Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Archivio per Marzo 2015

MA ERANO PALME OPPURE ULIVI?

Tra Vangelo e storia

Il racconto dell’ingresso di Gesù a Gerusalemme è presente in tutti e quattro i Vangeli, ma con delle varianti: Matteo e Marco raccontano che la gente sventolava rami di alberi, o fronde prese dai campi, Luca non ne fa menzione mentre solo Giovanni parla di palme (Mt 21,1-9; Mc 11,1-10; Lc 19,30-38; Gv 12,12-16). Cos’è successo realmente?

L’episodio rimanda a tradizioni legate alla celebrazione della festività ebraica di Sukkot (festa delle Capanne), una festa di pellegrinaggio in occasione della quale i fedeli arrivavano in massa a Gerusalemme e salivano al tempio in processione. Ciascuno portava in mano e sventolava il lulav, un mazzetto composto dai rami di tre alberi, la palma (che simboleggiava la fede attiva), il mirto (che con il suo profumo richiamava la preghiera che sale al cielo) e il salice (che per la forma delle foglie rimandava alla bocca chiusa dei fedeli, in silenzio di fronte a Dio), legati insieme con un filo d’erba (Lv. 23,40).

Spesso attaccato al centro c’era anche una specie di cedro, l’etrog (il buon frutto che Israele unito rappresentava per il mondo). Il cammino era ritmato dalle invocazioni di salvezza (Osanna, in ebraico Hoshana che significa aiutaci, salvaci) in quella che era col tempo divenuta una celebrazione corale della liberazione dall’Egitto: dopo il passaggio del mar Rosso, il popolo per quarant’anni era vissuto sotto delle tende, nelle capanne; secondo la tradizione, il Messia atteso si sarebbe manifestato proprio durante questa festa, cosa che aiuta a comprendere l’importanza di ciò che avviene all’ingresso di Gesù a Gerusalemme.

La benedizione delle palme è documentata sin dal VII secolo ed ebbe uno sviluppo di cerimonie e di canti adeguato all’importanza sempre maggiore data alla processione. Questa è testimoniata a Gerusalemme dalla fine del IV secolo e quasi subito fu accolta dalla liturgia della Siria e dell’Egitto, più tardi in Occidente.

Anche per la pluralità dei racconti evangelici, i cristiani utilizzarono rami delle piante più diffuse nelle varie zone. Nel bacino del Mediterraneo l’uso dell’ulivo, anche per i suoi numerosi rimandi biblici, divenne presto preponderante, ma durante la processione si sventolano anche palme (in Italia sono famosi i parmureli liguri) o rami di salice, di acero, faggio, betulla, nocciolo, uva spina o ginepro (in diverse zone europee).

Questa diversità di costumi è di particolare conforto quest’anno, a causa della malattia che sta colpendo moltissimi ulivi nel nostro Paese: le uova dell’insetto, responsabile della diffusione del batterio xylella, si dischiudono proprio in questo periodo e si teme che il tradizionale utilizzo e lo scambio dei rami d’ulivo diventi un pericoloso vettore di contagio.

Proporre di sostituirli con rami di palma, salice, mirto, o di altre piante profumate potrebbe quindi costituire un’alternativa sensata, e anche biblicamente fondata.

Assunta Steccanella

(articolo tratto da www.chicercate.net e Rete Sicomoro)

ACQUA NON POTABILE,

DIMEZZATE LE BOLLETTE

Tre utenti di Siniscola, Orosei e Budoni la spuntano davanti al giudice di pace: avevano contestato tre anni di pagamenti

Ci sono voluti tre anni di durissima battaglia a colpi di norme, diritti dei consumatori, e carte bollate, ma alla fine, tre residenti di Orosei, Siniscola e Budoni sono riusciti a spuntarla e hanno vinto la loro personale guerra contro Abbanoa, contro tre anni di acqua non potabile che sgorgava dai rubinetti delle case, contro altrettanti anni di bollette che invece sollecitavano pagamenti come corrispettivo di un servizio efficiente.

L’ente unico, infatti, proprio in questi giorni, in tre cause gemelle e distinte seguite sin dall’inizio dagli avvocati Giuseppe Casu e Rossana Mele, è stato condannato dal giudice di pace del tribunale di Nuoro, Antonella Goddi, a ridurre del 50 per cento l’importo di quelle bollette emesse.

E per un motivo molto semplice: visto e considerato che l’ente, in quegli anni, ha fornito ai tre residenti un servizio ben lontano dall’essere impeccabile, e ha fornito acqua non potabile, allora, ha stabilito in sostanza il giudice, non può pretendere il pagamento di una bolletta che si fondi sulla fornitura di acqua potabile.

La disputa, finita poi in tribunale, comincia dunque qualche anno fa. Quando i tre residenti di Siniscola, Orosei e Budoni, ciascuno per conto suo, decidono di rivolgersi a un avvocato perché stufi di pagare bollette Abbanoa per un servizio a metà.

In quegli anni – siamo nel periodo che va dal 2008 al 2012 – si erano susseguite diverse ordinanze dei sindaci dei tre paesi che vietavano l’utilizzo dell’acqua per uso potabile, perché l’Asl aveva rilevato valori fuori norma.

I tre utenti di Siniscola, Orosei e Budoni, avevano deciso dunque di non pagare le bollette e di citare a giudizio Abbanoa. Le loro cause, proprio in questi giorni, sono giunte al termine: il giudice di pace Antonella Goddi, accogliendo in pieno le richieste dei loro difensori di fiducia, Giuseppe Casu e Rossana Mele, hanno condannato Abbanoa a scontare del 50 per cento le bollette richieste per quei periodi di acqua non potabile.

(DA: La Nuova Sardegna-Valeria Gianoglio-28 Marzo 2015)

LA SETTIMANA SANTA

(DA: comunicato Comune di Orosei-29 Marzo 2015)

Apertura dei Musei dell’ISRE

Santa Pasqua e Lunedì dell’Angelo 2015

L’Istituto Superiore Etnografico della Sardegna, confermando una tradizione ormai consolidata, terrà aperti i suoi Musei anche in occasione della Santa Pasqua e Lunedì dell’Angelo.

