Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Archivio per Marzo 2010

Esempio di onestà da parte di un clochard che, dopo aver trovato per terra un portafogli zeppo di banconote, ha deciso di consegnarlo alla polizia.

senzatetto chochard

E’ accaduto a Ivrea. Giuseppe V., 60 anni, ha rinunciato a tenere per sé l’allettante somma di 1.100 euro in contanti: ha preferito recarsi al commissariato. Ha chiesto di parlare con gli agenti, a cui ha consegnato il portafogli. Poi ha fatto ritorno alla sua panchina.

Il 60enne non ha ceduto alla tentazione di fuggire alla sua vita

tra una panchina e un marciapiede della stazione ferroviaria d’Ivrea, nel torinese. Nel portafogli c’erano infatti 1.100 euro in contanti, soldi che avrebbero potuto fare parecchio comodo ad un homeless come lui. Giuseppe V., questo il suo nome, ha invece preferito comportarsi da buon cittadino. Dopo aver consegnato il portafogli alla polizia, ha fatto ritorno alla sua panchina. I poliziotti lo hanno rifocillato e gli hanno promesso che avrebbero rintracciato il proprietario del portafogli.

Così è stato e ora per il clochard è in arrivo una bella ricompensa: l’uomo a cui è stato restituito il denaro ha infatti deciso di premiare la sua onestà.

(Fonte:TGcom)

DRAGUIGNAN (Francia)-Non aveva un accompagnatore in volo e quindi la compagnia Easyjet l’ha lasciata a terra.

disabileE’ successo a una donna 38enne, su sedia a rotelle, che doveva imbarcarsi sul volo Parigi-Nizza. “Mi ero registrata normalmente, avevo un solo bagaglio a mano e a terra ho beneficiato dell’assistenza della compagnia”. Tutto come sempre”, ha raccontato la donna, che ha deciso di denunciare il fatto alla Halde, l’Alta autorità di lotta contro le discriminazioni e per l’uguaglianza.

Ma una volta sull’aereo uno steward l’ha invitata a scendere perché non aveva un accompagnatore

e questo costituiva un pericolo per ragioni di sicurezza. Nonostante un passeggero si sia offerto di svolgere il ruolo di accompagnatore, la donna è stata ricondotta a terra fra i fischi dei passeggeri. “La sicurezza è la priorità di Easyjet e la compagnia non può scendere a compromessi in merito”, si è difesa la compagnia, precisando che “conformemente alla regolamentazione europea è necessario poter evacuare un aereo in 90 secondi”. A Marie-Patricia Hoarau, in sedia a rotella da quando aveva 19 anni a causa di un incidente su mountain-bike, è stato fornito un biglietto gratuito per il volo successivo per Nizza e un passeggero si è offerto di accompagnarla.

(Fonte:Repubblica.it)

Asinara, il boom mediatico della vertenza Vinyls. Gli operai vanno avanti a oltranza

isola_dei_cassintegratiIstantanea di una mattina di febbraio, un mese fa: gli operai sbarcano all’Asinara, visi tesi, mille dubbi ma voglia di combattere, dall’interno di una cella.

Istantanea oggi: facce stanche e abbronzate, sorrisi, un po’ di sano ottimismo. Nessuna illusione, ma anche per un cassintegrato sperare è lecito, se della sua lotta si parla persino in Messico e in Birmania.

Qualche giorno, forse una settimana. Doveva essere una avventura-lampo, quella nella diramazione centrale del carcere dell’Asinara. Invece il reality dei non famosi ha già compiuto un mese, e come in quelli della tivù ci sono le new entry e gli autoeliminati: uno-due giorni a casa dalla famiglia e poi di nuovo lì, con torta di mele e coperte pulite per tutti. Un mese dopo, tra Vinyls ed Eurocoop, gli operai in cella sono ancora una quindicina. Volti storici e facce nuove vanno e vengono per garantire il presidio, orecchie sempre tese a captare i segnali che arrivano dal mondo. Grazie anche a un attivissimo ministro degli Esteri inviato nei salotti televisi di mezza Italia.

vinyls2La trattativa tra Eni e Ramco dovrebbe chiudersi entro la metà d’aprile, la Vinyls sembra destinata a finire in mano agli arabi. Manca poco all’alba, in teoria.

Ma all’Asinara nessuno fa festa,qui si respira la diffidenza tipica di chi ha preso batoste: «Vogliamo sentire gli impianti ronzare – dicono gli operai -, leveremo le tende solo quando ripartiranno le produzioni».

Nel frattempo gli ex non famosi si godono il successo, la popolarità esplosa in questi 30 giorni di semilibertà.

La vertenza Vinyls è rimbalzata veloce dalla torre aragonese all’altro capo del mondo. Dalle croci piantate sul prato verde di Porto Torres alle tv e ai giornali nazionali, ai quasi 80mila sostenitori su Facebook, alle telecamere che si arrampicano curiose nelle curve da Cala Reale per spiare la vita quotidiana dei reclusi. La solidarietà viaggia in parallelo. Ed è quella che si vede nelle buste zeppe di provviste che sbarcano ogni mattina dal traghetto «Sara D», come nella connessione Adsl, regalata da una ditta svelta a capire che l’isolamento, là dove anche i telefoni cellulari squillano a singhiozzo, andava combattuto in fretta.

C’è poi la solidarietà dei gesti simbolici: come la Coppa Italia, trofeo vinto dal Portotorres calcio neo promosso in serie D e ceduto in custodia ai cassintegrati insieme al pallone e alla maglietta con il cuore e gli autografi dei calciatori. Resteranno all’Asinara sino a quando gli operai non rimetteranno piede in fabbrica, questa volta sì, per sempre. «Solo allora – dice il presidente del Portotorres Enrico Piras – ci riporterete la coppa». Pietro il tiranno, quello che alle 6 del mattino butta giù dal sacco a pelo i compagni, quando fuori fa ancora buio e l’aria è fredda, non leva mai gli occhiali perchè un vero capo non può esibire l’emozione.

Dice che è bello essere riusciti vinyls1

«senza violenza, senza spaccare neppure il vetro di una finestra, a toccare il cuore della gente e forse a smuovere le coscienze di chi, poi, ha il potere di decidere».

Pietro Marongiu è il più anziano del gruppo: ha 57 anni, tra poco smetterà di timbrare il cartellino. Sta lì per difendere un principio e sostenere gli altri, i colleghi più giovani che a 40 anni non possono reinventarsi un lavoro. E per i baby operai assunti poco più di due anni fa, quando il Petrolchimico aveva ancora voglia di crescere. Come Claudio Delogu, 23 anni e occhi azzurri come il cielo. O Giuseppe Canu che di anni ne ha 25 e della storia della chimica sa tutto perchè l’ha studiata sui libri. Dopo pranzo, dopo avere mangiato la carne cucinata nella mensa di Fiumesanto (altri operai), Claudio e Giuseppe spiegano che fino a poco tempo fa erano convinti di avere fatto Bingo: «Un lavoro sicuro, stipendio puntuale e una certezza: la qualità della produzione. Perchè qui con il Pvc siamo una forza.

Il mercato c’è, abbiamo macchinari che tutti ci invidiano.

Lo dimostra il fatto che quando noi ci siamo fermati, le produzioni si sono spostate in Germania». Una storia già vista da Quirico Desole, 54 anni, sposato, due figlie, cassintegrato della Eurocoop, sorte legata a doppio filo con quelle della Vinyls. «Ho iniziato nel 1976 – racconta – ho vissuto la fase del boom, quando il Petrolchimico dava lavoro a 15mila operai. E sono stato testimone del declino, che inizia piano, con la chiusura di un impianto, poi un altro e un altro ancora.

