IL POSTO PIU’ BELLO DELLA SARDEGNA?

di , 28 Febbraio 2015 18:45

Orosei, parola di “Lonely Planet”

La “top 5″ dei luoghi dell’Isola secondo l’edizione 2015 della più celebre guida turistica del mondo.

Il posto più bello della Sardegna?

È il Golfo di Orosei.

OROSEI: Una vista da della spiaggia della Marina con pineta di "su Barone"

OROSEI:La pineta di Su Barone vista dallo stupendo stagno

A incoronarlo, la nuova edizione della prestigiosa guida Lonely Planet, dedicata alla Sardegna. Gli autori, Kerri Christiani e Duncan Garwood, hanno stilato la loro top 5 anche sulle pagine del quotidiano anglosassone Daily Telegraph.

Il lago nell'oasi di Biderosa. In lontananza le montagne fra Orosei e Siniscola

ALBA A BIDDEROSA (foto camedda)

Dopo Orosei, si piazza la Gola di su Gorropu. Al terzo posto la Costa Smeralda, seguita dal Castello cagliaritano. Al quinto posto nella classifica delle cose da vedere assolutamente se si viaggia nell’Isola ci sono, a pari merito, Nuraghi e Giganti di Mont’e Prama.

Spazio anche ai consigli sulle pietanze da non perdere, divise per provincia: la burrida cagliaritana, la zuppa gallurese, la zuppa di cozze e vongole di Olbia, la pecora in cappotto della Barbagia, l’aragosta alla catalana di Alghero e, a Nuoro e in Ogliastra, Fiore sardo, agnello e maialetto.

 (DA: L’Unione Sarda-27 Febbraio 2015)

-foto di m.camedda (esclusa quella dei Giganti di Monte ‘e Prama)-

5 commenti a “IL POSTO PIU’ BELLO DELLA SARDEGNA?”

  1. paolo maccioni scrive:

    Mio padre Attilio Maccioni amava Orosei. In uno dei suoi articoli sull’Unione Sarda del 1960 così descrive la sua natura:"Il ponte di undici bocche, il fiume dei cedri e le sue spiaggette di liquerizia, i tuffolini che si rincorrono e si nascondono fra i giunchi, le lavan¬daie che affondano nell’acqua le gambe nude, le orde dei buoi che van¬no all’abbeverata, i colli intorno con in cima la chiesa. E poi il mare. Quel mare da creazione, così aperto ed alto, così ondoso e profondo e la sua riva di sabbia grezza, pietrosa, che s’apre a voragine nella polpa dell’onda e vi si incide come una ferita. Lontano, ai fumosi bracci del golfo, due scogli, due sentinelle, due mani che raccolgono in una coppa sangue effervescente. L’im¬placabile sole sta fermo sulla terra co¬me uno di quegli astori che s’inchio¬dano in aria ostinati contro il vento, colora di giallo tutta la terra e la sab¬bia e il mare. Brucia l’erba e la fo¬glia, arde l’ombra e il sasso, evapora il sangue dalle vene, la gente si rag¬griccia, i visi si fanno come il gheriglio nella noce, le ossa si rivestono di poca carne, gli uomini diventano terra. Dal disfacimento che fermenta emergono balzando violenti, colorati e carnosi, i fiori e le donne. Le acacie del viale, le orge di giovinezza, tanto ingenua¬mente goduta, la comunione con la natura, il vino, il pane, gli amici, i morti, i lontani remoti odori d’erbaluisa, di cotogno, il limone e la foce del Cedrino."
    Sto ricostruendo il suo passato e i suoi scritti su giornali e riviste di un tempo per farli conoscere a tutti coloro che l’hanno conosciuto e stimato. Grazie Paolo Maccioni

  2. Jacopo scrive:

    Se questa guida turistica è veramente la migliore del mondo allora gli amministratori comunali sindaco in testa se conoscono o leggono questa notizia devono fare di tutto per fare che la stagione turistica di quest’anno sia migliore possibile per attirare i turisti. Magari fare riunioni con gli operatori grandi e piccoli e proporre iniziative comuni anche con commercianti e associazioni per il bene del paese.
    Perchè non sfruttare al massimo questa fama che abbiamo e che questa guida ci riconosce. E questa notizia bisogna diffonderla di più e non solo in questo blog che ho appena conosciuto e che ha fatto bene a pubblicarla. Provare non costa molto, almeno penso, ma i risultati buoni poi ripagano gli sforzi e l’impegno. Orosei merita di più di quello che sta ottenendo in questi ultimi anni anche se c’è la crisi.Jacopo

