Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Archivio per Marzo 2013

Saranno Nuoro e la Baronia ad accogliere la settima edizione dei Giochi olimpici dei convitti.

Dal 27 aprile al 4 maggio a Orosei, Galtellì, Irgoli e Nuoro, oltre duemila ragazzi animeranno le sfide sportive tra le diverse scuole di tutta Italia. Otto giorni dedicati ai più piccoli, tra sport e socializzazione. Un’occasione straordinaria per il territorio, nell’ottica di una destagionalizzazione dell’offerta turistica che lo scorso anno ad Arbatax, e negli altri centri coinvolti nell’organizzazione dell’evento, ha portato un indotto di 700 mila euro.

L’EVENTO Così, dopo il successo della scorsa edizione, tenutasi appunto in Ogliastra, le Convittiadi tornano per la seconda volta in Sardegna. L’Anies (l’associazione nazionale degli istituti educativi statali) ha nuovamente assegnato l’organizzazione della manifestazione al convitto nazionale “Vittorio Emanuele II” di Cagliari.

Il programma dell’evento verrà presentato venerdì prossimo a Cagliari; interverranno Luigi Crisponi, assessore regionale al turismo; Piero Porru, rettore del convitto nazionale “Vittorio Emanuele II” Cagliari, del direttivo Anies; Francesco De Falco, del convitto nazionale “Vittorio Emanuele II” Cagliari; Marco Demurtas e Giovanni Sedda, di Portale Sardegna. Franco Mula, sindaco di Orosei, e Giovanni Porcu, assessore al turismo di Galtellì. Per otto giorni, quindi, tra aprile e maggio, duemila ragazzi tra gli 11 e i 16 anni provenienti dai convitti di tutta Italia, si cimenteranno in diverse discipline sportive e non, dal calcio al beach volley, dalla recitazione al canto.

(da:L’Unione Sarda-30 mar 2013)

Vi comunichiamo che il ‘Museo Casasoddu‘ in Orosei via Roma n. 1, nelle giornate in oggetto resterà aperto al pubblico, gruppi o comitive, osservando i seguenti orari:

mattino: 9:00 – 13:00

pomeriggio: 15:30 – 20:00

Per informazioni, orari e altri giorni non indicati,

si potrà prenotare telefonando ai numeri:

329 7923022 – 347 4016467

Il Presidente

Giuseppe Soddu

Gli itinerari dello spirito,

alla scoperta dei santuari della Sardegna.

Domenica 31 marzo, giorno di Pasqua, andrà in onda su Rai 3, alle 13,25, il documentario “Le vie del sacro” di Antonio Rojch, proposto dalla sede regionale della Rai diretta da Romano Cannas.

E’ un percorso che parte da Galtellì, dove 400 anni fa il Crocifisso miracoloso sudò sangue, per seguire il cammino di San Giorgio di Suelli, le strade dei frati cappuccini Fra Nicola da Gesturi e fra Ignazio da Laconi, poi ancora Mandas, col cammino di Santu Jacu.

E infine la via di Santa Barbara, un viaggio fra le chiese dedicate alla santa e l’antica civiltà mineraria, che l’Unesco ha riconosciuto come patrimonio dell’umanità.

Marco Camedda

  Lunedì 1 aprile, in occasione della Pasquetta il Museo Etnografico Sardo e il Museo Deleddiano – casa di Grazia Deledda di Nuoro saranno aperti dalle ore 9:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18.00.

Museo Etnografico Sardo

Via A. Mereu, 56

08100 Nuoro

Tel. 0784 257035

Museo Deleddiano – casa di Grazia Deledda

Via Grazia Deledda, 42

08100 Nuoro

Tel. 0784 258088

(DA:comunicato dell’ISRE-27 mar 2013)

Oggi venerdì 29 marzo è stato raggiunto il numero previsto di partecipanti per il corso di tessitura “Momenti di Trama” organizzato nella Biblioteca Comunale di Galtellì “Don G. Cosseddu”per cui  le iscrizioni (citate nella sottostante locandina)sono state chiuse.

“MOMENTI DI TRAMA”

E’ un corso base di tessitura e arazzo con telaio a quadro o verticale,  promosso dal Comune di Galtellì in collaborazione con la Biblioteca associata di Irgoli, loculi, Onifai, Galtellì.

Da un punto di vista tecnico-produttivo la tessitura è l’arte di costruire un tessuto attraverso l’intreccio dei fili di ordito con quello di trama, e se questo aspetto è essenziale nel percorso di apprendimento proposto, l’approccio alla tessitura manuale vuole essere sopratutto mezzo per ritrovare la propria creatività, riappropriarsi del proprio tempo seguendo i ritmi lenti, silenziosi e meditativi del telaio, provare la soddisfazione di concretizzare il proprio sentire.

Nella tela del telaio si tesse l’esistenza stessa, tra ordito, filo portante , che rappresenta il nostro bagaglio genetico e il nostro vissuto e la trama, il disegno che costruiamo, ciò che il destino ci fa incontrare nel percorso, si sviluppa un dialogo talvolta contraddittorio e comunque creativo che porta a crescere e progredire. Fili e colori che immaginiamo e progettiamo ne catturano altri che solo la fantasia e il caso ci suggeriscono. L’uso del telaio verticale o primitivo, apparentemente semplice e di facile utilizzo lascia ampio spazio alla capacità espressiva di ognuno e coniuga al meglio gli aspetti artigianali e artistici della tessitura. Esso è strumento utile per sperimentare un avvicinamento tra cultura e natura, tra l’ideare e il fare, fra l’intellettuale e il materiale.

Momenti di trama prenderà il via mercoledì 3 aprile alle ore 17.30 nella sede della Biblioteca comunale di Galtellì. Il corso della durata di 30 ore, curato dal maestro d’arte applicata Sara Puggioni, è rivolto a max 8 adulti e giovani dai 16 anni che non possiedano alcuna esperienza. Contenuti del corso: Cenni sulla storia dell’arazzo, armatura e orditura del telaio, tela e reps; progettazione e realizzazione di un manufatto.

Ad ogni partecipante è stato consegnato  un Kit composto da telaio, filati e aghi.

GALTELLÌ: l'edificio della Biblioteca Comunale "Don G.Cosseddu"(foto camedda-2010)

(DA:comunicato Biblioteca Comunale “Don Giovanni Cosseddu-Galtellì)

Calendario dei Comuni associati

Irgoli – Galtellì – Loculi e Onifai

(Da: sito istituzionale Comune di Irgoli-29 mar 2013)

La stella sarda dei musical e il pianismo di Poulenc

A Nuoro generazioni e repertori distanti per due appuntamenti con la musica a tutto tondo.

Il 3 aprile “Broadway Baby” con l’attrice e cantante Veronica Appeddu, già premiata come nuovo talento del teatro musicale italiano. A seguire, il 4, duo pianistico con Maurizio Moretti e Gabriel Tacchinò, ultimo allievo vivente di Poulenc e più volte diretto da Karajan e Muti

I due concerti saranno alle 20:30 all’Auditorium dell’Isre.

Quattro passi per Broadway e la grande musica di Poulenc. I prossimi due appuntamenti della Stagione Classica di Primavera dell’Ente Musicale di Nuoro offrono aspetti molto diversi della musica, con almeno un punto in comune: l’apertura della rassegna ai repertori di qualità. Mercoledì 3 aprile sarà presentato “Broadway Baby”, lo spettacolo con la giovane stella sarda dei musical: Veronica Appeddu. Il giorno successivo, (giovedì 4 aprile) sarà la volta di un duo pianistico eccezionale: Gabriel Tacchinò, ultimo allievo vivente di Poulenc, e Maurizio Moretti, uno dei nomi di punta del pianismo italiano nel mondo.

