Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: ASL

La onlus MM festeggia

i suoi primi 10 anni

Sabato prossimo, a Orosei, grande festa nella sede della cooperativa convenzionata col 118.

Dieci anni di intenso lavoro e sacrificio. È questo l’importante traguardo raggiunto il 15 dicembre dell’anno appena trascorso dalla cooperativa MM Soccorso Onlus di Orosei, convenzionata con il 118.

Più di 5.000 gli interventi compiuti negli anni di servizio, tra cui 1192 in codice rosso e 605 Rendez-Vous ossia gli interventi coadiuvati con l’ambulanza medicalizzata o l’elicottero. Una cooperativa formata da dipendenti e volontari qualificati, muniti di tutti gli attestati previsti per legge, impegnata anche in assistenze durante le manifestazioni pubbliche e nei servizi di trasporto fuori sistema, come le dimissioni ospedaliere.

Una delle ambulanze del MM di Orosei in un intervento del 2015 (foto m.camedda)

Per tanti anni la cooperativa ha avuto sistemazioni precarie in locali d’affitto poi, nel 2012, finalmente il trasferimento nei locali della cittadella sanitaria dell’Asl, a Sant’Antonio.

«Voglio ringraziare particolarmente tutti i dipendenti e i volontari che hanno permesso che questa cooperativa potesse continuare a prestare il suo servizio alla comunità di Orosei e di tutti i paesi limitrofi» ha detto emozionato il presidente della cooperativa Marco Dessena. Che ha voluto ringraziare pubblicamente chi li aiuta a prestare un servizio essenziale per la comunità. «Un ringraziamento va a GV Marbles, Bonfigli e Marmi Elena che mensilmente ci offrono un importante aiuto senza il quale sarebbe difficile andare avanti in questo periodo. Grazie anche al Comune, all’Asl e alla cooperativa di soccorso di Bolotana Ellemme, sempre vicina per ogni esigenza».

«Siamo una onlus, per questo chiunque può aiutarci anche destinando il suo 5xmille alla nostra associazione, un gesto semplice ma per noi importantissimo – prosegue il presidente ricordando il codice fiscale della MM Soccorso 93031970911 – Entro quest’anno la cooperativa dovrà, a causa delle direttive regionali vigenti, sostituire una delle ambulanze attrezzate. Si tratta di una spesa importante, di circa 70.000 euro, sicuramente non semplice da gestire per la sola cooperativa».

Per festeggiare i primi 10 anni di attività i dipendenti hanno organizzato un rinfresco aperto a tutta la comunità. L’appuntamento è per il prossimo sabato alle ore 16 nei locali della sede della cooperativa, alla presenza delle autorità e delle forze pubbliche.

«Invitiamo tutta la popolazione a partecipare numerosa e ringrazio tutti i privati che si sono fatti avanti in questi giorni con donazioni e offerte per contribuire a organizzare il rinfresco» conclude Marco Dessena annunciando che sono in fase di elaborazione due importanti iniziative solidali dedicate alla comunità di Orosei.

(DA: La Nuova Sardegna-Cecilia Fontanesi-17 Gennaio 2016)

Promossa dalla Sezione comunale Avis di Orosei

con il contributo delle amministrazioni comunali di Onifai e Loculi e della Protezione civile di Onifai, domenica 8 novembre dalle 8 alle 12 sosterà ad Onifai l’autoemoteca del Centro trasfusionale dell’Asl di Nuoro per la raccolta di sangue.

Per Onifai e Loculi si tratta della prima volta nella storia dei due paesi che un’autoemoteca eseguirà i prelievi del sangue per una sezione Avis Comunale. Il punto di raccolta si terrà nel Largo San Giorgio, di fronte alla sede della Protezione Civile che allestirà un gazebo per il supporto logistico ai donatori.

 

Trattandosi della prima sosta uffciale di un’autoemoteca per l’Avis si ricorda ai volenterosi e potenziali donatori che è conveniente arrivare sul luogo della donazione almeno un’ora prima delle 8.

“Confidando nel generoso affusso di donatori- afferma Marco Camedda, presidente del1′Avis comunale di Orosei- siamo convinti, anche per la solidale e fattiva collaborazione della Protezione civile onifaese, che si potranno ottenere buoni risultati evidenziando che il sangue donato è comunque un gesto di altissimo altruismo e amore verso la vita di chi ne ha bisogno”.

Per eventuali comunicazioni

telefonare al 392/ 9851141 (sezione Avis di Orosei), o 349/ 2340040 (Protezione Civile di Onifai).

(DA: La Nuova Sardegna-6 Novembre 2015)

UNA MIA CONSIDERAZIONE

Carissime e Carissimi,

Noi dell’Avis di Orosei abbiamo voluto vivere questa bellissima esperienza perchè il volontariato, ancor più se vissuto in questa Associazione Nazionale che ha l’obiettivo di raccogliere l’indispensabile liquido di vita che è il sangue, è amore puro verso gli altri, aggregazione, solidarietà, altruismo fra le persone e fra comunità sopratutto se vicine come in questo caso Orosei, Onifai e Loculi.

E’ stato da circa due anni uno dei nostri obiettivi che solamente ora abbiamo potuto realizzare con l’adesione fattiva ed entusiasta degli amici Sindaci Daniela Satgia (Onifai) e Vincenzo Secci (Loculi)  e La Protezione Civile di Onifai che ringraziamo per la fattiva collaborazione. E’ anche un momento di incontro fra persone volenterose e solidali nella nostra cara Baronia che insieme a Orosei e Galtellì forma anche l’Unione dei Comuni Valle del Cedrino.

Non è un caso se non tanto tempo fa (e chissà se ancora oggi in qualche luogo della terra) si stringevano i “Patti di sangue” unendo le due gocce del prezioso liquido vitale dei polsi di due persone in segno di una amicizia, anzi di una fratellanza che nel concetto semplice e primordiale fra creature buone li rendeva, appunto, come fratelli. 

Sento intimamente  che essere uniti, stavolta da questo nobile obiettivo di cercare di salvare o far migliorare persone che soffrono e che hanno necessità indispensabile della trasfusione del sangue, è un motivo di grande orgoglio, di intima soddisfazione per aver fatto  solamente il proprio  dovere con questo piccolo ma grandissimogrande gesto  di Amore verso gli altri che soffrono.

