Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: croce bianca

IL DIRETTIVO

Ringrazia tutti coloro che vorranno

venire e far parte della nostra Associazione

ASSOCIAZIONE VOLONTARI

“CROCE BIANCA OROSEI”

9°Festival canoro-Piazza del Popolo-Orosei

SOTTOSCRIZIONE A PREMI

Estrazione del 14.08.2013

Arrivederci alla prossima edizione

Il Presidente

Tony Diana

ASSOCIATA AL FESTIVA CANORO
SI TERRA’ UNA LOTTERIA

Da 9 anni, l’Associazione volontari Croce Bianca di Orosei organizza il Festival Canoro che nel 2013 arriva alla 9° edizione e finalizzato alla raccolta fondi da destinare come segue:

- alle spese di gestione (acquisto e manutenzione mezzi-carburante- materiale medico-sanitario- assicurazione soci e mezzi) che la nostra associazione deve quotidianamente sostenere per rendere sempre più efficace e capillare il nostro servizio che consiste nel trasporto per visite, ricoveri, rientri ospedalieri di pazienti impossibilitati al trasporto in auto e nel supporto sanitario nelle manifestazioni sportive, religiose, musicali che si svolgono nell’arco dell’anno a Orosei;

- all’acquisto di mezzi di protezione civile che saranno destinati nelle emergenze idrogeologiche e nel salvamento a mare.

Il festival, che si terrà il 14 agosto in piazza del Popolo, sarà preceduto dalla vendita dei biglietti di una lotteria.

Chi intende partecipare al Festival può  iscriversi presso la nostra sede il martedì dalle ore 20 in poi oppure possono chiamare o inviare un messaggio ai seguenti numeri:

PER MOTIVI LEGATI ALLA PREPARAZIONE

DEI PARTECIPANTI LE  ADESIONI DEVONO PERVENIRE

ENTRO IL 20 LUGLIO!

Toni: 3409198806

Pina: 3335759983

Croce Bianca: 3493032474

 

**DA: comunicato Croce Bianca-Protezione Civile-13 giu 2013**

(copertina provvisoria-la definitiva è in allestimento)

Dieci volontari della Croce Bianca-Protezione Civile di Orosei parteciperanno all’esercitazione della Protezioe Civile denominata Sprtacus 2013 che si terrà a Villacidro nei giorni 3-4-5 Maggio.

Organizzata dall’A.V.S.A.V. di Villacidro (con la quale la Croce Bianca-Protezione Civile di Orosei è gemellata) sarà un’occasione per rivedere alcuni scenari  prevedibili per acquisire informazioni utili per la pianificazione di emergenza a livello locale.

Ci si pone come obiettivo, il miglioramento della preparazione tecnica attraverso una serie di eventi simulati che riguarderanno fondamentalmente i campi di:

- Rischio idrologico- Incendio di interfaccia- Incendio boschivo- Ricerca dispersi

Ci si confronterà con eventi che metteranno alla prova le capacità dei Volontari di lavorare assieme, di migliorare le procedure addestrative e il livello di risposta difronte agli scenari predisposti. Migliorare la qualità delle operazioni di soccorso, per essere sempre più celeri ed efficaci sin dalla previsione e prevenzione dell’evento.

Lo scopo principale è quello di utilizzare e migliorare la comunicazione e le procedure nella gestione dell’emergenza. I fattori principali sono: l a tempistica dell’intervento- Il funzionamento delle scelte per affrontare l’emergenza.

Sulla base della tipologia e dello scenario di riferimento ci si dovrà organizzare nel seguente modo:

1) Organizzazione logistica per monitoraggio aree.

2) Organizzazione tecnica.

3) Tecnici discesa corda.

4) Organizzazione sanitaria.

5) Unità AIB.

6) Operatori radio.

7) Controllo accessi.

8 ) Unità campali di ristorazione.

9) Unità per il controllo dell’area.

Nel campo saranno istallati:

- Una sala operativa da dove saranno gestite tutte le procedure e attivazioni delle unità per gli interventi simulati – Una tensostruttura mensa – Un coordinamento radio – Un’area di ammassamento soccorritori.

L’esercitazione “ Spartacus 2013 ” si terrà il primo fine settimana di maggio 2013 con inizio venerdì 03 pomeriggio e avrà termine domenica 05 alle ore 13:30. Simulerà i seguenti scenari di possibile criticità:

1) Esondazione del corso d’acqua nel territorio di Villacidro in località Villascema a causa di condizioni atmosferiche avverse con piogge incessanti.

