Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Categoria: Loculi

PROGRAMMA

“PRIMAVERA 2017” A LOCULI

 DATA 13/14 maggio 2017

Sabato 13 Maggio 2017

- Ore 10:00 apertura delle varie esposizioni alla casa Museo “Sa domo de sas artes e de sos mestieris” e cortili antistanti con l’esposizione di prodotti tipici artigianali, enogastronomici e della tradizione locale.

Degustazione e vendita di prodotti tipici del paese.

Per tutta la giornata vi sarà l’ apertura dei punti ristoro

- Durante la manifestazione:

a) Prima giornata dedicata alla realizzazione di due murales tematici, importante esempio di arte capace di decorare alcune superfici murali cittadine portando riqualificazione e valore artistico aggiunto al territorio urbano

b) Laboratorio di ceramica organizzato dalla ceramista locale “Kefra” con il coinvolgimento delle classi della scuola primaria di Irgoli con la realizzazione in diretta di una brocca sarda

c) Laboratorio sulla lavorazione della pasta organizzato dalla Fattoria Didattica Funtan’Arva di Loculi con il coinvolgimento delle classi della scuola primaria di Irgoli

d) Dimostrazione della realizzazione di dolci tipici

Vi saranno le esibizioni del gruppo folk Sa Defessa e il tenore Santu Pretu

e) Visita alla Mostra fotografica permanente di Carlo Bavagnoli: “Sardegna 1959. L’africa in casa” presso “Sa Domo de sas artes e de sos mestieris”;

- Dalle ore 19:00 balli sardi in piazza, canto a tenore e vari spettacoli

Domenica 14 Maggio 2017

- Ore 9:00 apertura delle varie esposizioni

- Ore 10:00 apertura delle varie esposizioni con l’apertura della casa Museo “Sa domo de sas artes e de sos mestieris” e cortili antistanti con l’esposizione di prodotti tipici artigianali, enogastronomici e della tradizione locale. Degustazione e vendita di prodotti tipici del paese.

Per tutta la giornata vi sarà l’ apertura dei punti ristoro

- Durante la manifestazione:

a) Seconda giornata dedicata alla realizzazione di due murales tematici, importante esempio di arte capace di decorare alcune superfici murali cittadine portando riqualificazione e valore artistico aggiunto al territorio urbano

b) Realizzazione di una forma di formaggio da RECORD preparata in diretta utilizzando litri di latte provenienti dal settore zootecnico della Baronia e coinvolgendo il caseificio locale e i pastori volontari. Si tratta di un’occasione unica, per mostrare agli spettatori le tecniche di lavorazione e con l’obiettivo di sensibilizzare il pubblico all’importanza delle produzioni tipiche locali

c) Laboratorio della lavorazione del cuoio organizzato del calzolaio locale “Marras Andrea”

d) Laboratorio di norcineria con dimostrazione in diretta della lavorazione della carne di maiale

e) Vi saranno le esibizioni del gruppo folk Sa Defessa e il tenore Santu Pretu

f) Visita alla Mostra fotografica permanente di Carlo Bavagnoli: “Sardegna 1959. L’africa in casa” presso “Sa Domo de sas artes e de sos mestieris

- Dalle ore 19:00 balli sardi in piazza, canto a tenore e vari spettacoli.

Panorama di Loculi (Nu) con il parco comunale adiacente la Chiesa di Sa Defessa

DOVE DORMIRE, DOVE MANGIARE:

Le persone che desiderano fermarsi a dormire o mangiare a Loculi possono beneficiare dei seguenti agriturismi e b&b:

Agriturismo “Funtan’Arva”

Indirizzo: Loc. Funtan’Arva

08020 Loculi (Nu) Telefono cellulare: +39 347 1398025

Sito: www.funtanarva.com

E-mail: info@funtanarva.com

Agriturismo “Matta e Sole” di Marisa e Melchiorre

Indirizzo: Via Azuni, 1

08020 Loculi (Nu)

Telefono cellulare: +39 347 9228048/+39 348 7733382

Abit. E fax: +39 0784 97545

Bed and Breakfast “I Murales”

Indirizzo: Via Vittorio Emanuele, 8

08020 Loculi (Nu)

Telefono cellulare: +39 333 2521777

Bed and Breakfast “Sa Preta Lata”

Indirizzo: Via Angioi, 30

08020 Loculi (Nu) Telefono: +39 0784 978037

E-mail: info@sapretalata.it

Pizzeria “Il Gufo”

Indirizzo: Via Fiorino

08020 Loculi (Nu)

Telefono: +39 0784 97559

(DA: comunicato Comune di Loculi-27 Aprile 2017)

L’Amministrazione Comunale di Irgoli -Area Socio Culturale- e la Biblioteca Associata di Irgoli, Loculi, Onifai, Galtellì propongono per il terzo anno consecutivo il laboratorio

REALIZZA UNA PIGOTTA

in collaborazione con il

Comitato Unicef di Nuoro

L’attività è rivolta a tutti coloro che vogliano sostenere l’Unicef realizzando le famose Pigotte, le bambole di stoffa che ogni anno salvano la vita a milioni di bambini.

Per realizzare le Pigotte dell’UNICEF bastano ago, filo e un po’ fantasia.

Il primo incontro si terrà SABATO 19 NOVEMBRE alle ORE 10.00 presso la biblioteca comunale.

Già da alcuni anni l’Amministrazione Comunale collabora con l’Unicef donando una Pigotta a tutti i nuovi bambini nati.

Con il laboratorio si vuole fare un ulteriore passo in avanti coinvolgendo tutte le persone che concretamente vogliono impegnare il loro tempo per una giusta causa.

La bambola dell’Unicef consente di vaccinare un bambino in un paese in via di sviluppo e di salvargli la vita.

Per informazioni:

Biblioteca Comunale di Irgoli

tel. 0784979005: biblioteca@comune.irgoli.nu.it

 (DA: comuniicato Biblioteca Comunale Irgoli-14 Novembre 2016)

Panorama di Loculi (Nu) con vista parziale del parco comunale di Sa Defessa (nella parte bassa) da ripulire dalle erbacce e adiacente alla omonima Chiesa (al centro)-foto M.Camedda

(DA: Sito Istituzionale Comune di Loculi)

La Guardia Medica ritrasferita dal

9 Maggio nella sede originaria di Irgoli

 

La Direzione del Distretto Sanitario di Siniscola comunica che sono terminati i lavori di ammodernamento dei locali della Guardia Medica di Irgoli – in via San Michele.

Pertanto, da lunedì 9 maggio, il Servizio di Guardia Medica sarà nuovamente trasferito dalla sede temporanea di Loculi, alla sua sede originaria di Irgoli (Tel. 3469846864).

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-6 Maggio 2016)

Giovanni Santo Porcu, sindaco di Galtellì,

è il nuovo presidente dell’Unione dei Comuni della Valle del Cedrino.

 Il passaggio di consegne è avvenuto martedì.

A comunicare la notizia il presidente uscente e sindaco di Loculi Vincenzo Secci, rimasto in carica per un anno, viste le imminenti elezioni amministrative che si terranno a Loculi a giugno. «Auguro al nuovo presidente buon lavoro consapevole che farà del suo meglio per la comunità», sono state le parole di Secci.

