Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: libri

BIBLIOTECA COMUNALE

08 GENNAIO 2015 ORE 16:30

L’Amministrazione Comunale di Irgoli ha aderito al Progetto sperimentale di promozione della lettura “In vitro”, ideato dal Centro per il Libro e la Lettura (Istituto autonomo del Ministero per i beni e le attività culturali) in collaborazione con la Provincia di Nuoro.

Il progetto ha l’obiettivo primario di far crescere il numero dei lettori abituali nel nostro Paese partendo dalla prima infanzia. Studi specifici hanno infatti messo in evidenza che chi non ha questa opportunità da piccolo potrebbe non diventare mai lettore.

L’Amministrazione comunale nel sottoscrivere il “Patto locale per la lettura” si è impegnata ad organizzare un evento di promozione della lettura durante il quale verrà distribuito un kit di primi libri a tutti i bambini nati nella nostra comunità nell’anno 2014.

Nel corso dell’incontro l’esperta di letteratura per l’infanzia, Cristina M. Berardi, che ha seguito i corsi di formazione promossi dal progetto In Vitro in collaborazione con la Provincia di Nuoro nell’anno 2013/2014, presenterà  varie tipologie di libri (materiali, forme, contenuti),  adatti ai bambini da 0 a 6 anni e offrirà brevi “assaggi” di lettura ad alta voce, in cui si proporranno diverse modalità di approccio con il libro nei confronti del bambino, di uso della voce e di interazione delle letture con il corpo e lo sguardo.

 Sarà inoltre possibile effettuare l’iscrizione alla biblioteca, prendere visione del patrimonio librario destinato ai bambini, conoscere l’apposita sezione dedicata al sostegno alla genitorialità e alle diverse fasi di sviluppo del bambino.

 La cerimonia di consegna è fissata per il giorno 08 Gennaio 2014 alle ore 16.30 presso la Biblioteca Comunale.

(DA: sito istituzionale Comune di Irgoli-7 Gennaio 2015)

Il Comune di Asuni ha istituito nel 2013

la Biblioteca Comunale.

Ha quindi iniziato i lavori di catalogazione e collocazione affidando il servizio a una ditta specializzata e tra un po’ aprirà al pubblico.

Purtroppo la dotazione libraria è alquanto esigua e quindi chiediamo che chi avesse dei libri da donare (si escludono libri scolastici e riviste) lo facesse rivolgendosi al Comune Tel. 0783/960134 o alla mail biblioasuni@libero.it affinchè i testi vengano recapitati in comune o in Biblioteca.

Indirizzo per la spedizione dei testi:

Biblioteca Comunale di Asuni presso Comune Piazza Municipio 1, 09080 Asuni (OR).

(DA: comunicato Biblioteca Gramsciana di Ales- 13 feb 2014)

INFORMAZIONI DA SITO ISTITUZIONALE DI ASUNI

Asuni è un piccolo paese in provincia di Oristano, con 357 abitanti (comunemente chiamati asunesi), così come risulta dal censimento del 2011. Il Comune di Asuni è situato a 233 metri di altitudine, ha una superficie di 21,20 Kmq.

Confina con i Comuni di: Samugheo, Laconi, Nureci, Senis, Villa Sant’Antonio e Meana Sardo. È compreso tra le gole dell’Imbessu da una parte e del Rio Maiori dall’altra.

Il territorio appartiene a una regione minore e poco nota della Sardegna, la Brabaxana (”porta della Barbagia”) che comprende i territori di Asuni, Samugheo, Laconi e Meana Sardo.

Si caratterizza per le numerose testimonianze archeologiche risalenti alla preistoria, al periodo nuragico e per la vicina presenza delle rovine del castello medievale di Medusa.

UNA MIA NOTA:

Aiutare una biblioteca a crescere è come coltivare un piccolo germoglio facendolo poi diventare albero forte e rigoglioso consentendogli di dare i suoi buoni  frutti di cui possiamo nutrirci. Così come nel caso di una biblioteca che raccoglie sempre più libri dove piccoli e adulti possono nutrirsi di cultura, sicuramente il modo più semplice e civile per accrescere la propria identità e conoscenze.

Far crescere una piccola Bibliteca di un piccolo Paese come Asuni, che vuole innalzarsi ancor di più culturalmente, è uno dei più bei obbiettivi e soddisfazioni alla nostra portata di uomini solidali e buoni! 

