Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: coro

Organizzata dalla locale associazione culturale

“Voches ‘e Ammentos de Garteddi”

Oggi, mercoledì 23 dicembre 2015 a partire dalle ore 20,00 , presso la Basilica del SS. Crocifisso di Galtellì, in cui è aperta una delle Porte Sante Giubilari di quest’anno della nostra provincia, si terrà la terza edizione del “CUNTZERTU ‘E SOS TRES RE“, rassegna corale natalizia organizzata dalla locale associazione culturale “Voches ‘e Ammentos de Garteddi”.

Partecipano a questa edizione l’omonimo Coro Voches ‘e Ammentos de Garteddi, diretto per l’occasione dal M° Giuseppe Altea ed il Coro Ortobene di Nuoro diretto dal M° Alessandro Catte.

Una foto del Coro Voches 'e Ammentos ai piedi della maestosa statua bronzea del Cristo del Tuttavista posizionata sulla vetta dell'omonimo monte. La foto è stata elaborata da me. (m.camedda)

La storia del Coro Ortobene è notoriamente contraddistinta dalla costante proposizione di brani inediti scritti dai direttori che si sono avvicendati e che hanno fatto la fortuna di questo sodalizio che vanta nel suo curriculum migliaia di concerti e riconoscimenti conseguiti in Sardegna in Italia, in Europa e in tante altre parti del mondo. Non da meno il coro Voches ‘e Ammentos vanta analogamente una discreta esperienza in ambito regionale, nazionale ed europeo.

Durante la rassegna natalizia entrambi i cori maschili presenteranno un repertorio di tema natalizio, tutti eseguiti a cappella con particolari arrangiamenti polifonici. Nella Basilica si diffonderanno le versioni suggestive ed eclettiche dei brani medievali “Gaudete” delle “Piæ Cantiones” del 1582 ed altri storici della tradizione classica sarda come “Sos Pastores”, accanto ai brani del repertorio natalizio classico italiano ed internazionale come la “Ninna Nanna Anzit” di una giovane madre lettone ed i noti “Amici Miei” e “Angele Dei” curati dal coro Voches ‘e Ammentos.

Un'immagine di repertorio del Coro Ortobene di Nuoro

Il Coro Ortobene attingerà invece al vasto repertorio dei brani musicati da Alessandro Catte, su sue metriche oppure attinti dalle migliori poesie dei maggiori poeti sardi quali “Jerru” di Montanaru, “A Duruseddu” di F. Satta, “Es una Notte ‘e Luna” di A. Casula, “Pro te” di Padre Luca Cubeddu e “Ortobene” e “A Coro canta” dello stesso Catte.

Il concerto, ormai divenuto un appuntamento atteso, è rivolto in particolare agli anziani ed a quelle persone che si trovano in condizioni di particolare disagio o sofferenza della Valle del Cedrino, ed a cui verrà rivolta una particolare vicinanza ed affetto, trasmessa attraverso i canti quale annuncio della “Buona Novella” e con il partecipato sostegno dei parroci Don Ruggero Bettarelli e Don Antonio Mula e la collaborazione delle locali associazioni di volontariato sociale AVS e AVIS. Un importante momento di incontro tra tanti amici accomunati in un grande abbraccio di affetto.

Per il coro “Voches ‘e Ammentos de Garteddi”, il 2015 si chiude con importanti gratificazioni che hanno fatto crescere ancora il gruppo permettendogli di farsi apprezzare ulteriormente. Tante sono state le manifestazioni realizzate e le esibizioni ed i concerti nell’isola in questo anno appena passato, tutti incontri di livello a cui il coro ha dato il suo contributo con grande spirito di partecipazione.

