Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: barbagia

“1997-MURALE AD OLIENA”

L’ho dipinto in acrilico sul muro frontale della sala di ingresso del palazzo comunale di questo popoloso paese della Barbagia.

Il dipinto misura 5.60×1,70 mt  e l’ho donato a Oliena dove ho avuto per quattro anni uno studio di progettazione e tanti clienti e cari amici!!!

Cari saluti,

Marco Camedda

Bitti inaugura la rassegna

Autunno in Barbagia dal 2 al 4 settembre 2016

Numerosi sentieri si snodano lungo il territorio di Bitti alla scoperta di oasi naturali, ricoperte da rigogliose foreste, scenari incantevoli tra picchi granitici e meravigliosi scorci acquatici formati da cascate e laghetti.

Luogo ospitale e pieno di storia in cui la grande civiltà nuragica innalzò i meravigliosi monumenti del villaggio-santuario di Romanzesu, uno dei maggiori centri archeologici dell’intera Isola, e dove si stabilirono gli antichi Balari che sfidarono il potente Impero Romano. Il centro barbaricino è famoso in tutta l’Isola per la maestria dei cori che tramandano l’arte dell’antico canto a tenore proclamato dall’UNESCO “Patrimonio intangibile dell’Umanità”.

Il comune ha dedicato a questa celebre tradizione musicale un museo multimediale in cui sarà possibile ascoltare le composizioni più conosciute e acclamate provenienti da varie aree dell’Isola. Nel paese si trovano tante botteghe artigiane di ceramica, ferro battuto, cuoio, legno, intarsio e tessitura che propongono sia lavorazioni classiche che moderne interpretazioni della tradizione.

 Bitti opens the festival

Autumn in Barbagia 2 to 4 September 2016

The territory of Bitti winds along several paths to discover natural oasis covered with luxuriant forests, fascinating landscapes between granite peaks and wonderful water views made of waterfalls and small lakes.

A warm place full of history where the great Nuragic civilization raised the amazing monuments of the village-sanctuary of Romanzesu, one of the main archaeological centres of the entire island, and where the ancient Balari settled down, the tribe that faced the powerful Roman Empire. This centre of Barbagia is known all around the island for the mastery of its choral groups that hand down the art of the ancient a tenore singing which has been recognized as World Heritage by UNESCO.

The municipality opened a multimedia museum dedicated to this popular music tradition, where you can listen to the most known and appreciated compositions from different areas of the island. In the village you may find several small shops offering classical productions as well as and modern interpretations of ceramics, wrought iron, leather, wood, inlay and weaving.

(DA: comunicato Romanzesu-23 Agosto 2016)

Riunione per manifestazione

“Autunno in Barbagia 2016″

Si comunica che l’Amministrazione Comunale ha programmato per il giorno Lunedì 29 Agosto alle ore 19.30, presso l’aula consiliare, la riunione conclusiva per la manifestazione “Autunno In Barbagia” che avrà luogo a Bitti il 2, 3, 4 settembre 2016

È necessaria la partecipazione di tutti gli interessati

per l’importanza delle comunicazioni che verranno date.

(DA:comunicato Comune di Bitti-24 Agosto 2016)

Autunno in Barbagia

2 Settembre-18 Dicembre 2016

La XVI edizione parla in limba:

 

Dal 2 settembre al 18 dicembre, tutti i fine settimana, i paesi del cuore della Sardegna apriranno le porte a turisti e visitatori: al via la 16esima edizione di Autunno in Barbagia, iniziativa progettata e promossa dalla Camera di Commercio di Nuoro e dalla Azienda Speciale Aspen.

Saranno 28 le amministrazioni comunali che si occuperanno di organizzare tanti eventi dedicati ad arte, storia, folklore, artigianato ed enogastronomia, in vetrina nelle tipiche “corti” delle antiche dimore isolane.

Agostino Cicalò, Presidente Camera di Commercio di Nuoro – “Ant a bastare chimbe sensos pro connòschere su coro de sa Sardigna?”: quest’anno Autunno in Barbagia parla “in limba”, con una visual dedicata ai 5 sensi, al profumo del mosto, alle note dei cori e dei tenores, alla morbidezza delle colline ricche di vigneti, al gusto della ricotta delicata, in una cornice naturalistica e archeologica unica al mondo.

Nonostante i tagli al diritto annuale, e l’incerta situazione normativa che riguarda le Camere di commercio d’Italia, continuiamo a investire su un progetto capace di restituire, moltiplicandole, le risorse che riceviamo dalle stesse imprese. Anche quest’anno abbiamo realizzato un’intensa campagna di comunicazione, dalla produzione dei materiali tradizionali – cartellonistica, locandine, spot radio e tv, riviste dei vettori aerei e navali, riviste di settore – ad una comunicazione sempre più “social”.

“L’edizione 2015 ci ha regalato tante soddisfazioni –afferma Vincenzo Cannas, Presidente dell’Aspen di Nuoro- siamo arrivati a circa 450mila visitatori, sardi, dal resto d’Italia e dall’estero, con una crescita del 10% rispetto al 2014, il coinvolgimento di più di 1.500 imprese e circa 8 milioni di vendite dirette. L’obiettivo che ci siamo posti per questa nuova edizione, insieme alle amministrazioni comunali, è quello di attrarre un numero sempre maggiore di visitatori presentando prodotti di alta qualità, all’insegna della tradizione”.

Anche i partner del circuito hanno preso parte alla presentazione:

Francesco Morandi, Assessore regionale del turismo, artigianato e commercio

“Una manifestazione importantissima e strutturata che sconfina dall’estate e finisce in inverno, un vero esempio di come si può costruire un evento attrattivo nelle zone interne nei periodi di spalla.

