Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Archivio per Aprile 2011

monte ortobene

I colori e le suggestioni del monte dei nuoresi nelle foto di Domenico Ruiu.

Verrà inaugurata sabato prossimo, alle 18, nei locali del ristorante Fratelli Sacchi sull’Ortobene, la mostra dal titolo “Su Monte”.

domenico ruiu

L’obiettivo del fotografo naturalista nuorese, autore di tante pubblicazioni molto apprezzate dagli appassionati, ha catturato gli scorsi delle diverse località del massiccio, i colori della vegetazione, le luci cangianti dei massi e delle rocce. Il Coro Ortobene animerà la serata inaugurale della mostra.

(Da:Unione Sarda-30 apr 2011)

85-papa-in-sardegna1985:IL PAPA E IL REDENTORE

(un mio acquerello eseguito su cartoncino dim.50 x70)

Ho avuto l’onore che questo mio dipinto sia stato utilizzato per creare un manifesto,  di cui conservo gelosamente  una copia, che è stato eseguito per l’occasione della venuta a Nuoro di Papa Giovanni Paolo II durante la sua visita pastorale in Sardegna effettuata fra il 18-20 ottobre del 1985. Ho il piacere di esternare anche in questo mio piccolo modo la gioia che provo per la beatificazione di questo  Papa Santo a cui sono devoto e che avverrà domani 1° maggio a Piazza S.Pietro in Vaticano.

papa wojtylaVISITA PASTORALE IN SARDEGNA

TESTO DEL DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II°

AGLI OPERATORI PASTORALI DELLA COMUNITÀ ECCLESIALE DI NUORO

Cattedrale di Santa Maria della Neve

(Venerdì, 18 ottobre 1985)

(foto da internet)

beata maria gabriella saghedduUn forte legame tra Maria Gabriella Sagheddu e Giovanni Paolo II.

Il 2011 potrebbe essere l’anno della svolta per il nuovo santuario sul colle Frandina

Settantatré anni fa moriva Maria Gabriella Sagheddu, la piccola suora trappista dorgalese che poi è diventata il simbolo dell’unità dei cristiani. Quest’anno la ricorrenza e caduta proprio il giorno del silenzio nella Passione di Cristo.

Proprio a sette giorni della santificazione di Papa Giovanni Paolo II che il 25 gennaio del 1983 la proclamò beata nella Basilica di San Paolo fuori le mura a Roma. Nata a Dorgali, il 17 marzo del 1914 Maria Gabriella Sagheddu, a vent’anni, entrò nel monastero delle Trappiste di Grottaferrata. «Offrì con semplicità la sua vita per l’unità della chiesa e per i fratelli separati. Il Signore ne gradì l’olocausto che si consumò il 23 aprile del 1939, nella domenica del Buon Pastore», si legge in un suo profilo.

Il 23 aprile del 1958, iniziò il processo informativo diocesano per la causa di beatificazione che avvenne il 25 gennaio 1983 da Papa Giovanni Paolo II alla presenza di centinaia di dorgalesi. Le sue spoglie riposano nella Cappella dell’Unità, annessa la Monastero di Vitorchiano in provincia di Viterbo.

maria-gabriella-saghedduNel 2008, in occasione del venticinquesimo della beatificazione di Maria Gabriella la diocesi aveva organizzato un pellegrinaggio al quale avevano preso parte circa cinquecento persone da diverse parti dell’isola e in particolare della provincia di Nuoro. Pellegrini ai quali fu dedicato un saluto particolare dal papa Benedetto sedicesimo nella basilica di san Paolo fuori le mura.

Il 2011 dovrebbe – perché in questo caso il condizionale è quanto mai d’obbligo visto la lentezza con la quale si sono svolte le cose finora – essere l’anno buono perché si possa iniziare a parlare seriamente di santuario. Struttura che nascerà nel colle di Frandina, a pochi chilometri dall’abitato di Dorgali, visto che ora non ci sono più impedimenti burocratici di nessun genere.

L’amministrazione comunale ha fatto tutto ciò che c’era da fare, adesso il testimone passa alla parrocchia di Santa Caterina che ha già annunciato di avere affidato l’incarico della progettazione all’ingegnere dorgalese Gianfranco Muggianu.

Un’opera tanto attesa dai dorgalesi ma anche da numerosi fedeli della diocesi per i quali, il santuario diventerebbe luogo di culto e di ritrovo cristiano.

(Da:La Nuova-Nino Muggianu-30 apr 2011)

PANORAMA DI IRGOLI

PANORAMA DI IRGOLI

Punti di avvistamento a Golosti

per contrastare gli incendi estivi

vedetta

Una vedetta a guardia e tutela del patrimonio boschivo e ambientale del monte Norghio e di tutto il padente di Irgoli.

È con questo intento che il Comune ha bandito una gara d’appalto per l’«Adeguamento e potenziamento dei sistemi fissi terrestri di avvistamento» che prevede la realizzazione di un punto di osservazione in località Golosti, proprio sulla sella che domina sia il versante irgolese che quello che verso Siniscola del territorio comunale. Qui infatti verrà installato un punto di osservazione per contrastare sia il pericolo di incendi che qualsiasi altra azione che possa danneggiare boschi e campagne che hanno pochi eguali in quanto a bellezza. L’importo a base d’asta per i lavori è di circa 50mila euro e la gara verrà espedita il prossimo 10 maggio. Entro il giorno prima le ditte in possesso dei requisiti richiesti dovranno far prevenire le loro proposte come da regolamento consultabile o presso l’ufficio tecnico o scaricabile dal sito del Comune (www.comune.irgoli.nu.it). Il progetto prevede la costruzione di un locale a pian terreno dotato di servizi e di una terrazza di avvistamento situata al piano superiore.

Intenzione del Comune è quella di affidare in seguito la struttura al corpo regionale antincendio. I tempi stimati per la realizzazione dell’opera sono di 110 giorni lavorativi dalla data di assegnazione dei lavori.

(Da:La Nuova-angelo fontanesi-30 apr 2011)

museo archeologico asproniIl Museo archeologico nazionale Asproni, in occasione della festività del 1º maggio, osserverà una apertura straordinaria e sarà aperto al pubblico dalle ore 9 alle ore 13:30.

Ne dà notizia la direttrice Maria Ausilia Fadda. Personale specializzato della Soprintendenza ai beni archeologici sarà a disposizione dei visitatori per accompagnare chi lo desidera con visite guidate gratuite tra le vetrine del Museo, dove sono esposti materiali provenienti dagli ultimi trent’anni di scavi tra il Nuorese e l’Ogliastra. L’iniziativa si inserisce nel programma di aperture straordinarie organizzate dal ministero per i Beni e le attività culturali su tutto il territorio nazionale per consentire le visite in orari più fruibili rispetto a quelli ordinari.

