Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: biblioteca

Venerdì 15 Aprile-ore 16,30

ILCOMUNE DI IRGOLI

rinnova il suo impegno a favore dell’Unicef

Progetto “Per ogni bambino nato un bambino salvato”

E’ fissata per venerdì 15 aprile la consegna ufficiale delle Pigotte Unicef ai 17 bambini nati nel corso del 2015. 

Alle 16.30 presso la biblioteca comunale si svolgerà la cerimonia di consegna presieduta dalla consigliera delegata alla cultura, Barbara Puggioni che spiegherà alle famiglie questa iniziativa. 

Un momento fortemente voluto da parte dell’Amministrazione Comunale, che desidera dare il benvenuto ai nuovi piccoli/e cittadini/e sostenendo in questo modo anche  il progetto dell’Unicef, che aiuta concretamente a salvare la vita di milioni di bambini nel mondo.

La Pigotta, infatti, è la tradizionale bambola di pezza realizzata a mano con fantasia e creatività da nonni, genitori e bambini di tutta Italia. Ad idearla fu nel 1999 l’architetto indo-americano Jo Maceau, e da quel momento è diventata simbolo mondiale di solidarietà.

L’iniziativa ha permesso di salvare, solo negli ultimi 10 anni, oltre 800 mila bambini.

Per ogni bambino nato, un bambino salvato” consente infatti, grazie alle donazioni, di salvare molte vite umane grazie ad interventi salvavita, vaccinazioni, antibiotici nonché zanzariere per prevenire la malaria ed inoltre dà assistenza alle madri durante la gravidanza e il parto. Tutto ciò aiuta concretamente a  ridurre il pericolo di mortalità nei primi cinque anni di vita di questi bambini.

La cerimonia di consegna sarà animata dalla Cooperativa Milleforme di Nuoro. Nel corso dell’incontro sarà possibile effettuare l’iscrizione alla biblioteca comunale, prendere visione del patrimonio librario destinato ai bambini, conoscere l’apposita sezione dedicata al sostegno alla genitorialità e alle diverse fasi di sviluppo del bambino.

(DA: comunicato Biblioteca Comunale Irgoli-11 Aprile 2016)

(DA: comunicato dell’Autore)

Consultabili on-line

in Biblioteca Comunale documenti

di valore storico dell’Antica diocesi di Galtellì

Proseguendo e puntando sempre più sulla crescita culturale l’Amministrazione Comunale di Galtellì ha dotato la propria Biblioteca Comunale di una importante fonte documentaria online sulla storia dell’Antica Diocesi di Galtellì di tutto il XVII secolo e il primo decennio del settecento.

La ricerca storica è stata affidata nel 2013 dall’allora Sindaco Renzo Soro al ricercatore e storico oroseino prof. Michele Carta che l’ha effettuata presso l’archivio storico diocesano di Cagliari (ASDCA), che disponeva tale documentazione.

Il comune di Galtellì, volendo approfondire le conoscenze del suo passato, grazie anche alla disponibilità dell’allora direttore (ASDCA) Mons. Tonino Cabizzosu, fece acquisire in formato digitale dal prof. Carta 446 documenti (circa 900 pagine ), tratti dai volumi di due fonti (Inventari e Registrum Commune). Questi ultimi contenevano notizie di particolare importanza su persone (laici e religiosi), associazioni, confraternite,istituzioni (fondazioni di chiese, rapporti tra la curia e il potere politico rappresentato dai baroni locali) nonchè la vita dei paesi appartenenti alla Diocesi di Galtellì che erano (Orosei, Dorgali, Onifai, Irgoli, Loculi, Torpè di Galtelli, Oliena, Lula, Onanì, Gorofai, Bitti, Siniscola, Lodè, Posada, Torpè di Posada, Orgosolo, Locoe e, in misura più ridotta, Nuoro, Orune, Orani, Oniferi e Fonni).

Per consentire la ricerca in Biblioteca delle suddette fonti proprio in questi giorni sono stati appositamente acquistati dall’amministrazione comunale due nuovi computer dove tutti questi documenti son stati riversati è quindi facilmente consultabili.

Questo importantissimo lavoro-afferma con evidente orgoglio il sindaco Giovanni Santo Porcu- arricchisce e rispolvera la nostra storia sia della nostra Comunità e territorio, evidenziando la centralità della Diocesi di Galtellì forte della sua posizione e valenza storica. Un lavoro che si consegna alle generazioni attuali e future e si pone a disposizione in forma gratuita ai laureandi o studiosi/ ricercatori/ appassionati della storia del nostro territorio con il vantaggio di trovare in loco facilmente notizie in gran parte inedite senza ricorrere alla lunga e laboriosa analisi dei citati volumi che, includendo contemporaneamente aspetti della vita dell’Arcidiocesi di Cagliari e sue Unioni insieme a quella di Galtellì, comprendeva mezza Sardegna”.

Si evitano inoltre-conclude il sindaco Porcu- costosi viaggi e soggiorni a Cagliari, dove l’Archivio Storico è aperto per pochi giorni alla settimana e per poche ore. Comunque altri registri restano da acquisire e vedremo nel prossimo futuro di riuscire a dare un ulteriore mandato per produrre altri testi storici onde ottenere una storia dell’Antica Diocesi di Galtellì più completa e attendibile”

Spendere in cultura reale come sta facendo l’Amministrazione galtellinese è meritorio e, secondo uno studio della Cornell University, ”rende più felici non solo per l’esperienza in sé, ma anche per il piacere di investire nell’esperienza stessa”. Inoltre sapere di possedere nel paese documentazione importantissima come questa commissionata dal Comune di Galtellì al prof. Carta è certamente un motivo trainante per portare in Biblioteca tanti giovani o semplici curiosi che potranno arricchirsi della conoscenza dell propria storia, usando strumenti di ricerca attuali e capaci di avere notizie a portata di mano in tempo reale e…a costo zero.