Nuovi importanti progetti invece per l’anno che arriva e che si apre con entusiasmanti obiettivi ed auspici, in particolare la nuova direzione artistica dell’esperto e dinamico M° Giuseppe Altea, in un cammino non nuovo ma che il coro percorrerà con il consueto spirito di intraprendenza, quello che gli ha permesso sino ad oggi di incontrare tanti amici e di riunirli a quelli che, ormai da tempo, fanno parte della sua vasta famiglia. Un gruppo forte che canta l’amicizia, la vita e le storie soprattutto dello stare insieme.

(DA comunicato Ass. Voches ‘e Ammentos- 22 Dicembre 2015)

OROSEI: IL "CINETRATRO PITAGORA"

DONNA SEMPRE, OLTRE L’8 MARZO…

Il teatro, la poesia, la musica.

E Lo Scrigno che si apre in Prima Assoluta…

Donne tutto l’anno. Donne –diremmo- “a 365…giorni”.

Questo (e non solo) è il messaggio che traspare dalla seconda edizione di “ EMMINAS S’ANIMU VERU” , a firma del Coro Femminile INTREMPAS.

La serata (ore 20, teatro di Orosei) sonderà, con delicatezza e forza all’unisono, gli aspetti più delicati dell’appartenere a un universo (quello femminile) che mai finisce di stupire, apparentemente sempre insondato e misterioso.

Si andrà dal reading di denuncia del linguaggio mediatico, soprattutto televisivo, nel quale la figura della donna è continuamente mercificata e strumentalizzata (voce Monica Corimbi, contrabbasso Pierluigi Manca), al “Senso della vita” di Salvatore Nanni; dal tema del Figlicidio (in scena Giovanna Orrù, Valentina Carta, Gina Carta e Andrea Menghini) alla poesia de Padre Luca Cubeddu, una serenata a Boche e Ballu (Ballu Brincu ).

 

Su tutto, la pérformance del Coro Intrempas, diretto da Giacomina Nanni che- tra gli altri- eseguirà in Prima Mondiale l’opera “Lo Scrigno” di Marcos Vinicius (ospite d’onore presente in sala), brano dedicato proprio al gruppo femminile vocale sardo, conosciuto durante una passata edizione del Festival Internazionale CHORUS INSIDE nell’ambito del quale il Coro Intrempas si distinse per interpretazione e talento. La musica de “Lo Scrigno” (titolo di Anita Madaluni) ha ispirato uno dei più originali e conosciuti poeti sardi, Salvatore Nanni, che ne ha composto il testo.

La serata vedrà la consegna ,da parte di Anita Madaluni, vicepresidente di “Senza Veli Sulla Lingua”, dell’incarico ufficiale per il Coro Intrempas a rappresentare, in Sardegna, questa no-profit internazionale che si batte contro abusi e discriminazioni di genere, nel rispetto di ideologie, religioni, etnie differenti.

(DA: comunicato e foto  Coro Intrempas-Marzo 2015)

Tutto pronto a Silanus in vista

del Concerto di Natale

in programma per il 27 dicembre.

La manifestazione canora, organizzata dal Coro Polifonico, si svolgerà alle 19 nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonio Abate gentilmente messa a disposizione dal parroco don Giovanni Chirra.

La rassegna prevede l’esibizione del “Coro Gospel Black Swans” di Galtellì, del coro maschile ‘”Donu Reale” di Buddusò e del Coro Polifonico di Silanus. I sodalizi, diretti rispettivamente dai maestri Grazia Miscera, Mauro Lisei e Cinzia Falchi, si esibiranno con brani della tradizione natalizia e con pezzi dei loro repertori canori.

Grande curiosità per assistere alle esibizioni dei cori ospiti che sono stati costituiti di recente: il gruppo di Galtellì ha poco meno di un anno di attività mentre il coro di Buddusò è nato nel 2008.

Decisamente più longevo il gruppo di casa, presieduto da Marco Cherchi, che è stato fondato nel 1996. Nell’allestimento della rassegna canora di fine anno hanno collaborato l’amministrazione comunale, la parrocchia di Sant’Antonio Abate, la provincia di Nuoro, la Regione e l’associazione nazionale dei Borghi autentici d’Italia.

