Inventari e Registrum Commune). Questi ultimi contenevano notizie di particolare importanza su persone (laici e religiosi), associazioni, confraternite,istituzioni (fondazioni di chiese, rapporti tra la curia e il potere politico rappresentato dai baroni locali) nonchè la vita dei paesi appartenenti alla Diocesi di Galtellì che erano (Orosei, Dorgali, Onifai, Irgoli, Loculi, Torpè di Galtelli, Oliena, Lula, Onanì, Gorofai, Bitti, Siniscola, Lodè, Posada, Torpè di Posada, Orgosolo, Locoe e, in misura più ridotta, Nuoro, Orune, Orani, Oniferi e Fonni).

Per consentire la ricerca in Biblioteca delle suddette fonti proprio in questi giorni sono stati appositamente acquistati dall’amministrazione comunale due nuovi computer dove tutti questi documenti son stati riversati è quindi facilmente consultabili.

Questo importantissimo lavoro-afferma con evidente orgoglio il sindaco Giovanni Santo Porcu- arricchisce e rispolvera la nostra storia sia della nostra Comunità e territorio, evidenziando la centralità della Diocesi di Galtellì forte della sua posizione e valenza storica. Un lavoro che si consegna alle generazioni attuali e future e si pone a disposizione in forma gratuita ai laureandi o studiosi/ ricercatori/ appassionati della storia del nostro territorio con il vantaggio di trovare in loco facilmente notizie in gran parte inedite senza ricorrere alla lunga e laboriosa analisi dei citati volumi che, includendo contemporaneamente aspetti della vita dell’Arcidiocesi di Cagliari e sue Unioni insieme a quella di Galtellì, comprendeva mezza Sardegna”.

Si evitano inoltre-conclude il sindaco Porcu- costosi viaggi e soggiorni a Cagliari, dove l’Archivio Storico è aperto per pochi giorni alla settimana e per poche ore. Comunque altri registri restano da acquisire e vedremo nel prossimo futuro di riuscire a dare un ulteriore mandato per produrre altri testi storici onde ottenere una storia dell’Antica Diocesi di Galtellì più completa e attendibile”

Spendere in cultura reale come sta facendo l’Amministrazione galtellinese è meritorio e, secondo uno studio della Cornell University, ”rende più felici non solo per l’esperienza in sé, ma anche per il piacere di investire nell’esperienza stessa”. Inoltre sapere di possedere nel paese documentazione importantissima come questa commissionata dal Comune di Galtellì al prof. Carta è certamente un motivo trainante per portare in Biblioteca tanti giovani o semplici curiosi che potranno arricchirsi della conoscenza dell propria storia, usando strumenti di ricerca attuali e capaci di avere notizie a portata di mano in tempo reale e…a costo zero.

Marco Camedda

articolo scritto il 20 Gennaio 2016

NUORO: ASSOCIAZIONE DISTRETTO CULTURALE DEL NUORESE

di , 30 Gennaio 2016 08:09

Associazione Distretto Culturale Atene della Sardegna

Via M. Papandrea, 8 – 08100 Nuoro

Oggi Incontro Pianificazione

“Evento del Distretto Culturale del Nuorese”

L’associazione « Distretto culturale del nuorese » ha organizzato per sabato 30 gennaio 2016, presso la Camera di Commercio di Nuoro, alle ore 10.00, un incontro con tutti i rappresentanti delle istituzioni museali del territorio del distretto per un confronto aperto anche in vista dell’organizzazione di eventi comuni. 

I musei a Nuoro e nel territorio del Distretto (12 comuni) sono una delle realtà più importanti, sia dal punto di vista dell’animazione culturale che dal punto di vista economico. Sono una vera eccellenza del territorio , garantendo, altresì, un’elevata visibilità alle politiche pubbliche e sociali e favorendo la crescita delle persone e quindi anche la nascita di nuove realtà imprenditoriali.

Sicuramente anche per i musei dell’area del Distretto, come in gran parte del territorio nazionale, sono di grande attualità i temi legati ai problemi gestionali, nel senso di un più forte coordinamento tra le istituzioni culturali e pubbliche più in generale. Alcune esperienze del territorio nazionale hanno dimostrato che un forte coordinamento sulla gestione (e quindi sulla programmazione) consente di ottenere un miglioramento della qualità del servizio reso all’utenza ed una diminuzione sia dei costi diretti che indiretti. Ad esempio, con la costituzione di una governance coordinata si potrebbe conseguire un miglioramento degli standard qualitativi del servizio e potrebbero essere « favorite nuove attività volte ad arricchire, promuovere, valorizzare e far conoscere il patrimonio culturale museale favorendo, tra l’altro, l’incontro, il confronto e la collaborazione con altre istituzioni e musei di altre realtà italiane e straniere ».

Per discutere di questi e altri aspetti legati alla « politica museale », è stato pensato l’incontro del 30 gennaio, per ascoltare i protagonisti e gli esperti del settore e quindi per avviare un confronto sulle iniziative concrete da mettere in campo.

L’incontro sarà coordinato dal Dr Agostino Cicalo e dal prof. Antonello Menne, rispettivamente presidente del consiglio direttivo e del comitato tecnico del Distretto culturale. 