“Broadway Baby” riporta nell’isola una giovanissima attrice e cantante diventata già una piccola star nel suo campo e premiata di recente agli “Italy Awards 2012”, gli oscar del teatro musicale italiano. Con lei Jacopo Tore, pianista nuorese cresciuto proprio fra le iniziative dell’Ente Musicale. Lo spettacolo è un salto nel sontuoso repertorio dei musical americani: da “Rent” a “Wicked”, senza dimenticare i titoli arrivati sul grande schermo: “La Bella e la Bestia”, “A Chorus Line” e molti altri, compreso “Les Miserables”, fresco di Oscar. Alcuni dei titoli in programma l’hanno già vista protagonista di importanti produzioni nazionali: è il caso di “Biancaneve”, “Rent” e “Les Miserables”, che le hanno consentito di mettersi in luce fino ad essere riconosciuta come la migliore interprete italiana dei musical della stagione appena conclusa.

Giovedì 4 aprile tocca al duo pianistico formato da Maurizio Moretti, che il pubblico nuorese conosce anche come direttore artistico della Stagione Classica, e l’ultimo allievo vivente di Francis Poulenc, Gabriel Tacchinò. Dopo avere studiato con il grande compositore francese nel conservatorio di Parigi, Tacchinò ha potuto costruire una carriera internazionale costellata da nomi di prima grandezza: è stato diretto da Herbert Von Karajan e Riccardo Muti, solo per citare due personaggi di fama internazionale, e ha suonato con le più grandi orchestre, dai Berliner Philarmoniker all’Orchestra Filarmonica della Scala.

Il suo partner artistico in questa occasione sarà il pianista cagliaritano, uno dei maestri italiani che negli ultimi anni si è fatto maggiormente apprezzare sulle scene concertistiche internazionali (è di pochi mesi fa l’esibizione alla Carnegie Hall di New York). La costante ricerca estetica e personale è testimoniata anche dalle parole di un artista di musicista levatura come Aldo Ciccolini, che ne ha sottolineato “la straordinaria vitalità ritmica, un senso innato del fraseggio e notevolissime possibilità tecniche”.

Il repertorio del concerto a quattro mani si concentrerà soprattutto sulle musiche di Poulenc e Deboussy, con l’aggiunta di alcune intense pagine di Ravel e Satie.  Il concerto sostituisce quello previsto per la stessa data, in cui era prevista l’esibizione della pianista Joanna Li, e purtroppo cancellato per motivi tecnici.

La Stagione proseguirà poi con l’Ensemble SpazioMusica (il 17 aprile) e l’Ensemble Variabile (il 26 aprile), e ancora il duo Issoglio-Norzi (il 2 maggio). La chiusura sarà affidata al duo pianistico Sonora Mente, formato da Monique Ciola e Edoardo Bruni (il 10 maggio) con un concerto incentrato sulle danze.

Gli abbonamenti per la Stagione Primaverile sono in vendita a 30 euro (ridotto: 15 euro), mentre il prezzo dei singoli biglietti è di 8 euro (ridotto: 5 euro).

La Stagione Classica dell’Ente Musicale di Nuoro è organizzata con il contributo del Mibac, della Regione Autonoma della Sardegna, della Fondazione Banco di Sardegna, del Comune di Nuoro e in collaborazione con l’Istituto Superiore Regionale Etnografico.

Di seguito, le schede e il programma.

VERONICA APPEDDUvoce

Pur giovanissima, è già assurta agli onori della cronaca grazie alla recente vittoria dell’importantissimo “Italy awards 2012” che premia la miglior attrice di Musical italiana. Diplomata presso la Bernstein School of Musical Theatre (BSMT) di Bologna diretta da Shawna Farrell dove ha studiato con importanti docenti (Canto con Shawna Farrell, Candace Smith, Marco Morbidelli, Claudio Fabro, Recitazione con Mauro Simone, Michele Cosentini, Francesca Ballico, Paola Capra, Danza classica e jazz con Susanna Della Pietra, Paola Ottino, Monica Tinti e Marcello Fanni, Tip Tap con Franco Panizzut, Teoria musicale e solfeggio con Andrea Ascari e Vincenzo Li Causi). Ha frequentato masterclass di canto (Faye Nepon e Nathan Martin), Danza e repertorio (Francesca Taverni), Recitazione (Mauro Simone e Alessandra Frabetti). Nel 2004 ha frequentato il primo di tre seminari “Nuoro Jazz” dove ha studiato canto con Maria Pia De Vito e Elisabetta Antonini. Si è esibita con i BSMT Singers anche come solista e con il Cosmoprof come solista. Ha partecipato, spesso con ruoli di protagonista, nelle produzioni nazionali “Biancaneve”, “Les Miserables”, “Spring Awakening”, “Witches of Eastwick” e “Rent”.

JACOPO TOREpianoforte

All’età di 7 anni frequenta il corso di propedeutica musicale presso la scuola civica di Nuoro, due anni dopo comincia lo studio di pianoforte con il M. Andrea Ivaldi. A 12 anni partecipa al seminario Nuoro Jazz vincendo la borsa di studio. Un anno dopo vince il primo premio al concorso “Sulle orme di Mozart” a Macomer; contemporaneamente continua gli studi presso la scuola civica di Nuoro (M. Andrea Ivaldi) e frequenta i seminari Jazz estivi e invernali seguendo lezioni e masterclass sostenute di Roberto Cipelli, Uri Caine, Stefano Bollani, John Abercrombie, David Linx, Butch Morris, Airto Moreira, Sheila Jordan. A quindici anni è iscritto al conservatorio. Si diploma presso l’istituto magistrale a indirizzo musicale, studiando come primo strumento canto (lirico). Nei tre anni successivi vince un primo posto, un secondo e terzo posto nella sua categoria al concorso “Monte acuto – per Elisa”. Partecipa a masterclass di musica classica con F. Rtzezki, A. Revel, M. Baglini, E. Pace, Stellini, R. Zanòn, J. Knauf. Collabora con spettacoli teatrali, è attivo a Sassari con la corale Canepa. Nel 2011 nell’ambito della rassegna di Musica Elettronica ‘Terra Fertile’ a Sassari, ha tenuto concerti per Pianoforte Preparato e Live Eletcronics. È iscritto in composizione presso il Canepa di Sassari. Nell’agosto 2011 nel cortile casa Pinna, a Nuoro, compone ed esegue la musica per il film muto “Cenere“ di G. Deledda. Nel 2011 ha collaborato come pianista all’esecuzione di “Praxodia” opera allestita in coproduzione conservatori di Sassari e Cagliari, in omaggio a Franco Oppo (compositore), all’esecuzione a Cagliari è presente l’autore. Nel 2012 partecipa alla stagione concertistica nel comune di Monte Compatri (Roma) esibendosi al clavicembalo e a Roma tiene un concerto al pianoforte in occasione della mostra di una pittrice tedesca. Presso il Conservatorio “Luigi Canepa” di Sassari si laurea in pianoforte (corso accademico di I° Livello) col massimo dei voti. È attualmente iscritto al biennio di specializzazione in pianoforte al conservatorio di Sassari.