Una iniziativa destinata ad attirare le attenzioni di un pubblico numeroso.

L’ingresso è gratuito.

(DA: La Nuova Sardegna-t.c.-19 Dicembre 2014)-foto da internet

CONCERTO DI NATALE

(Scuola Civica di Musica “A. Chironi”)

Chiesa Santa Maria della Neve

Esibizione degli Allievi della Scuola Civica di Musica “A. Chironi” con la partecipazione del Coro “Jesus Christ Soul Gospel”.

(DA: sito istituzionale Comune di Nuoro)

IL CORO DI OROSEI

Si prepara a celebrare il Natale

La Chiesa di S.Giacomo in una mia grafica del 1999

Il Coro di Orosei, da poco rientrato da un’entusiasmante esperienza nella Navarra spagnola, inizia a fare il bilancio del corrente anno, esattamente il quarantasettesimo dalla sua nascita. Era infatti il 1968, quando il maestro Sebastiano Pessei, l’ha fondato e diretto fino alla data odierna.

Come dal 1992 il coro ha in programma, il 13 dicembre alle 19,30 nella chiesa parrocchiale di San Giacomo, il Concerto di Natale, che nel panorama cittadino è diventato un evento culturale e religioso particolarmente atteso e partecipato, che segna l’inizio delle festività natalizie.

Un impegno fisso e che dura da parecchi decenni è anche la realizzazione del presepio nella chiesa parrocchiale, ad opera di Marcello Lai, baritono del coro, con la collaborazione di altri componenti della formazione corale.

Gli stati esteri che hanno ospitato il Coro di Orosei in questi lunghi anni sono il Portogallo, la Spagna, la Germania, la Svizzera, l’Austria, il Belgio. Le regioni italiane sono il Piemonte, la Lombardia, il Veneto, il Trentino, la Toscana, l’Umbria, il Lazio, la Campania.

(DA: La Nuova Sardegna-nino muggianu-27 Novembre 2014)

-foto inviatami da Sebastiano Pessei- 

 

A OLIENA E LOCULI CONCERTI

DEL CORO A.N.A. GRUPPO DI COLLEGNO (TO) 

I concerti organizzata “DALL’ASSOCIAZIONE CULTURALE “IKNOS” di Irgoli (NU),  saranno uno scambio culturale tra i canti tradizioni alpini e quelli della tradizione religiosa della Baronia.

Una nuova Associazione culturale che accorpa i due cori di Irgoli “SANCTA HELENE E SANTU MIALI” Presidente Luciano Meloni. Il primo coro a cuncordu di canto sacro popolare della Baronia i secondo un coro tutto femminile che spazia dal canto sacro popolare a quella polifonica popolare sarda.

Il programma previsto da due concerti che si terranno rispettivamente i giorni 26 e 27 settembre a Oliena e a Loculi, da parte del Coro A.N.A di Collegno (TO), diretto dal M° Roberto Bertaina, ospite per due giorni dei di Irgoli, diretti dal M° Peppino Milia.

LOCULI: Centro polifunzionale "Sa domo de sas Artes e de sos Mestieris" (foto camedda-2010)

Il primo appuntamento è fissato per venerdì 26 settembre alle ore 20 a Oliena (sede regionale con Nuoro dell’A.N.A. -Associazione Nazionale Alpini- della Sardegna) presso la chiesa di San Lussorio, mentre sabato 27 l’appuntamento si terrà a Loculi, sempre alle ore 20 presso “LA CASA MUSEO Comunale “SA DOMO DE SAS ARTES E DE SOS MESTIERIS ” .

Il gemellaggio tra le due formazioni corali, frutto di un’attiva collaborazione tra il presidente del Coro di Collegno, Enzo Chiola, e il direttore Peppino Milia, suggella secondo la volontà degli organizzatori lo scambio culturale tra due diverse realtà musicali, animate dalla comune passione per il canto tradizionale.

Il Coro A.N.A. di Collegno nasce nell’aprile del 1995 presso la locale sede dell’A.N.A. per iniziativa di alcuni amici, animati dalla comune passione per i canti della tradizione alpina, sotto la guida del M° Luigino Pregnolato.

L’intensa l’attività del coro, ha portato nel tempo la compagine piemontese alla partecipazione a numerose rassegne corali e adunate nazionali degli Alpini (Genova 2001, Aosta 2003, Parma 2005, Cuneo 2007, Bassano del Grappa 2008, Bergamo 2010, Bolzano 2012, Pordenone 2014). Dal maggio del 2013 il coro è diretto dal M° Boberto Bertaina, musicista di grande esperienza, appassionato cultore di canto popolare, presidente per diversi anni dell’Associazione Cori Piemontesi, che per il suo impegno culturale e sociale è stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana.

(DA: comunicato Associazione Culturale Iknos-20 Settembre 2014)

STASERA 8 AGOSTO DALLE ORE 20,00

nel Cortile del Santuario di Sant’Antonio.

L’intrattenimento musicale sarà assicurato dal Coro Urisè, il Tenore Osana, da Francesco Demontis e dal Gruppo Folk Santu Jacu.

Assaggiate con noi il più famoso

piatto della tradizione sarda!

(DA; comunicato “Leva 85″ Orosei – 5 Agosto 2014)

Chiesa della Madonna d'tria (foto: m.camedda-2003)

Voches ‘e ammentos raccoglie l’appello

del parroco: domenica messa solenne e pranzo

I volontari diventano operai e restaurano la chiesa sul monte Tuttavista

Una grande fede, olio di gomito e la caparbietà di tanti volontari. Sono le fondamenta su cui dopo dieci anni rifiorisce a Galtellì la festa di Sa Itria (in onore della Vergine che indica la strada, secondo un’antica parabola bizantina) sul monte Tuttavista.

GALTELLI': IL CORO "VOCHES E AMMENTOS (foto da internet)

L’appuntamento è per il primo settembre, con un sobrio calendario: messa e grande pranzo comunitario. Torna dunque a nuova vita in tutto lo splendore della sua semplicità la chiesetta campestre all’ombra del Cristo bronzeo, grazie all’associazione Voches ‘e ammentos e altri residenti.

A dare l’input, il parroco don Ruggero Bettarelli e il suo vice don Antonio Mula, che a giugno si sono appellati al sodalizio perché li aiutasse riportare in auge una festa quasi dimenticata. Così i coristi di Voches si sono armati di forza, buona volontà e pazienza e hanno indossato i panni di muratori, elettricisti, imbianchini e restauratori in senso lato.

Storia tormentata quella del piccolo santuario: il primo insediamento risale al 1582 su patronato del canonico vicario Perotto Prompto Guiso, che voleva in questo modo assicurarsi lo ius sepeliendi per sé e i suoi familiari. Ma il tempo non è stato clemente, più volte infatti nei secoli è caduta, il tetto imploso. Ed è stata puntualmente ricostruita. L’attuale versione, su progetto del geometra Marco Camedda e grazie alle donazioni fatte dai galtellinesi, risale al 1980. In questi ultimi lustri era stata però un po’ abbandonata e quindi necessitava di ulteriori nuovi aggiustamenti. Recentemente è quindi risbocciata al ritmo del Gosos dedicato a Nostra Signora de Itria, «o serafica ermosura, o divina Imperadora, pregade pro nois Segnora de Itria Virgine pura».

**DA: Francesca Gungui-28 ago 2013**

EVENTO ITINERANTE NEL CENTRO STORICO

organizzato

dall’Associazione Culturale “Coro Femminile Urisè”

Sabato 23 marzo

con partenza alle ore 20,00 da Piazza S.Giacomo

Con la partecipazione di:

Coro Santa Rughe (Orosei)

Coro Orosei

Coro Polifonico “Su Condaghe” (Bonarcado)

Pietro Paolo Piredda “Launeddas” (Orosei)

Coro Polifonico Busachi “Santa Usanna” (Busachi)

Cuncordu de Orosei

Associazione teatrale “Intrempas” (Orosei)

Non mancate…Vi aspettiamo numerosi!

La corale diretta da Alessandro Catte

ospita Sos Canarios e i cantori di Oristano

Il Coro Ortobene festeggia i quarant’anni di attività e dedica all’avvenimento la quinta rassegna corale che si terrà il 2 marzo nel teatro Eliseo di Nuoro.

Manifestazione dal titolo quasi obbligato: «1973-2013 storia di un Coro», dove i primi quarant’anni dell’Ortobene verranno ripercorsi all’interno di una iniziativa che in appena quattro edizioni si è consacrata in Sardegna come l’appuntamento-clou per gli amanti del canto corale. Durante la serata verranno proposte le canzoni più importanti del coro diretto ormai da oltre un ventennio da Alessandro Catte, oltre all’esibizione dei Cori ospiti: Sos Canarjos diretto da Bobore Nuvoli, fondatore e primo direttore dell’Ortobene e Maurizio Carta di Oristano diretto da Salvatore Saba.

Le tre formazioni si alterneranno sul palco accompagnati dalle voci narranti di tre ex coristi che, raccontando ognuno il proprio periodo, ripercorreranno le tappe più significative raggiunte dall’Ortobene. Tra gli ospiti della rassegna lo storico solista degli anni ’80 Francesco Pintori, noto come Bartaleddu , che canterà con i padroni di casa. Previsto anche il contributo di tre direttori colleghi di Alessandro Catte: Gianni Garau (direttore del coro di Tonara) Enrico Pilo (Ovodda) e Ivano Argiolas (Desulo), a cui è stato affidato il compito di tracciare i profili professionali ed artistici di Bobore Nuvoli, del compianto Tonino Puddu e dello stesso Catte. In chiusura della manifestazione sarà assegnato il Premio Ortobene.

( DA: L’Unione Sarda-f. le.-5 feb 2013 )

o

Sulle Dolomiti si alza un inno alla Grazia.

Le suggestioni deleddiane stregano i veneti di Este alla Maratona di lettura promossa dal circolo dei sardi.

Dai dolci profili del monte Tuttavista alle guglie della Val di Fassa, in Trentino, dopo aver seminato note e armonie tra le nicchie medievali di Este, in provincia di Padova. Galtellì in tournée in Trentino e Veneto con il coro “Voches ‘e ammentos” che una decina giorni fa ha raccolto grandi successi nella Penisola.

Riflettori accesi sul team galtellinese a Pozza di Fassa, in Trentino, nella rassegna “Cantare in montagna”, nel cuore delle Dolomiti, ospite del coro “Valfassa”, diretto da Stefano Vaia, vice maestro al Sat di Trento.

«Non ci aspettavamo così tanta gente», raccontano i musicisti al rientro dalle oniriche cime di Catinaccio, Sella e Sassolungo. Insieme a “Voches” il coro di Bec da Poza, e la cordata di Montalto Marche.

Grazia Deledda in una mia grafica

Dal Trentino al Veneto, a cementare dei sodalizi creatisi nel corso degli anni, la partecipazione alla estense “Maratona di lettura, dai voce al tuo libro preferito” (trait d’union il circolo dei sardi padovano) dove la squadra diretta da Paolo Puggioni ha incantato un pubblico anche qui numeroso, richiamato anche dal Nobel Grazia Deledda al centro della serata con la performance “Cantande sos arrastos de Grassia”, e le letture dell’assessore al Turismo di Galtellì, Giovanni Porcu. Grandi apprezzamenti sono stati espressi dal sindaco di Este Giancarlo Piva.

Voches ‘e ammentos è nato nell’autunno del 2000, animato dalla passione di un gruppo di amici di Galtellì, accomunati nel recupero delle espressioni etnomusicali locali e dell’isola in genere. da allora il coro ha vissuto diverse esperienze facendo conoscere i suoi brani della tradizione popolare in tutta la Sardegna e nella Penisola.

(DA: L’Unione Sarda-Fr. Gu.- 28 ott 2012)- foto del 2010

Ciao Marco, è da tempo che non ci sentiamo e mi auguro che tu stia meglioTi scrivo per informarti che a partire dalle ore 19,00 di domani – giovedì 5 gennaio 2012 –   presso la Chiesa del SS. Crocifisso di Galtellì si terrà il “CUNTZERTU ‘E SOS TRES RE” organizzato dall’associazione culturale “Voches ‘e Ammentos de Garteddi“.

L’omonimo Coro “Voches ‘e Ammentos de Garteddi” (solo voci maschili composto ora da 24 coristi), diretto dal maestro Paolo PUGGIONI, proporrà nella serata brani di tema natalizio, tutti eseguiti a cappella con particolari arrangiamenti polifonici, tra cui le versioni suggestive ed eclettiche dei brani medievali “Gaudete” e “Puer natus in Bethlehem” delle “Piæ Cantiones” del 1582 ed altri classici storici come “Resonet in Laudibus” e “Adeste Fideles”.
Accanto a questi i brani appartenenti alla tradizione classica sarda “Sos Pastores”, “Cand’es Nadu Gesus”, “Naschid’est in Sa Capanna” e “Notte de Chelu” ed altri numerosi brani del repertorio natalizio classico italiano ed internazionale come la “Ninna Nanna Anzit” di una giovane madre lettone.
L’evento arriva a coronamento delle intense iniziative ed esibizioni che il coro ha portato avanti nel 2012 e in particolare in questo intervallo natalizio, tra cui si segnalano le tre serate (21, 22 e 23 dicembre) dedicate alla visita del coro nelle abitazioni di numerosi ammalati, anziani e persone meno abbienti, oppure in uno situazione di particolare stato di disagio o sofferenza, di Galtellì. (una trentina di abitazioni sulle troppe segnalate)
Il concerto, ormai divenuto un appuntamento atteso nel periodo dell’Avvento, è rivolto, oltre che ai cittadini di Galtellì e della Baronia,  proprio a quelle persone che si trovano nelle citate condizioni di disagio e sofferenza, molte delle quali, per motivi di tempo, non siamo riusciti ad incontrare nella citata iniziativa ed a cui rivolgiamo in questo modo la nostra particolare vicinanza ed affetto, trasmesso attraverso i nostri brani quale annuncio della “Buona Novella” con la collaborazione del parroco Don Giampiero FRONTEDDU. Un momento, quindi, di incontro tra paesani accomunati in un grande abbraccio di affetto ed a cui ci auguriamo anche tu partecipi.
Grazie di cuore, con amicizia, Giovanni Vacca.
Da: comunicato Associazione Voches ‘e Ammentos de Garteddi-4 genn 2011

cantores-de-garteddiSi svolgerà’ dal 21 al 24 ottobre prossimo la prestigiosa tournée’ nel Regno Unito del coro de Sos Cantores de Garteddi.

Il gruppo si esibirà’ i giorni 21 22 e 23 nella cittadina di Okehampton, nel Devonshire, all’interno del rinomato “Baring Gould Festival 2011“, rassegna che vede le principali testimonianze di musica tradizionale del Regno Unito con la partecipazione di una “star internazionale”, posto che per l’anno 2011, dopo il 2007, e’ stato nuovamente riservato al coro galtellinese.

L’evento clou e’ fissato per il 24 ottobre all’Istituto Culturale Italiano di Londra presso l’Ambasciata Italiana, evento patrocinato dalla Regione Sardegna, comune di galtelli’ e l’ambasciata italiana di londra.