Hanno dato l’adesione le seguenti istituzioni museali.

  • - MAN, museo d’arte della provincia di Nuoro;
  • - Sistema Museale di Mamoiada;
  • - Museo archeologico di Dorgali;
  • - Museo Nivola;
  • - Museo della civiltà pastorale e contadina;
  • - Museo Deleddiano;
  • - Museo della vita e delle tradizioni popolari sarde;
  • - Museo multimediale del canto a tenore;
  • - Acquario di Cala Gonone.

L’Associazione Distretto Culturale del Nuorese

ASL3 NUORO: Alzheimer- Grande successo per il corso per volontari

di , 29 Gennaio 2016 21:06

Ha riscosso un significativo successo e una nutrita partecipazione

il primo corso per i familiari dei malati di Alzheimer, organizzato dall’Associazione Alzheimer Nuoro il 18, 19 e 20 gennaio scorsi presso l’Auditorium della Biblioteca Sebastiano Satta, grazie all’impegno di un gruppo di volontari che, affiancati da professionisti esperti in materia, mettono a disposizione tempo e risorse per fornire supporto a chi è coinvolto, direttamente o indirettamente, nella patologia di Alzheimer.

Un sostegno concreto a favore di malati, familiari e caregivers nell’affrontare le difficoltà quotidiane legate alla malattia. Un supporto alla ricerca, attraverso la costituzione di un comitato scientifico interdisciplinare e multilivello.

Informazioni continue e aggiornate, attraverso la presenza dei volontari dell’Associazione Alzheimer Nuoro, che risponde al numero di telefono 342.6943492 e all’indirizzo di posta elettronica associazione.nuoro@libero.it. In particolare dalle volontarie, già infermiere all’ASL di Nuoro, Salvatora Conchedda e Giuseppina Pinna, che si sono spese davvero tanto per la riuscita di questo primo esperimento. «Volevamo ringraziare singolarmente tutti i presenti – commentano ancora emozionate – ma anche volendo non potremmo farlo, visto che c’erano oltre duecento persone letteralmente rapite dagli interventi dei relatori. Però esprimiamo tutta la nostra gratitudine e la nostra vicinanza a quanti hanno partecipato con entusiasmo al corso, sperando che questa sia solo la prima di tante altre iniziative a favore dei malati di Alzheimer dei Nuoro e del suo territorio»

La presenza sul territorio, garantita dai volontari attraverso iniziative vicine a chi soffre, sarà ancora più efficace col sostegno indispensabile delle istituzioni.

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-27 Gennaio 2016)

PALLACANESTRO:Sportissimo Sassari vs Pallacanestro Orosei

di , 29 Gennaio 2016 19:28

SPORTISSIMO SS vs PALLACANESTRO OROSEI

Campionato Reg.le Under 16 -

Zona NU-SS- Play out : 1^ giornata

sabato 30 gennaio 2016 h.20 – Palestra Bunker

via Poligono Sassari

Arbitri:  BATTAGLIA GIANMARIO di SASSARI (SS) e

MULAS MATTEO di SASSARI (SS)

il pallone della gara e’ offerto da :

www.hotelmariarosaria.it

(DA: comunicato Pallacanestro Orosei-29 Gennaio 2016)

ISRE NUORO:Il fuoco di Sant’Antonio nel Museo del Costume

di , 29 Gennaio 2016 09:06

ISRE Nuoro Sabato 30 gennaio dalle ore 17:00

Sant’Antonio è il santo protettore degli animali domestici e stoico rappresentante di una vita solitaria lontana da tentazioni e agi.

Nel suo vivere eremita egli subì numerosi attacchi da parte del demonio, che si propose tentatore sotto diverse forme. Antonio non abbandonò comunque il suo stato di asceta, e si rifugiò in caverne e anfratti che lo tenessero lontano dalle debolezze della carne.

Morì a 105 anni in condizioni estremamente povere, ma il suo modus vivendi portò alla nascita del Monachesimo cristiano e dell’ordine degli Abati. Fu dichiarato guaritore, protettore, patrono, e rivolgendogli una preghiera particolare, si può ritrovare qualcosa andato perduto.

Associato al temuto herpes zoster per alcune vescicole che il demonio gli procurò, non si arrese in nessuna circostanza, anzi, tornando dagli inferi da cui fu catturato, prese le braci su di un bastone e attraversando imperi glaciali le portò fino a noi per riscaldarci.

Per tanto coraggio ed esempio Antonio d’Egitto divenne presto Santo, e un rappresentativo falò lo ricorda ogni anno.

La tradizione

La tradizione regionale sarda accompagna al grande fuoco un simbolico assaggio della pietanza tipica di questa festa, le fave e lardo, accompagnate da un allegorico bicchiere di cannonau. Le preghiere o il voto da rivolgere al santo si sciolgono compiendo dei giri intorno alla fiamma, tre in senso orario e tre in senso antiorario.

L’ISRE, in collaborazione con l’Ente Foreste Regionale e la Coldiretti Regionale e Provinciale propone il caratteristico fuoco, condividendo con la comunità parte del proprio patrimonio filmico e un momento di convivialità, fede e tradizione.