Ho visto vendere alla Cina la migliore fibra acrilica in Europa. Sperimentata e prodotta qui, poi svenduta». E in questo scenario non bastano per rasserenare gli animi le parole dei pensionati, quelli che nell’area industriale hanno lavorato per una vita e oggi dicono: «Il Petrolchimico non chiuderà mai». Se lo sente ripetere ogni giorno Giuliano Chessa, 33 anni, sposato, una bimba piccola e una strana coincidenza: abita in un palazzo a Porto Torres popolato dal primo all’ultimo piano da vecchi inquilini della zona industriale. C’è anche Gianmario Sanna, 31 anni, di Siligo, sposato con Mariella, precaria, una bambina di 4 anni. Dice che «la protesta è stata utile, perchè l’attenzione dei media non lascia indifferenti. Ma staremo attenti a non cadere nei giochetti della politica, nelle promesse elettorali».

OROSEI:«Acqua, si muova Cappellacci» Mozione di 37 consiglieri regionali per la Valle del CedrinoLo diranno al governatore Cappellacci e alla giunta regionale, attesi martedì sull’isola: nessuna «caramellina», si va via da qui solo per infilarsi di nuovo la tuta blu.

(fonte:La Nuova-SILVIA SANNA)

foto della torre di:Bainzu. Le altre :da internet

Le  puntuali cronache sui risultati dello sport baroniese...dell'amico "SPORT"!

CALCIO: E’ ufficialmente crisi nera per la Fanum Orosei

con la sconfitta sul sintetico di Irgoli per 1a 3 dall’Ovodda e ora vede incombere gli spettri della retrocessione. LA FANUM-OROSEI perde (FUORI CASA)  per 3-4 CON LA BRUNELLESE.Un finale di campionato inspiegabile per la formazione del tecnico oroseino Giangia Pira che ora non puo’ piu’ sbagliare, a iniziare dal recupero di Macomer.

Mezzo passo falso in prospettiva play off anche per l’Irgolese che a Burgos non va oltre lo 0 a 0 mentre vincono Union 22 e Posada (che hanno anche partite da recuperare. I ragazzi del tecnico nuorese Michele Pinna ora devono vincere le ultime tre e fare gli scongiuri.Non si e’ disputata per lutto la partita salvezza di Galtelli tra Tuttavista e Supramonte.

NEL VOLLEY

in D femminile sconfitta casalinga senza storia del Marina Resort Orosei con le vice capoliste della Easy Solar Villacidro (14-25,7-25,17-25).

Buona settimana a tutti

SPORT

ELEZIONI  :Il vademecum per il voto del 6 e 7 giugno. Le modalità illustrate dal Viminale.Mancano ormai poche ore all’apertura dei seggi per le elezioni regionali e amministrative che complessivamente interesseranno circa 41 milioni potenziali elettori. Ecco tutte le informazioni essenziali.

DOVE SI VOTA

Tredici le Regioni chiamate a rinnovare governatore, giunte e consigli: Piemonte, Lombardia, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Campania, Puglia, Basilicata e Calabria. Si vota poi in 4 Province – Imperia, Viterbo, L’Aquila e Caserta – e 462 comuni, nove dei quali capoluogo di provincia: Mantova, Lecco, Lodi, Venezia, Macerata, Chieti, Andria, Matera e Vibo Valentia. Seggi aperti domenica 28 marzo, ore 8-22, e lunedì 29 ore 7-15.

GLI ELETTORI

Per le regionali saranno 40.830.521 gli italiani chiamati al voto: 19.666.192 uomini, 21.164.329 donne. Le sezioni saranno 49.862. Complessivamente, considerando una sola volta gli enti interessati da più elezioni, il corpo elettorale di regionali e amministrative è di 41.229.655 di italiani.

LO SCRUTINIO

Per le regionali lo scrutinio inizierà lunedì pomeriggio, subito dopo la chiusura dei seggi e l’accertamento del numero dei votanti. Per provinciali e comunali, invece, lo scrutinio partirà alle 8 di martedì 30 marzo con precedenza alle provinciali, salvo che in Molise e Abruzzo, non interessate alle regionali, dove scrutinio per le amministrative comincerà lunedì.

I BALLOTTAGGI

Nessun ballottaggio per le regionali. Dove sindaco e presidente di Provincia non saranno eletti al primo turno si andrà invece al secondo turno domenica 11 aprile, dalle 8 alle 22, e lunedì 12 aprile, dalle 7 alle 15.

(fonte:Unione Sarda)

SPORT in baronia:l' "Anteprima" di sabato 28 Novembre!volley

Le campionesse provinciali di volley under 16 della Gelateria Smeralda Orosei apriranno questo tardo pomeriggio a Gavoi il fine settimana sportivo della Valle del Cedrino. Le ragazzine terribili del presidente Dessena hanno gia’ vinto matematicamente il titolo di categoria provinciale e fanno presagire un futuro a tinte rosa per la Sirio. Sempre nel volley rinviata al 31/3 alle ore 20 la partita di serie C dell’Antico Borgo Galtelli a Sassari col fanalino di coda Solo Volley, incontro che puo’ rappresentare per i ragazzi del tecnico siniscolese Claudio Coronas la ripartenza alla conquista del quinto posto, ora a quattro lunghezze.

In D femminile altro pomeriggio di gala a Orosei per il Marina Resort (Sirio) che ospita le fortissime villacidresi dell’Easy Solar (via Verdi, h.16). Da stabilire in 1^ div. interprovinciale maschile e femminile gli accoppiamenti finali delle squadre della Vbc Orosei con gli uomini che giocheranno 7/8° posto e le ragazze la poule retrocessione Domenica delle Palme a Jerzu per le ragazze del Volley Irgoli nella poule retrocessione di 2^ div. (h.11).

basketbaronia-basket-irgoli

Per chiudere con gli sport da palestra siamo al basket e al prossimo impegno del Baronia Irgoli che dopo la sconfitta nel palazzetto del Banco Sardegna Sassari avra’ il prossimo turno play off col Cmb Portotorres che sara’ a Irgoli ma con data ancora sconosciuta.

calcio

Domani nel calcio un’altra giornata tLA FANUM-OROSEI perde (FUORI CASA)  per 3-4 CON LA BRUNELLESE.hrilling. In 1^ cat. sul sintetico di Irgoli (h.16) la Fanum Orosei gioca un vero e proprio spareggio salvezza con l’Ovodda, a tanto si e’ arrivati dopo le ultime sconfitte in serie nonostante la presenza in rosa del capocannoniere oniferese Argiolas e di atleti come Lai e Boier. Ma ripetiamo per l’ennesima volta che i ragazzi del tecnico oroseino Giangia Pira hanno una qualità che mesi fa li faceva primeggiare, a loro la risposta sul campo.

Chi deve andare a punti per stare nei play off e’ l’Irgolese che domani a Burgos deve vincere e sperare in passi falsi di Union 22 e Posada mentre il Tuttavista ha la partita sicurezza in casa col fanalino di coda Supramonte e a Galtelli ,come a Orosei, non si puo’ assolutamente steccare.

tonino-gonanumaratona di Romafrancesco-frau

Complimenti anche da parte nostra agli amatori-podisti oroseini Tonino Gonanu e Francesco Frau, reduci dalla Maratona di Roma , esempi viventi della maniera piu’ pura di concepire e praticare lo sport.

Buon fine settimana a tutti.

