Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: paolo

Caso acqua, un’assemblea

mercoledì 10 Febbraio in municipio

È stata fissata la data dell’assemblea pubblica sul territorio sul caso dell’approvvigionamento idrico.

Si terrà mercoledì 10 a a partire dalle ore 11 nella sede del Comune di Galtellì. L’incontro si terrà alla presenza dei primi cittadini dell’Unione dei comuni della Valle del Cedrino e del Movimeno Abba Vona.

Per l’importanza delle tematiche è vivamente consigliata la partecipazione di tutta la popolazione del territorio.

Durante l’incontro, sarà esposto ai presenti il progetto realizzato dal Genio Civile di Nuoro adesso sotto osservazione del Savi assieme al progetto del Movimento.

Sarà presente l’assessore regionale ai Lavori pubblici, Paolo Maninchedda, i tecnici e i responsabili delle varie istituzioni coinvolte.

È la terza volta che l’assessore Maninchedda presenzia agli incontri pubblici in bassa baronia. Il primo incontro si era svolto lo scorso aprile ad Orosei, il secondo si era svolto a luglio a Irgoli.

(DA:La Nuova Sardegna-c.f.-6 Febbraio 2016)

Presentazione del libro di Paolo Pisu

Gli ultimi pastori sardi?

Storie, Testimonianze, Prospettive

Nuoro, Mercoledì 10 Giugno 2015

Auditorium Biblioteca “S. Satta”, ore 18,30

Presentano il libro

Bachisio Bandinu Giornalista e antropologo

Priamo Cottu Pastore dell‘MPS

Simone Cualbu Presidente Coldiretti Nuoro

Pietro Tandeddu COPAGRI Sardegna

Coordina

Vannina Mulas Commissario Consorzio S. Satta

Sarà presente l‘Autore

prefazione di: Bachisio Bandinu e Paolo Pillonca

Il libro rappresenta un contributo importante alla conoscenza della realtà agropastorale sarda. Comprende un breve profilo storico redatto da Giuseppe Putzolu, interventi di protagonisti dei movimenti, dei sindacati e dell’imprenditoria rurale. Comprende inoltre più di 70 interviste a pastori e contadini di Laconi.

Questo è un libro nato da un impegno che l’autore ha assunto con i pastori della sua comunità, un impegno politico, culturale e civile a favore di una categoria lasciata ai margini e che pure ha fatto la storia della Sardegna.Testimonianza di questo impegno solo le lotte volte al riscatto sociale dei pastori, nelle battaglie politiche e sindacali, già nei primi anni 70 con l’attuazione della legge De Marzi-Cipolla a favore dei pastori affittuari. La difesa del mondo pastorale assume così per l’autore un significato etico e morale.”

Bachisio Bandinu

Paolo Pisu (Laconi, 1947), ha fatto l’operaio fino a 30 anni, poi si è laureato in Scienze Politiche all’Università di Cagliari. Ha partecipato al movimento del 68. È stato dirigente provinciale e regionale della FGCI e del PCI e segretario nazionale di Democrazia Proletaria Sarda. È tra i fondatori del “Comitato per la lingua e la cultura dei sardi”. Presidente del consorzio turistico “Sa perda e iddocca”. Eletto nel 2004 Consigliere Regionale della Sardegna, è stato Presidente della II Commissione permanente. Già Sindaco di Laconi dal 1995 al 2005, è stato rieletto sindaco nel maggio 2010. Federalista convinto, è promotore della “Marcia sarda per la Pace”. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Partito Comunista di SardegnaStoria di un sogno interrotto(1996) e Figli della Società. Carcere, devianza e conflitto sociale (2008).

(DA: comunicato Biblioteca Satta-5 Giugno 2015)

Nuoro metropolitana.

Sandro Bianchi Sindaco.

Oggi, giovedì 28 maggio alle ore 19, all’ex mercato in piazza Mameli il sindaco di Nuoro Sandro Bianchi e la coalizione di Centro Sinistra chiuderanno la campagna elettorale.