INFO:

Museo del Costume

Via Antonio Mereu, 56-08100 Nuoro

Tel. 0784 257035 – 0784 242900

promoattivita@isresardegna.orgwww.isresardegna.it

(DA: comunicato e foto Isre Nuoro-28 gennaio 2016)

OLIENA: da Su Gologone arriverà l’acqua per la bassa Baronia

di , 29 Gennaio 2016 08:02

Da Su Gologone arriverà l’acqua

per la bassa Baronia

Il verdetto del Genio civile che ha esaminato due progetti.

L’approvvigionamento limitato ad alcuni periodi dell’anno

CAGLIARI. Non solo Oliena e Dorgali: l’acqua della sorgente di Su Gologone potrà dissetare anche i comuni della bassa Baronia, ma non per tutto l’anno. È il verdetto emesso dallo studio di fattibilità affidato dal Genio civile di Nuoro su richiesta dell’assessorato regionale ai Lavori pubblici.

Lo studio è stato presentato dall’assessore Paolo Maninchedda ai sindaci di Oliena e Dorgali, riuniti insieme ai primi cittadini di Orosei, Galtellì, Irgoli, Loculi e Onifai, cioè i centri che chiedono di poter attingere alla fonte. Lo studio, che segue un monitoraggio di sei mesi, ha valutato due opzioni di intervento, comparando i costi economici e gli impatti ambientali e paesaggistici. Sulla vicenda da tempo va avanti una lunga battaglia tra i comuni.

Progetti a confronto. L’idea sottoposta alla Regione da parte del comitato “Abba Vona”, basata sul prelevamento delle acque a valle della sorgente è stata messa a confronto con un inedito progetto che prevede, invece, di attingere direttamente dalla grotta “Mussintommasu” a monte. Entrambi i progetti verranno ora mandati al Savi: lo studio del Genio Civile è stato reso necessario dal fatto che il Servizio di valutazione ambientale deve esaminare, per legge, due alternative.

L’acqua da dividere. La quantità di acqua disponibile a Su Gologone non è costante nel tempo. Con il monitoraggio della sua capacità nei diversi momenti dell’anno è stato stabilito che sarà possibile estrarre 40 litri al secondo nel periodo meno siccitoso e 20 litri al secondo nel periodo siccitoso iniziale (circa 40 giorni). Nei mesi restanti, la quantità dell’acqua non è tale da permetterne il prelevamento ulteriore senza intaccare le caratteristiche ambientali e paesaggistiche della fonte. Per cui, nessuno dei due progetti può garantire l’approvvigionamento totale e continuo per 365 giorni l’anno Ma il progetto B, al contrario di A, comprende la possibilità di implementazione futura per la soluzione del problema anche nel periodo di magra.

I costi e l’ambiente. Secondo il Servizio territoriale opere idrauliche, la soluzione B risulta ambientalmente, idrogeologicamente, paesaggisticamente ed economicamente più sostenibile della soluzione A. Dal punto di vista dei costi, il progetto B costerebbe circa la metà del progetto A, per il quale l’importo stimato del finanziamento è pari a 1.800.000 euro. Anche dal punto di vista paesaggistico la soluzione B sembra più consigliabile perché tutte le opere verranno realizzate esternamente all’area del monumento Stesso discorso anche dal punto di vista idrogeologico: gli interventi previsti dal progetto A ricadono in un’area con pericolosità idraulica elevata, con almeno due inondazioni all’anno.

Qualità delle acque. Una delle differenze più interessanti fra le due proposte riguarda la qualità delle acque distribuite: l’idea progettuale del comitato “Abba Vona”, con l’estrazione dell’acqua a valle della sorgente, contempla la produzione di un’acqua di categoria decisamente alta, ma che dovrebbe essere sottoposta a un trattamento di potabilizzazione. Il progetto B, al contrario, attingendo a monte direttamente dalla grotta, non ha bisogno di alcun intervento, essendo le acque di tipo sorgivo.

(DA: La Nuova Sardegna-26 Gennaio 2016)

COMUNE DI NUORO: Oggi firma Protocollo di Intesa per attivazione dell’indirizzo sportivo sperimentale nella scuola media di “Biscollai” .

di , 28 Gennaio 2016 08:00

fondato sul Progetto pilota:

L’armonia del corpo ed i valori etici

Nella mattinata di oggi  presso il Comune di Nuoro, l’amministrazione cittadina, la ASL, il CONI, alcune federazioni sportive ed il comando dei vigili del fuoco, firmeranno un Protocollo d’intesa con l’Istituto Comprensivo N 4 di Montegurtei per l’attivazione dell’indirizzo sportivo sperimentale nella scuola media di “Biscollai” .

La costituzione di tale indirizzo, sostenuto dalla giunta comunale e fondato sul Progetto pilotaL’armonia del corpo ed i valori etici”, ha come obiettivo educativo la promozione del benessere psico-fisico e sociale della persona, chiaramente con particolare riferimento alle fasi evolutive della pubertà ed adolescenza.

La pratica sportiva infatti, oltre che promuovere la formazione e la salute fisica, agisce nell’ambito psichico, sociale e morale contribuisce in modo efficace alla costruzione di un’immagine positiva di sé, facilita il rapporto con il proprio corpo, promuove ed educa ad una corretta e sana alimentazione e stile di vita.

