Articoli corrispondenti al tag: festa

COMUNE DI NUORO:Festa di San Domenico Savio

di , 30 Aprile 2016 19:16

 Conferenza stampa di presentazione del

programma della festa di San Domenico Savio

Discepolo di San Giovanni Bosco (1842-1857). Morì poco prima di compiere 15 anni, ma nella sua breve vita aveva già dato prova di grande virtù. Molto noto il suo motto: "La morte ma non peccati".

Lunedì 2 maggio alle ore 11,

presso la Sala delle Rappresentanze del Palazzo Civico di via Dante, si terrà la conferenza stampa di presentazione del programma della festa di San Domenico Savio alla presenza del sindaco Andrea Soddu, del priore dell’edizione 2016 Maurizio Soddu e di alcuni componenti del cast artistico.

(DA: comunicato Comune di Nuoro-30 Aprile 2016)

-foto con didascalia di San Domenico Savio:  da internet-

8 MARZO: “FESTA DELLA DONNA”

di , 7 Marzo 2016 23:54

UN BELL'ALBERO DI MIMOSE DI CUI E' RICCO IL NOSTRO TERRITORIO

AUGURI A TUTTE LE DONNE

e…alcune notizie sulla festa!

Da quando si celebra ufficialmente la «Giornata internazionale della donna»?

Dal 1977, su decisione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, che riconobbe «gli sforzi della donna in favore della pace e la necessità della loro piena e paritaria partecipazione alla vita civile e sociale».

Perché l’8 marzo si regalano le mimose?

L’idea di abbinare alla festa della donna un fiore è solo italiana. È nata nel 1946 per opera di Rita Montagnana e Teresa Mattei. La scelta cadde sulla mimosa perché fiorisce nei primi giorni di marzo, non ha un costo eccessivo ed è alla portata di molti. All’unanimità l’assemblea dell’Udi scartò prima le anemoni e poi i garofani.

Quale significato ha, oggi, la festa della donna nel mondo?

La nazione dove ancora è più sentita è la Russia. Qui, l’8 marzo, è addirittura vissuto come festa nazionale da trascorrere in famiglia. In molte città americane le celebrazioni incominciano qualche giorno prima dell’8.

(Fonte parziale:La Stampa.it-Elena Lisa)

Il 14 FEBBRAIO: Perché si festeggia San Valentino?

di , 14 Febbraio 2016 13:11

 

SAN VALENTINO

Perché il 14 febbraio

si festeggia San Valentino?

Ricorrenza dal sapore commerciale, ma dall’origine antichissima Tweet 13 febbraio 2016 Come spesso accade festa pagana e rito cristiano si incontrano.

E così il giorno di San Valentino, in cui il calendario ricorda il vescovo di Terni, è diventato, ormai da molti, ricorrenza degli innamorati e occasione commerciale in cui scambiarsi un dono.

Sostituisce un rito pagano.La festa di San Valentino – che cade ogni anno il 14 febbraio – sembra sia molto antica: non ci sono documenti ufficiali, ma solo tracce che ne testimoniano l’esistenza già dal V secolo per sostituire la festa pagana dei Lupercalia, in onore della fertilità della terra e degli uomini.

Chi era San Valentino. Incerte le origini del Santo nelle vesti di protettore degli innamorati. Ma sembra sia stato il primo ad unire in matrimonio un pagano e una cristiana. Valentino convertitosi al cristianesimo, è consacrato vescovo a soli 17 anni e perseguitato fino alla decapitazione – quasi centenario – nel 273, neanche a dirlo, il 14 febbraio. Così racconta la storia.

La leggenda invece narra miracoli in fatti di cuore. Episodi celebri Dicevamo del matrimonio tra un pagano e una cristiana, ma la tradizione testimonia che un giorno Valentino abbia fatto innamorare due giovani, provocando intorno a loro il volo di alcuni piccioni intenti a scambiarsi gesti affettuosi. Da qui deriverebbe anche l’espressione ‘piccioncini’.

Festa moderna. Ma la ricorrenza di San Valentino, come la conosciamo oggi, è più recente e fa riferimento a dei bigliettini d’amore che furono scritti da Carlo duca d’Orleans nel XV secolo mentre era prigioniero nella torre di Londra.

Il risvolto commerciale della festa è della metà dell’Ottocento e arriva dagli Stati Uniti: è da qui che ‘Valentine’ diventa business.

(DA: RaiNews-13 Febbraio 2016)-foto da internet

OROSEI:Sabato 23 gennaio prossimo la onlus MM festeggia i suoi primi 10 anni

di , 19 Gennaio 2016 18:01

La onlus MM festeggia

i suoi primi 10 anni

Sabato prossimo, a Orosei, grande festa nella sede della cooperativa convenzionata col 118.

Dieci anni di intenso lavoro e sacrificio. È questo l’importante traguardo raggiunto il 15 dicembre dell’anno appena trascorso dalla cooperativa MM Soccorso Onlus di Orosei, convenzionata con il 118.

Più di 5.000 gli interventi compiuti negli anni di servizio, tra cui 1192 in codice rosso e 605 Rendez-Vous ossia gli interventi coadiuvati con l’ambulanza medicalizzata o l’elicottero. Una cooperativa formata da dipendenti e volontari qualificati, muniti di tutti gli attestati previsti per legge, impegnata anche in assistenze durante le manifestazioni pubbliche e nei servizi di trasporto fuori sistema, come le dimissioni ospedaliere.