A Nuoro potranno essere visitati il Museo Etnografico Sardo ed il Museo DeleddianoCasa Natale di Grazia Deledda nei seguenti orari: 9.00/13.00 – 15.00/18.00.

A Cagliari il Museo Etnografico della Collezione Luigi Cocco sarà aperto dalle 9.00 alle 20.00

INFO:

Istituto Superiore Regionale Etnografico

Via Papandrea, 6 Nuoro – tel. 0784 242900

-Museo della Vita e delle Tradizioni Popolari Sarde

Via A. Mereu, 56 Nuoro 0784 1822922

-Museo Deleddiano-Casa Natale di Grazia Deledda

Via G, Deledda, 42 Nuoro tel. 0784 258088

-Museo Etnografico della Collezione Luigi Cocco

Cittadella dei Musei, Piazza Arsenale, 1 Cagliari

(DA: comunicato ISRE Nuoro- 30 Marzo 2015)

CHIUSURA COMMISSIONE

PATENTI DI GUIDA

L’Azienda Sanitaria di Nuoro comunica che la Commissione Patenti di guida rimarrà chiusa martedì 7 aprile.

L’attività della Commissione riprenderà nella giornata del 14 aprile 2015.

(DA: comunicato ASL3 Nuoro-30 Marzo 2015)

(DA: comunicato Comune di Galtellì-30 Marzo 2015)

 

LUNEDI’ 30 MARZO 2015

CONSIGLIO PROVINCIALE:

NUOVO ORDINAMENTO ENTI LOCALI

 

IL CONSIGLIO PROVINCIALE E’ CONVOCATO IN SEDUTA STRAORDINARIA PUBBLICA PER IL GIORNO LUNEDI’ 30 MARZO 2015 – ALLE ORE 10.00 – SEDE PIAZZA ITALIA N. 22 CON SEGUENTE

ORDINE DEL GIORNO:

Nuovo Ordinamento EE.LL. – Trasferimento funzioni e futuro Personale delle Province – Garanzia dei servizi essenziali.

Provincia di Nuoro

(DA: comunicato Provincia di Nuoro- 29 Marzo 2015)

Ormai da diversi anni ad Irgoli nella “Domenica delle Palme” si svolge la Via Crucis Vivente. E’ un avvenimento di forte impatto emotivo che coinvolge vari figuranti di tutta la nostra zona e che ogni anno attira tanta partecipazione.

ALCUNE FOTO DELLA VIA CRUCIS VIVENTE 2011

Immagini tratte dal Sito Ufficiale della Parrocchia S.Nicola e per le quali ringrazio di cuore il Parroco, caro amico nonchè compagno di scuola, Don Angelo Cosseddu.

www.sannicolairgoli.it

(DA: comunicato e foto Parrocchia S.Nicola Irgoli-17  Marzo 2015)

(DA: siti istituzionali di Orosei e Galtellì)

Ricevo dall’Asl 3 di Nuoro e pubblico molto volentieri questa lettera aperta del nuovo Commissario Straordinario dell’Ente, Dott. Mario C.A. Palermo, augurandogli l’ottenimento dei risultati per una sempre “Migliore Sanità” di cui beneficeranno, come dice il Commissario, gli operatori e  “sopratutto” i principali attori che sono i Pazienti e tutta la Popolazione.

LETTERA APERTA DEL COMMISSARIO

STRAORDINARIO DELLA ASL 3 DI NUORO

 

“Ad 80 giorni dal mio insediamento quale Commissario Straordinario della ASL 3, sento la necessità di dare informazioni circa l’attività e gli indirizzi della nuova dirigenza aziendale, non solo a tutti gli operatori, ma anche ai pazienti ed alla popolazione che della sanità sono i principale attori.

La ASL di Nuoro è una Azienda sana, ricca in competenze e professionalità, con grandi potenzialità di miglioramento a condizione che la gestione sia legata ad una visione manageriale modema, attenta in primo luogo alla richiesta di buona sanità della gente, ma anche a criteri di efficienza ed efficacia nella gestione della cosa pubblica.

La sanità è fatta da professionisti, medici, infermieri, operatori socio-sanitari, tecnici etc, tutti importanti e di pari dignità, interdipendenti nella loro attività. Sbaglia chi dovesse credere che una macchina così complicata e complessa possa efficacemente agire senza l’apporto di tutti gli operatori, così come risulta importante ed incoraggiato da questa Direzione il rapporto leale e collaborativo con i sindacati ed associazioni di volontariato e dei pazienti che seriamente vogliano contribuire al bene comune e non all’interesse particolare. Essenziale è il clima di collaborazione con gli amministratori del territorio.

Paradossalmente il ricevere quotidiane segnalazioni di disfunzioni, preoccupate lettere di operatori timorosi per il posto di lavoro, richieste di aiuto da parte dei responsabili di struttura per acquisire nuovo personale e /o strumentazione, mi incoraggia a credere che, poiche tali problematiche non si sono certamente sviluppate negli ultimi due mesi, si percepisca un nuovo clima per un corso guidato unicamente da un corretto ed imparziale approccio ai problemi senza personalizzazione o favoritismi, con regole semplici, chiare e verificabili.

E’ questa la spiegazione da dare, per esempio, a quegli operatori dell’ausiliariato, assunti con contratto “a progetto” nel periodo dicembre 2013 e gennaio/febbraio 2014, della durata di un anno, che non hanno avuto un prolungamento dell’incarico. Evidentemente chi ha concepito tale progetto non si è preoccupato di spiegarne la temporaneità. Il progetto è stato utile a vari livelli e per varie ragioni, ma non e prorogabile.

La Direzione vuole avere della sanità nuorese una visione di insieme, ospedale e territorio, reparti ospedalieri di eccellenza ed assistenza domiciliare. Il lavoro di questi due mesi è servito soprattutto a questo. Conoscere per capire ed agire. Molto si è fatto e si sta facendo ed ora si intende cambiare decisamente passo, agendo profondamente sulla organizzazione sia territoriale che dei presidi ospedalieri.