La Sardegna ha molti prodotti turistici da proporre in ogni stagione, svariate sono le motivazioni di viaggio e tanti i temi da promuovere per 12 mesi all’anno – ha continuato Morandi – per questo puntiamo con decisione su eventi che funzionano come quello organizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro, dall’Aspen e da ben ventotto comunità locali, all’interno di una programmazione e di una strategia coordinata a livello regionale”. I tradizionali appuntamenti con l’accoglienza delle zone interne dell’isola inizieranno il primo fine settimana di settembre a Bitti per concludersi il 16 dicembre a Orune. “Autunno in Barbagia rappresenta anche uno straordinario vantaggio dal punto di vista economico – ha concluso l’assessore – che renderà visibile una Sardegna meno conosciuta ma carica di tradizioni e identità, caratteri fondamentali della qualità della vita nell’isola ricercati dai turisti di tutto il mondo”.

Roberto Cugia, Responsabile Pianificazione Marketing Banco di Sardegna

Come ormai è tradizione, il Banco di Sardegna è partner di Autunno in Barbagia. In questa edizione, oltre agli info point sui principali prodotti e servizi, come mutui, prestiti personali e finanziamenti per il settore agrario, il principale istituto di credito dell’isola offrirà alle imprese partecipanti, a condizioni particolarmente favorevoli e con canone gratuito per i primi sei mesi, i Pos con modalità Gprs in grado di ricevere i pagamenti a mezzo bancomat e carta di credito. Inoltre, sarà emessa una carta prepagata dedicata all’evento da offrire gratuitamente ai partecipanti. Infine, il Banco organizzerà alcune tavole rotonde dedicate alle principali tematiche economiche del territorio.

Cristiana Mura, Tiscali

Il valore aggiunto della nostra partecipazione ad Autunno in Barbagia è la collaborazione tra due realtà sarde, in particolare abbiamo cercato di contribuire nelle attività di comunicazione, sia a livello locale che nazionale e speriamo di replicare il successo degli anni scorsi e rinnovare anche nel futuro questa bella collaborazione.

Roberto Patrizi, Tirrenia e Moby

Crediamo molto in questi eventi e anche quest’anno abbiamo accolto l’invito a fornire il nostro supporto alla promozione del territorio. In particolare abbiamo previsto nel nostro sito una sezione dedicata agli eventi che ospita il calendario di Autunno in Barbagia e stiamo pensando di proporre delle tariffe particolari per le diverse tappe autunnali.

Eugenio Cossu, Grimaldi

Con Autunno in Barbagia scopriamo territori bellissimi e inaspettati: i visitatori possono vivere le tradizioni dei piccoli centri dell’interno dell’Isola, entusiasmandosi. Partecipiamo sempre con interesse a queste iniziative orientate alla destagionalizzazione, impegnandoci nel nostro settore

(DA: comunicato Camera Commercio NU/OG- 3 Agosto 2016)

TEME  DELL’INCONTRO:

“I prodotti del Gennargentu. 

Le zone interne un’opportunità di sviluppo”?

Martedì 8 dicembre-FONNI:

Sala Conferenze Hotel Taloro-ore 11,00

In occasione della manifestazione Autunno in Barbagia in programma a Fonni il 6-7-8 dicembre, Fattorie Gennargentu ha organizzato – per il giorno 8 dicembre alle ore 11 nella sala conferenze dell’Hotel Taloro – un incontro durante il quale l’azienda presenterà i nuovi prodotti e i nuovi progetti di investimento alla Grande Distribuzione e a tutti i propri clienti.

L’incontro sarà l’occasione per dialogare con i responsabili della Distribuzione Organizzata in Sardegna (i quali hanno già confermato la loro presenza) e per incontrare i rappresentanti istituzionali e le altre aziende del territorio.

Sarà questa l’occasione per parlare non soltanto delle imprese, dei nuovi investimenti e delle novità per il mercato ma anche per fare il punto sui problemi e sulle opportunità del comparto agroalimentare e dell’economia delle zone interne della Sardegna. Territori troppo spesso visti come un problema e non come una risorsa con enormi potenzialità di sviluppo legato all’ambiente e alle sue peculiarità uniche.

Riteniamo sia importante la presenza della stampa per mettere in risalto un’eccellenza positiva e dare un piccolo contributo alla discussione su quelle che possono essere le soluzioni ad annosi problemi che attanagliano i territori montani.

Il marchio Fattorie Gennargentu raggruppa le due aziende “Fattorie Gennargentu srl” con sede a Fonni e “La Fattoria del Gennargentu srl” con sede a Mamoiada e producono rispettivamente salumi e formaggi. Con un fatturato che nel 2014 ha sfiorato i 15 milioni di euro, il gruppo Fattorie Gennargentu ha raggiunto negli ultimi anni una posizione di rilievo nel panorama delle produzioni agroalimentari di qualità della Sardegna ponendosi ai primi posti come volume d’affari e come posizionamento tra le eccellenze dell’isola.

Tutto questo è stato possibile grazie a una attenta gestione manageriale unita alla ricerca e al mantenimento costante di altissimi standard di qualità dei prodotti che rispecchiano pienamente i dettami della tradizione. Le aziende sono riuscite a creare un’eccellente connubio tra innovazione e tradizione accolta favorevolmente anche dai consumatori i quali riconoscono ai prodotti Fattorie Gennargentu i valori della genuinità, del giusto prezzo e della presenza costante nei migliori punti vendita dell’isola.

Fattorie Gennargentu-Fonni

(DA: comunicato Confindustria NU/OG-4 Dicembre 2015)

Riunione per “Autunno in Barbagia 2016″

Si comunica che l’Amministrazione Comunale ha programmato, per il giorno Venerdì 6 Novembre alle ore 19.30, presso l’aula consiliare, la prima riunione per discutere la programmazione della manifestazione “Autunno In Barbagia” che avrà luogo a Bitti nel mese di settembre 2016.

L’ordine del giorno sarà il seguente:

1) Proposte Autunno in Barbagia 2016

2) Organizzazione Cortes ed Esposizioni in occasione del Natale 2015.

Sono invitati a partecipare i titolari delle attività produttive e artigianali e tutti coloro che sono interessati a prendere parte alla manifestazione, al fine di presentare la loro proposta e la loro adesione.

L’Assessore alla Cultura

F.to Ivana Bandinu

 

SARDEGNA. AUTUNNO IN BARBAGIA.