E, a proposito di Amore, non dimentichiamolo mai che donare il sangue è anche un grandissimo gesto di riguardo  fisico e morale verso  se stessi.

Un giorno un amico, con sorriso sereno mi confidò che nel fare del bene agli altri provava una grande soddisfazione, una immensa gioia, un grande senso di benessere nel proprio intimo, per aver fatto quello che lui reputava “solo il proprio dovere” di persona che vive solidale insieme agli altri, specialmente quando stanno male.

Con grande affetto e riconoscenza,

Marco Camedda

(Tratto da: sito istituzionale Comune di Irgoli- 09 Maggio 2014)

La Asl assisterà le donne

vittima di violenza e stalking.

Vincitrice di un concorso indetto dal dipartimento Pari opportunità della Presidenza del Consiglio dei ministri, l’azienda sanitaria nuorese ha istituito un gruppo di lavoro che ha seguito un corso di formazione ad hoc e formulato un protocollo operativo.

Venticinque operatori, tra sanitari e rappresentanti delle forze dell’ordine (polizia e carabinieri), ora sono in grado di gestire con cognizione di causa la prima assistenza di carattere sanitario, l’ascolto della vittima, l’individuazione di fattori a rischio e lo studio della normativa vigente e delle procedure necessarie alla presa in carico in ambito socio-sanitario e di primo soccorso.

L’iniziativa sarà presentata domani a partire dalle 9 nell’auditorium della Biblioteca Satta, in occasione del convegno sul tema “La Asl di Nuoro: una squadra sensibile alla violenza di genere”.

Il responsabile scientifico dell’evento è il medico Stefano Sau, direttore dell’unità operativa di Pronto soccorso dell’ospedale San Francesco di Nuoro e del Dipartimento emergenza urgenza: quest’ultimo è la porta di accesso ai servizi sanitari e costituisce un punto fondamentale per osservare i fenomeni di violenza in genere (donne, minori, anziani), in un ambiente riservato, alla presenza di professionalità specifiche in particolare della figura dello psicologo.

Proprio dal Pronto soccorso comincerà dunque il percorso di assistenza e cura alle donne vittime di violenza, un fenomeno ancora in parte sommerso ma che anche nel Nuorese assume i connotati di una vera e propria emergenza sociale.

**DA: L’Unione Sarda-25 giu 2013**

**DA: comunicato ASL3-Nuoro-20 giu 2013**

Il Poliambulatorio Distrettuale di Nuoro, grazie ad un prezioso contributo della Fondazione Banco di Sardegna, è stato dotato di un nuovo ecocolordoppler cardiovascolare di ultima generazione.

Con il nuovo moderno strumento diagnostico sarà possibile effettuare gli esami ecocolordoppler dei vasi sovraaortici, degli arti superiori e inferiori e distrettuali per l’utenza del Distretto Sanitario di Nuoro, che conta circa 90 mila abitanti.

La disponibilità del nuovo apparecchio, unita alla volontà aziendale di potenziare la sanità nel territorio in un momento particolarmente difficile per la sanità regionale e nazionale, rappresenta un dato positivo, che consentirà di migliorare l’offerta delle prestazioni e di contenere i tempi di attesa.

Grazie, quindi, alla sinergia fra il pubblico e il privato, è possibile migliorare il servizio offerto ai cittadini.

(DA: comunicato ASL3-Nuoro-10 mag 2013)

LEZIONE MAGISTRALE DEL

PROFESSOR VINCENZO VALENTINI

L’Azienda Sanitaria di Nuoro, in collaborazione con l’AIRO (Associazione Italiana Radioterapia Oncologica), ospiterà in città un luminare mondiale dell’oncologia.

Si tratta del Prof. Vincenzo Valentini, Radioterapista di fama internazionale, che terrà una lezione magistrale venerdì 10 maggio, alle ore 17.00, nell’auditorium della biblioteca Sebastiano Satta.

Docente di Radioterapia e direttore della Scuola di Specializzazione di Radioterapia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, il professor Valentini dirige la Struttura Complessa di Radioterapia del Policlinico Universitario Agostino Gemelli della capitale è autore di numerosissimi lavori (circa 900) e ha promosso e realizzato gli studi clinici che hanno portato a vere e proprie svolte nella cura di neoplasie quali quelle del retto, dell’esofago e del distretto otorinolaringoiatrico.

Il Prof. Valentini collabora con l’Ospedale San Francesco, in virtù della convenzione siglata dall’Azienda Sanitaria di Nuoro con il Dipartimento di Scienze delle immagini – Divisione di Radioterapia – del Policlinico Gemelli, struttura sanitaria che afferisce proprio all’università Cattolica Sacro Cuore di Roma e che, dal 2002, è accreditata dall’ACRO (American College of Radiation Oncology) e utilizza protocolli oncologici e sistemi di assicurazione di qualità del trattamento altamente all’avanguardia.

L’evento di venerdì rappresenta un’importante occasione di crescita dell’intera oncologia nuorese.

(DA: comunicato ASL3-Nu-9 mag 2013)

Il Comune e l’Asl nuorese hanno sottoscritto un protocollo d’intesa Verranno attivati un laboratorio per i prelievi di sangue e la logopedia

Il nuovo protocollo di intesa sottoscritto il 14 marzo scorso dal sindaco di Orosei Franco Mula e dal direttore generale dell’ Asl 3 di Nuoro Antonio Maria Soru sancisce, nei fatti, lo status di “sub distretto sanitario” della bassa Baronia per la cittadella sanitaria di sant’Antonio abate.

Il documento, approvato venerdì scorso dal consiglio comunale, costituisce nella sostanza un ampliamento dell’accordo stipulato nel 2010 tra i due enti a seguito di una interlocuzione incominciata nel lontano 2007 laddove il Comune cedeva in comodato d’uso gratuito trentennale all’ Asl i locali dell’ ex alloggio per anziani di sant’Antonio per la realizzazione di una cittadella sanitaria a servizio di tutta la Valle del Cedrino.