E’ chiara la sofferenza di molti reparti, così come la intollerabile lunghezza delle liste di attesa. Si sta procedendo alla valutazione dello stato del personale e della sua distribuzione con l’intento di riequilibrarne la presenza nelle singole unità operative, con maggiore urgenza dove più necessita. Nel brevissimo periodo si spera si apprezzeranno i risultati. Si sta approntando un piano per la medicina territoriale, riorganizzando i servizi e predisponendo la novità della “Casa della Salute” e degli “Ospedali di Comunità”, strutture previste nella nuova organizzazione sanitaria  regionale, non dimenticando la riabilitazione e le strutture per il disagio mentale. Non meno importante la lotta alle malattie veterinarie ed alla peste suina, che tanto danno arrecano alla nostra economia.

Non si può negare che molto tempo è stato dedicato alla gestione, meglio forse sarebbe dire, a ri-acquisire la gestione, del Project Financing, che ha grande influenza nella vita della ASL. Se, come già detto in altre sedi, credo che il P.F. non sia un mostro, penso anche però che può diventarlo se non dovutamente controllato; si deve quindi lavorare per far si che sia una risorsa, ma anche in questo caso e necessaria applicazione, competenza, equilibrio ed onestà da tutte le parti.

Sono sicuro si tratti di una missione possibile nel medio periodo, ma nel frattempo il lavoro fatto si e già concretizzato in un significativo risparmio per l’Azienda. Dopo tanti anni di P.F. e’ doveroso fare il punto della situazione, verificare il rapporto costo/beneficio, sanare le pendenze ed i contenziosi in essere, agire secondo le leggi ed i regolamenti, accertarsi che sia stato dato il dovuto.

Questo è uno degli obbiettivi del mandato commissariale di diretta provenienza regionale e questo la Direzione della ASL sta facendo in maniera del tutto tecnica nell’intento di sgombrare qualsiasi dubbio di natura economico-finanziaria e di legittimità. Non può essere accettato l’atteggiamento vagamente ricattatorio secondo il quale, periodicamente, compaiono sulla stampa false notizie di imminenti dismissioni di personale o sospensione dell’attività dei servizi legati al P.F.

La Direzione, di intesa con la Regione e con gli organismi di controllo, si muove nel senso della verifica e degli atti conseguenti ad essa, senza pregiudizio alcuno, ma solo nell’interesse dell’amministrazione, della ASL, del personale, degli operatori della società di progetto ed, in fondo della gente e dei pazienti; pronta a ridiscutere legalmente eventuali punti del contratto non soddisfacenti per le parti. Chi dovesse forzare la mano in maniera generica e populistica, e soprattutto senza ragione, se ne assumerebbe le responsabilità anche di fronte alla legge.

I primi risultati della verifica saranno pronti nei prossimi 15-20 giomi e vanno considerati la tappa di un percorso di verifica di una attività utile, per ragioni ovviamente diverse, sia alla ASL che alle aziende della società di progetto.

In sintesi, nel breve periodo si provvederà ad un riequilibrio del personale nelle strutture della ASL, con precedenza a quelle in maggiore sofferenza; si accelererà l’ammodemamento del parco tecnologico, si lavorerà per ridurre le liste di attesa potenziando la medicina territoriale e favorendo nuove forme di organizzazione (casa della salute, ospedale di comunità) con la convinzione che il territorio abbia una valenza decisiva per una ottima sanità.

Non tutto si può fare contemporaneamente e si deve ricordare, inoltre, che in regime commissariale, quindi in un periodo amministrativamente straordinario, vanno assunte decisioni coerenti con gli obbiettivi indicati dall’Assessorato, che non sempre hanno una immediata ricaduta.

Si chiede collaborazione da parte di tutti gli operatori, dei sindacati, degli amministratori locali, delle associazioni di volontariato e dei pazienti per la creazione di un clima di positiva operosità, indispensabile per la rinascita dell’Azienda nuorese che, ricordiamolo, è la più grossa attività del centro Sardegna.

Non manca, da parte della Direzione, un rigoroso comportamento mirante unicamente ad una sempre maggiore efficienza ed efficacia gestionale, scevra da particolarismi ed interessi che non siano quelli collettivi e miranti unicamente alle necessità degli operatori ASL e dei pazienti, ed i cui risultati speriamo di vedere nel breve-medio periodo.”

Il Commissario Straordinario della ASL 3

dott. Mario C. A. Palermo

(DA: comunicato dell’Asl3 di Nuoro-25 Marzo 2015)

31 MARZO SCATTA L’OBBLIGO

DELLA FATTURA ELETTRONICA:

molti impreparati

Il 31 marzo muore la fattura cartacea con la Pubblica Aministrazione: migliaia di imprese nuoresi coinvolte

L’appuntamento è per il 31 marzo. Da quel giorno la macchina della Pa entrerà nell’era delle fatture elettroniche e potrà emettere, ricevere, trasmettere, gestire, saldare e conservare esclusivamente documenti digitali. La fattura cartacea appartiene al passato. Oltre 40 mila uffici della Pa come ministeri, agenzie fiscali, Inps, Inail, forze di polizia e forze armate che dallo scorso 6 giugno hanno fatto da apripista alla fatturazione elettronica, si aggiungeranno tutte le amministrazioni territoriali come i comuni.

Saranno tante le imprese della provincia di Nuoro che, avendo rapporti con le pubbliche amministrazioni dovranno adeguarsi totalmente a questa novità.

“Un numero interessante di imprese si è già adeguato a questo nuovo sistema già da 9 giugno dello scorso anno dove era prevista l’emissione della fattura elettroniche per le varie amministrazione centrali, ora che la platea si amplia con tutto il sistema degli enti locali, comuni per primi, diventa una priorità adeguarsi quanto prima.” Dice Gian Luca Deriu, direttore Confcommercio Nuoro.

A fronte di un’innovazione di questa portata, i rischi di tilt sono alti per piccoli fornitori della Pa.