Interverranno Renato Soru, segretario regionale del Partito Democratico, Francesca Barracciu, sottosegretario ai Beni Culturali e il sen. Giuseppe Luigi Cucca del Partito Democratico, l’onorevole Michele Piras e Luca Pizzuto segretario regionale di Sinistra Ecologia e Libertà, l’onorevole Roberto Capelli del Centro Democratico, l’onorevole Paolo Maninchedda del Partito dei Sardi, Gesuino Muledda segretario regionale dei Rossomori, Gianfranco Lecca segretario regionale del partito Socialista Italiano e il sindaco di Cagliari Massimo Zedda.

(DA: comunicato di Sandro Bianchi Sindaco di Nuoro-27 Maggio 2015)

Da sinistra a destra: Paolo Piras, Ing. Michelangelo Mariani e Dott.ssa Graziella Pirari

Prende l’avvio il nuovo progetto di Servizio civile

“Rete di solidarietà attiva” 

È stato siglato presso la sede della Direzione Generale dell’ASL, in via Amerigo Demurtas, il protocollo d’intesa tra Azienda Sanitaria e (ATP) Azienda Trasporti Pubblici di Nuoro.

All’incontro erano presenti:

  • per l’ASL di Nuoro il Commissario Straordinario, Dott. Mario C. A. Palermo, e la Dott.ssa Graziella Pirari, Direttore del Servizio Socio Sanitario, che – con tutto lo staff di collaboratori – segue i progetti del Servizio Civile all’interno dell’Azienda;
  • per l’ATP di Nuoro il Presidente Paolo Piras e il Direttore Ing. Michelangelo Mariani.

Il progetto Rete di solidarietà attiva, approvato nell’ambito del Programma Europeo “Garanzia Giovani”, e della durata di un anno, consiste nella consegna domiciliare gratuita ai cittadini nuoresi che ne faranno richiesta, dei referti delle analisi chimico-cliniche effettuate presso il Laboratorio Analisi dell’Ospedale San Francesco.

Tale servizio, che prenderà il via il prossimo 28 maggio, si avvarrà anche della collaborazione dell’ATP di Nuoro, che fornirà gli abbonamenti ai mezzi pubblici, necessari ai quattro giovani volontari selezionati dall’ASL per gli spostamenti nella città di Nuoro.

«Grazie alla sensibilità dei vertici dell’Azienda Trasporti – spiega la Dott.ssa Graziella Pirari – i ragazzi potranno consegnare i referti dei prelievi direttamente al domicilio degli utenti disabili, anziani o semplicemente solo temporaneamente impossibilitati a recarsi direttamente a ritirare l’esito dei propri esami».

«L’Azienda Trasporti di Nuoro – confermano soddisfatti il Presidente Paolo Piras e l’Ing. Michelangelo Mariani – nasce con la vocazione di svolgere un servizio il più efficiente possibile a favore della collettività; pertanto non poteva non sposare questo progetto. Ci auguriamo che il protocollo sperimentale rappresenti soltanto il primo passo di una collaborazione ancora più assidua e foriera di ulteriori servizi per i cittadini più “fragili”».

Per il Commissario Straordinario, Dott. Mario C. A. Palermo, «questa collaborazione premia gli sforzi di due enti che, con una lungimiranza che si auspica sempre più diffusa anche nel settore pubblico, hanno realizzato un significativo passo avanti per il miglioramento della qualità del servizio, con il solo obiettivo di perseguire il bene comune nel segno di una forte impronta solidaristica».

(DA: comunicato Asl3 Nuoro-18 Maggio 2015)

Finanziamento da 2,3 milioni di euro

stanziato dalla giunta regionale su proposta

dell’assessore Paolo Maninchedda

(foto: m.camedda)

Nell’ambito delle criticità del territorio, il problema della Galleria di Mughina che viene chiusa al traffico ogniqualvolta viene emanata l’allerta per rischio idrogeologico, è stato classificato dall’amministrazione quello a maggiore priorità in termini di rischio per le persone e le cose.