28 paesi, infinite storie da vivere

Dal 4 settembre al 13 dicembre 2015

Al via la 15esima edizione di Autunno in Barbagia, itinerario di eventi alla scoperta dell’affascinante territorio del cuore della Sardegna. Dal settembre a dicembre, ogni week end si potrà conoscere un paese diverso con le sue tradizioni e specialità, grazie alle mostre allestite nelle “corti”, i tipici cortili delle case antiche della Sardegna.

Un appuntamento lungo quattro mesi, dedicati alla cultura in tutte le sue forme: arte, storia, folklore, artigianato ed enogastronomia in uno scenario dai paesaggi indimenticabili.

Mercoledì 2 settembre presso la Camera di Commercio di Nuoro è stato presentato l’intenso calendario di appuntamenti di Autunno in Barbagia e l’articolata campagna di comunicazione e promozione dell’iniziativa progettata e sviluppata dalla Camera di Commercio di Nuoro e dalla sua Azienda Speciale Aspen.

Presenti il Presidente della CCIAA di Nuoro Agostino Cicalò, il Presidente dell’ASPEN Vincenzo Cannas, il travel partner della manifestazione Portale Sardegna con Marco Demurtas e il Banco di Sardegna con Martino Mulas.

Visitare la Sardegna durante Autunno in Barbagia- dichiara il Presidente Aspen Vincenzo Cannas – significa immergersi in un collage di emozioni, musiche, cortili, sapori, arte, colori, costumi, dialetti e artigianato. La Sardegna non è solo mare, ma nel cuore del suo territorio custodisce un patrimonio naturale, artistico e culturale unico al mondo”.

Sono questi gli elementi che caratterizzano tutta la campagna di comunicazione con la quale si invita a vivere l’atmosfera delle antiche tradizioni e dei mestieri, a conoscere le storie della Sardegna.

Questo fine settimana ad aprire le danze dell’autunno il paese di Bitti che accoglierà i primi visitatori della rassegna con tante curiosità da scoprire, specialità da gustare e arti da ammirare in un programma ricco di eventi.

I NUMERI DI AUTUNNO IN BARBAGIA 2014

  • visitatori tra i 28 paesi: 400.000

  • operatori economici coinvolti: 1.700

  • indotto economico: circa 8 milioni di vendite dirette

  • spese per attività di promozione e coordinamento: 400.000 euro

ATTIVITA’ PROMOZIONALI

Roberto Sau dell’ASPEN ha presentato nel dettaglio il media plan della manifestazione: le attività tradizionali, affissioni, uscite stampa e brochure, sono pensate per raggiungere in particolar modo il pubblico più maturo, mentre il target più giovane e quindi “digitalizzato” verrà coinvolto dai social media, e dai contenuti accessibili tramite QR code.

Anche quest’anno i visitatori si potranno dilettare con il concorso fotografico “Scatta l’autunno e vincere il “bonette”, tipico copricapo sardo, dopo l’emozionante racconto per immagini che i numerosi visitatori hanno regalato con la loro attiva partecipazione lo scorso anno premiata anche con la pubblicazione nelle brochure dell’edizione 2015 delle fotografie più votate.

PARTNERSHIP E OFFERTE VIAGGIO

Si è scelto di migliorare la visibilità e la fruibilità delle proposte con azioni pubblicitarie dirette, con dinamiche comunicative che incoraggino la partecipazione e la diffusione anche virale dei contenuti, e con pacchetti vacanza dedicati curati dal travel partner Portale Sardegna. “Siamo orgogliosi di essere partner di questa iniziativa – ha dichiarato il Presidente Marco Demurtas – e crediamo che questo circuito sia ormai maturo per attrarre in Sardegna visitatori anche fuori stagione: abbiamo pensato a offerte viaggio flessibili e competitive, facilmente personalizzabili, per consentire al viaggiatore di vivere un’esperienza autunnale in Sardegna ritagliata sulla base delle proprie esigenze. Si potrà scegliere la combinazione ideale con pernottamento, nave o volo supportati dai nostri collaboratori del booking”.

Anche quest’anno si rinnova l’importante collaborazione con il Banco di Sardegna che racconterà i propri servizi nelle piazze e nei paesi coinvolti nel circuito con l’apertura durante la manifestazione di stand dedicati per fornire consulenza e informazioni sulle attività fornite a supporto del territorio e delle imprese. Martino Mulas, Responsabile Relazioni Esterne del Banco di Sardegna, ha dichiarato: “il nostro istituto si propone da sempre come banca del territorio, e collaborare con l’organizzazione di Autunno in Barbagia è un percorso naturale, essendo la manifestazione autunnale più importante dell’isola, proprio perché riesce a presentare all’esterno le nostre attività economiche e culturali”

In replica anche la fortunata partnership con Tiscali, che condivide l’importanza di valorizzare il territorio tramite una ricca attività di comunicazione, mostrando apprezzamento per l’iniziativa proprio per la forza identitaria che esprime la manifestazione, in sintonia con quella del gruppo stesso.

ASPETTANDO AUTUNNO IN BARBAGIA

Tra le novità dell’edizione 2015, Autunno in Barbagia si presenta anche al pubblico della Costa Smeralda: nella serata di venerdì 4 e sabato 5 settembre, quindici artigiani presenteranno le eccellenze del territorio della Barbagia, tra musiche e intrattenimento.

L’evento è organizzato dalla Camera di Commercio di Nuoro insieme a Starwood Costa Smeralda, la catena alberghiera che gestisce gli hotel di proprietà del Qatar. Si realizza per la prima volta il connubio tra tradizione e innovazione, tra costa e interno della Sardegna, nell’ambito di una manifestazione che si è consolidata con grande forza negli anni.

La Starwood Costa Smeralda è onorata di ospitare il brand Autunno in Barbagia – dichiara Franco Mulas, Area manager del gruppo alberghiero in Sardegna – si tratta di una manifestazione che è cresciuta costantemente negli anni attraverso una proposta di grande qualità. La Costa Smeralda si propone, ancora una volta, come ambasciatrice della Sardegna nel mondo e perciò non può essere percepita come un castello chiuso”. Ospiti d’onore le ragazze del gruppo folk Sas Nugoresas che arricchiranno le due serate con i colori e i balli tradizionali.