In controparte l’ente locale riceveva, con la stessa modalità, i locali dell’ex poliambulatorio di piazza Cavallotti e quelli di via Gramsci dove attualmente ha sede la guardia medica e il consultorio familiare. Un contratto che, nonostante i forti ritardi dovuti alla note peripezia amministrative vissute dalla Asl nuorese, è in parte andato a buon fine ma che si è rivelato carente per le esigenze sanitarie del territorio. Da qui la comune volontà di definire gli accordi preesistenti e anzi di potenziarli. I punti salienti del nuovo protocollo di intesa riguardano la concessione all’azienda sanitaria di due ulteriori locali ubicati nel complesso di sant’Antonio e non ancora utilizzati dove la Asl trasferirà l’ambulatorio della guardia medica e dove verrà realizzato anche un gabinetto sanitario per i prelievi ematici per qualsiasi tipo di analisi.

Otto mesi, il tempo previsto per l’attivazione dei due nuovi servizi che non saranno le uniche migliorie sottoscritte nel protocollo di intesa. La Asl si impegna infatti a destinare ad Orosei, in pianta stabile, la figura di una logopedista. Dopo anni di attese l’azienda sanitaria nuorese ha infatti indetto un bando per l’assunzione a tempo indeterminato di 6 logopedisti da dislocare nei vari distretti della provincia e ha assicurato che uno di questi verrà collocato nella cittadella sanitaria di Orosei. Concordato inoltre anche il potenziamento dei servizi di assistenza domiciliare (Adi), quello di riabilitazione e quello di prevenzione e assistenza per i disturbi mentali. Servizi che andranno ad incrementare le potenzialità della cittadella sanitaria di sant’Antonio dove da qualche mese è già attiva la sede del 118 e dove sono state aumentate le ore di attività dei laboratori di cardiologia, endocrinologia e neuropsichiatria infantile.

(DA: La Nuova-Angelo Fontanesi-27 mar 2013)

Si comunica che il Consiglio Comunale è convocato, presso la sala consiliare, in seduta straordinaria e urgente, alle ore 18.30 di oggi (venerdì 22 Marzo 2013 ) per discutere del seguente:

Ordine del giorno:

1)- Comodato reciproco di immobili ASL/Comune di Orosei: approvazione integrazione;

2)- Concessione in locazione locali comunali Piazza Cavallotti;

3)- L.R. n° 04 /2009 e successive  modiche e integrazioni. Monetizzazione spazi parcheggi;

4)-Comparto Cave.Accordo di programma;

5)-PUC. Comunicazioni;

6)-Usi Civici.Comunicazioni.

IL SINDACO

F.P.Mula

BANCA ORE DEL VOLONTARIATO

Al via il reclutamento dei volontari che intendono operare all’interno della Banca Ore del Volontariato, per offrire un aiuto concreto e amichevole ai malati ricoverati negli ospedali San Francesco e Cesare Zonchello.

Il progetto, attivo dal 2002, si articolerà in un pomeriggio di formazione teorica con medici, infermieri e psicologi dell’ASL di Nuoro, e tre mesi di tirocinio pratico nei vari reparti. Il corso partirà a fine marzo 2013 .

Gli interessati possono contattare le responsabili del progetto, Dottoressa Nadia Brusasca e Dottoressa Lucia Marongiu, telefonando ai numeri 0784 240588 e 0784 240760, dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 14:00.

(DA: comunicato ASL3 Nuoro-8 mar 2013)

Apre i battenti la nuova Radiologia

del Poliambulatorio di Orosei.

Da lunedì prossimo entrerà a regime il nuovo importante servizio, che va ad aggiungersi alle altre prestazioni erogate all’interno del presidio di Sant’Antonio Abate, vera e propria cittadella sanitaria a favore delle popolazioni di tutta la bassa Baronia.

CITTADELLA SANITARIA: Vista lato ingresso Via S.Satta

La Radiologia di Orosei, dotata di nuove, moderne apparecchiature digitali, ospitata nei nuovi locali, ha un ruolo di riferimento per un territorio sul quale l’Azienda Sanitaria di Nuoro ha destinato nuove risorse.

Pasqualino Manca

«Il trasloco – commenta il Direttore del Distretto Sanitario di Siniscola, Dottor Pasquale Manca – è durato più a lungo del previsto, a causa dei lavori infrastrutturali annessi, e di questo ci scusiamo con gli utenti. Ma, visti i risultati, è valsa la pena aspettare un po’ più a lungo, e da oggi hanno termine i disagi di quanti, in questi ultimi mesi, hanno dovuto spostarsi a Siniscola o a Nuoro per ottenere prestazioni radiologiche».

Grande soddisfazione anche da parte del Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria di Nuoro, Dottor Antonio Maria Soru, che in questi ultimi mesi ha sostenuto con determinazione tutti gli impegni presi, per garantire il raggiungimento dell’importante traguardo. « Abbiamo intrapreso da tempo – conferma Dottor Soru – una lunga e proficua interlocuzione con l’amministrazione comunale di Orosei, al fine di dotare il territorio di adeguati servizi sanitari. Con l’apertura della Radiologia, oltre ad aver mantenuto fede a una promessa, si ha la conferma che l’Azienda Sanitaria di Nuoro crede fortemente in una sanità efficiente e diffusa nel territorio dei propri Distretti, garantendo efficienza e sostenibilità, ma soprattutto appropriatezza e sicurezza».

(DA: comunicato ASL3 Nuoro-22 feb 2013)

 (REINSERIMENTO LAVORATIVO INTEGRATO)

Ingresso dell'ospedale S.Francesco di Nuoro

 Il progetto nazionale RELI è realizzato dal Centro Alcologico del Presidio Ospedaliero San Francesco, che rappresenta l’Azienda Sanitaria di Nuoro nel partenariato con la Cooperativa Baronia Verde, col sostegno del Dipartimento delle Politiche Antidroga e dall’Assessorato all’Igiene e Sanità della Regione Sardegna.

Al’interno di questo progetto è nato “B.A.S.S.” (Barbagia Ambiente Sviluppo Solidale), che propone un modello di reinserimento socio-lavorativo integrato, rivolto a persone con problematiche di uso e/o abuso di sostanze – residenti nel territorio della “Comunità Montana del Nuorese – Gennargentu – Supramonte – Barbagia” (Dorgali, Fonni, Mamoiada, Oliena, Orani, Orgosolo, Orotelli e Ottana) – che hanno effettuato, stanno effettuando o devono iniziare un programma terapeutico di recupero individuale.