SPORT

rivolta67-3-1Iniziativa di S’Ufitziu de sa limba sarda per ricordare quei giorni I documenti e le fotografie saranno diffusi con una pubblicazione

Negli stessi anni in cui il vento rivoluzionario soffiava impetuoso in tutti gli atenei d’Europa e lo slogan “l’immaginazione al potere” scuoteva le coscienze, per la prima volta nella storia, e sinora a dire il vero anche l’unica, le popolazioni della bassa Baronia davano prova di coesione stringendosi unite per protestare contro una ingiustizia calata dall’alto.

Correva l’anno 1969 e il governo nazionale aveva appena varato il “Piano di Rinascita per il Mezzogiorno”: una cascata di miliardi di lire che avrebbe dovuto segnare lo sviluppo delle aree più disastrate del Meridione ma che, guarda caso, non avrebbe dovuto bagnare le piane della Valle del Cedrino.

rivolta baronia-1969Una decisione che provocò dei veri e propri moti rivoluzionari spontanei

che coinvolsero per mesi tutte le popolazioni dei cinque paesi del circondario (Orosei, Galtellì, Loculi, Onifai e Irgoli) che con sindaci e amministratori in testa scesero in piazza. Furono giornate di grande tensione, con i baschi blu in tenuta antisommossa pronti ad intervenire per impedire atti di vera insurrezione che voci di popolo davano per imminenti. Un tassello di storia che S’Ufitziu de sa limba sarda “Valle del Cedrino” di Irgoli ha deciso di valorizzare promuovendo una raccolta di dati e testimonianze da tradurre poi in una pubblicazione.

Pertanto chiunque sia in possesso di materiale documentale o sia stato diretto testimone di quei moti è pregato di collaborare contattando le coordinatrici dell’ufficio linguistico irgolese presso il Comune.

(Fonte:La Nuova-a.fontanesi)

foto del mio archivio “Ammentos”

Alle ore 02.00 di Domenica

28 Marzo 2010

ora_legale

entrerà in vigore l’ ora legale. Terminerà il periodo di ora solare e come tutti gli anni in coincidenza con il periodo primaverile ed estivo , utilizzeremo l’ ora legale. Si utilizza l’ora legale per ottimizzare e sfruttare al massimo possibile la luce del sole ed economizzare l’uso della energia elettrica.

QUINDI

Alle 02.00 del mattino della domenica 28 marzo dovremo regolare gli orologi spostando in avanti le lancette di un ora , alle ore 03.00, e questa sarà quindi la corretta ora esatta. L’ultima domenica di ottobre, quando terminerà il perido di ora legale ed inizierà il periodo di ora solare, dovremo invece eseguire l’operazione inversa.

Sono: Tonino Gonanu e Francesco Frau

tonino-gonanu che  come amatori hanno già partecipato alla Maratona di Roma (di Km42,195), la più famosa e più  lunga in Italia, arrivando  quest’anno al traguardo con due lusinghieri risultati sui circa 15300 partecipanti composti da uomini e donne e dei quali circa 4000 ritirati prima del limite.

Siamo indubbiamente a pezzi ma felicissimi -affermano (appena rientrati) Tonino e Francesco – considerando che è già un’impresa partecipare, ma siamo appagati già per il fatto di essere arrivati al traguardo  con discreti tempi in questa fatica decisamente piacevole. Siamo amatori e la nostra gioia e fortuna è quella di gareggiare insieme ai professionisti  che partecipano oltre che per la passione anche per i ricchi premi a disposizione.francesco-frau

“Ho tentato di superare il mio record- afferma Tonino Gonanu- ma non ce l’ho fatta ma ci ritenterò. Ora ci aspettano tante gare in Sardegna dove cercheremo di partecipare come  facciamo ogni anno”.

Per la cronaca la Maratona di Roma

è stata vinta dall’etiope  Siraj Gena (che è arrivato scalzo) e ad aspettarlo c’era anche Yetnayet Abebe Bikila, figlio del campione olimpico del 1960, a cui era dedicata la Maratona di Roma di quest’anno.

Complimenti a

Tonino e Francesco a cui auguriamo di raggiungere sempre migliori risultati anche se ogni volta che partecipano un grande risultato lo ottengono:quello di dare un grande esempio di sportività sopratutto se si considera che lo fanno a livello amatoriale e allenandosi ogni giorno (dopo il lavoro).

marco camedda

Domenica 28 marzo si terrà ad Orosei, nell’Aula del Consiglio Comunale, la 42a Assemblea Provinciale dell’AVIS (Associazione Volontari Italiani del Sangue)

congresso avis a cui parteciperanno il Vice- Presidente Nazionale dell’AVISRina Latu, sarda di Bitti, il presidente provinciale Pier Luigi Barigazzi e i componenti del Direttivo Provinciale, i Presidenti e delegati delle ventitrè sedi Comunali rina latudella Provincia di Nuoro che ogni anno in questo periodo celebrano questo incontro per espletare una serie di adempimenti amministrativi e operativi quali approvazione del Bilancio Consuntivo e Preventivo 2010, nomina dei delegati alle Assemblee Regionale e Nazionale, la proposta di modifica dello Statuto Regionale;la proposta di candidatura per i Probiviri Regionali; la nomina capo delegazione Assemblea Regionale ed altre varie.

Alla fine dei lavori seguirà il pranzo presso l’Hotel Ristorante Marina Beach, in Via del Mare a Orosei dove Giampaolo Piredda noto organettista e una coppia di ballo in costume tradizionale allieteranno i commensali.

Sono stati invitati all’assembea le massime autorità amministrative, religiose e militari del paese e immancabilmente tutti i soci.

Il Direttivo AVIS di Orosei, esprimendo con convinzione anche i sentimenti dei soci  e socie e delle suddette autorità ringrazia vivamente il Direttivo Provinciale per questa scelta  (è la seconda volta) che onora tutto il paese.

marco camedda


I SIGNORI DEL VENTO HANNO PERSO LA TRAMONTANA!

PARCO EOLICO in mare a "Is Arenas":Il verdetto di  Cappellacci "non toccate quel paradiso"!

La società Trevi Energy ha ritirato questa mattina il progetto dell’eolico sul Golfo di Cagliari. Lo ha comunicato il Comandante della Capitaneria di Porto di Cagliari, Giuseppe Mastroianni, al deputato Mauro Pili (Pdl) che ieri aveva denunciato il mancato ritiro del progetto

“Undici giorni dopo l’annuncio e a 24 ore dall’ennesima denuncia pubblica – ha spiegato Pili – la Trevi Energy ha consegnato stamane alle 9:45 una lettera non originale ma in copia alla Capitaneria di porto con la quale annuncia il ritiro del progetto di pale eoliche nel golfo di Cagliari”. “La tempistica e le modalità di rinuncia al progetto sono davanti agli occhi di tutti e si commentano da sole – ha aggiunto Pili – ma ora possiamo dire che dopo l’ennesima denuncia pubblica la Trevi Energy non ha potuto far a meno di comunicare la rinuncia.

La Capitaneria sospenderà immediatamente tutte le procedure in corso. Il progetto sul Golfo di Cagliari è archiviato definitivamente. Resta, però, aperta la questione fondamentale, quella relativa alle competenze della Regione che deve ripristinare la propria potestà sulla materia del paesaggio perché non si corrano più questo tipo di rischi che ancora esistono, per esempio, per la costa di Oristano”.

