Articoli corrispondenti al tag: antonio

NUORO: Alla Biblioteca Satta Docu-film “Il Partigiano Dino” di Antonio Rojch

di , 19 Aprile 2017 17:27

BIBLIOTECA SATTA-NUORO: “Lo scienziato e la fede-Incontro con Licinio Contu”

di , 12 Marzo 2017 23:55

(DA: comunicato del giornalista e regista Antonio Rojch)

BIBLIOTECA SATTA NUORO: Presentazione libro di Antonio Zappadu

di , 3 Dicembre 2016 16:33

( Comunicato tratto da Facebook)

NUORO: AGDIA Onlus e AGD Italia organizzano incontro su “Diabete Mellito-Scuola e Società”

di , 12 Ottobre 2016 13:35

NUORO: AGDIA Onlus e AGD Italia

il 15 Ottobre 2016- ore 9,00

organizzano incontro su

“DIABETE MELLITO-SCUOLA E SOCIETA’”

in collaborazione con

l’ASL3 di Nuoro e Ufficio Scolastico Provinciale

===========================

UNA BREVE NOTA DI ANTONIO FARRIS, Oroseino

e Presidente AGDIA Onlus Nuoro

 ”A distanza di 10 anni la nostra associazione presenta a Nuoro un grande evento, questa volta rivolto al mondo della Scuola, ai genitori dei bambini con diabete e a tutte le autorità competenti per far luce sulla non conoscenza del problema per evitare eventuali episodi di discriminazione purtroppo ancora oggi esistenti.

L’intervento mira a garantire ai nostri bambini con diabete il pieno godimento del diritto allo studio uguale a quello dei loro coetanei che non hanno il diabete.

L’alto livello di conoscenza e la grande professionalità dei relatori partecipanti garantiscono un altissimo livello qualitativo al convegno che siete invitati a non perdere”.

 (DA: comunicato di Antonio Farris-AGDIA Onlus-Nuoro)

GALTELLI’: stasera alle 20,30 docu-film “Le Vie del Sacro” di Antonio Rojch

di , 19 Agosto 2016 07:30

Scrive il Sindaco

Giovanni Santo Porcu

“Perseguono le attività culturali, promosse dall’amministrazione comunale in collaborazione con la Pro Loco e Antonio Rojch presso casa Marras. Dopo Prof. Pittau, la mostra di Giuseppe Disi, domani sera è il turno del docu-film Le Vie del Sacro.

Galtellì: Museo Etnografico "Sa domo de Sos Marras" (Casa dei Marras)

Realizzato dal giornalista Antonio Rojch, il filmato ripercorre alcuni dei più importanti luoghi “sacri” della Sardegna: da Galtellì a Saccargia, passando per Suelli, Gesturi, Laconi, Mandas e Porto Torres.

Insomma un’altro importante appuntamento

a cui vi invito a partecipare”.

(Commento da: Facebook)

GALTELLI’: “Baronia, storia e lingua” Massimo Pittau intervistato da Antonio Rojch

di , 6 Agosto 2016 17:02

BARONIA, STORIA E LINGUA

Galtellì: Museo Etnografico "Sa domo de Sos Marras"

Lunedì 8 alle ore 20 presso il Museo Marras

l’amministrazione comunale in collaborazione con la locale Pro Loco organizza un incontro con l’illustre prof. Massimo Pittau.

Professore ordinario nella Facoltà di Lettere, già Preside di quella di Magistero dell’Università di Sassari, è autore di una cinquantina libri e di più di 400 studi relativi a questioni di linguistica, filologia, filosofia del linguaggio.

Per le sue pubblicazioni il Prof. Massimo Pittau ha ottenuto nel 1972 un “Premio della Cultura” dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e nel 1995 il premio del Gruppo Internazionale di Pisa per la sezione “Letterati del nostro tempo” per la sua opera Poesia e letteratura – Breviario di poetica (Brescia 1993).

Ha inoltre ottenuto due segnalazioni in altrettanti premi nazionali per opere di filosofia del linguaggio e altre due nel “Premio Grazia Deledda” per la saggistica. Nell’ambito del “Premio Ozieri” per la letteratura in lingua sarda gli è stato assegnato il premio per la Cultura per l’anno 1995.

Inoltre gli è stato assegnato il «Premio Sardegna 1997» di Sassari per la sezione «Linguistica» e un diploma di benemerenza nel “1° Festival della letteratura sarda“, Bono, agosto del 2004.

Infine gli è stato assegnato il “Premio Città di Sassari – Lingue Minoritarie, Culture delle Minoranze” per il 2009.

Quindi uno dei massimi luminari della lingua e storia sarda attivissimo pur se ha già superato i novant’anni.

“Intervistato dal giornalista Antonio Rojch- afferma il sindaco di Galtellì Giovanni Santo Porcu- cercheremo di capire e apprendere molto della nostra storia.Saranno presenti  alla serata “Sos Cantores de Garteddi“, anch’essi artefici di una bellissima ricerca dei canti sacri della nostra Comunità, che ci allieteranno con il loro vasto repertorio”

Una bella serata di cultura e tradizioni presso Museo Casa Marras

(DA: comunicato Comune di Galtellì-5 Agosto 2016)

COMUNE DI NUORO:Apertura cantiere scuola media Via Tolmino

di , 22 Luglio 2016 19:15

Assessorato ai Lavori Pubblici

Sono partiti lo scorso 4 luglio i lavori per la realizzazione del Laboratorio di quartiere nella ex Scuola Media di via Tolmino.

L’opera si inserisce all’interno del contratto di quartiere di Sa’e Sulis che consegnerà al rione situato sotto Piazza Italia un nuovo volto e una ritrovata vivibilità.

Il Laboratorio di quartiere si inserisce nel quadro normativo della legge 21 dell’8 febbraio del 2001 che riguarda le misure per ridurre il disagio abitativo ed interventi per aumentare l’offerta di alloggi in allocazione.

All’interno della struttura è possibile ipotizzare varie destinazioni d’uso: da sede delle attività della scuola civica di musica a luogo per convegni e spettacoli dato che nel progetto è prevista la creazione di una sala polifunzionale che si può prestare ai succitati scopi.

La prima parte dell’intervento sarà dedicata ad alcuni locali siti nel piano terra, alla quasi totalità dei locali al primo piano e all’atrio del secondo piano.

La prima fase dei lavori riguarderà tutte le operazioni riguardanti la messa in sicurezza dell’edificio, aspetto prioritario per un’amministrazione che fin dal suo insediamento punta alla messa a norma delle strutture pubbliche, successivamente si penserà a cambiare volto all’edificio che è stato a lungo sede centrale di una scuola media e sezione staccata del Liceo Classico.