GABRIEL TACCHINÒ – pianoforte

La sua carriera internazionale è iniziata con l’invito da parte di Herbert von Karajan a suonare con lui e due prestigiose orchestre: i Berliner Philharmoniker, l’Orchestra del Teatro alla Scala e al Wiener Festwochen. Dopo questi importanti debutti si è esibito con altri celebri direttori (Pierre Monteux, Riccardo Muti, Georges Prêtre, Eliahu Inbal, Michel Plasson, Cristoph von Dohnany, Kent Nagano, Shlomo Mintz, Jean-Claude Casadesus, Emmanuel Krivine) e nelle piu rinomate sale da concerto (Carnegie Hall, Lincoln Center, Berliner Philarmonie, Concertgebouw Amsterdam, Musikverein Wien, Salzburg Festspielhaus, La Scala, la Sala Tchaikowsky di Mosca e la Royal Festival Hall di Londra). Gabriel Tacchino, alunno di Jacques Février e di Marguerite Long, è stato di questo fatto molto vicino specialmente alla tradizione musicale di Ravel, Debussy, Fauré, Saint-Saens. Come unico alievo di Francis Poulenc ha avuto l’onore di assorbire alla sorgente l’eccezionale tradizione cosi come l’intuizione unica del fraseggio e dello stile del suo Maestro e le sue registrazione per EMI dell’ integrale della sua musica piano solo, musica da camera, e concerti per piano e orchestra con Georges Prêtre fanno opere di riferimento. Numerose sue registrazioni per EMI, Warner Classics, Vox, Erato,Verany hanno ricevuto importanti riconoscimenti, quali: Grand Prix du Disque-Victoires de la Musique-e Diapasons d’Or. Ha insegnato pianoforte per numerosi anni al Conservatorio National Supérieur de Musique di Parigi e tenuto numerose masterclass in Canada, Giappone, Cina, Corea, al Mozarteum di Salisburgo ,in Svizzera, all’accademia internazionale d’estate in Nizza. Dal 2006 al 2008 ha tenuto corsi alla Tokyo National University of Fine Arts and Music ( Geidai ). Dal 2009 è professore per Masterclass alla Schola Cantorum di Parigi. Particolarmente affascinato dalla musica da camera si è esibito con colleghi di chiara fama quali Isaac Stern, Mstislav Rostropovitch, Jean Pierre Rampal, Maxence Larrieu, Patrick Gallois, Pierre Amoyal, Patrice Fontanarosa, sua moglie Sandrine Tacchino in duo quattro mani e due pianoforte ed in quintetto con l’Enesco Quartet ed il Fine Arts Quartet.

MAURIZIO MORETTI – pianoforte

Nato a Cagliari, ha studiato con Ida Allegretto Oppo al Conservatorio della sua città proseguendo gli studi con Aldo Ciccolini che di lui ha scritto: “Una straordinaria vitalità ritmica, un senso innato del fraseggio e notevolissime possibilità tecniche caratterizzano il suo pianismo, è sicuramente uno dei pianisti più dotati e personali”. Ospite regolare di prestigiose istituzioni, suona per importanti teatri in tutta Europa tenendo regolari tournee in Francia, Spagna, Germania, Austria, Est Europa suonando con le più importanti orchestre quali la: Concertgebouw Orchester, Chamber Orchestra of Europe, Filarmonica di Mosca, Orchestra Filarmonica di Praga, I Solisti del Teatro alla Scala, Solisti di Mosca con Yuri Bashmet, Orchestra di Padova e del Veneto, Orchestra Toscanini dell’Emilia Romagna, Stockholm Chamber Orchestra, Philharmonique de Grenoble, Philharmonie der Nationen, Orchestra Filarmonica di Caracas, Frankfurt Philharmonie, Orchestre de Cannes, Orchestre National de Lille, Budapest Symphony Orchestra, Orchestra Nacional do Porto. Suona regolarmente in duo pianistico con Angela Oliviero. Il 2006 ha segnato il loro debutto con enorme successo negli USA, mentre il 2008 li vedra’ debuttare a Berlino alla Konzethaus e protagonisti di un tour in Cina. Ha ricoperto la carica di Solista Ospite Principale e Consulente Artistico presso la Orchestra Sinfonica Abruzzese e attualmente è il Direttore Artistico e il Solista Ospite della Europa Philarmonie Orchestra di Magdeburg (Germania), dal 1997 è il direttore artistico dell’Ente Musicale di Nuoro. Recentemente è stato nominato Direttore Artistico della prestigiosa Orchestra da camera I solisti di Perugia. Nel 2004 il suo debutto negli USA come solista, dove ha interpretato il Primo Concerto di Brahms, il primo concerto di Beethoven e il Concerto # 27 di Mozart con diverse orchestre in Indiana, New Mexico, Wyoming, Kentucky, Wisconsin e Colorado. La sua incisione del Primo concerto di Beethoven, dal vivo alla Musikhalle di Hamburg , diretto da Justus Frantz ha riscosso un grande successo fra gli appassionati e gli addetti ai lavori. Nel 2006 sono usciti due CDs dedicati a Mozart (concerti per pianoforte) e uno per piano duo. Nel 2008 usciranno altri due CDs (uno dedicato a Wagner – Liszt e un altro per piano duo) per la casa discografica Camerata Tokyo. Professore Ospite alla Millikin University of Illinois (USA) e alla University of Wyoming (USA) è stato recentemente invitato per la seconda volta alla Accademia Internazionale di Musica di Kusatsu in Giappone per la classe di perfezionamento pianistico e dal 2009 sara’ Professore Ospite alla prestigiosa Hochschule für Musik FRANZ LISZT a Weimar (Germania).

ENTE MUSICALE DI NUORO
STAGIONE CONCERTISTICA PRIMAVERILE 2013

(DA:comunicato Ente musicale di Nuoro-29 mar 2013)

“Sono autistico”, ecco cosa mi piacerebbe dirti!

In Italia ne soffrono 6 bimbi su 1.000, soprattutto maschi

“In Italia 6 bimbi su 1.000, soprattutto maschi, sono autistici. Di questi, circa un terzo è affetto da una forma grave, senza una vera e propria speranza di cura”. Sono le ultime stime della Società italiana di neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza.

Il percorso che ci porterà al 2 aprile, Giornata mondiale dell’Autismo, comincia con la Lettera che Angel Riviere, professore di Psicologia evolutiva presso l’Università Autonoma di Madrid, scomparso nel 2000, ha scritto facendosi interprete dei bisogni di chi è colpito da autismo.

1 – Aiutami a capire, organizza il mio mondo ed aiutami ad anticipare quello che succederà. Dammi ordine, struttura, non il caos.

2 – Non ti angosciareper me, perché anch’io mi angoscio, rispetta i miei ritmi. Avrai sempre l’opportunità di relazionarti con me se capisci i miei bisogni e la mia maniera così particolare di capire la realtà. Non ti buttare giù, è normale che io vada sempre avanti.

3 – Non mi parlare troppo, né troppo velocemente. Le parole non sono “aria” che non pesa come a te: per me possono essere un carico molto pesante. Molte volte non sono il miglior modo di rapportarsi con me.

4 – Come gli altri bambini, gli altri adulti, ho bisogno di condividere il piacere e mi piace fare bene le cose, anche se non sempre ci riesco. Fammi sapere in qualche modo quando le ho fatte bene e aiutami a farle senza errori. Quando faccio troppi errori, mi succede come a te, mi irrito e finisco per rifiutarmi di fare le cose.