L’evento rappresenta una occasione per invitare i turisti e i residenti a visitare i nostri paesi nel periodo autunnale – spiega Agostino Cicalò, presidente della Camera di Commercio di Nuoro – con una sinergia che stimola il turismo internazionale a incuriosirsi e ad appassionarsi all’identità della Sardegna. Inoltre Porto Cervo e la Costa Smeralda rammentano ai propri visitatori – continua Cicalò – di essere parti di un’isola che alle bellezze del mare combina il fascino di una terra antica di storia e cultura. L’obiettivo è quello di combinare due diverse offerte turistiche di eccellenza all’interno di un contesto di valorizzazione della Sardegna. Vogliamo dare un piccolo contributo all’indifferibile obiettivo di coesione e coordinamento tra le realtà della nostra Isola – conclude Cicalò – così differenti ma tutte altrettanto affascinanti per il nostro turista e viaggiatore”.

(DA: comunicato Camera di Commercio Nuoro-2 Settembre 2015)

Dal 4 settembre al 15 dicembre,

tutti i fine settimana, i paesi nel cuore dell’isola apriranno le porte a turisti e visitatori.

Al via la 15esima edizione di Autunno in Barbagia, iniziativa finanziata dalla Regione, progettata e promossa dalla Camera di Commercio di Nuoro e dall’azienda speciale Aspen che l’anno scorso ha registrato circa 400mila presenze, ha coinvolto 1.500 imprese e generato un indotto economico pari a 7,2 milioni di vendite dirette.

Sono 28 le amministrazioni comunali coinvolte che si occuperanno di organizzare decine di eventi dedicati alla cultura in tutte le sue forme: arte, storia, folklore, artigianato ed enogastronomia, in vetrina nelle tipiche “corti” delle antiche dimore isolane.

Eccellenza. “Presentiamo oggi un modello di organizzazione dell’offerta finalizzato a una importante valorizzazione delle zone interne – ha detto l’assessore del Turismo, Artigianato e Commercio, Francesco Morandi – a partire dalle vocazioni proprie del territorio: qualità della vita, enogastronomia, produzioni artigiane”. Tre i profili attorno ai quali prende corpo l’itinerario di appuntamenti: “Il primo è l’identità – ha continuato l’esponente della Giunta Pigliaru – fattore integrante delle comunità locali che il turismo è in grado di rafforzare, quindi l’orgoglio, connotato tipico che restituisce il meglio in questi contesti, e poi l’innovazione, caratteristica di Autunno in Barbagia dal punto di vista della comunicazione e dell’organizzazione”.

Promozione. Tra gli strumenti promozionali dell’edizione 2015 anche i photocontest e la condivisione quotidiana dei contenuti attraverso i social media. Gli obiettivi della campagna di comunicazione sono molteplici: da un lato si continuerà a consolidare il mercato interno, dall’altro l’impegno è rivolto ad attrarre turisti dal mercato nazionale e internazionale. A tal fine si è scelto di migliorare la visibilità e la fruibilità delle proposte con azioni pubblicitarie dirette, con dinamiche comunicative che incoraggino la partecipazione e la diffusione anche virale dei contenuti, e con pacchetti vacanza dedicati curati dal travel partner PortaleSardegna. Offerte viaggio flessibili e competitive, facilmente personalizzabili, per consentire al viaggiatore di vivere un’esperienza autunnale in Sardegna ritagliata sulla base delle proprie esigenze. Si potrà scegliere la combinazione ideale con pernottamento, nave o volo.

Anche quest’anno si rinnova l’importante collaborazione con il Banco di Sardegna che racconterà i propri servizi nelle piazze e nei paesi coinvolti nel circuito con l’apertura durante la manifestazione di stand dedicati per fornire consulenza e informazioni sulle attività fornite a supporto del territorio e delle imprese.

In replica anche la fortunata partnership con Tiscali, che condivide l’importanza di valorizzare il territorio tramite una ricca attività di comunicazione, mostrando apprezzamento per l’iniziativa proprio per la forza identitaria che esprime la manifestazione, in sintonia con quella del gruppo stesso.

Tra i grandi eventi regionali. “Autunno in Barbagia continua a crescere – ha aggiunto il presidente della Camera di Commercio di Nuoro, Agostino Cicalò – e quest’anno anche grazie a un importante riconoscimento: siamo orgogliosi che il circuito sia stato inserito tra i grandi eventi dall’assessorato del Turismo, il quale ha garantito un contributo di 120mila euro. Queste risorse consentono alla manifestazione di migliorarsi ulteriormente e di perseguire il suo obiettivo di valorizzazione delle zone interne nei periodi di minor afflusso turistico”.

Nonostante il periodo di continua crisi – ha dichiarato il Presidente dell’ASPEN Vincenzo Cannas – abbiamo un numero di visitatori affezionati che volentieri fa visita ai piccoli paesi del centro Sardegna, dimostrando di apprezzare in particolare anche la “scuola di sapori” che viene riproposta, grazie alle squisite prelibatezze che si possono gustare in tutte le corti.

Importanti flussi turistici. “Con questa proposta dimostriamo come si possa fare turismo anche nei mesi di spalla e che è possibile costruire un’unica prospettiva di sviluppo nel corso di tutti i dodici mesi – ha concluso l’assessore – Autunno in Barbagia è in grado di attrarre importanti flussi turistici, attraverso la creazione di grandi suggestioni e facendo leva sullo straordinario patrimonio culturale dell’isola”.

(DA: comunicato Camera di Commercio NU/OG-31 Luglio 2015)

“ISTEDDOS DE SENTIMENTU”

la poesia di Belvì interpretata da Gianluca Medas

Sabato 23 maggio alle 21,

nel Centro di aggregazione sociale del Comune della Barbagia, va in scena un reading a cura del coro femminile “Stellas splendes”, con la collaborazione del coro maschile “Sos Ordinagos”.