Marco Camedda

articolo scritto il 20 Gennaio 2016

 

Oggi martedi 29 Dicembre

presentazione in Biblioteca Comunale

del Libro a  fumetti “Il Cristo di Galtellì”

sceneggiato e disegnato da ragazzi del paese 

La storia del Crocifisso miracoloso di Galtellì diventa un fumetto per iniziativa della Consulta Giovanile del paese. Un album di settanta tavole, con disegni marcati e inchiostrature a forti contrasti.

Questo fumetto unserito ne libro dopo la copertia, rappresenta Sebastiano Putzu di Nuoro, preside del Liceo classico Giorgio Asproni, mentre sale verso la Cattedrale di Cagliari per l'intervista che nel 1967 fece a monsignor Ottorino Alberti, allora Arcivescvo del capoluogo della Sardegna

Dall’ideazione ai testi sino alla sceneggiatura, ai disegni e all’impaginazione, tutto fatto in casa. Una grafica attuale e accattivante per accompagnare la trama di una affascinante storia medioevale raccontata da due illuminate e note voci narranti.

Fumetto come moderno strumento di memoria per riscoprire, conservare e trasmettere tradizioni e storie identitaria insomma. Come la festa di un santo patrono miracoloso e importante come è il Santissimo Crocifisso.

I testi sono di Andrea Gallus, allora vice presidente della Consulta, e fanno raccontare la provenienza, i prodigi e le leggende sul Crocifisso miracoloso di Galtellì da una intervista che nel 1967 Sebastiano Putzu, preside del Liceo classico Giorgio Asproni di Nuoro e allora corrispondente per il settimanale L’Ortobene, fece a monsignor Ottorino Alberti alla vigilia della pubblicazione del suo libro sul Cristo di Galtellì.

Ne viene fuori un racconto fedele e puntiglioso nella ricostruzione archivistica degli eventi e nella descrizione dei personaggi storici ma ricco anche del pathos leggendario di una storia di fede popolare che i disegni e le chine in bianco nero di altri due giovani artisti galtellinesi, Luca Cosseddu e Francesco Pirisi, fissano indelebilmente sulle tavole del fumetto.

Una storia pluricentenaria che coinvolge non solo Galtellì ma tanti paesi della Sardegna e che dopo quattro secoli dal primo miracolo conclamato del 1612 continua a mantenere integro il suo fascino e ad attrarre migliaia di pellegrini ogni anno. Una grande storia che ora, con un fumetto, si arricchisce di un nuovo pregevole veicolo di divulgazione fatto da giovani e rivolto al loro futuro.

Alla presenza noti studiosi Roberto Lai e Roberto Scarpa, verrà trattato il Cristo Miracoloso tanto caro a Mons. Ottorino Alberti.

Saluti

 

I linguaggi dell’arte ai tempi della Grande Guerra

Venerdì 11 dicembre 2015 – ore 18,00 presso l’auditorium della Biblioteca Seb. Satta si conclude il progetto …Di Guerra e di Pace…

Si terrà la conferenza

I linguaggi dell’arte ai tempi della Grande Guerra:

“Artisti in trincea. Le vittime della Prima Guerra”

Lorenzo Giusti

“Le ceneri del passato. I film sulla grande Guerra tra rimozioni, censure e lente elaborazioni del lutto”

Gianni Olla

“Gli scrittori Sardi e la Grande Guerra”

Dino Manca

Coordina Natalino Piras

(DA: comunicato Biblioteca Satta Nuoro-7 Dicembre 2015)

Nuoro, martedì 18 febbraio-ore 18,00

presentazione nella Biblioteca Satta

“NEL SEGNO DELL’ACQUA”

Santuari e bronzi votivi della Sardegna Nuragica

 

un nuovo, suggestivo volume dedicato ai tesori archeologici della nostra Isola scritto dal’archeologa Maria Ausilia Fadda, direttrice della soprintendenza dei Beni Archeologici della Provincia di Nuoro, ed edito da Carlo Delfino.

(DA: comunicato Direzione Generale Banco di Sassari-14 feb 2014)

L’Assessorato alla Cultura del Comune di Bitti invita tutta la popolazione al Convegno sul progetto “Nati per leggere” che si terrà Mercoledì 30 Ottobre ore 17.30 presso la Sala Convegni della Biblioteca Comunale di Bitti.

(DA: comunicato Comune di Bitti-28 ott 2013)

Oggi venerdì 29 marzo è stato raggiunto il numero previsto di partecipanti per il corso di tessitura “Momenti di Trama” organizzato nella Biblioteca Comunale di Galtellì “Don G. Cosseddu”per cui  le iscrizioni (citate nella sottostante locandina)sono state chiuse.

“MOMENTI DI TRAMA”

E’ un corso base di tessitura e arazzo con telaio a quadro o verticale,  promosso dal Comune di Galtellì in collaborazione con la Biblioteca associata di Irgoli, loculi, Onifai, Galtellì.