(Da:La Nuova-28 apr 2011)

palazzo comunale onifaiL’amministrazione comunale di Onifai ha recentemente pubblicato un bando rivolto a tutte le ditte per la formazione di un albo di aziende e imprese di fiducia per lavori pubblici fino a 500 mila euro.

L’intento è quello di dare spazio a tutte le imprese, in particolar modo a quelle della zona di medie e piccole dimensioni, per poter dare loro maggior possibilità di aggiudicarsi i lavori pubblici appaltati dal Comune che spesso, dovendo concorrere per aste pubbliche, si vedono sorpassate da grosse ditte molte delle quali provenienti dal Continente italiano.DANIELA-SATGIA-ONIFAI«In un periodo di particolare crisi come quello che stiamo vivendo oggi – spiega il sindaco Daniela Satgia – abbiamo pensato di tutelare le imprese del territorio almeno per quanto ci consentono le normative che regolano gli appalti dei lavori pubblici».

La predisposizione di un elenco di ditte di fiducia è infatti indispensabile per procedere all’affidamento di lavori pubblici sotto soglia (appunto sino a 500 mila euro) in economia o cottimo fiduciario mediante procedura negoziata, evitando così la forma della gara pubblica aperta invece a qualsiasi impresa. Con la formazione dell’elenco l’amministrazione comunale di Onifai intende creare una base conoscitiva degli operatori presenti nel mercato interessati a svolgere lavori per l’ente medesimo.

Le imprese interessate dovranno manifestare la propria volontà ad essere inserite negli appositi elenchi facendo pervenire la domanda e la relativa documentazione richiesta (pubblicata sul sito ufficiale del Comune www.comune.onifai.nu.it) in una busta chiusa con la dicitura «Formazione di un elenco di ditte per l’affidamento di appalti di opere pubbliche al Comune di Onifai» entro il prossimo 13 maggio. L’elenco sarà costituito da 6 sezioni: opere edili, idrauliche lattoniere e affini, elettriche, sicurezza stradale, falegnameria, ferro e altri metalli.

La valutazione delle domande terrà conto della regolarità della documentazione presentata, dell’esperienza nei vari settori, degli anni di attività svolta, del numero di lavori eseguiti per pubbliche amministrazione e delle caratteristiche e qualità dei lavori eseguiti.

(Da:La Nuova-angelo fontanesi-28 apr 2011)

Ricevo dall’ufficio Promo attività dell’ISRE-Istituto Etnografico Sardo- di Nuoro e pubblico volentieri questo loro comunicato inerente il seguente appuntamento:

logo isre

COMUNICATO STAMPA

A ORISTANO IL SECONDO APPUNTAMENTO

CON IL FESTIVAL ITINERANTE “SIEFF IN TOUR 2011”

sieff in tourAnche quest’anno L’ISRE rinnova l’appuntamento con il SIEFF in tour, un vero e proprio Festival itinerante che presenta nelle principali città della Sardegna una selezione dei film in concorso alla XV Rassegna Internazionale del Film Etnografico tenutasi nel 2010, che comprende oltre ai film premiati alcuni dei lavori più significativi, sia per i temi trattati che per il livello qualitativo. Il tour, al pari del videoworkshop biennale e del concorso AViSa, si inserisce tra le attività di promozione dell’antropologia visuale quale strumento essenziale per lo studio, la ricerca e il dialogo con le culture di tutto il mondo che l’Istituto pone in essere da oltre tre decenni.

Dopo le partecipate serate cagliaritane del 19 e 20 aprile, il tour 2011 prevede come seconda tappa Oristano lunedì 2 e martedì 3 maggio, alle ore 18,30, presso la sala del Centro Servizi Culturali U.N.L.A. in via Carpaccio, 9. I prossimi appuntamenti: Sassari, martedì 10 maggio, alle ore 15,00, presso la sala Umanistica della Facoltà di Lettere e Filosofia in via Zanfarino, 62 e Alghero, mercoledì 11 maggio, alle ore 18,30 nella sala “Manno” in via Marconi, 10.

La manifestazione è realizzata in collaborazione con la Società Umanitaria Cineteca Sarda di Cagliari, l’U.N.L.A. Centro Servizi Culturali di Oristano, la Società Umanitaria Centro Servizi Culturali di Alghero e la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Sassari.

L’ingresso in tutte le sedi è gratuito

(Ufficio Promo Attività)

logo isre


Pioggia di premi.

I progetti della Camera di commercio

NUORO. L’olio di oliva più buono d’Italia, e quindi per definizione del mondo, è prodotto nel Nuorese. Lo attestano la messe di premi regionali, nazionali e internazionali conquistati negli ultimi anni dagli extravergine prodotti in Baronia, Barbagia e Ogliastra.

OROSEI: Sandro Chisu espone i suoi oli durante la Sagra Ersat ddi alcuni anni fa (foto camedda)

OROSEI: Sandro Chisu espone i suoi oli nella Sagra Ersat di alcuni anni fa (foto camedda)

L’ultimo prestigioso riconoscimento è giusto dell’altro ieri quando l’extravergine «S.Andria» dell’oleificio Sandro Chisu di Orosei si è aggiudicato il primo posto al premio Biol, la kermesse internazionale riservata ai migliori oli bio che da 16 anni assegna in Puglia i più importanti riconoscimenti mondiali del settore.

L’olio oroseino è risultato il migliore assoluto tra gli oltre 380 in gara giunti da 19 paesi, per una copertura pressoché completa dell’olivicoltura internazionale. Un successo che bissa quello ottenuto sempre da Sandro Chisu il mese scorso all’Ercole Olivario, l’ «Oscar» italiano dei concorsi oleari. Ma gli oli extravergine del Nuorese e dell’Ogliastra pluripremiati quest’anno sono stati tanti e tutti i loro produttori ieri mattina hanno partecipato a Nuoro al forum «Il tempo dell’olio nel territorio nuorese» organizzato dalla Camera di Commercio.

Un appuntamento pensato per mettere in vetrina le aziende locali premiate, ma adagiarsi sugli allori non serve e per fare di un prodotto di nicchia anche uno strumento economico capace fare business e creare ricchezza occorre inserirlo con il dovuto valore sul mercato. Questo il punto sul quale si sono incentrati tutti gli intervenuti ad incominciare da quello del capo panel dalla Camera di Commercio Vanna Deiana e dello stesso presidente Romolo Pisano che ha garantito la massima attenzione verso un settore che ha ancora grandi capacità di crescita e di miglioramento.