Oggi siamo ad un punto di svolta grazie al finanziamento da 2,3 milioni di euro stanziato dalla giunta regionale su proposta dell’assessore Paolo Maninchedda. Sarà possibile un intervento importante per la messa in sicurezza della galleria e soprattutto dell’area a monte, che costituisce il compluvio in cui scorre il rio Thiesi parzialmente tombato. E’ la risoluzione di uno dei più grandi problemi della città in tema di rischio idrogeologico.

Un intervento che renderà sicuro percorrere uno degli assi viari più importanti di Nuoro, strategico nei collegamenti da e verso l’Ogliastra e con i paesi del circondario.

(DA: comunicato del Comune di Nuoro-12 Maggio 2015)

 

BARONIA: EMERGENZA IDRICA:

UNO SPIRAGLIO DI SPERANZA

L’assessore Maninchedda ha rassicurato le popolazioni sull’approvvigionamento. L’impegno di spesa per il bypass di Su Gologone sarà portato in Giunta martedì

L’impegno della Regione c’è. Le popolazioni della bassa Baronia hanno sentito direttamente dalla voce dell’assessore ai Lavori pubblici, Paolo Maninchedda, quelle paroline magiche che aspettavano da anni: fine dell’inquinamento e dell’acqua non potabile. Una promessa, che è anche qualcosa di più. Visto che l’assessore porterà l’impegno di spesa, intorno ai 4 milioni di euro, all’esame della Giunta nel Piano infrastrutture del Nuorese.

Il by pass dalle fonti di Su Gologone per approvvigionare la Baronia sta per diventare realtà.

L’assessore ha preso tempo, ha spiegato che sarà necessario fare gli opportuni approfondimenti e valutare la reale fattibilità del progetto di massima approntato dalla Provincia. Ma entro giugno ci saranno tutte le risposte e si potrà già pensare ai lavori. La sofferenza e i disagi per gli abitanti della Baronia dovrebbero comunque finire entro dicembre 2015. Forse anche prima. La fine di un incubo.

«Esiste un progetto fattibile realizzato dai tecnici della Provincia già dal 2010 – ha spiegato il sindaco di Orosei, Franco Mula – per captare l’acqua non direttamente dalla fonte di Su Gologone, ma un pò più a valle, dove maggiore è la pressione e poco prima che l’acqua vada a a mischiarsi con l’acqua del Cedrino. Serve solo l’impegno finanziario da parte della Regione che dai tecnici è stato stimato intorno ai 4 milioni di euro. Questo è l’impegno che avevamo chiesto all’assessore Maninchedda, perché anche i nostri paesi possano avere acqua pura. E la risposta che abbiamo avuto è più che confortante. Speriamo che tutto sia così come da progetto – ha concluso Franco Mula – in modo tale che in breve tempo la situazione ritorni alla normalità».

Restano ancora molte preoccupazioni, invece, tra i componenti del movimento «Abba Vona», che si erano presentati all’incontro agguerriti con striscioni e acqua di Pedra ’e Othoni dentro le bottiglie e i biccheri. «Il problema dell’inquinamento del Cedrino e dell’acqua malsana e pericolosa prelevata dall’invaso di Pedra Othoni, che viene erogata nelle case dei cinque paesi della bassa Baronia però resta irrisolto – hanno sostenuto – anche se le parole dell’assessore regionale no n posso no che averci fatto piacere».

Preoccupazione per i problemi di salute avevano anche sottolineato i cinque sindaci dei paesi coinvolti: Franco Mula di Orosei, Giovani Santo Porcu di Galtellì, Giovanni Porcu di Irgoli, Vincenzo Secci di Loculi e Daniela Saggia di Onifai.