“Infatti in questi primi mesi sono emerse diverse criticità come la complessità del sistema e le regole rigide per la predisposizione della fattura, la firma digitale e l’invio – continua Deriu -. E’ evidente che non è adatta per i piccoli commercianti egli esercizi familiari». Un punto cruciale è la conservazione dei documenti digitali. «È un costo in più perle micro aziende che non hanno strutture amministrative interne e si devono rivolgere a terzi”.

La Confcommercio ha creato un servizio di assistenza per le imprese che sono coinvolte in questo obbligo, pertanto è sufficiente una telefonata per avere chiarimenti.

Emerge, comunque, il timore che gli enti locali non siano tutti in grado di gestire il flusso dei processi digitali con rischi di ritardi nei pagamenti. Talvolta in associazione sono arrivate segnalazioni di uffici che chiedono la documentazione cartacea perché, per esempio, il campo in cui si indica l’oggetto della prestazione non è abbastanza lungo o perché vecchi decreti prevedono il visto sulla fattura. Insomma speriamo bene!

(DA: comunicato Confcommercio Nuoro/Ogliastra -27 Marzo 2015)

NOZIONI TEORICHE E PRATICHE

SULLA DIFESA DELLA VITE

Perseguono le iniziative di questa amministrazione, nel diffondere nozioni teoriche e pratiche ai tanti agricoltori/operatori o semplici hobbisti, che si cimentano nella coltivazione della vite o olivo, grazie alla collaborazione con l’Agenzia Laore Sut Baronia.

Sono in corso le lezioni sul campo per la potatura. A tal riguardo, si comunica che in data 9 Aprile 2015 alle ore 17.30 presso l’anfiteatro comunale, in via S.Pietro, si tratteranno i seguenti argomenti:

1) Le principali avversità della vite

2) Le strategie di difesa fitosanitaria

Il tutto sarà a cura del Dott. Agr. Franco Fronteddu.

IL SINDACO

Giovanni Santo Porcu

(DA: comunicato del Comune di Galtellì-26 Marzo 2015)

 IN LIBRERIA

“FRANCESCO DE GREGORI

‘MI PUOI LEGGERE FINO A TARDI”

Di Enrico Deregibus

GIUNTI EDITORE, 352 PAGINE

Dall’adolescenza negli anni 60 ai concerti nei localini romani, da Alice alle tante canzoni inedite; dallo storico exploit di “Rimmel” alle contestazioni a metà degli anni 70 (per la prima volta descritte in modo esaustivo), dalla leggendaria tournée con Lucio Dalla nel ’79 all’enorme successo de La donna cannone: Francesco De Gregori come non è mai stato raccontato.

È in libreria “Francesco De Gregori. Mi puoi leggere fino a tardi” di Enrico Deregibus (Giunti editore). Una narrazione incalzante e ricca di aneddotica, anche grazie a migliaia di dichiarazioni dell’artista romano. 352 pagine, ogni anno un capitolo, quasi 1500 documenti consultati e citati, moltissime testimonianze inedite su di lui. Un ritratto per molti versi inatteso di uno dei maggiori artisti italiani, che sfata molti luoghi comuni su di lui.

Francesco De Gregori in occasione della prima edizione del libro ha dichiarato: “L’ho letto con molta curiosità. È un libro scritto molto bene, fatto con il rigore dello storico. L’autore ha costruito un controcanto fra quella che è la mia storia personale e gli avvenimenti storici paralleli: una bella idea”.

Ma è una storia affascinante anche per chi non ama De Gregori: Baglioni, Battiato, Battisti, Califano, Celentano, Ciampi, Cocciante, Paolo Conte, Dalla, Daniele, De André, Donà, Fellini, Fiorello, Fossati, Gaetano, Graziani, Jannacci, Jovanotti, Leali, Ligabue, Luci della centrale elettrica, Mannoia, Marini, Mia Martini, Morandi, Nomadi, Piovani, Patty Pravo, Ramazzotti, Ron, Vasco Rossi, Sparagna, Van De Sfroos, Vecchioni, Venditti, Checco Zalone, Zucchero. Sono alcuni degli artisti che De Gregori ha incrociato in tutti questi anni e che sono veri coprotagonisti di questo libro.

Il volume è la riedizione della biografia di Deregibus pubblicata nel 2003, un successo editoriale che ora torna completamente rivisto e arricchito. Ed aggiornato agli ultimi dodici anni, fitti di avvenimenti, dischi, collaborazioni: il rock, la dimensione live sempre più centrale, il cambiare continuamente per rimanere se stesso. È il primo di due libri di Deregibus che analizzano il percorso di De Gregori. Il secondo, in preparazione, racconterà canzone per canzone tutto il repertorio del cantautore romano.

Enrico Deregibus è giornalista e operatore culturale, si occupa principalmente di musica italiana. È consulente del Mei e del Club Tenco, per il quale è anche responsabile dell’ufficio stampa, collabora con il festival “Collisioni” e con molte altre rassegne come il Premio Bindi. Ha curato il progetto “La leva cantautorale degli anni zero”. Come giornalista, ha scritto e scrive per varie testate. In campo editoriale, per Giunti ha realizzato la prima edizione di questa biografia nel 2003 ed il “Dizionario completo della canzone italiana” nel 2006. Con Enrico de Angelis e Sergio S. Sacchi nel 2007 ha curato “Luigi Tenco. Il mio posto nel mondo” (BUR). Ha inoltre pubblicato nel 2013 “Chi se ne frega della musica?” (NdA Press), una raccolta di suoi scritti.

Stasera sono un libro aperto / mi puoi leggere fino a tardi

(Falso movimento, Francesco De Gregori, 2012)

==========================

(DA: comunicato di Monferr’autore-23 Marzo 2015)-foto: da internet

SI SVOLGERA’ A NUORO

il 27 e 28 marzo,

presso il CESP, Centro Etico Sociale di Pratosardo, il convegno “Modelli Innovativi di Assistenza alla Disabilità e non auto sufficienza”.

Il convegno, promosso dal PLUS del Distretto di Nuoro, nell’ambito del progetto Home Care Premium, intende promuovere un welfare integrato, attraverso la costruzione ed il rafforzamento della rete di servizi a livello locale.