(Fonte:UNIONE SARDA.it-26 marzo 2020)

foto generica: da internet

Terzo appuntamento della rassegna “Jeo ‘ippo Jeo so’”, venerdì 26 marzo, inizio 18, 30 nella biblioteca mamoiada mamuthonecomunale. Natalino Piras, ideatore e coordinatore della rassegna, intervisterà Salvatorina Atzeni sulla figura del padre, Costantino, che di sé diceva: “Io sono nato squadrato per fare il Mamuthone”. E pure: “Sono nato Mamuthone e muoio Mamuthone”. Cioè la maschera per antonomasia del carnevale di Mamoiada che inizia il 16 gennaio con i fuochi della vigilia di Sant’Antonio e ha culmine il martedì grasso, l’ultimo giorno de su harrasehare. Un evento passato da locale a globale grazie anche all’idea e al lavoro, al generoso impegno, una intera vita lunga 70 anni, di Costantino Atzeni. Nel 2009, a trent’anni dalla morte, è uscito un bel libro, opera delle figlie di Costantino Atzeni, che ha come titolo. Nella copertina c’è una famosa immagine di Franco Pinna che ritrae Costantino Atzeni vestito da Mamuthone, fazzoletto annodato sul cappello e carriga di campanacci ben sistemata, che solleva davanti a sé una maschera da lui stesso costruita.Tutta una storia, in passato e in prospettiva. All’appuntamento di venerdì insieme a Salvatorina Atzeni ci saranno la sorella Pietrina, e, inserto di rappresentazione, un mamuthone e un issohadore del gruppo mamoiadino “Atzeni-Beccoi” di cui è presidente Raffaele Mulas. Verrà pure proiettato un filmato del regista olandese Louis Van Gasteren che di Costantino Atzeni diventò amico.

(comunicato:Comune di Galtellì)

foto elaborata:da internet

«La Regione eviti la privatizzazione dell’acqua e, sul fronte dei rifiuti, crei un sistema di smaltimento efficiente con costi più bassi, a vantaggio dei cittadini contribuenti».

privatizzazione acquaÈ l’appello lanciato dall’Anci Sardegna in occasione dell’assemblea dei sindaci che si è svolta ieri a Cagliari.

L’ACQUA

L’associazione che rappresenta i Comuni dell’Isola dice no alla privatizzazione della risorsa idrica: ipotesi resa possibile dal decreto legge 135/2009 che prevede la cessazione delle gestioni “in house” (come quella di Abbanoa, gestore unico d’ambito) dal 31 dicembre 2011, e il loro passaggio a società private o miste (nelle quali il privato ha una quota del 40%). http://www.alguer.it/img/tore-cherchi11.jpg«Questo determinerebbe un monopolio delle acque», ha ricordato il presidente dell’Anci Tore Cherchi, «lasciando il totale controllo e dominio sulle acque alle società per azioni multinazionali internazionali che per loro natura devono fare affari commerciando prodotti e servizi: l’interesse di un’azienda non sono i principi di solidarietà e le popolazioni, ma gli azionisti e il fatturato». Su questo il rappresentante dell’Anci è irremovibile: «Si capisce che tutto ciò generi aumenti tariffari non controllati e qualità del servizio non sicuramente migliore ed efficiente», ha aggiunto.

LE DEROGHE

ANCI SARDEGNA

Ma la stessa normativa, ricorda l’Anci, prevede delle deroghe: in situazioni eccezionali, quando le peculiari caratteristiche economiche, sociali, ambientali e geomorfologiche del territorio non permettono un efficace e utile ricorso al mercato, l’affidamento può avvenire a favore di una società a capitale interamente pubblico, partecipata dagli enti locali. Ed è questa la strada che l’Anci chiede alla Regione di percorrere.

I COSTI

L’allarme sui rifiuti riguarda invece la crescita dei costi di raccolta e smaltimento, e di conseguenza delle tasse a carico degli utenti: 150 euro pro capite. Inoltre, il riciclo domestico dei rifiuti organici è disincentivato, gli impianti di smaltimento e compostaggio sono insufficienti, mancano procedimenti di evidenza pubblica per individuare gli impianti di smaltimento che aumentano le tariffe più di quanto richiederebbe il tasso d’inflazione.

(Fonte: Unione Sarda-NICOLA PERROTTI)

Brochure_Chita_Santa1

Brochure_Chita_Santa2

Per il terzo anno consecutivo Galtellì investe sui riti della Settimana Santa e sulla Pasquetta per promuovere l’inizio della stagione turistica.

Su un depliant appositamente realizzato dal Comune in collaborazione con tutte le strutture ricettive del paese e il centro commerciale naturale Borgo Ospitale, il paese si mette in mostra. E lo fa puntando sulle suggestive antiche liturgie della sua Chita Santa e presentando un nutrito parterre di opportunità per trascorre sa Paschisedda tra itinerari enogastronomici, naturalisitici, storici e archeologici.

Con una sorpresa:

GALTELLI':Apre al pubblico il castello di Pontes nato all'epoca del giudicato di Gallura .per il ponte pasquale, dopo l’inaugurazione ufficiale avvenuta l’anno scorso, per la prima volta sarà possibile visitare con apposite guide le monumentali rovine del medioevale Castello di Pontes. Un’altra chicca nel già ricco patrimonio di vestigia storiche, architettoniche e religiose del paese. Tesori che Galtellì si appresta a mettere in vetrina. La promozione dell’evento, già avviata questo inverno presso alcune fiere del Continente, sta dando intanto primi segnali incoraggianti con numerose prenotazione arrivate ai vari alberghi diffusi, agriturismo, B&B, ristoranti, bar e pizzerie che aderiscono all’iniziativa.

Gli eventi di maggior spicco sono gli appuntamenti liturgicici della “sa Chita Santa”

cristo del tuttavista

(domenica delle Palme, giovedì e venerdì Santo e la domenica di Pasqua) arricchiti dai canti delle confraternite, ma soprattutto una serie di attrattive predisposte per il Lunedì dell’Angelo. Per la sua Paschisedda, Galtellì rimarrà aperta ai turisti garantendo visite guidate al centro storico, nei principali monumenti musei e chiese ma anche al Monte Tuttavista e appunto al Castello di Pontes. In piazza Parrocchia e nella piazza de sa Prama il centro commerciale naturale Borgo Ospitale allestirà degli stand dove esporre e vendere i prodotti enogastronomici e di artigianato.

Per animare la giornata lo spettacolo teatrale “Cuore, Luogo, Ragione. Quattro profili deleddiani” rappresentato in forma itinerante da Piera Scalzone tra i vicoli dell’antico “borgo di Galte”.

(a destra:La statua bronzea del Cristo in cima al Monte Tuttavista)

(fonte:La Nuova – a.f.)

foto di: marco camedda

================================

PROGRAMMA DEI RITI RELIGIOSI E CIVILI.

pasquetta a galtellì

Chita_Santa1Chita_Santa2Chita_Santa3

Quattro date per la rassegna musicale “La musica nei pensieri e nei luoghi di Grazia Deledda”,

concerti per pianoforte, quartetto d’archi e voci con musiche di Ignazio Pes, patrocinata dalla Provincia, dall’Isre e dai Comuni. Appuntamento a Orani questa sera alle 20,30, nella chiesa di San Giovanni, a Oliena domani alle 20, nella s.nicola-irgolichiesa Santa Maria, a Irgoli , domenica 28, ore 20 nella chiesa di San Nicola e infine a Nuoro , giovedì 1 aprile, ore 20,30 nell’auditorium del museo etnografico.

Il quartetto d’archi è composto dai violini Alessandro Puggioni e Davide Soddu, dalla viola Ivano Lobina e dal violoncello Fabio De Leonardis. Soprano Maria Bonaria Monne, tenore Sandro Pisanu e voce recitante Pj Gambioli.