2) Ricerca dispersi

3) Incendio boschivo

L’A.V.S.A.V. organizza e mette a disposizione attrezzature e mezzi, tutta la sua esperienza, maturata negli anni nel campo della Protezione Civile fin dalle prime fasi dell’allertamento. All’interno delle varie aree del campo saranno garantiti i servizi igienici, un servizio mensa e l’approvvigionamento di acqua potabile. Il campo base sarà allestito a Villacidro in località Villascema. L’attività addestrativa si articolerà nell’arco delle ventiquattro ore con interventi simulati di soccorso sia nelle ore diurne sia nelle ore notturne.

Tutti gli scenari non saranno resi noti ai partecipanti e dovranno essere risolti in tempo reale. Tutte le prove saranno coordinate da una direzione dell’esercitazione cui fa capo il Presidente dell’A.V.S.A.V. di Villacidro. Si chiede che le Associazioni siano muniti di radio in dotazione. L’A.V.S.A.V. di Villacidro ringrazia tutti per la partecipazione.

Obiettivi : Gli obiettivi generali sono:

1) Verificare la tempestività della risposta e l’efficacia del metodo di gestione dell’emergenza.

2) Migliorare i comportamenti da adottare in caso di urgenza ed emergenza in corso.

3) Avere informazione più dettagliate sui rischi presenti sul territorio per migliorare le modalità d’intervento.

4) Verificare i tempi e le modalità di attivazione/risposta di tutti i Volontari.

5) Testare e verificare i tempi di allestimento del campo in caso di emergenza.

Caratteristiche Geografiche

Il campo di Protezione Civile per l’esercitazione ha come ambito di riferimento il territorio di Villacidro. L’area geografica interessata è la località di Villascema, si trova ai piedi del complesso del Monte Linas con monti superiore a 1200 metri. Negli anni passati è stata protagonista di eventi idraulici e idrogeologici, di eventi d’incendio boschivo, da qui la scelta di quest’area per l’esercitazione “Spartacus 2013”. Ci si trova difronte a una morfologia del territorio più o meno aspra, i suoli sono spesso sottili e soggetti a erosione, tranne laddove una densa copertura arbustiva e arborea protegge i suoli dall’azione battente delle piogge e fornisce la materia vegetale che è poi decomposta e trasformata in sostanza organica del suolo.

La vegetazione forestale è costituita da specie di macchia mediterranea. Il clima è mite con una temperatura media annuale è di 16,5 C°. Dal punto di vista idrografico sono presenti alcuni importanti torrenti tra cui il Riu Bidda Scema, il Rio Leni che confluisce poi nel Flumini Mannu alla periferia di Serramanna. Il Torrente Leni nel suo tratto montano impostato su litologie a bassa permeabilità e con pendenze forti le acque del torrente defluisce a valle in maniera violenta e con effetti spesso rovinosi. Per questa ragione la diga costruita tra Cuccuru Arbus e P.ta S’Avarizia a valle della confluenza con il Riu Bidda Scema ha tra le sue funzioni quella di laminare piene.

La diga, che circoscrive il lago di Monti Mannu, alimenta l’acquedotto dell’area industriale di Villacidro. Si tratta di uno sbarramento realizzato in materiale sciolto proveniente da alluvioni recenti, rivestita con un manto di calcestruzzo bituminoso, l’altezza massima è di 53,50 metri con uno sviluppo di 660,5 metri. Il volume utile dell’invaso è di 19 milioni di mc, il volume di laminazione è di 8,9 milioni di mc.  Il vento predominante è il Maestrale ma hanno la loro importanza anche il vento di Scirocco e il Levante.

Fenomeni di pericolosità e rischio Geoambientale

Il livello di rischio geologico ambientale è direttamente proporzionale alla pericolosità, cioè a probabilità che un fenomeno potenzialmente dannoso o distruttivo (nel caso specifico un’alluvione o una frana) si verifica in una determinata area in un certo intervallo/periodo di tempo, e alla vulnerabilità, cioè il grado di esposizione alla compromissione di un’area a causa di agenti esogeni o di processi antropici.

Pericolo d’inondazione

Quando l’inondazione è causata dalla tracimazione dei corsi d’acqua ingrossati da piogge intense, si parla di alluvione. Nella valutazione del rischio di alluvione, assume un ruolo fondamentale, il tempo di ricorrenza, in altre parole la frequenza statistica con cui un evento esondativo di una data intensità si ripresenta nello stesso luogo al passare del tempo.