Una delle ambulanze del MM di Orosei in un intervento del 2015 (foto m.camedda)

Per tanti anni la cooperativa ha avuto sistemazioni precarie in locali d’affitto poi, nel 2012, finalmente il trasferimento nei locali della cittadella sanitaria dell’Asl, a Sant’Antonio.

«Voglio ringraziare particolarmente tutti i dipendenti e i volontari che hanno permesso che questa cooperativa potesse continuare a prestare il suo servizio alla comunità di Orosei e di tutti i paesi limitrofi» ha detto emozionato il presidente della cooperativa Marco Dessena. Che ha voluto ringraziare pubblicamente chi li aiuta a prestare un servizio essenziale per la comunità. «Un ringraziamento va a GV Marbles, Bonfigli e Marmi Elena che mensilmente ci offrono un importante aiuto senza il quale sarebbe difficile andare avanti in questo periodo. Grazie anche al Comune, all’Asl e alla cooperativa di soccorso di Bolotana Ellemme, sempre vicina per ogni esigenza».

«Siamo una onlus, per questo chiunque può aiutarci anche destinando il suo 5xmille alla nostra associazione, un gesto semplice ma per noi importantissimo – prosegue il presidente ricordando il codice fiscale della MM Soccorso 93031970911 – Entro quest’anno la cooperativa dovrà, a causa delle direttive regionali vigenti, sostituire una delle ambulanze attrezzate. Si tratta di una spesa importante, di circa 70.000 euro, sicuramente non semplice da gestire per la sola cooperativa».

Per festeggiare i primi 10 anni di attività i dipendenti hanno organizzato un rinfresco aperto a tutta la comunità. L’appuntamento è per il prossimo sabato alle ore 16 nei locali della sede della cooperativa, alla presenza delle autorità e delle forze pubbliche.

«Invitiamo tutta la popolazione a partecipare numerosa e ringrazio tutti i privati che si sono fatti avanti in questi giorni con donazioni e offerte per contribuire a organizzare il rinfresco» conclude Marco Dessena annunciando che sono in fase di elaborazione due importanti iniziative solidali dedicate alla comunità di Orosei.

(DA: La Nuova Sardegna-Cecilia Fontanesi-17 Gennaio 2016)

GALTELLI’: “SU OCU DE SANT’ANTONI”

di , 14 Gennaio 2016 21:47

Una composizione sul fuoco di Sant'Antonio acceso in Piazza Parrocchia

“Il Fuoco di S.Antonio” a Galtellì

dopodomani sera 16 Gennaio…all’imbrunire!

Come da anni avviene in questo periodo, il comitato per “Sant’Antoni’e s’Ocu” è nel pieno dei preparativi per i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate e per la preparazione del grande falò di frasche che verrà acceso all’imbrunire del prossimo 16 gennaio.

Una consuetudine giunta ormai alla quarta generazione visto che il Comitato compirà quest’anno 116 anni.

Foto della preparazione del fuoco nel 2015 in Piazza Parrocchia

Oggi sono i nipoti e i pronipoti dei soci fondatori a mandare avanti immutata la tradizione. I festeggiamenti seguono un disciplinare immutato nel tempo e che vede la figura del priore quale supervisore di tutti i particolari. A lui l’onore (e l’onere) di organizzare la ricorrenza, gli aspetti religiosi e il pranzo conviviale che si consuma il giorno della festa mentre gli altri soci concorrono alla preparazione del falò.

Una tradizione consolidata insomma, che ha una sede fissa per l’accensione del falò, la Piazza del SS.Crocifisso.

È qui che la sera del 16 gennaio il priore, insieme alle persone che avevano fatto voto a sant’Antoni, dopo l’accensione del falò benedetto ed i tre giri intorno al fuoco, offriranno come da tradizione sos coconeddos ed un bicchiere di quello buono come augurio di un buon anno e di prosperità a tutte le persone, che si troveranno al rito intorno al falò.

Segue poi in loc.Orterenu un secondo, grande falò a cui partecipa tutta la Comunità con offerte e un fiasco di vino. Anche questo evento è gestito da un priore, espresso dall’estrazione di biglietti nominativi oppure per devozione o promessa al Santo per autocandidatura, il quale si sceglie i collaboratori per l’organizzazione della festa.

Anche in questo caso, grazie alla contribuzione della Comunità la sera del 16 gennaio, funzione religiosa, tre giri intorno al falò e distribuzione del tipico dolce sos Cocconeddos”…Segue cena conviviale rigorosamente a “fava e lardu”

Quest’anno per l’evento la Biblioteca Comunale ha organizzato per i bambini delle letture e attività creative per riscoprire e conoscere meglio questo antichissimo rito del Falò di Sant’Antoni…

(DA comunicato del Comune di Galtellì -13 Gennaio 2016)

IRGOLI: “Festa della Befana 2016″ con la Sirio Orosei-Irgoli

di , 3 Gennaio 2016 19:43

5 GENNAIO 2016 ALLE ORE 16:00

C/O PALESTRA SCUOLA MEDIA IRGOLI

(DA: sito istituzionale Comune di Irgoli)

COMUNE DI NUORO: Festa Tradizionale di Natale nel Centro Polifunzionale “Arcobaleno”

di , 17 Dicembre 2015 11:55

FESTA DI NATALE

L’Assessore ai Servizi alla Persona Valeria Romagna e tutta l’Amministrazione Comunale sono lieti di invitare tutti gli Anziani della Città alla Festa Tradizionale di Natale organizzata per il giorno 18 Dicembre alle ore 17.00 presso i locali del Centro Polifunzionale “Arcobaleno” di Via Brigata Sassari n.20 .