Pertanto il nuovo corso prevede l’integrazione di 3 ore settimanali aggiuntive di attività sportiva, attuabili attraverso l’ausilio delle Federazioni, interventi mirati, in ambito teorico e pratico, da parte di specialisti della ASL e del Comando dei Vigili del Fuoco.

(DA:comunicato stampa Comune di Nuoro-27 Gennaio 2016)

NUORO-Biblioteca Satta: Oggi 27 Gennaio “Donne e bambini e Olocausto”

di , 27 Gennaio 2016 10:59

*GIORNATA DELLA MEMORIA*

AUDITORIUM BIBLIOTECA S. SATTA

MERCOLEDI’ 27 GENNAIO ORE 18,30

Donne e bambini nei lager:

“Le Rose di Ravensbrück”

“Per i bambini senza figli”

Milioni di donne e bambini furono perseguitati e uccisi durante l’Olocausto, crimini ignorati e sottovalutati dalla storia per un lunghissimo periodo.

Il Consorzio per la pubblica lettura S. Satta e la Compagnia Shardana Teatro, per la Giornata della Memoria presentano l’evento multimediale Donne e bambini nei Lager: Le Rose di Ravensbrück – Per i bambini senza figli”.

Per una conoscenza che non sia rivolta solo al passato ma che tenta di interpretare i fatti storici, per capire il presente e costruire il futuro.

La Memoria come tassello essenziale delle basi di conoscenza, di sensibilità umana e morale, di combattività in difesa della pace e dei diritti umani che sono la base della nostra democrazia.

Una democrazia che non può in nessun momento ignorare i rischi cui possono essere esposti donne, bambini, innocenti e indifesi di sempre.

La Memoria come punto di partenza irrinunciabile per la costruzione di una società più libera e giusta.

 

(DA: comunicato Biblioteca Satta Nuoro-23 Gennaio 2016)

GRAZIANO SECCHI: foto in BN e brevi cenni storici su S.Maria della Neve

di , 26 Gennaio 2016 21:16

Pubblico volentieri queste bellissime foto in BN della Cattedrale S.Maria della Neve di Nuoro e relativi brevi cenni storici inviatimi giorni fa dal mio caro amico e ottimo fotografo nuorese Graziano Secchi che presenta oggi in questo mio Blog alcuni scatti di rara bellezza della sua Nuoro.

Graziano, come lui mi ha confidato Adora la fotografia, adora fotografare, tenere in mano la fotocamera, giocare con le inquadrature e con la luce”.  Egli considera la fotografia come una forma di comunicazione per raccontare le proprie emozioni , “per fermare attimi irripetibili e per tentare illusoriamente di fermare il tempo”.

Da non perdere alcuni scatti dell’interno della Cattedrale

presentati da Graziano su Youtube al seguente indirizzo:

https://www.youtube.com/watch?v=HpiaRRGvFss

con un sottofondo musicale di canti liturgici in latino arrangiati per sassofono e quartetto vocale da Jan Garbarek ed eseguita dal coro polifonico inglese Hilliard Ensemble diretto dal medesimo Maestro Garbarek.

Attualmente Graziano pubblica le sue foto su Flickr al seguente indirizzo:

https://www.flickr.com/photos/grazianosecchi/

Buona visione e…Grazie Graziano

Marco Camedda

Brevi cenni storici sulla

Cattedrale Santa Maria della Neve-Nuoro

“La Cattedrale di Santa Maria della Neve è il principale luogo di culto cattolico di Nuoro, sede vescovile della diocesi omonima.

Sorge in piazza Santa Maria della Neve ed è dedicata alla Madonna della Neve, patrona di Nuoro, il cui culto è strettamente legato alla Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma.

La sede della diocesi Barbaricina venne trasferita da Galtellì a Nuoro da Mons. Rojch, non ancora dotata di grandi edifici di culto, nella seconda metà del XVIII secolo. La costruzione di una nuova chiesa cattedrale per la città di Nuoro avvenne per volontà del vescovo Giovanni Maria Bua, nella prima metà del XIX secolo. Il progetto venne affidato al frate architetto Antonio Cano.

La posa della prima pietra risale al 12 novembre 1835. I lavori, rallentati nel 1840 dalla morte accidentale, in fase di costruzione, dell’architetto Antonio Cano, precipitato dai ponteggi, terminarono nel 1853.

La cattedrale di Nuoro, in stile neoclassico è un edificio monumentale che si affaccia su una vasta piazza del centro storico cittadino. L’esterno della chiesa è caratterizzato dalla facciata, che ricorda un tempio di età classica, con quattro imponenti colonne in granito e capitelli ionici che reggono il timpano triangolare. Il prospetto è incorniciato da due campanili identici, coperti alla sommità da una piccola cupola. L’interno è ampio e solenne, con un’unica, vasta navata voltata a botte. Il perimetro della chiesa è percorso da una trabeazione retta da paraste con capitelli corinzi.

Nella navata si aprono tre cappelle per lato, intercomunicanti e dotate di absidi semicircolari; gli ampi spazi tra una cappella e l’altra creano l’effetto di navatelle laterali. L’area presbiteriale è sopraelevata di pochi gradini rispetto all’aula e originariamente chiusa da una balaustra marmorea, rimossa in seguito ai restauri operati tra il 2000 e il 2006; sul fondo si trova l’abside semicircolare, dov’è collocato il coro ligneo.