PER CONOSCENZA: OROSEI: Una foto panoramica della 1° 'Assemblea indetta dal movimento "Abba Vona" nel Cineteatro Pitagora per contestare il problema dell'acqua in Bassa Baronia. Presenti, come descritto in calce all'articolo, i cinque Sindaci dell'Unione dei Comuni Valle del Cedrino (Bassa Baronia) e il Consigliere provinciale Gesuino Beccari

(DA: La Nuova Sardegna-plp-29 Aprile 2015)

CONSEGNATI I LAVORI

NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI

DI ARITZO E SORGONO

Realizzazione di due centrali termiche alimentate con cippato in due edifici scolastici della provincia e le dichiarazioni, su questo progetto, dell’assessore provinciale Paolo Porcu.

La Giunta provinciale di Nuoro, presieduta dal Presidente Costantino Tidu, ha approvato il Progetto definitivo-esecutivo inserito nel programma comunitario BIOMASS + per la realizzazione di due centrali termiche alimentate con cippato di legno, presso l’Istituto Tecnico Commerciale Maxia di Aritzo ed il Liceo Costa Azara di Sorgono.

Il progetto consiste nel’installazione di due nuove caldaie a biomassa nei due istituti scolastici di proprietà della Provincia, scelti sulla base delle caratteristiche di boscosità dell’area in cui si trovano, e l’obiettivo è quello di promuovere lo sviluppo della filiera corta in maniera economicamente funzionale attraverso l’utilizzo delle biomasse agro forestali provenienti dai territori limitrofi, non contaminate da sostanze chimiche o inquinanti.

“Questo progetto ci consente di realizzare impianti finalizzati alla produzione di calore, a servizio degli impianti di riscaldamento dei due istituti scolastici, utilizzando materie prime naturali rinnovabili e riducendo così la dipendenza dalle fonti tradizionali, come il petrolio e il gas – ha spiegato l’assessore all’Ambiente e all’Energia della Provincia di Nuoro, Paolo Porcu – in questo modo sarà possibile garantire la sicurezza degli approvvigionamenti grazie all’indipendenza da fornitori esterni potendo contare su energia in loco e recuperando prodotti agricoli residui. Inoltre – ha sottolineato l’assessore Porcu – l’attività, che è stata oggetto di uno studio fatto dagli studenti della 4°A dell’ITC di Aritzo, premiato dal Banco di Sardegna nel 2010, può creare un indotto economico attorno all’impianto e quindi posti di lavoro sul territorio”.

L’intervento nello specifico prevede l’installazione di due caldaie per riscaldamento da 350 KW per Aritzo e 250 KW per Sorgono con una riduzione dei costi per il combustibile prevista pari a circa il 50 % circa.

I lavori sono stati consegnati lo scorso 15 gennaio 2015 e dovranno essere conclusi entro il mese di maggio.

(DA: comunicato provincia di Nuoro-21 Gennaio 2015)

INCONTRO 

OTTANA POLIMERI

Si è riunito ieri mattina il Tavolo, convocato con urgenza dal Presidente della Provincia di Nuoro Costantino Tidu, per esaminare la grave situazione venutasi a creare nell’area industriale di Ottana, con particolare riferimento al paventato smantellamento della fabbrica di Ottana Polimeri.

Dall’incontro, al quale hanno partecipato gli Assessori Provinciali al Lavoro e all’Industria, il Presidente del Consiglio Provinciale, i Sindaci dei Comuni di Ottana e Bolotana, Confindustria Nuoro, Consorzio Industriale Provinciale, Ottana Energia, le Segreterie Provinciali Sindacali e una delegazione di lavoratori Rsu, è emersa la necessità e l’urgenza di riprendere un discorso unitario e di ragionare su un progetto che sia condiviso da tutti per rilanciare lo sviluppo dell’industria della provincia di Nuoro.

Tutti i soggetti presenti all’incontro, dopo un attento ed approfondito esame della situazione ed un confronto sui temi, hanno ritenuto infatti opportuno spostare la vertenza legata nello specifico ai rapporti tra l’azienda e i lavoratori su un tavolo sindacale e concentrare il ragionamento sull’ aspetto politico, cercando un punto di unione per ricominciare a lavorare insieme, in maniera sinergica tra istituzioni, politica ed impresa, con l’obiettivo comune di difendere l’esistente in termini di investimenti e di salvaguardia dei posti di lavoro e riaffermare così un’idea di industria della Sardegna Centrale.