Sul palco: Gianluca Medas e il chitarrista Andrea Congia

Si terrà sabato 23 maggio alle ore 21, nel Centro di aggregazione sociale di Belvì, il reading “Isteddos de sentimentu” a cura del coro femminile “Stellas splendes”, con la collaborazione del coro maschile “Sos Ordinagos”. Lo spettacolo è costituito da una raccolta di versi dei poeti di Belvì la cui interpretazione è affidata all’attore Gianluca Medas, accompagnato dalle note della chitarra classica di Andrea Congia. L’evento è inserito nella manifestazione “CoolTour” un evento interamente dedicato alla cultura del territorio in programma nel Comune della Barbagia dal 22 al 24 maggio.

GLI ARTISTI

Gianluca Medas è il narratore dello spettacolo. Artista poliedrico ed erede dell’unica famiglia d’arte della Sardegna, è il direttore artistico dell’Associazione Figli d’Arte Medas. Da anni ha intrapreso un percorso dedicato al teatro di narrazione e alla realizzazione di nuovi progetti ispirati alla cultura popolare.

Andrea Congia, laureando in Etnomusicologia al Conservatorio di Cagliari, chitarrista (chitarra classica, baritono e fretless), autore e interprete in numerose formazioni musicali sperimentali, è impegnato da tempo nella coniugazione di Parola e Musica in collaborazione con numerosi artisti provenienti da ambienti musicali e teatrali.

–– Info e contatti ––

Associazione Figli d’Arte Medas

Direzione artistica: Gianluca Medas – 345.3199602 – gianluca.medas@gmail.com

Ufficio stampa: Matteo Mazzuzzi – 347.2145374 – ufficiostampa@figlidartemedas.org

www.figlidartemedas.org

(DA: comunicato Associazione Figli d’Arte Medas-21 Maggio 2015)

“AUTUNNO IN BARBAGIA”:

annullata tappa Ollolai  

Siamo spiacenti di comunicare che la tappa di Autunno in Barbagia prevista per il 19, 20 e 21 settembre a Ollolai è stata ANNULLATA per disposizioni dell’amministrazione comunale.

(DA: comunicato Camera di Commercio Nuoro-16 Set 2014)

La presentazione di Autunno in Barbagia 2014 verrà effettuata a Cagliari, domani 5 agosto alle ore 10.00, in una conferenza stampa presso la sede dell’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio.

(DA: comunicato Camera di Commercio Nuoro-4 Agosto 2014)

La conferenza stampa

di presentazione di

Autunno in Barbagia 2014,

si terrà il 5 agosto alle ore 10.00 a Cagliari presso la sede dell’Assessorato del Turismo, Artigianato e Commercio.

(DA: comunicato Camera di Commercio Nuoro-28 Luglio 2014)

COMUNE DI BITTI

 

Vista l’imminente scadenza di presentazione all’ASPEN della Camera di Commercio di Nuoro

dell’elenco delle corti e delle esposizioni, si invitano i titolari delle attività produttive e artigianali e tutti coloro che sono interessati a partecipare alla manifestazione “Autunno In Barbagia” che avrà luogo a Bitti il 6/7 settembre 2014, a presentare l’allegato modulo compilato in ogni sua parte entro e non oltre il 31 Maggio 2014 all’Ufficio Cultura del Comune di Bitti o inviandolo via e-mail all’indirizzo servcult.bitti@tiscali.it

Scarica: Modulo di adesione

(DA: comunicato Comune di Bitti-23 Maggio 2014)

 

IX EDIZIONE

Primavera nel Marghine, Ogliastra e Baronia

Dieci appuntamenti:

dal 1 maggio al 29 giugno

Nuoro 24 aprile 2014_ Ancora qualche giorno di attesa per il via alla manifestazione “Primavera nel Marghine, in Ogliastra e Baronia”, organizzata da ASPEN (Azienda Speciale della Camera di Commercio di Nuoro) e dalle Amministrazioni comunali dei paesi coinvolti.

Grandi novità quest’anno, stessa formula ma percorso allargato: non solo le bellezze dell’interno e delle coste ogliastrine, ma anche quelle della Baronia, che con 4 appuntamenti arricchiscono il calendario della Primavera nel centro Sardegna, all’insegna della salvaguardia dell’ambiente e della vita all’aria aperta, particolarmente apprezzabile in questo periodo dell’anno.

Dieci appuntamenti: dal 1 maggio al 29 giugno, nel fine settimana, i nostri paesi apriranno le porte ai visitatori, mostrando gli aspetti della propria quotidianità, ancora custode di cultura, tradizioni e saperi di grande fascino. Capolavori di originalità da tutelare e valorizzare e che meritano di essere apprezzati e condivisi.

I due paesi ad aprire le tappe del circuito “virtuale”, la prossima settimana, saranno Lodè (1,2, e 3 maggio) e Posada (3 e 4 maggio); poi toccherà a Macomer (9, 10 e 11 maggio), Siniscola (22, 23, 24 e 25 maggio), Birori – Bortigali e Baunei (7 e 8 giugno), Ilbono (14 e 15 giugno), Irgoli (21 e 22 giugno) ed infine Loculi e Lanusei (28 e 29 giugno).

Anche la IX edizione della manifestazione sarà organizzata con il metodo già collaudato con le iniziative di Autunno in Barbagia, che mostra la sua forza nell’ottenere ottimi risultati con sforzi sostenibili: offriamo quello che ‘ci piace’, quello che sappiamo fare meglio, che è anche ciò che qualifica maggiormente il territorio.

L’obiettivo della manifestazione è la promozione turistica ed economica del territorio, anche quello ‘meno conosciuto’, meno ‘turistico’. I dieci paesi protagonisti sono rappresentativi di luoghi diversi, ma con una risorsa in comune: le ricchezze della vita quotidiana, che per noi sono semplici, ma che agli occhi di un turista alla ricerca del lato più genuino dell’identità locale sono le più rare da trovare, intrecciandole con una concezione di turismo moderna, per attrarre nuove fette di mercato.