Un investimento per circa 1.800.000 euro

Così l’assessore ai lavori Pubblici Antonio Belloi “Sono soddisfatto abbiamo sbloccato un nuovo cantiere destinato a creare servizi di pubblica utilità favorendo la crescita culturale e sociale e l’occupazione. Nonostante le difficoltà nel reperire risorse la priorità è stata quella di uscire da un empasse che sotto il profilo delle opere pubbliche durava da troppo tempo. Anche per quel che riguarda l’ex scuola media numero 3 l’aspetto prioritario è stato quello della messa in sicurezza dell’edificio, da questo punto di vista abbiamo ereditato una situazione davvero sconfortante ma ci siamo messi da subito al lavoro per mettere a norma locali e strutture.”

(DA: comunicato Comune di Nuoro-14 Luglio 2016)

SINISCOLA: 26 Giugno 2016 “1°Torneo Carlo Antonio Meloni”

di , 23 Giugno 2016 20:19

(Locandina: da Facebook)

BIBLIOTECA SATTA-NUORO: presentazione del libro di Massimo Pittau

di , 5 Giugno 2016 21:17

Titolo:“Credenze religiose degli antichi sardi”

Libro: “Credenze religiose degli antichi sardi”

Il giornalista Antonio Rojch intervista Massimo Pittau.

Si comunica che a Nuoro, lunedì 6 giugno 2016, alle ore 18,30, nell’Auditorium della Biblioteca “S. Satta”, si terrà la presentazione del libro del prof. Massimo Pittau “Credenze religiose degli antichi sardi”.

Programma:

Saluti del Sindaco di Nuoro Andrea Soddu, del Commissario del Consorzio Satta Vannina Mulas, dell’Editore Salvatore Fozzi; il giornalista Antonio Rojch intervista Massimo Pittau; coordina Tonino Cugusi Direttore della Biblioteca “S. Satta”.

MASSIMO PITTAU

Massimo Pittau, Professore ordinario nella Facoltà di Lettere e già Preside di quella di Magistero dell’Università di Sassari, è nato a Nùoro nel 1921, dove ha seguito tutti gli studi elementari e medi.

Iscrittosi all’Università di Torino, sotto la guida di Matteo Bartoli si è laureato in Lettere con una tesi su «Il Dialetto di Nùoro»; si è dopo iscritto all’Università di Cagliari, dove si è laureato in Filosofia con una tesi su «Il valore educativo delle lingue classiche».

Nell’anno accademico 1948/49, nella Facoltà di Lettere di Firenze, ha seguito come perfezionamento corsi di Carlo Battisti, Giacomo Devoto, Emidio De Felice, Bruno Migliorini e Giorgio Pasquali.

Nel 1959 ha conseguito la libera docenza e nel 1971 la cattedra in Linguistica Sarda nell’Università di Sassari. Contemporaneamente ha tenuto a lungo l’incarico di Glottologia oppure quello di Linguistica Generale.

Ha conosciuto personalmente il linguista Max Leopold Wagner, Maestro della Linguistica Sarda, col quale è stato in rapporto epistolare nell’intero decennio precedente alla morte di lui.

È autore di una cinquantina libri e di più di 400 studi relativi a questioni di linguistica, filologia, filosofia del linguaggio.

Per le sue pubblicazioni ha ottenuto nel 1972 un “Premio della Cultura” dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e nel 1995 il premio del Gruppo Internazionale di Pisa per la sezione “Letterati del nostro tempo” per la sua opera Poesia e letteratura – Breviario di poetica (Brescia 1993). Ha inoltre ottenuto due segnalazioni in altrettanti premi nazionali per opere di filosofia del linguaggio e altre due nel “Premio Grazia Deledda” per la saggistica. Nell’ambito del “Premio Ozieri” per la letteratura in lingua sarda gli è stato assegnato il premio per la Cultura per l’anno 1995. Inoltre gli è stato assegnato il «Premio Sardegna 1997» di Sassari per la sezione «Linguistica» e un diploma di benemerenza nel “1° Festival della letteratura sarda“, Bono, agosto del 2004. Infine gli è stato assegnato il “Premio Città di Sassari – Lingue Minoritarie, Culture delle Minoranze” per il 2009.

È da 40 anni socio effettivo della «Società Italiana di Glottologia» e da 30 anni del «Sodalizio Glottologico Milanese»

(DA: comunicato Biblioteca Satta-4 Giugno 2016)

COMUNE DI NUORO: Riparazione Strade

di , 6 Aprile 2016 20:06

Assessorato ai Lavori Pubblici

L’amministrazione comunale di Nuoro ha deliberato nei giorni scorsi per lo stanziamento per i lavori stradali che verranno effettuati in via Kennedy e in via Donatori di Sangue, nel quartiere Su Nuraghe.

Una delibera che risulta in linea con le linee programmatiche dell’assessorato ai lavori pubblici che si ha posto l’obiettivo di migliorare la viabilità cittadina con una particolare sensibilità alle strade di periferia.

In questo senso la scelta è ricaduta sulle due arterie situate nel quartiere che sorge intorno all’ex convento, considerate particolarmente critiche e bisognose di interventi urgenti.

Così l’assessore ai Lavori Pubblici Antonio Belloi: “Un passo significativo per restituire ai nuoresi una viabilità degna di una città che ogni giorno ospita oltre ai residenti, migliaia di persone che si recano in città per studio o lavoro. Un ringraziamento particolare all’ufficio manutenzioni per la loro indispensabile collaborazione . Dopo le due strade di Su Nuraghe, stiamo lavorando per sistemare altri punti strategici della viabilità urbana: dalla strada per Corte alla Nuoro-Lollove, passando per la Nurulovè e l’ingresso di Nuoro che necessità di un importante intervento, presto ci saranno opere di ammodernamento anche in via Ballero e nel viale de La Solitudine. A breve concluderemo anche l’anello a Predistrada.”

(DA: comunicato Comune di Nuoro-26 Marzo 2016)

COMUNE DI NUORO: Visita del presidente nazionale FIPE Antonio Urso

di , 1 Aprile 2016 19:25

Nel pomeriggio del 30 Marzo scorso

il Sindaco Andrea Soddu insieme agli assessori Antonio Belloi e Sebastian Cocco, ha ricevuto Antonio Urso, presidente nazionale della Federazione Italiana Pesistica (FIPE) e coordinatore scientifico della Scuola dello Sport dell’Istituto di Medicina e Scienza dello Sport del CONI.

Insieme all’amministrazione comunale – ha spiegato il dottor Urso – stiamo studiando la possibilità di avviare un progetto integrato per l’attività motoria e lo sport, finalizzato a migliorare gli aspetti di prevenzione della salute, del miglioramento degli stili di vita e dell’incentivazione della cultura dello sport soprattutto nelle fasce giovanili. Il progetto prevede la possibilità di strutturare proprio all’interno dello sport giovanile una serie di servizi che aprano a nuove opportunità professionali che incidano positivamente oltre che sul piano della salute, anche sugli aspetti economici, perché lo sport può essere un’importante risorsa per una comunità.”