Proprio per questo il primo passo sarà quello di promuovere un corso di specializzazione per i frantoiani del territorio che peraltro già da una decina d’anni con i loro impianti sono all’avanguardia in tutta l’isola. La richiesta più impellente dei produttori (erano presenti oltre allo stesso Sandro Chisu anche i titolari e responsabili degli altri oleifici premiati coop Valle del Cedrino di Orosei, Paolo Demuru di Ilbono, Francesco Pinna di Oliena, Francesco Cadoni di Corte Olias di Escolca) è stata però quella di investire sul marketing e sulla promozione. Produzioni piccole che non possono e non vogliono competere con le grandi linee di distribuzione ma necessitano invece di vendite assistite e mirate. Perché sennò è inutile avere l’olio più buono del mondo quando pochissimi lo sanno e altrettanti lo apprezzano.

(Da:La Nuova-angelo fontanesi-29 apr 2011)

logoregioneTrenta milioni di euro per azioni di contrasto alla povertà sono stati stanziati dalla Giunta, su proposta dell’assessore della Sanità Antonello Liori.

La somma verrà trasferita ai Comuni (35% in parti uguali; 35% in base al numero dei residenti; 30% in base del numero dei disoccupati nel 2009) per azioni da realizzare secondo tre linee di intervento: sussidi (350 euro mensili) a favore di persone e nuclei familiari in condizioni di accertata povertà; contributi (non superiori a 500 euro), per l’abbattimento dei costi dei servizi essenziali (gas, luce, acqua) a favore di persone e nuclei familiari con reddito pari alla soglia di povertà calcolata secondo il metodo dell’Isee; sussidi (massimo 800 euro) per lo svolgimento di servizi utili alla comunità (servizio civico comunale).

antonello-liori«Si tratta di interventi di sostegno economico in favore di famiglie e persone in condizioni di accertata povertà», spiega Liori, «che garantiscono prioritariamente l’abbattimento dei costi dei servizi essenziali, legando il sostegno economico anche allo svolgimento di attività lavorative».

(Da:Unione Sarda-28 apr 2011)

in una foto del 2010 scattata durante la Novena

in una foto del 2010 scattata durante la Novena

Volontariato in rassegna in Piazze della Solidarietà.

piazza solidarietàA Orosei, nello scenario del santuario del Rimedio, si svolge sabato alle 16 la nona delle quaranta Piazze della solidarietà organizzate dal Centro di servizio per il volontariato Sardegna solidale nell’ambito delle manifestazioni per l’anno europeo del volontariato.

L’EVENTO La manifestazione, a cura del Sa.Sol. Point n. 16 di Orosei del Csv Sardegna Solidale, vedrà confluire gli amministratori della Valle del Cedrino e di Dorgali e numerose associazioni di Orosei (Agdia Onlus, Adi, Ail, Avis, Croce Bianca, Carabinieri in pensione, Comitato del Rimedio, Confraternite, Gruppo Vincenziano, Il Borgo Sos Alinos, Pro Loco Orosei, Chiesa Cristiana Evangelica, Protezione Civile) di Irgoli (Croce Verde, CasaDomo, Gruppo Vincenziano) di Galtellì (Avis, Vos, Protezione Civile) e di Dorgali (Croce Azzurra Cala Gonone, Croce Verde, Acat, Rotary Club).

pinuccio sciolaInterverranno: don Stefano Bacchitta e l’avvocato Gino Derosas, rispettivamente parroco e sindaco di Orosei; Gian Piero Farru, presidente del Csv Sardegna Solidale; i rappresentanti delle associazioni presenti e lo scultore Pinuccio Sciola, che presenta la sua opera “Il Seme della Solidarietà”, da inaugurare per l’occasione.

sasol«Il seme che lasciamo», afferma Gian Piero Farru, presidente di Sardegna Solidale, «ha il significato della pace, dell’armonia, della legalità, della solidarietà. È il ricordo dell’impegno al volontariato e alla cittadinanza attiva che quest’anno vuole richiamare tutti i cittadini dell’Unione Europea».

ESPOSIZIONI Negli spazi vicini al luogo dell’incontro saranno allestiti gli stand delle varie associazioni e gli elaborati grafico-pittorici degli artisti. Infatti, secondo la loro specifica sensibilità, il tema della solidarietà, sarà sviluppato da cinque poeti, da cinque pittori e da una classe della Scuola Elementare. Saranno inoltre presentate alcune poesie ed eseguiti dei canti tradizionali in sardo dai cori Su Cuncordu, Urisé, Gruppo Folk di Orosei.

(Da: Unione Sarda-Luca Urgu-28 apr 2011)

GALTELLI':biblioteca comunale: ingresso (foto camedda)

GALTELLI':biblioteca comunale: ingresso (foto camedda)

«Semus missionarios», incontro-dibattito con il saveriano di Macomer Daniele Targa

“Semus missionarios” è il tema del quarto appuntamento della rassegna «Donzi die nois» ideata e coordinata da Natalino Piras per l’organizzazione del Comune che si svolgerà questa sera alle 19 nella biblioteca «Don Cosseddu».

natalino pirasA essere intervistato dallo scrittore e giornalista bittese sarà Daniele Targa, saveriano con esperienza di missione in Bangladesh. Nato in Francia nel 1965 da genitori immigranti, padre friulano e mamma di Sant’Antioco, Daniele Targa è stato ordinato prete nel 1990. Dal 2001 al 2009, dopo un anno passato a Londra per perfezionare l’inglese viene mandato in Bangladesh, ex Bengala, lo stato più densamente popolato del pianeta con oltre 150 milioni di abitanti e un altissimo tasso di povertà. Sarà lui a raccontare il suo periodo di missione, distinto in due periodi il primo sino al 2005 passato soprattutto a conoscere la cultura e la lingua del posto e quindi dal 2006 al 2009 nel sud del Bangladesh, tra i fuori casta di radice indù. Ora, in attesa di ripartire in missione, Daniele Targa è in Sardegna, all’istituto saveriano di Macomer. Un racconto in diretta il suo come gli altri sinora presentati in questa rassegna di incontri con diversi protagonisti del nostro tempo che sta bissando il successo ottenuto da «Jeo ippo, jeo so», la prima serie di interviste condotte l’anno scorso da Natalino Piras sempre a Galtellì.

(Da:La Nuova-angelo fontanesi-28 apr 2011)

logo isreRicevo dalla segreteria dell’ISRE (Istituto Etnografico Sardo) di Nuoro e pubblico volentieri questo loro comunicato inerente le manifestazioni della  ricorrenza di:

“Sa Die de sa Sardigna-S’ISRE pro sa Limba”

TESTO DEL COMUNICATO

Vi comunichiamo che in occasione della ricorrenza de Sa die de sa Sardigna, l’ISRE promuove una serie di iniziative volte a testimoniare e divulgare l’impegno profuso negli anni per la valorizzazione delle varianti linguistiche sarde.

s'isre pro sa limbaQuesto il programma delle manifestazioni:

28 e 29 aprile 2011 – Nuoro e Cagliari

Nuoro, Auditorium dell’ISRE – ore 9.00/19.00

Cagliari, Cittadella dei musei/Collezione Cocco – ore 10.00/19.00

Esposizione di libri, depliants, calendari e proiezioni dei film dell’ISRE in lingua sarda.

