Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Categoria: camera di commercio

Digital Day – Fatturazione Elettronica

Il 31 marzo 2015 scatta l’obbligo

della fatturazione elettronica.

Il 31 marzo 2015 scatta l’obbligo della fatturazione elettronica. In quest’ottica, il 9 marzo 2015 si terrà, in tutta Italia e presso le sedi delle Camere di Commercio, il “Digital Day – Fatturazione elettronica”.

Per questa ragione, in collaborazione con il Governo, l’AgID e la rete dei Digital Champions italiani, Unioncamere e Infocamere il 9 marzo 2015 la Camera di Commercio di Nuoro ha organizzato una giornata di informazione sul tema rivolta alle Pubbliche amministrazioni, Pmi, associazioni di categoria e professionisti. La Camera di Commercio di Nuoro si è impegnata fin da subito a organizzare tre workshop formativi gratuiti: l’adesione dei rappresentanti delle pubbliche amministrazioni e delle imprese del territorio è già ampia: ad oggi hanno segnalato il proprio interesse a partecipare più di 140 rappresentanti di PMI e oltre 90 dipendenti/collaboratori della Pubblica Amministrazione.

Durante la giornata di lunedì nei tre workshop verranno approfondite le seguenti tematiche:

  • Principali azioni, basate sulle tecnologie digitali, messe in campo dalle Camere di commercio per favorire una più semplice ed efficace relazione impresa-PA
  • La fattura elettronica: Definizione; Requisiti e Norme in pillole
  • adempimenti per imprese e professionisti
  • adempimenti per le PA
  • Presentazione del servizio on line gratuito erogato dalle Camere di commercio alle PMI

Sarà possibile iscriversi al DIGITAL DAY – FATTURAZIONE ELETTRONICA fino ad esaurimento posti.  

La giornata si svolgerà in questo modo: 

2 turni la mattina dedicati alle Pubbliche Amministrazioni:

  • dalle 9.30 alle 11. 30
  • dalle 11.30 alle 13.30

1 turno il pomeriggio dedicato alle PMI, professionisti, associazioni di categoria

  • dalle 15.30 alle 17.30

Per partecipare a una delle sessioni formative occorre registrarsi INVIANDO UNA EMAIL ALL’INDIRIZZO comunicazione@nu.camcom.it, specificando la categoria di appartenenza e l’orario di preferenza.

(DA: comunicato Camera di Commercio Nuoro-7 marzo 2015)

I dati della Camera di commercio

evidenziano una crisi che va avanti dal 2008

La crisi finanziarie ed economica in provincia di nuorese è sempre drammatica.

Ad attestarlo sono i dati sul mondo delle imprese pubblicati dalla Camera di commercio per l’ultimo quinquennio, comprendenti l’area dell’Ogliastra. Se nel 2006 le imprese registrate nel registro della Camera di commercio barbaricino erano 29.700, alla fine del 2011 il numero si è ridotto a 28.129. Il crollo è iniziatyo nel 2008, quando le imprese erano 30026. Per poi passare nel 2009 a 29.894. E crollare nel 2010, anno che ha fatto registrare ben 1500 imprese in meno, con un trend relativo di perdite del 5,01%.

La situazione relativa al territorio ha successivamente fatto registrare una situazione di netta diminuzione. La congiuntura negativa è stata avvertita un po’ in tutti i settori, con un’attività produttiva in contrazione, insieme a quella del mercato del lavoro, che poi si è fatta sempre più critica. La provincia di Nuoro, nel periodo compreso tra il 2010 e il 2011, ha perso circa l’1% delle imprese, pari a meno 265. Nonostante gli stravolgimenti dettati dalla crisi, sottolineano gli esperti delle Camera di commercio, le imprese, invece, hanno sempre conservato la stessa forma giuridica, costituita, in media, per il 73% dalle ditte individuali, mentre la base della produttività è rimasta pressoché invariata, essendo costituita dai settori dell’agricoltura, pesca e silvicoltura, insieme alle costruzioni.

Pur nell’ambito delle grandi difficoltà, a trainare positivamente la dinamica delle iscrizioni-cessazioni sono stati gli imprenditori extracomunitari. L’incremento complessivo, nell’ultimo decennio, è stato di 284 nuove unità, passando da 801 nel 2010 a 848 nel 2011, con un aumento di 47 unità. Nel comparto commerciale femminile, invece, le imprese iscritte sono passate dalle 10.450 del 2010 alle 11.191 del 2011.

(DA: La Nuova-Antonio Bassu-17 nov 2012)