Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Categoria: Nuoto

Apertura estiva dell’impianto

della piscina di Farcana

L’amministrazione comunale esprime preoccupazione per le condizioni in cui versa la piscina di Farcana alla vigilia dell’apertura per la stagione estiva, stagione che non si vuole venga compromessa dallo stato di manutenzione ordinaria della struttura, negando ai nuoresi una importante alternativa nel trascorrere il proprio tempo libero.

L’ufficio competente, a seguito di una visita che gli amministratori hanno compiuto oltre un mese fa, è stato impegnato a compiere degli accertamenti sullo stato dell’arte, in quanto parrebbe, la struttura, carente in merito alla manutenzione ordinaria nei vari settori, dalla vasca, alla tribuna e alle aree circostanti.

L’apertura della stagione estiva non è compromessa, ma come al solito si devono compiere azioni straordinarie di recupero e questo è un danno per la stessa immagine della città, con il rischio di vedere altresì compromesso lo svolgimento di importanti momenti di carattere agonistico.

L’amministrazione intende compiere con attenzione tutte le verifiche necessarie per accertare le responsabilità del soggetto gestore a proposito di problematiche che si ripropongono ciclicamente a ridosso dell’apertura estiva della struttura.

Una maggior cura della vasca nel periodo invernale avrebbe evitato qualsiasi inconveniente. Vi è a questo punto da tener conto che è in fase di accertamento la stessa regolarità nell’attuazione del contratto a suo tempo stipulato dalla società affidataria con il comune, ivi comprese le utenze ed il loro costo. Da troppo tempo infatti le strutture sportive in genere ed alcune in particolare risultano utilizzare utenze intestate al comune ed a carico dell’amministrazione comunale, i cui costi di gestione risultano di svariate migliaia di euro.

L’interesse dell’amministrazione comunale è rispettare gli impegni presi con i cittadini e fra questo vi è anche il funzionamento corretto ed adeguato della piscina comunale di Farcana, come tutti gli impianti sportivi presenti in città.

Dopo una verifica attenta si stanno mettendo in atto le azioni di recupero delle somme dovute, anche al fine di porre in essere l’intendimento espresso dalla Giunta Comunale di rendere adeguato e a norma l’intero sistema degli impianti sportivi.

(DA: comunicato Comune di Nuoro: 6 Giugno 2016)

 ”La malattia non impedisce una vita normale”

“Ho solo un pensiero in più’”

E’ di Mesagne, piacevole località del Brindisino di cui le cronache ultimamente si sono occupate per ragioni diverse. Monica Priore, 36 anni, impiegata, una grande passione per il nuoto, ha un avversario in più da sfidare: il diabete. Che non la intimorisce.

In gara contro vincitori di Olimpiadi e campionati mondiali

Monica ha gareggiato al Fina World Master Championships 2012, appena svoltosi a Riccione. Una manifestazione partita con numeri da record: 12.126 iscritti, circa 9000 nel nuoto, con grandi atleti come Vladimir Selkov, 3 argenti alle Olimpiadi di Barcellona nel 1992 e oro mondiale a Roma nel 94, e Rick Neethling, oro ad Atene nella 4×100. E lei, la pugliese Monica Priore, era fra questi campioni. Per dimostrare un’altra volta che, con la giusta determinazione, si possono raggiungere traguardi importanti e che, pur convivendoci quotidianamente, il diabete non è un ostacolo.

Prima diabetica ad attraversare lo Stretto di Messina a nuoto

Nel 2007 Monica è stata la prima diabetica in Europa ad effettuare la traversata dello stretto di Messina (5,2 chilometri) e nel 2010 ha affrontato la traversata Capri-Meta di Sorrento, 21 chilometri a nuoto. Due imprese che la maggior parte delle persone con o senza diabete non sarebbero capaci nemmeno di immaginare. “Il mio scopo è far capire che questa patologia non è un limite – spiega Monica – e che, imparando a gestirla, si può vivere una vita normale”. Più volte ostacolata nell’attività sportiva (nessun medico voleva assumersi la responsabilità di lasciarla gareggiare), ha saputo vincere, all’età di 27 anni, la medaglia di bronzo nella sua prima competizione regionale. Sono passati quasi 10 anni da allora e lei, ancor più determinata, continua ad affrontare altre sfide, confrontandosi perfino con campioni olimpici. Con coraggio e abnegazione, testimonia che lo sport è una grande occasione per sfidarsi e sentirsi come gli altri. “La mia vittoria – spiega Monica – è sentir dire dai genitori dei bambini diabetici che i loro figli trovano in me il coraggio per convivere con la patologia ”.