 Pericolo di frana

Con il termine frana s’indica il fenomeno di movimento o caduta di materiale roccioso o sciolto per effetto della forza di gravità. I fattori o le cause che producono una frana sono molteplici tra queste per esempio eventi pluviometri estremi.

In generale le parti di una frana si distinguono in:

- Nicchia di distacco – Alveo o pendio di frana – Cumulo di frana.

Nel territorio di Villascema si sono avute colate detritiche torrentizie, sono causate da un processo naturale che consiste nel trasporto di materiale solido da parte delle acque in ambiente montano, e sono costituiti da una miscela di acqua con elevata concentrazione di materiale detritico che si muove verso valle con velocità variabili da pochi cm/sec sino a 25 m/sec.

Queste colate detritiche rivestono una notevole importanza sull’evoluzione morfologica dei versanti e sul rischio determinato dalla loro capacità distruttiva.  Nell’area di Villascema aumenti improvvisi di disponibilità idrica, dovuti a piogge intense, possono provocare la mobilitazione d’ingenti quantità di detrito a causa dello scorrimento caotico dell’acqua lungo compluvi modellati nel basamento impermeabile.

Sistema di allertamento e piani di emergenza

Il sistema di allertamento è quello indicato dalla direttiva dell’Assessore Regionale alla Difesa dell’Ambiente del 27 marzo 2006.

I piani di emergenza sono composti da tre fasi.  L’esercitazione “Spartacus 2013”, essendo organizzata dall’A.V.S.A.V., partirà dalla 3°fase, avendo come obiettivo la verifica e il miglioramento delle operatività del Volontariato, la 1° e la 2°fase saranno spiegate duranti i seminari.

Di seguito un esempio delle 3 fasi per emergenze di tipo idrogeologico

La 1° fase – Allertamento dei Comuni della Provincia e dei Presidi Idraulici e Idrogeologici da parte del Servizio Regionale di Protezione Civile, tramite fax, per avverse condizioni meteo con probabilità di forti piogge e temporali con quantitativi cumulati elevati e molto elevati.

La 2° fase – Passaggio dallo stato di allerta a quello di allarme con diramazione di uno stato di allerta con criticità elevata per il rischio idraulico e idrogeologico.

La 3° fase – Emergenza per esondazione dei torrenti dell’area interessata a seguito del persistere di condizioni metereologiche avverse con forti precipitazioni con quantitativi cumulati elevati e molto elevati e riattivazioni di movimenti franosi. Al passaggio dallo stato di allertamento allo stato di allarme e da questi allo stato di emergenza si attiveranno le procedure previste dalle vigenti normative e dalla pianificazione comunale adottata.  In particolare il Sindaco attiverà, previo avviso di comunicazione alla Sala Operativa Regionale, e riunire il COC (Centro Operativo Comunale) per organizzare tutte le attività da svolgere, eventualmente saranno attivati simultaneamente, in base alle reali situazioni, i COM (Centri Operativi Misti).  Il Sindaco invierà la colonna mobile e delle squadre operative che individueranno l’area per il campo base  (da questo momento parte l’esercitazione “Spartacus 2013”).

Appena diramato lo stato di allerta, tutte le componenti interessate dovranno attivarsi per garantire le procedure previste dalla pianificazione comunale e nelle normative nazionali e regionali di riferimento. Al passaggio dei vari stati corrisponderà l’attivazione delle proprie procedure operative secondo uno schema preciso:

1-Stato di allerta. Invio di comunicazione di allerta meteo. Attivazione dei Presidi territoriali. Monitoraggio del territorio.

2-passaggio dallo stato di allerta allo stato di allarme. Attivazione dei COC. Attivazione delle aree di emergenza.

3-Passaggio all’emergenza. Attivazione dei soccorsi. Avvio della colonna mobile. Gestione dei COC, COM etc. Attivazione delle attività di sicurezza.

4-gestione delle attività di censimento dei danni e di ripristino del territorio e ritorno alla normalità.

CRONOPROGRAMMA DELL’ESERCITAZIONE

Venerdì 03

Ore 09:00 – Trasmissione via fax da parte del Servizio Regionale di Protezione Civile dello stato di allerta meteo per il possibile verificarsi di forti precipitazioni e temporali con quantitativi elevati e molto elevati.