Un filo conduttore lega idealmente tutti gli appuntamenti: l’amore e la passione per la vita e lo sport all’aria aperta e la salvaguardia dello splendido ambiente che ci fa da cornice, non solo in primavera, ma in tutte le stagioni.

Ecco quindi svariati laboratori, dai più classici ai più innovativi, (orticoli, culinari, sulla biodiversità, sull’ecosistema fluviale, fotografia naturalistica, birdwatching) e escursioni per tutti i gusti (trekking, kayak, mountain bike, nordic walking, kyte surf, passeggiate a cavallo, pesca sportiva, raduno di aquiloni, archery trap (tiro al piattello con l’arco), escursioni all’ovile, trekking urbano, gite fotografiche, corsa con gli asinelli, gara con go-cart, tiro con l’arco, paracadutismo, elicottero, bici elettriche).

Non mancheranno i classici ma sempre attesi e apprezzati momenti di dimostrazione e assaggio dei prodotti tipici: maialetti, culurgiones, ladeddos, pistoccu, sebadas, pirichittus, formaggi, vini, sa Pompia, sa suppa Siniscolesa, formaggio, insaccati e chi più ne ha più ne metta.

E se ancora i gusti di qualche visitatore non fossero soddisfatti ecco un concorso enologico, visite guidate agli allevamenti zootecnici, al vivaio, visite alle case antiche, mostre costumi tradizionali,

e ancora: folklore, poesia, pittura, chiese, archeologia.

I protagonisti indiscussi di questi appuntamenti saranno gli aspetti che più ci contraddistinguono: il mondo enogastronomico, che negli ultimi anni ha acquisito un valore aggiunto imprescindibile per le manifestazioni “fuori stagione”, l’artigianato tipico, che intendiamo tutelare, promuovere e valorizzare, le tradizioni, la cortesia, l’ospitalità e l’accoglienza, con un’attenzione particolare rivolta alla vita all’aria aperta, al turismo attivo.

Sui siti www.aspenuoro.it e www.nu.camcom.it si possono trovare i programmi degli appuntamenti e le cartine dei paesi, e su Facebook, al profilo “Cuore della Sardegna”, oltre che visualizzare i programmi, è possibile condividere immagini, impressioni, consigli ecc.

(DA: comunicato Aspen-Camera di Commercio Nuoro-24 aprile 2014)

Oggi, domenica 2 marzo, andrà in onda su RAI3, alle12,55, il documentario “Pastori in Barbagia” di Antonio Rojch.

Il film racconta  il passaggio e le trasformazioni della società pastorale nel centro Sardegna, da Su Pinnetu alle moderne aziende agrarie, alla fine delle transumanze.

Il documentario di Rojch compie anche un viaggio storico per raccontare  “le chiudende“, culminate con i moti di Su Connottu, con l’assalto al municipio di Nuoro.

Marco Camedda

PER SOLIDARIETA’ IN SARDEGNA

PER I TRAGICI EVENTI E RISPETTO

PER LE PERSONE DECEDUTE

Alla luce dei tragici eventi che hanno colpito l’intera Sardegna e in segno di solidarietà e rispetto, le Amministrazioni comunali di Atzara e Olzai, l’A.s.p.e.n. e la Camera di Commercio hanno convenuto di dover rinviare la prossima tappa di Autunno in Barbagia, in programma da venerdì 22 a domenica 24 novembre.

Consapevoli del disagio e difficoltà che dovranno affrontare tutti gli operatori che da tempo stanno preparando con cura le loro manifestazioni, il rispetto per le persone decedute induce tutti ad una momento di solidarietà e riflessione.

La manifestazione è rinviata alle date seguenti:

Atzara: 6,7 e 8 dicembre;

Olzai: 13,14 e 15 dicembre.

(DA: comunicato C.C.I.A di  NU/OG- 20 nov 2013)

Si terrà domani 5 settembre a Roma,

presso il “Sardegna Store”

Via XX settembre 21, alle ore 11,00

  Saranno presenti:

Luigi Crisponi: Assessore al Turismo, Artigianato e Commercio Regione Sardegna,

Agostino Cicalò: Presidente della Camera di Commercio di Nuoro,

Vincenzo Cannas: Presidente dell’ASPEN-Azienda Speciale della Camera di Commercio di Nuoro,

Andrea Babbi: Direttore Generale ENIT-Agenzia,

**DA: comunicato Camera di Commercio-Nuoro-4 set 2013**

La Camera di Commercio e l’ASPEN di Nuoro organizzano per VENERDI’ 30 AGOSTO la conferenza di presentazione del circuito ‘Autunno in Barbagia 2013’: 27 importanti appuntamenti che da settembre a dicembre valorizzeranno i nostri paesi, mostrando gli aspetti della propria quotidianità, cultura, tradizione e sapere.

Venerdi’ 30, alle ore 10.30 presso la sala riunioni dell’ASPEN, (sede CCIAA Via Papandrea, 8 – III piano) il Presidente della CCIAA Agostino Cicalo’ e il Presidente dell’ASPEN Vincenzo Cannas illustreranno il programma dell’iniziativa.

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura Nuoro

0784/242536 -532 -531

Via Papandrea, 8 – 08100 Nuoro

tel. 0784 242500 Fax 0784 30142

www.nu.camcom.it

**DA: comunicato Camera di Commercio-Nu-27 ago 2013**

TURISMO. Si inizia domenica a Bitti

I paesi della Barbagia aprono le loro “Cortes” a uristi e visitatori

Ritorna “Autunno in Barbagia”.

Un viaggio lungo tre mesi nel cuore più nascosto e selvaggio dell’Isola, con le sue foreste millenarie. Un itinerario alla riscoperta di tradizioni secolari, eccellenze produttive, arte, enogastronomia, spettacoli, dal 7 settembre al 16 dicembre.