(DA: comunicato Comune di Nuoro-15 Dicembre 2015)

 

ASL3 NUORO: domani 5 Agosto chiusura Centro Trasfusionale per Festa Santo Patrono

di , 4 Agosto 2015 22:55

FESTA SANTO PATRONO

Santa Maria della Neve:

chiusura Centro Trasfusionale

L’Azienda Sanitaria di Nuoro ricorda che mercoledì 5 Agosto, festa di Santa Maria della Neve, Santo Patrono della Città di Nuoro, il Centro Trasfusionale dell’Ospedale San Francesco resterà chiuso al pubblico. Pertanto non sarà possibile effettuare le donazioni del sangue.

Si comunica inoltre che

l’Autoemoteca del Centro sarà a disposizione nei giorni di Giovedì 6, Venerdì 7 e Sabato 8 agosto nei Comuni di Dualchi, Lula, Orani.

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-4 Agosto 2015)

ASL3 NUORO: Festa del Santo Patrono,chiusura Poliambulatorio

di , 4 Agosto 2015 22:37

FESTA DEL SANTO PATRONO:

chiusura Poliambulatorio

L’Azienda Sanitaria di Nuoro ricorda che mercoledì 5 Agosto, festa di Santa Maria della Neve, Santo Patrono della Città di Nuoro, il Poliambulatorio di via Alessandro Manzoni resterà chiuso al pubblico.

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-3 Agosto 2015)

ASL3-NUORO: Domani 24 Giugno chiusura Poliambulatorio di Siniscola per festa Patrono

di , 23 Giugno 2015 19:16

SINISCOLA: FESTA SANTO PATRONO

La Direzione del Distretto Sanitario di Siniscola comunica che domani-mercoledì 24 giugno, Festa del Santo Patrono di Siniscola (San Giovanni Battista) – il Poliambulatorio e gli altri servizi afferenti saranno chiusi.

La normale attività riprenderà regolarmente giovedì 25 giugno.

(DA: comunicato Asl3 Nuoro- 18 Giugno 2015)

ASL3-NUORO: Lunedì 1° Giugno chiusura uffici amministrativi

di , 28 Maggio 2015 17:42

Chiusura uffici amministrativi

1 giugno- vigilia Festa della Repubblica

L’Azienda Sanitaria di Nuoro comunica che gli uffici amministrativi aziendali resteranno chiusi nella giornata di lunedì 1 giugno, vigilia della Festa della Repubblica Italiana. La misura è adottata in ossequio alle norme sull’obbligo di riduzione della spesa pubblica.

Saranno comunque garantite tutte le attività sanitarie ordinarie e programmate.

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-28 Maggio 2015)

COMUNE DI IRGOLI: 8 MARZO “FESTA DELLA DONNA”

di , 7 Marzo 2015 21:15

(DA: sito istituzionale Comune di Irgoli)

NUORO: Sfilata Carri allegorici Nuoro organizzata dall’ “Associazione Nugoresas”

di , 10 Febbraio 2015 20:10

“Balla chi como benit carrasecare”

-Sfilata Carri Allegorici-

DOMENICA 22 FEBBRAIO

Dopo l’ottima riuscita della manifestazione “Balla chi como benit carrasecare”, organizzata in occasione del Carnevale 2014, con la presenza numeroso pubblico che ha mostrato grande interesse e la partecipazione di rappresentanze di carri allegorici e gruppi in maschera, oltre a quelli di Nuoro, di altri Comuni, quali: Dualchi, Dorgali, Oliena, Orosei e Quartu, per un totale di circa 500 figuranti, l’Associazione Nugoresas, composta da circa venti ragazze, si ripropone per l’organizzazione e realizzazione della stessa manifestazione anche per l’anno in corso.

Anche quest’anno si è pensato di premiare i gruppi/carri più belli mettendo in palio una cifra complessiva di 1000,00 € da suddividere come segue:

  • 1° premio 500,00
  • 2° premio 300,00
  • 3° premio 200,00

premio per: la maschera/carro più brutto
premio per: la maschera più originale

La giuria che valuterà i Carri sarà composta da 1 rappresentante per ogni gruppo iscritto.

DOMENICA 22 FEBBRAIO, una intera giornata dedicata al Carnevale che avrà inizio la mattina intorno alle ore 10.30 in Viale Repubblica dove il gruppo Fantasia di Quartu, composto da circa 50 figuranti tra pagliacci, giocolieri ed artisti di strada, provvederà alla sua animazione.

L’incontro dei gruppi in maschera e dei carri di piccole dimensioni avrà inizio nel primo pomeriggio nella stessa Viale Repubblica ed è previsto per le ore 14.00.

I carri che avranno una dimensione tale da rendere difficoltoso il passaggio da Viale Repubblica a Via Lamarmora, stazioneranno invece in quest’ultima.

Alle ore 15.00 partenza della sfilata, percorso: Viale Repubblica, Via Lamarmora, Corso Garibaldi e conclusione in Piazza Vittorio Emanuele, dove avrà inizio una festa a partire dalle ore 18.30, animata da un noto Dj.

Al fine di auto-finanziare l’iniziativa, l’Associazione realizzarà una Festa in Maschera Sabato 14 Febbraio, presso il Centro Polifunzionale a partire dalle h 23.00

E’ ANCORA POSSIBILE ISCRIVERSI

PER PARTECIPARE ALL’EVENTO.

