Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: confcommercio

31 MARZO SCATTA L’OBBLIGO

DELLA FATTURA ELETTRONICA:

molti impreparati

Il 31 marzo muore la fattura cartacea con la Pubblica Aministrazione: migliaia di imprese nuoresi coinvolte

L’appuntamento è per il 31 marzo. Da quel giorno la macchina della Pa entrerà nell’era delle fatture elettroniche e potrà emettere, ricevere, trasmettere, gestire, saldare e conservare esclusivamente documenti digitali. La fattura cartacea appartiene al passato. Oltre 40 mila uffici della Pa come ministeri, agenzie fiscali, Inps, Inail, forze di polizia e forze armate che dallo scorso 6 giugno hanno fatto da apripista alla fatturazione elettronica, si aggiungeranno tutte le amministrazioni territoriali come i comuni.

Saranno tante le imprese della provincia di Nuoro che, avendo rapporti con le pubbliche amministrazioni dovranno adeguarsi totalmente a questa novità.

“Un numero interessante di imprese si è già adeguato a questo nuovo sistema già da 9 giugno dello scorso anno dove era prevista l’emissione della fattura elettroniche per le varie amministrazione centrali, ora che la platea si amplia con tutto il sistema degli enti locali, comuni per primi, diventa una priorità adeguarsi quanto prima.” Dice Gian Luca Deriu, direttore Confcommercio Nuoro.

A fronte di un’innovazione di questa portata, i rischi di tilt sono alti per piccoli fornitori della Pa.

“Infatti in questi primi mesi sono emerse diverse criticità come la complessità del sistema e le regole rigide per la predisposizione della fattura, la firma digitale e l’invio – continua Deriu -. E’ evidente che non è adatta per i piccoli commercianti egli esercizi familiari». Un punto cruciale è la conservazione dei documenti digitali. «È un costo in più perle micro aziende che non hanno strutture amministrative interne e si devono rivolgere a terzi”.

La Confcommercio ha creato un servizio di assistenza per le imprese che sono coinvolte in questo obbligo, pertanto è sufficiente una telefonata per avere chiarimenti.

Emerge, comunque, il timore che gli enti locali non siano tutti in grado di gestire il flusso dei processi digitali con rischi di ritardi nei pagamenti. Talvolta in associazione sono arrivate segnalazioni di uffici che chiedono la documentazione cartacea perché, per esempio, il campo in cui si indica l’oggetto della prestazione non è abbastanza lungo o perché vecchi decreti prevedono il visto sulla fattura. Insomma speriamo bene!

(DA: comunicato Confcommercio Nuoro/Ogliastra -27 Marzo 2015)

Seminario su Nuovi Obblighi

di Etichettatura  dei Prodotti Alimentari

ed  Indicazione degli Allergeni

Nuoro: Martedì 10 febbraio 2015-ore 15,30

Dopo i saluti del presidente dell’Associazione Panificatori Gian Pietro Secchi terrà il seminario tecnico la dottoressa Pasquala Pinna del SIAN ASL Nuoro.

(DA: comunicato Ascom-Confcommercio Nuoro-7 Febbraio 2015)

PREMIAZIONE

Natale in Vetrina 2014

41 negozi partecipanti 2.200 voti espressi dai consumatori attraverso i coupon pubblicati sulla Nuova Sardegna. Questi due semplici numeri per descrivere il concorso Natale in Vetrina 2014 a Nuoro.

Domani, venerdì 16 gennaio 2015,

presso la Confcommercio Nuoro alle ore 11.30 si terranno le premiazioni dei vincitori della competizione che ricordiamo prevedeva due graduatorie. La prima formata da una giuria di esperti che ha valutato le vetrine su aspetti tecnici, la seconda dal gradimento dei consumatori che hanno votato tramite i coupon pubblicati sulla Nuova e poi depositati presso le urne posizionate nei negozi aderenti all’iniziativa.

(DA: comunicato Ascom-Confcommercio Nuoro-14 Gennaio 2015)

CORSO ANTIRAPINA:

Concluso il primo corso, consegna attestati con il Questore

Si appena concluso il primo corso antirapina organizzato dalla Confcommercio Nuoro Ogliastra, in collaborazione con la Questura di Nuoro, il supporto della Vigilanza La Nuorese, FIT – Federazione Italiana Tabaccai e Federpreziosi.