«Ringrazio Vincenzo Secci per il lavoro svolto sino ad ora – dice Porcu – mi aspetta un nuovo impegno di forte responsabilità considerato anche il difficile periodo di transizione e riorganizzazione che stanno attraversando attualmente gli Enti Locali. Le Unioni dei Comuni rappresentano il futuro, dobbiamo lavorare per organizzarle e renderle operative, pronte a rispondere alle esigenze dei singoli comuni e dei territori».

«Tra i vari temi – ha proseguito il neo presidente Porcu – ci sarà sicuramente quello legato all’acqua potabile, al settore lapideo e alle diverse progettualità che le risorse europee promuovono per creare sviluppo nei territori. Spero di riuscire a dare un valido contributo, con l’aiuto dei colleghi Sindaci e del personale della struttura».

UNA FOTO GIA' STORICA: FEBBRAIO 2007- NASCITA DELL'UNIONE DEI COMUNI VALLE DEL CEDRINO (composta dalle amministrazioni comunali di Orosei- Galtellì- Irgoli- Loculi- Onifai) nella Sala consiliare Comune di Orosei. Da destra verso sinistra i sindaci: Vincenzo Secci (Loculi), Michele Battacone (Irgoli), Gino Derosas (Orosei), Renzo Soro (Galtellì) e Giovanni Branchitta (Onifai). In primo piano Vincenzo Secci al suo primo mandato di sindaco di Loculi. Al centro Gino Derosas, primo presidente del nuovo Ente locale comunitario che ha sede amministrativa e operativa ad Orosei (foto m. camedda -©riproduzione riservata).

 (DA: La Nuova Sardegna-c.f.-17 Aprile 2016)

Promossa dalla Sezione comunale Avis di Orosei

con il contributo delle amministrazioni comunali di Onifai e Loculi e della Protezione civile di Onifai, domenica 8 novembre dalle 8 alle 12 sosterà ad Onifai l’autoemoteca del Centro trasfusionale dell’Asl di Nuoro per la raccolta di sangue.

Per Onifai e Loculi si tratta della prima volta nella storia dei due paesi che un’autoemoteca eseguirà i prelievi del sangue per una sezione Avis Comunale. Il punto di raccolta si terrà nel Largo San Giorgio, di fronte alla sede della Protezione Civile che allestirà un gazebo per il supporto logistico ai donatori.

 

Trattandosi della prima sosta uffciale di un’autoemoteca per l’Avis si ricorda ai volenterosi e potenziali donatori che è conveniente arrivare sul luogo della donazione almeno un’ora prima delle 8.

“Confidando nel generoso affusso di donatori- afferma Marco Camedda, presidente del1′Avis comunale di Orosei- siamo convinti, anche per la solidale e fattiva collaborazione della Protezione civile onifaese, che si potranno ottenere buoni risultati evidenziando che il sangue donato è comunque un gesto di altissimo altruismo e amore verso la vita di chi ne ha bisogno”.

Per eventuali comunicazioni

telefonare al 392/ 9851141 (sezione Avis di Orosei), o 349/ 2340040 (Protezione Civile di Onifai).

(DA: La Nuova Sardegna-6 Novembre 2015)

UNA MIA CONSIDERAZIONE

Carissime e Carissimi,

Noi dell’Avis di Orosei abbiamo voluto vivere questa bellissima esperienza perchè il volontariato, ancor più se vissuto in questa Associazione Nazionale che ha l’obiettivo di raccogliere l’indispensabile liquido di vita che è il sangue, è amore puro verso gli altri, aggregazione, solidarietà, altruismo fra le persone e fra comunità sopratutto se vicine come in questo caso Orosei, Onifai e Loculi.

E’ stato da circa due anni uno dei nostri obiettivi che solamente ora abbiamo potuto realizzare con l’adesione fattiva ed entusiasta degli amici Sindaci Daniela Satgia (Onifai) e Vincenzo Secci (Loculi)  e La Protezione Civile di Onifai che ringraziamo per la fattiva collaborazione. E’ anche un momento di incontro fra persone volenterose e solidali nella nostra cara Baronia che insieme a Orosei e Galtellì forma anche l’Unione dei Comuni Valle del Cedrino.

Non è un caso se non tanto tempo fa (e chissà se ancora oggi in qualche luogo della terra) si stringevano i “Patti di sangue” unendo le due gocce del prezioso liquido vitale dei polsi di due persone in segno di una amicizia, anzi di una fratellanza che nel concetto semplice e primordiale fra creature buone li rendeva, appunto, come fratelli. 

Sento intimamente  che essere uniti, stavolta da questo nobile obiettivo di cercare di salvare o far migliorare persone che soffrono e che hanno necessità indispensabile della trasfusione del sangue, è un motivo di grande orgoglio, di intima soddisfazione per aver fatto  solamente il proprio  dovere con questo piccolo ma grandissimogrande gesto  di Amore verso gli altri che soffrono.

E, a proposito di Amore, non dimentichiamolo mai che donare il sangue è anche un grandissimo gesto di riguardo  fisico e morale verso  se stessi.

Un giorno un amico, con sorriso sereno mi confidò che nel fare del bene agli altri provava una grande soddisfazione, una immensa gioia, un grande senso di benessere nel proprio intimo, per aver fatto quello che lui reputava “solo il proprio dovere” di persona che vive solidale insieme agli altri, specialmente quando stanno male.

Con grande affetto e riconoscenza,

Marco Camedda

RACCOLTA DIFFERENZIATA RIFIUTI

periodo Settembre-Dicembre 2015

NOTA ESPLICATIVA A CALENDARIO

(DA: siti istituzionali Comuni di Galtellì, Irgoli, Onifai e Loculi)

DANIELA SATGIA

E LA SUA NUOVA AMMINISTRAZIONE

Daniela Satgia, riconfermata  circa un mese fa Sindaco del Comune di Onifai ed al secondo mandato consecutivo, con la sua amministrazione ha già varato in questo breve periodo del nuovo corso una serie di compiti quali l’approvazione del Bilancio Preventivo per il 2015 (Consiglio Comunale del 18 Giugno scorso) importante strumento programmatico per la vita amministrativa di un comune.

Inoltre abbiamo già appaltato-comunica Daniela Satgia- i lavori di esecuzione di itinerari turistici e pulizia degli antichi sentieri in agro di Onifai finanziati con un Bando Gal di 700.000 Euro. Bando Gal di cui il nostro paese è capofila e di cui fanno parte anche i comuni di Loculi, Torpè e Posada”

Con questo finanziamento – continua il Sindaco di Onifai-ogni Comune di questo Bando Gal potrà anche eseguire riprese radenti (a volo d’uccello) con dei droni che documentino le bellezze ambientali dei territori dei nostri paesi. Inoltre siamo a buon punto per la messa a punto della quarta edizione della manifestazione di ‘Gurgos e Prathas de Oniai’ che si svolgerà l’1 e 2 Agosto all’interno del Centro Storico del Paese”

Abbiamo già dato inizio -conclude Daniela Satgia- anche ai lavori nella Cava dismessa di Locherie per il suo recupero ambientale eseguibile grazie ad un finanziamento di 250.000 Euro della Regione Sarda. Tanti altri lavori sono in corso di definizione ed è nostra intenzione fare quanto più possibile per rendere più fruibili ai turisti nostrani, della penisola e stranieri, le nostre peculiarità ambientali, archeologiche e storiche ai fini della massima valorizzazione di un turismo che spero possa decollare entro questo nuovo mandato datoci dai nostri cittadini”

UN PO’ DI STORIA AMMINISTRATIVA

Come cinque anni fa una sola lista ha partecipato alle elezioni comunali ad Onifai un bel paesino della Baronia-valle del Cedrino con popolazione di 757 abitanti. Aveva come unico potenziale ostacolo il quorum che ha superato ottenendo una percentuale di votanti del 58 percento.