Da un punto di vista tecnico-produttivo la tessitura è l’arte di costruire un tessuto attraverso l’intreccio dei fili di ordito con quello di trama, e se questo aspetto è essenziale nel percorso di apprendimento proposto, l’approccio alla tessitura manuale vuole essere sopratutto mezzo per ritrovare la propria creatività, riappropriarsi del proprio tempo seguendo i ritmi lenti, silenziosi e meditativi del telaio, provare la soddisfazione di concretizzare il proprio sentire.

Nella tela del telaio si tesse l’esistenza stessa, tra ordito, filo portante , che rappresenta il nostro bagaglio genetico e il nostro vissuto e la trama, il disegno che costruiamo, ciò che il destino ci fa incontrare nel percorso, si sviluppa un dialogo talvolta contraddittorio e comunque creativo che porta a crescere e progredire. Fili e colori che immaginiamo e progettiamo ne catturano altri che solo la fantasia e il caso ci suggeriscono. L’uso del telaio verticale o primitivo, apparentemente semplice e di facile utilizzo lascia ampio spazio alla capacità espressiva di ognuno e coniuga al meglio gli aspetti artigianali e artistici della tessitura. Esso è strumento utile per sperimentare un avvicinamento tra cultura e natura, tra l’ideare e il fare, fra l’intellettuale e il materiale.

Momenti di trama prenderà il via mercoledì 3 aprile alle ore 17.30 nella sede della Biblioteca comunale di Galtellì. Il corso della durata di 30 ore, curato dal maestro d’arte applicata Sara Puggioni, è rivolto a max 8 adulti e giovani dai 16 anni che non possiedano alcuna esperienza. Contenuti del corso: Cenni sulla storia dell’arazzo, armatura e orditura del telaio, tela e reps; progettazione e realizzazione di un manufatto.

Ad ogni partecipante è stato consegnato  un Kit composto da telaio, filati e aghi.

GALTELLÌ: l'edificio della Biblioteca Comunale "Don G.Cosseddu"(foto camedda-2010)

(DA:comunicato Biblioteca Comunale “Don Giovanni Cosseddu-Galtellì)

Si trasmette l’elenco dei Presepi allestiti all’aperto iscritti, ad oggi, presso la Biblioteca Comunale e la parrocchia di San Giorgio Martire.

ELENCO PRESEPI ALL’APERTO

1) Presepe Monte Mannu (Via Mameli) davanti casa di Minni Demurtas.

2) Presepe Monte Mannu (davanti casa di Barone Annunziata)

3) Presepe in Via Michele Sanna (casa di Farre Annunziata)

4) Presepe Ispruile (vicino a Sa Ruche)

5) Presepe Pratza de S’anzelu (fronte panificio F.lli Mannu)

6) Presepe Via Sardegna(casa Fam. Delai)

7) Presepe Buntanedda (Via Brigata SS)

8) Presepe Via Don Giuliano Calvisi (davanti casa di Ramondo Ena)

9) Presepe Gorofai (Piazzetta Sant’ Antonio di Padova)

10) Presepe Gurumuru (Via Firenze)

11) Presepe C. Vittorio Veneto (dietro chiesa di San Giorgio Martire)

12) Presepe Sa Untana (Via Deffenu)

 Si invita tutta la popolazione a partecipare visitando i Presepi.

*****BUON NATALE A TUTTI!*****

(DA: comunicato Comune di Bitti-21 dic 2012)

Una mostra di libri sul giardinaggio e poi l’attività nell’orto sinergico nel giardino del Centro di aggregazione.

A Onifai è in programma “Piantala! Vieni all’orto”, iniziativa dedicata all’orticoltura e al giardinaggio che rientra nelle attività estive della Biblioteca comunale, in stretta collaborazione col centro di aggregazione.

Gli appuntamenti sono rivolti a chiunque volesse partecipare ed in particolare ai bambini e ragazzi che partecipano alle attivita della ludoteca e del centro di aggregazione comunale. Per informazioni: Servizi sociali Comune di Onifai 0784/97418; biblioteca comunale 0784/979063 biblioteca.onifai@libero.it

(DA:L’Unione Sarda-13 lug 2012)

Senzariserve

Progetto di Arte e sport per l’inclusione sociale

 l’Associazione Senzariserve, l’Associazione Casa Teatro 2007 e l’Associazione la Risorsa con il coordinamento della Cooperativa Sociale Scenari Verdi , promuovono il progetto “Senzariserve” finalizzato all’inclusione sociale di soggetti svantaggiati attraverso lo Sport, il Teatro e il Cinema.

 Mercoledì 28 marzo alle ore 16.00, nell’Auditorium della Biblioteca Sebastiano Satta a Nuoro, prenderà il via la Rassegna cinematografica: “Si può fare – esperienze di inclusione sociale con il cinema“.  Commenteranno i film alcuni attori protagonisti ed esperti del settore.

L’ingresso è gratuito, Vi aspettiamo.

 Per maggiori informazioni

Segreteria Organizzativa Cooperativa Scenari Verdi

Via La Marmora, 1 – Nuoro,

Tel. 0784 257015- Cell. 346.3781442

scenariverdi@tiscali.it- info.scenariverdi@tiscali.it

www.cooperativascenariverdi.it

(Da: Comunicato Cooperativa Scenari Verdi-23 mar 2012)

In occasione del 75° anniversario della morte di Antonio Gramsci

Il Comune di Villacidro Assessorato alla cultura, l’O.D.A., la Biblioteca Gramsciana Onlus e la Nur s.n.c., note, letture a cura di Giuseppe Manias. La relazione attraverso immagini, note, extravaganti e anche inedite, racconta la biografia di Antonio Gramsci intervallate spesso da letture Gramsciane. La relazione approfondirà soprattutto il Gramsci Sardo e i luoghi Gramsciani per eccellenza: Ales, Sorgono, Ghilarza e Cagliari.