( fonte:Unione Sarda-m.b.d.g.)

chita_santa

http://www.comune.casalettovaprio.cr.it/public/upload/image/Immagini/eventi%20vita/mensa.jpgPranzo a pane acqua alla mensa scolastica per nove bambini i cui genitori non hanno pagato la retta al Comune. Se i nove piccoli alunni, due italiani e sette stranieri, hanno mangiato qualcosa di piu’ e’ grazie ai loro compagni che hanno diviso il pasto con loro: pasta alla zucca, hamburger, insalata e frutta. E’ successo ieri a Montecchio Maggiore (Vicenza), dove il Comune ha deciso di sospendere la refezione scolastica a chi e’ in arretrato con i pagamenti.

(Fonte:ANSA- 23 MAR)-disegno da internet

===================================

…un mio commento!

Talvolta gli eccessi di applicazione (come in questo caso) di leggi, regolamenti o norme  fa diventare la burocrazia una matrigna disgustosa. Qualunque siano i fatti , i torti o le ragioni, trovo indecoroso che, in alcune società che si dicono civili a pagare in questo modo siano degli incolpevoli bambini!  Sento un profondo disgusto e mi vergogno al posto degli artefici di questa “decisione”, ancora più ingiusta  in quanto perpetrata nei confronti di  dei nostri piccoli figli. Sono convinto che una profonda riflessione da parte di chi ha preso questo provvedimento avrebbe sortito l’effetto di risolvere i problemi in modo dignitoso e civile senza che a pagare in modo così disumano fosse la parte migliore di noi!.

marco camedda

SVOLTA NEGLI STATI UNITI:

dopo oltre un secolo di tentativi andati a vuoto e un anno di negoziati politici, la riforma sanitaria e’ diventata realta’, assicurando un posto nella storia a Barack Obama.

OBAMA 44° PRESIDENTE USA. ''IL MONDO E' CAMBIATO, ORA TOCCA A NOI''

La Camera dei rappresentanti ha adottato il testo nella versione approvata dal Senato il 24 dicembre, con una maggioranza di 219 voti contro 212, tre piu’ dei 216 necessari, nonostante il no compatto dei 178 repubblicani a cui si sono uniti una trentina di democratici.

Questa sera abbiamo superato il peso della politica, mentre tutti gli specialisti sostenevano che questo non sarebbe stato piu’ possibile”, ha commentato entusiasta Obama, “non ci siamo arresi al cinismo, alla sfiducia, alla paura. Abbiamo dimostrato che restiamo un popolo capace di grandi cose”. Per il presidente s’ stata “una risposta alla chiamata della storia”: “Non abbiamo avuto paura del futuro, lo abbiamo modellato”.

La riforma estendera’ i servizi sanitari a 32 milioni di americani

grazie all’allargamento della copertura dei programmi di salute pubblica (Medicare, gia’ ribattezzata Obamacare, finora limitata ai cittadini indigenti) e grazie ai sussidi alle famiglie che non possono acquistare polizze private. Non un welfare all’europea, ma comunque un sistema che permettera’ ai giovani fino a 26 anni di avere la mutua dei genitori e agli anziani di pagare le medicine senza interruzioni. Inoltre non si potra’ piu’ negare o revocare una polizza ai malati cronici e a chi ha problemi di salute preesistenti.

La svolta per arrivare a una riforma di cui si discuteva dalla presidenza di Theodore Roosevelt (1901-1909) e al centro di un acceso scontro politico nell’ultimo anno, e’ stato il compromesso sull’aborto. Infatti e’ stato decisivo il si’ del drappello di democratici anti-abortisti, arrivato dopo aver strappato in extremis alla Casa Bianca un decreto sul bando all’uso di fondi pubblici nelle interruzioni volontarie di gravidanza.

Obama, che ha seguito il voto dalla East Room insieme al suo vice Joe Biden, ha ringraziato la speaker Nancy Pelosi: “Hai fatto quel che nessuno prima di te aveva fatto”. Lei aveva suggellato il voto con il martelletto usato nel 1965 per sancire la creazione di Medicare. Il voto fara’ rischiare la rielezione a molti deputati democratici, nelle elezioni mid-term di novembre, visto che il costo della riforma (940 miliardi di dollari in 10 anni) la rende tuttora poco popolare.

Sull’approvazione della riforma resta ancora un piccolo margine di  incertezza.

Nei prossimi giorni il testo del Senato andra’ alla firma di Obama, mentre la legge di accompagnamento passera’ al Senato per essere votata a maggioranza semplice. In caso di emendamenti, il testo tornerebbe alla Camera.

(fonte:AGI news on)

S.Giacomo

Brevi cenni storico-architettonici

La parrocchiale di Orosei è considerata una delle più suggestive realizzazioni architettoniche dell’isola ed esaudisce in pieno, con grazia tutta settecentesca, le esigenze di arredo urbano a cui aspiravano gli architetti barocchi.

Della chiesa si hanno notizie fin dal XIV secolo ma il suo attuale assetto è frutto dei lavori di ampliamento avviati durante il XVII secolo e portati a termine nel 1794 essendo rettore Ignazio Masala di Orosei.

Nel San Giacomo Maggiore il punto d’incontro di un’aggiornata educazione architettonica ed estetica con una dignitosa situazione costruttiva preesistente si manifesta nella soluzione, forse unica, di costruire, sfruttando un’audace espediente scenografico, una facciata sulla fiancata d. e nell’articolazione intorno alla cupola della crociera di una serie di cappelle presbiteriali, anch’esse cupolate. Proprio la diffusione delle cupole in Sardegna può venir considerata come vero e proprio mutamento del gusto autoctono che prende corpo nel XVIII secolo e riguarda non pochi edifici sacri in tutte le zone dell’isola.

All’interno, a dispetto delle variazioni prospettiche che investono, a sua insaputa, il visitatore che entra in chiesa dal fianco d. provando una sorta di smarrimento, si origina una sorta di miracolosa fusione spaziale grazie alla moltiplicazione degli ambienti cupolati nell’area del presbiterio.

La facciata, che nel complesso sembra richiamare lo schematismo di un’ancona lignea, è suddivisa architettonicamente da una robusta e aggettante cornice marcapiano in due ordini: quello superiore è coronato da un timpano triangolare e si raccorda a quello sottostante per mezzo di due volute.

Alla lineare e candida superficie della facciata si contrappone, sulla d., il movimentato gruppo delle cupole – tutte col manto di tegole in cotto – e della svettante e asciutta torre campanaria.

Tratto da:Sardegna-cultura (Sito RAS)

cronache di sport

cronache di sport

CALCIO: 1^cat MACOMER-FANUM OROSEI RINVIATA AL 3 APRILE; 2^ cat. IRGOLESE-BOLOTANESE 5-1, SPORTING SINISCOLA-TUTTAVISTA 2-1 (Manca e Salis per il Siniscola, Dessi per il Tuttavista,partita alla quale abbiamo assistito come ospiti per l’inaugurazione del Ghirtala e la promozione del Siniscola)

PALLAVOLO: SERIE C MASCHILE : ANTICO BORGO GALTELLI- VOLLEY MACOMER 2-3 (25/20 17/25 18/25 25/22 11/15 ) SERIE D FEMMINILE Marina.Resort.Ina.Ass. Orosei Porta.Nuova.C.Comm.Or 0 3 (12/25 17/25 20/25) 2^ DIV/F JERZU-MI.AN GALTELLI 3-1, UNDER 16f GELATERIA SMERALDA-EUREKA TERTENIA 3-0;baronia-basket-irgoli

PALLACANESTRO: UNDER 17/M QUARTI FINALE PLAY OFF : BANCO SARDEGNA SASSARI-BARONIA IRGOLI 105-45.