L’inizio delle attività è stato sancito dall’incontro tra il presidente della Cooperativa, Costantino Spada, il Referente della Psicologia della Salute della ASL di Nuoro, Luca Deiana, la Coordinatrice del Progetto, Loredana Sanna, il Presidente della Comunità Montana e l’Assessore agli Affari Sociali, rispettivamente Franco Pinna e Nannino Marteddu, i quali hanno espresso il loro apprezzamento e la loro piena adesione ai valori e principi che caratterizzano il progetto.

Il percorso consiste in un lavoro articolato in una fase terapeutica, a carico del Centro Alcologico, una di reclutamento da parte degli Assistenti Sociali dei Comuni coinvolti e dell’Unità Operativa di Medicina dell’Ospedale San Francesco, e una formativa teorico-pratica, in cui apprendere o implementare le proprie competenze e risorse nel settore della cura e della valorizzazione dell’ambiente.

Obiettivo del progetto vuole essere la costruzione di una rete, attraverso la quale operatori pubblici e del privato sociale possano favorire un’adeguata valorizzazione delle risorse e abilità delle persone coinvolte, favorendo la formulazione di un consono progetto di vita e di reinserimento sociale.

Per questo è di centrale importanza lo sviluppo della motivazione al cambiamento attraverso il lavoro, come momento formativo e di orientamento. Ma, soprattutto, questo progetto – in linea con il Paradigma della Psicologia della Salute – vuole essere un’opportunità per la persona di “ri-rappresentarsi” nella propria realtà sociale, attraverso un proprio progetto di vita e lavorativo nell’ambito della comunità di appartenenza.

Per maggiori informazioni

contattare la Dott.ssa Loredana Sanna: 3493403603

(DA: comunicato Asl3 di Nuoro-18 feb 2013)

Ricerca clinica protagonista

all’Ospedale San Francesco

Un’occasione di confronto e interscambio – momento indispensabile per fare sintesi – tra le numerose professionalità aziendali, ma anche vetrina per presentare e far conoscere ai cittadini una realtà poco conosciuta ma vivace .

È il duplice obiettivo della prima edizione della “Giornata della ricerca”, promossa dall’Azienda Sanitaria di Nuoro, che si svolgerà mercoledì 13 febbraio nella sala conferenze dell’ospedale San Francesco.

La mattinata sarà riservata ai professionisti e ricercatori operanti in Azienda, così da favorire un sano e sempre auspicabile momento di incontro e confronto;

la sera – dalle 15,30 alle 18,00 – cittadini, associazioni di volontariato e scuole avranno l’opportunità imperdibile di conoscere i progetti di attività scientifica che si svolgono all’interno dell’ASL di Nuoro. Sono previste una serie di relazioni e presentazioni di poster sull’attività di ricerca illustrate, in forma divulgativa e accessibile, anche ai non addetti ai lavori.

Ingresso dell'ospedale S.Francesco di Nuoro

Sono circa trenta i progetti portati avanti in Azienda, e contemplano sia la ricerca clinica sperimentale delle Unità Operative che aderiscono a specifici protocolli clinici, sia le ricerche finanziate dalla Regione Autonoma della Sardegna, Ministero della Salute, università, fondazioni, associazioni ecc.

Un patrimonio notevole, ma anche una consolidata tradizione, visto che, storicamente, l’Azienda Sanitaria di Nuoro ha sempre salvaguardato e incentivato il settore della ricerca scientifica.

Basta ricordare alcuni nomi di professionisti di fama internazionale che sono passati proprio dall’Ospedale San Francesco di Nuoro, come i professori Licinio Contu, Bachisio Latte, Antonio Mosca, Luciano Lenzerini e tanti altri.

L’evento di mercoledì è stato organizzato dalle ricercatrici, Dottoresse Alessandra Onida e Giovanna Piras, col supporto delle attività degli uffici di Formazione e del Comitato Etico Aziendale, l’organismo di garanzia che valuta la conformità e la buona conduzione dei progetti di ricerca, in linea con i principi etici.

«La Giornata della ricerca – spiega il Direttore Generale dell’ASL di Nuoro, Dottor Antonio M. Soru – nasce per fornire una panoramica sulla attività di ricerca clinica e sanitaria, che vede protagonisti tanti medici e operatori sanitari della ASL di Nuoro». «Siamo fermamente convinti – continua Dottor Soru – che la ricerca biomedica, unitamente alla formazione costante degli operatori sanitari, contribuisce al miglioramento continuo dei servizi forniti ed è funzionale agli obiettivi aziendali di risposta al bisogno di benessere delle persone. È necessario promuovere la ricerca in loco, cercando – per quanto possibile – di limitare la “fuga di cervelli».

(DA: comunicato ASL Nuoro-12 feb 2013)

CITTADELLA SANITARIA: Vista lato ingresso Via S.Satta

L’amministrazione respinge le accuse di inerzia e annuncia il nuovo protocollo d’intesa siglato con l’Asl. «Un danno economico a causa del ritardo»

 (ART.1)

Gino Derosas, ex-sindaco

Stando a quanto afferma il gruppo di minoranza di Orosei democratica i ritardi della Asl nel rispettare il protocollo di intesa stipulato con il Comune potrebbe configurare un grave danno economico a discapito delle casse comunali. «In caso di inadempimento contrattuale da parte dell’Asl – dichiara infatti il gruppo che fa riferimento all’ex sindaco Gino Derosas – il Comune dovrebbe ricevere da questa un canone di locazione adeguato alla struttura concessagli in uso secondo i parametri di mercato». In soldoni sarebbero diverse migliaia di euro al mese che la Asl 3 di Nuoro dovrebbe corrispondere al Comune di Orosei per l’utilizzo dei locali della cittadella sanitaria di sant’Antonio abate.