Quindi Daniela Satgia, 34 anni e sindaco uscente, succede a se stessa con una lista di altri dieci candidati consiglieri con numerosi nomi presenti nelle elezioni del 2010. Obiettivo dichiarato quello del proseguimento della vita amministrativa del precedente mandato conclusosi lo scorso 9 Giugno con la convocazione del Consiglio Comunale di insediamento della nuova amministrazione. “Siamo consci -afferma Daniela Satgia- delle difficoltà conseguenti ai numerosi e continui tagli ai comuni da parte di Regione, Stato e Comunità Europea.

L’impegno sarà quello di partecipare a tutte le occasioni di Bandi regionali, statali e comunitari sopratutto per proseguire le opere di mitigazione e protezione dai rischi idrogeologici del paese e campagne soggette alle alluvioni dell’attiguo fiume Cedrino e alla posizione dell’abitato. “Vorremo inoltre – aggiunge il Sindaco – incentivare anche il turismo che, in una società agropastorale, stenta a decollare, valorizzando i nostri numerosi siti archeologici e i monumenti e percorsi naturalistici”.

Il nuovo Consiglio risulta composto da: Daniela Satgia, Veronica Cancedda, Marianna Fois, Antonia (nota Tonina) Gungui, Giuseppe Lai, Maria Giovanna Lai, Fabrizio Loche, Silvio Loi, Sebastiana Caterina Succu, Zuleiche Succu, Achille Zizi.

COMPOSIZIONE DELLA NUOVA GIUNTA

La composizione della Giunta con attribuzione delle varie deleghe è la seguente:

Satgia Daniela -Sindaco; Vicesindaco con deleghe a usi civici, patrimonio boschivo comunale Lai Mariagiovanna; Lai Giuseppe Assessore con delega agricoltura; Lavori Pubblici e manutenzioni al Consigliere Cancedda Veronica; Protezione Civile e difesa del territorio al Consigliere Succu Zuleiche; Ambiente al Consigliere Loi Silvio; Servizi sociali e istruzione al Consigliere Gungui Antonia; Cultura, sport e turismo al Consigliere Loche Fabrizio; Attività produttive e Suap al Consigliere Succu Sebastiana Caterina. Restanti deleghe in mano al Sindaco.

Le linee programmatiche che seguiremo -conclude Daniela Satgia- sono state estrapolate dal programma elettorale che dunque vale come traccia fondante del nostro mandato per cui faremo di tutto per onorare la scelta dei nostri concittadini per il bene del nostro paese”.

Si evidenzia che l’età media dei componenti del consiglio comunale è di circa 36-38 anni e che lo stesso è composto in modo paritario da donne e uomini a cui si augura un proficuo lavoro che faccia emergere ancora di più il bel paese di Onifai, uno di cinque paesi che compongono l’Unione dei Comuni Valle del Cedrino.

-Marco Camedda-

 

CONCORSO FOTOGRAFICO

“NUTRIMENTI”

Il Comune di Loculi e l’Archivio Fotografico Popolare sono lieti di comunicare i vincitori del concorso fotografico dal titolo “Nutrimenti”.

Premettendo la grande soddisfazione per la partecipazione e la qualità delle immagini pervenute, la giuria composta da Donatello Tore (fotografo professionista), Franca Mele (bibliotecaria) e Gigi Murru (Archivio Fotografico Popolare) ha emesso il seguente verdetto con le relative motivazioni:

Primo posto ex aequo: Vera Turnu con la fotografia “In attesa”; Sandro Fadda con la fotografia “Cochende e carasande”. Entrambe le immagini colgono in pieno il senso del concorso e il tema “Nutrimenti”, rappresentando degli scorci di realtà domestici e agropastorali, tradizionali e attuali allo stesso tempo e riuscendo tecnicamente e esteticamente a concentrare una storia all’interno del fotogramma. Le fotografie selezionate sono l’emblema di due modi ben distinti di fotografare: per lo scatto di Vera Turnu è stata premiata la velocità dello sguardo tipica di un certo reportage, mentre all’immagine di Sandro Fadda è stato riconosciuto un uso della luce e una composizione interna molto scenografici.

Secondo posto: Giovanni Francesco Loche: con la fotografia “Vendemmia a Gudunie”. Si è premiato l’intento di voler partecipare con un ritratto a un concorso dove, dato il tema, non era semplice poterlo inserire. Conveniamo all’unanimità sul fatto che il soggetto sia assolutamente iconografico, una fotografia che ci fa riflettere e che fonde in un tuttuno i concetti di memoria personale e memoria collettiva.

Terzo posto: Maria Palmeria Zedda con la fotografia “L’unione fa la forza”. Lo scatto è frutto di un intelligente lavoro che, partendo da altre due fotografie scattate a un’ape e al grano, arriva ai nostri occhi concentrato in un’immagine ben composta e dai toni delicati.

Tutti i partecipanti al concorso hanno colto l’essenza del tema proposto, ognuno rappresentandolo e interpretandolo secondo una propria personale visione.

LOCULI: Centro polifunzionale "Sa domo de sas Artes e de sos Mestieris" (foto camedda-2010)

Tutte le fotografie in gara saranno esposte

nei giorni Sabato 27/06 e Domenica 28/06 dalle ore 11:00 presso Sa Domo de sas Artes e de sos Mestieris di Loculi, all’interno del circuito “Primavera in Baronia”.

Le premiazioni si terranno presso la stessa struttura Sabato 27 alle ore 18:00.

(DA: comunicato di Vincenzo Secci, Sindaco di Loculi-25 Giugno 2015)

LOCULI: 27/28 GIUGNO 2015

2a Edizione di “Primavera in Baronia”.

Per il secondo anno consecutivo Loculi, paese della Baronia-Valle del Cedrino, partecipa alla iniziativa “Primavera in Baronia”. Anche quest’anno le manifestazioni, itinerari e stands abbracceranno tutto il centro storico del paese con fulcro il bel museo “Sa Domo de Sas Artes e de Sos Mestieris” ormai spazio centrale della cultura del paese e sede di diverse mostre fotografiche.

“Un anno fa-afferma Sonia Sanna, Assessore alla Cultura, Loculi ha partecipato per la prima volta a questa iniziativa promossa dall’Aspen, manifestazione che ha portato nel paese centinaia di visitatori e turisti. Vista la buona riuscita dell’edizione scorsa, anche quest’anno abbiamo deciso di aderire a questo importante progetto. Primavera in Baronia per Loculi è una grande occasione per far conoscere il paese attraverso i lavori e i prodotti che le mani dei suoi cittadini offrono. Tantissimi gli espositori che hanno deciso di partecipare e tante associazioni culturali e sportive presenti nel nostro paese”.