Hanno frequentato le 12 ore di corso 32 partecipanti che con il supporto del corpo docente composto da Fabrizio Mustaro, dirigente della Squadra Mobile di Nuoro, Pietro Tolu security manager della Vigilanza La Nuorese e Sandro Fois psicologo, hanno affrontato tutti gli aspetti che riguardano al sicurezza dell’attività imprenditoriale.

A conclusione del corso verranno consegnati gli attestati ai partecipanti

Giovedì 20 novembre 2014-ore 10.30

presso la Confcommercio Nuoro Ogliastra

Galleria E. Loi 8 al secondo piano.

Gli attestati di partecipazione verranno consegnati dal Questore di Nuoro, dottor Pierluigi d’Angelo.

Saranno presenti i docenti del corso ed Agostino Cicalò, Presidente di Confcommercio Nuoro Ogliastra.

(DA: comunicato Ascom-Cnfcommercio NU/OG-19 Novembre 2014)-foto Ascom

(DA: comunicato Ascom-Confcommercio NU/OG-9 Ottobre 2014)

 “IL PANE MEZZO SALE”

Numerosi studi hanno dimostrato che vi è uno stretto legame tra quantità di sale assunta con la dieta e la pressione arteriosa e l’insorgere di importanti malattie cardiovascolari.

L’Associazione Panificatori della Confcommercio Nuoro Ogliastra, consapevole dell’importanza del pane come alimento quotidiano, ha intrapreso un’iniziativa chiamata “IL PANE MEZZO SALE”, mettendo in vendita pane con una quantità inferiore di sale almeno del cinquanta per cento in meno rispetto alla ricetta tradizionale.

Un importante segnale che la categoria vuole dare all’aspetto salutistico (e non solo) del pane, che ogni giorno migliaia di famiglie portano in tavola.

All’iniziativa, realizzata con il contributo della Camera di Commercio di Nuoro e sostenuta dalla ASL di Nuoro e dalla ASL di Lanusei, hanno aderito ventinove panificatori delle province di Nuoro e Ogliastra.

Il progetto è stato raccontato mercoledì 4 giugno scorso, durante una conferenza stampa, alla quale sono intervenuti Agostino Cicalò, Presidente della Camera di Commercio di Nuoro, Gian Pietro Secchi, Presidente Panificatori Confcommercio Nuoro Ogliastra, Giovanni Pietro Mesina, Direttore Sanitario dell’ASL di Nuoro e Diego Capitza dell’ASL di Lanusei.

In particolare il Dott. Mesina, che ha portato i saluti e i ringraziamenti del Direttore Generale, Dott. Antonio Maria Soru, assente per precedenti impegni istituzionali, ha lodato l’encomiabile iniziativa dei Panificatori del Nuorese e dell’Ogliastra. «Come Azienda Sanitaria – ha spiegato Dott. Mesina – crediamo molto in questo progetto, perché una delle poche certezze della medicina è proprio quella secondo cui l’eccesso di sale (così come l’eccesso di zuccheri) può essere nocivo, soprattutto per il sistema cardio-vascolare».

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-4 Giugno 2014)

Grazia Deledda in un mio ritratto a china del 1999 con fondo colorato al computer

-INVASIONI DIGITALI-

Invadiamo Grazia Deledda

evento, organizzato dal Gruppo Giovani

di Confcommercio Nuoro Ogliastra 

Le Invasioni Digitali sono un movimento di persone che supporta il patrimonio culturale “invadendolo” e documentando l’esperienza attraverso il web e i social media. Ogni invasione si prefigge l’obiettivo di creare nuove forme di conversazione e si basa sulla co-creazione e promozione di valore culturale attraverso la partecipazione attiva dei visitatori alla narrazione del patrimonio.

Invasioni Digitali è caratterizzato da un approccio dal basso, ovvero gruppi di persone organizzano indipendentemente singoli eventi in tutta Italia in un periodo stabilito dal 24 aprile al 2 maggio (www.invasionidigitali.it/it).

Gli invasori sono blogger, fotografi, archeologi, instagramers, storici, esperti di comunicazione ma anche semplici amanti del proprio paese con i più svariati background.

L’accelerazione della rivoluzione digitale può contribuire in maniera esponenziale allo svecchiamento delle istituzioni culturali e favorire una concezione “aperta e diffusa” del patrimonio culturale, incoraggiando la conoscenza e la partecipazione a livello educativo e creativo dell’utenza.

Il Gruppo Giovani di Confcommercio organizza un’invasione digitale il 24 aprile dalle 10.00 seguendo un itinerario Deleddiano. Come?