All’interno nel presbiterio è presente un’importante tela dipinta da Alessandro Tiarini, pittore seicentesco allievo dei Carracci, raffigurante il Cristo morto. Il resto delle decorazioni pittoriche interne alla Chiesa fa riferimento alla scuola pittorica sarda dei secoli XIX e XX ed è sotto questo aspetto, importante per la conoscenza della produzione iconografica dell’isola in quel periodo.

Opere d’arte presenti nella Cattedrale:

  • Altare Maggiore e pulpito, in marmo, opere attribuite a Francesco Cucchiari e Michele Fiaschi, XIX secolo; l’altare, in seguito alla manomissione del presbiterio, posta in essere durante i lavori degli anni 2000 – 2006, risulta attualmente privo di alcuni elementi originari, come il tempietto circolare centrale.
  • Cristo Morto, tela attribuita al Tiarini, XVII secolo;
  • Gesù tra i dottori, dipinto attribuito a Luca Giordano;
  • Via Crucis, dipinti di Carmelo Floris e Giovanni Ciusa Romagna, 1953.”

Graziano Secchi in ostume di Nuoro e attuale presidente del Coro "Sos Canarios"

(DA: cenni storici e foto di Graziano Secchi-Nuoro- 25 Gennaio 2016)

LAORE-Sut OROSEI: Giovedì 28 Gennaio riunione sul PSR 2014-2020

di , 26 Gennaio 2016 19:59

PSR (Programma di Sviluppo Rurale)

Il PSR è lo strumento di programmazione della politica di sviluppo rurale finanziata dal FEASR, che definisce, in coerenza con gli obiettivi della strategia Europa 2020, l’Accordo di Partenariato nazionale e i Programmi nazionali (PSRN), gli interventi regionali per il periodo di programmazione 2014/2020.

Il Programma è articolato in base a sei Priorità generali,

con relativi “settori d’interesse” (Focus Area) più specifici, che riguardano:

  • Promuovere il trasferimento di conoscenze e l’innovazione nel settore agricolo e forestale e nelle zone rurali (priorità orizzontale);
  • Potenziare la competitività dell’agricoltura in tutte le sue forme e la redditività delle aziende agricole;
  • Promuovere l’organizzazione della filiera agroalimentare e la gestione dei rischi nel settore agricolo;
  • Preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi dipendenti dall’agricoltura e dalle foreste;
  • Incentivare l’uso efficiente delle risorse e il passaggio a un’economia a basse emissioni di carbonio e resiliente al clima nel settore agroalimentare e forestale;
  • Adoperarsi per l’inclusione sociale, la riduzione della povertà e lo sviluppo economico nelle zone rurali.

Le risorse finanziarie a disposizione del PSR Sardegna 2014/2020, per i sette anni di programmazione, sono pari a 1.308.406.250 euro.

Il Programma di sviluppo rurale 2014-2020 per la Regione Sardegna è stato formalmente approvato dalla Commissione Europea il 19 agosto 2015 con Decisione di esecuzione C(2015) 5893.

Hanno accompagnato il processo di definizione delle scelte dei Programmi comunitari regionali la Valutazione Ambientale Strategica (VAS) e una specifica Valutazione ex ante (VEA) per il PSR Sardegna 2014/2020.

(DA: comunicato LAore-Sut Orosei-25 Gennaio 2016)

COMUNE DI NUORO: domani presentazione del “DECA Master”

di , 26 Gennaio 2016 19:26

Presentazione del “DECA Master”

organizzato dall’Università

in collaborazione con il Comune di Nuoro.

L’evento si terrà domani alle ore 10

presso la sede del Consorzio Universitario in via Salaris 18 a Nuoro

(DA: Comunicato Comune di Nuoro-26 Gennaio 2015)

COMUNE DI BITTI: Riunione di Laore sulla nuova PAC 2014/2020

di , 26 Gennaio 2016 18:22

Si tratta di un incontro divulgativo sulla nuova PAC 2014/2020 (Politica Agricola Comune)che si terrà a Bitti venerdì prossimo, 29 gennaio, alle ore 10.30 presso i locali della ex pretura.

Vista l’importanza dell’argomento si richiede la vostra partecipazione.

(DA: comunicato Comune di Bitti-26 Gennaio 2016)

ALES (OR): spettacolo “L’albero del riccio. Antonio Gramsci dal bambino all’adulto”

di , 24 Gennaio 2016 09:49

A cura del Comune di Ales (Or)

Spettacolo:

“L’albero del riccio. Antonio Gramsci

dal bambino all’adulto”

Ad Ales, a cura dell’Amministrazione Comunale, in occasione dell’inaugurazione della piazza “L’albero del riccio”,

Oggi, domenica 24 Gennaio 2016alle ore 17:30, nel Cineteatro San Luigi sarà rappresentato lo spettacolo teatrale dal titolo “L’albero del riccio. Antonio Gramsci dal bambino all’adulto” della Compagnia Bocheteatro di Nuoro di e con Giovanni Carroni.