5 – Ho bisogno di più ordine di te, di capire in anticipo le cose che mi accadranno. Dobbiamo patteggiare i miei rituali per convivere.

6 – Per me è difficile capire il senso di molte delle cose che mi chiedono di fare. Aiutami tu a capire. Cerca di chiedermi di fare delle cose che abbiano un senso concreto e decifrabile per me. Non permettere che mi annoi o che rimanga inattivo.

7 – Non mi invadere eccessivamente. A volte voi persone “normali” siete troppo imprevedibili, troppo rumorosi, troppo stimolanti. Rispetta le mie distanze, ne ho bisogno, ma non mi lasciare solo.

8 – Quello che faccio non è contro di te; se mi arrabbio, mi faccio del male, distruggo qualcosa o mi muovo in eccesso, è perché è difficile capire o fare quello che stai chiedendo. Già faccio fatica a capire le intenzioni degli altri, quindi non attribuirmi delle cattive intenzioni.

9 – Il mio sviluppo non è assurdo, anche se è difficile da capire. Ha una sua logica. Molti dei comportamenti che voi chiamate alterati sono il mio modo di affrontare il mondo con questa mia speciale maniera di essere e di percepire. Fai uno sforzo per capirmi.

10 – Voi siete troppo complicati. Il mio mondo non è né complesso né chiuso, anche se ciò ti sembra strano. Il mio mondo è talmente aperto, senza veli né bugie, così ingenuamente esposto agli altri, che sembra difficile da capire. Io non abito in una “fortezza vuota” ma in una pianura talmente aperta che può sembrare inaccessibile. Sono molto meno complicato di voi persone “normali”.

11 – Non mi chiedere di fare sempre le stesse cose, non esigere sempre la solita routine. Non diventare autistico per aiutarmi, sono io l’autistico !!

12 – Non sono soltanto un’autistico, ma sono anche un bambino, un adolescente, un adulto. Condivido molte delle cose dei bambini, degli adolescenti e degli adulti che voi chiamate normali. Mi piace giocare, divertirmi, voglio bene ai miei genitori, sono contento se riesco a fare bene le cose. Ci sono molte più cose che ci possono unire che non dividere.

13 – E’ bello vivere con me. Ti posso dare tante soddisfazioni, come le altre persone. Ci può essere il momento in cui io sia la tua migliore compagnia.

14 – Non mi aggredire chimicamente. Se ti hanno detto che devo prendere dei farmaci fammi controllare periodicamente da uno specialista.

15 – Né i miei genitori né io abbiamo colpa di quello che mi succede. Non ce l’hanno nemmeno i professionisti che mi aiutano. Non serve a niente darsi le colpe l’un con l’altro. A volte le mie reazioni e i miei comportamenti possono essere difficili da capire e da affrontare, ma non è colpa di nessuno. L’idea di colpa produce soltanto sofferenza, ma non aiuta.

16 – Non mi chiedere in continuazione di fare cose che io non sono capace di fare. , ma chiedimi invece di fare cose che io sono in grado di fare. Aiutami ad essere più autonomo, a capire meglio, a comunicare meglio, ma non mi dare aiuto in eccesso.

17- Non devi cambiare la tua vita completamente perché convivi con una persona autistica. A me non serve che tu ti senta giù, che ti chiuda in te stesso, che ti deprima. Ho bisogno di essere circondato da stabilità e di benessere emozionale per sentirmi meglio.

18- Aiutami con naturalezza, senza che diventi un’ossessione. Per potermi aiutarmi devi avere anche tu dei momenti di riposo, di svago, di cose tue. Avvicinati a me, non te ne andare, ma non ti sentire costretto a reggere un peso insopportabile.

19-Accettami così come sono, non mettere condizioni al tuo accettare che io non sia più autistico, lo son o. Sii ottimista ma senza credere alle favole o ai miracoli. La mia situazione normalmente migliora anche se non si potrà parlare di guarigione.

20Anche se per me è difficile comunicare e non posso capire le sfumature sociali, ho dei pregi rispetto a voi che vi considerate “normali”. Per me è difficile comunicare, ma non inganno. Non ho doppie intenzioni né sentimenti pericolosi. La mia vita può essere soddisfacente se semplice ed ordinata, tranquilla, se non mi chiedi in continuazione di fare solo cose che sono difficili per me. Essere autistico è un modo di essere, anche se non è quello normale, la mia vita di autistico può essere così bella e felice come la tua che sei “normale”. Le nostre vite si possono incontrare e possiamo condividere molte esperienze.

(DA: televideoRAI.it-Gabriella Ramoni-27 mar 2013)-foto da internet

TRIBU- Spazio per le Arti – Museo Francesco Ciusa

comunica che in occasione delle festività pasquali sarà aperto e seguirà i seguenti orari:

Chiuso la Domenica di Pasqua

Lunedì di Pasquetta: 10.00-13.00 e 16.30-20.30

Vi ricordiamo che, oltre alla collezione permanente dedicata allo scultore nuorese Francesco Ciusa, sarà possibile visitare la mostra temporanea “Raffaele Ciceri. Fotografie di Nuoro e della Sardegna nel primo Novecento“.

(DA: comunicato Tribu Nuoro – Spazio per le Arti-28 mar 2013)

Il Consiglio provinciale ha approvato questa mattina all’unanimità il Piano Speditivo provinciale di Protezione Civile che ha lo scopo di disporre e coordinare le attività operative per l’attuazione degli interventi di prevenzione e soccorso in situazioni di emergenza.

Partendo dall’analisi delle problematiche e delle potenziali fonti di pericolo esistenti sul territorio il Piano individua infatti gli scenari di rischio, le strutture operative, le risorse necessarie, le procedure operative ed il modello di intervento per prevenire o fronteggiare un evento calamitoso e garantire così la sicurezza delle popolazioni e l’integrità dei beni e degli insediamenti produttivi presenti sul territorio.

Le dichiarazioni di Roberto Deriu

ROBERTO DERIU Presidente Provincia Nuoro

La Provincia di Nuoro già dal 2005 ha affrontato il tema con intensità ed attenzione – ha dichiarato il Presidente Roberto Deriu – tanto che è la prima ed unica in Sardegna che in questi anni ha lavorato proficuamente per realizzare la Sala Operativa della Protezione Civile. Vera e propria organizzazione di forze nel territorio che risponde ad emergenze classificate – ha spiegato nel suo intervento il Presidente Deriu – e che merita tutta la nostra attenzione, occupandosi della difesa di vite umane e considerato che ogni errore nella organizzazione delle forze potrebbe causare danni terribili. Il ruolo di coordinamento, posto in capo alla Provincia, può però esistere solo se c’è un luogo fisico idoneo ed attrezzato, dove i capi delle forze hanno la possibilità di monitorare il territorio e trasmettere tempestivamente ordini ed indicazioni coordinate agli operatori in campo. La Provincia di Nuoro in tal senso ha diligentemente e disciplinatamente deciso di fare il proprio dovere costruendo quel luogo fisico e dotando così il territorio di uno strumento indispensabile, un centro di coordinamento nel quale far convergere tutti i soggetti responsabili, ed oggi, l’approvazione del Piano costituisce un passo avanti verso la sua attivazione, nel rispetto delle norme che consentiranno di affrontare in modo efficace le emergenze”.