Accompagnati da una guida si avrà la prima invasione davanti al busto di Grazia Deledda posizionato (nascosto) nei giardini di Piazza Italia, si proseguirà per le vie di Santu Predu per concludersi davanti alla chiesa della Solitudine, dove è posizionata l’ultima dimora della grande scrittrice nuorese.

Parteciperà all’evento una classe dell’ITC Satta.

Durante l’evento i partecipanti posteranno foto su Instagram, Twitter, Facebook, contribuendo alla promozione, attraverso i social media, di Nuoro e di Grazia Deledda.

(DA:Ascom-Confcommercio-22 aprile 2014)

CONFCOMMERCIO, ALBERGHI A 10 EURO

PER UNA NOTTE IN SARDEGNA

Promozione provocatoria insieme con Federalberghi per contrastare “turismo invisibile” verrà lanciata nel corso dell’incontro  a Dorgali, venerdì 11 aprile

Alla vigilia della stagione turistica 2014, Federalberghi e Confcommercio Sardegna lanciano una provocazione per attirare l’attenzione sul fenomeno dell’esercizio dell’attività ricettiva abusiva. 

L’iniziativa, che parte da Dorgali e si estenderà ad altre realtà turistiche dell’Isola, prevede di far pagare 10 euro per una notte nelle strutture ricettive regolari aderenti. La promozione provocatoria verrà lanciata ufficialmente nel corso dell’incontro di Federalberghi a Dorgali, venerdì 11 aprile con inizio alle 10 all’Hotel Sant’Elene (Località Sant’Elene – a due chilometri da Dorgali direzione Baunei), che vedrà la partecipazione dell’assessore regionale del Turismo, Francesco Morandi, di albergatori di tutta l’Isola, sindacati, consiglieri regionali, sindaci rappresentanti delle forze dell’ordine.

Seconde case “in nero”, bed and breakfast senza autorizzazione o con un numero di camere che eccede quanto previsto dalle norme sono solo un esempio che genera quello che viene definito “turismo invisibile, ovvero che consuma il territorio, usufruisce gratuitamente dei servizi pubblici che vengono pagati dalla collettività locale, come il caso della Tarsu/Tares, ma soprattutto rappresenta una fetta importante di evasione fiscale.

Di fatto si tratta di una piaga che costringe molti imprenditori locali alla resa e quindi a chiudere le strutture ricettive con conseguente perdita di posti di lavoro. Alcune ricerche condotte negli anni scorsi hanno dimostrato come il “turismo invisibile” rappresenti l’80% del fenomeno e solo il rimanente 20% venga registrato dalle statistiche ufficiali.  Federalberghi Sardegna e Confcommercio hanno da sempre denunciato il fenomeno, e ritengono che occorra mettere in atto una serie di azioni di denuncia e di proposta che attiri l’attenzione delle autorità.

L’obiettivo di Confcommercio che al suo interno ospita tutte le realtà ricettive, dagli alberghi, ai bar e ai campeggi, non è nella logica di una battaglia per impedire di svolgere attività  economiche nell’ambito della ricettività turistica – spiega il presidente di Confcommercio Sardegna, Agostino Cicalò - ma serve per indurre coloro che fanno questa attività a farlo nell’ambito dell’esercizio d’impresa. Non è una chiusura del mercato, ma quelli che vogliono entrare nel mercato devono farlo in maniera regolare”.

Secondo Giorgio Macciocu, presidente regionale di Federalberghi Sardegna, “serve un maggiore controllo del sommerso perché i numeri dei passeggeri dichiarati dalle compagnie aeree e navali non rispecchiano quelli che vengono registrati nelle strutture ufficiali: si tratta di turisti che arrivano in Sardegna e vanno ad alloggiare in seconde case o B&B non regolari. Fare emergere questi numeri fa bene a tutta la comunità – aggiunge – perché il fenomeno penalizza tutti, in quanto l’onere del carico fiscale delle tasse locali, anche quello non pagato dagli abusivi, ricade su chi è registrato regolarmente e sui cittadini”.

(DA: comunicato Ascom Federalberghi Sardegna-8 aprile 2014)

**DA: comunicato Ascom-9 lug 2013**

Venti operatori del settore gastronomico locale si sono cimentati ieri, nell’ambito di un corso di primo livello, nella presentazione e valorizzazione del “Cioccolato in ristorante”, totalmente gratuito, patrociniato dalla Confcommercio, in collaborazione con la Fipe, l’associazione provinciale dei cuochi e la Camera di commercio.

