Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Archivio per Agosto 2008
Pochi hanno contribuito più di lui a cambiare regole e abitudini della canzone italiana, e a dieci anni di distanza dalla sua morte, avvenuta il 9 settembre del 1998, rimane intatto il mito di Lucio Battisti.
E’ stato grazie alle sue intuizioni che la canzone italiana da hit parade ha scoperto suoni e soluzioni tipiche della musica nera prima e del rock poi. Immagine:Battisti.jpgLa magica simbiosi con i test di Mogol ha permesso poi a questi brani di essere accolti come la traduzione in musica di inquietudini, emozioni, mutamenti sociali, sessuali e di costume dell’epoca.
Sono tanti, da Vasco Rossi a Ligabue fino ai Litfiba i colleghi di generazione ed estrazione diversa che lo considerano un punto di riferimento: fosse solo per la naturale attitudine a cambiare le carte in tavola di quell’imprevedibile gioco della canzone. Restano, naturalmente, le intuizioni creative destinate a sfidare il tempo, di un’artista che se fosse in vita oggi avrebbe 65 anni, era infatti nato il 5 marzo del 1943 a Poggio Bustone, in provincia di Rieti. Nel decennale della sua scomparsa, il ‘mito’ Battisti viene celebrato in diverse manifestazione in tutta Italia, nei numerosi libri che continuano ad uscire su di lui e che vanno ad arricchire la già sterminata bibliografia, ma anche nelle antologie musicali, su Internet e negli speciali tv-
(fonte Ansa.it)
 
EMOZIONI!
Seguir con gli occhi un airone sopra il fiume e poi
ritrovarsi a volare
e sdraiarsi felice sopra l’erba ad ascoltare
un sottile dispiacere
E di notte passare con lo sguardo la collina per scoprire
dove il sole va a dormire
Domandarsi perche’ quando cade la tristezza
in fondo al cuore
come la neve non fa rumore
e guidare come un pazzo a fari spenti nella notte
per vedere
se poi e’ tanto difficile morire
E stringere le mani per fermare
qualcosa che
e’ dentro me
ma nella mente tua non c’e’
Capire tu non puoi
tu chiamale se vuoi
emozioni
tu chiamale se vuoi
emozioni
Uscir dalla brughiera di mattina
dove non si vede ad un passo
per ritrovar se stesso
Parlar del piu’ e del meno con un pescatore
per ore ed ore
per non sentir che dentro qualcosa muore
E ricoprir di terra una piantina verde
sperando possa
nascere un giorno una rosa rossa
E prendere a pugni un uomo solo
perche’ e’ stato un po’ scortese
sapendo che quel che brucia non son le offese
e chiudere gli occhi per fermare
qualcosa che
e’ dentro me
ma nella mente tua non c’e’
Capire tu non puoi
tu chiamale se vuoi
emozioni
tu chiamale se vuoi
emozioni.
 
RICORDIAMO LUCIO CON LE IMMAGINI
http://www.sapere.it/mm/musica/objects/battisti.jpg
 [battisti2.jpg]
Lucio con Mogol nel mitico Tour a cavallo
 http://www.ryo.it/blog/20070929001.png
http://www.provincia.roma.it/UploadImgs/1281_20070326BattistiHome.jpg http://www.ondarock.it/images/monografie/battistiOK_6.jpg
 http://img230.imageshack.us/img230/5403/lbchitarradm4.jpg
Grazie Lucio,
per le emozioni
che ci hai regalato
e ci regalerai sempre
con le tue canzoni
immortali!