(DA: La Nuova-a.f.-22 gen 2012)

 (ART.2)

«I ritardi ci sono, ma non sono certo ascrivibili all’inerzia di questa amministrazione». Il consigliere comunale Silvia Dessena, deelegata ai servizi sociali e alla Sanità, interviene sulla problematica sollevata dal gruppo di minoranza Orosei democratica sui ritardi della messa in pratica del protocollo di intesa siglato a suo tempo tra Comune e Asl di Nuoro per l’istituzione e il potenziamento della cittadella sanitaria di sant’Antonio. «Siamo consapevoli che questi forti ritardi stanno creando non pochi disagi – dice la consigliera – perchè come giustamente scrive Orosei democratica, la cittadella sanitaria costituisce un punto strategico per l’erogazione dei servizi sanitari in ambito intercomunale. Proprio per questo fin dai primi momenti ci siamo preoccupati affinchè venissero rispettati gli impegni assunti dall’Asl nel 2007. A tale proposito ci sono stati innumerevoli incontri e uno scambio di note scritte nei quali come Comune abbiamo evidenziato la totale assenza di alcuni servizi basilari e sollecitato sia l’inizio dei lavori di ristrutturazione dell’ex poliambulatorio di piazza Cavallotti (che dovrà andare al Comune ndc) che la messa in funzione della nuova Radiologia. La Asl dal canto suo ha ci chiesto un’estensione della concessione in comodato d’uso per i locali del complesso sant’Antonio non compresi nel contratto precedente. Giusto la settimana scorsa – dice sempre la Dessena – in un incontro con il direttore generale della Asl di Nuoro Antonio Maria Soru le nostre osservazioni sono state riportate in un nuovo protocollo d’intesa e in una bozza di nuovo contratto di comodato che a brevissimo verrà sottoposto all’attenzione del consiglio comunale. Nella stessa sede si è constatato che in questo periodo l’Asl ha provveduto alla sistemazione del servizio di 118, all’istituzione del servizio di Logopedia e al potenziamento dei servizi di neuropsichiatria infantile, endocrinologia e assistenza domiciliare integrata. La consegna dei locali di piazza Cavallotti (ormai ristrutturati ndc) dovrebbe avvenire a giorni mentre per il servizio di Radiologia si sta aspettando solo l’arrivo di una stampante digitale». Tempo stimato un paio di settimane.

(DA: La Nuova-Angelo Fontanesi-22 gen 2013)

Il Consiglio  Direttivo della sezione Sandro Monne dell’AVIS di Orosei comunica  che, come negli ultimi tre anni, mercoledì 29 agosto, dalle ore 8,00 alle 12,00 sosterà l’Autoemoteca del Centro Trasfusionale dell’Asl di Nuoro per la raccolta sangue nel piazzale antistante la chiesa di S.Antonio della frazione di Sos Alinos.

Questa è una donazione fuori dalle quattro programmate ed è un appuntamento che si ripete anche quest’anno per fare un tuffo nella solidarietà degli amici di Sos Alinos. che già nel passato ha consentito di dare buoni risultati.

Memori e grati dell’ottimo risultato ottenuto nell’appuntamento dello scorso luglio (26 donazioni) siamo convinti che quest’anno riusciremo a migliorare ancora grazie al grande cuore delle donatrici e donatori il cui numero siamo lieti di comunicare che è in forte crescita.

“Colgo questa occasione per informare chi ancora non avesse donato e volesse farlo sarà la benvenuta e il benvenuto ricordando che il sangue donato è un gesto di grande altruismo e amore verso la vita di chi ne ha bisogno”.

Ricordo ai nostri donatori e donatrici che l’ultima delle quattro donazioni programmate del 2012 si terrà nel piazzale del Comune in Via S.Veronica, sabato 10 novembre 2012.

Il Presidente

Marco Camedda

 

La Regione può garantire anche per la stagione balneare 2012 l’eccellenza della qualità del mare e la salute dei bagnanti in attuazione della Direttiva europea in materia di acque di balneazione e delle norme nazionali attuative della stessa.

In base al monitoraggio della qualità delle acque di balneazione realizzato dall’Arpas e dai Servizi di Igiene Pubblica delle Asl – spiega una nota della Regione – la Direzione generale della Agenzia regionale del Distretto Idrografico della Sardegna ha elaborato la classificazione dalla quale emerge che 647 acque di balneazione su 660 hanno ottenuto un giudizio «eccellente», 9 un giudizio «buono», una «sufficiente» e solo 2 acque di balneazione sono risultate di qualità «scarsa» e quindi vietate alla balneazione per il 2012, a causa di inquinamento microbiologico data la loro vicinanza alle foci di importanti fiumi.

Particolare attenzione è stata dedicata agli obblighi della Direttiva europea in materia di acque di balneazione, che dettano i profili delle acque, una sorta di carta d’identità.

(Da:L’Unione Sarda- 14 maggio 2012)

L’azienda sanitaria di Nuoro anche quest’anno attiverà il servizio di guardia medica turistica nelle borgate marine di Cala Gonone a Dorgali; Santa Lucia di Siniscola e Sos Alinos, a Orosei, nel periodo compreso tra il primo luglio e il 2 settembre.

I medici interessanti sono invitati a presentare entro il 31 maggio apposita dichiarazione di disponibilità, secondo il modello pubblicato nel sito web aziendale www.aslnuoro.it, alla voce Servizi al cittadino (Conti correnti e modulistica).

La richiesta va inviata al Servizio Cure Primarie, via Attilio Deffenu 42, oppure all’Azienda Sanitaria di Nuoro, via Amerigo Demurtas 1.

(Da:L’Unione Sarda-13 maggio 2012)

 

Il Servizio di Nefrologia e Dialisi dell’Azienda Sanitaria di Nuoro – con le articolazioni territoriali di Siniscola, Dorgali, Macomer e Sorgono ha dato vita al progetto “Dialisi Vacanza 2012″, al fine di permettere ai pazienti sottoposti a dialisi (extracorporea e peritoneale) di trascorrere serenamente un periodo di vacanza nel territorio circostante.

La bellezza del territorio e la ricchezza enogastronomica della zona, in particolare lungo la costa orientale, attraggono ogni anno migliaia di turisti. A loro in particolare si rivolge il Servizio Nefrologia e Dialisi dell’ASL di Nuoro, per tutto il periodo estivo, fino al 30 settembre.

Il progetto – fortemente voluto dalla Direzione Generale dell’Azienda Sanitaria di Nuoro – vede coinvolti il Responsabile e tutto lo staff medico e infermieristico della Struttura Complessa di Nefrologia e Dialisi dell’Ospedale San Francesco di Nuoro, nonché delle Unità Operative di Macomer, di Siniscola, Dorgali e di Sorgono.

Le prenotazioni possono essere indirizzate per telefono (0784 240343), via fax (0784 240900), o – preferibilmente – per posta elettronica, all’indirizzo dialisivacanza@aslnuoro.it, specificando nome, cognome, data di nascita, periodo e destinazione d’interesse.