 Segreteria organizzativa:

BGO: bibliotecagramsciana@libero.it - 3493946245

 Il Relatore:

Giuseppe Manias nasce ad Oristano nel 1969. Col fratello Luigi gestisce la Biblioteca Gramsciana che ha sede a Ales. Nel 2007 ha curato per i Quaderni Tresso nel n. 60 la bibliografia all’unico discorso parlamentare di Antonio Gramsci e nel n. 63 della stessa rivista ha pubblicato, con un’introduzione di Aldo Borghesi, due suoi saggi dal titolo “Antonio Gramsci e il movimento anarchico nel periodo de L’ordine Nuovo” e “Camillo Berneri tra Antonio Gramsci e Carlo Rosselli”. E’ spesso impegnato in convegni e in attività divulgative sul pensatore alerese.

 (Da comunicato della Biblioteca Gramsciana di Ales (OR) -2 gen 2012)

In occasione del 120° anniversario della nascita di Antonio Gramsci Il Centro Servizi Culturali U.N.L.A. di Oristano con la Biblioteca Gramsciana Onlus e la Nur s.n.c. organizzano Mercoledì 21 Dicembre alle 16,30 GRAMSCI RACCONTATO PER IMMAGINI: Biografia di Antonio Gramsci attraverso immagini, note, letture a cura di Giuseppe Manias.

La relazione attraverso immagini, note extravaganti, racconta la biografia di Antonio Gramsci intervallata spesso da letture Gramsciane. La relazione approfondirà soprattutto il Gramsci Sardo e i luoghi Gramsciani per eccellenza: Ales, Sorgono, Ghilarza e Cagliari.

Il RelatoreGiuseppe Manias nasce ad Oristano nel 1969. Col fratello Luigi gestisce la Biblioteca Gramsciana che ha sede a Ales.

Nel 2007 ha curato per i Quaderni Tresso nel n. 60 la bibliografia all’unico discorso parlamentare di Antonio Gramsci e nel n. 63 della stessa rivista ha pubblicato, con un’introduzione di Aldo Borghesi, due suoi saggi dal titolo “Antonio Gramsci e il movimento anarchico nel periodo de L’ordine Nuovo” e “Camillo Berneri tra Antonio Gramsci e Carlo Rosselli”. E’ spesso impegnato in convegni e in attività divulgative sul pensatore alerese. 

INFORMAZIONI:

Centro Servizi Culturali U.N.L.A Oristano

Tel. 0783/211656 – fax 0783/217326 – e-mail: mediateca@centroserviziculturali.it

Biblioteca Gramsciana Onlus:

Tel.: 3493946245 e-mail: bibliotecagramsciana@libero.it

(Da: comunicato Biblioteca Gramsciana di Ales-OR-13 dic 2011)

Presentazione a Nuoro del film documentario “Il Coraggio e la Poesia” di Ignazio Figus,   dedicato alla poesia logudorese.

Venerdì 18 novembre 2011, alle ore 18,30, presso l’auditorium della Biblioteca “Sebastiano Satta, in piazza Asproni a Nuoro, si terrà la presentazione del film documentario di Ignazio Figus, Il Coraggio e la Poesia – Voci della poesia logudorese. Nel corso della serata interverranno, oltre all’autore, i poeti Giovanni Fiori e Giovanni Piga, Coordina Vannina Mulas Commissario straordinario del Consorzio per la pubblica lettura “S. Satta”.

 La proiezione sarà accompagnata dalla mostra fotografica di Gianluigi Anedda, …poetende ispamparrio su mundu – Il coraggio e la poesia: i volti e i luoghi.

Il film, prodotto nel 2011 dal Comune e dalla Pro Loco di Ittiri, è già stato presentato a Cagliari, Oristano, Ittiri e, lo scorso sabato, a Putifigari nell’ambito del festival letterario Narami, Racconti dall’isola.

 Girato a Ittiri e nel territorio circostante, con la guida ideale del poeta Giovanni Fiori, il film esplora, attraverso le parole dei protagonisti, gli aspetti peculiari della poesia sarda e ne puntualizza le attuali problematiche.  In questo modo il documentario descrive i percorsi formativi, segue la trasmissione della poesia in ambiti di ritualizzazione, indica la forte relazione tra le rime scritte e quelle estemporanee, individua la produzione poetica al femminile, evidenzia la necessità del ricambio generazionale favorito anche dai laboratori-seminari per i componimenti in versi.

 Su questi e altri temi toccati dal film, s’insinua pervasivo quello più intimo per l’animo del poeta: il coraggio di affermare le proprie prerogative e in sostanza di essere se stesso, senza reticenze, davanti alla collettività. Nell’uomo comune che tutti conoscono, per l’insopprimibile impulso della poesia, c’è un uomo diverso: un poeta che trova l’audacia di esserlo.  Dalla narrazione filmica emerge, in ultima sintesi, il ruolo del poeta nella Sardegna d’oggi accompagnato da un interrogativo: egli è ancora in grado d’indicare, alla società che lo esprime, una via, un sogno, un’utopia?