Il bambino era stato lasciato tra i rifiuti dalla madre 14enne. La cagnetta l’ha notato e l’ha portato nella cuccia insieme ai sui cuccioli riscaldandolo per tutta la notte e salvandogli la vita.  La mattina la scoperta da parte del padrone che ha avvertito la polizia.
Buenos Aires, 22 ago. – Un cane ha riscaldato col proprio corpo un bimbo, abbandonato alla nascita da una ragazza madre in un sobborgo di Buenos Aires, salvandolalo da una morte che, altrimenti, sarebbe stata certa. La storia di La China (riportata dal quotidiano argentino Clarìn), questo il nome della cagnetta di 8 anni d’età che si è presa cura del neonato, ha toccato il cuore degli argentini, commuovendo l’intero Paese.
Il bebè, nato prematuro da una ragazza di 14 anni, era stato deposto e abbandonato in mezzo ai rifiuti nei pressi di una baraccopoli che sorge alle porte della capitale. Il cane, attirato dal pianto del piccolo, l’ha soccorso, prelevato tenendolo stretto tra i denti e condotto al sicuro nella sua cuccia, distante circa 50 metri.
La China ha quindi fatto spazio al bambino, deponendolo insieme alla sua cucciolata. Trascorsa la notte, il padrone del cane ha sentito le grida e il pianto del bambino, scoprendo che, incredibilmente, insieme ai figli di ‘La China’ c’era anche un cucciolo di uomo.
La polizia, giunta sul posto dopo la chiamata del padr
one della cagnetta, ha fatto sapere che il bimbo, al momento del ritrovamento, aveva soltanto alcune lievi escorazioni ma nessun segno di morso da parte dell’animale. Il piccolo è stato affidato ai servizi sociali, in attesa di prendere una decisione sul suo futuro.
(Fonte:Adnkronos)
COMMENTO:Non credo che sia necessario  commentare una notiza così commovente. Al massimo posso dire che i cani non tradiscono mai gli uomini e si guadagnano ogni giorno la fama  "di migliori amici della razza umana" cosa che , purtroppo, talvolta (se non spesso) non si può dire nel senso contrario! 

Ogni tanto bisogna alleggerire i discorsi e  pubblicare qualcosa che possa far anche …sorridere! La natura qualche volta si diverte a creare delle forme bizzarre e un buon osservatore potrebbe immortalarle con mille immagini! Ma, come poi scrivo sul manifestino quì sotto, queste forme mi fanno anche un pò riflettere e…penso!
Penso che il mondo vivente delle piante qualche volta assomiglia a quello degli uomini che nascono e crescono in modo differenziato come caratteri, indole, capacità e fra di loro (cioè fra di noi) le specie sono tante: Ovvero ci sono i giusti e gli storti (esattamente come questi frutti della foto), i mansueti e i gherrianos (lottatori), i saggi e i fuori di testa, gli onesti e i disonesti, i lavoratori e i mandrones(fannulloni) e… così vi dicendo!
E tutto questo discorso nasce dalla osservazione di queste due innocue pere che hanno la sola colpa di assomigliare a due modi di crescere ed essere diversi. Ma con una sola differenza, come dico quì sotto: Che loro sono così pr natura , mentre  noi uomini una regolatina, quando siamo storti, ce la possiamo anche dare!
..Quando si dice "potenza dell’associazione di idee!"

 

 

continua…

A partire dal 26.Ottobre 2008 per le compagnie tariffe libere anche ai non residenti .  Con queasta nuova continuità territoriale sarà più facile per i passeggeri sardi gestire i bagagli. Già  pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, il decreto del ministro dei Trasporti sull’imposizione degli oneri di pubblico servizio sulle tratte da Alghero, Olbia e Cagliari per Fiumicino e Milano-Linate.