Un rilancio che non si può fermare e che deve proseguire senza perdere tempo – hanno chiaramente dichiarato i soggetti presenti nel corso degli interventi – A tal proposito anche Paolo Clivati, Presidente di Ottana Polimeri, ha fatto emergere la chiara volontà di voler continuare la sua attività industriale nel sito di Ottana.

Le soluzioni sono evidentemente legate alle risposte che si attendono da parte della Regione e del Governo in ordine ad impegni che sono stati precedentemente assunti in materia di abbattimento dei costi di energia, trasporti, infrastrutture materiali ed immateriali e di produzione.

Il tavolo di ieri si è concluso con la volontà comune dei soggetti presenti di difendere l’industria nel Centro Sardegna.

A tal fine si chiede alla Regione e al Governo di dare attuazione agli Accordi di Programma per le Aree di Crisi del nuorese. Si ritiene urgente inoltre che, nel più breve tempo possibile, venga fatta chiarezza sul ruolo reale di Eni nella produzione della materia prima a Sarroch o che, viceversa, si trovi una soluzione alternativa e valida che consenta di scongiurare lo smantellamento dell’unica filiera chimica in Sardegna e nel resto dell’Italia.

(DA: comunicato della provincia di Nuoro-15 Dicembre 2014)

Grande successo

per Paolo Fresu

al Festival Jazz di Belgrado

Grande successo a Belgrado per Paolo Fresu e il suo gruppo, esibitisi in un applauditissimo concerto al Jazz Festival della capitale serba giunto quest’anno alla trentesima edizione.

Promossa e organizzata dall’Istituto italiano di cultura di Belgrado, nell’ambito del semestre di presidenza italiana del Consiglio Ue, l’esibizione di Paolo Fresu e del suo Quintetto ha assunto un valore particolare dal momento che i cinque musicisti hanno festeggiato i loro trent’anni di attività in coincidenza con la trentesima edizione del Festival.

Per celebrare la ricorrenza il Quintetto ha inciso di recente !30!, un album di composizioni originali.

Al concerto di Belgrado, svoltosi nella sede del Dom Omladine, il gruppo di Paolo Fresu ha presentato nuove composizioni, insieme ai brani più significativi della sua vasta produzione musicale, in un riuscito concerto, ricco di energia e intensità espressiva, e nel quale i musicisti sul palco hanno a più riprese dialogato con il numeroso pubblico entusiasta.

Paolo Fresu, diplomato in tromba al conservatorio di Cagliari nel 1984, ha ottenuto significativi riconoscimenti in Italia e altri Paesi e ha suonato con i jazzisti più rinomati della scena internazionale, da Enrico Rava a Giorgio Gaslini, da John Zorn a Gil Evans, Toots Thielemans, Carla Bley e molti altri.

Interessato alla sperimentazione e ad altri generi musicali, ha partecipato ad incisioni di importanti esponenti della musica leggera italiana quali Alice, Ornella Vanoni, Stadio, Negramaro.

(DA:L’Unione Sarda.it -28 Ottobre 2014)

 

RASSEGNA SIEFF 2014

Call for entries  – Sardinia International Ethnographic Film Festival Nuoro

 (rassegna.sieff@isresardegna.org)

Paolo Piquereddu

Cari amici,
sono aperte le iscrizioni al SARDINIA INTERNATIONAL ETHNOGRAPHIC FILM FESTIVAL (SIEFF 2014), XVII Rassegna Internazionale di Cinema Etnografico. Il regolamento (in italiano e inglese), la scheda di iscrizione (da compilare on line) ed altre informazioni possono essere reperite al seguente indirizzo Web:

www.isresardegna.it <http://www.isresardegna.it>

Cordiali saluti
Paolo Piquereddu
Direttore
Regolamento [file.pdf]  - Iscrivi il tuo film