Da sinistra: il sindaco Andrea Soddu, il presidente della FIPE Antonio Urso, l’assessore ai Lavori Pubblici Antonio Belloi e l’assessore allo sport Sebastian Cocco

“In sostanza – ha proseguito l’assessore ai Lavori Pubblici Antonio Belloi – stiamo gettando le basi per una stretta sinergia con il CONI a livello nazionale che avrà un duplice scopo: per prima cosa vogliamo mettere mano all’impiantistica sportiva restaurando le strutture esistenti e creandone di nuove per far sì che questa sia una città dove tutti possano accedere allo sport con grande facilità. In secondo luogo abbiamo iniziato a ragionare sulla possibilità di candidare Nuoro ad ospitare il Campionato Europeo di sollevamento pesi del 2019, una competizione internazionale di grande prestigio che potrebbe portare in città tantissimi atleti ed appassionati della disciplina da ogni angolo d’Europa”

“Inoltre – conclude l’assessore – abbiamo parlato anche del ruolo di Nuoro in caso di assegnazione dei giochi olimpici a Roma nel 2024, sappiamo che nella candidatura della capitale Cagliari è stata presa in considerazione per le discipline velistiche, sarebbe bello riuscire a coinvolgere altri territori nella fase organizzativa e logistica, magari candidando Nuoro come sede dislocata per la preparazione e l’ambientamento delle nazionali”

Soddisfatto anche : “Siamo molto felici di aver ricevuto la visita del presidente Urso che valutiamo come un importante segnale di attenzione verso la nostra città, che dopo tanti anni riprende il dialogo con il CONI, indispensabile se si vogliono fare politiche sportive di alto livello. L’istituzione di una delle prime scuole medie ad indirizzo sportivo in Italia è stato il primo passo di una collaborazione che porterà Nuoro ad essere un punto di riferimento nazionale della cultura e della pratica sportiva.”

(DA: comunicato Comune di Nuoro-30 Marzo 2016)

ISRE-IsReal: Festival di Cinema del Reale (Nuoro, 6-10 aprile 2016 )

di , 18 Marzo 2016 14:08

“L’ACCABADORA” di Enrico Pau

Auditorium “Giovanni Lilliu” Via A. Mereu, 56?

( 6-10 aprile 2016 )

 evento d’apertura della prima edizione di

IsReal – Festival di Cinema del Reale

Sarà L’accabadora di Enrico Pau il film d’apertura della prima edizione di IsReal – Festival di Cinema del Reale, dal 6 al 10 aprile a Nuoro.

Ne danno comunicazione il presidente dell’Istituto Superiore Regionale Etnografico Bruno Murgia e il direttore artistico della neonata manifestazione Alessandro Stellino. “Abbiamo lavorato molto per ideare un evento che consideriamo la punta di diamante della programmazione cinematografica dell’ISRE” ha dichiarato Murgia e, d’intesa con la direzione artistica e il comitato scientifico, il progetto di festival che proponiamo mira a coinvolgere il pubblico del territorio in una cinque giorni di visioni che spaziano a 360° su temi d’attualità e sullo stato dell’arte. La manifestazione sarà l’occasione ideale per confrontarsi su questioni all’ordine del giorno, come i confini dell’Europa e la loro labilità, in compagnia di registi internazionali, ma anche un luogo di riflessione intorno alla produzione cinematografica in ambito sardo, entro la quale l’opera di Enrico Pau potrà fungere da importante punto di partenza”.

“Sono molto felice di poter contare su un film straordinario come L’accabadora per inaugurare IsReal” conferma il direttore artistico Alessandro Stellino “un festival che si propone di indagare in maniera libera e trasversale il campo del ‘cinema del reale’, la cui ricchezza risiede proprio nella commistione delle forme e dei linguaggi. Il film di Enrico Pau, regista che ammiro e seguo con grande affetto dai tempi di Pesi leggeri, rappresenta al meglio il tentativo di trascendere una tradizione e un immaginario, rinnovando entrambi alla luce di un pensiero artistico personale e coraggioso. L’intero festival poggia su questa concezione, lasciando ampio spazio all’arte documentaria ma senza negarsi aperture al cinema di finzione, laddove esse possano offrire lo spunto per un dialogo creativo e proficuo intorno alla rappresentazione cinematografica della contemporaneità”.

Scritto dal regista con Antonia Iaccarino e prodotto da Film Kairos e Mammoth Film, L’Accabadora, che verrà proiettato in anteprima assoluta presso l’Auditorium Giovanni Lilliu mercoledì 6 aprile alle 21, ha per protagonisti Donatella Finocchiaro, Barry Ward, Carolina Crescentini, Sara Serraiocco e Anita Kravos ed è ambientato al principio degli anni ’40 a Cagliari, sotto i bombardamenti delle truppe alleate.

“Ogni film nasce da una necessità profonda e L’accabadora ha origine dal mio desiderio di confrontarmi con il passato della nostra terra” sostiene il regista cagliaritano. “Ho voluto tornare indietro a quei giorni drammatici, per dare forma ai racconti di mia madre bambina sotto le bombe. La guerra e le sue distruzioni costrinsero molti a lasciare la città, con le sue comodità, i suoi caffè, i suoi cinema, i suoi teatri, per cercare riparo nella campagna. Decine di migliaia di cagliaritani sfollarono, ma qualcuno rimase a tenerla in vita, e a loro è dedicato il film”.

Ad accompagnare il film durante il festival, ci saranno anche una mostra dei costumi realizzati per la protagonista da Antonio Marras e le foto di scena di Nicola Casamassima e Francesca Manca di Villahermosa, esposte nelle sale temporanee del Museo del Costume.

“Abbiamo riflettuto sulla necessità di elaborare un cromatismo capace di mettere in relazione i colori della terra, del cielo e della natura” specifica Enrico Pau “perché volevamo uscire dall’idea stereotipata di Sardegna che troppo spesso vediamo nei quadretti di un certo folklore che imprigiona la nostra identità ai temi classici del nero, del bianco delle pecore, dei paesini pietrosi collocati su montagne impervie come quelle della Barbagia. Ho chiesto ai miei reparti artistici di colorare tutto ispirandosi all’idea pittorica di alcuni grandi artisti sardi degli inizi del Novecento, volti alla ricerca di una luce diversa per tratteggiare un’isola più sognata che reale. Lo stesso vale per i costumi disegnati da Marras per vestire la nostra Accabadora, come il suo mantello: un oggetto senza tempo, un abito che la giovane donna ha ereditato dal passato della sua famiglia e che svolge un ruolo fortemente simbolico”.