Scusandoci per il mancato commento dovuto al ritardato rientro da Siniscola per Sporting-Tuttavista rinviamo ai prossimi appuntamenti e auguriamo…

buona settimana a tutti.

SPORT

sprofondo-rossoblu

Un Cagliari irriconoscibile e senza  o poche idee viene battuto in casa da una Lazio che già al 4° del primo tempo va in vantaggio con Rocchi. Floccari al 37° porta la Lazio sul 2-0 risultato con cui si chiude la partita. Si è sentita la mancanza di Cossu, i suoi assist millimetrici e la sua lucidità da delizioso regista.

Ma, nonostante tutto, la speranza di una inversione di rotta è l’ultima a morire anche se, con questi risultati negativi, l’Europa comincia a mettere le ali ed allontanarsi.

Ma il cuore rimane sempre ROSSOBLU

e quindi…FORZA CAGLIARI!

marco camedda

SPORT in baronia:l' "Anteprima" di sabato 28 Novembre!

L’Antico Borgo Galtelli puo’ riprendere oggi la sua marcia alla rincorsa del prestigioso quinto posto nel campionato di C regionale di volley. La squadra allenata dal “Velasco siniscolese” Claudio Coronas ospita la Pallavolo Macomer (h.19,30 Palazzetto via Nazionale) con la convinzione di prendersi i tre punti in palio che la porterebbero,visti gli altri incontri, a un solo punto dal Sanluri. Galtelli’ puo’ continuare a crederci, un po quello che e’ avvenuto nel basket nella vicina Irgoli dove il Baronia ha ottenuto il massimo risultato qualificandosi nei playoff insieme alle grandi della pallacanestro .

baronia-basket-irgoli

baronia basket Irgoli

Domani i ragazzi del “Robespierre nuorese” Sebastiano Tondo vanno a giocarsi la prima finale col Banco di Sardegna ( h. 12,15 Palasport, Piazzale Segni, Sassari) nel salotto del basket sardo di serie A. Banco di Sardegna-Irgoli e’ una partita che fa onore a tutta la Baronia Valle del Cedrino e all’intera provincia . Merito dei ragazzi e della societa’ che si e’ affidata a un grande tecnico, il “Robespierre nuorese” Sebastiano Tondo il quale (vedi Unione Sarda di ieri) “dedica a tutta la gente di Irgoli” quella che lui definisce “una grande emozione” .

Nel volley di D femminile continua il percorso di crescita e esperienza per le ragazze del Marina Resort Orosei (Sirio) che ospitano il Centro Commerciale Porta Nuova, fortissima squadra di Oristano. L’appuntamento per le giovanissime ragazze dell’allenatrice nuorese Paola Nonne e’ per domani alle h. 16 nella palestra di via Verdi.

In prima div/m Vbc Orosei – Aurora Volley Villaurbana è posticipata a domani alle ore 11.00 mentre il ritorno si disputerà martedì 23 alle ore 19.00. In 1^ div/f Vbc Orosei – Pol.Gonone di oggi si disputerà a campi invertiti alle ore 18.00,

Nelle giovanili gli aggiornamenti riguardano le vittorie in serie della Sirio targata Gelateria Smeralda in under 16, ultime vittime le dorgalesi del Club Volley (3-1). Si registra inoltre, in 2^ div/f poule retrocessione la vittoria in trasferta del Volley Irgoli sulla Mi.An. Galtelli per 3 a 0. Slitta al 28 marzo l’inizio della seconda fase del campionato under 14/ mentre inizia questo pomeriggio l’avventura dell’under 12 misto per la Vbc Orosei , alle h.16 arriva la Pvn Nuoro. Eccoci al calcio e ai delicatissimi appuntamenti delle squadre valligiane.

LA FANUM-OROSEI perde (FUORI CASA)  per 3-4 CON LA BRUNELLESE.In 1°^ cat. deve ufficialmente lottare per la salvezza la Fanum Orosei che domani a Macomer dovra’ dare il meglio di se per evitare di essere agganciata dalle ultime tre. E’ difficile da spiegare la metamorfosi degli oroseini che da squadra rivelazione sono poi diventati indecifrabili. Ma lo spessore tecnico dei giocatori e la preparazione del tecnico oroseino Giangia Pira fanno ben sperare in un pronto riscatto.

Irgolese al centro dell’attenzione in 2^ cat.La partita con la Bolotanese puo’ consolidare la classifica dei ragazzi del bravissimo Michele Pinna che vista la loro altissima “cifra tecnica” si presenteranno ai play off da grandi favoriti per regalare la 1^ Categoria a Irgoli, comune che nella Valle del Cedrino si sta affermando come centro pilota dello sport.

TUTTAVISTA Deve invece pensare a salvare la categoria il Tuttavista di Mercuriu che, come la Fanum, a un ottimo inizio di campionato ha fatto seguire un calo vertiginoso di risultati. La partita di domani in casa della “sazia” e gia promossa Siniscola che inaugura il nuovo sintetico del Ghirtala puo’ essere l’occasione per riportare a Galtelli un prezioso punto.

Buon fine settimana a tutti.

SPORT

bullismoUna banale lite tra due ragazzini si e’ risolta male per entrambi. In ospedale con una gamba fratturata uno, denunciato l’altro. E’ accaduto a Solofra, nell’avellinese. Protagonisti un 13enne disabile con problemi di deambulazione e un suo coetaneo compagno di scuola.

Quest’ultimo che secondo i conoscenti avrebbe avuto spesso atteggiamenti da bullo, a scuola ha infastidito e canzonato il compagno.

Gli ha prima sfilato il berretto, poi ha strattonato il 13enne e infine con uno sgambetto ha provocato una caduta che al 13enne disabile e’ costata la frattura di tibia e perone. Il ragazzino ferito e’ stato trasportato nell’ospedale “Landolfi” di Solofra e li’ e’ stato inevitabile raccontare tutto. La madre del 13enne disabile si e’ rivolta ai carabinieri del comando provinciale di Avellino che hanno avviato l’indagine. Diverse le persone interrogate e qualcuna avrebbe anche assistito alla scena.

In poco tempo il bullo 13enne e’ stato identificato e denunciato al tribunale dei minori di Napoli.

(fonte:AGI)

La missione è organizzata dal Parroco Don Angelo Cosseddu, dal  Consiglio Pastorale Parrocchiale di S.Nicola e dai Gruppi Ecclesiali.s.nicola-irgoli

Essa è già in atto con la presenza di quattro missionari Vincenziani che stanno incontrando tutta la popolazione di ogni settore,  età, e stato sociale ed  economico. Per primi i bambini, i malati e sofferenti e gli anziani. Ma i centri di ascolto dei missionari, organizzati fra le famiglie, istituzioni o sedi di lavoro e associative sono stati e saranno presenti nelle aziende fra cui le due più grandi come il Salumificio Murru e il mangimificio Floris, i pastori, gli artigiani, commercianti, professionisti e gli Amministratori. Ovviamente nelle Scuole materne,  Elementari,  Medie e nelle associazioni sportive.

Insomma, un percorso di ascolto che abbraccia tutta la popolazione e vuole essere presente in ogni  parte della società irgolese per coglierne le problematiche, gli umori, le aspettative  e portare parole di cristianità,saggezza e tramite il dialogo aperto e cordiale ascoltando e indicando, come solo i missionari che si dedicano anima e corpo a questo obiettivo sanno fare, il cammino che porta alla speranza e alla pace.irgoli panorama

Don Angelo Cosseddu, parroco di S.Nicola afferma che ” ogni giorno questi missionari vincenziani con i loro centri di ascolto riescono ad intrattenersi con circa 250 persone .Questa iniziativa sta avendo un grande riscontro  fra la popolazione che ha gradito la loro presenza  che a Irgoli , sempre per questo motivo, mancava dal lontano 1992″.