La presentazione delle delizie di questo particolare settore, è avvenuta sotto la guida del maestro Roberto Ottazzi, dell’azienda Sperandri di Suni. Venti gli allievi partecipanti, di cui 10 uomini, provenienti da diversi comuni del comprensorio provinciale, tra i quali, oltre a Nuoro, Oliena, Orgosolo, Orosei, Dorgali, Budoni, ed altri centri turistici del comprensorio barbaricino. Il corso, totalmente gratuito, si è tenuto nei locali del ristorante “Monti Blue” di piazza Satta. Il programma comprendeva, insieme alla storia e alle leggende sul cioccolato, tutte le produzioni, il tempraggio del prodotto e le diverse metodologie di lavorazione e produzione del cioccolato.

Profonda soddisfazione è stata espressa da Silverio Nanu, presidente della Fipe, che non ha mancato di sottolineare la validità del corso professionale, che contribuisce, con la partecipazione degli operatori gastronomici locali, ad aumentare la professionalità e la competenza relativa al soddisfacimento dei gusti della clientela, sempre più qualificata ed esigente. Il cioccolato, infatti, rappresenta una grande attrazione per la clientela, sia essa giovane o attempata. «Anche perché per i ristoratori presenta due vantaggi: in primo luogo quello di tenere aggiornata la categoria, che contribuisce a fare rete — ha detto Nanu — soprattutto in questo difficile momento di crisi economico-finanziaria nel territorio».

Oltremodo concreto è stato il direttore dell’Ascom Gianluca Deriu, che ha sintetizzato in sole tre parole il significato dell’originale corso di qualificazione professionale: «Curiosità, cooperazione e competizione nel territorio».

«Soprattutto — ha stigmatizzato il presidente della Confcommercio regionale Agostino Cicalò – se si tiene conto che negli ultimi 9 mesi 2012 hanno chiuso 153 aziende, di cui 50 in provincia di Nuoro, che negli ultimi 4 anni ha perso 20 mila abitanti».

((DA: La Nuova- Antonio Bassu-30 gen 2013)

Bene il rilancio della Fondazione per l’Università a Nuoro!

Esprime soddisfazione Agostino Cicalò presidente della Confcommercio Nuoro Ogliastra, Speriamo che sia la volta buona che con questa decisione del Comune e della Provincia si possa consolidare l’idea di un polo formativo superiore nel territorio capace di portare avanti progetti che siano di utilità anche per gli imprenditori.

Non meno importante è il fatto che in questo progetto, auspichiamo, finalmente si coinvolgerà l’Ailun che con le sue nuove attività, ed in particolare il Simannu e gli accordi con la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, sta dando grande visibilità al territorio.

Confcommercio Nuoro Ogliastra aveva già a suo tempo espresso parere favorevole alla Fondazione già al momento della sua ideazione ed auspica che la sua operatività si realizzi quanto prima. Siamo al fianco del Comune di Nuoro e dell’Amministrazione Provinciale.

Agostino Cicalò

Presidente Confcommercio

Imprese per l’Italia – Nuoro Ogliastra

(DA: comunicato Ascom Confcommercio-23 dic 2012)

SARDEX:  OPPORTUNITA’ PER LE IMPRESE

 Incontro a Nuoro mercoledì 14 novembre presso la Libreria Mondadori – Caffè Letterario Atene Sarda alle 15.30.

Un nuovo modo per fare i pagamenti e fare forza tra imprenditori locali. SARDEX è un’azienda sarda, ideata da giovani sardi per gli imprenditori sardi, che ha creato un circuito di pagamento complementare e basa la sua forza sulle relazioni tra imprenditori e funziona in modo molti semplice.amenti

In meno di 3 anni di operatività l’iniziativa ha letteralmente fatto il giro del mondo attirando su di se l’attenzione crescente non solo dei media Nazionali ed Esteri ma anche di istituzioni, operatori finanziari e Venture Capital.

Nell’ultimo anno il Circuito Sardex.net è stato inoltre insignito di numerosi premi e riconoscimenti prestigiosi tra i quali spiccano, solo per citarne alcuni, il “premio innovazione” dell’Istituto Europeo di Design e la partecipazione al Next di Repubblica, con l’inserimento del progetto tra le 20 idee destinate a cambiare la vita degli italiani.

Ogni azienda aderente al circuito si vedrà assegnati dei crediti di Sardex il cui valore singolo è di un euro e potrà utilizzare questo plafond negli scambi commerciali con altri affiliati al circuito.