Nuoro, 29 aprile 2011

Auditorium de s’ISRE – a ora de sas 9.00/11.30

Presentazione del dizionario Sardo-logudorese/Italiano on-line di Pietro Casu – edizione ISRE/Ilisso. Interventi del Presidente, del Direttore dell’ISRE e della Sig.ra Sebastiana Calvia Presidente dell’”Associazione Pietro Casu”.

Lettura di brani tratti da “Elias Portolu” di Grazia Deledda in nuorese, edizione ISRE; lettura di brani tratti da “Mannnigos de Memoria” romanzo in lingua sarda di Antonio Cossu, edizione ISRE;

a cura di Giovanni Carroni.

Il Cinema dell’ISRE

Trasmissione su Videolina dei film dell’ISRE in lingua sarda.

27 aprile 2011 ore 21 / replica il 28 aprile 2011 – ore 10.30

S’Ardia di Gianfranco Cabiddu

30 aprile 2011 ore 21 / replica il 1° maggio 2011 – ore 10.30

Tempus de Baristas di David MacDougall

3 maggio 2011 - ore 21 / replica il 4 maggio 2011 – ore 10.30

L’Arbitro di Paolo Zucca

Dopo trent’anni prima di Silvio Camboni

Il Mare di Salvatore Mereu

Panas di Marco Antonio Pani

Nelle stesse giornate il Museo Etnografico Sardo e il Museo Deleddiano/Casa natale di Grazia Deledda saranno visitabili gratuitamente nei consueti orari.

Su 28 e su 29 de abrile – Nùgoro e Casteddu

Espositzione de libros, depliants e calendàrios e proietzione de sos film de s’ISRE in sardu.

Nùgoro, Auditorium de s’ISRE – a ora de sas 9.00/19.00

Casteddu, Cittadella dei musei – Colletzione Cocco – a ora de sas 10.00/19.00

Su 29 de abrile – Nùgoro

Auditorium de s’ISRE – a ora de sas 9.00/11.30

Presentada de su vocabolàriu sardu/logudoresu on-line de Pedru Casu, coimprentadu dae ISRE-Ilisso.

Interventos de su Presidente, de su Diretore de s’ISRE e de Sebastiana Calvia Presidente de su “Soziu Pietro Casu”.

Giovanni Carroni leghet partes de “Elias Portolu” de Grazia Deledda in nugoresu,

e de su romanzu in limba “Mannigos de Memoria” de Antonio Cossu, imprentados dae s’ISRE.

Su Cinema de s’ISRE

Trasmissione in Videolina de sos film de s’ISRE in limba sarda.

Su 27 de abrile 2011 – a ora de sas 21 / rèplica su 28 de abrile 2011 – a ora de sas 10.30

S’Ardia de Gianfranco Cabiddu

Su 30 de abrile 2011 – a ora de sas 21 / rèplica su 1 de maju 2011 – a ora de sas 10.30

Tempus de Baristas de David MacDougall

Su 3 de maju 2011 – a ora de sas 21 / rèplica su 4 de maju 2011 – a ora de sas 10.30.

L’Arbitro de Paolo Zucca

Dopo trent’anni prima de Silvio Camboni

Il Mare de Salvatore Mereu

Panas de Marco Antonio Pani

In custas dies sa visita a su Museo Etnografico Sardo e su Museo Deleddiano/Casa natale di Grazia Deledda est libera pro tottus.

logo isre

logo isreRicevo dall’Ufficio promozione dell’Isre (Istituto Etnografico Sardo) di Nuoro e pubblico volentieri questo loro comunicato inerente un concorso dell’ AViSa (Antropologia Visuale in Sardegna).

avisa

TESTO DEL COMUNICATO

L’Istituto Superiore Regionale Etnografico (ISRE) conferma il proprio impegno nella promozione della pratica dell’antropologia visuale tra registi e/o antropologi nati o residenti in Sardegna che alla data di scadenza della presentazione delle domande, 30 giugno 2011, non abbiano compiuto il 40.mo anno di età.

A tal fine L’ISRE mette in concorso un finanziamento per la realizzazione di documentari o brevi fiction riguardanti la vita sociale e culturale della Sardegna nelle sue manifestazioni tradizionali e nelle sue trasformazioni.

Sono ammessi al concorso progetti inediti per documentari o brevi fiction in lingua italiana e/o sarda, scritti da uno o più autori, in possesso pieno dei diritti sul film che si intende realizzare. Se i progetti sono tratti o ispirati da opere di altri autori o da opere letterarie, l’autore dovrà dichiararne la fonte e attestare il regolare possesso dei diritti d’uso.

La somma complessiva messa a disposizione è di 50.000 Euro.

Il termine ultimo per il ricevimento delle domande di ammissione è fissato alle ore 13,00 di giovedì 30 giugno 2011.

Il bando e lo schema di domanda sono disponibili sul portale dell’ISRE: www.isresardegna.it/

logo isre

Info: Istituto Superiore Etnografico della Sardegna

Telefono: 0784 242900 – fax: 0784 37484

e-mail: promo.attivita@isresardegna.org

ATLETI DELL'UNIONE CICLISTICA OROSEI (foto U.C.Orosei)

ATLETI DELL'UNIONE CICLISTICA OROSEI (foto U.C.Orosei)

Pubblico volentieri questo comunicato inviatomi dalla Unione Ciclistica Orosei inerente  la classifica provvisoria del campionato regionale di Mountainbike, disciplina Cross Country.

La 4° prova del Campionato Regionale Cross-Country:

Classifica generale di società:

1° /45 Mtb Sennori……1922 p.ti;

15°/45 Uc. Orosei asd….287 p.ti.

Classifica individuale:

Elite master sport:

1° /28 Salis Alessandro (G.S. Royal bike)..109 p.ti;

10°/28 Burrai Antonio (Uc. Orosei)…………..49 p.ti;

Master 1:

1° /38 Cossu Filippo (Arkitano mtb)………135 p.ti;

6° /38 Frau Alessandro (Uc. Orosei)………..71 p.ti;

11°/38 Mula Pierpaolo (Uc. Orosei)…………..51 p.ti;

Master 2:

1° /58 Ortu Filippo (G.S. Runner)…………..144 p.ti;

25°/58 Masala Andrea (Uc. Orosei)…………..19 p.ti;

25°/58 Chisu Fabrizio (Uc. Orosei)……………19 p.ti;

44°/58 Novi Vincenzo (Uc. Orosei)……………10 p.ti;

50°/58 Piredda Sergio (Uc. Orosei)……………..5 p.ti;

Master 3:

1° /53 Cadelano Massimiliano (Cireddu)….139 p.ti;

27°/53 Contu Sandro (Uc. Orosei)…………….18 p.ti;

34°/53 Busu Giuseppe (Uc. Orosei)…………….7 p.ti;

46°/53 Dessena Salvatore (Uc. Orosei)………..1 p.ti;

Master 5:

1°/16 Sara Giorgio (Mtb Sennori)……………144 p.ti;

9°/16 Loi Efisio (Uc. Orosei)…………………….37 p.ti.