“Ci auguriamo- continua l’Assessore- di riuscire a proporre due giornate ricche di eventi, accompagnate da un programma espositivo molto vasto che ci permetta di accogliere e ospitare tanti visitatori, perché Loculi è un piccolo paese, ma che ha già dimostrato sia nella scorsa edizione che in altre importanti manifestazioni di poter offrire tanto con la a speranza è che il nostro paese cresca a livello culturale e continui negli anni a farsi conoscere e apprezzare per le bellezze e le ricchezze che possiede”.

Fin da ora -conclude Sonia Sanna- ringrazio tutti i cittadini di Loculi, gli espositori, le associazioni culturali e sportive che operano a Loculi e tutti quelli che anche con un piccolo gesto hanno contribuito alla preparazione di questa manifestazione, augurando che questa si ripeta con allegria e entusiasmo negli anni a venire”.

31 gli espositori di Loculi e non solo, che esporranno i loro prodotti e le loro creazioni: quadri e bigiotteria creativa, torte in pasta di zucchero, prodotti di cosmesi naturale creati con erbe officinali della Sardegna, opere di decoupage, accessori e arredi per la casa, sculture e lavorazioni in sughero, salumi, pane, miele, dolci, prodotti lattiero–caseari, lavorazioni in pasta di mais, gioielli ,bigiotteria, cuciti vari.

Sabato 27 giugno alle 11 si inaugura l’evento con l’apertura dei vari punti espositivi; alle 18,30 Produzione in diretta de “sa cuffitura” ; alle 21, serata serata folkloristica in piazza.

Domenica 28 giugno:alle 10-apertura dei vari punti espositivi a cui segue, alle10:30, il“7° memorial “Pierpaolo Bandinu”organizzato dalla società “Corvi Orosei Rugby” e dalla società “ASD Nuoro Rugby” che si terrà nel campo sportivo comunale. Dalle11, punto espositivo di cosmesi naturale con creazione di cosmetici, saponi e cere a base di piante ed erbe officinali del nostro territorio. Di pomeriggio dalle 16 premiazione dei tre vincitori del concorso fotografico “nutrimenti” a cui segue alle 18 una dimostrazione in piazza di “Utilità e Difesa” con relative spiegazioni comportamentali dei cani a cura del “centro cinofilo Loculi. Alle 21 esibizione tenore “Santu Pretu” di Loculi e balli sardi in piazza accompagnati dall’ organetto diatonico di Lorenzo Chessa.

Durante i due giorni della manifestazione sarà aperta al pubblico la casa-museo “Sa Domo de sas Artes e de sos Mestieris”, dove sarà possibile ammirare:- la mostra fotografica permanente di Carlo Bavagnoli: “Sardegna 1959, L’ Africa in casa” nonchè la mostra “Pitzinnos de Baronia”, iniziativa dell’Archivio Fotografico Popolare, un progetto del Comune di Loculi di catalogazione e digitalizzazione degli album fotografici delle famiglie della Provincia di Nuoro. Inoltre la mostra dei costumi e gioielli tradizionali a cura del gruppo folk “Sa Defessa” di Loculi e quella presso la scuola dell’infanzia Nannaò.

-Marco Camedda-

PRESENTAZIONE MANIFESTAZIONE Primavera in Baronia 2015 a Loculi

“Un anno fa Loculi ha partecipato per la prima volta all’iniziativa promossa dall’Aspen “Primavera in baronia”, manifestazione che ha portato nel paese centinaia di visitatori e turisti. Vista la buona riuscita dell’edizione scorsa, anche quest’anno abbiamo deciso di aderire a questo importante progetto. Primavera in baronia per Loculi è una grande occasione per far conoscere il paese attraverso i lavori e i prodotti che le mani dei suoi cittadini offrono.

L’amministrazione di Loculi è dal mese di gennaio che lavora per questo importante evento, collaborando con tutti gli espositori che hanno deciso di partecipare e con le varie associazioni culturali e sportive presenti nel nostro territorio.

Quello che personalmente mi auguro è di riuscire a proporre due giornate ricche di eventi, accompagnate da un programma espositivo molto vasto che ci permetta di accogliere e ospitare tanti visitatori, perché Loculi è un piccolo paese, ma che ha già dimostrato sia nella scorsa edizione che in altre importanti manifestazioni di poter offrire tanto.

La speranza è che il nostro paese cresca a livello culturale e continui negli anni a farsi conoscere e apprezzare per le bellezze e le ricchezze che possiede.

Ringrazio tutti i cittadini di Loculi, tutti gli espositori, le associazioni culturali e sportive che operano a Loculi e tutti quelli che anche con un piccolo gesto hanno contribuito alla preparazione di questa manifestazione, augurando che questa si ripeta con allegria e entusiasmo negli anni a venire”.

Assessore cultura e turismo

Sonia Sanna

==============================

BREVE DESCRIZIONE DEL PAESE

  • AMBIENTE E TERRITORIO

Loculi è un piccolo paese in provincia di Nuoro, a pochi chilometri dalla costa orientale della Sardegna, nella piana solcata dal Sologo l’affluente del Cedrino, in un territorio principalmente collinare. La collocazione geografica è tale che, fin dai tempi più remoti, gli uomini lo scelsero per fissare qui le loro dimore, trovando in esso le condizioni migliori per vivere e per difendersi. La conformazione del luogo e la vicinanza al fronte costiero giustificano inoltre l’esistenza in questa zona del passaggio di numerose civiltà, come documentano le domos de janas, dette anche “Concheddas” situate in prossimità del paese. Nel territorio di Loculi sono presenti anche dei Nuraghi: quello di Caraocu (o Corricanu), quello di Preda Longa e quello di Survare.

  • STORIA

Sull’origine del nome del paese non ci sono dati precisi a disposizione: Loculi potrebbe derivare dal latino “Locus”, cioè piccolo luogo o centro; oppure dall’ italiano “loculo”, ricordando forse qualche famoso loculo funerario o qualche importante cimitero di cui non sono rimaste più tracce; altri ancora infine, pensano che possa derivare dal latino “lucus” che significa bosco sacro. In ogni caso, Loculi era un centro di modeste dimensioni e molto probabilmente vi era un centro fenicio-punico. All’inizio del X secolo, Loculi divenne uno dei quattro giudicati di Gallura, insieme a Galtellì, Irgoli e Onifai. Tra i secoli XV e XX sono state edificate nel territorio di Loculi 17 chiese, di queste purtroppo ne rimangono solo due: quella di San Pietro e quella della Madonna della Difesa.

  • CULTURA

Loculi è un paese molto attento alle tradizioni e alle attività culturali di tipo sportivo, come dimostrano l’impegno delle numerose associazioni che si dedicano alla cultura e alla promozione del paese. Le principali feste sono “Sa Defessa”, che si festeggia l’ultima domenica di agosto e “Santu Pretu”, patrono del paese che si festeggia il 18 Gennaio, inoltre non mancano mai i festeggiamenti in onore di Sant’ Antonio e i riti e le celebrazioni della Settimana Santa , nei quali assume un significato profondo la presenza della Confraternita di Santa Rughe (Santa Croce) che si costituì tra il 1725 ed il 1733.