“Io ho solo un pensiero in più: misurare la glicemia”

Il suo ultimo obiettivo è stato raggiunto. Nei Mondiali di nuoto Master di Riccione ha gareggiato nella 3 km in acque libere, chiudendo con un tempo di 42’03”9, e nella 400 stile libero in piscina chiudendo in di 6’14”20 il suo personal best in vasca lunga Per ora. Monica non si è lasciata mai sconfiggere dai limiti che, a volte, il diabete inevitabilmente impone.

“Sono felice dei risultati ottenuti, era la prima volta che mi cimentavo in una gara in mare con altri atleti, le precedenti erano state imprese individuali. E’ stata una bella esperienza, e anche una grande emozione, gareggiare con atlete molto forti arrivate da tutto il mondo: io ero fra loro eppure ho il diabete. Ci ho messo tutto l’impegno che potevo così come hanno fatto le altre, quello che ho fatto in più è stato controllare la glicemia prima e dopo le gare stando attenta mentre nuotavo alle mie sensazioni per evitare un’eventuale ipoglicemia che non mi avrebbe consentito di portare a termine la competizione”. E aggiunge: “Vorrei ringraziare l’associazione ‘Sostegno70 – Insieme ai ragazzi diabetici onlus’ per aver creduto in me anche questa volta”.

(Da:Televideo.Rai.it) di Maurizio Righetti-foto da internet

I bambini in piscina durante il corso di nuoto organizzato dalla Cooperativa Elios

I bambini in piscina durante il corso di nuoto organizzato dalla Cooperativa Elios (foto camedda)

La Cooperativa Elios di Galtellì è sempre  attiva nel sociale!

Nata nel 2006 la Cooperativa Elios (di tipo B) si cura dell’inserimento lavorativo delle persone disagiate  ed è formata da sei soci. Eì la stessa che  in occasione delle Notti Bianche del 31 Luglio e 1 Agosto a Galtelli  aveva allestito   la mostra fotografica “Oltre il Conflitto“ sulle guerre nel mondo.

In contemporanea ha organizzato anche questo corso di nuoto per bambini e adulti che è  iniziato il 1°luglio e finirà a fine agosto. I corsi, a cui si sono iscritti circa dieci adulti e cinquanta bamini, si tanno tenendo nell’unica piscina esistente a Galtellì in una struttura turistico-ricettiva. In questo momento sono ancora presenti circa trenta bambini e qualche adulto.

I corsi sono seguiti dalla brava  istruttrice  Graziella Chessa di Irgoli, laureata all’ISEF in scienze motorie e con qualifica anche per i corsi di nuoto.

L'istruttrice Graziella Chessa con i  "suoi" bambini in piscina

L'istruttrice Graziella Chessa con i "suoi" bambini in piscina (foto camedda)

Grande soddisfazione delle mamme presenti che  numerose seguono i loro piccoli tifando e rimproverando a seconda delle circostanze ma orgogliosissime di questo corso che Galtellì vede per la prima volta e che si è potuto fare grazie alla nuova piscina del complesso turistico in zona Bartara . Ma evidente è la soddisfazione anche delle componenti della Cooperativa Elios “Una delle quali qualche settimana fa mi ha confidato che ” se la piscina fosse disponibile anche l’anno prossimo  questo corso s’ha da ripetere”.

Insomma un mix di novità e insegnamento a cui sopraututto le mamme del paese hanno risposto mandando numerosi i propri figli. Ma discreta anche la presenza “de sos mannos” che però durante l’Agosto hanno scleto il mare e le spiagge.

Marco Camedda

L’alieno-nauta Michael Phelps, il mostro-squalo del nuoto americano supera il record di Spitz vincendo 8 medaglie d’oro con gli Stati Uniti: "Grazie ai miei compagni".

continua…