U.C.Orosei

cave-di-marmo
Il distretto estrattivo del monte Tuttavista, insieme a Portovesme, sono stati scelti dall’assessorato regionale all’Ambiente come aree pilota per sperimentare e promuovere la realizzazione di aree produttive ecologicamente attrezzate (Apea) all’interno del progetto Life, Environmental technologies adopted by small business in entrepreneurial areas” (Eta Beta) di cui la Regione è partner.

Eta Beta è un progetto europeo avviato nel settembre 2010 e che si concluderà nell’aprile 2013 riservato alle aree produttive omogenee di Italia e Spagna. Si punta su processi di innovazione sostenibile e tecnologie ambientali fra le piccole e medie imprese. La Regione ha individuato solo due aree, appunto Portovesme e Orosei.

Fondamentale è stata la recente costituzione del Consorzio Marmi che vede associate tutte la maggiori attività lapidee del distretto e il Comune. Il fine del progetto Eta Beta infatti è quello di migliorare le performance delle aree prescelte sia dal punto di vista ambientale e sociale che da quello economico e produttivo. Coniugare profitto e rispetto del territorio: uno dei connubi più sensibili per il comparto estrattivo oroseino alle prese da tempo con progetti di riqualificazione delle cave dismesse e con l’impellente necessità di mettere in funzione un sistema di discariche controllato e consortile. Perfetta sintonia di intenti e di obiettivi insomma con le linee guida del progetto Eta Beta.

Un valore aggiunto per le imprese e soprattutto per i consorzi che aiuterà ad accedere ai bandi comunitari riservati alle zone industriali prescelte.

(Da:La Nuova.it-angelo fontanesi-24 apr.2011)

papa giovanni paolo II°Onore al Papa operaio

Roma si prepara ad accogliere un milione di fedeli in tre giorni tra la festa religiosa e la tradizionale manifestazione dei lavoratori. Il primo maggio attesa un’immensa folla che invaderà ogni angolo della città, dal Vaticano per la beatificazione alla festa a San Giovanni in Laterano

Città del Vaticano-S.PietroTrecentomila pellegrini in giro per la capitale da sabato 30.

La “notte bianca” in preghiera nelle chiese che resteranno aperte sino all’alba quando il popolo dei fedeli si trasferirà in massa a San Pietro per assistere dal vivo alla cerimonia di beatificazione, oppure cercherà posto davanti ai maxi schermi allestiti a Castel Sant’Angelo, al Circo Massimo e in altri punti strategici attorno al Vaticano. Alla fine dei tre giorni di festeggiamenti (proseguiranno sino a lunedì 2 con l’omaggio alla nuova tomba all’interno della basilica) saranno più di un milione a poter dire di aver partecipato al grande evento.

Papa Giovanni Paolo II°Effetto Wojtyla. Come già era avvenuto per i suoi funerali sei anni fa, la beatificazione produrrà una mobilitazione di fedeli alla quale la capitale dovrà garantire una risposta organizzativa straordinaria. Roma si prepara, anzi è già pronta, ad accogliere il popolo dei credenti provenienti da tutto il mondo. Dalla terra del Papa, la Polonia, dalla Spagna e dal Sud America, ma anche dalla Russia, dalla Cina, dall’Africa, dai paesi dove il cattolicesimo è tornato a diffondersi.

INVASIONE Governo, Provincia, Campidoglio e Protezione civile, con la collaborazione della Croce Rossa e delle associazioni di volontariato stanno approntando una macchina eccezionale per l’accoglienza. Roma ha già dato prova, proprio in occasione dei funerali del 2005, di saper gestire una pacifica invasione di tali proporzioni. «Ci stiamo preparando e siamo in grado di fare una celebrazione che accolga tutti», afferma il sindaco Gianni Alemanno: «Non dobbiamo avere paura, anzi – aggiunge parafrasando una celebre esortazione del Papa – dobbiamo stringerci tutti quanti attorno alla figura di Giovanni Paolo II che è stato ed è un grande amico di Roma».

Ma questa volta l’operazione-accoglienza potrebbe complicarsi perché l’evento religioso coincide con le manifestazioni del Primo Maggio e con il tradizionale concerto di Piazza San Giovanni in Laterano che richiamerà centomila persone.

Papa Giovanni Paolo II° LAVORO Il Papa che a vent’anni fu operaio e che onorò con tre encicliche e un centinaio di discorsi la «dignità del lavoro umano», sarà beatificato proprio nel giorno della festa dei lavoratori. Non era questa l’intenzione di chi ha scelto la data (individuata per ragioni biografiche e liturgiche), ma la coincidenza assume così un segno forte. La festa religiosa si unisce idealmente alla festa del lavoro, in un continuo flusso di gente, striscioni, bandiere, cori, colori e lingue di ogni paese.

IL PIANO Roma apre le sue piazze, le strade, i monumenti, le bellezze straordinarie, a un fiume umano che per tre giorni occuperà ogni angolo del centro storico, ma anche i parchi e i luoghi prescelti dal piano-ospitalità messo a punto dal Comune e dall’Opera Romana Pellegrinaggi. Come sarà generale la mobilitazione per dare assistenza con 3.470 volontari, 150 operatori di Protezione Civile, 14 Posti medici avanzati, 87 ambulanze, 120 squadre di barellieri. La festa è già iniziata.

(Da: Unione Sarda-C. F.-24 apr 2011)-foto da internet

avis-oroseiIl grande cuore delle donatrici e donatori di Orosei ancora una volta ha consentito di ottenere un ottimo risultato nella raccolta di sangue. Sabato 23 scorso medici e infermieri dell’Autoemoteca del Centro Trasfusionale di Nuoro hanno raccolto 38 sacche che  negli ultimi due anni è  il nostro migliore risultato. La giornata era piovosa ma la solidarietà dei nostri amici donatori ha vinto anche il tempo inclemente e fin dal primo mattino l’affluenza è stata straordinaria, commovente.  Ringraziamo tutti ,donatrici e donatori, per questa solidarietà e il lavoro intenso del personale  medico dell’autoemoteca che hanno lavorato fino a oltre la una con dedizione consentendo di ottenere questo ottimo risultato. Questo ci fa ben sperare per il futuro anche perchè , e ci preme ricordarlo, “Donare il sangue e semplicemente importante” è un gesto di solidarietà, significa dire con i fatti che la vita di chi sta soffrendo ci preoccupa.