PROGRAMMA DELLA MANIFESTAZIONE

Giorni 27/28 giugno 2015

sabato 27 giugno:

  • Ore 11:00 – Inaugurazione evento e apertura dei vari punti espositivi
  • Ore 18:30 – punto espositivo: dolci tipici sardi biscottificio G.L.M.F Monne -Produzione in diretta de “sa cuffitura”.
  • Ore 21:00 – serata folkloristica in piazza accompagnata da: Giovanni Magrini – voce, Tore Delussu – organetto,Tore Matzau – chitarra, Nicola Loi – trunfa

Domenica 28 giugno:

  • Ore 10:00 – apertura dei vari punti espositivi
  • Ore 10:30 – “7° memorial “Pierpaolo Bandinu”organizzata dalla società “Corvi Orosei Rugby” e dalla società “ASD Nuoro Rugby”" che si terrà nel campo sportivo comunale situato in via Don Asproni.
  • Ore 11:00 – punto espositivo: cosmesi naturale, creazione di cosmetici, saponi e cere a base di piante ed erbe officinali del nostro territorio.
  • Ore 16:00 – premiazione dei tre vincitori del concorso fotografico “nutrimenti”.
  • Ore 18:00 – dimostrazione in piazza di “utilità e difesa” con relative spiegazioni comportamentali dei cani a cura del “centro cinofilo Loculi.
  • Ore 21:00 – esibizione tenore “Santu Pretu” di Loculi e balli sardi in piazza accompagnati dall’ organetto diatonico di Lorenzo Chessa.

Durante tutta la manifestazione sarà aperta al pubblico la casa-museo

“Sa domo de sas artes e de sos mestieris”, dove sarà possibile ammirare:

  • - la mostra fotografica permanente di Carlo Bavagnoli: “Sardegna 1959, L’ Africa in casa”;
  • - la mostra “Pitzinnos de Baronia”, iniziativa dell’Archivio Fotografico Popolare, un progetto del Comune di Loculi di catalogazione e digitalizzazione degli album fotografici delle famiglie della Provincia di Nuoro.
  • - mostra dei costumi e gioielli tradizionali a cura del gruppo folk “Sa Defessa” di Loculi
  • - mostra c/o la scuola dell’infanzia Nannaò.

31 espositori di Loculi e non solo, esporranno i loro prodotti e le loro creazioni:

  • quadri e bigiotteria creativa, gioielli-biggiotteria, cuciti vari
  • torte in pasta di zucchero
  • prodotti di cosmesi naturale creati con erbe officinali della Sardegna
  • accessori e arredi per la casa, sculture varie
  • opere di decoupage, lavorazioni in sughero
  • salumi, pane, miele, dolci
  • prodotti lattiero – caseari
  • lavorazioni in pasta di mais
  • punti ristoro             

(DA: comunicato Comune di Loculi-18 giugno 2015)

(DA: sito istituzionale Comune di Loculi)

 

BARONIA: EMERGENZA IDRICA:

UNO SPIRAGLIO DI SPERANZA

L’assessore Maninchedda ha rassicurato le popolazioni sull’approvvigionamento. L’impegno di spesa per il bypass di Su Gologone sarà portato in Giunta martedì

L’impegno della Regione c’è. Le popolazioni della bassa Baronia hanno sentito direttamente dalla voce dell’assessore ai Lavori pubblici, Paolo Maninchedda, quelle paroline magiche che aspettavano da anni: fine dell’inquinamento e dell’acqua non potabile. Una promessa, che è anche qualcosa di più. Visto che l’assessore porterà l’impegno di spesa, intorno ai 4 milioni di euro, all’esame della Giunta nel Piano infrastrutture del Nuorese.

Il by pass dalle fonti di Su Gologone per approvvigionare la Baronia sta per diventare realtà.

L’assessore ha preso tempo, ha spiegato che sarà necessario fare gli opportuni approfondimenti e valutare la reale fattibilità del progetto di massima approntato dalla Provincia. Ma entro giugno ci saranno tutte le risposte e si potrà già pensare ai lavori. La sofferenza e i disagi per gli abitanti della Baronia dovrebbero comunque finire entro dicembre 2015. Forse anche prima. La fine di un incubo.

«Esiste un progetto fattibile realizzato dai tecnici della Provincia già dal 2010 – ha spiegato il sindaco di Orosei, Franco Mula – per captare l’acqua non direttamente dalla fonte di Su Gologone, ma un pò più a valle, dove maggiore è la pressione e poco prima che l’acqua vada a a mischiarsi con l’acqua del Cedrino. Serve solo l’impegno finanziario da parte della Regione che dai tecnici è stato stimato intorno ai 4 milioni di euro. Questo è l’impegno che avevamo chiesto all’assessore Maninchedda, perché anche i nostri paesi possano avere acqua pura. E la risposta che abbiamo avuto è più che confortante. Speriamo che tutto sia così come da progetto – ha concluso Franco Mula – in modo tale che in breve tempo la situazione ritorni alla normalità».

Restano ancora molte preoccupazioni, invece, tra i componenti del movimento «Abba Vona», che si erano presentati all’incontro agguerriti con striscioni e acqua di Pedra ’e Othoni dentro le bottiglie e i biccheri. «Il problema dell’inquinamento del Cedrino e dell’acqua malsana e pericolosa prelevata dall’invaso di Pedra Othoni, che viene erogata nelle case dei cinque paesi della bassa Baronia però resta irrisolto – hanno sostenuto – anche se le parole dell’assessore regionale no n posso no che averci fatto piacere».

Preoccupazione per i problemi di salute avevano anche sottolineato i cinque sindaci dei paesi coinvolti: Franco Mula di Orosei, Giovani Santo Porcu di Galtellì, Giovanni Porcu di Irgoli, Vincenzo Secci di Loculi e Daniela Saggia di Onifai.

PER CONOSCENZA: OROSEI: Una foto panoramica della 1° 'Assemblea indetta dal movimento "Abba Vona" nel Cineteatro Pitagora per contestare il problema dell'acqua in Bassa Baronia. Presenti, come descritto in calce all'articolo, i cinque Sindaci dell'Unione dei Comuni Valle del Cedrino (Bassa Baronia) e il Consigliere provinciale Gesuino Beccari

(DA: La Nuova Sardegna-plp-29 Aprile 2015)

ACQUA NON POTABILE

IN ALCUNI CENTRI DELLA BARONIA

(Irgoli,Loculi,Orosei,Posada)

-Dati al 2 Aprile 2015-

Il S.I.A.N. (Servizio Igiene degli Alimenti e della Nutrizione) dell’ASL di Nuoro – Distretto Sanitario di Siniscola – comunica che,

a seguito delle analisi di verifica – presso il laboratorio A.R.P.A.S. di Nuoro – sui campioni di acqua prelevati in data 30 marzo nelle reti idriche dei comuni di Irgoli. Loculi, Orosei (dove, nel frattempo, i parametri Torbidità e Alluminio sono rientrati nella norma) e Posada, è risultato fuori norma il parametro microbiologico Coliformi .