(DA: comunicato Associazione Nugoresas-10 febbraio 2015)

COMUNE DI IRGOLI e SIRIO OROSEI: “Festa della Befana 2015-Gioca e Cresci con la Pallavolo”

di , 31 Dicembre 2014 19:38

(DA: sito istituzionale Comune di Irgoli-31 Dicembre 2014)

L’AVIS DI OROSEI VI AUGURA “BUON NATALE E BUONE FESTE”

di , 24 Dicembre 2014 20:12

“A SOS SOTZIOS,DONATORES E…

A TOTTUS”

(AI  SOCI, DONATORI E… A TUTTI)

Ringraziamo di cuore tutti i soci e donatori che con grande spirito i solidarietà hanno permesso anche nel 2014 di ottenere ottimi risultati nelle donazioni dimostrando il Grandissimo Cuore  nei confronti di chi soffre e che beneficia di questo Immenso Gesto di Amore.

Son convinto che il prossimo 2015 sarà ancora foriero di splendidi risultati!

A nome del Direttivo Avis di Orosei e mio personale

ANCORA GRAZIE DI CUORE,

Marco Camedda

UNA VECCHIA FOTO ED UN MIO DIPINTO: “Su Ballu Tundu” come incontro, svago e socializzazione

di , 24 Dicembre 2014 12:39

“Su Ballu Tundu” in una  foto del 1940

1998: Su ballu tundu:-Acrilico su compensato dim.50×30.

SU BALLU TUNDU

In occasione della festa patronale o in qualche altra ricorrenza religiosa

la gente del paese si lasciava andare senza freni

a su “Ballu tundu” o a Su “Ballu Brincu”o “Passu Torratu”

che si svolgeva con al centro il bravo suonatore di fisarmonica o organetto!

Le donne mttevano il costume buono e gli uomini lucidavano

i loro stivali e vestivano  l’abito “in villutu” ,quello dell festa,

e uscivano pronti a lanciarsi in piazza nel ballo tondo

che allora rappresentava il vero momento d’incontro e di liberazione

fuori dal lavorodelle campagne per gli uomini

e delle facende domestiche per le donne.

E nascevano anche i primi amori fra ragazzini e ragazzine che

si guardavano timidamente complici,

si sorridevano e si invitavano a ballare

sotto lo sguardo attento dei loro genitori

che  memori che anche il loro incontro è nato  in queste occasioni,

lasciano fare anche se non mollano un secondo i loro “zovanos”.

Ma questo non li esime da partecipare a questo ballo

dove gli uomini talvolta si divertono a mostrare la loro”balentia”

muovendo i piedi in modo ritmico e veloce  scatendano spesso l’applauso

delle donne che degli uomini che apprezzano  questa bravura

e aspettano che il ballo finisca per poter poi entrare anche loro.

E nei loro sguardi c’è la felicità di chi per un pò

lascia a casa o in camapgna le fatiche e si libera

ridendo e scherzando, affiancati in questo momento di festa.

Mentre intorno  c’è sempre chi abita intorno alla piazza e,

se uomo , invita il suo vino su bicchietri da 20 a litro (sos vintinos)

e se donna offre i buoni dolcetti preparati in casa

proprio in onore di queste occasioni di festa.

E tutti ridono, scherzano, hanno voglia di liberarsi

delle fatiche, dei pensieri, della povertà se pur dignitosa

e per una sera si sentono tutti ricchi di amore e di concordia.

E lasciano alle spalle le solite begucce di paese

che spesso quseti incontri ridimensionano

perchè  si incontrano, parlano e si chiariscono.

“E si cumbitaini e prusu de una  vorta si imbriacaini puru

e s’abbranzaini cuntentoso de essere torratoso in pache”!

(e si invitavano e più di una volta si ubriacavano pure

e si abbracciavano, contenti di essersi riappacificati!)

Marco Camedda

COMUNE DI NUORO: Concorso per valorizzazione dell’antico rito del “Fuoco di Sant’Antonio Abate”

di , 20 Dicembre 2014 23:59

 

L’Amministrazione Comunale

nell’intento di valorizzare l’antico rito del fuoco in occasione della festa di Sant’Antonio Abate del 17 gennaio 2015 invita le Associazioni, Pro Loco, Comitati di Quartiere, Comunità Parrocchiali, Gruppi Spontanei, ad aderire al concorso comunicando l’intento di innalzare falò in occasione della festa con l’indicazione del luogo prescelto.

Per l’occasione l’Amministrazione Comunale valuterà i fuochi più belli e pubblicizzerà l’evento, inserendolo in un percorso che consentirà ai cittadini e agli ospiti che vorranno visitare la città di condividere questo tradizionale momento di festa collettiva.

La modulistica necessaria, reperibile sul sito istituzionale: www.comune.nuoro.it o presso l’Ufficio Turismo del Comune di Nuoro in via Dante, 44 (dal lunedì al venerdì dalle ore 09.00 alle ore 13.00) è la seguente:

  • adesione al concorso;

  • notifica sanitaria;

  • istanza concessione suolo pubblico.

Le adesioni dovranno pervenire esclusivamente all’Ufficio Protocollo del Comune di Nuoro Via Dante, 44 – 08100 Nuoro (orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 10.30 alle ore 13.00martedì pomeriggio dalle ore 15.30 alle ore 17.00) entro e non oltre le ore 13.00 di venerdì 9 gennaio 2015.

Eventuali informazioni

potranno essere richieste all’Ufficio Turismo del Comune di Nuoro, dr.ssa Stefania Pinna telefono 0784/216798– e-mail: turismo@comune.nuoro.it

(DA: comunicato Comune di Nuoro-18 Dicembre 2014)

COMUNE DI GALTELLÌ: “Festa dell’Anziano 2014″

di , 17 Dicembre 2014 19:07

L’Amministrazione Comunale di Galtellì 

in collaborazione con l’Associazione Volontari Soccorso e la Protezione Civile di Galtellì

Organizza:

“Festa dell’Anziano 2014″

per Sabato 27 Dicembre 2014.

Il Programma:

Ore 10,00-Santa Messa nella Chiesa di S.Giovanni;

Ore 12,00-Pranzo Sociale;

Ore 14,00-Tombolata, attività di animazione e intrattenimento.

(DA: sito istituzionale Comune di Galtellì-17 Dicembre 2014)

COMUNE DI NUORO:15 Dicembre “Festa per gli Anziani della Città”

di , 13 Dicembre 2014 11:55

FESTA PER GLI ANZIANI DELLA CITTA’

Invito alla Festa

L’Assessore ai Servizi alla Persona Mario Angioi

e tutta l’Amministrazione Comunale

sono lieti di invitare tutti gli Anziani della Città alla Festa Tradizionale di Natale organizzata per il giorno 15 dicembre alle ore 17.00 presso l’Ex Mercato Civico di Piazza Mameli

(DA: sito istituzionale Comune di Nuoro)-foto m.camedda

COMUNE DI BITTI: organizza “Barantannos”, festa per i 40 anni dei tenores di Bitti Remunnu ‘e Locu?

di , 24 Settembre 2014 21:40

(DA: comunicato Comune di Bitti- 24 Settembre 2014)

COMUNE DI NUORO: 114ª Sagra del Redentore – conferenza di presentazione

di , 7 Agosto 2014 23:21

Venerdì 8 agosto alle ore 10,30

presso la Sala Consiglio di Palazzo Civico, il sindaco Alessandro Bianchi e l’assessore alla Cultura e Turismo Leonardo Moro terranno la conferenza stampa di presentazione della 114° Sagra del Redentore.

Saranno presenti i rappresentati di Enti, Associazioni e aziende che hanno collaborato alla realizzazione del programma di eventi.

(DA: comunicato Comune di Nuor- 7 Agosto 2013

GALTELLÌ – 2 agosto 2014: 14ª edizione “FESTA DEL BORGO”

di , 1 Agosto 2014 21:47

“All’imbrunire e al rintoccare delle campane, inizia la 14ª edizione della Festa del Borgo…

Quest’anno per promuovere la comunità di Galte si è cambiato il taglio, preferendo rendere l’appuntamento fondato sulla promozione dei prodotti locali e dei beni storico,culturali,archittetonici e religiosi con la verve dei ragazzi e degli artisti di strada…

…Tutto in una notte la comunità di Galte, aprirà le porte del borgo e rendere fruibili i propri tesori ai visitatori.

…Visite alle chiese, al museo (con lavorazione del pane, coffittura, degustazioni, esposizione lavori artigianali in oro), alla porta del parco, materiale turistico, tappetti sardi fatti a mano e lavorazioni in oro, lavorazione dell’intreccio di canne e giunchi, a cortili privati ben conservati o recuperati,con la casa del miele, del formaggio, del vino, degustazioni e tanto divertimento per i nostri bimbi e ragazzi, grazie alla presenza di artisti di strada…

Saranno presenti tanti imprenditori privati, che ognuno per la propria competenza esporrà il proprio prodotto. A San Pietro verranno installati due osservatori della volta celeste.

In ogni angolo di strada verranno issati delle fasce di canna (siamo il paese del romanzo Canne al Vento di Grazia Deledda), per guidare nei vari siti i visitatori.

“E’ un periodo difficile per tanti motivi, ma per promuovere la nostra comunità, con i suoi attori principali, privati e associazioni, abbiamo fatto uno sforzo enorme.

Galte ha bisogno di questa vetrina, abbiamo dei lusinghieri segnali per continuare un processo di crescita e di valorizzazione della propria storia e cultura…”

ª…Ci crediamo fermamente”

Saluti,

Giovanni Santo Porcu

(DA: comunicato Sindaco Comune di Galtellì-29 Luglio 2014)

OROSEI: Chiusura Poliambulatorio Asl per Festa Patronale

di , 23 Luglio 2014 20:41

La Direzione del Distretto Sanitario

di Siniscola comunica che:

Venerdì 25 Luglio p.v. il Poliambulatorio di Orosei e gli altri servizi afferenti saranno chiusi in occasione della Festa del Santo Patrono, San Giacomo.

(DA. comunicato Asl3 Nuoro-23 Luglio 2014)

OROSEI: Brevi cenni storici della Chiesa e Festa di Santa Maria ‘e Mare

di , 25 Maggio 2014 18:32
S.Maria 'e Mare (in una  foto di circa 20 anni fa)

La chiesetta e la festa di S.Maria 'e Mare (in una foto di circa 20 anni fa)

Chiesa e Festa di Santa Maria ‘e Mare

Pubblico volentieri questo delizioso “Pezzo” (scritto nel 2011)  dell’amico Tommaso Esca che descrive una sintesi della  storia della “Cresieddha” (Chiesetta) dedicata a Santa Maria ‘e Mare e della relativa festa che ogni anno attira migliaia di  fedeli e turisti attratti dalla suggestiva processione di barche nel fiume Cedrino e dal corollario di avvenimenti culturali sempre più numerosi e importanti che precedono e seguono questa manifestazione religiosa che si è tenuta oggi, domenica 25 maggio, durante la quale, apprezzatissima, ogni anno si effettua nei pressi della chiesa e in riva al Cedrino la distribuzione gratuita di panini con polpi preparati dalla locale Società Pescasportiva e amici.

Chiesetta di S.Maria 'e Mare
Chiesetta di S.Maria ‘e Mare (foto camedda-2009)

TESTO di: Tommaso Esca

Al centro della costa orientale della Sardegna, il Golfo di Orosei, uno dei paradisi naturali del Mediterraneo.

Al centro del Golfo, la foce del fiume Cedrino, attorniata dagli stagni, su un’altura , sin dal XII secolo circa , “sa cresieddha de Santa Maria ‘e Mare“. Edificata dalla comunità marinara della città di Pisa, che per circa 200 anni ha gestito i traffici commerciali del porto di Orosei, nasce in un punto di incomparabile bellezza, tra mare, foce del fiume e terra, come cappella del “ Consul Mercatorum ” a devozione di Santa Maria de Pisis.

Interno chiesetta di S.Maria 'e Mare

Interno chiesetta di S.Maria ‘e Mare. Nelle pareti e arcate  le barchette votive donate dai fedeli (2009)

Con l’arrivo degli spagnoli, la stessa viene dedicata alla Madonna di Monserrato. Con la loro cacciata, per gli oroseini diventa semplicemente Santa Maria ‘e Mare, protettrice “ de sos tristos navigantes, in su mare tempestosu, sezis portu de reposu,e ghia de caminantes.” Diventata proprietà dei baroni Guiso di questa contrada, nel novecento , subisce un rapido declino ed abbandono del culto e del manufatto.

don nanni e peppino guisoNel 1975 circa, l’insegnante elementare nuorese Giuseppina Manca, ed i suoi ragazzi, effettuano un servizio fotografico ed una lettera accorata , al notaio oroseino in Siena Dott. Giovanni Guiso, ultimo erede con il fratello Giuseppe. Il nostro mecenate, si prende a cuore, tale stato di degrado e finanzia un ottimo intervento di restauro. La chiesa torna agli antichi splendori, con centinaia di barche votive e tutte le bandiere degli stati che si affacciano sul Mar Mediterraneo.

Ecco quindi la processione mariana sul fiume Cedrino, con le barche dei nostri pescatori, addobbate con cura e dedizione dall’Associazione fioristi del nuorese e non solo. Questa festa religiosa e di popolo è frutto della collaborazione della Regione Sarda, Comune di Orosei, Associazione Pro-Loco, Parrocchia di Orosei, Gruppi e Associazioni di volontariato, cultura e sport, nonché degli Imprenditori oroseini, la animano la festa in questo giorno domenicale.

Orosei:Via S.Veronica infiorata in attesa del passaggio delle barche anch'esse infiorate che saranno varate nel fiume Cedrino

Orosei:Via S.Veronica infiorata con la gente in attesa del passaggio delle numerose barche anch’esse infiorate che saranno varate nel fiume Cedrino-(foto T.Esca 2011).

Apre la stagione turistica oroseina , che consente di dare lavoro a migliaia di persone. I tanti gruppi folcloristici locali in costume animano ogni iniziativa. Nell’ultima domenica di maggio, la mattinata si trascorre piacevolmente nel centro storico della Piazza del popolo ,dove si prepara l’addobbo della barche con mille colori e mille forme. Il tutto tra uno stuzzichino dei nostri prodotti tipici, un buon bicchier di vino, Nel pomeriggio, le vie per il fiume Cedrino, si riempiono di fiori colori e “nuscos” (odori) di stagione.

Fiume Cedrino:la barca che trasporta il simulacro di Santa Maria è Mare verso la chiesettaFiume Cedrino: la barca che trasporta il simulacro di Santa Maria è Mare verso la chiesetta (foto T.Esca 2011)

Le barche e la processione con “sas corfarias “ di Su Rosariu, Sas Animas e Santa Rughe, la statuina della Santa, in processione dentro il fiume sino alla foce ed alla chiesina. Dopo la santa Messa, in mezzo ai tamarici , ai cannicci e alla menta di fiume,il Comitato della festa offre alle migliaia di intervenuti panini con polpi ed n buon bicchiere di cannonau per tutti. In questo giorno di festa, un pensiero ed una preghiera a Santa Maria ‘e Mare a protezione dei tanti disperati che dal nord Africa, ogni giorno affrontano le insidie del mare aperto con delle carrette del mare.

Questi disperati, emigranti per guerre ,carestie, miserie ed ogni genere di povertà, solcano i nostri mari in cerca di pace, serenità , vita decorosa, salute ed istruzione per se e per i figli. Tante anime innocenti ci lasciano la vita. Per chi riesce a solcare felicemente il mare, l’inizio di una nuova vita.

Bona ‘Esta a tottus, peri pro chie nos leghet.”

(Buona Festa a tutti, anche per chi ci ci legge)

 

( Testo e ultime due foto: di Tommaso Esca-2011)

COMUNE DI NUORO celebra il “9 Maggio-Festa dell’ Europa”

di , 15 Maggio 2014 14:27

Anche quest’anno l’Amministrazione comunale di Nuoro celebra il “9 maggio – Festa dell’Unione Europea”.

E’ il 9 maggio del 1950 e l’allora ministro degli Esteri francese Robert Schuman rilasciò la dichiarazione con la quale si proponeva la creazione di una Comunità europea del carbone e dell’acciaio, i cui membri avrebbero messo in comune le produzioni di carbone e acciaio.