continua…

MILANO – Dai tavolini del bar alla rete. Gli anziani del terzo millennio non si accontentano più della chiacchierata fuori dall’osteria, magari accompagnata da una partita a carte. Complice la solitudine e la difficoltà a muoversi, sempre più spesso i nonni dell’era di internet si aprono sul web il loro blog personale. Ricette, attualità, racconti di vita sono i temi più frequenti sulle pagine dei novelli blogger. Un piccolo esercito senza alcun timore reverenziale verso la generazione di figli e nipoti che con internet vivono ormai in simbiosi. ‘L’eredità di Nedda’, ‘Nonna Bruna’, ‘Fiore d’acciaio’ o ‘Nonno Nino’ sono solo alcuni degli indirizzi over settanta visitati quotidianamente da decine e decine di internauti. Un modo per rimanere in contatto con il mondo, per scambiarsi opinioni, per discutere e, soprattutto, per allontanare il tanto temuto spettro della solitudine. Ma secondo gli specialisti questa non è una risposta efficace: "C’é sì una parvenza di socializzazione ma, in realtà, l’anziano si trova comunque solo, davanti ad uno schermo del pc".(ANSA)

continua…

L’ A.S. "Baronia Basket Irgoli nasce circa due anni fa dalla passione per questo sport di acuni volenterosi e patrocinata dal Comune i Irgoli e che ha coinvolto, oltre alla stessa Irgoli, anche ai vicini paesi di Onifai, Loculi e Galtellì con l’obiettivo di valorizzare questo sport mirando al settore giovanile (ragazzi e ragazze) col chiaro intento prioritario di distogliere i giovani da altre occupazioni meno nobili.

Ha avuto subito un grande successo di iscrizioni e ha incassato l’entusiasmo dei genitori a cui non sembrava vero che i propri bambini e adolescenti potessero dedicarsi ad uno sport peraltro sconosciuto nella nostra Baronia.

continua…

"In Sardegna spendiamo dieci milioni di euro all’anno in promozione turistica e i risultati raggiunti sono ottimi, testimoniati da una crescita a due cifre”. Cosi’ Luisanna Depau l’assessore al Turismo della Regione Sardegna, , commenta con l’ADNKRONOS il servizio del quotidiano il ‘Giornale’, ‘Ecco dove sono finiti i fondi del turismo’, che prende in esame anche gli investimenti delle singole regioni in pubblicita’.http://www.sardegnaoggi.it/vedifoto.php/id-1347.x-250.y-250.ld-dy.jpg

continua…

continua…

continua…

Sigilli anche a un’acqua-scooter! Grazie ad una maxi operazione di venerdì sera nelle spiagge tra Sa Prama- Cala Ginepro e Capo Comino. L’intervento contro il crescente fenomeno dell’occupazione abusiva  degli arenili (li lascavano anche di notte per poi poterli usare l’inomani) è scattato dopo le ripetute denunce di alcuni bagnanti.
BILANCIO DEL BLITZ:Una moto d’acqua, 140 ombrelloni, 30 sdraio e venti materassini messi sotto sequestro. È questo il bilancio del blitz contro il fenomeno dell’occupazione abusiva degli arenili compiuto venerdì sera dalla Guardia Costiera lungo il litorale di Orosei. In collaborazione con i vigili urbani e i carabinieri del paese, gli uomini dell’ufficio marittimo di La Caletta si sono presentati all’imbrunire nella spiaggia di Sa Prama, nel tratto di costa che va da Cala Ginepro fino a Cala Liberotto, per liberare la spiaggia dai numerosi oggetti lasciati davanti al bagnasciuga dai villegianti.
SPIAGGE LIBERE
L’operazione – denominata Spiagge libere e sicure – è scattata dopo una serie di denunce presentate da privati cittadini stanchi di vedere la spiaggia perennemente occupata da ombrelloni e altri oggetti. Il materiale messo sotto sequestro veniva infatti lasciato giorno e notte sulla spiaggia, in violazione dell’ordinanza di balneazione emanata dalla Regione che impone di liberare gli arenili da ogni genere di oggetto a partire dalle 19,30 della sera fino alle 8 del mattino. Normativa evidentemente poco conosciuta da molti dei frequentatori del lido di sa Prama. «Le norme sono chiare – avverte Andrea Ghera, il comandante dell’ufficio marittimo di Siniscola, che ha coordinato l’operazione – le spiagge durante le ore notturne vanno lasciate libere da ogni oggetto. Chi non ottempera a tale ordinanza incappa nelle sanzioni previste per occupazione abusiva di suolo pubblico». La quantità di materiale sequestrata è stata tale da dover utilizzare un camion del comune di Orosei per poterla portare via.
DECINE DI DENUNCE
Nell’ambito dell’operazione durata oltre due ore, sono scattate anche una serie di denunce all’autorità giudiziaria: segnalazioni che, per ora, risultano a carico di ignoti, in quanto al momento dei controlli nessuno ha rivendicato la proprietà degli oggetti sottoposti a sequestro. E probabilmente non accadrà neanche nei prossimi giorni, visto che appare difficile che qualcuno si presenti per riavere indietro ombrelloni, sdraio e materassini. Un’eccezione la potrebbe invece fare il proprietario della moto d’acqua, che pur di riaverla potrebbe anche accettare di farsi notificare la denuncia.
GIRO DI VITE
L’operazione portata a termine venerdì sera è soltanto l’inizio di una serie di controlli che la Guardia Costiera sta programmando per i prossimi giorni. Nel mirino il malcostume di chi non rispetta le norme di sicurezza in mare. Il giro di vite riguarderà l’abbandono di gommoni sulla spiaggia o a mare con gavitelli abusivi, il mancato rispetto della distanza dalla costa con mezzi a motore e, infine, la navigazione all’interno degli specchi d’acqua destinati esclusivamente alla balneazione.
(fonte Unione Sarda del 24.08.3008)
…Cosa ne pensate?