Il parametro Coliforrni deve essere pari a zero (Parte C AlI. I- DLgs 31/2001) e la loro presenza è un indice di rischio per la salute dei cittadini/consumatori; pertanto, in via cautelativa, l’acqua non è idonea per l’uso potabile e alimentare, se non dopo bollitura per circa 7 minuti in tutta la rete idrica dei comuni interessati.

Il S.I.A.N. di Siniscola ha provveduto immediatamente a informare i sindaci dei comuni interessati. Il Servizio dell’ASL ha, inoltre, comunicato ad Abbanoa S.p.A. di individuare la causa dei parametri fuori norma, eliminarla, effettuare le dovute verifiche e relazionare allo stesso servizio dell’ASL.

(DA: comunicato ASL3 Nuoro- 2 Aprile 2015)

Pitzinnos de Baronia-

-Fotografie di infanzia dall’Archivio Fotografico Popolare

Ricevo e pubblico volentieri questo comunicato e descrizione della mostra organizzata dal Comune di Loculi  in collaborazione con l’Archivio Fotografico Popolare di cui è socio importante l’amico Gigi Murru, nuorese ed eccezionale fotografo dilettante, che non mi meraviglia abbia raggiunto questi traguardi vista la sua sensibilità socio-culturale e l’amore per le foto,sopratutto in Bianco e Nero.

Ed è per questo,vista la stima e amicizia che esiste con Gigi Murru, che ho voluto riproporre la notizia (ne inoltrai un post alcuni giorni fa su notizia del Comune di Loculi) di questa importante manifestazione che si terrà in “Sa Domo de Sas Artes e Sos Mestieris” di Loculi il prossimo sabato 24 Gennaio 2014, spazio inaugurato che ha visto le foto in BN del grande fotarlo,bavagnoli.ografo di Repubblica, Carlo Bavagnoli. Riporto, quì di seguito , il cordiale testo della mail inviatami da Gigi e che pubblico per intero  quì di seguito,

Marco Camedda

COMUNICATO

“Buongiorno Marco,

allego alla mail il testo della mostra “Pitzinnos de Baronia – Fotografie di infanzia dall’Archivio Fotografico Popolare“, prima esposizione di questo nuovo progetto nato dalla collaborazione tra l’Archivio Fotografico Popolare e l’amministrazione comunale di Loculi

Si tratta di un lavoro di digitalizzazione e catalogazione degli album fotografici delle famiglie della Provincia di Nuoro (di cui troverai una piccola presentazione sempre in allegato), per questa occasione incentrato sul territorio baroniese.

Ti scrivo in quanto mi piacerebbe poter dare un pò di risalto all’evento sulle pagine del tuo blog e per invitarti all’inaugurazione di Sabato 24 alle 17:00 presso sa domo de sas artes e de sos mestieris di Loculi.

Rimango a tua disposizione per qualsiasi delucidazione.

Ti ringrazio e ti auguro una buona giornata.

Gigi Murru”

LOCULI: Centro polifunzionale "Sa domo de sas Artes e de sos Mestieris" (foto camedda-2010)

MANIFESTO DI PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA

Pitzinnos de Baronia-

Fotografie di infanzia dall’Archivio Fotografico Popolare

Il ritratto fotografico ha assunto diversi significati nel corso del ’900: se i ritratti negli studi di posa degli anni ’20 e ’30 volevano rappresentare una reale agiatezza, tipica delle classi governanti e di una borghesia che sempre più attribuiva al medium fotografico la funzione di massimo rappresentante della propria immagine, quelli effettuati nei paesi dai fotografi ambulanti dimostrano una presa di coscenza anche da parte delle classi popolari, una sorta di riconoscimento in cui il ritratto fungeva da status symbol. Gli anni ’40, gli anni della guerra, sono stati un periodo di transizione; mentre è dagli anni ’50 e ’60 che, a pari passo con il boom economico, anche da noi, in Sardegna, nell’entroterra e in Baronia si sviluppa una passione che andrà a formare un esercito di fotoamatori armati di piccole reflex giapponesi, tedesche, americane e sovietiche.

Fotografare l’infanzia, da sempre, ha avuto la pretesa di creare figure ideali, immagini in cui vengono riposte speranze per il proprio futuro e in cui vengono espresse precise posizioni rispetto alla reale esistenza. La salute e il vestito buono, la festa laica e religiosa, il ritratto di gruppo familiare e scolastico, non sono solo formule beneauguranti o documenti provanti la propria condizione, bensì dei veri e propri codici compitabili e leggibili da chiunque, oltre ogni differenza di ceto o cultura. Senza nessuna preparazione in particolare, la vecchia nonna, ricevendo per posta il ritratto dei nipotini emigrati in Germania, capirà della loro salute in base ai minimi particolari di un orologio in bella vista o di un taglio di capelli ordinato, un grembiulino pulito con il colletto inamidato davanti a una cartina geografica è una prova che il bambino “sarà studiato”, una bambina che prende il caffè con le proprie bamboline e le amichette “sarà una buona padrona di casa” e così via.

E’ anche vero, e prova ne sono diverse immagini presenti in questa raccolta, che non sempre la povertà poteva essere celata all’ obbiettivo “obiettivo” di una macchina fotografica: spesso un buco in un vestito, i piedi nudi o le mani e il viso sporchi di terra, non potevano essere nascosti. Ma la volontà del fotografo “regista” , soprattutto quando si parla di professionisti e non di fotoamatori, è fondamentale per dare all’immagine un risultato ben preciso.

Se Corimbi di Orosei, Mossa di Galtellì, Guiso di Nuoro o Todde di Siniscola (solo per citare alcuni dei fotografi che per decenni hanno battuto il territorio baroniese) avevano l’interesse di assecondare i committenti e di rappresentare una società più ricca di quello che era in realtà, un fotografo come Carlo Bavagnoli, di cui il Comune di Loculi ha realizzato l’importantissima esposizione, negli stessi anni ha realizzato un reportage sull’estrema povertà che affliggeva il territorio, mettendo a nudo le evidenti difficoltà che esistevano nell’inseguire quella rinascita che pareva non potesse mai arrivare.

Quindi chi era in malafede? Chi, da ruffiano, ha creato ad hoc dei documenti faziosi? Da un punto di vista fotografico la risposta è: nessuno. Semplicemente, i primi fotografavano molto spesso la bella occasione, il giorno importante, la festa (tutto quasi sempre in una posa studiata e rigorosa), il secondo si è immerso in una quotidianità di sofferenza, andando a cercare l’immagine che potesse essere rappresentativa della civiltà degli ultimi, in un’ottica da reportage, da giornalista d’inchiesta. E’ raro trovare immagini di questo secondo genere nei nostri album di famiglia per il semplice motivo che nessuno vuole farsi ritrarre in una situazione d’indigenza! La fotografia familiare è il massimo esempio di quel filone noto come foto ricordo, principio fondante dell’iconografia che oggi vediamo quotidianamente nei profili Facebook o che conserviamo gelosamente nelle gallerie digitali dei nostri smartphone e tablet. Dobbiamo passare alla storia come belli, felici e benestanti, quanto meno tendiamo a rappresentarci nel modo che più ci compiace!