(Da un comunicato della Biblioteca Satta del 16 nov 2011)

Stemma Provincia di Nuoro

Lunedì, 14 novembre alle 10:30 nella Sala Arco Latino della Provincia di Nuoro (2° Piano) l’assessore alla Pubblica Istruzione, Gianfranca Logias, insieme al Commissario del Consorzio per la Pubblica Lettura S.Satta di Nuoro Vannina Mulas, presenterà il Progetto sperimentale “In vitro” , promosso dal Centro per il libro e la lettura.

La Provincia di Nuoro, che ha aderito all’iniziativa, è stata l’unica individuata in Sardegna per dare il proprio contributo al Progetto, volto ad allargare la base dei lettori e, nel contempo, agire sui più piccoli per rendere la lettura, un’abitudine sociale diffusa e riconosciuta.

(Da:Comunicato stampa Provincia di Nuoro-10 nov 2011)

Irgoli,corso dama internazionale

Amministrazione Comunale di Irgoli, Biblioteca Associata di Irgoli, Loculi, Onifai, Galtellì  informano che sono aperte le iscrizioni per il corso elementare di dama internazionale presso la Biblioteca Comunale di Irgoli. Esso sarà a cura di Piera Dessì.

Le origini del gioco della dama sono antichissime, le fonti parlano di un gioco simile praticato dagli Egizi. In tutti i paesi del mondo sentiamo parlare di dama seppur con regole diverse. Nel 2005 viene perciò fondata la FMJD (federazione mondiale gioco dama), che adotta la forma di gioco più diffusa: la dama internazionale, detta anche dama a cento caselle.

Rispetto alla classica dama italiana che siamo abituati a giocare qui in Italia, la dama internazionale presenta diversi cambiamenti, alcuni dei quali anche parecchio significativi, il gioco è infatti più complesso ed emozionante, e non a caso è molto giocato in paesi come l’Olanda dove esistono dei veri e propri professionisti della dama.

La dama è un gioco che favorisce l’allenamento della mente e sviluppa l’istinto e l’intuito, un hobby dunque, ma anche uno sport che prevede disciplina, etica, esercizio e studio, nonché occasione per socializzare.

Il corso prevede:

-presentazione della dama a cento caselle

-i primi passi sulla damiera

-le regole del gioco

-le combinazioni

Il corso si terrà presso la Biblioteca Comunale di Irgoli.un numero massimo di 10 partecipanti. Età: dai 12 anni in su.

Si svolgeranno otto incontri, una volta a settimana, a partire da giovedì 14 luglio dalle 16.00 alle 17.30

Iscrizioni:

Le iscrizioni saranno accettate secondo l’ordine di arrivo sino al 13 luglio 2011, e in ogni caso sino ad esaurimento dei posti disponibili.

Per informazioni:

Biblioteca Comunale di Irgoli tel. 0784979005

biblioteca@comune.irgoli.nu.it

(Da:Sito istituzionale Comune di Irgoli-8 lug 2011)-manifesto di m.camedda

Laboratorio per il riciclo della carta

riciclo carta

imballaggi_cartone

L’amministrazione comunale organizza, in collaborazione con la biblioteca associata di Irgoli, Loculi, Onifai, Galtellì la manifestazione “Riciclarte”, laboratorio di riciclo a cura di Grazia Umana volto a indirizzare l’attenzione al recupero e sperimentare il riutilizzo della carta, materiale facilmente reperibile ed estremamente versatile. Incontri in programma il mercoledì mattina o il mercoledì pomeriggio, per cinque settimane a dal 29 giugno. Le iscrizioni saranno accettate secondo l’ordine di arrivo sino al 25 giugno.

Per informazioni:

biblioteca Comunale di Irgoli tel. 0784/979005

biblioteca@comune.irgoli.nu.it.

locandina_formato_a3

Biblioteca comunale di Irgoli, maggio/giugno 2011

Raccogliere piante ed erbe aromatiche per preparazioni culinarie, spezie, infusi o rimedi omeopatici era una pratica molto diffusa nei nostri ambienti.

piante-officinaliLe virtù di ciascuna di queste erbe e i benefici che sono in grado di portare alla salute dell’uomo, sono stati per decenni una risorsa preziosa nota e tramandata. Dopo anni di disinteresse generale si assiste attualmente alla volontà diffusa di riscoprire tali pratiche.

Partendo da queste premesse l’Amministrazione comunale, in collaborazione con la biblioteca associata di Irgoli, Loculi, Onifai, Galtellì, organizza per il secondo anno consecutivo un laboratorio con il preciso intento di valorizzare, conservare e trasmettere i saperi locali. “La salute dalla natura“, sarà infatti tenuto da tzia Maria Carta, appassionata autodidatta, che ha maturato negli anni un’esperienza tale da essere conosciuta ben oltre i confini della bassa Baronia.

Il corso – laboratorio della durata di 10 ore è rivolto ad un massimo di 15 adulti che ancora cercano equilibrio e benessere nella natura e nei suoi doni, e si terrà presso la biblioteca comunale di Irgoli una volta a settimana a partire da mercoledì 25 maggio.

Il percorso prevede:

~ riconoscere le erbe: uso officinale e alimentare;

~ la raccolta: dove, quando;

~ l’essiccazione e la conservazione;

~ i preparati.

Le iscrizioni dovranno pervenire presso la biblioteca comunale di Irgoli, saranno accettate secondo l’ordine di arrivo sino a martedì 24 maggio 2011, e in ogni caso sino ad esaurimento dei posti disponibili.