(Da: Sardegna Reporter-Gianluca Corsi- 6 apr 2012)

L’iniziativa coinvolge gli studenti delle scuole superiori della provincia. Il progetto del dipartimento Salute mentale è realizzato con la Cooperativa Scenari verdi

Uno spot televisivo e radiofonico contro l’abuso di alcol. È il concorso proposto dalla Asl agli studenti degli istituti superiori del Nuorese.

È inserito all’interno di un progetto che – spiega il dipartimento Salute mentale e delle dipendenze – punta a «dare un supporto pratico ai giovani per responsabilizzarli su tematiche quali l’abuso di alcol, fumo e sostanze che possono provocare comportamenti a rischio, rendendoli promotori del loro benessere all’interno della scuola e del territorio in cui vivono».

L’iniziativa, portata avanti in collaborazione con la cooperativa sociale “Scenari verdi”, prevede il coinvolgimento diretto degli adolescenti, quali ideatori di una sceneggiatura per lo spot televisivo e radiofonico che poi – con l’aiuto di un professionista del settore – verrà sviluppata in formato multimediale dai ragazzi che si aggiudicheranno il premio. L’elaborato verrà poi trasmesso dalle principali tv e radio locali e nel web.

In queste settimane il progetto viene presentato in tutte le scuole della provincia. La scheda di preiscrizione va inviata entro sabato. Il 14 aprile è il termine di scadenza per la sceneggiatura. Il 17 aprile è prevista la comunicazione dei vincitori delle due sceneggiature. Fino al 30 maggio si andrà avanti con l’elaborazione dei prodotti multimediali. L’atto finale è a ottobre quando una manifestazione pubblica renderà noti gli spot dando avvio alla campagna di sensibilizzazione.

Per avere maggiori informazioni gli interessati possono rivolgersi alla cooperativa “Scenari verdi”, in via Lamarmora 1 a Nuoro, telefono 0784-257015 e 342-0946344 email scenariverdi@tiscali.it e www.cooperativascenariverdi.it.

(Da:L’Unione Sarda-13 mar 2012)

Cogliamo questa occasione delle festività natalizie per ringraziare Tutti Voi per la grandissima solidarietà dimostrata nel 2011 che ci hanno consentito di crescere in modo notevole nel numero di donazioni.

Auguri anche al solerte  e professionale personale dell’autoemoteca dellìASL N°3 di Nuoro che hanno lavorato con dedizione fino all’ultima donazione consentendo di ottenere questi ottimi risultati.

A nome del “Nostro DirettivoAVIS di Orosei e mio personale…

…GRAZIE ANCORA DI CUORE!!!

Il Presidente:

Marco Camedda

Stemma Provincia diNuoro

Si e’ concluso giovedì scorso a Meana Sardo, presso i locali “sa domo de molinu”, con l’espletamento della prova d’esame, il corso per il conseguimento dell’autorizzazione per l’acquisto e l’impiego dei prodotti fitosanitari in agricoltura, meglio conosciuta come “patentino verde”.

 Il corso, organizzato dalla Provincia di Nuoro, in collaborazione con l’Agenzia Laore (Sut Mandrolisai) e la Asl n.3 di Nuoro , ha visto partecipare circa 40 operatori agricoli interessati al rilascio del documento.

 ”Hanno sostenuto e superato l’esame 33 operatori. Dall’esito altamente positivo degli esami e’ emersa l’elevata qualità della preparazione raggiunta dai corsisti – ha dichiarato l’assessore provinciale all’agricoltura, Luigi Deiana – segno evidente dell’attenzione con la quale vengono seguiti questi corsi. Ampia soddisfazione e’ stata espressa infatti da parte di tutti i corsisti, che hanno sottolineato l’importanza di tale autorizzazione”.

Tutti coloro che fossero interessati al rilascio del patentino verde sono invitati a presentare la relativa domanda , il cui modello e’ reperibile e scaricabile dal sito della Provincia di Nuoro, al seguente indirizzo web:

http://www.provincia.nuoro.it/canali-tematici/agricoltura-e-pesca/rilascio-autorizzazioni-acquis/modulistica .

I modelli possono essere richiesti presso gli uffici dell’Ente – in Piazza Italia n.22 – Nuoro; del settore ambiente agricoltura e polizia prov.le in via Trieste 66 e presso gli uffici territoriali dell’Agenzia Laore.

(Da:comunicato Provincia di Nuoro-12 dic 2011)

A parlare è Michele Pira responsabile del servizio veterinario della Asl nuorese che ridimensiona l’allarmismo creatosi intorno al caso di Orosei dopo la denuncia da parte dei proprietari della morte del quadrupede e la richiesta di accertamenti all’a stessa Asl.

Tonino Fenu e consorte hanno fatto ciò che si dovrebbe fare in questi casi, vale a dire informare l’azienda sanitaria per attivare tutti gli strumenti necessari a fare chiarezza per la morte di un cavallo in un momento in cui la Febbre del Nilo rappresenta in Sardegna una nuova emergenza sanitaria in particolare nell’Oristanese, territorio molto simile a quello della bassa Baronia dal punto di vista idrografico e climatico. Le analisi eseguite nel laboratorio veterinario della Asl hanno confermato che l’animale in questione aveva contratto la West Nile Disease, ma a provocarne il decesso sono state le coliche renali, causa frequente di morte tra i cavalli .

Domani mattina, comunque, la Febbre del Nilo sarà l’argomento di un vertice, convocato dalla direzione aziendale e dal servizio veterinario della Asl, alla quale parteciperà anche il sindaco di Orosei, Franco Mula. Intanto il centro antinsetti della Provincia di Nuoro ha messo in campo una task force per verificare o meno la presenza della zanzara responsabile della malattia nelle zone a rischio come terreni umidi e giardini pubblici dei centri abitati. Il cavallo della famiglia di Tonino Fenu, una decina di giorni fa, dopo essere stato sottoposto inutilmente ad una cura dal veterinario di fiducia, ha stramazzato al suolo privo di vita.

I sintomi della West Nile sono molto simili a quelli delle coliche renali o verminose, di cui ci si può accorgere trascorrendo molto tempo con questi animali. «Il cavallo stava male da una decina di giorni, abbiamo fatto il possibile per curarlo senza sapere il motivo delle sue condizioni – dichiara Tonino Fenu – per scrupolo dopo la morte abbiamo segnalato il caso alla Asl che dopo gli accertamenti ci ha comunicato che il cavallo è risultato positivo al test della West Nile».