Giovanni Carroni- Attore e regista Bocheteatro-Nuoro

NOTE:

Gramsci si inserisce in un percorso di ricerca di drammaturgia teatrale, su autori sardi, che la Compagnia Bocheteatro ha avviato già dal 1991, con la realizzazione di spettacolo come “Sos Sinnos” di Michelangelo Pira, “Eleonora D’Arborea” di Giuseppe Dessì; “Su Muru Prinzu – Il Muro Incinto” da Memorie di Orani di Costantino Nivola; “Poesia in duas limbas” di Francesco Masala;

“Cantos de Amistade” di Franzischinu Satta; “Cosima quasi Grazia” da testi di Grazia Deledda; “Cristolu, storia di un frate bandito” dall’omonimo libro di Salvatore Niffoi; “Bachisio Spanu, l’epopea di un contadino sardo alla guerra” testo originale sulla Grande Guerra, raccontata da un contadino-pastore.:

Antonio Gramsci (in un mio ritratto a china)

 Non poteva dunque mancare all’interno di questo percorso, il grande pensatore di Ales Antonio Gramsci, che rimane attualmente uno degli autori più conosciuti e studiati al mondo dopo Dante. E’ incredibile la ricchezza di testi che A. Gramsci ci ha lasciato, e diventa oltremodo difficile, anzi impossibile, poterli abbracciare tutti in un solo progetto teatrale. Ci limitiamo dunque in questa nostra proposta alle lettere dal carcere e alla bellissima biografia della sua vita scritta dal giornalista e scrittore sardo Peppino Fiori.

Il tentativo è di raccontare il grande pensatore sardo nella sua dimensione privata di figlio padre e marito, affidandosi in particolare alle lettere dal carcere e alla biografia di Peppino Fiori .

Nonostante la dimensione intima delle lettere, diventate ormai un classico della letteratura italiana, tanto per popolarità, quanto per unanime giudizio critico, Gramsci non potrà mai essere interpretato disgiunto dalla sua militanza politica. Militanza per la quale ha sacrificato, fino in fondo e con lucida consapevolezza, la sua vita. Tutto naturalmente sullo sfondo dei tragici avvenimenti italiani seguiti all’avvento del fascismo.

Lo spettacolo è sostenuto ed arricchito da alcuni stralci filmici relativi a quel periodo storico.

Ha scritto Benedetto Croce all’indomani della prima uscita editoriale delle Lettere: “L’opera di Gramsci appartiene anche a chi è di altro od opposto partito politico”.

(DA: comunicato Bocheteatro-22 Gennaio 2016)

LAORE-SUT BARONIA: Incontro Dorgali su finanziamenti imprese agricole

di , 22 Gennaio 2016 12:52

(DA: comunicato Laore sede di Orosei-21 Gennaio 2016)

CONFINDUSTRIA SARDEGNA CENTRALE: Nuoro-22 gennaio 2016, nuovo appuntamento “Mosaico”

di , 21 Gennaio 2016 21:05

NUORO: venerdì 22 gennaio 2016

“Nuovo appuntamento MOSAICO”

c/o sala convegni Confindustria

Via Veneto-ore 9.30

“Non c’è più tempo:

recuperiamo i territori dimenticati”.

Zone interne, Piano di rilancio, Energia, PFSL, infrastrutture, decentramento, aree industriali”

L’obiettivo del prossimo MOSAICO è di fare il punto sui tanti fronti aperti con cui il nostro territorio sarà chiamato a confrontarsi nei prossimi mesi.

Per la Sardegna centrale infatti il 2016 sarà un anno decisivo, fondamentale per capire in quali scenari ci muoveremo in futuro.

La sfida che si apre nei prossimi mesi è determinante per riportare in primo piano la Sardegna centrale che – anche a seguito delle riforme avviate sia a livello nazionale sia a livello locale – rischia una progressiva marginalizzazione.

Al convegno interverranno il Capo di Gabinetto della Presidenza della Regione Filippo Spanu, il consulente della Presidenza della Regione Gianluca Serra, i sindaci dei Comuni di Nuoro Andrea Soddu, di Macomer Antonio Onorato Succu, e di Siniscola Rocco Celentano, il presidente della Camera di commercio di Nuoro Agostino Cicalò e il presidente della nostra Associazione Roberto Bornioli.

(DA: comunicato Confindustria Sardegna Centrale-19 Gennaio 2016)

COMUNE DI NUORO:Contributi alle Società Sportive anno 2015.

di , 20 Gennaio 2016 19:06

COMUNE DI NUORO

Settore Attività Educative, Culturali e Sviluppo Economico

Servizio Sport

Contributi alle Società Sportive anno 2015.

A partire dal 20/01/2016 le Società Sportive, iscritte all’Albo Comunale e regolarmente affiliate alle Federazioni Sportive o Enti di Promozione Sportiva, interessate a beneficiare dei contributi per:

a) LL.RR. 25/93 e 17/99 – Attività ordinaria ufficiale svolta nel 2014/2015;

b) LL.RR. 25/93 e 17/99 – Organizzazione di manifestazioni sportive a livello regionale, provinciale e locale – Anno 2015.