(DA: comunicato Provincia di Nuoro-28 mar 2013)

Il Comune di Orosei con il gruppo “carnevale di Sos Alinos” e con la collaborazione delle Associazioni di volontariato, ArcheOrosei e Sonos De Pitzinnos, invitano tutta la cittadinanza a partecipare alla giornata ecologica, che si terrà nelle frazioni costiere di Fuile Mare, Sas Linnas Sicas, Calaliberotto, Sa Prama, Sa Mattanosa , Calaginepro, il giorno 6 Aprile 2013, con inizio alle ore 9:00.

Come gli anni scorsi anche quest’anno ci ritroveremo tutti assieme per ripulire il nostro territorio dalle immondizie e dai rifiuti abbandonati da coloro che non rispettano l’ambiente e che cosi facendo deturpano la bellezza del nostro territorio.

Ma quest’anno grazie al vostro aiuto faremo di più!

Abbiamo pensato di ripulire tutto il nostro litorale ,compresi tutti i sentieri di accesso alle spiagge delle nostre bellissime località costiere e tutti quei sentieri che ci regalano rilassanti passeggiate fra le nostre pinete.

Ricordando che l’amore per il territorio e l’ambiente comincia anche da qui! Impariamo ad essere veri amici della natura.

Tutti dobbiamo collaborare a tenere pulito il nostro territorio, perché non ne possiamo avere un altro di riserva.

Al termine della giornata di lavoro pranzeremo tutti assieme nei locali della borgata, con il pranzo offerto dal gruppo “carnevale di Sos Alinos”

A nome di tutti, augurandovi una serena Pasqua,

porgo i miei cordiali Saluti

Consigliere Delegato All’ambiente

Giacomo Masala

(comunicato del 27 mar 2013)

Chi vuole perdere peso

impari a masticare lentamente.

Per ogni boccone, il tempo di permanenza in bocca dovrebbe essere di circa mezzo minuto, ben di più di quanto siamo abituati a fare mangiando il classico panino in tutta fretta.

È il consiglio che viene da uno studio dell’Università di Birmingham apparso sulla rivista Appetite, che ha preso in esame 43 studenti. Risultato: quando si mantiene più a lungo il boccone in bocca è più semplice poi controllare meglio l’impulso di sgranocchiare merende caloriche e più in generale a diminuire l’assunzione di alimenti nel corso della giornata.

Il consiglio per chi vuole mettersi a dieta è quindi semplice: oltre a scegliere alimenti sani come frutta e verdura, ricordate di masticare a lungo.

(DA: L’Unione Sarda-26 mar 2013)

APERURE PASQUALI

Il MAN comunica che, in occasione delle festività pasquali, il museo rimarrà aperto anche nei giorni di domenica 31 marzo e lunedì 1 Aprile. Il giorno di Pasqua, ultima domenica del mese di marzo, l’ingresso sarà gratuito.

SARA’ POSSIBILE VISITARE LE MOSTRE:

The Camera’s Blind Spot

e

MANINE_Piccoli capolavori dai laboratori didattici del museo MAN

Saranno rispettati i consueti orari di apertura,

dalle 10:00 alle 13:00; dalle 15:00 alle 19:00.

Vi aspettiamo!!

INFORMAZIONI:

MAN_Museo d’Arte della Provincia di Nuoro

Via Satta 27, 08100 Nuoro

Tel: +39 0784 252110

nuoro.museoman@gmail.com

Il Comune e l’Asl nuorese hanno sottoscritto un protocollo d’intesa Verranno attivati un laboratorio per i prelievi di sangue e la logopedia

Il nuovo protocollo di intesa sottoscritto il 14 marzo scorso dal sindaco di Orosei Franco Mula e dal direttore generale dell’ Asl 3 di Nuoro Antonio Maria Soru sancisce, nei fatti, lo status di “sub distretto sanitario” della bassa Baronia per la cittadella sanitaria di sant’Antonio abate.

Il documento, approvato venerdì scorso dal consiglio comunale, costituisce nella sostanza un ampliamento dell’accordo stipulato nel 2010 tra i due enti a seguito di una interlocuzione incominciata nel lontano 2007 laddove il Comune cedeva in comodato d’uso gratuito trentennale all’ Asl i locali dell’ ex alloggio per anziani di sant’Antonio per la realizzazione di una cittadella sanitaria a servizio di tutta la Valle del Cedrino.

In controparte l’ente locale riceveva, con la stessa modalità, i locali dell’ex poliambulatorio di piazza Cavallotti e quelli di via Gramsci dove attualmente ha sede la guardia medica e il consultorio familiare. Un contratto che, nonostante i forti ritardi dovuti alla note peripezia amministrative vissute dalla Asl nuorese, è in parte andato a buon fine ma che si è rivelato carente per le esigenze sanitarie del territorio. Da qui la comune volontà di definire gli accordi preesistenti e anzi di potenziarli. I punti salienti del nuovo protocollo di intesa riguardano la concessione all’azienda sanitaria di due ulteriori locali ubicati nel complesso di sant’Antonio e non ancora utilizzati dove la Asl trasferirà l’ambulatorio della guardia medica e dove verrà realizzato anche un gabinetto sanitario per i prelievi ematici per qualsiasi tipo di analisi.

Otto mesi, il tempo previsto per l’attivazione dei due nuovi servizi che non saranno le uniche migliorie sottoscritte nel protocollo di intesa. La Asl si impegna infatti a destinare ad Orosei, in pianta stabile, la figura di una logopedista. Dopo anni di attese l’azienda sanitaria nuorese ha infatti indetto un bando per l’assunzione a tempo indeterminato di 6 logopedisti da dislocare nei vari distretti della provincia e ha assicurato che uno di questi verrà collocato nella cittadella sanitaria di Orosei. Concordato inoltre anche il potenziamento dei servizi di assistenza domiciliare (Adi), quello di riabilitazione e quello di prevenzione e assistenza per i disturbi mentali. Servizi che andranno ad incrementare le potenzialità della cittadella sanitaria di sant’Antonio dove da qualche mese è già attiva la sede del 118 e dove sono state aumentate le ore di attività dei laboratori di cardiologia, endocrinologia e neuropsichiatria infantile.

(DA: La Nuova-Angelo Fontanesi-27 mar 2013)

Due giorni fa sono iniziati i lavori di recupero della chiesa di Santa Lucia, inagibile dal maggio del 2010 per il cedimento di una parte del tetto.

Il crollo era avvenuto in un pomeriggio soleggiato e solo per una pura coincidenza non aveva procurato danni a persone.

IL CROLLO Una volontaria che all’epoca si interessava delle pulizie della chiesetta aveva raccontato che al momento del cedimento si sarebbe dovuta trovare all’interno del santuario. Fortunatamente si era dovuta allontanare per qualche minuto per andare a recuperare la figlioletta che stava in casa di una parente. E proprio in quel lasso di tempo una parte del tetto della navata era venuto giù, cadendo sugli inginocchiatoi e sui banchi. Il successivo sopralluogo dei vigili del fuoco consentì di rilevare una situazione di pericolo che portò alla chiusura del tempio. Da allora la comunità di fedeli per frequentare i riti religiosi e le messe domenicali ha potuto contare su un tendone di fortuna che il comune di Siniscola fece allestire davanti al centro di educazione ambientale. Le verifiche tecniche fecero emergere la necessità di effettuare un intervento di restauro sull’intera struttura, compresi i locali della canonica e alcune pertinenze.