Dear friends,
registrations for the Sardinia International Ethnographic Film Festival (SIEFF 2014) have  started! Entry Rules, Entry Form (to be filled-in on line) and more information on the Festival will be found at our homepage: www.isresardegna.it<http://www.isresardegna.it>

Best Wishes
 Paolo Piquereddu
Director
Entry Rules [file.pdf] – Submit your film

Istituto Superiore Etnografico della Sardegna

Via Papandrea, 6
08100 NUORO
Italy
tel. +39 (0) 784 242900
fax: +39 (0) 784 37484
E-mail: rassegna.sieff@isresardegna.org
Web: www.isresardegna.it<http://www.isresardegna.it>

(DA: comunicato Isre Sardegna-Rassegna Sieff-19 marzo 2014)

Lunedì 13 gennaio 2014, alle ore 10, 30,

nella sede dell’Istituto Superiore Regionale Etnografico in via Papandrea 6, si terrà una conferenza di presentazione della manifestazione Il Mese del Documentario, promossa dall’ISRE in collaborazione con Doc/it, Associazione Documentaristi Italiani.

Interverranno il Presidente dell’ISRE Bruno Murgia, il Direttore Generale Paolo Piquereddu e il regista Salvatore Mereu.

La rassegna si svolgerà a Nuoro dal 14 gennaio al 14 febbraio e presenterà la miglior produzione del cinema documentario italiano e internazionale.

Le proiezioni si terranno ogni martedì e venerdì alle ore 19:00, in contemporanea nazionale e internazionale, presso l’auditorium del Museo Etnografico Sardo.

Il documentario cresce e si conferma come uno dei fenomeni più creativi e interessanti del cinema italiano degli ultimi anni, come dimostra, ad esempio, il successo in sala ottenuto da Sacro GRA, il film di Gianfranco Rosi vincitore del Leone d’Oro all’ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia.

Purtroppo sono ancora rare le occasioni per vedere questi film in sala e Il Mese del Documentario offre la preziosa occasione di apprezzare sul grande schermo il meglio del cinema del reale, nazionale e internazionale.

La rassegna nasce dall’unione di due eventi unici: il più prestigioso premio di categoria, il Doc/it Professional Awards, Premio per il Miglior Documentario Italiano dell’Anno con i suoi 5 documentari finalisti, e il Doc.International, che propone quest’anno una selezionatissima cinquina di documentari stranieri in competizione fra loro, per un intero mese di proiezioni gratuite: Il Mese del Documentario.

Il direttore generale

dr. Paolo Piquereddu

INFO:

Istituto Superiore Regionale Etnografico

Via Papandrea, 6 Nuoro

Tel. 0784 242900 - 0784 / 242951

E. segreteriadg@isresardegna.org

W. http://www.isresardegna.it/

(DA: comunicato ISRE-Nuoro-10 gen 2014)

Ultimi giorni per le tariffe scontate!

La lunga estate del jazz trova anche quest’anno a Nuoro una delle sue mete abituali: come già anticipato, dal 22 agosto al primo settembre si rinnova infatti l’appuntamento con il Seminario Jazz ideato e coordinato da Paolo Fresu per l’organizzazione dell’Ente Musicale di Nuoro.

L’iniziativa, tra le più importanti nel panorama nazionale della didattica jazzistica, taglia il traguardo della sua ventiquattresima edizione confermando, insieme al periodo di svolgimento, formula e schemi ben collaudati: come sempre, dunque, undici giornate di lezioni teoriche e pratiche, oltre alla consueta serie di masterclass e laboratori, attendono gli allievi nelle aule ben attrezzate della scuola civica di musica “Antonietta Chironi”.