Il programma completo della manifestazione, che prevede un concorso internazionale, l’omaggio a un ospite d’eccezione, una selezione di opere fuori concorso e alcuni eventi speciali, verrà comunicato a fine marzo.

INFO:

Istituto Superiore Etnografico della Sardegna

Via Papandrea, 6-08100 NUORO

tel. +39 (0) 784 242900

E-mail: promoattivita@isresardegna.org

Web: www.isresardegna.it

(DA: comunicato Isre Nuoro-14 Marzo 2016)

NUORO-BIBLIOTECA SATTA: Documentario “Le Vie del Sacro” di Antonio Rojch

di , 18 Marzo 2016 10:09

(DA: comunicato dell’Autore)

COMUNE DI NUORO: riapertura iscrizione elenco professionisti di fiducia dell’ente.

di , 12 Febbraio 2016 10:25

Assessorato ai Lavori Pubblici

Il settore LLPP sta predisponendo la riapertura per l’iscrizione all’elenco dei professionisti di fiducia dell’ente.

Attraverso l’indicazione dell’assessore ai Lavori Pubblici Antonio Belloi, che aveva posto la questione in agenda già dal mese di luglio, sarà dunque aggiornato, e rimarrà aperto in maniera permanente alle iscrizioni, l’elenco dei professionisti che si occupano di architettura, ingegneria integrata, nonché attività tecniche connesse alla progettazione in materia di lavori pubblici, compresa la direzione lavori coordinamento per la sicurezza per importi inferiori a 100000 euro.

È intendimento del presidente della omologa commissione Fausta Moroni far predisporre dal settore una bozza di regolamento su cui lavorare insieme agli altri commissari, al fine di portare poi il tutto all’attenzione del Consiglio Comunale. Questo regolamento servirà a disciplinare gli incarichi diretti sotto la soglia dei 40000 euro. Saranno individuate tre fasce differenti che permetteranno un equo principio di rotazione e favoriranno i giovani professionisti, il tutto nel rispetto delle regole del codice degli appalti e di quanto previsto dall’ANAC.

“Stiamo valutando l’utilizzo di un algoritmo all’interno di un sofware che ci permetterà il massimo principio di trasparenza e rotazione degli incarichi professionali, che successivamente potrà essere utilizzato per creare una centrale unica degli appalti” rivela l’Assessore ai LLPP Antonio Belloi.

Inoltre l’amministrazione sta valutando l’adesione all’albo regionale dei professionisti, costituito nel 2015, e dunque ancora in fase embrionale, che su indicazione della stessa RAS candida Nuoro tra i comuni pilota.

Su quest’ultimo punto l’assessore detta le condizioni: “prendiamo atto della scelta della Regione di istituire il suo albo dei professionisti, ma come Comune di Nuoro daremo piena adesione solo quando vedremo tutti i comuni della Sardegna affiliarsi all’elenco regionale, altrimenti rischieremo di essere gli unici ad utilizzare i professionisti iscritti all’albo regionale a discapito di quelli iscritti al nostro elenco”

“Questo passaggio – prosegue l’assessore – andrebbe fatto dopo una seria ed opportuna campagna di informazione da parte della RAS che passi attraverso tutti gli ordini professionali e le amministrazioni locali”.

(DA: comunicato Comune di Nuoro-11 Febbraio 2016)

ALES (OR): spettacolo “L’albero del riccio. Antonio Gramsci dal bambino all’adulto”

di , 24 Gennaio 2016 09:49

A cura del Comune di Ales (Or)

Spettacolo:

“L’albero del riccio. Antonio Gramsci

dal bambino all’adulto”

Ad Ales, a cura dell’Amministrazione Comunale, in occasione dell’inaugurazione della piazza “L’albero del riccio”,

Oggi, domenica 24 Gennaio 2016alle ore 17:30, nel Cineteatro San Luigi sarà rappresentato lo spettacolo teatrale dal titolo “L’albero del riccio. Antonio Gramsci dal bambino all’adulto” della Compagnia Bocheteatro di Nuoro di e con Giovanni Carroni.

Giovanni Carroni- Attore e regista Bocheteatro-Nuoro

NOTE:

Gramsci si inserisce in un percorso di ricerca di drammaturgia teatrale, su autori sardi, che la Compagnia Bocheteatro ha avviato già dal 1991, con la realizzazione di spettacolo come “Sos Sinnos” di Michelangelo Pira, “Eleonora D’Arborea” di Giuseppe Dessì; “Su Muru Prinzu – Il Muro Incinto” da Memorie di Orani di Costantino Nivola; “Poesia in duas limbas” di Francesco Masala;

“Cantos de Amistade” di Franzischinu Satta; “Cosima quasi Grazia” da testi di Grazia Deledda; “Cristolu, storia di un frate bandito” dall’omonimo libro di Salvatore Niffoi; “Bachisio Spanu, l’epopea di un contadino sardo alla guerra” testo originale sulla Grande Guerra, raccontata da un contadino-pastore.:

Antonio Gramsci (in un mio ritratto a china)

 Non poteva dunque mancare all’interno di questo percorso, il grande pensatore di Ales Antonio Gramsci, che rimane attualmente uno degli autori più conosciuti e studiati al mondo dopo Dante. E’ incredibile la ricchezza di testi che A. Gramsci ci ha lasciato, e diventa oltremodo difficile, anzi impossibile, poterli abbracciare tutti in un solo progetto teatrale. Ci limitiamo dunque in questa nostra proposta alle lettere dal carcere e alla bellissima biografia della sua vita scritta dal giornalista e scrittore sardo Peppino Fiori.

Il tentativo è di raccontare il grande pensatore sardo nella sua dimensione privata di figlio padre e marito, affidandosi in particolare alle lettere dal carcere e alla biografia di Peppino Fiori .

Nonostante la dimensione intima delle lettere, diventate ormai un classico della letteratura italiana, tanto per popolarità, quanto per unanime giudizio critico, Gramsci non potrà mai essere interpretato disgiunto dalla sua militanza politica. Militanza per la quale ha sacrificato, fino in fondo e con lucida consapevolezza, la sua vita. Tutto naturalmente sullo sfondo dei tragici avvenimenti italiani seguiti all’avvento del fascismo.

Lo spettacolo è sostenuto ed arricchito da alcuni stralci filmici relativi a quel periodo storico.

Ha scritto Benedetto Croce all’indomani della prima uscita editoriale delle Lettere: “L’opera di Gramsci appartiene anche a chi è di altro od opposto partito politico”.