Si parte il prossimo weekend da Bitti, il paese dei Tenores, per concludersi prima di Natale a Orune, centro che vanta importanti vestigia nuragiche e prenuragiche. L’itinerario prevede 28 tappe in altrettanti paesi barbaricini. A settembre saranno Bitti, Oliena, Austis, Dorgali, Orani e Onanì ad aprire le proprie caratteristiche cortes e cortili ai visitatori. Il viaggio prosegue, in ottobre, a Tonara, Lula, Meana Sardo, Gavoi, Ollolai, Orgosolo, Sorgono, Belvì, Aritzo, Sarule.

Novembre apre le cortes a Desulo, Mamoiada, Ovodda, Lollove, Nuoro, Tiana, Olzai, Atzara, Gadoni e Teti. A dicembre si torna invece a Gadoni, Teti, Fonni e Orune, per la tappa conclusiva, poco prima delle festività natalizie.

GLI ORGANIZZATORI La manifestazione, come sempre, sarà curata dall’Azienda speciale della Camera di Commercio (Aspen) di Nuoro con il supporto dell’Assessorato regionale del Turismo, Artigianato e Commercio. «Dopo l’estate calda e tormentata», ha detto l’assessore regionale del Turismo Luigi Crisponi, illustrando ieri a Cagliari l’iniziativa, «puntiamo su un autunno di qualità ed eccellenze sul versante turistico. Autunno in Barbagia nasce nel 1999 per promuovere e valorizzare i tesori di queste località che custodiscono intatte le tradizioni, ottimo biglietto da visita per promuovere il turismo destagionalizzato».

Gli organizzatori sperano di bissare il successo dello scorso anno, forti anche delle 370 mila visite al sito, dei 200 mila depliant, 1100 locandine e battage pubblicitario in porti e aeroporti. «L’obiettivo è dare impulso al piccolo commercio, artigianato, accoglienza, pilastri dell’iniziativa», ha sottolineato Vincenzo Cannas, presidente dell’Aspen, «dai costumi tipici alla preparazione di dolci e formaggio, fino alla tecnica di intaglio del legno, ancora arti e mestieri che vengono tramandati fino ai giorni nostri di generazione in generazione, fino alla parlata in limba ».

Girando tra i paesi barbaricini sono tante le sorprese che possono entusiasmare i visitatori, come a Tiana, con i suoi mulini e gualchiere ad acqua per la follatura dell’orbace. Il calendario della manifestazione è consultabile sul sito web della Regione.

(Da: L’Unione Sarda- 6 set 2012)

 

Approda in Barbagia e Baronia la rappresentazione scenica di Elias Portolu, romanzo di Grazia Deledda, a cura della compagnia Figli d’arte Medas.

È uno spettacolo di narrazione con musiche di scena che vede protagonisti Gianluca Medas, voce narrante, e Andrea Congia, chitarra classica.

Primo appuntamento domani alle 21,30 in piazza Sa ‘Untanedda a Orani, nell’ambito di Pantheon Eventi 2012, per l’organizzazione dei Barbariciridicoli.

Venerdi 24 agosto, alla stessa ora, si replica a Belvì, nel centro storico, per Cadiras in pratza, la rassegna voluta dal Centro commerciale naturale del paese.

Martedì 28 agosto Medas e Congia saranno a Galtellì, cuore del parco deleddiano. Andranno in scena alle 21 in piazza del Santissimo Crocifisso.  Il palco è quello di Un’estate 2012… a Galte!, voluta dalla Consulta delle associazioni locali.

(Da: L’Unione Sarda- 20 ago 2012)-Grazia Deledda in una mia grafica

La “Padania” degli Afterhours arriva in Sardegna.

Finalmente anche in Sardegna, per Barbagia Rock, l’atteso concerto degli Afterhours, che, domenica 5 agosto nell’UNICA DATA sarda per il SummerTour 2012 presenteranno al pubblico nello  Stadio F. Frogheri (Ex Quadrivio) il loro ultimo, riuscitissimo, album PADANIA.

L’apertura del live è affidata all’artista rivelazione dell’indie rock, il sardo IOSONOUNCANE e allo “special duo” DELLERA & D’ERASMO.

Nuoro – Via Aosta, 4- 08100- Nuoro

Ingresso: € 15,00 

Apertura porte ore 20.00

Inizio concerto ore 21.00

(Da: sito istituzionale Comune di Nuoro)


Il Servizio di sorveglianza, sgombero neve e spargimento sale sulle strade provinciali della Provincia di Nuoro, (stagione invernale 2011-2012) comunica che non esiste alcun problema di circolazione nelle strade provinciali della Provincia di Nuoro.

Tutti i mezzi spazzaneve e spargisale a dispozione del Piano Neve sono infatti al lavoro nelle strade del Mandrolisai, della Barbagia, del Marghine e della Baronia. Il presidio è effettuato 24 ore su 24 dalle ditte che hanno in appalto il servizio e che provvedono all’intervento automaticamente o su segnalazione degli uffici provinciali. Piccoli inconvenienti sulla strada Bitti – Sologo, sulla SP 29 ed SP 30 segnalati nella primissima mattinata sono stati tutti risolti.  ”Il piano neve sta funzionando perfettamente – ha detto l’assessore alle Infrastrutture Franco Corosu – e nonostante le abbondanti precipitazioni le strade provinciali sono tutte percorribili. I mezzi stanno operando senza interruzione e non ci sono segnalazioni di blocchi. Raccomandiamo la massima prudenza“.

(Da:comunicato della Provincia di Nuoro-1 feb 2012)–foto da internet

giovanni-canu-dentro-la-formaL’esposizione a Orani

Sparse tra le frese e le morse dell’Azienda Zichi di Orani, le opere di Giovanni Canu si nutrono ancora dei massi di granito grezzo da cui sono state generate.

Issate su piedistalli di lastre sovrapposte, mantengono uno stretto rapporto coi blocchi smerigliati o appena sbozzati che occupano con discrezione lo spazio del laboratorio generosamente prestato fino al 23 ottobre alla mostra “Dentro la forma”. Titolo indovinato perché Giovanni Canu fora la pietra e, trapassandola con aperture rotonde e acuti tagli che accolgono inserzioni di metallo, mette in atto una simbiosi tra materiali diversi. Gli innesti di fili di rame o di lana, le figurine, gli intagli, soddisfano la sua evidente intenzione narrativa ma affollano con eccessivi rimandi le scabre superfici di continuo interrotte.