continua…

L’Assessorato regionale del Turismo ha stanziato 38 milioni di euro per le imprese del settore turistico e ricettivo. E’ stato pubblicato il bando “Pacchetti Integrati di Agevolazioni (PIA) Turismo e "Posadas”.
La scadenza è fissata per il 14 ottobre e le domande potranno essere presentate a partire dal 1 settembre.
Possono partecipare al bando imprese singole o associate. Diverse le novità dei PIA sul turismo che riguardano prima di tutto il progetto “Posadas”.
CAGLIARI - Con una dotazione finanziaria di 15 milioni sui 38 totali Posadas si propone come un programma d’intervento per favorire iniziative integrate di ospitalità attraverso il recupero di edifici storici, di pregio o in linea con il Piano paesaggistico regionale. Il bando PIA Turismo e Posadas propone una modalità integrata per l’accesso alle agevolazioni da parte delle imprese. Con una sola domanda, da compilare on-line, le imprese possono richiedere il finanziamento degli investimenti produttivi, dell’innovazione aziendale, dei servizi reali e della formazione.
<!– if (!document.phpAds_used) document.phpAds_used = ','; phpAds_random = new String (Math.random()); phpAds_random = phpAds_random.substring(2,11); document.write ("”); //–>
Il bando prevede la modifica della soglia di punti portata da 60 a 35 per l’accesso all’agevolazione e l’innalzamento del valore degli investimenti ammissibili ad agevolazione, la semplificazione delle fasi, modalita’ e tempi di istruttoria e l’innalzamento della tempistica per la realizzazione delle iniziative.
Per le informazioni e i chiarimenti tecnici la regione ha attivato un numero verde (800.800.488) e un indirizzo di posta elettronica:
(tur.pibandi@regione.sardegna.it).
(fonte:Sardegna Oggi)
La pineta di "Su Barone" (oggi 20 agosto 2008) sembra una cartolina nonostante l’assalto dei turisti e grazie all’introduzione dei tanto contestati ticket che anno restituito dignità a questa località riportata all’antica dignità e bellezza.
(Le foto con vista della zona retrodunale con stagno di Avallè-Su Petrosu e spiaggia sono mie).
Nell’agosto del 2007:
la pinea era invasa da cumuli di spazzatura maleodoranti dappertutto, i cespugli trasformati in latrine a cielo aperto, migliaia di campeggiatori abusivi con frigoriferi, televisori, fornetti a microonde etc etc. alimentati da generatori di corrente a benzina pericolosamente sistemati sotto le pinete.
Su Barone un anno dopo:
una cartolina di splendida natura incontaminata. Spiagge e pinete sono finalmente riportate alla loro lussureggiante bellezza.
Il tanto vituperato ticket funziona. I bagnanti non mancano, neanche nei giorni feriali, la media è di tre, quattrocento vetture al giorno con picchi di un migliaio nel ponte ferragostano e nei fine settimana.
Le roventi polemiche dei primi giorni di entrata in funzione del servizio di ingresso a pagamento del litorale, lasciano ora spazio a ragionamenti più pacati sia tra i residenti che tra i forestieri.
Miglioramenti all’iniziativa sono sicuramente perfettibili, anzi assolutamente necessari, ma il degrado di uno dei siti più belli e più sensibili di tutto il litorale oroseino sembra scongiurato.
L’assalto indiscriminato alle pinete e lo scempio ambientale del delicato habitat retrodunale è stato arrestato.