Una Festa dell’Europa 2014 che assume un importante significato perché il 25 maggio si voterà per il rinnovo del Parlamento Europeo.

Il Comune di Nuoro e il suo Centro Europe Direct hanno aderito per l’occasione ad un progetto di rete nazionale Europe Direct ed insieme alle città di Pisa, Torino, Venezia e Barletta hanno scelto di incontrare gli studenti degli Istituti Superiori di Nuoro che voteranno per la prima volta.

1.500 studenti, 8 incontri presso tutti le scuole superiori. Gli studenti hanno beneficiato di una formazione generale sull’Unione Europea, il Parlamento Europeo, la cittadinanza e la mobilità dei giovani in Europa. Il progetto ha come titolo “YCAN: Cittadini si diventa”.

Da questo primo lavoro sono stati individuati un centinaio di giovani che parteciperanno a quattro commissioni parlamentari in una vera e propria simulazione del Parlamento Europeo che si terrà domani 16 maggio (pomeriggio) e sabato 17 maggio (mattino) presso l’ex Mercato Civico di Piazza Mameli.

I delegati discuteranno su quattro temi molto importanti: la Politica di coesione e di sviluppo regionale; l’Energie Rinnovabili; i Diritti delle Donne e la Parità di genere; la Sicurezza Alimentare, proponendo al termine una risoluzione che sarà approvata dalla Assemblea in seduta plenaria.

In relazione ai temi trattati hanno aderito all’iniziativa: il Centro Regionale di Programmazione; la Commissione Regionale Pari Opportunità; l’ASL di Nuoro.

Sabato mattina alla presenza del Sindaco Alessandro Bianchi l’avvio dei lavori della Simulazione saranno preceduti dal ricordo di questa importante data celebrativa.

Il 9 maggio vuole ricordare a tutti che l’Unione Europea ha assicurato 60 anni di pace, stabilità e prosperità di 550 milioni di persone.

(DA: comunicato Comune di Nuoro- 15 maggio 2014)

8 MARZO: “FESTA DELLA DONNA”

di , 8 Marzo 2014 00:10

…CARI AUGURI,

Marco

OROSEI-DOMENICA 9 FEBBRAIO: “Festa del Minibasket”

di , 8 Febbraio 2014 21:10

La Festa partirà dalle ore 9 nella palestra di via Verdi a Orosei “Festa del Minibasket” con gli amici della Società Sportiva Pallacanestro Nuoro con gli incontri valevoli per i campionati Aquilotti ed Esordienti che saranno preceduti dalle minipartite tra i piccolissimi Pulcini (2006-07) e i piccoli Scoiattoli (2004-05).

Sara’ una grande occasione di allegria

e divertimento per il minibasket provinciale.

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!!!

(DA: comunicato e foto Pallacanestro Orosei-8 feb 2014)

COMUNE DI NUORO: Non si farà il rinfresco per la Festa delle Grazie

di , 15 Novembre 2013 18:10

Festa della Madonna delle Grazie:

L’Amministrazione comunale comunica di aver deciso che quest’anno il rinfresco per la Festa delle Grazie non si farà.

Il sindaco Alessandro Bianchi spiega il perché  nella seguente Lettera ai Nuoresi pubblicata nel sito internet del Comune


Lettera del Sindaco Alessandro Bianchi ai Nuoresi

Manca una settimana alla Festa della Madonna delle Grazie e come ogni anno la Città si prepara a sciogliere il voto del 1812 alla Vergine per aver liberato Nuoro dalla peste.

È un appuntamento importante per la nostra comunità, carico di sentimenti religiosi e identitari, occasione di riflessione e di festa con i suoi riti consolidati negli anni.

Anche per l’Amministrazione si tratta di giornate particolari che culminano nella mattina del 21 Novembre, nella consegna dei ceri ai rappresentanti dei quartieri e nella partecipazione degli Amministratori e delle Autorità civili e militari alla celebrazione della Santa Messa nella Chiesa delle Grazie.

Negli anni si è affermata, consuetudine nella tradizione, la prassi che il Comune ospitasse nelle sue sale un incontro conviviale, un rinfresco per scambiarsi gli auguri in occasione di una festa tanto sentita dai nuoresi.

Scrivo queste poche righe perché mi rendo conto che per molti questo appuntamento è diventato una parte fondamentale della festa stessa, una occasione per celebrare l’appartenenza alla nostra comunità.

In un momento come quello che viviamo però, penso che il Comune di Nuoro assolva pienamente al proprio ruolo nella consegna dei diciannove ceri ai rappresentanti dei quartieri e presenziando alla Messa solenne in forma ufficiale.

I tempi impongono scelte nuove e la situazione del bilancio comunale, ma direi anche la situazione economica di molte famiglie nuoresi, stride con l’idea di organizzare un rinfresco in Comune, per quanto sobrio come è stato negli anni passati.

Per questo, al termine della cerimonia religiosa, il tradizionale brindisi della Amministrazione non si terrà e la Festa delle Grazie avrà il suo compimento nella Chiesa.

Spero che questa decisione non venga percepita come una mutilazione della celebrazione, confido nel fatto che i Nuoresi onorino pienamente la Festa delle Grazie e sono certo che capiranno la mia decisione”

Il sindaco

Alessandro Bianchi

(DA: comunicato del Comune di Nuoro- 13 nov 2013)

22 SETTEMBRE 2013: L’ISOLA E’ PRONTA AD ABBRACCIARE IL PAPA

di , 21 Settembre 2013 21:12

CAGLIARI: ATTESI MIGLIAIA DI PELLEGRINI

Bandiere bianche e gialle con l’effigie papale alle finestre e sui balconi, alberghi pieni, una nave da crociera in porto, viabilità e mobilità ridotte nelle vie del centro cittadino. La Sardegna è pronta ad abbracciare il Papa.

La visita del Papa riempie il cuore dei sardi di attese. Domani, a Cagliari, sarà una festa di fede e di speranza in cui riscoprire i valori di cui la società ha fame. Ieri Francesco è tornato a parlare dei temi con cui si è misurato dall’inizio del pontificato: il rispetto della vita, la solidarietà cristiana, il perdono e l’accoglienza.

CAGLIARI ACCOGLIE FRANCESCO – Cagliari e l’intera Sardegna si preparano ad accogliere domani Papa Francesco che resterà in città per una visita di dieci ore scandita da sei appuntamenti fissi: gli incontri con il mondo del lavoro e della cultura, i poveri, i malati e i detenuti, più la Messa e l’Angelus davanti al sagrato della Basilica di Bonaria.

Mentre la città si appresta ad ospitare centinaia di migliaia di pellegrini che raggiungeranno i luoghi di incontro con il Santo Padre con 500 autobus, decine di treni e almeno 50.000 vetture private, anche ai semafori delle strade i venditori ambulanti si presentano “in tenuta papale” sventolando le bandiere del Santo Padre.

E tra i tanti ricordi della giornata, l’azienda di trasporto pubblico cittadino, il Ctm, ha realizzato 250.000 biglietti e mille abbonamenti con l’effigie del Pontefice.

Proprio gli autobus, a causa dei tantissimi divieti, saranno presi d’assalto dai pellegrini che si raduneranno dietro le transenne sistemate lungo tutto il percorso del corteo Papale. In molti sperano di poter assistere ad uno di quei “fuori programma” a cui Papa Francesco ha abituato i media di tutto il mondo, come accaduto a Rio de Janeiro.

Imponente anche la macchina organizzativa messa in campo dalla Diocesi di Cagliari, che schiera 1.600 volontari, dalla Protezione Civile e dalla Croce Rossa, che ha allestito un ospedale da campo, e dalle forze dell’ordine. Migliaia di agenti in divisa e non, tiratori scelti e militari sono pronti per vigilare sull’evento e per assistere i pellegrini che tenteranno di abbracciare Josè Bergoglio, “il Papa della porta accanto“.

Per il Pontefice, “rivoluzionario e umile“, come lo ha definito il governatore di Buenos Aires, Mauricio Macrì – a Cagliari in visita ufficiale insieme con il ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri – ci saranno anche momenti privati: la preghiera con la comunità dei Padri Mercedari di Bonaria nel Santuario che custodisce il Simulacro della Vergine poco prima della Messa, e un semplice pranzo con i prodotti tipici della tradizione sarda. I culurgionis di Lanusei (tipici ravioli dell’isola) e il Cannonau di Jerzu, mentre per la celebrazione il vino sarà offerto dagli studenti enologi dell’Università Consorzio Uno di Oristano.

**DA: L’Unione Sarda- 21 set 2013**

GALTELLÌ: Sa Itria, quella festa ritrovata

di , 31 Agosto 2013 20:14

Chiesa della Madonna d'tria (foto: m.camedda-2003)

Voches ‘e ammentos raccoglie l’appello

del parroco: domenica messa solenne e pranzo

I volontari diventano operai e restaurano la chiesa sul monte Tuttavista

Una grande fede, olio di gomito e la caparbietà di tanti volontari. Sono le fondamenta su cui dopo dieci anni rifiorisce a Galtellì la festa di Sa Itria (in onore della Vergine che indica la strada, secondo un’antica parabola bizantina) sul monte Tuttavista.

GALTELLI': IL CORO "VOCHES E AMMENTOS (foto da internet)

L’appuntamento è per il primo settembre, con un sobrio calendario: messa e grande pranzo comunitario. Torna dunque a nuova vita in tutto lo splendore della sua semplicità la chiesetta campestre all’ombra del Cristo bronzeo, grazie all’associazione Voches ‘e ammentos e altri residenti.

A dare l’input, il parroco don Ruggero Bettarelli e il suo vice don Antonio Mula, che a giugno si sono appellati al sodalizio perché li aiutasse riportare in auge una festa quasi dimenticata. Così i coristi di Voches si sono armati di forza, buona volontà e pazienza e hanno indossato i panni di muratori, elettricisti, imbianchini e restauratori in senso lato.

Storia tormentata quella del piccolo santuario: il primo insediamento risale al 1582 su patronato del canonico vicario Perotto Prompto Guiso, che voleva in questo modo assicurarsi lo ius sepeliendi per sé e i suoi familiari. Ma il tempo non è stato clemente, più volte infatti nei secoli è caduta, il tetto imploso. Ed è stata puntualmente ricostruita. L’attuale versione, su progetto del geometra Marco Camedda e grazie alle donazioni fatte dai galtellinesi, risale al 1980. In questi ultimi lustri era stata però un po’ abbandonata e quindi necessitava di ulteriori nuovi aggiustamenti. Recentemente è quindi risbocciata al ritmo del Gosos dedicato a Nostra Signora de Itria, «o serafica ermosura, o divina Imperadora, pregade pro nois Segnora de Itria Virgine pura».

**DA: Francesca Gungui-28 ago 2013**

Panorama Theme by Themocracy

echo '';