Con i 13.396 impianti si riesce a coprire il fabbisogno di circa 120 mila famiglie.

La Sardegna punta sempre di più sulle fonti alternative con 13.393 impianti fotovoltaici attivi e una potenza di 319,1 MW prodotta con l’uso dell’energia solare.

A dirlo è stata l’Enel che ha sottolineato, inoltre, come l’Isola nell’anno appena concluso abbia fatto registrare un nuovo record con 6.777 nuovi impianti in media e bassa tensione, di privati, enti o pubbliche amministrazioni che Enel ha allacciato alla rete elettrica.

TERRITORIO In particolare è la provincia di Cagliari la zona che ha il maggior numero di impianti: 3.812 (per 65 MW) di cui 2.011 installati nel 2011. A seguire la provincia di Sassari che ha in tutto 2.664 impianti (56,8 MW) di cui 1.248 installati lo scorso anno. Il Medio Campidano (785 impianti, per 27,8 MW) e la Gallura (963 per 13,8 MW) sono le zone meno green della Sardegna. Mentre la maggiore crescita in termini di nuovi allacci fotovoltaici e di nuova potenza è stata registrata dalla provincia di Oristano che si è aggiudicata il record regionale con 725 impianti attivati nel 2011 (+140%) per una potenza di 47,7 MW (+795%)

IL FUTURO In totale, come precisa l’azienda in una nota, grazie all’energia solare e alle connessioni già avviate nel 2012, «la regione è potenzialmente in grado di coprire il fabbisogno di circa 120 mila famiglie (con un funzionamento medio di 1.370 ore all’anno)». Per far fronte al gran numero di richieste di allaccio Enel distribuzione dal 2010 ha istituito in ogni zona un apposito sportello per la gestione delle pratiche di connessione di impianti fotovoltaici, e ha sviluppato un servizio internet che raccoglie l’esperienza acquisita con i nuovi produttori. Il «Portale produttori», accessibile dal sito www.eneldistribuzione.it, ha anche un video di supporto che consente la compilazione assistita della domanda di connessione e l’invio on line. «Nel solo 2011 abbiamo connesso alla nostra rete più di quanto è stato allacciato in tutti gli anni precedenti. Abbiamo anche garantito il pieno rispetto degli standard qualitativi previsti dall’Autorità per l’Energia», ha detto Carlo Spigarolo, responsabile Sardegna di Enel distribuzione. «Stiamo lavorando per realizzare una rete intelligente (Smart grid) in grado di far dialogare produttori e consumatori, di interpretare in anticipo le esigenze di consumo e adattare con flessibilità la produzione».

( Da: L’Unione Sarda-an. ber.-21 gen 2012 )