Grazie ancora,

IL DIRETTIVO DELLA SEZIONE AVIS DI OROSEI

(Marco Camedda, Florian Appeddu, Tony Diana, Gaetano Chessa, Matteo Piras, Paolo Burrai)

La UNDER 18 femminile della Sirio Volley-Orosei è seconda nel Campionato provinciale 2010-2011

La UNDER 18 femminile della Sirio Volley-Orosei è seconda nel Campionato provinciale 2010-2011

La Sirio Pallavolo Orosei è stata battuta oggi (sabato 23) dalla  Libertas Nuoro nella finalissima del campionato provinciale femminile Under 18 di pallavolo, in una gara tiratissima fino alla fine e che si è giocata  nella palestra delle Scuole Medie in via Verdi. Una finale persa al tie-break e che già alla vigilia si annunciava  incerta per la società  oroseina che da poco ha conquistato il titolo provinciale nella categoria Under 16F.

sirio pallavolo“C’è di buono-afferma uno dei dirigenti della Sirio Orosei – che le nostre ragazze sono ancora in età da poter fare altri due anni in questa categoria e avranno modo di dimostrare il loro valore ancor meglio nei prossimi anni. Per ora un titolo provinciale con le Under16 e questo secondo posto non sono niente male.”

Auguri (anche di Buona Pasqua) per la Sirio Pallavolo-Orosei  e che possa raggiungere sempre migliori e ambiti risultati!

Marco Camedda

GALTELLI':biblioteca comunale: ingresso

GALTELLI':biblioteca comunale: ingresso (foto camedda-2010)

Donzi die nois “Donzi die nois” è il nome della rassegna da marzo a maggio, una serie di incontri alla biblioteca comunale “G. Cosseddu”, organizzati dall’assessorato alla cultura del Comune.

natalino pirasContinuano le interviste  fatte da Natalino Piras a diverse persone impegnate in campo sociale e culturale nella rassegna  “Donzi die nois”.

Nella rassegna galtellinese, la terza dell’amministrazione guidata da Renzo Soro, quel “donzi die” viene rilanciato, fatto risuonare, anche come canto di battaglia contro il senso del morire. Nelle precedenti edizioni ci si è mossi nel segno di “Viazatores in s’oru de su mare” e di “Jeo ippo jeo so”.  Quest’anno fili conduttori della rassegna sono stati  il volontariato, la pace e la guerra, le terre di missione. E pure cinema e letteratura.

Iniziata il 17 marzo con  “Donzi die nois semus in gherra”con il generale Gianfranco Scalas a lungo addetto stampa della “Brigata Sassari” la rasseegna ha continuato  il 31 marzo con “Donzi die semus volontarios” con Giampiero Farru e don Piero Borrotzu di “Sardegna Solidale” e il 15 aprile con “Akimus cinema” con il regista Salvatore Mereu.

Il prossimo appuntamento sarà il 28 aprile con “Semus missionarios” con il saveriano padre Daniele Targa  e il 6 maggio con “Semus in pake” con Bachisio Bandinu. Si chiude il 12 maggio con “Semus eminas de s’iscritura” con Milena Agus, appunto insegnante e scrittrice.

( Da: sito internet del Comune di Galtellì)

buona-pasqua… anche Buona e Felice Pasquetta!

Marco Camedda

rita-levi-montalciniCompie oggi 102 anni Rita Levi Montalcini.

Per festeggiare la premio Nobel ieri sera maratona sul web a cui hanno preso parte numerosi scienziati

Alla scienziata e senatrice a vita, dopo gli auguri dell’aula di palazzo Madama e’ arrivato stamane il messaggio del vice presidente del Senato, Vannino Chiti che la ringrazia per “il suo impegno costante nel campo della scienza e a servizio delle istituzioni” e per il suo essere “un esempio prezioso e un punto di riferimento costante per le giovani generazioni”.

GLI AUGURI DI NAPOLITANO – Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha espresso alla senatrice a vita Rita Levi Montalcini, in occasione del suo compleanno, affettuosi auguri e sincera ammirazione. Ne dà notizia l’ufficio stampa del Quirinale.

SCHIFANI,ESEMPIO CORAGGIO PER GIOVANI GENERAZIONI – “Cara Senatrice, in occasione della felice ricorrenza del tuo centoduesimo compleanno, desidero inviarTi, anche a nome dei colleghi Senatori, gli auguri più cordiali e affettuosi. Il tuo straordinario impegno dedicato alla ricerca scientifica e al servizio delle Istituzioni merita un sincero ringraziamento da parte di noi tutti, come altissimo esempio di coraggio, per lo sviluppo culturale e per la crescita delle nuove generazioni”. Così il Presidente del Senato, Renato Schifani, nel telegramma inviato alla Senatrice a Vita Rita Levi Montalcini in occasione del suo centoduesimo compleanno.

FINI, DONA LUSTRO E ORGOGLIO ALL’ITALIA NEL MONDO – Il Presidente della Camera dei deputati, Gianfranco Fini, ha inviato un messaggio di auguri alla senatrice Rita Levi Montalcini in occasione del suo compleanno. “Desidero farle giungere – si legge nel messaggio – le più fervide espressioni augurali, mie personali e dell’intera Camera dei deputati, in occasione del suo 102.mo compleanno. Desidero esprimerLe al contempo – aggiunge Fini – il mio sincero apprezzamento per il suo continuo e costante impegno a favore della ricerca scientifica donando lustro e orgoglio all’Italia nel mondo. Nel formularLe il mio elogio anche per la sua attività nelle Istituzioni e nella società – conclude – le manifesto i sensi della mia più alta stima”.

(Da:ANSA.it-22 apr 2011)-foto da internet

latteSecondo uno studio pubblicato sul British Food Journal, i fosfolipidi contenuti nella bevanda agiscono in modo positivo anche sul tono dell’umore e sulle funzioni cognitive.

TRIER (GERMANIA) – Vuoti di memoria, difficoltà di concentrazione, umore sotto i piedi e stress a livelli galattici? Ci vuole un bicchiere di latte, il rimedio più naturale e “dolce” per combattere gli effetti della frenetica vita moderna. Infatti, secondo uno studio pubblicato sul British Food Journal, i fosfolipidi contenuti nel latte hanno la capacità di agire in modo positivo sul tono dell’umore, sulle funzioni cognitive e sulla risposta allo stress.

TEST SU 46 ADULTI. Lo studio, condotto dall’università tedesca di Trier, si è svolto per tre settimane su 46 adulti e ha evidenziato come l’assunzione quotidiana di fosfolipidi del latte si sia accompagnata con un miglioramento della memoria e della capacità sia psicologica che endocrina di reagire allo stress, soprattutto in soggetti sottoposti a elevati e cronici livelli di stress. Tra i fosfolipidi, che costituiscono l’1% della frazione di grassi del latte e che sono anche i principali costituenti della membrana cellulare, gli scienziati hanno analizzato in particolare la fosfatidilserina (PS) di cui è stata studiata l’utilità nei casi di calo di memoria e di attenzione.