Pitzinnos de Baronia”, prima mostra nata dalla collaborazione tra il Comune di Loculi e l’Archivio Fotografico Popolare, è composta da sessanta immagini raccolte negli ultimi mesi nella scuola primaria di Irgoli e nelle case di molte famiglie che hanno messo a disposizione della collettività il proprio passato, facendo loro l’idea che in ogni individualità c’è intrinseca la storia di un territorio, che siamo tutti tasselli che insieme compongono una comunità.

Loculi, Gennaio 2015

L’Archivio Fotografico Popolare è un progetto di catalogazione e digitalizzazione degli album fotografici delle famiglie della Provincia di Nuoro.

L’Archivio Fotografico Popolare prende avvio nell’Aprile 2014, grazie alla collaborazione tra il Comune di Loculi e il sociologo visuale e catalogatore Gigi Murru: primo passo è stato quello di coinvolgere gli alunni delle classi 4° e 5° della scuola Elementare di Irgoli, studiando per loro un programma incentrato sulla lettura dei positivi fotografici che preludesse a una raccolta delle immagini dei propri album familiari.

Il progetto si svilupperà su due piani distinti e strettamente correlati allo stesso tempo: uno virtuale e uno fisico. Il primo, attraverso la creazione di un sito Internet e l’utilizzo degli spazi sui social network più diffusi, servirà da archivio vero e proprio, luogo di consultazione e di ricerca, contenitore dove verranno inserite tutte le fotografie raccolte e corredate dalle schede di pre-catalogo. Il secondo, il luogo “fisico”, vedrà una stupenda casa del centro storico di Loculi (Sa domo de sas artes e de sos mestieris) divenire punto nevralgico e spazio culturale dove allestire le mostre delle immagini digitalizzate e dove ideare incontri, esposizioni, concorsi e tutto ciò che possa ruotare attorno alla fotografia e alle sue mille sfaccettature.

L’Archivio Fotografico Popolare è aperto alla collaborazione tra tutti i soggetti interessati (ricercatori, privati cittadini, amministrazioni e uffici pubblici, imprese, scuole, centri di aggregazione, associazioni culturali, etc.) affinché possano partecipare in maniera attiva allo sviluppo di questo centro culturale, ricordando che ogni giorno che passa noi perdiamo informazioni sulla nostra storia e che deve diventare un nostro dovere preservarle per le generazioni future.

Partecipare con il proprio privato alla creazione di una memoria collettiva è il nostro motto, tutelare e divulgare questo importante patrimonio comunitario il nostro obiettivo.

(DA: comunicato Archivio Fotografico Popolare-Nuoro-18 Gennaio 2015)

ARCHIVIO FOTOGRAFICO POPOLARE

Inaugurazione della mostra fotografica

“PITZINNOS DE BARONIA”

il 24 Gennaio 2015 alle ore 17:00 presso

 ”Sa domo de sas artes e de sos mestieris” di Loculi

LOCULI: Centro polifunzionale "Sa domo de sas Artes e de sos Mestieris" (foto camedda-2010)

(DA: sito istituzionale del Comune di Loculi-16 Gennaio 2015)

(DA: comunicato Baronia Verde Soc. Coop. Sociale-14 Gennaio 2015)

(DA: sito istituzionale Comune di Loculi)

(DA: sito istituzionale Comune di Loculi)

DOMENICA 26 OTTOBRE 2014

 ELEZIONE DEL SEGRETARIO E DELL’ASSEMBLEA

DEL PARTITO DEMOCRATICO SARDO

Circolo di Onifai

Si comunica che le primarie per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea regionale del Partito Democratico della Sardegna è fissata per Domenica, 26 ottobre 2014.

A Onifai si voterà nei locali dell’ex Centro di aggregazione sociale, l’attuale sede elettorale, in via Largo San Giorgio, fronte Anfiteatro Comunale, dalle 08:00 alle 20:00.

Possono partecipare al voto per l’elezione del Segretario e dell’Assemblea regionale tutte le elettrici e gli elettori che hanno compiuto sedici anni.

Potranno votare nel seggio di Onifai anche gli elettori dei comuni

di Irgoli e Loculi.

(DA: comuncato di Elena Carta, segretario di Circolo PD Onifai-23 Ottobre 2014)

============================

Circolo di Orosei

Domenica 26 ottobre, dalle ore 8 alle ore 20, presso la sede del Circolo PD. Orosei in Via Zaramonte angolo Via San Francesco si svolgeranno le Primarie aperte per l’elezione del Segretario Regionale del Partito Democratico.

possono partecipare al voto tutti i cittadini residenti che abbiano compiuto sedici anni tesserati e non tesserati che si riconoscono negli ideali del Partito Democratico.

Partecipa e fai partecipare ad una scelta libera e democratica.

(DA: comunicato Segretario e Direttivo del Circolo PD Orosei-24 ottobre 2014)

PROGETTO

“UNA SCUOLA PER TUTTI”

(DA: Sito Istituzionale Comune di Loculi-24 Ottobre 2014)

La Guardia Medica di Irgoli trasferita

temporaneamente a Loculi 

La Direzione del Distretto Sanitario di Siniscola comunica che – al fine di consentire i lavori di ammodernamento dei locali della Guardia Medica di Irgoli – da venerdì 03-10-2014 il Servizio di Guardia Medica sarà temporaneamente trasferito a Loculi, in via G. Asproni, in prossimità delle Scuole Elementari (Tel. 3469846864).

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-2 ottobre 2014)

“ANIMALI SUI MURI”

Progetto creativo per la realizzazione

di un murales a cura dell’illustratore

Maurizio Brocca

(DA: sito istituzionale Comune di Loculi-26 Settembre 2014)

(DA: sito istituzionale Comune di Loculi-26 Settembre 2014)

(DA: comunicato Comune di Loculi-26 Settembre 2014)

Attento ed efficace cronista,

“penna e memoria storica” degli ultimi 25 anni  

 di Orosei e dei paesi della nostra Baronia 

Angelo Fontanesi aveva 56 anni ed era da tempo malato e la sua salute, nonostante il trapianto di fegato di diversi anni fa, ha avuto sempre problemi fino a quest’ultimo periodo in cui la stessa è diventata sempre più precaria.

Ma egli non faceva pesare i suoi problemi. Infatti, incontrandolo di buon mattino un mesetto fa in un tavolino di un bar in Piazza del Popolo ad Orosei, gli chiesi sulle sulle sue condizioni di salute. Mi rispose con i suo solito sguardo sornione “spero migliorino“. Poi cambiò argomento e parlammo del più e del meno per circa un quarto d’ora. Questo è stato l’ultimo incontro di tanti che ebbi con l’amico Angelo con cui parlare e, sopratutto ascoltarlo, era un momento in cui si evidenziava la sua passione di cronista lucido e attento a tutto ciò che riguardava Orosei e i paesi dalla Baronia di cui era testimone e cronista sempre presente nel descrivere i fatti da oltre 25 anni. Cioè da quando iniziò con il giornale la Nuova Sardegna la sua carriera di giornalista.