(DA: comunicato Bocheteatro-22 Gennaio 2016)

UN MIO DIPINTO: il Fuoco di Sant’Antonio a Orosei

di , 16 Gennaio 2016 17:19
2001-Su Ocu de Sant’Antoni in Orosei: Acquerello 19×28 cm. su cartoncino

2001- Vista interna cortile e torre pisana di Sant'Antonio in Orosei: Acquerello 28x19 cm su cartoncino

 Entrambi questi miei disegni sono stati inseriti

nel libro “Genti di Baronia” di Antonio Rojch

 Marco Camedda

COMUNE DI NUORO: Ottenuta la proroga al PRU di Monte Gurtei

di , 9 Gennaio 2016 18:49

Nota dell’Assessore Antonio Belloi

(Assessorato LLPP e Protezione Civile Comune di Nuoro)

sul PRU di Monte Gurtei

Ottenuta la proroga al Piano di Riqualificazione Urbana di Monte Gurtei.

I fondi stanziati dal MIT nel 1998 per un importo complessivo di 1.400.000 euro, prevedevano interventi di riqualificazione urbana nel rione di Monte Gurtei. Si daranno finalmente quelle risposte concrete che gli abitanti del quartiere attendevano da anni.

A seguito degli incontri avvenuti nel mese di dicembre tra l’assessore ai LLPP del comune di Nuoro Antonio Belloi ed il Vice Ministro alle Infrastrutture Riccardo Nencini, è stato possibile sbloccare la proroga di un procedimento ormai fermo da troppi anni e di fondamentale importanza per una delle aree più popolate della città.

Dopo un’attenta ricostruzione dell’iter burocratico predisposto dall’ assessore Belloi e dagli uffici del suo assessorato, in piena sinergia con gli uffici del MIT, è stato possibile recuperare un finanziamento che permetterà al comune di Nuoro la realizzazione di una serie di interventi per la riqualificazione del quartiere di Monte Gurtei.

Nello specifico sono previste 4 tipologie d’intervento:

  • Ristrutturazione nelle parti comuni degli immobili comunali siti nella parte alta del rione di Monte Gurtei (Via Ragazzi del 99).
  • Realizzazione di un parco urbano nella medesima zona adiacente alle case popolari.
  • Interventi sulla viabilità ed i sotto servizi nel quartiere.
  • Interventi di arredo urbano dislocati nelle aree soggette a intervento.

L’intervento nella sua complessità prevede la compartecipazione pubblico privata, che nello specifico si identifica nell’area di proprietà comunale tra viale Repubblica e viale Costituzione, dove verranno realizzate delle opere da destinare alla pubblica amministrazione ed una parte da immettere nel libero mercato in edilizia convenzionata.

Le tempistiche di realizzazione degli interventi saranno di massimo 2 anni dalla data di inizio lavori, che avverrà a seguito degli adempimenti burocratici previsti per la contrattualizzazione.

L’assessore Belloi dichiara:

“ Il conseguimento della proroga del PRU di Monte Gurtei è un passo importante che risponde alle richieste di un quartiere che per anni ha vissuto di promesse disattese. Come nuova amministrazione abbiamo ritenuto doveroso dare un segnale di concretezza ai nostri concittadini, mostrando inoltre grande attenzione ai procedimenti realmente strategici per la città di Nuoro. Il comitato di quartiere, presieduto da Dott. Antonio Maccioni, si è reso subito disponibile al dialogo, ed in piena sinergia con l’amministrazione, ha dedicato attenzione ed impegno alla vicenda. Altrettanto essenziale è stato il contributo degli uffici del mio assessorato LLPP, che da sei mesi lavorano ininterrottamente ed in maniera efficiente per risolvere i tantissimi problemi di Nuoro in un momento assai delicato sotto il profilo economico, dove le risorse finanziarie ereditate non danno spazio all’improvvisazione.

Sempre per il quartiere di Monte Gurtei, viste le necessità dei cittadini , dei bambini e degli anziani, ho intrapreso un dialogo ed un percorso di collaborazione con il Commissario della ASL di Nuoro dott. Mario Palermo: abbiamo studiato varie soluzioni in relazione all’area del parco dell’Ospedale “Zonchello” che risulta adiacente al quartiere. Tali spazi potranno a breve essere complessivamente riqualificati allo scopo di renderli fruibili ai cittadini attraverso l’apertura di un varco pedonale prospicente a via Ragazzi del 99.”

(DA: comunicato del Comune di Nuoro-9 Gennaio 2016)

COMUNE DI NUORO: Comunicato Assessore LLPP Antonio Belloi, sull’Esit

di , 22 Dicembre 2015 19:40

Proposta alla Ras per concessione contributo

per recupero e rifunzionalizzazione

dell’ex-albergo Esit sul Monte Ortobene

Gli uffici del settore LLPP del Comune di Nuoro, hanno provveduto in data 16/12/2015 alla predisposizione della documentazione necessaria per la candidatura al bando della RAS per l’erogazione di contributi agli investimenti per la progettazione e/o realizzazione di opere necessarie alla rifunzionalizzazione di benbandoi del patrimonio disponibile della Regione, da concedere in comodato d’uso.

In sostanza il Comune chiede alla Regione la concessione di un contributo di 5 milioni di euro e l’utilizzo in comodato d’uso dell’ex Esit, oggi di proprietà della stessa RAS, per 25 anni al fine di restaurare la struttura sita in cima al Monte Ortobene, per poi utilizzarla come struttura turistico/ricettiva.

Nuoro: L'ex-albergo Esit sul Monte Ortobene in una foto non recente

La destinazione d’uso scelta ha come obiettivo principale quello di rendere Nuoro più attrattiva sul piano del turismo ambientale rispondendo alla vocazione territoriale della città e alle grandi potenzialità del suo territorio.

Si tratta di un tipo di struttura del tutto nuova, in grado di attrarre i visitatori per brevi o lunghi periodi di vacanza all’insegna del benessere e del relax o come punto di appoggio dopo le attività escursionistiche o le visite ai musei cittadini.

Il tutto senza trascurare che servizi di questo tipo aiutano a migliorare la qualità della vita.

Un progetto che ben si sposa con le dichiarazioni programmatiche del Sindaco di Nuoro Andrea Soddu che parlano di una città che deve valorizzare al massimo le sue peculiarità per diventare una destinazione turistica territoriale di livello internazionale, capace di costruire economie dal suo patrimonio, creando così nuove prospettive di occupazione.

Una proposta, quella presentata dall’ Assessore ai LLPP Antonio Pasquale Belloi, che si integra con altri interventi previsti nell’area del Monte Ortobene che riguarderanno il Parco centrale sito all’anello superiore, le opere stradali a Jacupiu e Sedda Ortai e gli adeguamenti delle strutture sportive di Farcana.