(DA: comunicato Comune di Nuoro-26 Marzo 2015)

Associazione Croce Bianca Orosei

ASSEMBLEA ORDINARIA SOCI

indetta per il 28 Marzo 2015

Comunichiamo a tutti i soci che

per il giorno 28 marzo 2015

é convocata presso la sede sociale di P.zza Mercato,1 l”assemblea ordinaria soci in prima convocazione alle ore 18 ed in seconda convocazione alle ore 19

con il seguente ordine del giorno:

  •  Elezione del Collegio dei Garanti

  •  Elezione del Collegio Revisori dei conti

  •  Rendiconto programma primo trimestre

SI RACCOMANDA

LA MASSIMA PARTECIPAZIONE

Cordialmente

Il Presidente

Nicola Cerullo

(DA: comunicato Ass. Croce Bianca Orosei-24 Marzo 2015)

ACQUA POTABILE A NUORO

RESTRIZIONI A OROSEI

 

A seguito delle analisi di verifica effettuate presso il laboratorio A.R.P.A.S. di Nuoro sui campioni di acqua prelevati dai Tecnici della Prevenzione del SIAN dell’ASL di Nuoro in data 19 marzo 2015, si comunica l’attuale rispondenza ai valori di legge dei parametri dell’acqua in distribuzione nella rete idrica di Nuoro.

Anche il SIAN di Macomer ha comunicato il rientro di tutti i parametri dell’acqua in distribuzione nelle reti idriche di Gavoi, Orani e Orotelli; mentre ha riscontrato la non conformità ai valori di legge relativamente ai parametri trialometani, alluminio e ferro per quanto riguarda la frazione di Mulargia (Bortigali) e ai trialometani per il comune di Silanus.

Pertanto se ne sconsiglia l’uso potabile, e per la preparazione di bevande e alimenti, mentre può essere utilizzata per il lavaggio degli stessi, nonché per l’igiene della persona e della casa.

Dagli esiti delle analisi effettuati sempre dall’A.R.P.A.S. di Nuoro sui prelievi effettuati dai Tecnici del SIAN di Siniscola in data 17 marzo, si evince che l’acqua in distribuzione nel comune di Orosei non risulta idonea per l’uso potabile, alimentare, per il lavaggio dei denti e delle verdure (parametri microbiologici fuori norma in un punto di campionamento e alluminio fuori norma in un altro punto).

Infine il SIAN di Nuoro ha confermato il giudizio di non potabilità dell’acqua emesso già in data 19 marzo dall’ente gestore nelle reti dei comuni di Dorgali e Oliena (alluminio fuori norma), che attingono l’acqua dall’impianto della sorgente di Su Gologone.

(DA:comunicato ASL3 Nuoro-25 Marzo 2015)

 

Scuola Civica di Musica 2015

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Bitti comunica che sono aperte le iscrizioni, presso la Biblioteca Comunale entro e non oltre Mercoledì 8 Aprile, per il Corso di Chitarra 2015.

Il corso si svolgerà una volta alla settimana per un totale di 25 ore di lezione.

Per informazioni e costi

prego contattare la Biblioteca 0784\414405 – bibliobitti@tiscali.it nei giorni e negli orari di apertura del servizio.

(DA: comunicato Comune di Bitti-25 Marzo 2015)

Libro di Claire Bishop, a cura di Cecilia Guida

MAN, Museo d’Arte Provincia di Nuoro

Sabato 28 marzo, ore 11:00

Per il ciclo “Diritti all’arte”, Sabato 28 marzo, alle ore 11, Cecilia Guida, in dialogo con Lorenzo Giusti presenta “Inferni Artificiali“, l’edizione italiana del libro di Claire Bishop (Artificial Hells, Verso 2012), pubblicato da Luca Sossella Editore, considerato uno dei testi di critica d’arte più influenti degli ultimi anni.

Nota anche al pubblico italiano, Claire Bishop si è distinta a livello internazionale per avere messo in discussione, in un saggio del 2004, il concetto di “estetica relazionale” divulgato da Nicolas Bourriaud, e per avere successivamente evidenziato gli aspetti più contraddittori del “ritorno al sociale” nelle pratiche degli anni Novanta, nel tentativo di mettere a fuoco i principi fondanti di un nuovo possibile modello di arte partecipativa.

La traccia dominante che emerge dagli esempi esaminati in questo libro è caratterizzata da una forma di negazione: l’attivazione del pubblico nell’arte partecipativa si pone in antitesi rispetto alla sua controparte mitica, il passivo consumo spettatoriale.

Il desiderio di rendere attivo il pubblico nell’arte partecipativa è allo stesso tempo un impulso a emanciparlo dallo stato di alienazione indotto dall’ordine ideologico dominante – sia questo il capitalismo consumista, il socialismo totalitario o la dittatura militare.

L’arte partecipativa mira a ricostruire e a realizzare uno spazio comune e collettivo di impegno sociale condiviso. Quest’obiettivo viene perseguito sia con gesti costruttivi di impatto sociale, che confutano l’ingiustizia del mondo proponendo un’alternativa, sia attraverso un raddoppiamento nichilista dell’alienazione, che nega l’ingiustizia e l’assurdità del mondo all’interno dell’opera stessa.

In entrambi i casi, l’opera cerca di forgiare un corpo sociale collettivo, co-autoriale e partecipativo – uno attraverso un processo affermativo (la realizzazione utopica), l’altro tramite un processo indiretto (la negazione della negazione).

Cecilia Guida, curatrice dell’edizione italiana di “Artificial Hells”, è Direttrice dell’Ufficio Educazione della Fondazione Michelangelo Pistoletto-Cittadellarte di Biella. Dottore in Comunicazione e Nuove Tecnologie dell’Arte (Università IULM di Milano, 2011), si occupa delle relazioni tra pratiche artistiche partecipative, nuove tecnologie e spazio pubblico contemporaneo. Docente di Analisi dei Processi Comunicativi all’Accademia di Belle Arti di Firenze. Ha insegnato Storia dell’Arte Contemporanea all’Accademia di Belle Arti de l’Aquila (2011-2014), allo IUAV di Venezia/Treviso (2008-2009) e all’Accademia di Belle Arti di Roma (2004-2007). Nel 2010 è stata ricercatrice presso l’Institute of Network Cultures-INC (diretto da Geert Lovink) di Amsterdam. Dal 2011 è membro del Comitato Scientifico di ‘Vessel Contemporary Art Space’ di Bari, collaboratrice del network per l’arte contemporanea ‘UnDo.Net’, curatrice di ‘2Video-Rassegna Trasversale di Video d’Artista’ e dell’archivio online di sound e video arte ‘Art Hub’ (www.arthub.it). Scrive per riviste di settore.