Per informazioni:

tel. 0784 979005 – biblioteca@comune.irgoli.nu.it

Scheda di adesione al corso

(dal sito istituzionale del Comune di Irgoli)

comune-irgoli“La salute dalla natura” è il titolo del corso-laboratorio sulle piante officinali a cura di tzia Maria Carta in programma a Irgoli. L’amministrazione comunale, in collaborazione con la biblioteca associata di Irgoli, Loculi, Onifai, Galtellì, organizza per il secondo anno il laboratorio per valorizzare e trasmettere i saperi locali. Durata 10 ore, ammessi fino a 15 adulti. Le iscrizioni scadono il 24 maggio.

Informazioni allo 0784-979005

biblioteca@comune.irgoli.nu.it

(Da:Unione Sarda-14 mag 2011)

GALTELLÌ:  l'edificio della Biblioteca Comunale "Don G.Cosseddu"(foto camedda-2010)

GALTELLÌ: l'edificio della Biblioteca Comunale "Don G.Cosseddu"(foto camedda-2010)

Parte il laboratorio teatrale condotto dalla regista Pierangela Calzone. L’inaugurazione del secondo anno nella biblioteca comunale don Cosseddu.

Stasera alle 20 nella biblioteca comunale don Cosseddu prenderà il via, per il secondo anno, il laboratorio teatrale di paese, aperto alle persone di tutte le età e di tutto il territorio e condotto anche quest’anno dalla regista Pierangela Calzone.

Gli incontri, tutti serali, si svolgeranno nella biblioteca una volta alla settimana. L’anno scorso il laboratorio ebbe un gran successo di partecipanti molti dei quali provenienti anche dai paesi del circondario e al termine diede il via alla nascita di una vera e propria compagnia teatrale formata da un gruppo di 24 persone tra professionisti e non provenienti dalla Barbagia e dalla Baronia.

L’esito finale del primo laboratorio, lo spettacolo “Con la schiena poggiata al vento” un adattamento teatrale liberamente tratto da «Paese d’ombre» di Giuseppe Dessì per la regia appunto di Piera Calzone, è stato portato in scena più volte non solo a Galtellì ma anche in diversi teatri dell’isola suscitando ovunque consensi di critica e di pubblico. Un ottimo viatico dunque per il corso in partenza oggi che come quello svolto lo scorso anno sarà realizzato grazie al contributo del comune di Galtellì, assessorato ai servizi sociali, e con la collaborazione della biblioteca.

Chi fosse interessato ad iscriversi ai corsi e desiderasse avere informazioni può chiamare la biblioteca allo 0784 909059 oppure scrivere una mail a: biblioteca.galtelli@gmail.com.

(Da:La Nuova: angelo fontanesi- 11 mag 2011)

GALTELLI':biblioteca comunale: ingresso (foto camedda)

GALTELLI':biblioteca comunale: ingresso (foto camedda)

«Semus missionarios», incontro-dibattito con il saveriano di Macomer Daniele Targa

“Semus missionarios” è il tema del quarto appuntamento della rassegna «Donzi die nois» ideata e coordinata da Natalino Piras per l’organizzazione del Comune che si svolgerà questa sera alle 19 nella biblioteca «Don Cosseddu».

natalino pirasA essere intervistato dallo scrittore e giornalista bittese sarà Daniele Targa, saveriano con esperienza di missione in Bangladesh. Nato in Francia nel 1965 da genitori immigranti, padre friulano e mamma di Sant’Antioco, Daniele Targa è stato ordinato prete nel 1990. Dal 2001 al 2009, dopo un anno passato a Londra per perfezionare l’inglese viene mandato in Bangladesh, ex Bengala, lo stato più densamente popolato del pianeta con oltre 150 milioni di abitanti e un altissimo tasso di povertà. Sarà lui a raccontare il suo periodo di missione, distinto in due periodi il primo sino al 2005 passato soprattutto a conoscere la cultura e la lingua del posto e quindi dal 2006 al 2009 nel sud del Bangladesh, tra i fuori casta di radice indù. Ora, in attesa di ripartire in missione, Daniele Targa è in Sardegna, all’istituto saveriano di Macomer. Un racconto in diretta il suo come gli altri sinora presentati in questa rassegna di incontri con diversi protagonisti del nostro tempo che sta bissando il successo ottenuto da «Jeo ippo, jeo so», la prima serie di interviste condotte l’anno scorso da Natalino Piras sempre a Galtellì.

(Da:La Nuova-angelo fontanesi-28 apr 2011)

sssss

Il trasloco è iniziato da quattro mesi

La nuova collocazione della biblioteca comunale è sicuramente fascinosa, ospitata com’è in diversi locali e su più piani del monumentale complesso della casa rettorale di Su Probanu e della adiacente antica chiesa di Santu Jori.

Peccato però che dopo quasi quattro mesi dall’inizio del suo trasloco dai precedenti locali situati nell’ex mercato via san Francesco incominciato lo scorso 15 novembre, il servizio non sia stato ancora riattivato.

Gli oltre quindicimila volumi che costituiscono il patrimonio documentale della biblioteca comunale oroseina sono stati già tutti collocati sugli scaffali nella nuova sede e anche diverse postazioni telematiche (in tutto alla fine dovrebbero essere una dozzina) collegate in rete. Ma sono ancora tanti, troppi, i particolari da sistemare che ne impediscono la fruibilità al pubblico.