In cattedra troveranno anche stavolta musicisti di grande esperienza e prestigio: Tino Tracanna (per il corso di sassofono), Roberto Cipelli(pianoforte), Attilio Zanchi (basso e contrabbasso), Tomaso Lama (chitarra), Ettore Fioravanti (batteria), Bruno Tommaso (armonia), Riccardo Parrucci (flauto e tecnica Alexander), Corrado Guarino (musica d’insieme), Giovanni Agostino Frassetto (tecnica dell’impr

ovvisazione), Luca Bragalini (storia del jazz), Maria Pia De Vito edElisabetta Antonini (canto) e, naturalmente, Paolo Fresu (tromba e flicorno).

Forte del riuscito debutto dell’anno scorso, ritorna il corso di arpa jazz curato da Marcella Carboni. Ritornano anche il corso introduttivo al jazz di Luca Bragalini e, per l’ottava volta consecutiva, il workshop di fotografia jazz curato da Pino Ninfa, e quello di ballo flamenco coordinato da Elena Vicini e Ada Grifoni.

Due diverse masterclass rendono speciale ogni edizione del Seminario Nuoro Jazz. Quella dedicata alla musica etnica isolana (la mattina del 30 agosto, alle 11) stavolta siaffida in realtà a un musicista come Paolo Angeli che, partendo dalla tradizione gallurese e logudorese, ha intrapreso con la sua ingegnosa “chitarra sarda preparata” unpersonalissimo percorso nei territori della sperimentazione e dell’improvvisazione. Protagonista invece della masterclass internazionale (dal 28 al 30 agosto) quest’anno è ilcontrabbassista norvegese Arild Andersen, nome di primo piano sulla scena jazzistica europea fin dai primi anni Settanta, quando suonava (dal 1967 al 1973) nel quartetto di Jan Garbarek.

Invariata rispetto all’anno scorso, la retta per frequentare il seminario Seminario Nuoro Jazz è di duecentocinquanta euro, ridotta a duecento euro per chi si iscrive entro il 30 giugno. Costa invece centoventi euro la frequenza della sola masterclass di Arild Andersen. Per ulteriori notizie vedi il sito www.entemusicalenuoro.it, per informazioni e iscrizioni, la segreteria dei corsi risponde allo 078436156 e all’indirizzo di posta elettronica nuorojazz@entemusicalenuoro.it.

La ventiquattresima edizione del Seminario e la rassegna Nuoro Jazz sono organizzati con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato allo Spettacolo e Attività Culturali e Assessorato al Turismo) e della Fondazione Banco di Sardegna, con la collaborazione dell’Istituto Superiore Regionale Etnografico e dei Comuni di Nuoro, Bitti, Oliena, Onanì, Orosei, Ottana e Posada, dell’Associazione Casa Cabras di Orosei.

Scarica la la scheda d’iscrizione

(Da: comunicato Ente Musicale di Nuoro-26 giu 2012)

Erano le 17.58 del 23 maggio 1992 quando una carica di tritolo posizionata sulla collina a ridosso dello svinolo autostradale di Capaci, spezzò la vita di Giovanni Falcone, della moglie Francesco Morvillo e degli uomini della sua scorta.

«Le idee di Falcone e Borsellino
non sono state uccise dal tritolo e camminano su gambe forti, quelle di una nuova società civile e di un nuovo modo di sentire del mondo politico e imprenditoriale che lottano contro la mafia e contro la cultura mafiosa – ha dichiarato il presidente dell’Ars http://www.alcamo.it/public/foto_blog/falcone_borsellino.jpgCascio – Le recenti operazioni delle forze dell’ordine – continua – sono importanti successi per mettere all’angolo la criminalità organizzata. La politica deve sapere cogliere i segnali positivi che emergono dalla società civile, approvando quelle leggi, come le misure contro il racket,che tolgono linfa al parassitismo mafioso che soffoca la rinascita della Sicilia».
 Alcune frasi di Giovanni Falcone
-"Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l’essenza della dignità umana"
 -"Chi tace e chi piega la testa muore ogni volta che lo fa, chi parla e chi cammina a testa alta muore una volta sola"
 (tratto da Tempo stretto-Quotidiano on line di Messina)