In provincia di Nuoro è il primo caso accertato del virus. Ma a fare maggiore chiarezza sulla vicenda saranno domani mattina gli stessi veterinari dell’azienda sanitaria barbaricina.

(Da:L’Unione Sarda-Maria Bonaria Di Gaetano- 3 nov 2011)

Anche quest’anno la Asl di Nuoro ha attivato gli ambulatori di guardia medica turistica nelle principali località costiere.

guardia medica turisticaPer migliorare il servizio i medici sono stati dotati di un telefono aziendale che garantisce la reperibilità per i non residenti 24 ore su 24.

I punti di guardia medica si trovano a Siniscola (Santa Lucia numero di cellulare 346/9725484), Orosei (Sos Alinos, 346/9846864) e Dorgali (Cala Gonone, 345/7464754).

MEDICOOltre alle urgenze negli ambulatori e garantita l’assistenza medica di base anche domiciliare qualora le condizioni del paziente non gli consentano di spostarsi.

I medici della guardia turistica possono inoltre prescrivere farmaci, visite specialistiche, esami diagnostici, disporre ricoveri e rilasciare certificazioni di malattia secondo il tariffario stabilito dalla Regione: 15,49 euro per le visite ambulatoriali, 25,82 euro per le visite domiciliari e 7,75 euro per ricette e prescrizioni.

(Da:L’Unione Sarda- m.b.d.g. -7 lug 2011)

ASL-definitivo

CITTADELLA SANITARIA: Vista lato ingresso Via S.Satta

CITTADELLA SANITARIA: Vista lato ingresso Via S.Satta

Dal 12 aprile è operativo il Poliambulatorio Asl. Il complesso di Sant’Antonio Abate, ristrutturato dal Comune e ceduto alla Asl con un contratto trentennale, ospita tutti i servizi amministrativi e la specialistica: chirurgia, diabetologia, ginecologia, otorinolaringoiatria, cardiologia, oculistica, salute mentale, dermatologia, cardiologia, neuropsichiatria, reumatologia. Saranno trasferiti anche igiene pubblica e radiologia.

CITTADELLA SANITARA: La nuova prossima sede della ASL visti da Via S.Satta

CITTADELLA SANITARA: La nuova sede della ASL vista dal cortile del Santuario di S.Antonio

(Da:Unione Sarda-17 apr 2011)

OROSEI:Unna foto panoramica scattata da Gollai

OROSEI:Unna foto panoramica scattata da Gollai

L’assessore Saba: «Ci limiteremo all’essenziale»

Due appuntamenti di fondamentale importanza saranno presentati a breve all’esame del consiglio comunale: prima il bilancio di previsione poi il Puc.

Il sindaco di Orosei Gino Derosas

Il sindaco di Orosei Gino Derosas

Tutto entro dieci massimo quindici giorni, e comunque in rapida successione. «Entrambi i punti sono ormai definiti – assicura il sindaco Derosas – per il bilancio ci vorranno una decina di giorni per dare tempo ai consiglieri di studiare le carte e presentare emendamenti. Per il Puc siamo in attesa dalla Provincia di un ultimo documento di presa di visione della valutazione paesaggistica». Poi tutto sarà portato in aula. E, a tre mesi dalla naturale scadenza del mandato amministrativo, saranno prevedibilmente due sedute di consiglio comunale particolarmente calde.

Sul Puc tutto o quasi è stato detto e ora le attese sono soprattutto sul centinaio di osservazioni presentate dai cittadini. Niente si sa invece sull’ultimo bilancio della maggioranza Derosas.

PAOLO SABA assessore al bilancio

PAOLO SABA assessore al bilancio

«Ma proprio perchè siamo a fine mandato sarà un bilancio molto stringato – anticipa l’assessore competente Paolo Saba - Ci sembra doveroso che sia l’amministrazione che subentrerà a giugno, chiunque essa sia, a programmare il grosso dei fondi. Ci limiteremo a predisporre l’ordinaria amministrazione senza forzature».

Un bilancio con il bilancino, insomma, anche se qualche intervento immediato sarà comunque previsto. «Si rendono necessari alcuni implementi di finanziamento per alcune opere pubbliche in via di ultimazione – spiega Saba – per esempio abbiamo messo in bilancio le somme necessarie per l’ultimazione la bitumazione della via del Mare nel tratto interessato alla realizzazione dei nuovi marciapiedi e della pista ciclabile.

Altri fondi si rendono necessari per completare i rinnovati locali della borgata di Sos Alinos e anche per ultimare alcune infrastrutture richiesteci dalla Asl nei locali di sant’Antonio abate dove a presto verrà trasferito il poliambulatorio». Infine, anche un po’ d’asfalto nelle strade interne.

CITTADELLA SANITARIA: Vista lato ingresso Via S.Satta

CITTADELLA SANITARIA: Vista lato ingresso Via S.Satta

(Da La Nuova- rass.stampa Prov.NU-a fontanesi)

Una cittadella sanitaria di antica memoria medievale, restituita alla sua vocazione originaria.

CITTADELLA SANITARA: La nuova prossima sede della ASL visti da Via S.Satta

CITTADELLA SANITARA: La nuova prossima sede della ASL visti dal cortile del santuario di S.Antonio Abate

ASL NUOROIl complesso di Sant’Antonio Abate di Orosei (che in alcuni documenti del quindicesimo secolo compare come “hospitale pauperum, ospedale per i poveri“), restaurato con una spesa di 800 mila euro dal Comune, è ora sotto la giurisdizione della Asl di Nuoro.

A dare il via libera all’acquisizione, il contratto di comodato d’uso trentennale sottoscritto dal sindaco Gino Derosas e dal commissario straordinario dell’azienda sanitaria Antonio Succu. Atto finale di un percorso che ha mosso i primi passi sette anni fa, il protocollo di intesa prevede una permuta: al Comune andranno due locali di via Cavallotti e via Gramsci, di proprietà della Asl. Quest’ultima si farà carico della loro ristrutturazione che dovrebbe essere ultimata entro un anno.

Psaqualino Manca

Pasqualino Manca

«Una felice conclusione – commenta Succu – resa possibile grazie alla collaborazione dell’amministrazione di Orosei. Un passo avanti verso il potenziamento dei distretti nel territorio in vista di un alleggerimento degli ospedali e una sanità più vicina ai cittadini».