Testo e foto di: marco camedda

l’Acr e il Comune organizzano l’appuntamento divenuto ormai tradizionale.

ACR

La Via Crucis vivente di Irgoli, ideata e messa in scena per la prima volta nel 2005 dai ragazzi dell’Acr del paese, giunge al suo quinto anno consecutivo di rappresentazione e a suggello del successo raggiunto in questo lustro fa un salto di qualità organizzativo e scenico.

comune-irgoliSarà infatti direttamente l’Amministrazione Comunale quest’anno a prendere in mano le redini dell’organizzazione dell’evento che si svolgerà con la collaborazione della parrocchia di San Nicola lasciando ovviamente la direzione artistica e logistica ai ragazzi dell’Acr coordinati dall’infaticabile Nicolosa Mastio, promotrice e ideatrice di questo appuntamento di fede diventato ormai una tradizione paesana e capace di attirare e appassionare centinaia di forestieri.

francesco-moroniUna Via Crucis vivente che quest’anno presenta anche importanti novità sotto il profilo artistico: saranno circa 40 infatti i figuranti che in abiti d’epoca domenica prossima alle 17.30, dalla piazza antistante la parrocchiale di san Nicola, si muoveranno per rappresentare tutta la Passione del Cristo lungo le vie del centro storico per toccare poi tutti i rioni del paese. Tra loro per la prima volta un attore professionista, Francesco Moroni, parmense di nascita ma ormai irgolese di adozione, che si immedesimerà nella parte di Gesù portando la croce sulle spalle, per oltre due ore di processione, sino al Golgota allestito sulla collina di sa Serra.

Tutti gli altri attori saranno invece uomini e donne di Irgoli,

Coro-di-Orosei

da mesi impegnati a studiare le loro parti, e saranno accompagnati dal Coro di Orosei diretto dal maestro Sebastiano Pessei che farà da colonna sonora alla rappresentazione intonando alcuni canti sacri della tradizione sarda nei momenti topici della Passione e della morte del Cristo in croce.

(fonte:La Nuova-a.f.)

======================================================

Una mia  intervista a Nicolosa Mastio

UNA MIA GRAFICA: gesù in croceNicolosa Mastio,  infaticabile e appassionata organizzatrice di questa bella manifestazione religiosa afferma che “dopo aver lavorato e organizzato rappresentazioni per il Natale, ho sentito il piacere e dovere di dedicarmi alla Pasqua. Dovevo fare la Via Crucis con i ragazzi. Abbiamo iniziato nel 2005 con un timore che non andasse bene.”

Ma ero convinta-conclude Nicolosa- che insegnare ai ragazzi la Passione di Gesù rappresentandola dal vivo con loro “attori” sarebbe stato il modo migliore per trasmettere questo messaggio religioso e culturale. Fino al 2009 abbiamo rappresentato la Via Crucis con i ragazzi con un solo “grande” che era Gesù ma quest’anno ci saranno anche i figuranti adulti per renderle più verosimile il percorso della passione del Cristo che sarà rappresentato da Francesco Moroni attore che a Irgoli è ormai di casa”.

marco camedda

sopra una mia grafica: “Passione di Gesù ”

TESTO DEL COMUNICATO

Gesuino-Beccari-3“Ieri sono stati ultimati i primi interventi per la sicurezza della  SP 25 che dal bivio di Lula collega la strada 131 DCN con gli abitati dei paesi della Bassa Baronia”.

“Si tratta in specifico di riparazioni delle buche, con il rifacimento di circa 300 mt del manto stradale, uno nella bretella di collegamento verso l’ abitato di Galtellì ed l’ altro a sistemazione dei danni causati dall’ incidente della caduta di due blocchi di marmo avvenuta il 4 marzo us.

La mia considerazione su questi lavori è per ora positiva, anche se va evidenziato il notevole ritardo ( in parte giustificato dalle condizioni meteorologiche ) in quanto la mia interrogazione era stata presentata a gennaio e la strada era già in situazioni precarie.

Inoltre nel frattempo oltre al rischio della sicurezza, questa situazione a causato diversi disagi e anche richieste di risarcimento danni da parte di automobilisti, che hanno subìto rotture dei pneumatici , cerchi e sospensioni. 18.03.2010-strade-onifai 001

Nelle prossime settimane verranno sostituite le barriere di protezione laterali danneggiate dagli incidenti e ripristinate quelle relative al ponte sul Cedrino, per la sicurezza dei pedoni all’ ingresso dell’ abitato di Galtellì, danneggiate da ignoti. Pertanto Sarà sempre attivo il mio impegno, per continuare ad ottenere la variazione di giunta, e quindi le risorse finanziarie in modo tale che vengano rifatti altri tratti stradali che dimostrano evidenti stati di criticità e che in futuro, se non vengono sistemati creeranno una analoga situazione”.

Un cordiale saluto

Gesuino Beccari

Pronte tutte le carte del Piano Urbanistico Comunale , tra una settimana si va in commissione

OROSEI. Giovedi scorso 8 ottobre l'arch. Roggio ha illustrato alla  giunta il "Puc ".Se i lavori procederanno come programmato già tra una quindicina di giorni potrebbe partire la discussione nell’aula del consiglio comunale

Dopo l’adozione in prima istanza del piano di utilizzo del litorale è ora la volta del Puc. Ieri mattina il Cd con la stesura definitiva del nuovo piano urbanistico è stato inviato ad ogni componente dell’apposita commissione insieme al calendario dei lavori. Che saranno a tappe forzate: una settimana per studiarsi carte e norme, e poi in commissione per una full-immersion di due giorni i prossimi mercoledì 24 e giovedì 25 marzo. Una due giorni di intenso lavoro alla quale potranno partecipare anche tutti i consiglieri di maggioranza e di opposizione.

tore

«Abbiamo deciso così affinchè poi, in sede di discussione consiliare, tutti siano in grado di esprimersi con cognizione di causa». Tore Dessena, consigliere con delega per il Puc, spiega così la decisione di allargare la commissione memore anche delle polemiche che hanno accompagnato la discussione sul Pul quando la minoranza aveva denunciato il fatto di aver avuto poco tempo per studiare le carte. «Questa volta – dice Dessena – nessuno potrà dire di non essere stato coinvolto». Nel giro di una quindicina di giorni il Puc potrebbe essere in consiglio. Intanto si hanno alcune anticipazioni. «Nella versione definitiva il Puc ha continuato a integrare le dotazioni di servizi – spiega Dessena – Servizi a volume zero all’interno della fascia costiera tutelata che consentiranno comunque la crescita di attività stagionali di buona prospettiva.

Per quanto riguarda l’agro abbiamo perfezionato e ampliato le norme che consentono la riconversione delle strutture non più produttive con la possibilità di avviare o estendere attività di agriturismo, turismo rurale, attività sportive prevedendo anche un ippodromo davanti alla zona industriale di Sas Mancas».

Ma veniamo al “mattone”.

«Per il residenziale - anticipa Dessena – è prevista una dotazione di circa 200mila metri cubi con tre aspetti fondamentali: una grande previsione di spazi al servizio dei cittadini, una sostanziosa quota di edilizia residenziale pubblica e la previsione di un comparto localizzato a Sos Alinos destinato al trasferimento delle abitazioni a rischio sul greto del fiume.