Seicento persone in sala, seimila euro di solidarietà. E questo il riusulato del successo raggiunto dall’iniziativa de Su Cuncordu e Tenore di Orosei che sabato sera ha portato sul palco del Cinema Pitagora il meglio della musica etnica e jazzistica isolana per una serata che aveva come scopo quello di raccogliere fondi in favore degli alluvionati del novembre scorso.http://www.irlandiani.com/cms/images/stories/Ottobre2007/paolo_fresu.jpg

continua…

Un mese fa il mondo dell’automobilismo perdeva Pier Paolo Pala, il trentaduenne pilota nuorese-galtellinese morto in un incidente all’ingresso di Palau nello schianto tra la sua moto e un’auto con a bordo una coppia di turisti.

Nel mondo del motorismo sportivo Pier Paolo era apprezzato da tutti. Nel Rally di Sardegna del 2002 aveva conosciuto uno dei momenti più difficili della sua carriera da pilota automobilistico, quando nella prova di Nuschele era volato addosso alla macchina in panne di due ragazze di Gavoi, ma anche i momenti più esaltanti.

Nel 2006, alla guida della Mitsubishi Lancer Evo 7 con al fianco il nuorese Stefano Achenza, era riuscito a piazzarsi terzo assoluto.
Per Pierpaolo Pala, che in quella gara aveva anche vinto la speciale d’esordio con un fantastico exploit, era il coronamento di un sogno inseguito a lungo.
 Anche il padre Mario correva in auto negli anni ’70-80.
Pier Paolo iniziò con le gimkane per poi passare al rally. Ha corso principalmente con Gianlorenzo Favoni, Stefano Achenza e con l’olzaese Pier Paolo Cottu.
Da poco si era trasferito per lavoro nella zona di Palau, ma manteneva sempre i contatti con l’ambiente dell’automobilismo sportivo nuorese.
 
Ho sentito la necessità dettata dall’amicizia che mi lega al padre Mario e alla mamma Giovanna di ricordare  questo ragazzo, Pier Paolo che , pur non avendolo conosciuto di persona , ho avuto modo di sentire cosa la gente, soprattto di Galtellì ,pensava di Lui: Un bravisssimo ragazzo,sempre allegro, cricccone, generoso.
…Oltre che un grande campione del rallysmo sardo!


 

 
 
 
 

Ricorre oggi il 16° anniversario della strage di via D’Amelio (Palermo) in cui persero la vita il giudice Paolo Borsellino e i 5 agenti della scorta (Agostino Catalano, Eddie Cosina, Emanuela Loi, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina). Diverse le iniziative in programma in tutta Italia per celebrare questa ricorrenza. L’associazione “Libera” ne segnala tre: a Portella della Ginestra (Pa), a partire dalle ore 18 (agriturismo Portella della Ginestra); a Muggia (Ts), dalle ore 17 (Centro culturale “G.Millo”), e a Roma, dalle 21.30 (Villa Pamphili). “Perché ricordare via D’Amelio?”.
All’interrogativo risponde sul sito di “Libera” (www.libera.it), il presidente dell’associazione, don Luigi Ciotti. “Certe memorie – dice Ciotti – sono memorie di tutti, memorie collettive. Memorie che aiutano una società a non perdersi, a tenere fermi i valori di democrazia, libertà, giustizia, verità.
Ma ricordare via d’Amelio – e tutte le altre stragi e vittime delle mafie – anche per sottolineare il legame tra la memoria e l’impegno. Non basta il ricordo delle ricorrenze. La memoria vuole continuità, si misura nel costruire ogni giorno la giustizia. È questo tenace impegno quotidiano che loro si aspettano da noi.
Non sono morti per essere ricordati. Sono morti perché noi trasformassimo la loro memoria in speranza e giustizia. L’io capace di diventare noi è stata la loro ricchezza: deve diventare anche la nostra”.

 

continua…

 

continua…

continua…