Sulle grandi sculture appaiono stilizzati scudi nuragici, pozzi sacri, domus de janas. Un immaginario avito che quasi combatte con le istanze personali di una poetica dominata dalla presenza umana e dal trauma, quasi un’ossessione, del distacco dal grembo materno. «Certe figurazioni sintetiche – scrisse Rossana Bossaglia nel 2002 – realizzate a ritmo dinamico, appaiono come mitiche gare di corsa, tra il circo classico e il mistero della vita cavernicola». Si dichiara attratto dalle forme semplici, Giovanni Canu, e afferma di aver compiuto un percorso dal minimalismo all’arcaico. Ovvero, dai linguaggi contemporanei esperiti dalla sua generazione (è del 1942) al ritorno ai megaliti isolani e alla cultura di Madri e di Giganti che la contraddistinguono.

Nato a Mamoiada, cresciuto a Nuoro sotto l’influenza di Raffaello Marchi, ha studiato all’Accademia Albertina di Torino e poi all’Accademia di Brera, vive a Milano da moltissimo tempo ma ha mantenuto saldo legame con la Barbagia. Dopo l’esordio pubblico – nel 1962, alla Galleria del Liceo Artistico di Cagliari – ha accumulato un prestigioso curriculum corredato da notevole bibliografia. Ha seguito, negli anni, un iter creativo riassunto nella mostra ospitata dalla ditta Zichi Graniti anche da una serie di bozzetti realizzati in argilla espansa dipinta a tinte forti. Prototipi della schiera di sculture che, in ordinata successione, danno ragione alle parole scritte da Salvatore Niffoi nella brochure dell’esposizione inaugurata dalla tromba di Paolo Fresu: «L’uomo che mette le ali alle pietre, dà l’idea di come possa avvenire l’espansione dell’umano, lo stare dentro e fuori la materia, il dialogare poeticamente con il ventre di pietra che ha partorito le montagne».

In questa cosmogonia, il cuore del luminoso granito è trafitto da lame, legato da corde, cucito con zanche di ferro. Sulla roccia torna l’eco flebile dei pastori e delle prefiche che Canu rappresentava nei primi quadri. Da allora, l’artista perfeziona una ricerca che salda l’astrazione ai retaggi di una remota civiltà che sente ancora viva e presente. Il filtro attraverso il quale passano le sue composizioni, è però, sopra ogni cosa, quello della sensibilità individuale.

(Da:L’Unione Sarda-Alessandra Menesini-25 set 2011)

La Provincia di Nuoro ha organizzato questa iniziativa sul turismo fuori stagione rivolta ai tour operator emiliani.Presenti aziende di Orosei, Oliena, Dorgali, Bitti, Gavoi, Tonara,Posada,Oniferi e Fonni che hanno presentato un’ampia offerta.
Lo scrittore Marcello Fois ha così commentato questa iniziativa: «Un territorio integro che punta sulla cultura» Itinerario gastronomico della Sardegna.
Se il mare spesso si vende da solo, la montagna e le zone interne hanno bisogno di strutture e operatori che ad un ambiente dal forte richiamo sappiano unire servizi innovativi e professionalità sempre più mature.
Questa iniziativa della provincia di è tta apprezzata moltissimo dai tour operators dell’Emilia Romagna e ai giornalisti della stampa specializzata

L’APPUNTAMENTO Operatori entusiasti arrivati a Bologna all’appuntamento (“Le isole dei tesori”) organizzato dall’assessorato al turismo della Provincia (incontri simili si erano tenuti nelle scorse settimane a Milano e Torino) per proporre mirati pacchettihttp://www.regioni-italiane.com/Arzachena.jpg vacanza in vista di una stagione che con le festività pasquali alle porte sta ormai per iniziare.

I titolari di numerose strutture ricettive e di aziende di trasporti, (di Oliena, Bitti, Calagonone, Gavoi, Tonara e Orosei), ma anche di cooperative e agenzie turistiche (Dorgali, Oliena, Posada, Oniferi e Fonni) si sono dati appuntamento nell’hotel Europa, nel cuore di Bologna.
Un’importante opportunità, in cui si è parlato di vacanze di qualità in un territorio «ancora per fortuna integro dove si deve puntare su cultura, tradizione e genuinità, Pane Carasauelementi identitari difficilmente riproducibili altrove», ha detto lo scrittore nuorese Marcello Fois, intervenuto all’incontro assieme all’assessore al turismo Roberto Cadeddu.
LA PROPOSTA Un’offerta diversa anche nel settore della ricezione. «Ormai i bed &breakfast sono diventati una piacevole realtà – ha detto Giovanna Congiu, di Oliena, del consorzio operatori strutture ricettive B&B – un modo per vivere il territorio a diretto contatto con le famiglie che continua a piacere».
Ormai a pochi giorni dalla primavera sta per entrare nel vivo la stagione delle società che operano nell’escursionismo.http://img171.imageshack.us/img171/5335/salumifo9.jpg
«La stagione si è finalmente allungata anche per noi grazie soprattutto agli stranieri, ora ci auguriamo che anche gli italiani incrementino maggiormente le loro presenze», ha sottolineato Giampaolo Mulas, della cooperativa Ghivine di Dorgali, che in 18 anni di attività ha accompagnato migliaia di persone nel Supramonte ad ammirare i gioielli di Tiscali e Gorroppu.
I SAPORI Chi arriva in Sardegna non vuole rinunciare ai piaceri della buona cucina nel rispetto della tradizione. «Anche a Bologna abbiamo avuto tantissimi contatti, richieste di preventivi e informazioni», ha detto soddisfatta Viviana Murgia, presidente dell’associazione “Le vie del gusto”, che attualmente riunisce oltre cento operatori.
LUCA URGU (Unione Sarda del 14.03.08)
Scarica o leggi la rivista SAPORI DI SARDEGNA: Clicca quì
CLI