«Purtroppo questa è la realtà – spiega il bibliotecario Massimo Rojch – il grosso tutto sommato è stato fatto ma sinchè non si sistemano alcuni dettagli non è possibile aprire la struttura all’utenza». Dettagli del resto non di poco importanza, ad incominciare dallo scivolo d’accesso per i portati di handicap ancora non realizzato, alla mancata copertura del nuovo gabbiotto d’ingresso, al collaudo del servo scala meccanico per consentire alle carrozzine di accedere al piano superiore dove è stata collocata la sezione di libri sardi e una piccola sala conferenze, e a tanti altri piccoli interventi strutturali necessari a definire concluso il tanto atteso trasloco. Sembra insomma che tutto si sia inceppato sul più bello, quando la nuova biblioteca sembrava sul punto di riaprire i battenti.

«Non ci sarebbe molto da fare – commenta lo stesso bibliotecario – e anche oggi ho sollecitato il Comune per dare l’ultimo decisivo colpo di mano per rimettere in funzione il servizio».

Appello che il Comune si dice pronto a soddisfare «Proprio con l’ultimo bilancio abbiamo messo in capitolo una somma per completare i lavori – assicura l’assessore al Bilancio Paolo Saba – e in verità pensavo che il lavori fossero già stati eseguiti e il servizio riattivato. Anche a noi sta a cuore vedere nuovamente aperta la biblioteca e sarà nostro impegno che ciò avvenga nel giro di pochi giorni». Un’assicurazione che i tanti utenti della biblioteca oroseina (in special modo studenti) da mesi privati di un servizio così importante si augurano venga messa in pratica al più presto. Del resto si è atteso anche troppo.

( Da:La Nuova-angelo fontanesi- 12 apr 2011)

GALTELLÌ:  l'edificio della Biblioteca Comunale (foto camedda)

GALTELLÌ: l'edificio della Biblioteca Comunale (foto camedda)

L’ideatore della rassegna Natalino Piras intervisterà Giampiero Farru e  don Pietro Borrotzuolontariato

natalino pirasÈ dedicato al tema del volontariato il secondo appuntamento di «Donzi die nois semus» in programma alle 19 presso la biblioteca comunale Don Cosseddu.

La rassegna di incontri e interviste con i protagonisti del nostro tempo organizzata dall’assessorato alla cultura del Comune, propone oggi l’incontro con due personaggi che del volontariato isolano sono un pò le icone.

L’ideatore della rassegna Natalino Piras intervisterà infatti Gianpiero Farru, responsabile regionale di Sardegna Solidale e don Pietro Borrotzu, responsabile della pastorale sul lavoro della chiesa Sarda. Per l’occasione il sindaco Renzo Soro ha voluto invitare personalmente all’evento tutte le associazioni di volontariato galtellinesi.

 Renzo Soro.«Come saprai – scrive il primo cittadino nelle lettera spedita a tutti i volontari operanti nel paese – il 2011 è stato eletto dalla Comunità Europea l’anno del Volontariato. Un omaggio a quelle donne e uomini che con grande dedizione e altruismo prestano il loro impegno a favore degli altri, dei disabili, di chi soffre e di chi ha bisogno di aiuto».


Nel corso dell’incontro si parlerà tra l’altro della Carta di Zuri, dello stare insieme e delle differenze. La rassegna, iniziata il 17 marzo con il generale Gianfranco Scalas, proseguirà poi mercoledì 15 aprile con il regista Salvatore Mereu e il 28 con il missionario saveriano padre Daniele Targa.

(Da:La Nuova-angelo fontanesi-6 apr 2011)

GALTELLÌ:  l'edificio della Biblioteca Comunale (foto camedda)

GALTELLÌ: l'edificio della Biblioteca Comunale (foto camedda)

In occasione della Giornata mondiale della poesia, Il Comune organizza oggi 22 marzo (ore 18) nella Biblioteca comunale il Convegno sull’importanza della gara poetica nelle feste religiose della Sardegna.

Saranno presenti al convegno Renzo Soro sindaco di Galtellì, Bruno Agus presidente del “Sotziu pro sa gara”, il giornalista Paolo Pillonca, l’antropologo Bachisio Bandinu e il Vescovo di Nuoro Mons.Pietro Meloni. Coordinerà il convegno il giornalista dell’Unione Sarda Luca Urgu.

giornata-mondiale-poesia

“La Giornata Mondiale della Poesia è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale UNESCO nel 1999 e celebrata per la prima volta il 21 marzo seguente. La data, che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace”.

Marco Camedda


“Le confraternite di S. Croce e delle Anime di Galtellì”

GALTELLÌ:  l'edificio della Biblioteca Comunale

GALTELLÌ: l'edificio della Biblioteca Comunale

libro-confraternite

La ricostruzione storica, attraverso studi e ricerche che a partire dal 1967 (anno di pubblicazione di “Il Cristo di Galtellì” di Ottorino Pietro Alberti) ne ha esaminato la fase di massimo splendore in periodo medioevale, quando Galtellì fungeva da capoluogo amministrativo della curatoria giudicale omonima e sede episcopale di diocesi.

Ricostruzione che si è arricchita negli anni di numerose pubblicazioni che ripercorrono i vari aspetti della vita e le testimonianze del passato più o meno lontano del piccolo borgo.

E’ in questo percorso di scoperta che si colloca la recente pubblicazione del libro di Michele Carta “Le confraternite di S. Croce e delle Anime di Galtellì” che verrà presentato  (oggi) Venerdì 4 marzo nella Biblioteca comunale di Galtellì alle ore 17.30.