Ad oggi le aziende aderenti sono oltre 800 e la Confcommercio Nuoro Ogliastra intuendo le potenzialità dello strumento per le aziende del territorio organizza un incontro per mercoledì 14 novembre a Nuoro presso la Libreria Mondadori – Caffè Letterario Atene Sarda alle 15.30.

Interverranno i dirigenti di Sardex che spiegheranno i dettagli di funzionamento del sistema e soprattutto le testimonianze di imprenditori del nuorese che già aderiscono al circuito, in particolare Portale Sardegna, BC Pneumatici, Hotel il Querceto di Dorgali e Alimentari Pretta di Bolotana.

(DA:comunicato Ascom-Confcommercio di Nuoro-Ogliastra-11 nov 2012)

Agostino Cicalò, 49 anni, nuorese, è il nuovo presidente regionale di Confcommercio Imprese per l’Italia-Sardegna.

Attuale presidente di Confcommercio Nuoro e Ogliastra, Cicalò (nella foto) succede a Gavino Sini, che ha portato a termine il percorso di approvazione dello statuto regionale dell’organizzazione, conforme alle nuove regole nazionali, e ha provveduto a insediare gli organi sociali che resteranno in carica per il prossimo triennio.

Oltre ad eleggere Agostino Cicalò alla guida della Confcommercio Sardegna – che associa circa 17mila imprese – l’assemblea regionale ha eletto anche Giancarlo Deidda, vicario, Nando Faedda e Gavino Sini nella carica di vicepresidenti. Il collegio dei revisori dei conti è composto da Alberto Annis, Mario Cisci, Mauro Murgia, Maria Rosa Pilloni, Nico Pinna Parpaglia, mentre il collegio dei probiviri è composto da Gianluca Bianco, Raffaele Bistrussu, Marco Frongia, Alberto Marongiu, Nicola Mascia, Diego Lumbau e Piergiuseppe Piano.

Laureato in economia aziendale all’Università Bocconi, Cicalò è componente del cda della Sardaleasing e vicepresidente dell’Ailun.

Un problema serio di mancanza di competenze manageriali.

I dati sulla mortalità delle imprese in Italia dimostrato come una percentuale dell’ 8,6% delle imprese nuove nate nel settore del terziario chiude entro i primi ventiquattro mesi di attività.

Nel territorio della Camera di Commercio di Nuoro, ovvero la vecchia provincia di Nuoro il dato si eleva al 10,9% ovvero undici su cento. Un dato estremamente preoccupante che certifica un atteggiamento verso l’imprenditorialità non opportunamente ponderato e frutto di una bassa preparazione. Ecco quindi che la chiusura di “giovani attività economiche” non è del tutto ascrivibile alla crisi economica.

Aprire un’attività economica per un giovane non è come aprire e chiudere una porta, si entra spesso in un tunnel dalla difficile uscita con conseguenze catastrofiche se per esempio si sono accesi dei mutui, spesso garantiti da ipoteche e con fidejussioni personali di genitori o nonni.

Così nel nostro territorio molti giovani aprono nuove attività nel terziario con investimenti anche importanti salvo poi trovarsi in breve in difficoltà economiche e quindi agonizzare sino alla chiusura lasciando sul campo parecchie migliaia di euro.

Oggi non si può pensare di aprire un’attività economica senza avere dei fondamentali di gestione e quindi una mancanza di preparazione manageriale anche per i piccoli esercizi. Di fatto è come andare in mare aperto senza saper leggere le carte nautiche o addirittura senza una bussola.

Ecco che abbiamo messo in campo un corso di formazione denominato Co Ma GI, Competenze Manageriali per Giovani Imprenditori, ovvero un programma di 10 giornate di formazione intensive sulle tematiche fondamentali della gestione di impresa.

“Il corso nasce sotto l’ala del Gruppo Giovani Imprenditori della Confcommercio Nuoro Ogliastra, realizzato per conto della Camera di Commercio di Nuoro è completamente gratuito” dice Romina Dessena presidente dei Giovani della Confcommercio nuorese “si rivolge ad imprenditori che abbiano iniziato la propria attività da pochi anni e che hanno un disperato bisogno di capire come si gestisce un’attività imprenditoriale soprattutto nel settore del commercio, turismo e dei servizi”.