Altri 70mila metri cubi saranno destinati per l’espansione turistica e distribuiti a ridosso degli abitati di Orosei e Sos Alinos per favorire la rivitalizzazione dei centri urbani. Infine, molto attesi, sono previsti ben 6 piani di risanamento, che consentiranno a centinaia di cittadini di ottenere la sanatoria».

(Fonte:La Nuova-a.fontanesi)

Ottimi risultati dei tiratori oroseini nella finale regionale di skeet a Luogosanto (OT).

squadra 2010

2a classificata: La squadra dei nostri campioni!

Il 28 febbraio scorso nel campo di tiro di Luogosanto (Olbia-Tempio)  si è svolta la cui seconda prova valevole per il  regionale  di skeet  a cui hanno hanno partecipato 57 tiratori provenienti da Arzachena, Palau, Santa Teresa, Luogosanto, Nuoro, Siniscola, Orosei, Oliena, Cagliari. Ha presenziato alla prova anche il presidente regionale della FITAV Gianfranco Orrù. La giornata dalla temperatura primaverile, con venti abbastanza forti si ha consentito che si dispiutassero le prove con risultati buoni tecnicamente.bastiano-frau

Al primo posto individuale: si è classificato il fortissimoe tiratore della Tav (tiro a volo) OroseiSebastiano Frau con 48 piattelli rotti su 50,alle sue spalle Murrighili con 46, Battino e Demartis con 45 tiratori della locale Tav Luogosanto,Pirina, Temporin e Sanna della Tav Arzachena sempre con 45 su 50.

guglielmo-gallNel settore giovanile: ha prevalso il quindicenne ma già fortissimo  Guglielmo Gall della Tav Orosei con un ottimo risultato di 42 su 50, alle sue spalle i bravissimi Fresi Gian Mario con 41 e Rozzo Fabio con 35, a seguire Berro Christian con 34 e Muzzu Fabio con 30.

Nelle Lady: da segnalare almeno per il momento, della presenza di Ambra Evangelisti da Siniscola della Tav Unnichedda che sicuramente avrà un notevole miglioramento con le indicazione del suo maestro Massimiliano Ventroni. Dalla prima prova di Orosei con 6 su 50 è passata a 14 su 50.

Per quanto riguarda le classifiche relative al campionato per qualifiche e a squadre è il seguente:

efisio-loiCategoria eccellenza: al primo posto Sanna Francesco, al secondo Pirina Antonello, tutti e due della tav Arzachena, al terzo posto il  decano  Loi Efisio della Tav Orosei.

Nella prima categoria: ha vinto Stefano Muzzu di Arzachena ,un monumento del tiro a volo isolano, al secondo posto dopo spareggio Sebastiano Frau della Tav Orosei, al terzo posto Leonardo Pileri di Santa Teresa della Tav Luogosanto.

flore-galtellìNella seconda categoria: il titolo invernale è andato al fortissimo Gianluca Flore di Galtelli della Tav Orosei, al secondo posto Digosciu Danilo, al terzo il Dettori Mauro ambedue della tav Arzachena.

In terza categoria: ha prevalso Giovanni Spanedda della tav Luogosanto, al secondo posto dopo spareggio Giovanni Antonio Occhini di Santa Teresa della tav Luogosanto, al terzo posto Alessandro Pipere della tav Unnichedda di Siniscola.

Nei veterani: ha prevalso dopo spareggio il forte e simpatico Ennio Masu della tav Luogosanto, al secondo posto Gianni Buono della tav Arzachena.

Nelle classifiche a squadre: il titolo invernale è andato alla fortissima Arzachena, alle sue spalle per un solo piattello in meno i coriacei della Tav Orosei, mentre a sorpresa al terzo posto è arrivata Luogosanto dopo anni di dominio assoluto.

Da segnalare la buona riuscita della manifestazione, dell’ospitalità e buona organizzazione dei componenti della società tiro a volo Luogosanto, presieduta dal fortissimo tiratore Paolino Riccio.

Il prossimo appuntamento per quanto concerne lo skeet è il 21 marzo con la prima prova del campionato estivo regionale che si disputerà nel pentacampo della Tav Arzachena, a seguire Orosei il 25 aprile, a Tempio il 16 maggio, a Oliena il 23 maggio e la finale a Luogosanto il 25 giugno.

Sebastiano Frau, che mi ha spedito questi dati ci tiene a ricordare che “nei nostri campi, la sicurezza viene prima di ogni cosa, senza si perdono il resto degli altri valori, rispetto, competizione e sana amicizia“.

Parole sacre e sante , caro Bastiano!

Marco Camedda

Locandina_ConvegnoVenerdì 19, alle 18, nella sala conferenze della biblioteca comunale Don Cosseddu in via Grazia Deledda si terrà un convegno sul tema “Gli antichi borghi come luogo di ospitalità”. I lavori saranno aperti dai saluti del 05.12.2009-008GALTELLI': l'assessore  Giovanni Santo Porcu sul  Nuovo Centro   Commerciale naturale!sindaco Renzo Soro ai quali seguiranno gli interventi dell’assessore comunale al Turismo, Giovanni Santo Porcu , del giornalista scrittore Gianni Pititu, del presidente regionale Federalberghi e Ascom Nuoro Luigi Crisponi, dell’assessore provinciale al Turismo e alle Attività produttive Roberto Cadeddu e del presidente dell’associazione Borghi autentici, Stefano Lucchini. Le considerazioni finali saranno dell’assessore regionale al Turismo artigianato e commercio, Sebastiano Sannitu.

sannittu1L’appuntamento ha come scopo quello di illustrare il “sistema Galtellì” un centro che da ormai quindici anni ha sposato un indirizzo di sviluppo turistico basato sulle peculiarità ambientali del suo territorio e sul patrimonio storico culturale e architettonico del suo centro storico. Un percorso che sta incominciando a dare i primi frutti non solo come veicolo promozione del territorio ma anche come ricaduta economica e occupazionale.Numeri che saranno illustrati dall’assessore Porcu e messi a confronto con esperienze simili intraprese in altri paesi e regioni italiane.

GALTELLÌ, altri comuni sardi nella rete dei Borghi  autentici.Soddisfazione di Renzo Soro.

Da tempo infatti Galtellì è uno dei pochissimi centri della Sardegna a far parte della dell’associazione Borghi autentici d’Italia, una rete di piccoli comuni che punta sulla conservazione delle proprie tradizioni storiche e culturali.

(fonte:La Nuova-a.fontanesi)

Sono a buon punto i lavori di eliminazione con colmatura e livellamento delle buche nell’asfalto della Strada Provinciale 25 (bivio di Lula-Baronia)e anche della bretella che si svincola dal bivio della SP 25 verso Galtellì.

buche-asfaltate-

L’intervento delle maestranze della Provincia di Nuoro si è reso ancora più necessario dopo che un blocco di marmo cadde da un autoarticolato nell’asfalto della SP25 all’altezza dellla zona di “S.Marco”. La copertura delle buche si è potuta eseguire e favorita dal tempo buono che ha consentito si potessero effettuare  questo tipo di interventi a base di primer bituminoso e successivo strato di asfalto rullato. La percorribilità della SP 25 e della bretella “Su Crastu Ruiu-Galtellì” è notevolmente migliorata per cui non si dovranno fare più gli slalom  con pericolose invasioni di corsia o centrare le buche a discapito di braccetti, gomme e ammortizzatori.

Un intervento decisamente opportuno e, visti i “normali tempi” nei lavori pubblici, anche veloce.

Marco Camedda