Molto ha influito certo l’istituzione del ticket d’ingresso per vetture e moticicli: un naturale contingentamento che ha dirottato migliaia di bagnanti occasionali verso altri lidi, ma molto hanno influito anche la ripetute operazioni di controllo e sgombero contro il fenomeno del campeggio abusivo portate a termine tra luglio e agosto dalla polizia municipale, dai carabinieri, dalla guardia forestale e dalla compagnia barracellare.
Qualche aficionado del free camping al principio ha storto il naso, ma poi gli evidenti risultati ambientali ottenuti hanno convinto anche i più ostinati.
Certamente è giusto anche dire che, a partire dalla prossima stagione si potrà (dovrà) solo migliorare.Dotare il litorale di sevizi igienici è la priorità assoluta, ma la pineta e la spiaggia di Su barone meritano di essere attrezzate e dotate anche di tutti gli altri servizi compatibili con lo sfruttamento ecosostenibile del territorio.
I guai e le polemiche di questo inizio estate si sarebbero potute evitare agendo con maggior tempismo e con migliore comunicazione. Ma gli errori fanno parte di chi opera e, alle persone intelligenti, servono per fare esperienza. Ma le polemiche pian piano stanno già lasciando spazio a considerazioni sempre più positive in quanto sono i fatti che contano.
Chi mai comincia a camminare , mai arriva e…non si può che migliorare!
Questo luogo incantevole sarà sempre meta di tantissimi "benvenuti" villeggianti che non potranno che apprezzare di viverlo con dignità e civiltà e non in un affollamento disordinato che questi "benedetti " TICKET hanno già sicuramente cancellato!
(Elaborazione da un’articolo della Nuova Sardegna del 20.08.2008)

La regione Sardegna si posiziona al primo posto della classifica nazionale relativa alle richieste di affitto per case vacanza di Casa.it, portale immobiliare leader in Italia che aggrega l�offerta di più di 7.000 agenzie immobiliari distribuite sul territorio nazionale.

continua…

L’alieno-nauta Michael Phelps, il mostro-squalo del nuoto americano supera il record di Spitz vincendo 8 medaglie d’oro con gli Stati Uniti: "Grazie ai miei compagni".