FINANZIAMENTI L’importo necessario per i lavori venne quantificato in circa 700 mila euro. Soldi racimolati attraverso tre stanziamenti: 100 mila euro dalla Regione, 200 mila euro dal Comune attraverso un mutuo, 300 mila euro stanziati dalla Cei e altri 100 mila euro dalla questua fatta da un comitato di fedeli che si è attivato quasi subito per contribuire al recupero della chiesetta. L’appalto dei lavori è andato alla cooperativa edile di Orani, che dopo aver ottemperato alle consuete adempienze burocratiche, due giorni fa ha finalmente aperto il cantiere. Per i fedeli della borgata dei pescatori ora si tratta di attendere i tempi tecnici necessari alla realizzazione delle opere, che dovrebbero essere portate a termine entro il prossimo gennaio.

(DA: L’Unione Sarda-Fabrizio Ungredda-26 mar 2013)

 PATTO DI STABILITA’ ANNO 2012

La Provincia di Nuoro, nonostante le grandi difficoltà dovute alla riduzione drastica dei trasferimenti erariali, pari a sei milioni di euro nell’ultimo triennio, è riuscita a rispettare il Patto di Stabilità imposto per l’anno 2012, così come fissato dalle leggi vigenti.

Il rispetto del Patto di Stabilità per il 2012 è stato certificato formalmente questa mattina dagli Uffici dell’Ente, che dovranno procedere, entro il prossimo 31 marzo, ad inviare la documentazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

I tagli devastanti, riguardanti in particolare il mantenimento dei servizi e l’esercizio delle funzioni delegate dallo Stato e dalla Regione, hanno reso l’obiettivo difficile da raggiungere ed hanno imposto alla Provincia di Nuoro di operare una politica di rigore attuata principalmente su due fronti ossia, attraverso la riduzione delle spesi correnti e di funzionamento dell’Ente stesso e la limitazione delle spese in conto capitale, relative agli investimenti.

(DA: comunicato Provincia di Nuoro-25 mar 2013)

TESTO INTEGRALE DELLA LETTERA

Galtellì, 25.03.2013 

All’Assessorato Regionale alla Pubblica Istruzione

Viale Trieste

CAGLIARI

 All’Assessorato Regionale alla Sanità

Via Roma

CAGLIARI

OGGETTO: Problematiche dislessia.

Dall’incontro tematico sui Disturbi Specifici di Apprendimento (Dislessia, Discalculia, Disgrafia, Disortografia) effettuato presso il Comune di Galtellì, rappresentativo delle esigenze del territorio della bassa e alta baronia, è emersa la presenza di un allarme sociale DSA. È emerso infatti un quadro di inadeguatezza nel dare risposte concrete a minori, e famiglie che vivono un problema della sfera degli apprendimenti, che comporta in chi li vive una riduzione dell’autostima un diffuso senso di inadeguatezza, un aumento di problematiche comportamentali, spesso facilmente etichettate come “disturbi comportamentali”.

Si ritiene che la classe politica in Sardegna, nel non dare risposte adeguate abbia dimostrato, ad oggi, non aver preso consapevolezza dell’impatto cognitivo, relazionale, affettivo, sociale ed economico che ha e che potrebbe avere nel prossimo futuro il non doversi prender cura della realtà dei minori con DSA.

Le problematiche emergenti emerse dall’incontro hanno riguardato la presenza di diagnosi pervenute in età troppo avanzata per poter intervenire nel modo più efficace possibile a causa di quasi inesistenti interventi di screenig precoci (indicati esplicitamente dalla legge 170 del 2010); tempi eccessivamente lunghi di attesa per attivare e concludere un percorso diagnostico da parte delle Aziende Sanitarie Locali, assenza nel nostro territorio di struttura accreditate abilitate alla diagnosi e “abilitazione neuropsicologica” dei Disturbi Specifici di Apprendimento, carenza di interventi di psico-pedagogico di supporto alle insegnanti.

Una problematica importante presente nella nostra realtà è che una volta pervenuti alla diagnosi non c’è alcuna risposta concreta di tipo “abilitativo”, e che non c’è da parte di nessun ente pubblico (ASL, Comune, Scuola) alcuna presa di responsabilità di intervento.

Si sollecita l’Assessorato Regionale alla Sanità e alla Pubblica Istruzione ad adottare tutti i provvedimenti anche di tipo legislativo, mediante la creazione di linee guida Regionali sui DSA ormai già presenti in diverse regioni d’Italia. Questo potrebbe essere un primo e importante passo per porre fine al “ deserto istituzionale” che oggi i bambini e ragazzi con DSA vivono, e che permetterebbe di dar sollievo al disagio di chi oggi ha bisogno di aiuto, e non ha ancora gli strumenti per difendersi a scuola e nella vita.

             Il Presidente Associazione                         Il Sindaco

“I Bambini fantasma e le 4 scimmie”                 Renzo Soro

                                        Maria Pala

Piazza SS. Crocifisso , 08020 Galtellì (NU) – Tel. 0784 90005 – fax 0784 90572 

e-mail: segreteria@galtelli.com

Sito internet: www.galtelli.com

 (DA:comunicato Comune di Galtellì-25 mar 2013)

Bel pomeriggio all’insegna di sport pulito e tanta grinta e divertimento con gli amici della Ichnosbasket Nuoro!

Così come dovrebbe essere sempre  quando si tratta di bambini, condito dalle vittorie per 30 a 24 dei nostri Aquilotti e per 29 a 28 dei nostri Esordienti in una partita sconsigliata ai deboli di cuore con continui capovolgimenti di fronte, combattuta fino alla fine.

Il tutto e’ stato preceduto dalla partita spettacolare tra Pulcini -Scoiattoli che hanno dato vita a incontri e scontri che hanno piu’ volte richiamato l’applauso del numeroso pubblico presente.

Con queste vittorie continua l’ottima marcia che i nostri ragazZi hanno intrapreso nei campionati Provinciali Minibasket. Una nota di merito va spesa per l’Aquilotto Giovanni Loddo e per l’Esordiente Francesco Loi (entrambi in maglia gialla nella foto sopra) che hanno letteralmnente suonato la carica per portare alla vIttoria le rispettive squadre.

Un ringraziamento agli amici della Ichnos per la serata e …

(Foto Pallacanestro Orosei)

PRESSIONE FISCALE AL 54%

L’Italia fa sempre di più i conti con la miseria tanto che, quest’anno, il numero di persone «assolutamente povere» supererà quota 4 milioni.

A lanciare l’allarme, l’ennesimo, è la Confcommercio, secondo la quale nel 2013 saranno ampiamente superati i 3,5 milioni di poveri certificati ufficialmente dall’Istat per il 2011. Si tratta di oltre il 6% della popolazione, contro il 3,9% registrato nel 2006.

POVERTÀ E RICCHEZZA Dati che fanno tremare i polsi e che non sono i soli. Il nuovo indicatore macroeconomico mensile della Confcommercio, denominato Misery index e diffuso nel consueto Forum di Cernobbio, certifica anche che l’Italia in cinque anni ha prodotto circa 615 nuovi poveri al giorno, e quest’area di disagio grave è destinata a crescere ancora. «Sono dati che vanno presi molto sul serio», è il commento del ministro del Lavoro, Elsa Fornero. E non va meglio sul fronte del Pil: quest’anno il calo del prodotto interno lordo italiano sarà peggiore delle ultime recenti previsioni. La Confcommercio prevede per il 2013 un taglio dell’1,7% contro un ribasso dello 0,8% indicato cinque mesi fa. Timide speranze per il 2014, anno per il quale la previsione è di un rialzo dell’1% netto.