ELEMENTO FONDAMENTALE NELL’ALIMENTAZIONE. Un effetto prezioso durante tutta la vita, e in particolare mano a mano che avanza l’età, visto che con il passare degli anni il livello di questo fosfolipide diminuisce rapidamente. Per questa ragione è importante non farlo mai mancare nell’alimentazione quotidiana, scegliendo gli alimenti che forniscono naturalmente la fosfatidilserina, come il latte. Visto l’interesse di questi risultati, i ricercatori hanno espresso l’intenzione di proseguire ed estendere i loro studi per indagare più a fondo gli effetti positivi del consumo di latte sull’umore e sulle funzioni cognitive.

(Da:TG1online-22 apr 2011) -foto da internet


manifesto avis

Il Consiglio  Direttivo della sezione Sandro Monne di Orosei comunica  che questa  è la  seconda delle quattro soste ufficiali del calendario 2011. Memori e grati dell’ottimo risultato ottenuto nell’ultima donazione del 2011 siamo convinti che quest’anno riusciremo a migliorare ancora grazie al grande cuore delle donatrici e donatori il cui numero siamo lieti di comunicare che è in forte crescita.
Cogliamo  questa occasione per informare chi ancora non avesse donato e volesse farlo sarà la benvenuta e il benvenuto ricordando che il sangue donato è un gesto di grande altruismo e amore verso la vita di chi ne ha bisogno.

Ricordando che il 2011 è l’Anno Europeo del Volontariato porgiamo ai nostri soci e socie, donatrici e donatori e a tutti i nostri migliori auguri di…

Buona-pasqua-avis


PallavoloSono iniziate ieri le fasi delle finali provinciali del campionato under 14 femminile di pallavolo.

Scenderanno in campo quattro squadre: Pvn Nuoro, Marmock Lotzorai, Mi.An. Volley Galtellì e Club Volley Dorgali. Prima semifinale di andata tra la Pvn Nuoro e Club Volley Dorgali, (vinta dalle nuoresi) che si affronteranno nel match di ritorno a campi invertiti il 28 aprile. Giovedì prossimo invece si disputerà anche l’altra semifinale che metterà davanti Marmock Lotzorai e Mi.An. Volley Galtellì.

Il match di ritorno previsto due giorni dopo il 30 aprile in Baronia. La finalissima tra le due squadre vincitrici delle semifinali si giocherà invece sabato 7 maggio nella palestra comunale di Galtellì alle ore 19. Dal confronto uscirà la squadra campione provinciale.

( Da:Unione Sarda-fabio ledda- 20 apr 2011)-foto da internet

Un gruppo di giovani ha costituito in città il “Comitato antinucleare nuorese”, contro la costruzione di centrali nell’isola.

no nucleareUn problema (forse) superato, alla luce della decisione del governo di sospendere il programma nucleare.

Il sodalizio, comunque, proseguirà la sua attività di sensibilizzazione della popolazione «sui rischi ecologico-sanitari, nonché socio-economici» che deriverebbero in seguito a una simile decisione. Il comitato, che non ha nessun legame con partiti politici, si presenterà domani nel corso di una conferenza stampa, nell’aula magna dell’Istituto “F. Ciusa”.

Durante l’incontro saranno illustrate anche le iniziative che il gruppo ha intenzione di portare avanti. La prima è in programma sabato con un sit-in che inizierà alle 17. Sabato 7 maggio è invece in programma un corteo silenzioso che partirà alle 15 da piazza Sardegna e si snoderà per le vie della città, per concludersi in piazza Vittorio Emanuele, dove i ragazzi daranno vita a un dibattito con intellettuali ed esperti sul tema del nucleare, seguito da un concerto di gruppi musicali locali.

(Da:Unione  Sarda-20 apr 2011)

L’evento. Per il quinto anno consecutivo il paese mette a disposizione dei visitatori i suoi tesori artistici

Galtellì: Piazza Parrocchia

Galtellì: Piazza Parrocchia

Per il quinto anno consecutivo il Comune in collaborazione con la Pro loco, la società di servizi Tramas e gli operatori commerciali, per il giorno di Pasquetta aprono gratuitamente ai visitatori il paese e i suoi tesori ambientali storici e culturali. Una iniziativa che sinora ha premiato lo sforzo della “comunità ospitale” e che nelle edizioni precedenti ha visto il paese invaso da centinaia di turisti provenienti da diverse parti dell’isola.

Il programma prevede visite guidate di tutte le chiese medioevali presenti all’interno del antico borgo, degli ambienti che sono stati fonte di ispirazione del Nobel per la letteratura Grazia Deledda, dell’ufficio turistico per la distribuzione del materiale illustrativo e del castello di Pontes.

galtelli-museo-etnografico-sa-domo-de-sos-marras1Perno della giornata, che conclude la Settimana santa con i suoi antichi riti tradizionali, sarà la visita al museo etnografico «Sa domo ’e sos Marras» dove i dirigenti della pro loco e le guide offriranno ai visitatori la degustazione di prodotti tipici oltre alla presentazione dell’antica casa padronale adibita a luogo della memoria attraverso l’esposizione degli strumenti della cultura pastorale e de sos massaios.

In questa iniziativa si inseriscono anche gli operatori economici locali (strutture ricettive e di ristorazione) che per l’occasione hanno predisposto dei pacchetti diversificati sia per il fine settimana di Pasqua che per il giorno di Pasquetta. Proposta che è stata distribuita a diversi tour operator e pubblicata nel sito internet del comune www.galtelli.com.

sa preta istampata

sa preta istampata

CRISTO DEL TUTTAVISTAGli organizzatori dell’iniziativa suggeriscono anche la visita al monte Tuttavista, che grazie alla sua posizione consente di godere di uno scenario mozzafiato da cui è possibile ammirare tutte le bellezze che si presentano lungo il golfo di Orosei, dalle coste dorgalesi sino alle spiagge incantate di Biderosa.

D’obbligo anche la visita al Crocifisso issato in cima al monte, una statua bronzea alta dodici metri, e al monumento naturale de Sa preta istampata. Ospite e animatore della giornata di festa sarà il coro El Vajo di Chiampo, comune del vicentino gemellato con il comune di Galtellì da circa dieci anni.

(Da:La Nuova-Angelo Fontanesi-20 apr 2011)

BONSAI_AID_AIDS_Aids, ovvero, una malattia che grazie ai farmaci è “relativamente”sotto controllo nei Paesi sviluppati ma è drammaticamente presente nei Paesi poveri, Africa ed Asia in particolare, con un numero crescente di casi tra donne e bambini.

“Quanto succede in luoghi che sembrano lontani, nel mondo di oggi succede praticamente di fianco a noi”. Lo sottolinea Anlaids,ass.naz.per la lotta contro l’Aids, presente nei giorni 22, 23 e 24 aprile, in 3500 piazze italiane, con l’iniziativa “Bonsai Aid Aids 2011“.