Che aspettiamo a…? Cari saluti,

Marco Camedda

Associazione Bocheteatro e amministratori

uniti nell’iniziativa culturale

Animazione ed esercizi, gli studenti si avvicinano alla lettura

Un libro è meglio della playstation, la lettura più fruttuosa di un videogioco. Nell’ottica dello stimolo alla cultura e alla conoscenza, l’amministrazione comunale di Orosei promuove un laboratorio di animazione alla lettura per gli studenti delle due classi seconde della scuola secondaria di primo grado.

L’iniziativa – l’inizio è previsto per venerdì prossimo – è dell’assessorato alla Cultura in collaborazione con l’associazione culturale Bocheteatro, si inserisce nell’ambito dell’ampliamento dell’offerta formativa «e – spiega il delegato alla cultura Daniela Contu, mira all’approfondimento di tematiche care alla scuola come lo stimolo alla lettura e l’amore per i libri».

Le attività proposte all’interno dell’iniziativa sono legate al libro. «Gli alunni non ascolteranno passivamente i brani, ma saranno coinvolti attivamente in giochi ed esercizi di lettura che permetteranno loro di acquisire gli strumenti per una buona lettura drammatizzata», spiega Monica Corimbi, l’attrice della compagnia Bocheteatro che condurrà il laboratorio.

Le animazioni e le riflessioni collettive vorrebbero creare un rapporto più confidenziale ed intimo con il libro, affinché diventi un fedele compagno di avventure ed emozioni, piuttosto che un freddo e anonimo oggetto d’arredo scolastico.

Il lavoro degli studenti si concluderà con una lettura collettiva e una dimostrazione aperta al pubblico di animazione tipo. Il laboratorio è articolato in 15 incontri di due ore ciascuno e si terrà in orario pomeridiano nei locali della scuola media di via Verdi.

(DA: L’Unione Sarda-Agostina Dessena-22 gen 2013)

Due progetti approvati dai Comuni di Lei e Silanus

 SILANUS. Un interessante progetto sulla valorizzazione della lingua sarda è stato messo a punto dall’Ufficio linguistico “de Sa limba sarda” dei Comuni di Silanus e Lei con i rispettivi assessorati ai servizi culturali. Si tratta di due distinti progetti attraverso i quali si punta a fare entrare il sardo nelle scuole con appositi laboratori. A Silanus il progetto è rivolto agli alunni che frequentano il triennio della scuola elementare. L’attività prevede la presenza di un esperto animatore che attraverso la drammatizzazione simultanea di racconti in sardo per bambini dia loro la possibilità di conoscere la letteratura e al contempo di esercitarsi a capire e parlare in lingua sarda. A Lei invece il progetto “Vivimos sos libros” è rivolto agli alunni della scuola primaria. L’iniziativa prevede una serie di incontri, coordinati da un esperto animatore, volti alla conoscenza della letteratura che li riguarda. Attraverso i libri si cercherà di insegnare ai bambini come capire e parlare la lingua sarda.

Il progetto, redatto dallo sportello linguistico territoriale (Ufitziu de sa limba sarda) della provincia di Nuoro è finalizzato al coinvolgimento degli alunni delle scuole elementari nella divulgazione della lingua sarda e della parlata locale. Entrambi i progetti sono stati approvati dalle giunte municipali che li hanno ritenuti meritevoli di attenzione e hanno conferito il mandato ai responsabili del settore affinchè adottino tutti gli adempimenti per sostenere l’iniziativa.

Da:La Nuova-t.c.-23 nov 2011

 

logo_etnuE’ stato illustrato  mercoledì 8 giugno, nella Biblioteca dell’Istituto Superiore Regionale Etnografico (ISRE), il programma della 3° edizione di ETNU, il Festival biennale Italiano dell’Etnografia, in programma a Nuoro dal 10 al 13 giugno 2011 nel centropolifunzionale di via Roma.

Parteciperanno 20 musei provenienti dall’isola e dalla penisola e ci saranno 30 eventi in quattro giornate dalle 10 del mattino alle 11 di sera, tra dibattiti, proiezioni di film, presentazioni di libri, degustazioni e concerti.

logo isreL’evento, organizzato dall’ISRE in collaborazione con SIMBDEA, la Società Italiana per la Museografia e i Beni Demoetnoantropologici e il Comune di Nuoro, è stato presentato dal Presidente dell’ISRE  Salvatore Liori, dal sindaco di Nuoro e componente del consiglio d’amministrazione Alessandro Bianchi, dal Capo di Gabinetto dell’assessorato regionale alla cultura Stefano Coinu e dal Direttore Generale dell’ISRE Paolo Piquereddu.