continua…

Il trapianto di organi tra cristiani e musulmani non e’ possibile. Lo ha stabilito il Sindacato dei Medici egiziano con una direttiva che ha sollevato polemiche e tensioni tra la comunita’ islamica e i cristiani di religione copta.http://www.ausl.fo.it/Portals/0/Eventi/2008/CosmaDamiano.JPG

continua…

Nel numero del 15.08.2008 ha dedicato due pagine di elogi , quale eroe buono e onesto, ai sessant’anni di Tex Willer leggendario personaggio dei fumetti creato da Gian Luigi Bonelli e disegnato da Alessio Galeppini (Galep).
é oggi tornato a stupire i suoi lettoriCon un nuovo colpo a sorpresa del suo direttore Gian Maria Vian, in prima, il giornale del Papa pubblica addirittura la riproduzione della copertina dell’albo speciale di settembre che raffigura il famoso cow boy abbracciato ad una giovane donna indiana.
E sottolinea che Tex "conserva forte attualità nella sua veste di perenne difensore della giustizia, tra uomini diversi per razza, cultura e costumi". In un ampio articolo dedicato alla figura del ranger texano con la camicia gialla, protagonista ormai di oltre 600 avventure, il giornalista Roberto Genovesi ricostruisce la nascita del personaggio a fumetti, arrivato nelle edicole dopo la fine della seconda guerra mondiale,http://recensendo.files.wordpress.com/2008/03/texwiller.jpg quando un popolo italiano "stremato da un conflitto devastante dal punto di vista del sacrificio di vite umane ma anche sul piano morale" accoglie di buon grado "un giustiziere americano dalle idee chiare, capace di distinguere, ‘senza se e senza ma’, il buono dal cattivo".
E’ per questo, scrive l’Osservatore, che "Tex si dimostra subito un eroe interclassista. Piace agli operai, agli studenti, agli intellettuali e ai politici". Eppure, osserva il quotidiano della Santa Sede, Tex "non ha un carattere dalle mille sfaccettature, non ha una psicologia complessa e le sue azioni sono spesso dettate da scelte nette".
Quel che conta, però, è che Tex è un "esempio di rettitudine morale, di fedeltà coniugale e di amore paterno", oltre che "portatore di comportamenti irreprensibili dettati da valori non negoziabili".
Nelle storie di Tex Willer "il bene è sempre chiaramente distinguibile dal male e non vi sono mai strade alternative a quelle buone e giuste per raggiungere l’obiettivo finale".
Per l’Osservatore Romano
c’é poi un altro aspetto ‘profetico’ di Tex:http://www.fumettisland.com/images/tex1.jpg
"Egli è infatti il primo eroe dei fumetti che, in tempi non sospetti, si prodiga con i fatti per sdoganare un’idea nuova e molto più vicina alla realtà dei nativi d’America. Gli indiani, nelle storie a fumetti di Tex, non vengono quasi mai dipinti come macchiette".
Tex, insieme ai suoi amici fidati, tutti esponenti di "culture di minoranza", è dunque un "simbolo vivente della condivisione tra due culture con un’apertura mentale davvero anticipatrice".
Tutte buone ragioni per elogiare il cowboy più famoso del fumetto italiano, che evidentemente in Vaticano, tra tonache e ‘segrete stanze’, può contare su estimatori fidati e inaspettati, pronti a scommettere su di lui.
I SUOI PARDS
Kit CarsonKit Carson (che, per altro, è più bonario e meno cinico!). Il pizzetto e i capelli grigi (gli indiani lo chiamano Capelli d’Argento) non devono ingannare: Carson è ancora abilissimo a sparare, agile e veloce. Sono memorabili i suoi brillanti dialoghi con Tex, che gli dà del "vecchio cammello" Tiger Jacke ironizza sulla sua non più verde età. Grande estimatore del gentil sesso, ha avuto in passato una importante storia d’amore con la bella Lena, la donna di Raymond Clemmons, il capo della Banda degli Innocenti. È il migliore amico di Tex.
Tiger Jack è un indiano navajo, fedele amico di Tex. È abilissimo aKit Willer sparare, a seguire le piste, a usare il tomahawk. Ha capacità incredibili di resistenza alla fatica e alle più aspre avversità climatiche. Taniah, il suo grande amore, è stata uccisa da un criminale messicano, don Liborio Torres.
Kit Willer figlio di Tex,ricorda molto il padre. Sa sparare e cavalcare benissimo, ma soffre un po’ la presenza di un genitore così ingombrante (Kit è in gamba, ma non sarà mai come il padre). Gli indiani lo chiamano Piccolo Falco.