La relativa modulistica sarà disponibile presso il Servizio Sport del Comune di Nuoro, dalle ore 11.00 alle ore 13.00 (escluso il sabato) o scaricarla direttamente dal sito Internet dell’Amministrazione www.comune.nuoro.it

Il termine di scadenza per la presentazione delle domande è il 20/02/2016.

Distinti saluti

Il Dirigente

f.to Dr.ssa Maria Lucia Malandrino

L’Istruttore: Mariano Mura-

Per informazioni: Uff. Sport:Tel 0784/216715-Fax 0784/216721

Email: mariano.mura@comune.nuoro.it

(DA: comunicato Comune di Nuoro-20 Gennaio 2016)

OROSEI:Sabato 23 gennaio prossimo la onlus MM festeggia i suoi primi 10 anni

di , 19 Gennaio 2016 18:01

La onlus MM festeggia

i suoi primi 10 anni

Sabato prossimo, a Orosei, grande festa nella sede della cooperativa convenzionata col 118.

Dieci anni di intenso lavoro e sacrificio. È questo l’importante traguardo raggiunto il 15 dicembre dell’anno appena trascorso dalla cooperativa MM Soccorso Onlus di Orosei, convenzionata con il 118.

Più di 5.000 gli interventi compiuti negli anni di servizio, tra cui 1192 in codice rosso e 605 Rendez-Vous ossia gli interventi coadiuvati con l’ambulanza medicalizzata o l’elicottero. Una cooperativa formata da dipendenti e volontari qualificati, muniti di tutti gli attestati previsti per legge, impegnata anche in assistenze durante le manifestazioni pubbliche e nei servizi di trasporto fuori sistema, come le dimissioni ospedaliere.

Una delle ambulanze del MM di Orosei in un intervento del 2015 (foto m.camedda)

Per tanti anni la cooperativa ha avuto sistemazioni precarie in locali d’affitto poi, nel 2012, finalmente il trasferimento nei locali della cittadella sanitaria dell’Asl, a Sant’Antonio.

«Voglio ringraziare particolarmente tutti i dipendenti e i volontari che hanno permesso che questa cooperativa potesse continuare a prestare il suo servizio alla comunità di Orosei e di tutti i paesi limitrofi» ha detto emozionato il presidente della cooperativa Marco Dessena. Che ha voluto ringraziare pubblicamente chi li aiuta a prestare un servizio essenziale per la comunità. «Un ringraziamento va a GV Marbles, Bonfigli e Marmi Elena che mensilmente ci offrono un importante aiuto senza il quale sarebbe difficile andare avanti in questo periodo. Grazie anche al Comune, all’Asl e alla cooperativa di soccorso di Bolotana Ellemme, sempre vicina per ogni esigenza».

«Siamo una onlus, per questo chiunque può aiutarci anche destinando il suo 5xmille alla nostra associazione, un gesto semplice ma per noi importantissimo – prosegue il presidente ricordando il codice fiscale della MM Soccorso 93031970911 – Entro quest’anno la cooperativa dovrà, a causa delle direttive regionali vigenti, sostituire una delle ambulanze attrezzate. Si tratta di una spesa importante, di circa 70.000 euro, sicuramente non semplice da gestire per la sola cooperativa».

Per festeggiare i primi 10 anni di attività i dipendenti hanno organizzato un rinfresco aperto a tutta la comunità. L’appuntamento è per il prossimo sabato alle ore 16 nei locali della sede della cooperativa, alla presenza delle autorità e delle forze pubbliche.

«Invitiamo tutta la popolazione a partecipare numerosa e ringrazio tutti i privati che si sono fatti avanti in questi giorni con donazioni e offerte per contribuire a organizzare il rinfresco» conclude Marco Dessena annunciando che sono in fase di elaborazione due importanti iniziative solidali dedicate alla comunità di Orosei.

(DA: La Nuova Sardegna-Cecilia Fontanesi-17 Gennaio 2016)

AVIS NAZIONALE: Sangue sicuro, in Italia è una certezza

di , 19 Gennaio 2016 17:56

SANGUE SICURO,

IN ITALIA E’ UNA CERTEZZA

In riferimento alla sentenza della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo del 14 Gennaio 2016 sui ricorsi di pazienti italiani che hanno sviluppato infezione da HIV, virus dell’epatite B e virus dell’epatite C a seguito di trasfusione di emocomponenti infetti tra gli anni 70’ e 90’ ed in risposta alle dichiarazioni apparse oggi su alcune agenzie di stampa e quotidiani nazionali, il Centro Nazionale Sangue, organo tecnico del Ministero della Salute e Autorità Competente con funzioni di coordinamento e controllo tecnico-scientifico del sistema trasfusionale nazionale, precisa quanto segue:

In Italia il grado di sicurezza degli emocomponenti e dei farmaci derivati del plasma rispetto al rischio di trasmissione di agenti infettivi noti (HIV, virus dell’epatite B, virus dell’epatite C) ha raggiunto, da molti anni, livelli estremamente elevati.

Tale livello di sicurezza è garantito da un sistema basato sulla donazione volontaria, periodica, anonima, responsabile e non remunerata, dall’utilizzo per la qualificazione biologica di test di laboratorio altamente sensibili e da un’accurata selezione medica dei donatori di sangue, volta a escludere i soggetti che per ragioni cliniche o comportamentali sono a rischio.