La proposta risulta altresì coerente con le linee strategiche del programma di sviluppo regionale 2014-2019 soprattutto per ciò che concerne il turismo sostenibile e la tutela dei beni comuni.

Il costo totale dell’investimento, come precedentemente detto sarà di 5 milioni di euro, di cui 3,7 per l’esecuzione dei lavori e circa 1,3 per le spese generali, e serviranno ad operare un restyling generale della struttura che oggi si presenta in un pessimo stato di conservazione.

Per quanto riguarda le tempistiche, si stima che esaurita la parte burocratica, che prevede tra le altre cose l’assegnazione della struttura a un gestore tramite gara pubblica, i lavori dovrebbero iniziare nell’aprile 2017 per concludersi nel mese di dicembre dell’anno successivo.

“Grazie all’efficiente lavoro dell’ufficio tecnico del Comune di Nuoro abbiamo compiuto un passo importante per il rilancio del Monte Ortobene. Puntiamo a rendere il monte caro ai nuoresi una delle chiavi per la ripresa del nostro territorio. Con il recupero dell’ex Esit, tanto atteso dai nostri concittadini, il Monte Ortobene inizia a diventare a tutti gli effetti una vera e propria risorsa per la città”

(DA comunicato del Comune di Nuoro-18 Dicembre 2015)

NUORO: Visita del sindaco e assessore LLPP al comando dei Vigili del Fuoco

di , 29 Novembre 2015 19:01
Messaggio precedenteMessaggio successivoTorna a messaggi

Visita del sindaco e dell’assessore Belloi

al comando dei Vigili del Fuoco?

Lunedì 21 novembre, presso i locali del Commando dei Vigili del Fuoco di Nuoro, il sindaco Andrea Soddu e l’assessore ai Lavori Pubblici Antonio Belloi hanno incontrato il comandante provinciale Fabio Sassu, gli ingegneri dei vvf Angelo Ambrosio e Antonio Giordano per discutere dei temi legati alla Protezione Civile e della sicurezza degli edifici, e per rafforzare le sinergie tra gli stessi Vigili del Fuoco e il Comune di Nuoro.

Denominatore comune dell’incontro è stato la sicurezza, tema che riguarda tutte le strutture pubbliche: dalle scuole, alle infrastrutture, passando per campi sportivi, palestre, edifici pubblici e gallerie.

Sono state gettate le basi per avviare una stretta collaborazione mirata a promuovere delle campagne di sensibilizzazione e formazione “interattive”, nel senso che coinvolgeranno tutti i cittadini a partire dagli alunni delle scuole e dai dipendenti dell’amministrazione comunale, che saranno coinvolti in simulazioni concordate dove si farà esperienza sul campo e si insegnerà loro ad affrontare situazioni di pericolo.

La collaborazione tra Comune di Nuoro e Vigili del Fuoco andrà a toccare anche i temi legati alla Protezione Civile al fine redigere insieme un piano di “protezione civile” che sia all’altezza degli standard nazionali.

(DA: comunicato Comune di Nuoro-25 Novembre 2015)

COMUNE DI NUORO: Realizzazione di 44 alloggi E.R.P. in loc. Su Pinu

di , 18 Novembre 2015 22:44

COMUNICATO

agli occupanti degli alloggi comunali

Assessorato ai Lavori Pubblici, Manutenzioni e Protezione Civile

Settore Gestione del Territorio ed Edilizia Pubblica

AVVISO

“Contratto di quartiere II” Intervento denominato “Opere di edilizia pubblica per la realizzazione di 44 alloggi E.R.P. in loc. Su Pinu”

L’Assessore ai Lavori Pubblici

Considerato che, il Comune di Nuoro deve procedere alla demolizione e ricostruzione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica in loc. Su pinu;

Che i lavori dovranno essere realizzati per fasi in modo da comportare il minimo disagio possibile ai residenti, che dovranno essere trasferiti nei nuovi alloggi da realizzare a seguito di demolizione delle palazzine esistenti.

SI INVITANO

I soggetti interessati che attualmente occupano gli alloggi comunali, a partecipare all’incontro che si terrà giovedì 19/11/2015 alle ore 11.00 presso la Sala Consiliare, nel quale verranno illustrate le modalità operative adottate per la realizzazione del progetto.

L’Assessore

Dott. Ing. Antonio Belloi

(DA: comunicato Comune di Nuoro-16 Novembre 2015)

NUORO-ALLA BIBLIOTECA S.SATTA: Premio Letterario “Un Canto per Satta”

di , 18 Aprile 2015 12:22

Nuoro, Lunedì 20 Aprile 2015-ore 17,00

(DA: comunicato di Antonio Rojch-16 Aprile 2015)

NUORO-”MUSEO MAN”: Ultima settimana di mostre e aperture festive

di , 4 Aprile 2015 19:32

Ultima settimana di mostre e aperture festive?

Nel periodo delle feste pasquali il MAN osserverà i normali orari di apertura, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Domenica 5 Aprile, giorno di Pasqua e prima domenica del mese, l’ingresso al museo sarà gratuito.

Eccezionalmente il museo rimarrà aperto anche lunedì 6 Aprile, giorno di Pasquetta e ultimo giorno utile per visitare le mostre: Canto di Strada, Hamish Fulton e Michael Höepfner e Antonio Rovaldi, Mi è scesa una nuvola. La mostra Civil Servants. Ricerca artistica e problematiche ambientali in Sardegna è stata prorogata sino al 10 maggio.

Canto di Strada. Hamish Fulton e Michael Höepfner.Frutto di un dialogo ideale scaturito dalla condivisione di una concezione del cammino come motore di esperienze artistiche, la mostra, a cura di Lorenzo Giusti, presenta una serie di nuovi lavori – fotografie, wall drawings, disegni e installazioni – nati dalla comune esperienza di viaggio sulle montagne della Sardegna centrale. Hamish Fulton (Londra, 1946) è una delle figure più rappresentative dell’arte inglese degli ultimi decenni. Insieme a Richard Long è considerato il padre fondatore di un movimento internazionale di “artisti camminatori”, di cui l’austriaco Michael Höpfner (Krems, 1972) è oggi uno degli esponenti più significativi.

Antonio Rovaldi, Mi è scesa una nuvola. La mostra racconta il viaggio in bicicletta di Antonio Rovaldi attorno alla Sardegna. La mostra al Museo MAN – che segue l’esposizione dello scorso anno a Gavoi, in occasione del Festival Letterario “Isola delle Storie” – è parte del progetto Orizzonte in Italia, cominciato dall’artista nel 2011 e conclusosi con l’esperienza sarda nell’estate del 2014. La mostra, concepita appositamente per le sale del museo, consiste in un’installazione fotografica composta da 20 elementi corrispondenti ad altrettante tappe del viaggio. Immagini dell’orizzonte – in linea con il progetto generale – sulle quali l’artista riporta i tratti percorsi, ricostruendo una sorta di punteggiatura del perimetro dell’isola, oltre che un nuovo pentagramma cromatico a raccontare “una distanza”.