Diritti all’arte è un ciclo di incontri pubblici organizzato dal Museo MAN e dalla Università di Sassari (Dipartimento di Giurisprudenza – Decamaster), con il contributo di UniNuoro e della Fondazione Banco di Sardegna.

Intervista alle atlete

Silvia Basolu e Paola Delussu

di Stefania Vatieri (*)

Nessun traguardo è impossibile da raggiungere. Impegno, tenacia e una giusta dose di “balentìa nugoresa” sono stati gli ingredienti che hanno portato la Star Solar Nuoro al successo, chiudendo il campionato di pallamano femminile della massima serie con ottimi risultati.

Nel fine settimana del 28 e 29 marzo si giocheranno le semifinali Scudetto tra le quattro squadre ancora in corsa. La Star Solar Nuoro chiude la stagione portandosi a casa un buon sesto posto che significa la permanenza in serie A, ma anche un quinto posto aggiudicato in Coppa Italia, dove le atlete barbaricine hanno dato prova di un crescente impegno.

<< L’esperienza in Coppa Italia per noi è stata una grande soddisfazione. Infatti nonostante la partenza nel Campionato sia stata un po’ in salita, siamo cresciute molto sotto tutti gli aspetti, conquistando sia il quinto posto a Conversano che la permanenza in massima serie>>.

Soddisfatta e orgogliosa dei risultati, Silvia Basolu commenta con queste parole la fine del campionato.

Ala sinistra e punta di diamante della Star Solar Nuoro, la giovane promessa nuorese, classe 1997, poco più che bambina inizia a giocare a pallamano tra le fila dell’Hac Nuoro << ho iniziato a giocare a pallamano alle medie. Mi ricordo che un giorno accompagnai un’amica agli allenamenti, e qualche giorno dopo iniziai ad allenarmi anche io- racconta Silvia- Fu amore a prima vista>>.

Nel frattempo la giovane atleta nuorese continua gli allenamenti riscuotendo successi anche nel campionato under 18, dove attualmente gioca.

<<Per adesso continuo ad allenarmi e giocare con l’under 18. Per l’anno prossimo l’auspicio è quello di continuare a giocare e magari riuscire a conquistare una posizione migliore nella serie A, abbiamo tutte le carte in regola per farlo>>.

È dello stesso parere anche Paola Delussu, pivot della Star Solar e atleta di grande talento ed esperienza. La giocatrice, classe 1985, pensa già al futuro

<< Sono certa che se inizieremo il campionato con gli stessi presupposti con cui abbiamo chiuso questo, otterremo ottimi risultati. Nel tempo si è formato un gran bel gruppo sia fuori che dentro il campo- spiega l’atleta- Spero che l’anno prossimo riesca a conciliare il lavoro con la pallamano, mollare dopo 20 anni non sarebbe facile per me>>.

Paola Delussu proviene dal vivaio nuorese, iniziando a giocare a pallamano a dieci anni con la polisportiva giovani salesiani. << L’anno successivo ho giocato il primo anno in A1 quando all’Hc Nuoro c’era Lucio Ribaudo>>. Qualche anno dopo ha giocato una stagione nel campionato di massima serie a Sassari, per tornare poi a Nuoro e continuare la sua avventura agonistica nella squadra di Roberto Deiana. << Tutti ci davano per spacciate, retrocessione garantita- spiega Paola -Ma come dice un famoso detto ‘niente è impossibile’ e noi lo abbiamo dimostrato >>.

(*)Addetta stampa della Star Solar Nuoro-23 Marzo 2015

 

PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Il Comune di Bitti è tra gli enti beneficiari di progetti di Servizio Civile Nazionale con il progetto ”RACCONTI E RICORDI”.

La scadenza per la presentazione delle domande

è fissato per il 16 aprile 2015 alle ore 14.00, presso l’Ufficio Cultura, Comune di Bitti Piazza Asproni 47 08021 Bitti (NU).

Titolo di studio richiesto: Diploma di scuola media superiore.

I moduli di domanda sono disponibili

nel sito del Comune di Bitti www.comune.bitti.nu.it.

Per eventuali informazioni

il funzionario incaricato è la Dott.ssa Lucia Angela Palmas tel. 0784/418035

(DA: comunicato Comune di Bitti- 23 Marzo 2015)

Acqua non potabile a Mulargia (Bortigali) e Silanus

 A seguito delle analisi di verifica effettuate presso il laboratorio A.R.P.A.S. (Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente della Sardegna) sui campioni di acqua prelevati dai Tecnici della Prevenzione del SIAN (Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione) dell’Azienda Sanitaria Locale di Nuoro (Distretto Sanitario di Macomer), in data 18 marzo 2015, si comunica la non conformità ai valori di legge relativamente ai parametri trialometani, alluminio e ferro per quanto riguarda la frazione di Mulargia (Bortigali) e ai trialometani per il comune di Silanus.

Pertanto se ne sconsiglia l’uso potabile, e per la preparazione di bevande e alimenti, mentre può essere utilizzata per il lavaggio degli stessi, nonché per l’igiene della persona e della casa.

Oltre Mulargia (Bortigali) e Silanus,

i comuni dove l’acqua risulta ancora non potabile sono:

Orosei, Dorgali, Oliena e Sarule.

(DA: comunicato ASL3 Nuoro-23 Marzo 2015)

Sei un cittadino/a italiano? Hai tra i 18 e i 28 anni?

Puoi aderire al Servizio Civile volontario.