LAVORO E FISCO Dalla ricerca emerge poi che, nella crisi del lavoro, Italia e Spagna vanno sempre più a braccetto. Nei due Paesi il rapporto di occupati rispetto alla popolazione è 37,9%, con l’Italia che dal 2007 ha perso un punto e mezzo. In Germania l’indice è al 49,3%, in Francia al 41,6%. Con un segnale chiaro: la crisi ai tedeschi ha portato un continuo aumento degli occupati. Nel 2007 il rapporto con la popolazione era solo del 46,5%, con una crescita in termini reali di due milioni di posti di lavoro. E non meno preoccupante è la pressione fiscale: quella «apparente» in Italia sarà del 44,8% medio e del 54,3% «reale», entrambi a livelli record. Per non parlare poi dei consumi: l’anno scorso -4,3%, quest’anno -2,4%. Dati che spingono il presidente della Confcommercio, Carlo Sangalli,a ribadire, tra l’altro, il suo no ad un nuovo aumento dell’Iva: è «esiziale per una domanda interna già in caduta libera da diverso tempo». Quindi spiega: «Dall’inizio della crisi, cioè dalla fine del 2007, il prodotto lordo è crollato di oltre 100 miliardi di euro in termini reali». Tutto questo è avvenuto per «un tonfo della domanda interna superiore a 140 miliardi di euro, a fronte di un contributo positivo delle esportazioni nette di circa 40 miliardi di euro». Sangalli sottolinea, quindi, che occorre sia una «rigorosa spending review» sia «il contrasto e il recupero di evasione», ma soprattutto la messa in atto «di scelte per la crescita e l’ccupazione».

(DA: L’Unione Sarda-23 mar 2013)

CORSI DI ALFABETIZZAZIONE INFORMATICA

Il Centro Diurno Delocalizzato del Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze  di Nuoro, proseguendo nel programma di decentramento delle attività riabilitative, ha promosso un corso di alfabetizzazione informatica riservato ad utenti che afferiscono al Centro di Salute Mentale (CSM) del Distretto di Siniscola.

Il corso, che va ad aggiungersi a quelli già avviati a Nuoro e a Dorgali, ha come finalità quella di fornire ai partecipanti le nozioni base di informatica, per favorire l’utilizzo del computer. I docenti saranno gli stessi operatori del Centro Diurno.

Quest’iniziativa è stata programmata e organizzata in collaborazione col Servizio Formazione Territoriale della ASL di Nuoro, all’interno del Piano di Promozione alla Salute.

Il Centro Diurno di Nuoro, ha riscontrato che tale tipologia di interventi, formativi e riabilitativi allo stesso tempo, hanno dato ottimi risultati, mentre per gli operatori è una occasione di acquisire nuove conoscenze/competenze.

Il corso ha avuto inizio il 19 marzo. La sua realizzazione è stata resa possibile grazie alla disponibilità e sensibilità degli operatori dell’Università della Terza Età di Siniscola, sede dell’iniziativa.

(DA: comunicato ASL3-Nuoro-25 mar 2013)-foto da internet

Palumbo e Ruggeri non mollano dopo

la conquista della promozione in Eccellenza

«Vogliamo chiudere il campionato imbattuti»

Il cartello The End è esposto da ormai una settimana sul girone B del campionato di Promozione grazie al largo successo di due domeniche fa ottenuto dalla Nuorese a Porto Rotondo, che ha garantito ai verdeazzurri il salto in Eccellenza con quattro giornate di anticipo sulla fine del torneo. La squadra barbaricina vuole comunque continuare a fare la protagonista in queste ultime gare della stagione.

CHIODO FISSO «Vogliamo chiudere la stagione imbattuti». Quello zero nella casellina delle sconfitte in classifica è prima di tutto un fatto d’orgoglio. Un obiettivo assolutamente alla portata di questa Nuorese, capace in questa stagione di infilare un serie di quattrodici vittorie consecutive, di vincere venti partite su ventisei. Un obiettivo alla portata ma complicato forse quasi quanto lo è stato rialzarsi per la gloriosa società di via Aosta che in estate si è affacciata in cima al baratro della cancellazione dai ranghi federali. Restano da giocare quattro gare per confermare la propria leadership. Quattro gare per pensare al futuro. Anzi cinque. Ad iniziare dalla sorprendente amichevole di sabato scorso che la Nuorese ha perso (su autorete) in casa contro l’Olbia. Giocando quasi alla pari contro una formazione che come i verdeazzurri sta dominando il proprio campionato, quello di Eccellenza, e che è ad un punto dalla matematica certezza della promozione in serie D.

IL TRASCINATORE «Pochi innesti e siamo competitivi» hanno ripetuto a fine gara Palumbo e Ruggeri. Due pilastri su cui puntare anche nel futuro. «Abbiamo dimostrato che non sfiguriamo nemmeno in un campionato di Eccellenza – afferma Nicola Ruggeri – l’Olbia è squadra fatta per vincere e ormai è ad un passo dalla D, mi auguro che l’anno prossimo si riesca a portare lassù anche la Nuorese». Per ora Ruggeri è stato un punto fermo, saltando solo un match. «Io sino a oggi ho fatto 25 partite su ventisei – ricorda lo stesso giocatore – ho saltato l’appuntamento solo due domeniche fa per squalifica. Sta alla gente giudicare il mio operato». Positivo, come quello di tutta la Nuorese. «Io ci ho sempre messo voglia nel giocare a calcio perché a me piace e non mi arrendo al primo ostacolo. Bisogna sempre avere fame per vincere – afferma Ruggeri – ed è quello che ho spiegato all’inizio del campionato quando le cose non andavano bene. Poi l’ho ripetuto: ci vuole fame e con la fame si riesce ad arrivare dove siamo arrivati. Conosco l’Eccellenza. Con qualche ritocchino la nostra è una squadra che se la gioca con chiunque».

IL BOMBER Vincenzo Palumbo è stata la chiusura del cerchio per la squadra di Coccone. Arrivato ad ottobre ha dato più peso a un attacco che con lui ha visto esplodere Cocco e Falchi. Altri due da non dimenticare nel futuro. «Contro l’Olbia abbiamo fatto una bella partita, perdere con un’autorete lascia sempre il rammarico – dice Palumbo – ma abbiamo dimostrato che possiamo competere con la prima dell’Eccellenza, disputare con questa voglia le amichevoli significa che non molliamo nemmeno in campionato». Perché l’obiettivo della Nuorese resta quello: chiudere la stagione imbattuta.

(DA: L’Unione Sarda-Fabio Ledda-25 mar 2013)

L’Associazione Culturale “Madriche” in collaborazione con la casa editrice “Il Maestrale”, con il patrocinio del Comune di Nuoro e il supporto dell’Associazione Culturale “L’ Intermezzo”, organizza la mostra collettiva  “Immagina tra le righe – Dieci fotografi per Dieci romanzi“.

L’evento si terrà al Teatro Eliseo

di Via Roma, Nuoro,

dal 29 Marzo al

7 Aprile 2013

Gli orari di apertura della mostra:

Tutti i giorni dalle 18:00 alle 21:00

Di seguito riportiamo

una parte del testo critico:

“Fotografare un romanzo, sistemando i soggetti dell’immagine su diversi piani focali. Privilegiare una frase, un paragrafo sugli altri, come quando armati di una macchina fotografica si preferisce una porzione di reale.

“Immagina tra le righe” è un gioco nel quale l’artista produce immagini basandosi su quanto già concepito dalla fantasia dello scrittore, è creazione sulla creazione dove alla suggestione esercitata dal passo letterario segue il farlo proprio, rivelandolo sotto una nuova luce.

Lettere e colori, spazi e diaframmi, pensieri e inquadrature diventano parenti stretti.

In chi legge o ascolta una storia resta un largo margine di libertà nel figurarsi i personaggi e i luoghi del racconto, il lettore-uditore può rivendicare il diritto di attribuire a cose e personaggi la fisionomia dettata dalla propria immaginazione: decide la lunghezza dei capelli di tale personaggio, il colore del vestito di talaltro, arreda appartamenti e sceglie i modelli di automobili che sfrecciano sulle strade.

La collettiva “Immagina tra le righe” vuole essere un omaggio e insieme rappresentare questo fondamentale senso di libertà.”

Qui sotto i fotografi e i romanzi:

Andrea Pira “Il cattivo cronista” di Francesco Abate

Elisa Medde “I sogni della città bianca” di Sergio Atzeni

Gigi Murru “Il mare” di Maria Giacobbe

Fabrizio Bruno “Il viaggio degli inganni” di Salvatore Niffoi

Francesca Randi “Creaturine” di Alberto Capitta

Francesca Floris “L’altro mondo” di Marcello Fois

Simone Carta “Mia figlia follia” di Savina Dolores Massa

Stefania Mattu “Al caffè del silenzio” di Giorgio Todde

Stefano Pia “Doppio cielo” di Giulio Angioni

Thunderbrowz & Volopidac “Incendi” di Alessandro Stellino

Inaugurazione Venerdi 29 marzo ore 18.30.

Vi aspettiamo!

Associazione Culturale Madriche

www.facebook.com/AssociazioneCulturaleMadriche

(DA:comunicato Associazione Culturale Madriche-25 mar 2013)

NUOVO TESTAMENTO

Il processo davanti a Pilato

Mc 15,1-20

1Al mattino i sommi sacerdoti, con gli anziani, gli scribi e tutto il sinedrio, dopo aver tenuto consiglio, misero in catene Gesù, lo condussero e lo consegnarono a Pilato. 2Allora Pilato prese a interrogarlo: “Sei tu il re dei Giudei?”. Ed egli rispose: “Tu lo dici”. 3I sommi sacerdoti frattanto gli muovevano molte accuse. 4Pilato lo interrogò di nuovo: “Non rispondi nulla? Vedi di quante cose ti accusano!”. 5Ma Gesù non rispose più nulla, sicché Pilato ne restò meravigliato.

6Per la festa egli era solito rilasciare un carcerato a loro richiesta. 7Un tale chiamato Barabba si trovava in carcere insieme ai ribelli che nel tumulto avevano commesso un omicidio. 8La folla, accorsa, cominciò a chiedere ciò che sempre egli le concedeva. 9Allora Pilato rispose loro: “Volete che vi rilasci il re dei Giudei?”. 10Sapeva infatti che i sommi sacerdoti glielo avevano consegnato per invidia. 11Ma i sommi sacerdoti sobillarono la folla perché egli rilasciasse loro piuttosto Barabba. 12Pilato replicò: “Che farò dunque di quello che voi chiamate il re dei Giudei?”. 13Ed essi di nuovo gridarono: “Crocifiggilo!”. 14Ma Pilato diceva loro: “Che male ha fatto?”. Allora essi gridarono più forte: “Crocifiggilo!”. 15E Pilato, volendo dar soddisfazione alla moltitudine, rilasciò loro Barabba e, dopo aver fatto flagellare Gesù, lo consegnò perché fosse crocifisso.

16Allora i soldati lo condussero dentro il cortile, cioè nel pretorio, e convocarono tutta la coorte. 17Lo rivestirono di porpora e, dopo aver intrecciato una corona di spine, gliela misero sul capo. 18Cominciarono poi a salutarlo: “Salve, re dei Giudei!”. 19E gli percuotevano il capo con una canna, gli sputavano addosso e, piegando le ginocchia, si prostravano a lui. 20Dopo averlo schernito, lo spogliarono della porpora e gli rimisero le sue vesti, poi lo condussero fuori per crocifiggerlo.

(Dal Vangelo secondo Marco)

DOMENICA 24 MARZO A PARTIRE DALLE ORE 16 NELLA PALESTRA DI VIA VERDI A OROSEI SERATA DEDICATA AL MINIBASKET CON GLI AMICI DELLA ICHNOSBASKET NUORO.

Si iniziera’ con la categoria Scoiattoli (2004-05-06), a seguire gli Aquilotti (2002-03) per chiudere con la attesissima partita dei nostri Esordienti (2001-02) che primeggiano (vedi foto sotto) in questo campionato in compagnia degli altri amici della Società Sportiva Pallacanestro Nuoro.

Accorrete numerosi ad assistere a questa fantastica serata di sano e genuino sport giovanile, e’ l’occasione per nuovi bambini e genitori dI OROSEI e dei Comuni limitrofi che volessero avvicinarsi a prendere contatto con la nostra Societa’ o semplicemente per farsi un’idea del nostro sport.

VI ASPETTIAMO E….

 

 

“Printemps”, festa in musica per riscoprire la città.

È il titolo del concerto che il complesso vocale di Nuoro terrà domani alle 18 all’ex Artiglieria per la giornata del Fai (Fondo ambiente italiano).

La corale diretta da Franca Floris sarà dunque la protagonista, domenica 24 marzo, alle 18, del secondo appuntamento della stagione classica dell‘Ente musicale di Nuoro. Dopo un’apertura di altissimo livello con il Trio Brahms di Mosca, la stagione classica dell’ente musicale arriva al suo secondo appuntamento con una celebrazione della primavera e delle bellezze nascoste del centro barbaricino.

Il concerto, a ingresso gratuito, sarà anche l’occasione per salutare l’arrivo della primavera. È proprio alla nuova stagione che è dedicata una larga parte del repertorio di “Printemps”: tra pagine di Monteverdi (“Ecco mormorar l’onde” e “Quell’augellin che canta”) e Schumann (“Der Wassermann”, “Der Minnesanger”), le voci del gruppo interpreteranno anche composizioni di Brahms, Mendelssohn e Debussy, senza dimenticare le danze della tradizione sarda.

Ed è questo uno dei motivi per cui il complesso vocale è diventato un punto di riferimento tra le corali dell’isola.

(DA: La Nuova-23 mar 2013)-foto da Ente musicale nuorese

EVENTO ITINERANTE NEL CENTRO STORICO

organizzato

dall’Associazione Culturale “Coro Femminile Urisè”

Sabato 23 marzo

con partenza alle ore 20,00 da Piazza S.Giacomo

Con la partecipazione di:

Coro Santa Rughe (Orosei)

Coro Orosei

Coro Polifonico “Su Condaghe” (Bonarcado)

Pietro Paolo Piredda “Launeddas” (Orosei)

Coro Polifonico Busachi “Santa Usanna” (Busachi)

Cuncordu de Orosei

Associazione teatrale “Intrempas” (Orosei)

Non mancate…Vi aspettiamo numerosi!