In virtù dei suddetti interventi, il rischio residuo di contrarre un’infezione a seguito di una trasfusione di sangue è prossimo allo zero, come ampiamente dimostrato dal sistema di sorveglianza nazionale coordinato dal Centro Nazionale Sangue.

Ad oggi, infatti, questo rischio è stimato in: 1,6 casi per milione di donazioni per l’epatite B, 0,1 casi per milione di donazioni per l’epatite C e 0,8 casi per milione di donazioni per l’HIV. A fronte di più di 3 milioni di emocomponenti trasfusi ogni anno (8.349 emocomponenti trasfusi ogni giorno), da oltre dieci anni in Italia non sono state segnalate infezioni post-trasfusionali da HIV, virus dell’epatite B e virus dell’epatite C.

“Le Associazioni di volontariato del sangue – commenta Vincenzo Saturni, coordinatore pro tempore CIVIS (Coordinamento interassociativo volontariato italiano sangue) e presidente AVIS – sono impegnate da anni, in stretta collaborazione con le istituzioni sanitarie – tra cui il CNS – e i tecnici del mondo trasfusionale, a garantire la massima sicurezza e qualità del processo di donazione del sangue, per tutelare nel migliore dei modi il CITTADINO ricevente e il donatore stesso. I dati presentati dal CNS confermano gli importanti passi avanti compiuti dall’Italia in tema di qualità e sicurezza, allineandoci agli standard dei Paesi più evoluti in ambito sanitario/trasfusionale. Il volontariato del sangue, inoltre, è impegnato ogni giorno nella fondamentale promozione di stili di vita sani tra i donatori volontari e associati, al fine di rendere ancora più elevati i livelli di sicurezza. Grazie anche a quest’azione siamo arrivati all’84% di donatori periodici e associati, fattore che ci posiziona ai primissimi posti nel mondo e che rappresenta un ulteriore indicatore di qualità e sicurezza”.

(DA:sito istituzionale Avis Nazionale-15 Gennaio 2015)

ASL3-NUORO:Grande successo per il seminario sull’uso dei defibrillatori

di , 19 Gennaio 2016 12:03

Grande successo per il seminario

sull’uso dei defibrillatori

Ha superato ogni aspettativa il seminario sulla defibrillazione in ambito sportivo, che si è svolto lunedì scorso presso la sala conferenze dell’Ospedale San Francesco.

La dirigenza della ASL di Nuoro, la Dott.ssa Caterina Capillupo, Responsabile del Servizio Formazione aziendale, e il Dott. Gian Franco Gusai, collaboratore dello stesso servizio nonché Responsabile del Centro di formazione IRC (Italian Resuscitation Council), possono dirsi pienamente soddisfatti per la riuscita dell’evento.

L’incontro è stato molto partecipato, visto che erano presenti in sala circa 50 persone, ma – al di là dei numeri – è emersa grande attenzione per l’argomento trattato.

«Nei giorni successivi al seminario – spiega Dott. Gian Franco Gusai, organizzatore dell’evento – siamo stati contattati da parte di addetti ai lavori che erano presenti e volevano avere maggiori informazioni sul nostro progetto, ma anche da parte di persone che non erano presenti al San Francesco e hanno sentito i commenti e i racconti di chi, invece, era presente».

Il progetto della ASL, nato per favorire l’accesso alla formazione di dirigenti, tecnici e atleti, in vista dell’imminente scadenza che impone la presenza di un defibrillatore semiautomatico in tutti le strutture in cui si svolge attività sportiva, utilizza una rimanenza di bilancio, il residuo di un fondo a destinazione vincolata, finalizzato a progetti di promozione della salute.

«Con questi finanziamenti appositamente dedicati – continua Gusai – senza gravare, quindi, sul bilancio della ASL, siamo in grado di garantire 24 corsi, da 18 partecipanti ciascuno ai quali verrà chiesto di contribuire esclusivamente per l’acquisto del manuale ufficiale IRC. Inoltre, la struttura formativa aziendale, attraverso il Centro di Formazione Italian Resuscitation Council, potrà garantire, al fine di soddisfare particolari esigenze di singole Federazioni Sportive o Società e Associazioni, ulteriori corsi ad un costo nettamente inferiore a quello di mercato».

Si tratta, dunque, di un progetto importante, gravoso dal punto dell’impegno, che richiederà, certamente, anche la collaborazione di formatori di altri Centri che eventualmente, vorranno rendersi disponibili.

Per iscriversi ai corsi gli interessati dovranno utilizzare l’apposito modulo che può essere scaricato al seguente link: http://www.aslnuoro.it/documenti/3_16_20131022165050.pdf, mentre, per qualunque informazione, ci si può rivolgere al Dott. Gian Franco Gusai, U.O. Formazione ASL Nuoro, U.O. Formazione, Tel. 0784 240413 – Cell. 3349637882.

Anche in questa occasione la ASL di Nuoro promuove un’iniziativa all’avanguardia, unica e di fondamentale importanza nell’ambito della prevenzione.

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-18 Gennaio 2016)

Panorama Theme by Themocracy

echo '';