In cambio di un contributo, volontari Anlaids offrono un bonsai, albero bisognoso di cure. I fondi raccolti sono destinati a sostenere i progetti dell’associazione. Info su www.anlaids.org

(Da:Televideo.Rai.it-18 apr 2011)

orosei: i 22 anni della croce bianca (associazione volontari del soccorso)

A Orosei l’Anlaids sarà presente nella giornata di sabato 23 aprile con i volontari della Croce Bianca con la loro postazione  nel Piazzale del Comune in Via S.Veronica in un gazebo dove resteranno fino all’esaurimento delle scorte di questa preziosa pianticella sicuri del grande cuore solidale che le oroseine e oroseini hanno sempre dimostrato in queste importanti occasioni.


siniscola-panorama“S’ufitziu de sa limba sarda” apre uno sportello in città

Già attivati i servizi a Posada, Lodè e Torpè. Interventi anche nelle scuole.Un piano di intervento per salvare e garantire vitalità alla lingua dei padri.

DIFENDIAMO E USIAMO "SA LIMBA SARDA"...quella di nostri padri e nonni!A breve a Siniscola verrà istituito “S’uffitziu de sa limba Sarda”, sportello della Provincia che ha già portato all’attivazione del servizio nei comuni di Torpè, Posada e Lodè. Il provvedimento rientra nell’ambito del progetto “Guvernare cun sa limba” che è stato finanziato dal Governo allo scopo di promuovere le lingue autoctone all’interno delle pubbliche amministrazioni e in particolare nelle comunità locali.

GLI OPERATORI: L’iniziativa coinvolge in tutto 46 comuni della provincia di Nuoro (che è anche capofila e coordinatore) ed è nata con l’obiettivo di valorizzare la lingua in modo da passare da una situazione di diglossia a una di bilinguismo. Sono due i tipi di intervento previsti: il primo, mediante i cosiddetti “servizi linguistici territoriali”, che garantiscono la presenza di un operatore che organizza le attività all’interno della pubblica amministrazione, coordinando e portando a termine gli obiettivi previsti dal progetto. Il secondo invece, attraverso una forte promozione culturale e linguistica affinchè si perpetui quello scambio generazionale della lingua sarda all’interno delle famiglie e delle stesse comunità di appartenenza dove la tradizione del parlato locale si sta pericolosamente affievolendo.

L’ATTIVITÀ: Per fare in modo che il progetto venga portato a compimento c’è la necessita di una forte collaborazione tra gli ambiti istituzionali, ma anche dei servizi pubblici e dei mezzi di comunicazione. Ecco gli orari degli sportelli che sono stati già attivati: il lunedì a Torpè, il martedì a Posada, il mercoledì a Lodè sempre dalle 8 alle 13. Il venerdì invece, tra qualche settimana, l’apertura anche a Siniscola.

(Da: Unione Sarda-Fabrizio Ungredda-20 apr 2011)

deledda-isreDomani, alle 11,30 nella sede dell’Istituto Superiore Etnografico si terrà una conferenza stampa di presentazione del Certamen Deleddiano.

Grazia Deledda in una mia grafica

Grazia Deledda in una mia grafica

L’iniziativa, promossa dall’Isre in collaborazione con l’assessorato regionale alla pubblica Istruzione, si propone l’obiettivo di ridestare l’interesse sulla figura, l’opera, il contesto storico, sociale e civile nel quale è cresciuta ed ha operato Grazia Deledda, premio Nobel per la letteratura.

Per il Certamen è stato chiesto il patronato del ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Oltre al presidente dell’Isre Salvatore Liori e al direttore generale Paolo Piquereddu, interverranno Enrico Tocco, direttore generale dell’ufficio scolastico regionale del ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Stefano Coinu, capo di gabinetto dell’assessorato regionale della pubblica istruzione, Ugo Collu, studioso di Grazia Deledda e componente esperto del comitato per il Certamen Deleddiano e Bachisio Porru, presidente per la Sardegna dell’Associazione Nazionale Presidi.

(Da: Unione Sarda-Luca Urgu-20 apr 2011)

La squadra  e lo staff tecnico del BARONIA VOLLEY promossa in serie "C"

La squadra e lo staff tecnico del BARONIA VOLLEY promossa in serie "C"

La squadra di Animobono ha battuto il Sorso

Un successo agguantato dopo un solo anno di permanenza in D grazie alla fusione tra le due società

Grazie a un secco tre set a zero (25/6, 31/29 e 25/17 i parziali) sul Sorso che aveva chiuso al primo posto nella regular season, il Baronia Galtellì festeggia nel migliore dei modi la vittoria del campionato di serie D regionale.

IL SUCCESSO La pallavolo maschile galtellinese torna nel campionato regionale di serie C, dove mancava da solo un anno, nel migliore dei modi: con sei successi su altrettanti match giocati nei play off. Un successo straordinario iniziato in estate con l’unione tra due società baroniesi, la Mi.An di Galtellì e la Sirio di Orosei e che ha dato vita all’invincibile Baronia Galtellì. «Un cammino che ci ha dato veramente tante soddisfazioni – dicono i dirigenti del sodalizio baroniese Sabrina Carrus e Pina Cosseddu -. La nostra forza è stata quella del gruppo diventato sempre più coeso nel tempo. Mese dopo mese la squadra si è rafforzata con tanti giovani e grazie all’apporto dei veterani che hanno saputo dare quel tocco d’esperienza in più che ci ha consentito di fare il salto di categoria». Una cavalcata vincente arrivata dopo una lunga programmazione, tanto lavoro nel settore giovanile e un occhio di riguardo ai ragazzi provenienti anche dai paesi limitrofi.

LA PROMOZIONE Anche sabato il Baronia Galtellì, con in tasca ormai da una settimana la matematica certezza della promozione, non ha fatto sconti. La squadra di coach Animobono è partita subito forte, con la mentalità da grande squadra che non vuole lasciare nemmeno le briciole agli avversari. Nonostante il turnover, i tanti giovani in campo hanno dimostrato di avere ancora la fame giusta per vincere anche l’ultimo match della stagione, contro un Sorso orgoglioso e voglioso di una piccola rivincita.

IL PRESIDENTE «Ci godiamo questo successo ma è arrivato anche il tempo per i ringraziamenti – dice il presidente Michele Mastio -. Grazie all’allenatore David Animobono, che ha fatto crescere i giovani dando loro i veri valori dello sport; ai nostri giocatori, che in tutta la stagione non hanno avuto una sola ammonizione o richiamo. Meriti ai dirigenti che hanno seguito al squadra con passione e sacrificio, ai genitori, ai tifosi e all’amministrazione».

(Da: Unione Sarda-Fabio Ledda-20 apr 2011)