Civil Servants. Ricerca artistica e problematiche ambientali in Sardegna.Il progetto nasce da una ricognizione delle pratiche artistiche di natura antagonista portate avanti in Sardegna, volte alla formulazione di modelli di analisi, decostruzione e problematizzazione dell’attuale contesto socio-politico. In questo ricco filone, sul crinale fra attivismo e ricerca artistica, la mostra si concentra in particolare su quelle indagini che, nel corso degli ultimi anni, hanno sollevato importanti questioni ambientali, fondamentali per il futuro dell’isola. Attraverso le narrazioni di Leonardo Boscani, Riccardo Fadda, Pasquale Bassu ed Eleonora Di Marino, la mostra racconta in particolare gli effetti dell’occupazione e dello sfruttamento del suolo ad opera di poli industriali che hanno caratterizzato la cosiddetta “rinascita industriale sarda” negli anni Sessanta e Settanta, e gli strumenti critici con cui oggi si cerca di far fronte al fallimento politico-economico di quelle strategie di sviluppo e di dare avvio al difficile processo di riconversione.

(DA: comunicato Museo Man-2 Aprile 2015)

 

 

MACOMER: Proiezione di “La Tela Infinita”, documentario RAI sulla grande artista sarda Maria Lai.

di , 5 Dicembre 2014 10:57

DOCUMENTARIO RAI

A cura di Romano Cannas e Antonio Rojch

Giovedì 11 Dicembre 2014 – ore 18,00

presso il Centro Servizi culturali UNLA (ex-Caserma Mura)

MACOMER (NU)

Documenta l’ultima intervista effettuata dai due giornalisti RAI alla grande pittrice e scultrice Maria Lai scomparsa qualche anno fa.

 

Marco Camedda

(DA: comunicato degli autori-4 Dicembre 2014)

NUORO: Alla Biblioteca Satta proiezione documentario “La Tela Infinita”, di Romano Cannas e Antonio Rojch, su Maria Lai

di , 19 Novembre 2014 21:37

*DOCUMENTARIO*

 

SU VITA E OPERE DI MARIA LAI,

GRANDE ARTISTA SARDA

Venerdì 21 Novembre 2014-ore 18,00 

EVENTO

 ALLA BIBLIOTECA SATTA DI NUORO

 

a titolo “La Tela Infinita” di Romano Cannas e Antonio Rojch (Rai3 Sardegna) che raccontano, nell’ultima intervista che ha rilasciato Maria Lai la vita e le opere della grande Artista sarda (e non solo).

La Tele Infinita” è stato già proiettato alla Camera dei Deputati alla presenza della Presidente Boldrini.

A Nuoro, venerdì 21 prossimo alle ore 18,00 sarà proiettato per la prima volta in Sardegna.

L’evento è promosso dal Comune di Nuoro.

Marco Camedda

OVODDA: proiezione di “L’Ultima pasionaria-Joyce Lussu nella Resistenza”

di , 17 Aprile 2014 18:36

DOCUMENTARIO DI ANTONIO ROJCH

programmato per il 25 Aprile 2014  nella Sala Consiliare del Comune -ore 19,00- in occasione delle Celebrazioni per la Liberazione

Introducce:  Cristina Sedda, sindaco di Ovodda

Intervengono: Giuseppe Caboni dell’Istituto sardo Resistenza e autonomia, Joyce Mattu, antopologa e Franco Logias che leggera npoesie di Joyce Lussu

SU RAI3, 0ggi 2 marzo alle12,55, documentario “Pastori in Barbagia” di Antonio Rojch

di , 2 Marzo 2014 11:55

Oggi, domenica 2 marzo, andrà in onda su RAI3, alle12,55, il documentario “Pastori in Barbagia” di Antonio Rojch.

Il film racconta  il passaggio e le trasformazioni della società pastorale nel centro Sardegna, da Su Pinnetu alle moderne aziende agrarie, alla fine delle transumanze.

Il documentario di Rojch compie anche un viaggio storico per raccontare  “le chiudende“, culminate con i moti di Su Connottu, con l’assalto al municipio di Nuoro.

Marco Camedda

E’ NATA LA “FEDERAZIONE DIABETE SARDEGNA”

di , 20 Luglio 2013 19:11

 Si concretizza il progetto che vede

cinque associazioni insieme e che realizza

un ponte di assistenza alla lotta al diabete.

TESTO INTEGRALE DEL COMUNICATO

DEL PRESIDENTE ANTONIO FARRIS

“In data 4 luglio 2013 , cinque associazioni sarde che si occupano della tutela di bambini, giovani e adulti con diabete, AGDIA Onlus Nuoro, con sede a Orosei, ANIAD Sardegna, con sede a Oristano, Diabete Zero Onlus, con sede a Cagliari, Diabete Iglesias Onlus, con sede a Iglesias e Vela Diabetica, con sede a Cagliari, si sono unite in un’unica federazione con denominazione Federazione Diabete Sardegna.

La particolare condizione della Sardegna, che insieme alla Finlandia la vede prima al mondo per numero di casi di diabete infanto-giovanile, nella fascia d’età 0-14 anni, oltre che al consistente e continuo aumento del diabete dell’adulto, ha visto proliferare la nascita di diverse associazioni che si occupano del problema. Il fenomeno, seppure dettato da buoni propositi e dalla volontà di venire incontro alle esigenze delle persone affette da diabete, molto spesso, oltre che una dispersione di forze e di idee, si è dimostrato un ostacolo nei rapporti con le istituzioni.

Alla gravità della situazione del diabete in generale, dichiarata nel Piano Sanitario Regionale, oltre che in quello Nazionale, in Sardegna non corrisponde un elevato livello di assistenza, con profonde differenze tra una provincia e l’altra e tra una ASL e l’altra.

Partendo da questi presupposti, le nostre cinque associazioni, che al loro interno racchiudono tutte le varie ipotesi di iscritti e le varie esigenze delle persone con diabete, dal bambino al giovane, dall’adulto allo sportivo, unendo le forze intendono portare avanti con una chiara e forte unità d’intenti le richieste e le esigenze della maggior parte ei diabetici, mettendo a confronto le varie realtà della Sardegna, con lo scopo di riuscire a diventare interlocutori credibili delle istituzioni.

La Federazione è aperta alla eventuale partecipazione di altre associazioni che abbiano i requisiti previsti nello statuto della stessa e che, con il loro ingresso sicuramente daranno più forza a un’organizzazione che dovrà impegnarsi tanto per difendere i diritti dei diabetici sardi e in qualche caso, battersi per aiutare le persone che a causa dei gravi disagi che deve affrontare periodicamente per accedere alle cure, talvolta vede compromesso il diritto alle stesse.