“Purtroppo in un territorio che stanno inseguendo da 25 anni solo emergenze ci si dimentica del futuro e quindi di creare nuove idee progettuali che coinvolgano realmente il mondo delle imprese che funzionano e resistono, questo corso vuole essere un mattone nel muro dell’indifferenza dei decisori ai vari livelli in fondo la crisi si sconfigge anche con le competenze soprattutto di questi tempi” chiude Agostino Cicalò presidente di Confcommercio.

(DA: comunicato della Confcommercio di Nuoro-Ogliastra-11 ott 2012)

Traguardo raggiunto attraverso un percorso avviato in sordina alcuni anni fa e che ha trovato il suo naturale sbocco nel Centro Commerciale Naturale, ora in prima linea con le sue proposte, in questo 2012 dedicato ai 400 anni dai miracoli del Crocifisso.

Una trentina gli operatori economici coinvolti, sotto l’egida del Comune e il sostegno di Confcommercio e Confesercenti. Promozione a tutto tondo del territorio e della cultura, condotta da piccoli ristoratori che ogni giorno puntano sulle produzioni locali agroalimentari, compresi gli allevamenti. Settori che pur immersi in una crisi con pochi eguali cercano di creare valore anche dal poco.

«L’adesione di tutto il mondo della ricettività – si legge nell’atto costitutivo – e in più dell’artigianato sta a significare una presa di coscienza e un salto di qualità inquadrando il turismo in una visione integrata». Massima la collaborazione con le realtà marine dei dintorni. Sorta di task force in trincea nel valorizzare un vasto patrimonio tangibile e intangibile, che lega laicità e sentimento religioso.

(Da:L’Unione Sarda-fr.gu.-17 maggio 2012)

luigi crisponi

Dai tour operator una nuova campagna per promuovere la Sardegna. Più collaborazione tra istituzioni e imprese per risollevare le sorti della stagione turistica 2011.

L’incontro tenuto ieri tra l’assessore regionale al Turismo Luigi Crisponi, le associazioni di categoria (Confindustria Sardegna, Confcommercio e Confesercenti regionali) e 20 tour operator ha avuto proprio questo obiettivo. Vertice che come primo risultato ha ottenuto un tavolo di confronto permanente per elaborare un piano strategico di collaborazione.

turismo in sardegna

INTESA: Durante la riunione è stata redatta una bozza di accordo che prevede un’azione comunicativa a favore del comparto nazionale delle agenzie di viaggio, che si occupa della vendita diretta dei soggiorni e dei pacchetti, ora in fase di stasi. Previsto anche il supporto di una campagna di promozione su quotidiani e riviste specializzate, all’insegna di una vacanza low cost nell’Isola, ma di qualità, per sfatare lo stereotipo diffuso che le vacanze in Sardegna costino troppo. L’accordo ha inoltre previsto che tutti, operatori, Regione e associazioni partecipino al “Ttg” di Rimini e ad altri importanti appuntamenti fieristici di settore, dove verranno presentate le linee programmatiche per il 2012.

REGOLE: Tra le richieste accolte dal tavolo, anche quella dell’istituzione di un decalogo sui rinnovi contrattuali tra strutture ricettive e tour operator, per andare incontro alle necessità di un mercato sempre più esigente (ad esempio, semplificazione e riduzione dei periodi di soggiorno, flessibilità su date e giorni della settimana per arrivi e partenze ma anche libertà di “costruzione” dei pacchetti di vacanza e tariffe trasparenti).

Una mia vignetta del 1990 "sempre attuale"

CAMPAGNA: I venti operatori metteranno a disposizione risorse proprie per le iniziative di co-marketing con l’assessorato al Turismo. Gli operatori sono già presenti sul mercato con cataloghi e siti web, e hanno attivato una prima campagna di promozione con lo slogan “Caro prezzi per la Sardegna? Ci abbiamo dato un taglio”, all’insegna della riduzione dei prezzi delle vacanze sull’Isola.

ASSOCIAZIONI Pronta la risposta anche del mondo delle imprese che ha mostrato grande apprezzamento per le iniziative di collaborazione. I rappresentanti delle quattro associazioni si sono dichiarati pronti ad aderire al piano strategico. Insieme ai tour operator, poi, sottoscriveranno un documento da inviare all’Antitrust, in cui indicheranno i danni procurati dagli spropositati aumenti tariffari delle compagnie marittime.

L’assessore Crisponi, dal canto suo, ha censurato sia «il sopruso ai danni della libertà di circolazione dei sardi e dei visitatori dell’Isola», sia il continuo annullamento di tratte da parte delle compagnie.

( Da:L’Unione Sarda-an. ber. -22 lug 2011)