Angelo Fontanesi in una bella foto in B/N concessami dalla sua Famiglia che ringrazio

Ho saputo che Angelo era deceduto, leggendo un articolo su un diffuso blog locale in cui la sua famiglia dava notizia della sua scomparsa.

Restai, nonostante questa pubblicazione, incredulo e attonito per cui volli accertarmi chiedendo ad un suo parente e mio amico il quale, purtroppo, mi confermò la notizia. Come ho scritto in precedenza, ero a conoscenza dei suoi problemi di salute che lui sperava e io speravo si risolvessero in meglio. Ma purtroppo  la sua scomparsa è avvenuta come un fulmine a ciel sereno, quando tutti auspicavamo un miglioramento delle sue condizioni di salute anche visibilmente sempre più precarie.

Angelo Fontanesi senza dubbio era la penna storica e puntuale degli ultimi 25-30 anni di Orosei e di tutti gli altri paesi della Baronia, ovvero Galtellì, Irgoli, Onifai e Loculi seguendo in modo continuo e in tempo reale tutte le vicissitudini,  sopratutto di Orosei, paese dove si trasferì da Cagliari. E di questo nostro territorio ne ha documentato, con i suoi pezzi puntuali, il tessuto sociale descrivendone il buono e il cattivo dei fatti, consentendo ai lettori del suo giornale di avere un rapporto di quanto accadeva.

Era una persona riservata e, nonostante le sue condizioni di salute non buone, continuava -come leggo in un commosso e bel pezzo a lui dedicato dal giornalista Paolo Merlini di La Nuova Sardegna- “a scrivere sino all’altro ieri, senza far pesare le sue condizioni di salute ormai precarie, senza venire mai meno alla sua passione di cronista. Lo ha fatto anche durante gli ultimi frequenti ricoveri al Brotzu di Cagliari, spedendo alla redazione pezzi scritti dal letto d’ospedale. Pezzi lucidissimi, dove la sua sofferenza personale non balenava neppure in una virgola: un comportamento giornalistico esemplare in tempi di autoreferenzialità come gli attuali”…”Angelo se n’è andato con il suo stile d’altri tempi, nel segno di una riservatezza sempre più rara”.

Lascia sua moglie Rossella e i figli Martina, Enrico e Cecilia a cui sono affettuosamente vicino. Ricorderò sempre l’amico disponibile nel momento in cui, per articoli di solidarietà, ho avuto necessità della sua penna nel suo giornale, non dimenticando, come scrissi all’inizio, il suo sguardo sornione, il suo fare educato, il suo parlare lento e pesato, la sua voce bassa e roca e il suo sorriso di persona gradevole e disponibile. Sopratutto sincera e riservata!

Ciao Angelo, ci mancherai.

 Marco Camedda

(DA: Foto di copertina e alcuni stralci dekk’articolo  di Paolo Merlini  da La Nuova Sardegna del 23 set.2014)

A OLIENA E LOCULI CONCERTI

DEL CORO A.N.A. GRUPPO DI COLLEGNO (TO) 

I concerti organizzata “DALL’ASSOCIAZIONE CULTURALE “IKNOS” di Irgoli (NU),  saranno uno scambio culturale tra i canti tradizioni alpini e quelli della tradizione religiosa della Baronia.

Una nuova Associazione culturale che accorpa i due cori di Irgoli “SANCTA HELENE E SANTU MIALI” Presidente Luciano Meloni. Il primo coro a cuncordu di canto sacro popolare della Baronia i secondo un coro tutto femminile che spazia dal canto sacro popolare a quella polifonica popolare sarda.

Il programma previsto da due concerti che si terranno rispettivamente i giorni 26 e 27 settembre a Oliena e a Loculi, da parte del Coro A.N.A di Collegno (TO), diretto dal M° Roberto Bertaina, ospite per due giorni dei di Irgoli, diretti dal M° Peppino Milia.

LOCULI: Centro polifunzionale "Sa domo de sas Artes e de sos Mestieris" (foto camedda-2010)

Il primo appuntamento è fissato per venerdì 26 settembre alle ore 20 a Oliena (sede regionale con Nuoro dell’A.N.A. -Associazione Nazionale Alpini- della Sardegna) presso la chiesa di San Lussorio, mentre sabato 27 l’appuntamento si terrà a Loculi, sempre alle ore 20 presso “LA CASA MUSEO Comunale “SA DOMO DE SAS ARTES E DE SOS MESTIERIS ” .

Il gemellaggio tra le due formazioni corali, frutto di un’attiva collaborazione tra il presidente del Coro di Collegno, Enzo Chiola, e il direttore Peppino Milia, suggella secondo la volontà degli organizzatori lo scambio culturale tra due diverse realtà musicali, animate dalla comune passione per il canto tradizionale.

Il Coro A.N.A. di Collegno nasce nell’aprile del 1995 presso la locale sede dell’A.N.A. per iniziativa di alcuni amici, animati dalla comune passione per i canti della tradizione alpina, sotto la guida del M° Luigino Pregnolato.

L’intensa l’attività del coro, ha portato nel tempo la compagine piemontese alla partecipazione a numerose rassegne corali e adunate nazionali degli Alpini (Genova 2001, Aosta 2003, Parma 2005, Cuneo 2007, Bassano del Grappa 2008, Bergamo 2010, Bolzano 2012, Pordenone 2014). Dal maggio del 2013 il coro è diretto dal M° Boberto Bertaina, musicista di grande esperienza, appassionato cultore di canto popolare, presidente per diversi anni dell’Associazione Cori Piemontesi, che per il suo impegno culturale e sociale è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana.

(DA: comunicato Associazione Culturale Iknos-20 Settembre 2014)

La prossima settimana si terrà in Provincia all’incontro sulle problematiche di approvvigionamento idrico nei comuni della Valle del Cedrino.

La Giunta provinciale presieduta dal Presidente Costantino Tidu e il Consiglio provinciale di Nuoro hanno fatto propria l’interpellanza presentata dal Consigliere provinciale Gesuino Beccari relativa alle problematiche sull’approvvigionamento idrico nei Comuni della Valle del Cedrino.

 A tal proposito il Presidente Costantino Tidu, insieme all’Assessore provinciale all’Ambiente Paolo Porcu, hanno convocato per giovedì 25 settembre 2014 alle 11:30 presso gli Uffici della Presidenza della Provincia di Nuoro un incontro per l’esame e la valutazione del problema. 

Alla riunione sono invitati a partecipare tutti i Sindaci della Valle del Cedrino, Galtellì, Irgoli, Loculi, Onifai e Orosei, il Sindaco di Dorgali e il Sindaco di Oliena. 

(DA: comunicato Provincia di Nuoro-19 Settembre 2014)

LOCULI: Centro polifunzionale "Sa domo de sas Artes e de sos Mestieris" (foto camedda-2010)

(DA: comunicato Comune di Loculi-25 Giugno 2014)

MERCOLEDI’ 28 MAGGIO 2014 MONICA CORIMBI

incontrerà i ragazzi delle scuole medie

PAROLA SCRITTA PAROLA DETTA

(Tratto da: sito istituzionale Comune di Irgoli- 09 Maggio 2014)