Tex come Aquila della Notte
(Capo dei Navajos)

continua…

E’ morto il 9 agosto negli Stati Uniti, all’età di 67 anni, il poeta plestinese Mahmoud Darwish. Era uno dei più grandi poeti contemporanei in lingua a raba, con una produzione segnata dai drammi dell’esilio e dell’occupazione vissuta dal popolo palestinese. Darwish avava acquisito notorietà internazionale con circa trenta oper tra poesie, liriche e saggi, tradotte in quaranta lingue.

continua…

 

continua…

SI RIPETE L’APPUNTAMENTO CON IL TORNEO DI BEACH SOCCER ORGANIZZATO DAL BEACH SOCCER OROSEI E DEDICATO A MASSIMILIANO TODDE UN CARO AMICO (E NON SOLO DEGLI ORGANIZZATORI) SCOMPARSO OTTO ANNI FA IN UN INCIDENTE STRADALE!

 

continua…

Sembrava impossibile superare il successo della Notte Bianca 2007, la prima ad Orosei, in cui tutti e organizzatori compresi restarono esterrefatti dalla mole di gente che si è riversata vociante e festosa per le strade tutta la notte! invece no!

La NOTTE BIANCA 2008 ha superato ogni aspettativa con la presenza valutata fra le settemila e novemila persone in giro per il centro storico e Via del Mare chiusi per l’occasione al traffico e vigilate in modo perfetto dalla Efficiente Polizia Municipale di Orosei.

continua…


L’angelica voce non apparteneva a Lin Miaoke, 9 anni ma a Yang Piyi, più giovane di due anni che aveva questa voce divina ma una dentatura irregolare;quindi non presentabile(?).

PECHINO – Ha soltanto mimato le parole della sua canzone patriottica la bimba cinese che, fasciata in un elegante abitino rosso, durante la cerimonia d’inaugurazione dei Giochi Olimpici di Pechino stregò i novantamila spettatori dello stadio nazionale «Nido d’Uccello». Non solo si trattava di un mero play-back, ma non era nemmeno dovuto a lei: l’angelica vocina che risuonò nel maestoso impianto non apparteneva infatti a Lin Miaoke, 9 anni, ma a un’altra bambina. Un’altra piccola «bugia» creata ad arte per l’inaguruazione dopo l’ammissione dei falsi fuochi d’artificio.

NON ERA TELEGENICA – Lo ha dichiarato alla televisione di stato il direttore musicale della cerimonia, Chen Qigang. La piccola era stata selezionata per apparire in pubblico, e si esibì in un momento-chiave dello spettacolo durato oltre tre ore, diventando subito una mini-star internazionale. Peccato che la voce appartenesse invece a Yang Peiyi, più giovane di due anni, faccino paffuto ma dentatura irregolare: dunque assolutamente non abbastanza telegenica per sedurre la platea mondiale. «Abbiamo fatto la scelta giusta per la nazione», ha dichiarato Chen. «L’immagine nell’obiettivo doveva essere impeccabile, espressiva e in linea con il sentimento nazionale. Lin Miaoke aveva queste caratteristiche, ma in termini di voce era Yang Peiyi.

…Ma non ci hanno insegnato che i bambini sono tutti belli e teneri?

 La voglia di perfezionismo artificiale  che ci vuole propinare una faccia della Cina priva di ogni difetto è riuscita a rovinare anche questo concetto in cui NOI crediamo fermamente!