L’Associazione Croce Bianca Orosei ha aderito al progetto del Servizio Civile Nazionale tramite l’ANPAS avendo così a disposizione n°4 posti per altrettanti ragazzi/e, per un progetto che consentirà di rendere il servizio dell”Associazione più completo ed efficiente.

La durata del Servizio Civile Nazionale e di 12 mesi, per 30 ore lavorative settimanali e con una retribuzione mensile di 433 €.

Scadenza presentazione domande entro e non oltre le ore 14.00 del 16 aprile 2015.

Approfondisci l°argomento e scarica i documenti alla pagina del Servizio Civile Nazionale del sito della nostra associazione che è il seguente:

www.crocebiancaorosei.it.

Cordialmente

Associazione Croce Bianca

(DA: comunicato Croce Bianca Orosei-21 Marzo 2015)

 

Ricevo dal Consigliere Provinciale Gesuino Beccari e volentieri pubblico integralemnte questo sollecito urgente inerente lo stato del manto stradale della SP25 e SP72

SOLLECITO URGENTE

  • Al Responsabile

Ufficio Tecnico Provincia di Nuoro

  • E pc: Al Presidente

Della Provincia di Nuoro Costantino Tidu

  • All’Assessore Provinciale

Lavori Pubblici Valerio Tola

Esecuzione lavori SP 25 SP 72

Già in situazioni di rischio per la sicurezza dei numerosi automobilisti che percorrono giornalmente le arterie provinciali, dopo le recenti precipitazioni la precarietà di diversi tratti stradali è al momento diventata quasi impercorribile anche a medie-basse velocità, e considerato che queste strade sono veicolate da una alta densità di traffico ,anche da utenti non residenti che non conoscono il territorio, il pericolo è aumentato in modo fortemente esponenziale.

Va segnalato anche il grave disagio a causa di un cedimento strutturale dell’ asse stradale fra i Comuni di Loculi e Irgoli sempre nella SP 25 , tratto percorribile a senso unico alternato.

Considerato che per la SP 72 è stato disposto l ‘importo di € 100.000,00 con la sistemazione definitiva anche del reticolato stradale alla periferia di Irgoli, e per la SP 25 è stata iscritta in Bilancio la somma di € 200.000,00 con interventi di bitumazione totale a macchia di leopardo sui tratti più usurati, inoltre per il cedimento stradale è stata fatta una perizia suppletiva .

Con la presente, in considerazione del grave rischio di violazione della sicurezza nelle arterie provinciale si sollecita la struttura provinciale ad adempiere in tempi brevi, alla esecuzione dei lavori già programmati e considerati di indifferibile e urgente realizzazione.

Pertanto il responsabile del settore, in attesa che le condizioni meteo si stabilizzano, si accerti del regolare iter procedurale delle pratiche , in modo tale da evitare ulteriori ritardi che possano mettere a serio rischio la regolare percorribilità delle strade Provinciali.

Consapevole della sicura professionalità del dirigente e in ottica della corretta erogazione del pubblico servizio resto in attesa del quanto richiesto e colgo pertanto l’occasione per formulare i più Cordiali saluti.

Galtellì 18, Marzo 2015

Gesuino Beccari

Consigliere Provinciale di Nuoro

 Legge 431/98 Fondo Nazionale

per il sostegno all’accesso

alle abitazioni in locazione

- Anno 2014 -

(Deliberazione Giunta Regionale n. 45/11 del 11.11.2014)

Avviso di pagamento contributi

Si informano i cittadini interessati che dal giorno 25.3.2015 sono in pagamento i contributi dei beneficiari della Legge 431/98, Fondo Nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione – Anno 2014, presso la sede centrale del Banco di Sardegna di Nuoro.

Per qualunque informazione si possono contattare i numeri del Comune di Nuoro 0784/2168320784/216718.

  • mattino: lunedì – mercoledì – venerdì dalle ore 11.00 alle ore 13.00;

  • pomeriggio: martedì dalle ore 15.30 alle ore 17.00.

(DA: comunicato Comune di Nuoro-21 Marzo 2015)

NUOVO BANDO PER IL SERVIZIO CIVILE

NELLA ASL DI NUORO

È stato pubblicato il bando ordinario per la selezione di 440 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale nella Regione Sardegna.

Tra i progetti approvati e finanziati rientrano anche le tre proposte presentate dall’ASL Nuoro, che prevedono l’impiego di 26 volontari presso diverse sedi aziendali.

Ricordiamo che possono partecipare alle selezioni tutti i giovani, senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda, abbiano compiuto il diciottesimo e non superato il ventottesimo anno di età, e in possesso di uno dei seguenti requisiti:

  • • cittadini dell’Unione europea;
  • • familiari dei cittadini dell’Unione europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente;
  • • titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;
  • • titolari di permesso di soggiorno per asilo;
  • • titolari di permesso per protezione sussidiaria.

Gli aspiranti volontari, inoltre, non devono aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.

È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto di servizio civile nazionale. La presentazione di più domande comporta l’esclusione dalla partecipazione a tutti i progetti.

(DA: comunicato ASL3 Nuoro-20 Marzo 2015)

“Rassegna Teatro Anch’io 2015″

- quarto appuntamento -?

Associazione Culturale Bocheteatro

presenta all’interno della  Rassegna di Teatro a misura di bambino

Teatro Anch’io 2015 (Decima Edizione-Marzo / Aprile 2015)

Direzione Artistica Monica Corimbi

“E’ Arrivata Tatabolla”

Teatro Tragodia

Tratto dal racconto di Paola Congia “Tatabolla Viaggiò Tantissimo”

Testo di Virginia Garau

Regia di Virginia Garau in collaborazione con Thora Orrù e Caterina Peddis

In scena: Thora Orrù, Caterina Peddis, Virginia Garau

Musiche Originali di Paolo Congia / Musiche e Suoni di Paolo Congia

Scene Thora Orrù e Virginia Garau / Elementi Scenici Walter Albergoni

Disegno Luci di Giuseppe Onnis

Spettacolo con Attori e Bolle di sapone

Oggi, Domenica 22 Marzo 2015 ore 18:00 

c/o Sala Bocheteatro sita in Via Congiu Pes n. 6

“Tatabolla entra nella sua bolla turbo jet, ingrana la marcia in alto ed esplora tutti i paesi del Mondo, dall’Artide all’Antartide, dal Fiume Giallo al Fiume Azzurro,  dal Tirso al Flumendosa al Nilo e al Danubio, dal Mar Nero al Mar Rosso al Mar Gialo, il Mar dei Sargassi e persino il Mar Morto;

dall’America all’India alla Cina, dalle montagne dell’Himalaya alle steppe della Siberia e alle praterie della Patagonia.