Questa ennesima tournée’ e’ la testimonianza tangibile di come il canto sacro popolare di tradizione orale trovi, finalmente, il giusto riconoscimento nell’ambito della musica colta, grazie al lavoro del maestro Angelo Pisanu e di tutti gli altri “Cantores” nella perseveranza del mantenimento della tradizione e nella costante ricerca e studio di quello che era, ed e’, il canto sacro di Galtelli’.

ALLEGHIAMO I LINK DEGLI EVENTI

http://www.icilondon.esteri.it/IIC_Londra/webform/SchedaEvento.aspx?id=784&citta=Londra

http://www.baring-gould.co.uk/index.php

(da un comunicato dei Sos Cantores de Garteddi)

I suggestivi canti del coro di Galtellì hanno animato, domenica scorsa, la messa nel carcere nuorese di Badu ‘e carros. Sessanta i detenuti che hanno assistito alla funzione che si è tenuta a sezioni riunite (in genere, infatti, sono separate), evento che – con l’opportuna autorizzazione rilasciata dal Ministero – si verifica solamente a Pasqua e a Natale.

continua…

Il coro Voches e Ammentos  dal 24 al 28 Settembre 2008 sarà a Barcellona per partecipare al X Festival Corale Internazionale di Canto Popolare "L’EUROPA E I SUOI CANTI" .
Voches ‘e Ammentos de Garteddi ,costituito nel 2000, è  ora composto da 24 elementi, è diretto da Anna MOSSA. con Presidente attuale Giovanni VACCA. Il coro  aderisce all’omonima Associazione Culturale composta dai coristi e dai molti sostenitori e collaboratori.
Dalla sua costituzione ha partecipato a numerose rassegne in molti comuni dell’isola ed ha effettuato diverse tournée nella penisola e all’estero esibendosi in Spagna, Gran Bretagna e Norvegia.
Fortemente impegnato in campo culturale e sociale ha inciso nel 2006 il CD "Su Cristos Baroniesu" i cui incassi sono stati devoluti alla realizzazione di pozzi d’acqua in Kenya.
Partecipa attivamente alle iniziative con Chiampo, comune gemellato con Galtellì, e ogni anno, oltre ad una tournee fuori dall’isola, promuove almeno una rassegna corale cui intervengono prestigiosi coridella Sardegna.

All’importante manifestazione, organizzata dall’Associazione "Amici Musica Sacra" di Roma (fa capo all’omonima fondazione che a sede in Vaticano),  in occasione proprio del decennale sono stati invitati i cori che secondo loro sono stati più rappresentativi nelle precedenti manifestazioni. Il nostro coro ha infatti partecipato nel 2004 con lPaolo PUGGIONI.
I cori che parteciperanno quest’anno, nelle diverse categorie provengono rispettivamente dalla Gran Bretagna, Estonia, Russia, Germania, Romania, Bulgaria, Finlandia, Lituania, Polonia e Croazia.
Il coro a voci pari nasce contestualmente all’omonima associazione nell’anno 2000 e nonostante la sua recente formazione, le laboriose e complesse attività d’apprendimento, è riuscito ad ottenere in questo breve periodo graditi giudizi esibendosi in molteplici concerti, dove ha avuto modo di dimostrare le sue reali capacità musicali offrendo agli ascoltatori i suoi canti in polifonia nella loro peculiare esteriorità storica.
Il suo repertorio spazia tra noti brani della tradizione sarda, a quelli di nuova composizione e ad altri appartenenti a opere risalenti ai secoli passati ed interpretati in sardo – latino durante le cerimonie religiose.
Altre notizie sul Coro e sull’Associazione, seppur non aggiornato, le potete trovare  sul loro sito  www.vocheseammentos.it

 Auguro al Coro  Voches e Ammentos un grande successo  e  una ottima performance a Barcellona dove non ho dubbi che esporterà con positività in terra catalana  l’immagine non solo di Galtellì ma anche quella della Sardegna intera.

continua…

continua…