Ore 09:15 – Comunicazione ai Comuni del territorio dell’avviso di condizioni meteorologiche avverse e attivazione dei Presidi Territoriali.

Ore 09:30 – Avvio del monitoraggio del territorio, dei corsi d’acqua e delle aree idrologicamente instabili.

Ore 10:30 – Primo avviso dei Presidi Territoriali sul peggioramento delle condizioni meteorologiche con piogge intense.

Ore 11:30 – Comunicazione alla Sala Operativa Regionale da parte del Sindaco di Villacidro il verificarsi delle prime esondazioni nella località di Villascema.

Ore 12:00 – Terza comunicazione dei Presidi Territoriali sull’aggravarsi della situazione dei corsi d’acqua ormai vicini al livello di guardia e sulla necessità di procedere al passaggio dello stato di allarme.

Ore 12:15 – Comunicazione fax del Servizio Regionale di Protezione Civile dell’allerta per rischio idrologico con criticità moderata.

Ore 12:20 – Attivazione da parte del Comune di Villacidro delle Procedure di allarme previste nelle pianificazioni comunali con l’ausilio delle Associazioni di Volontariato e con attivazione del COC.

Ore 12:35 – Comunicazione da parte del Sindaco alla Sala Operativa Regionale, Sala operativa provinciale e Prefettura di altre esondazioni del Torrente Riu Bidda Scema con mobilitazione d’ingenti quantitativi di detriti, richiesta del passaggio dallo stato di allarme allo stato di emergenza.

Ore 12:40 – Attivazione delle squadre operative disponibili per le attività di supporto al Sindaco.

Ore 13:00 – Attivazione e invio, su richiesta del Sindaco, e in base alle informazioni assunte dai Presidi, della colonna mobile.

Ore 14:00 – Inizio esercitazione.

Ore 15:00 – Partenza della colonna mobile dalla sede dell’A.V.S.V. di Villacidro.

Ore 15:30 – Arrivo sul luogo dell’evento della colonna mobile allestimento campo.ù

Ore 21:00 – Cena per tutti gli operatori.

Ore 22:30 – Seminario di Protezione Civile.

Ore 2:00 – Allarme ricerca dispersi.

Sabato 04

Ore 8:00 – Colazione per tutti gli operatori.

Ore 8:30 – Allarme idrogeologico: Attività idrogeologico e sanitario.

Ore 13:00 – Pranzo per tutti gli operatori.

Ore 14:00 – Seminario incendio boschivo e di interfaccia.

Ore 15:30 – Allarme AIB.

Ore 21:00 – Cena per tutti gli operatori.

Ore 22:30 – Attività varie di Protezione Civile.

Domenica 05

Ore 8:00 – Colazione per tutti gli operatori.

Ore 8:30 – Esercitazione recupero con teleferica.

Ore 12:30 – Pranzo conclusivo.

Ore 16:00 – Smontaggio campo e fine esercitazione.

(DA: Brochure gentilmente inviatami

dall’A.V.S.A.V. di Villacidro-3 mag 2013)

Specializzati in protezione civile

Nuovo traguardo per i volontari della Croce Bianca,

in attività da 25 anni 

Il direttivo della Croce Bianca è arrivato a fine mandato. Venerdì 14 l’assemblea dei soci si riunirà per decidere la data delle nuove elezioni. Sono stati due anni di grande impegno per l’amministrazione uscente che ha realizzato gli obiettivi prefissati.

Tra questi il censimento in protezione civile lo scorso gennaio, l’acquisto della nuova ambulanza, il seminario relativo alla protezione civile svolto a Villacidro in primavera che ha portato al gemellaggio in occasione del recente venticinquennale, due festival canori e varie altre manifestazioni organizzate per raccogliere fondi e finanziare il programma sopracitato.

Un lavoro impeccabile quello del direttivo, reso possibile dalla partecipazione e generosità di molti. «Ringrazio di cuore tutta la comunità di Orosei, i settori lavorativi grandi e piccoli, il comparto cave, le amministrazioni comunali succedutesi che sono state molto sensibili alle nostre iniziative e la Regione che con il suo contributo economico ci ha dato la possibilità di acquistare il nuovo mezzo», dice il vicepresidente e responsabile sociale Toni Diana, che spera in un incremento dei volontari sia per il servizio sanitario che per quello neonato della protezione civile.

I volontari di Orosei ritengono determinante l’apporto di tutti coloro che hanno contribuito alla crescita dell’associazione. «È stato prezioso – riconosce Diana – il lavoro dei soci, dei giovani e dei nuovi iscritti in protezione civile», Venerdì, in prima convocazione alle 20 e in seconda alle 20,30, nella sede sociale in Piazza Mercato, l’assemblea generale dei soci, invitati a partecipare numerosi, discuterà circa il fine mandato del direttivo e delle elezioni per il rinnovo dei vertici della Croce bianca, che potrebbero essere convocate per fine mese.

(DA: L’Unione Sarda-Agostina Dessena-11 dic 2012)

Sono stati estratti i biglietti vincenti della lotteria a premi organizzata dall’associazione Croce Bianca di Orosei, in occasione del festival canoro regionale che si è tenuto nel centro baroniese il scorso 14 agosto.

Ecco i numeri fortunati a partire

dal primo premio fino al trentaduesimo:

1755 (ritirato); 2316; 2942; 2362; 1010 (ritirato); 2736; 2749 (ritirato); 0270; 2790; 2911; 2610; 1612; 2875; 0863 (ritirato); 2356; 2077 (ritirato); 0945; 2370; 1998; 2851; 2889 (ritirato); 2055 (ritirato); 1027 (ritirato); 0836 (Arzachena); 1878; 1896; 2387; 2365; 1260; 0873 (ritirato); 2364; 2767.

I vincitori che ancora non hanno provveduto possono informarsi in merito alle modalità di ritiro del premio telefonando agli organizzatori al numero: 340-91.98.806.

(Da:L’Unione Sarda-ago. des.- 18 ago 2012)

Vigilia ferragostana a suon di musica.

Giunge alla sua ottava edizione estiva il festival regionale della canzone organizzato dalla Croce Bianca di Orosei.

L’appuntamento è per le 21 di martedì in piazza del Popolo. In gara 35 cantanti provenienti da tutta l’Isola distinti per fasce d’età in tre categorie: i cantanti in erba dai 5 agli 11 anni, i giovanissimi dai 12 ai 16 e una terza categoria che comprende talenti dai 17 anni in su. Preparati dall’insegnante di musica dorgalese Cenzo Marras, si esibiranno sia in live, accompagnati dall’orchestra Di Mare D’Azzurro di Budoni, che su basi musicali.

Ad aprire la serata sarà un duetto di Flavio Mulas, ventitreenne cantante oroseino, e Simona Farris, giovane voce di Budoni che dopo la loro performance impugneranno i microfoni per presentare ospiti e cantanti in gara.

(Da:L’Unione Sarda-ag. des.-12 ago 2012)

A metà giugno partiranno i nuovi corsi sanitari organizzati dalla Croce Bianca di Orosei.

Venerdì 9 giugno alle 19.30 nella sede di piazza del Mercato, si terrà una riunione aperta a tutti coloro che sono interessati a diventare volontari. Verranno fornite le informazioni relative al programma e alle modalità di svolgimento dei corsi. La formazione degli aspiranti volontari sarà curata dai delegati sanitari Vanna Delussu (presidente dell’Associazione), Carmen Mureddu, Gaetano Chessa con la collaborazione di un medico. (ago. des.)

(Da:L’Unione Sarda-23 maggio 2012)

Attualmente sono una trentina

i volontari della Croce bianca di Orosei.

Ma molti di loro sono lavoratori stagionali e nei mesi estivi la loro disponibilità a prestare soccorso è limitata. «Abbiamo bisogno di più volontari per garantire al meglio il servizio a fronte di una richiesta sempre più cospicua», dice il vicepresidente Antonio Diana delegato sociale.

La Croce bianca opera da 25 anni a servizio della comunità di Orosei e di tutto il circondario nell’assistenza sanitaria e sociale, e dal gennaio 2012, anche nella protezione civile. Ricoveri programmati, visite mediche nei vari ospedali della Sardegna, postazioni di soccorso durante le manifestazioni socio culturali e gli eventi sportivi sono servizi sempre più richiesti che necessitano un potenziamento dell’organico.

(Da:L’Unione sarda-a. d.-18 maggio 2012 )

L’Associazione Croce Bianca di Orosei, organizza per i propri soci una giornata di studio e documentazione presso la sede del centro operativo di  Protezione Civile del Medio Campidano a Villacidro.

L’iniziativa si colloca nell’ambito delle attività connesse alla costituzione del nucleo di Protezione Civile che l’Associazione porta avanti, ed intende fornire ai propri soci una prima occasione di conoscenza dei vari aspetti organizzativi ed operativi che un’associazione di volontariato operante in questo settore dovrà affrontare.

Il servizio di Protezione civile del Medio Campidano di Villacidro è riconosciuto come uno dei più dotati ed efficienti della Sardegna.

L’incontro prevede un aggiornamento sui vari aspetti riguardanti la Protezione Civile, la presentazione e il funzionamento delle varie attrezzature operative, alcune simulazioni pratiche “sul campo”.

La visita è prevista per domenica 5 febbraio p.v. e si prevede la partecipazione di ca. 50 soci. Sono stati invitati a partecipare il Sindaco, i componenti il Centro Operativo Comunale di Protezione Civile e l’intera Giunta Comunale.

  (Da:Comunicato della Croce Bianca di Orosei-21 gen 2012)

BONSAI_AID_AIDS_Aids, ovvero, una malattia che grazie ai farmaci è “relativamente”sotto controllo nei Paesi sviluppati ma è drammaticamente presente nei Paesi poveri, Africa ed Asia in particolare, con un numero crescente di casi tra donne e bambini.

“Quanto succede in luoghi che sembrano lontani, nel mondo di oggi succede praticamente di fianco a noi”. Lo sottolinea Anlaids,ass.naz.per la lotta contro l’Aids, presente nei giorni 22, 23 e 24 aprile, in 3500 piazze italiane, con l’iniziativa “Bonsai Aid Aids 2011“.

In cambio di un contributo, volontari Anlaids offrono un bonsai, albero bisognoso di cure. I fondi raccolti sono destinati a sostenere i progetti dell’associazione. Info su www.anlaids.org

(Da:Televideo.Rai.it-18 apr 2011)

orosei: i 22 anni della croce bianca (associazione volontari del soccorso)

A Orosei l’Anlaids sarà presente nella giornata di sabato 23 aprile con i volontari della Croce Bianca con la loro postazione  nel Piazzale del Comune in Via S.Veronica in un gazebo dove resteranno fino all’esaurimento delle scorte di questa preziosa pianticella sicuri del grande cuore solidale che le oroseine e oroseini hanno sempre dimostrato in queste importanti occasioni.


Ricevo dal Delegato Sociale della Croce Bianca

il seguente comunicato e manifesto che volentieri pubblico

OROSEI: LA CROCE BIANCA FESTEGGIA VENT'ANNI DI VOLONTARIATOCROCE-BIANCAChi è interessato può rivolgersi

ai seguenti numeri di telefono:

0784 999001

(sede Croce Bianca)

338 7463779

(Capo servizio Croce Bianca)

“Nelle piazze italiane c’è un bonsai per te. Chi c’è alzi la mano!”

orosei: i 22 anni della croce bianca (associazione volontari del    soccorso)A Orosei il 3 aprile In Piazza del Popolo i Volontari della Croce Bianca per l’Anlaids (Associazione Nazionale per la Lotta all’Aids)  raccolgono fondi  offrendo i bonsai per la ricerca contro l’Aids raccolta  sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica, con il patrocinio della fondazione “Pubblicità Progresso” ed il sostegno del Segretariato sociale Rai e Mediafriends.

http://www.rai.it/Contents/societa/3800/Bonsai_Anlaids.jpg

Orosei è una delle 3.500 piazze italiane dove l’Anlaids è presente con i bonsai L’Anlaids oltre che nelle piazze sarà presente  anche nei centri commerciali e ospedali. Lo slogan scelto per l’edizione 2010 parla di partecipazione e visibilità, temi cardine per la lotta all’Aids. “Nelle piazze italiane c’è un bonsai per te. Chi c’è alzi la mano!” è

un richiamo ad impegnarsi per fermare una malattia che ogni anno colpisce circa 4-5.000 persone in più, tanto che la cifra delle persone sieropositive nel nostro paese ha superato la soglia delle 150.000 unità.

http://blog.anlaidslazio.it/wp-content/uploads/2010/01/Immagine-bonsai.jpgL’iniziativa sociale: “Bonsai aid Aids è giunta alla sua XVIII edizione e serve per sensibilizzare l’opinione pubblica attraverso la distribuzione di materiale informativo sulla prevenzione dell’infezione da Hiv.

Offrendo un sostegno alle attività di Anlaids è anche possibile prendesi cura di un bonsai per regalare speranza e confermare un gesto di solidarietà, oltre che per finanziare la ricerca.

Marco Camedda