Presenti alla firma anche il direttore sanitario Salvatore Bruno Murgia, quindi Pasqualino Manca e Gesuina Cherchi (responsabili dei Distretti di Siniscola e Nuoro), insieme a Marcello Dadea, assessore ai Servizi sociali di Siniscola, in qualità di presidente della conferenza di Distretto.

Il poliambulatorio ospiterà tutta la specialistica che attualmente a Orosei opera con grande difficoltà, come sottolinea anche Manca. Il quale si impegna a far decollare i servizi al meglio «con l’obiettivo che questi fiori all’occhiello siano i primi tasselli di una nuova sanità».

Il sindaco di Orosei Gino Derosas

Il sindaco di Orosei Gino Derosas

Una posizione che Derosas accoglie con entusiasmo sottolineandone la prospettiva ad ampio raggio che si dirama per tutta la valle del Cedrino. Oculistica, Chirurgia, Diabetologia, Otorino, Cardiologia, Dermatologia, Radiologia («che sarà impiantata ex novo», annuncia Manca), Neuropsichiatria, centro di Salute mentale, Ortopedia, Reumatologia sono alcuni dei servizi che saranno operativi a partire da settembre. In seguito verranno aggiunti anche Fisioterapia e Veterinaria.

«Scelte – commenta Dadea – che mirano a trovare soluzioni concrete per la Baronia». Il presidente torna anche sulle polemiche suscitate dalla nomina dei nuovi direttori: «La sanità non è né di destra né di sinistra, e l’auspicio è che ci sia sempre il reale impegno di tutti a prescindere dagli orientamenti politici».

fonte:Unione Sarda (da Rass.Stampa -Nu)

asl nuoroDalle scottature di varia origine, alle ondate di calore fino alle punture di insetti, meduse, ricci e altri animali marini insidiosi, sono piu’ d’uno i pericoli che possono turbare una serena giornata di mare.

Da qui il progettoTutti al mare in sicurezza‘, che ha preso forma in un pieghevole tascabile stampato in 50 mila copie dalla Asl di Nuoro, in collaborazione con i comuni costieri di Dorgali, Orosei, Posada e Siniscola, e le societa’ RBManagement di Nuoro e Saliu&Dessi. L’iniziativa e’ stata presentata stamattina nei locali della Direzione generale dell’azienda sanitaria di Nuoro.

Cogliendo l’occasione dell’obbligo istituzionale, abbiamo voluto creare uno strumento il piu’ semplice ed esplicativo possibile, piacevole da leggere, seppur molto puntuale nelle informazioni, e dalla grafica leggera e colorata – spiega Salvatore Bruno Murgia, Direttore sanitario – Si tratta di un prontuario di consigli concreti su come intervenire in situazioni di emergenza, contenente importanti nozioni di primo soccorso, destinato in particolare a quelle categorie piu’ fragili come gli anziani e i cardiopatici. La sua prima valenza e’ di tipo preventivo”.

Sei macrosezioni con suggerimenti pratici che spesso sfatano alcune convinzioni popolari prive di base scientifica:

Un tuffo nel blu, pensato per i genitori, Le meduse, vespe di mare che dopo una breve descrizione, spiega cosa fare in caso di contatto. E ancora Pesce che non scappa…punge!, I migliori amici degli scogli…i ricci!, Occhio alle zecche, Insetti attenzione anche in spiaggia. Infine Il sole…alleato o nemico?, un decalogo per far fronte a colpi di calore e scottature, e l’elenco dei numeri utili.

Il tascabile gia’ da ieri ha cominciato a essere distribuito nelle farmacie e i presidi ospedalieri di Nuoro, presto sara’ dispensato in modo capillare in tutta la provincia.In piu’, da domani mattina tre giovani lo consegneranno direttamente ai bagnanti sulle spiagge. Si inizia dalle spiagge di Capocomino, Calaliberotto, Orosei, Calagonone e La Caletta, per poi proseguire via via in tutte le altre: ”Una presentazione attiva – commenta Roberto Betocchi, marketing manager della RB – le persone hanno modo di avere un confronto diretto nel caso in cui vogliano saperne di piu”’. La realizzazione grafica e’ di Giordana Dessi’ e Lorenzo Saliu.

(Fonte: Adnkronos: Nuoro- 16 lug.2010)

aslPietro Truzzu ha messo in valigia un pezzo della sua vita e la soddisfazione di aver realizzato opere importanti che hanno fatto crescere il distretto sanitario di Siniscola. Dopo quindici anni di lavoro, è stato nominato nuovo manager della Asl di Macomer.

Al suo posto si è insediato Pasqualino Manca, veterinario, al lavoro nella Asl baroniese dal 1981. Sono questi gli spostamenti forse più eclatanti che il commissario straordinario della Asl di Nuoro, Onorato Succu ha disposto di recente dopo l’esito dei relativi concorsi. Pietro Truzzu, siniscolese, 54 anni, lascia la Asl locale nel suo momento di massimo sviluppo, culminato con l’apertura del Centro dialisi. Ma sono tanti i servizi e i progetti attivati sotto la sua lunga dirigenza, tappe di una rivoluzione bene articolata che ha portato la Asl locale a ritagliarsi un ruolo autorevole.

Psaqualino Manca

Pasqualino Manca

Una voglia di fare che anima anche Pasqualino Manca, 56 anni, medico veterinario dal 1980, originario di Onifai, che dal 1999 al 2004 ha rappresentato il Nuorese come consigliere regionale del Partito sardo d’azione. Eppure, nonostante gli spostamenti siano ormai ufficiali e i diretti interessati abbiano preso possesso delle rispettive poltrone, la staffetta Truzzu-Manca ha dato vita a tante reazioni.

Il più critico è il consigliere regionale del Pdl, Silvestro Ladu, che ha giudicato gli spostamenti del tutto inadeguati. Perplesso anche il consigliere comunale di minoranza Mario Chighini. «Sono stupito per questo cambio al vertice – afferma Chighini – poiché ritengo Truzzu un ottimo professionista. Non vedo logico il suo trasferimento. A mio avviso non era necessario».

Più moderato il consigliere Giuseppe Marrante: «Truzzu ha lavorato benissimo, ma sono certo che Manca non sarà da meno. Certi spostamenti sono ciclici. L’importante è che la Asl di Siniscola continui il suo sviluppo». Nessun commento, per ora, dal sindaco.

(Fonte:La Nuova-salvatore martini)