Antonio Farris

Presidente “Federazione Diabete Sardegna”

OROSEI: l’asilo delle suore riaprirà

di , 16 Luglio 2010 14:59

asilo-suoreBuone notizie dopo il pensionamento delle figlie di san Giuseppe Il comitato di gestione dovrà nominare un nuovo presidente

Le tre suore della Congregazione piccole figlie di san Giuseppe che da decenni gestivano la scuola materna privata di sant’Antonio abate sono andate via. Avevano raggiunto l’età pensionabile e avevano chiesto alla loro superiora generale di essere sostituite. Ma da Verona, sede della loro congregazione, nuove sorelle per ora non ne sono arrivate. La scuola materna che proprio per la loro presenza tutti ad Orosei chiamavano «l’asilo delle suore» a settembre comunque riaprirà i battenti per accogliere i quasi cento bambini già iscritti al prossimo anno scolastico.

Si chiamerà sempre Scuola Materna Sant’Antonio abate e conserverà la sua storica ispirazione cattolica, ma cambierà «vestito».

Nonostante gli sforzi che stanno compiendo sia il parroco don Stefano Bacchitta che il vescovo Pietro Meloni, non si sa ancora infatti se nuove suore arriveranno ad Orosei da altri ordini, ma l’asilo avrà certamente un nuovo presidente nominato dal comitato di gestione (di cui farà parte anche il parroco od un suo delegato e un rappresentante del Comune) che a sua volta sarà espressione dell’assemblea formata dai genitori degli alunni e dal corpo docente e non.

Del nuovo statuto si è iniziato a parlare avantieri durante una riunione alla quale hanno partecipato una delegazione di genitori e di insegnanti, il parroco don Stefano Bacchitta e il sindaco Gino Derosas. Sul tavolo non solo i problemi burocratici da affrontare con solerzia ma anche quelli più prosaici dettati dal disavanzo certificato di circa 90 mila euro che grava sulla vecchia gestione della scuola materna privata parificata oroseina.

Un buco che ovviamente occorrerà ripianare con oculate manovre contabili. Prima cosa occorre mettere in regola e presentare i bilanci degli anni passati. Un passaggio che permetterà alla scuola di incassare trasferimenti regionali per 40 mila euro, sinora congelati in attesa di bilanci certificati. Inderogabili sarà un piano di riassetto finanziario e il saldo di mensilità arretrate alle dipendenti. Lunedì nuova assemblea.

(Fonte:La Nuova-a.fontanesi)

Orosei-ASL. Nuova cittadella sanitaria positivo il sopralluogo: entro 60 giorni si parte!

di , 28 Gennaio 2010 13:24
Alla fine del sopralluogo sul campo svolto ieri mattina soddisfatti e contenti: sia per gli amministratori comunali che per i dirigenti della Asl nuorese, i locali debitamente ristrutturati del mai entrato in funzione alloggio per anziani di sant’Antonio Abate, sono pronti e idonei ad accogliere gli uffici.
Unanime la soddisfazione per la qualità dell’intervento e per la nuova collocazione
della nuova cittadella sanitaria a servizio di tutta la Valle del Cedrino è stata espressa dal sindaco di Orosei Gino Derosas e dal commissario della Asl nuorese Antonio Succu. Presenti al sopralluogo tra gli altri anche i direttori sanitario e amministrativo della Asl 3 di Nuoro Bruno Murgia e Giampiero Carta, il direttore del distretto sanitario di Siniscola Pietro Truzzu, la responsabile del poliambulatorio oroseino la dottoressa Angela Sedda e la responsabile del reparto materno infantile Gesuina Cerchi.
Durante la visita sono stati messi in agenda i prossimi passaggi che entro 60 giorni porteranno alla definitiva inaugurazione ed entrata in funzione della nuova struttura sanitaria.
«A giorni l’impresa che ha svolto i lavori ci consegnerà l’opera che noi gireremo immediatamente alla Asl – ha spiegato il sindaco Derosas – a noi non rimane che concludere la recinzione esterna della struttura. Mi sento di poter affermare che oggi si apre una nuova fase per il servizio pubblico sanitario di tutto il territorio».
Da parte di Antonio Succu l’assicurazione che l’Asl terrà fede agli impegni di dotare la struttura anche dei servizi attualmente assenti in bassa Baronia.
«Questa nuova struttura rappresenta un importantissima opera di riqualificazione dei servizi sanitari nel territorio – ha detto il commissario della Asl – ed è nostra intenzione ristrutturare nel medio termine anche gli altri locali rimasti esclusi da questa prima tranche di lavori».
(Fonte:La Nuova-a.fontanesi)

Orosei -”S.antoni de su ocu”: Festa grande a Orosei e anche nella frazione di Sos Alinos.

di , 16 Gennaio 2010 12:56

Ha più di ottocento anni l’unione di fede che lega Orosei a Sant’Antoni ‘e s’ocu, tanti quanti ne ha l’omonimo complesso medioevale dell’antico Hospitale dove questo pomeriggio verrà dato alle fiamme uno dei più grossi falò di frasche che si allestiscono in tutta l’isola per festeggiare il santo taumaturgo che gabbò il Demonio sottraendogli il fuoco.

Una storia di fede e tradizione
che ogni anno si rinnova con immutata partecipazione. Ancora ieri mattina erano numerosi i carichi di frasche che si accatastavano nel cortile di sant’Antonio dove, come avviene ormai da tempo, venivano sistemati accanto al pirone con l’ausilio di un potente muletto telescopico che il suo proprietario Mimmo Dessena mette da anni gratuitamente a disposizione della festa.
 Ma se tutto il paese si prepara alla cerimonia di questo pomeriggio, lo stesso accade nella sua frazione di Sos Alinos.
 Qui addirittura è "festa manna"perchè
a sant’Antonio abate è dedicata anche la chiesa parrocchiale

dove i residenti della borgata per l’occasione organizzano una festa altrettanto sentita e partecipata. Un grande appuntamento per tutto il territorio al quale anche l’Ente foreste dà il suo contributo.
In legna ovviamente, e così anche per tutta la mattina di oggi, i cancelli dell’oasi di Biderosa rimarranno aperti
per coloro che vorranno caricare le ultime frasche per i due grandi falò "ufficiali" o per i tanti piccoli fuochi familiari che, per usanza o per voto, si accenderanno nei cortili di case private o rioni.

Prosegui la lettura 'Orosei -”S.antoni de su ocu”: Festa grande a Orosei e anche nella frazione di Sos Alinos.'»

Panorama Theme by Themocracy