Non si stanca mai. Quando la bolla turbo jet ha bisogno di riposo e manutenzione Tatabolla viaggia su un aquilone regalatole dai bambini pakistani.

Porta sempre con se una scorta inesauribile di sapone.

Quando i bambini la vedono passare in alto, circondata dalle sue magiche bolle, corrono a salutarla.

Un giorno Tatabolla decide di scendere in Sardegna, tutti i bambini sono là ad aspettarla.

Ma all’orizzonte si profila un pericolo!

Chi è quel burbero e severo signore che minaccia le sue bolle con un enorme spillone sulla testa??

E’ il Commendator Rompibolle!!

Lui odia le bolle. Come farà Tatabolla a difendersi dal Commendator Rompibolle? Ci riuscirà? Certo che ci riuscirà!!! Anche perché ad aiutarla ci sarà la dolce e simpatica Bolletta.”

Spettacolo per bambini dai 2 anni

(DA: comunicato Assocuazione Bocheteatro-20 Marzo 2015)

Il Dirigente del Settore Servizi alla Persona

del Comune di Nuoro rende noto che

in merito alla Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 11 – D.M. del 29 gennaio 2015, sarà riservata una quota del Fondo nazionale per il sostegno all’accesso alle abitazioni in locazione per l’annualità 2015, ai soggetti sottoposti a procedure esecutive di rilascio per finita locazione.

Si specifica che, con Decreto del Ministero delle Infrastrutture del 29 gennaio 2015, pubblicato nella G.U. n. 54 del 6 marzo 2015, ha previsto all’articolo 1, comma 2,, per l’annualità 2015, una quota non superiore al 25% delle risorse stanziate dallo Stato, sarà riservata a dare idonea soluzione abitativa ai soggetti di cui all’art. 1, comma 1, della L. n.9/2007 sottoposti a procedure esecutive di rilascio per finita locazione, promuovendo, prioritariamente, la sottoscrizione di nuovi contratti a canone concordato.

I conduttori dovranno avere reddito annuo lordo complessivo familiare inferiore a 27.000 euro, abbiano nel proprio nucleo familiare persone ultrasessantacinquenni, malati terminali o portatori di handicap con invalidità superiore al 66 per cento, purché non siano in possesso di altra abitazione adeguata al nucleo familiare nella regione di residenza”. L’agevolazione si applica, “alle stesse condizioni anche ai conduttori che abbiano, nel proprio nucleo familiare, figli fiscalmente a carico”.

I soggetti interessati potranno presentare domanda, servendosi del modello predisposto dagli uffici e reperibile sul sito o presso la segreteria del Settore Servizi alla Persona, entro e non oltre il giorno 02.4.2015 alle ore 13.00.

(DA: comunicato Comune di Nuoro-20 Marzo 2015)

IL VECCHIO OSPEDALE S.FRANCESCO

APRE LE SUE PORTE

L’Azienda Sanitaria di Nuoro, approfittando dell’evento “Giornate di primavera”, organizzato in tutta Italia dal FAI (Fondo Ambiente Italiano), apre le porte di un tesoro architettonico che, attualmente, è nella sua fase finale di recupero conservativo e funzionale.

Oggi Sabato 21 Marzo l’ingresso è riservato ai soci del FAI, con possibilità di iscriversi direttamente in loco (ore 16.00-18.00), mentre domenica 22 l’ingresso sarà libero e aperto a tutti (9.30-13.00 e 15.00-19.00).

Sarà finalmente possibile visitare, sotto la guida degli “Apprendisti Ciceroni” degli istituti superiori cittadini, l’ala del Vecchio Ospedale San Francesco il cui ingresso, particolarmente scenografico, dà sulla via Amerigo Demurtas.

Per molti nuoresi e abitanti del circondario si tratterà di un vero e proprio “tuffo nel passato”, mentre i più giovani potranno scoprire per la prima volta un pezzo del patrimonio storico-architettonico di Nuoro.

Il Commissario Straordinario, Dott. Mario C. A. Palermo, nuorese di origine, vive questo evento con un pizzico di “amarcord”. «Mi sembra doveroso – commenta Dott. Palermo – ringraziare le persone che mi hanno preceduto nella direzione dell’Azienda, senza le quali oggi non saremmo qui ad aprire le porte del vecchio San Francesco; prima di tutto il Dott. Franco Mariano Mulas, al quale va il grande merito di aver reperito i finanziamenti necessari per il restauro dell’edificio».

«Un plauso particolare – continua il Commissario Straordinario dell’ASL di Nuoro – va inoltre ai professionisti del Servizio Tecnico aziendale, che stanno lavorando con grande entusiasmo e passione per restituire definitivamente alla città e al territorio questo piccolo gioiello».

(DA: comunicato ASL3 Nuoro-21 Marzo “2015)

Progetto sportello linguistico…Galtellì

(Cursos de sa Limba Sarda)

“Informo che grazie alla collaborazione con gli esperti dell’Istituto Camillo Bellieni, a Galtellì presso la biblioteca comunale, nei giorni 23 e 27 marzo con inizio alle 16:30,inizieranno alcune attività culturali volte a diffondere la cultura e l’utilizzo del sardo in diversi ambiti e a vari livelli, onde acquisire una maggiore consapevolezza dell’identità bilingue”-.

I corsi son rivolti a tutti ad adulti, genitori,impiegati il cui programma prevede l’illustrazione sintetica di ortografia, lettura,traduzione di atti…

Si invita a partecipare…

(Sindaco di Galtellì)

(DA: comunicato Comune di Galtellì-20 Marzo 2015)