L’assessore ai Lavori Pubblici e alla

Protezione Civile ing. Antonio Belloi

con la seguente nota nota spiega il motivo per cui, davanti alla situazione di criticità meteo elevata (Codice Rosso) comunicata dalla Protezione Civile Regionale, si è deciso di sospendere l’attività didattica, senza chiudere la scuola .

TESTO INTEGRALE DEL 9 Ottobre 2015

“La sospensione dell’attività didattica è la misura che va adottata in questi casi. Si adotta questo provvedimento per far sì che venga garantita la massima sicurezza della viabilità al fine di poter garantire il transito dei mezzi di soccorso (ambulanze, polizia, volontari di protezione civile ,vigili del fuoco, squadre di monitoraggio della protezione civile comunale ecc. ) eventualmente impegnati in caso di avverse condizioni meteo , e quindi in una situazione come quella odierna, dove la protezione civile regionale ha emanato bollettino con codice di criticità ROSSO .”

“Non si opta invece per la chiusura delle scuole perché gli edifici scolastici sono per definizione dei luoghi sicuri, altrimenti non sarebbe possibile svolgere quotidianamente l’attività didattica, la sicurezza degli ambienti è infatti il primo presupposto, e dunque devono restare aperti perché un codice rosso potrebbe portare a situazioni estreme come il bisogno di accogliere sfollati. E le nostre scuole sono al momento il luogo più adatto per soddisfare questo tipo di esigenza”

“Oggi (ieri ndr) la Protezione Civile Regionale ci ha inviato un bollettino di allerta meteo che prevede la criticità più elevata per la nostra città e il nostro territorio, questo ci ha portato a prendere i provvedimenti necessari per prevenire eventuali situazioni tragiche. L’augurio è che ovviamente il pericolo venga ridimensionato”

(DA: comunicato del Comune di Nuoro-9 Ottobre 2015)