“Etnu è un tentativo felicemente riuscito di avvicinare il vasto pubblico al mondo delle discipline che hanno a che fare con tradizioni e culture popolari mondiali – ha spiegato il Presidente dell’Isre Salvatore Liori – solo attraverso la cultura si può innescare un processo virtuoso di crescita per le zone interne”.

L’edizione di quest’anno si orienta su due filoni: la ricorrenza del centenario della prima Mostra di Etnografia Italiana svoltasi a Roma nel 1911 come momento celebrativo per i 50 anni dell’Unità d’Italia; un altro filone riguarda il progetto dell’Isre per avviare il riconoscimento della “poesia estemporanea” come patrimonio dell’Umanità da parte dell’Unesco”.

L’edizione 2011 di ETNU si inserisce dunque a pieno titolo tra gli eventi attuali di celebrazione per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Ampio spazio verrà dato al ruolo svolto dalla Sardegna alla Mostra di Etnografia Italiana del 1911 per i 50 anni dell’Unità d’Italia.

Manifesto-ETNU'11A Lamberto Loria si deve il merito di aver fatto confluire nella Capitale una grande quantità di oggetti della Sardegna tradizionale, che furono svelati per la prima volta al grande pubblico. Gli allestimenti museali ospiti di ETNU rievocheranno questo storico evento, dal quale ebbe inizio la museografia etnografica italiana. Il Museo Etnografico in particolare presenterà un omaggio celebrativo del prestigioso centenario esponendo per la prima volta oggetti che rievocano quell’epoca anche nelle modalità espositive.

L’ISRE rappresenta un ramo della Regione Sardegna e svolge da sempre il ruolo di promozione del patrimonio culturale sardo in maniera egregia – ha sottolineato Stefano Coinu, Capo di Gabinetto dell’Assessorato Regionale alla Cultura – Etnu, è un prodotto di qualità che insieme alle altre attività consolidate proietta la città di Nuoro al di fuori degli spazi locali, investendo sulla cultura come strumento di crescita”.

Da ente specialistico, attraverso la formula del festival, l’Istituto mette in connessione il grande pubblico non specialista con i professionisti dei musei e gli antropologi – ha spiegato il Direttore Generale dell’ISRE, Paolo Piquereddu – più che conferenze si avranno dialoghi e conversazioni tra il pubblico e gli studiosi in uno scenario denso di appuntamenti culturali e momenti di svago”.

All’interno del Festival verrà inoltre presentato il documento per la candidatura della Poesia Estemporanea come patrimonio dell’umanità, un’istanza del tutto originale in virtù della connotazione sopranazionale affidata a questa espressione popolare comune a nuorotanti popoli. Contestualmente il Festival ospiterà incontri con ricercatori e performance poetiche eterogenee dal punto di vista culturale e geografico.

In occasione di ETNU 2011 verrà dedicato uno spazio di rilievo al progetto di ricerca “Film di famiglia” promosso dall’ISRE e dall’Università di Sassari, già avviata da alcuni anni e del quale verranno presentati i primi risultati.

Consulta il programma

INFO:

logo isreIstituto Superiore Regionale Etnografico della Sardegna

Via Papandrea 6 -  08100 Nuoro

Tel. 0784 242900

Fax 0784 37484

Siti web:

www.etnu.it

www.isresardegna.it

Contatti per le Redazioni:

Maria Bonaria Di Gaetano

etnu@isresardegna.org

Mobile: 340 7511530

FORNITURA GRATUITA O SEMIGRATUITA DEI LIBRI DI TESTO DELLE SCUOLE MEDIE INFERIORI E SECONDARIE SUPERIORI PER L’ANNO SCOLASTICO 2009/2010
IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AMMINISTRATIVO
RENDE NOTO
ENTRO IL 31 OTTOBRE 2009

devono essere improrogabilmente presentate le domande atte ad ottenere il parziale o totale rimborso delle spese sostenute dalle famiglie per la fornitura gratuita o  semigratuita dei libri di testo per l’anno scolastico 2009/2010.
L’intervento è destinato agli alunni delle scuole medie inferiori e secondarie superiori le cui condizioni di reddito familiare, riferito all’anno 2008, sono pari o inferiori ad un ISEE di € 14.650,00.

continua…

Onifai. Ristrutturata e riaperta la biblioteca comunale.
Onifai: una foto del paese scattata dal Monte Tuttavista

 

continua…