Sarà presente l’autore e il vescovo di Nuoro Mons. Pietro Meloni.

(Fonte: sito istituzionale del Comune di Galtellì)

galtelli-simposioSi concluderà oggi in Bassa Baronia la seconda fase del primo simposio dello Study Group ICTM on Multipart Music, il comitato designato dall’organizzazione mondiale di etnomusicologi per lo studio delle musiche a più parti vocali e strumentali.

Organizzato dal dipartimento di Studi geografici e artistici dell’Università di Cagliari, il convegno si è articolato in due parti: la prima teorica si è tenuta a Cagliari e ha visto il coinvolgimento di studiosi provenienti da tutto il mondo, mentre la seconda si concluderà oggi a Irgoli, Orosei e Galtellì con i laboratori teorico-pratici.

( Fonte:Unione Sarda-so. me.)

Proposto dall’Amministrazione Comunale di Irgoli che ha organizzato questa serie di incontri  con la collaborazione  della  Biblioteca Biblioteca Associata di Irgoli, Loculi, Onifai, Galtellì, partirà dal 30 giugno  il ciclo di letture  animate e laboratorio di giardinaggio che si intitola:

“Se invece dei capelli sulla testa ci spuntassero i fiori, sai che festa?”.

capelli-sulla-testaQuesto incontro di lettura e laboratorio  è dedicato a  Gianni Rodari a trent’anni dalla scomparsa e a novanta dalla sua nascita e ad animare le inossidabili opere di Rodari saranno alcuni degli allievi sfornati nelle tre edizioni del corso di lettura espressiva ”Ad Alta Voce”.

“Le iscrizioni a questi incontri – mi comunicano dalla Biblioteca- rivolti a bambini e ragazzi in età compresa tra sei e dodici anni, la cui scadenza era fissata per sabato 26 scorso, già dal giovedì  precedente avevano raggiunto e superato il numero dei partecipanti. Sono infatti ben 45 le famiglie che hanno fatto richiesta”.

Per questi incontri, per non sconvolgere i ritmi vacanzieri degli iscritti, gli stessi potranno scegliere di partecipare il mercoledì pomeriggio o il giovedì mattina, per cinque settimane a partire dal 30 giugno.

Il percorso prevede 5 incontri:

· Dal seme nascono piantine (come / cosa / quando si semina, giardini nel guscio, giardini nel piatto, giardini nel barattolo, rinvasare;

· Far crescere le piante in cucina, il giardino nell’acqua, la coltura forzata, far fiorire i bulbi e i rametti dentro casa;

· Piante nuove da piante vecchie, far nascere una pianta partendo dalle foglie, talee di foglie / fusto / propaggini;

· Verdure in vaso, mini giardino di erbe aromatiche;

· Decorare la casa con fiori e piante, composizioni floreali;

Ogni lettura sarà seguita dal laboratorio di giardinaggio, curato da Tonia Ruiu, per condurre i partecipanti alla scoperta della natura, renderli partecipi del ciclo naturale della crescita, aiutarli a sviluppare il pensiero ecologico e scientifico, portandoli ad un contatto vero e sano con il mondo che li circonda.

Marco Camedda

GALTELLI':biblioteca comunale: ingresso

Ingresso biblioteca comunale

Al via martedì il corso di lettura espressiva organizzato dalla biblioteca comunale per i ragazzi dagli 11 ai 13 anni.

Per  iscrizioni:

tel: 0784/909059;

Mail: biblioteca.galtelli@gmail.com

(Fonte:Unione Sarda:- so. me.)

Inaugurata pochi giorni fa, la nuova Biblioteca Comunale è stata dedicata  a  Don Giovanni Dosseddu ("Nonnu Cosseddu" per chi è stato battezzato -me compreso- da Lui) in prosecuzione della intitolazione della stessa quando era nella vecchia sede.

"E’ stato un maestro di vita

-afferma Renzo Soro, Sindaco di Galtellì- grande educatore severo ma buono. Conserveremo di lui i suoi insegnamenti, non solo di vita, ma anche scolastici. E’ stato infatti professore di tanti in tutti i paesi della Baronia, oggi Valle del Cedrino"
"Ricordo-continua Soro-che nel saloncino al piano terra della casa parrocchiale faceva "doposcuola" gratuitamente per tutti i ragazzi con difficoltà economiche insegnando italiano, latino e altre materie di cui Lui era dotto"
"Dedicargli la Biblioteca-conclude Renzo Soro- già da dieci anni fa è stato per noi la volontà di ricordare non solo l’Uomo di Chiesa ma anche  l’ Uomo di grande cultura che è sempre stato"
 marco camedda 
La nuova  e modernissima costruzione eseguita nella stessa area che ospitava fino a tempo fa la scuola Materna ospiterà anche la Biblioteca oltre alla già funzionante Ludoteca. 

Si definisce così un’altro Spazio culturale e sociale che si affianca alle Scuole Elementari in un compendio che sempre più sa di cittadella della cultura e socialità.

Il sindaco Renzo Soro non senza una punta di orgoglio osserva che si è salito un’altro gradino importantissimo per la gestione al meglio di servizi socio-culturali  nel paese,servizio tra l’altro già in funzione da tempo, ma ora in una sede idonea, modernissima e dotata di ogni confort.
Beh, che  dire?
BUONA LETTURA A TUTTI!
Marco