12.08.2008: Legambiente consegnerà domani al Comune di Posada le Cinque Vele, massimo riconoscimento assegnato dalla Guida Blu dell’associazione e del Touring Club Italiano alle località che si sono distinte nella tutela del territorio.
Gli altri due Comuni sardi che hanno ottenuto il riconoscimento sono
Domus de Maria e Baunei.Coste, a Posada le cinque vele
Goletta Verde, presenterà inoltre domani i dati sullo stato di salute delle acque marine delle province di Carbonia- Iglesias, Medio- Campidano, Olbia , Oristano, Nuoro e Sassari, insieme al riepilogo regionale.
Battaglie contro gli ecomostri, lotta agli scarichi illegali e "Bandiere Nere" ai pirati del mare sono gli obiettivi della campagna di monitoraggio del mare e delle coste italiane.
Goletta verde si occupa anche di promozione del territorio, tutela della biodiversità e aree marine protette.

Ubriachi, rumorosi, spesso violenti: i turisti britannici si "fanno riconoscere" all’estero, e il numero di coloro che finiscono in manette ha avuto un vero boom da un anno all’altro, con punte da record in Spagna e Francia.

continua…

 

continua…

La Sardegna è al primo posto della classifica nazionale relativa alle richieste d’affitto per case vacanza di Casa.it, portale immobiliare leader in Italia che aggrega l’offerta di più di 7.000 agenzie immobiliari distribuite sul territorio nazionale.
L'immagine “http://www.case-mare-sardegna.com/img/foto/7.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.Il portale, che ospita una sezione appositamente dedicata alle case vacanze, raccoglie più di 300.000 annunci immobiliari ed è visitato da più di 900.000 Utenti Unici al mese. La Sardegna è al primo posto della classifica nazionale tra regioni delle richieste d’affitto per case
In territorio sardo Olbia è la provincia che ha ricevuto il maggior numero di richieste d’affitto, seguita a ruota da Cagliari e Sassari a pari merito, che hanno visto quasi triplicare le richieste rispetto allo scorso anno.
 
Il trend di crescita della regione Sardegna è confermato dall’andamento su scala nazionale.
I dati di giugno e luglio 2008 rivelano che, rispetto allo stesso periodo nello scorso anno, le richieste per affittare appartamenti e case per la villeggiatura ubicati sul territorio italiano sono triplicate.
Ne risulta altresì avvalorata quella tendenza per cui il web sta assumendo centralità nelle abitudini di prenotazione delle vacanze degli italiani.
Nella top ten delle Regioni, dietro la Sardegna si posizionano Toscana; Puglia; Liguria; Lazio; Sicilia; Emilia Romagna; Veneto; Marche; Abruzzo.
vacanza di Casa.it. Con una domanda più che raddoppiata rispetto allo scorso anno, la Sardegna scalza il primato 2007 della Toscana, che passa in seconda posizione, seguita al terzo dalla Puglia, solo decima lo scorso anno.
(da Sardegna Oggi del 06.08.2008)
S.Lucia di Siniscola
Un lampione appena acceso sul lungomare
si confronta e cerca di nascondere
il sole che sta per tramontare
e che lancia i suoi ultimi raggi
nell’acqua cheta del grande specchio salato
che si increspa in lievissime onde.
Il mare calmo, quasi dormiente
trasforma le punte dei leggeri flutti
in una serie di cristallini
che luccicano svegliando
per un pò anche gli occhi stanchi
di chi si ferma ad ammirarli!

Una "banda" di bambini gioca negli scogli

felici solo come solo loro sanno essere
mentre il mare leggeremente mosso dai loro passi
riflette le loro immagini
…e mentre i bimbi giocano negli scogli alcuni loro genitori
in veste di praticanti canoisti
scorrazzano nel mare azzurro e cristallino
gareggiando fra loro pazzi di gioia!
E per un pò si sentono bambini come i loro figli
…Due barche sonnacchiose aspettano
dondolandosi nel mare calmo della sera
che qualcuno le porti a spasso!
urgentissimo!

 

continua…