  3. tommasu scrive:

    Gran bel regalo quello che ci ha dato il Buon Dio e madre natura. Il Golfo di Orosei e le aree limitrofe interne del Supramonte , del percorso breve e spettacolare del fiume Cedrino e del nuorese sono veramente un meraviglioso mondo aspro e variegato che spesso noi indigeni non riusciamo ad apprezzare a pieno. Chi proviene dall’esterno ed ama la natura se né innamora perdutamente. Ecco , stà per iniziare l’Esposizione Universale di Milano, ove si prevedono oltre 20 milioni di visitatori da tutto il mondo. Non vedo e non sento sia a livello regionale che locale di coordinamento, unione di intelligenze e forze per creare sinergie, pur con la ristrettezza delle risorse, per preparare un lancio turistico di qualità per il nostro territorio. Speriamo che pubblico e privato,volontariato, uomini e donne di cultura, imprenditori e pubblici amministratori , sappiano volare oltre il proprio piccolo orticello per far conoscere, apprezzare e saper vendere il mostro bellissimo patrimonio paesaggistico ed umano. Lonely Planet ci stà dando una bella mano a gratis. Grazie Marco , per aver amplificato questa breve ma importante notizia, ed averla impreziosita e completata con le tue splendide fotografie. Chin salute. Tommasu

    • Marco Camedda scrive:

      @ tommasu: gran bel commento il tuo soprautto nei tuoi passaggi critici che sono legati ad una concreta promozione delle nostre peculiarità architettoniche e turistiche che il mondo intero ci invidia e questa guida, leader nel mondo per importanza, ci evidenzia con questa gratificante classifica. Anche io, pur seguendo le notizie e l’attualità, non ricordo di aver letto su concrete azioni fatte dai nostri amministratori regionali ovvero di azioni sinergiche, come tu scrivi, per promuovere le nostre bellezze e ricchezze di ogni genere del nostro territorio. Ma spero vivamente che non ci si fermi a coltivare localmente il proprio orticello dimenticando – e spero sia solo questo il motivo- che è importante unirsi per il BENE COMUNE che è l’insieme del nostro patrimonio umano e paesaggistico. Se Lonely Planet lo ha fatto credo che tutti noi ci dobbiamo porre un grande obiettivo, “unu pessamentu”, e spronare, ricordare, evidenziare in maniera concreta, chi PUO’ E DEVE (ovvero i nostri amministratori a qualunque livello) affinchè attuino queste azioni concrete. L’EXPO è alle porte, il TEMPO E’ BREVE e, se già lo stanno facendo che evidenzino anche via carta stampata e internet a che punto sono! ABBIAMO SOLO DA GUADAGNARCI ad essere sinergici per raggiungere il BENE COMUNE che non è il coltivare solo il proprio orticello ma unirsi per coltivarlii tutti per PROMUOVERE AL MEGLIO, la nostra cara Sardegna che dobbiamo voler bene non solo con le parole accorate di appartenenza ma con i FATTI CONCRETI. Lonely Planet intanto ci ha già dato una bella mano a gratis. Grazie a te Tommasu,

  4. Juanneddu scrive:

    Caro Marco,
    Sono una di quelle persone che gli altri invidiano: sono sempre in viaggio.
    Ho girato tanto, ho visto posti di mare bellissimi, Florida, Califorinia, Caraibi, Hawaii.
    Posti da sogno, cartoline illustrate.
    Ma;
    A questi posti manca una cosa, il profumo, il profumo dell’aria che io respiro quando torno a Orosei.
    Quindi sono doppiamente fortunato di essere nato in questo meraviglioso posto.
    Peccato che non sia abbastanza pulito e salvaguardato, le istituzioni dovrebbero e potrebbero fare di piú per valorizzarlo.
    Un caro saluto,
    Juanneddu

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy