Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: patrimonio

Bitti inaugura la rassegna

Autunno in Barbagia dal 2 al 4 settembre 2016

Numerosi sentieri si snodano lungo il territorio di Bitti alla scoperta di oasi naturali, ricoperte da rigogliose foreste, scenari incantevoli tra picchi granitici e meravigliosi scorci acquatici formati da cascate e laghetti.

Luogo ospitale e pieno di storia in cui la grande civiltà nuragica innalzò i meravigliosi monumenti del villaggio-santuario di Romanzesu, uno dei maggiori centri archeologici dell’intera Isola, e dove si stabilirono gli antichi Balari che sfidarono il potente Impero Romano. Il centro barbaricino è famoso in tutta l’Isola per la maestria dei cori che tramandano l’arte dell’antico canto a tenore proclamato dall’UNESCO “Patrimonio intangibile dell’Umanità”.

Il comune ha dedicato a questa celebre tradizione musicale un museo multimediale in cui sarà possibile ascoltare le composizioni più conosciute e acclamate provenienti da varie aree dell’Isola. Nel paese si trovano tante botteghe artigiane di ceramica, ferro battuto, cuoio, legno, intarsio e tessitura che propongono sia lavorazioni classiche che moderne interpretazioni della tradizione.

 Bitti opens the festival

Autumn in Barbagia 2 to 4 September 2016

The territory of Bitti winds along several paths to discover natural oasis covered with luxuriant forests, fascinating landscapes between granite peaks and wonderful water views made of waterfalls and small lakes.

A warm place full of history where the great Nuragic civilization raised the amazing monuments of the village-sanctuary of Romanzesu, one of the main archaeological centres of the entire island, and where the ancient Balari settled down, the tribe that faced the powerful Roman Empire. This centre of Barbagia is known all around the island for the mastery of its choral groups that hand down the art of the ancient a tenore singing which has been recognized as World Heritage by UNESCO.

The municipality opened a multimedia museum dedicated to this popular music tradition, where you can listen to the most known and appreciated compositions from different areas of the island. In the village you may find several small shops offering classical productions as well as and modern interpretations of ceramics, wrought iron, leather, wood, inlay and weaving.

(DA: comunicato Romanzesu-23 Agosto 2016)

Proposta alla Ras per concessione contributo

per recupero e rifunzionalizzazione

dell’ex-albergo Esit sul Monte Ortobene

Gli uffici del settore LLPP del Comune di Nuoro, hanno provveduto in data 16/12/2015 alla predisposizione della documentazione necessaria per la candidatura al bando della RAS per l’erogazione di contributi agli investimenti per la progettazione e/o realizzazione di opere necessarie alla rifunzionalizzazione di benbandoi del patrimonio disponibile della Regione, da concedere in comodato d’uso.

In sostanza il Comune chiede alla Regione la concessione di un contributo di 5 milioni di euro e l’utilizzo in comodato d’uso dell’ex Esit, oggi di proprietà della stessa RAS, per 25 anni al fine di restaurare la struttura sita in cima al Monte Ortobene, per poi utilizzarla come struttura turistico/ricettiva.

Nuoro: L'ex-albergo Esit sul Monte Ortobene in una foto non recente

La destinazione d’uso scelta ha come obiettivo principale quello di rendere Nuoro più attrattiva sul piano del turismo ambientale rispondendo alla vocazione territoriale della città e alle grandi potenzialità del suo territorio.

Si tratta di un tipo di struttura del tutto nuova, in grado di attrarre i visitatori per brevi o lunghi periodi di vacanza all’insegna del benessere e del relax o come punto di appoggio dopo le attività escursionistiche o le visite ai musei cittadini.

Il tutto senza trascurare che servizi di questo tipo aiutano a migliorare la qualità della vita.

Un progetto che ben si sposa con le dichiarazioni programmatiche del Sindaco di Nuoro Andrea Soddu che parlano di una città che deve valorizzare al massimo le sue peculiarità per diventare una destinazione turistica territoriale di livello internazionale, capace di costruire economie dal suo patrimonio, creando così nuove prospettive di occupazione.

Una proposta, quella presentata dall’ Assessore ai LLPP Antonio Pasquale Belloi, che si integra con altri interventi previsti nell’area del Monte Ortobene che riguarderanno il Parco centrale sito all’anello superiore, le opere stradali a Jacupiu e Sedda Ortai e gli adeguamenti delle strutture sportive di Farcana.

La proposta risulta altresì coerente con le linee strategiche del programma di sviluppo regionale 2014-2019 soprattutto per ciò che concerne il turismo sostenibile e la tutela dei beni comuni.

Il costo totale dell’investimento, come precedentemente detto sarà di 5 milioni di euro, di cui 3,7 per l’esecuzione dei lavori e circa 1,3 per le spese generali, e serviranno ad operare un restyling generale della struttura che oggi si presenta in un pessimo stato di conservazione.

Per quanto riguarda le tempistiche, si stima che esaurita la parte burocratica, che prevede tra le altre cose l’assegnazione della struttura a un gestore tramite gara pubblica, i lavori dovrebbero iniziare nell’aprile 2017 per concludersi nel mese di dicembre dell’anno successivo.

“Grazie all’efficiente lavoro dell’ufficio tecnico del Comune di Nuoro abbiamo compiuto un passo importante per il rilancio del Monte Ortobene. Puntiamo a rendere il monte caro ai nuoresi una delle chiavi per la ripresa del nostro territorio. Con il recupero dell’ex Esit, tanto atteso dai nostri concittadini, il Monte Ortobene inizia a diventare a tutti gli effetti una vera e propria risorsa per la città”

(DA comunicato del Comune di Nuoro-18 Dicembre 2015)

Una mia grafica: Ritratto del grande scultore nuorese Francesco Ciusa

L’opera “Madonnina” di Ciusa

acquisita al patrimonio comunale

La Giunta comunale con delibera n. 26 del 26 gennaio 2015 avente ad oggetto: “Accettazione donazione e contestuale acquisizione al patrimonio comunale dell’opera “Madonninadi Francesco Ciusa“, proposta dall’Assessore alla Cultura Leonardo Moro, ha acquisito al patrimonio comunale una delle opere più rappresentative dell’artista nuorese.

L'opera del 1930 "Madonnina di Francesco Ciusa"

La volontà di donare quest’opera all’Amministrazione è stata espressa dalla proprietaria Sig.ra Maria Teresa Pinna, insegnante in pensione, sociolinguista ed esperta della lingua sarda, in memoria della sorella Lucia Pinna, poetessa, scomparsa di recente.

Si tratta di stele mariana centinata in stucco a marmo (cm. 91x27x9) collocata su piedistallo ligneo (altezza totale cm. 222) risalente agli anni ’30.

Condizione modale che l’opera rimanga esposta permanentemente presso il Museo comunale Francesco Ciusa – Tribu Spazio per le Arti.

Dedicare il nobile gesto alla memoria della compianta sorella Lucia Pinna, “la dolce voce di Nuoro”, grande poetessa nuorese, indimenticata insegnante di Italiano e Latino al liceo classico Asproni di Nuoro, rappresenta il suggello del grande amore che la famiglia Pinna ha sempre sentito e manifestato per la nostra città animandone la vita sociale e culturale.

Il Sindaco Alessandro Bianchi, l’Assessore Leonardo Moro e tutta la Giunta, a nome dell’Amministrazione Comunale e di tutta la cittadinanza esprimono il più sentito ringraziamento alla Sig.ra Maria Teresa Pinna per la gradita donazione e per la grande sensibilità culturale.

(DA: sito istituzionale Comune di Nuoro-10 Febbraio 2015)

Convegno: 12-13 dicembre 2014?

Conferenza Internazionale

“Diversità culturale, dialogo interculturale e Patrimonio culturale immateriale”

Cagliari. Hotel Regina Margherita

Viale Regina Margherita 44

Il 12 e 13 dicembre, Conferenza internazionale organizzata dal Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo, in collaborazione con Regione, Comune e Provincia.

Dieta Mediterranea, Carnevale, Riti sacri, Falconeria, Artigianato, Musica di tradizione. Sono solo alcuni tasselli del grande patrimonio culturale immateriale che rendono il Mare Nostrum un crogiuolo di culture e tradizioni millenarie in grado di garantire sviluppo, occupazione e dialogo tra Paesi europei ed africani che vi si affacciano.

Il MiBACT, in collaborazione con la Regione Sardegna, la Provincia e il Comune di Cagliari organizza nel capoluogo sardo, simbolico centro geografico e culturale del Mediterraneo, una Conferenza internazionale per richiamare l’attenzione di politica, istituzioni e società civile su quante potenzialità e quali possibilità queste eredità culturali possono offrire per garantire una crescita sociale ed economica sostenibile.

Alti funzionari ministeriali, rappresentanti di Unesco, Consiglio d’Europa, Unione Europea, società civile si incontreranno il 12 e 13 dicembre a Cagliari, presso l’hotel Regina Margherita, per scambiarsi esperienze di successo, riflessioni e spunti progettuali con il fine di orientare le scelte politiche dell’Unione Europea verso una maggiore attenzione al dialogo interculturale, quale prerogativa per un percorso di pace e di progresso.

Su queste tematiche, infatti, sabato mattina, presso il Palazzo Viceregio, sono stati inviati a partecipare ad una sessione di lavoro parallela i rappresentanti di tutti gli Stati dell’UE e di quattro paesi del Maghreb (Marocco, Tunisia, Algeria, Egitto), al fine di condividere e rafforzare obiettivi, strumenti e programmi per il periodo 2014-2020.

Programma:

Iscrizioni on line

Enti promotori:

Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo

Presidenza del Consiglio dell’Unione Europea

in collaborazione con Regione Autonoma della Sardegna, Comune e Provincia di Cagliari

Per informazioni:

Tel. ++39 070 651242

 info@kassiopeagroup.com

uc.presidenzaue@beniculturali.it

(DA: comunicato ISRE-Nuoro-10 Dicembre 2014)

ARTE A PALAZZO:

INAUGURAZZIONE 100 OPERE

DELLA COLLEZIONE COMUNALE

“L’Amministrazione comunale aderisce alla manifestazione “Giornate Europee del Patrimonio 2014” che si terrà Sabato 20 settembre 2014 con l’ apertura straordinaria e gratuita al pubblico del 1° piano del Palazzo Comunale, riallestito con le 100 opere più significative del patrimonio artistico del Comune di Nuoro e con la presentazione ufficiale del Catalogo “Arte a Palazzo 100 Opere della Collezione comunale

Il progetto nasce dall’esigenza di riordinare il patrimonio pittorico e dalla volontà di rendere fruibile la Collezione comunale, con la consapevolezza che sono i piccoli gioielli nascosti, e non solo i grandi monumenti, a fare la comunità, a trasmettere il segno delle cose che uniscono.

Con questo spirito siamo tutti invitati a guardare le opere seguendo il filo conduttore della propria memoria, del proprio vissuto, delle emozioni e passioni, della propria cultura e sensibilità per dar loro un valore che dura nel tempo, capace di incantare sia oggi che in futuro.”  

Leonardo Moro

Assessore alla Cultura

(DA: comunicato Comune di Nuoro-16 Sett 2014)

Il Presidente Deriu

convoca la Giunta Provinciale

 

 Il Presidente della Provincia di Nuoro Roberto Deriu ha convocato d’urgenza per domani mattina la Giunta Provinciale per l’esame dei danni e delle situazioni di emergenza che hanno interessato la rete viaria e gli edifici scolastici provinciali nella ultime ore, e per la predisposizione di interventi urgenti per evitare ulteriori danni al patrimonio.

(DA: comunicato Provincia di NUoro-18 nov 2013)

VISITE GUIDATE IN OCCASIONE DELLA

GIORNATA EUROPEA DEL PATRIMONIO

Il Comune di Nuoro e la Soprintendenza per i Beni Archeologici per le province di Sassari e Nuoro, in collaborazione con il Gruppo “Nugoro. Eris e oje” intendono proporre ai visitatori una serie di itinerari alla scoperta del patrimonio culturale della Città fatto non solo di opere custodite nei musei ma anche di tesori da scoprire in siti archeologici e antiche chiese.

E precisamente:

Spazio Tribu – Museo Comunale Francesco Ciusa – Piazza S. Maria della Neve 8 – Nuoro

Il museo proporrà n° 3 visite guidate della durata di un’ora e mezza circa, con i seguenti orari: ore 11,00, ore 17,00 e ore 19,00

  • Collezione opere dell’Artista nuorese F. Ciusa;
  • Arte Sarda. Un itinerario del Novecento dalle collezioni private un percorso con oltre 200 opere, degli artisti tra i più importanti del Novecento sardo;
  • GALANIAS. I tesori dell’artigianato sardo, una selezione relativa a circa 50 aziende artigiane contemporanee del territorio di Nuoro e attive esclusivamente sull’artigianato artistico. Fra le tante opere esposte: l’inedito lampadario in ferro battuto disegnato da Francesco Ciusa e realizzato presso la Scuola d’Arte di Oristano, negli anni Venti; le ceramiche dei Fratelli Melis e Ciriaco Piras; gli arredi di Edina Altara, i collages in panno delle Sorelle Coroneo e i giocattoli di Anfossi e Tavolara; una sintetica ma efficace retrospettiva è inoltre dedicata a Maria Lai e una sezione sulla figura di Costantino Nivola, centrata, oltre che alla produzione iniziale, sulla sua attenzione alla ceramica realizzata con le botteghe artigiane.

Numero massimo di partecipanti:20

Prenotazioni al numero: 0784 25305.

Per l’occasione l’ingresso alle mostre sarà gratuito.

Museo Nazionale Archeologico – Via Mannu 1 – Nuoro

Visite guidate al Museo Nazionale Archeologico – dalle 9.00 alle 13.00 a cura dei dottori Antonio Sanciu e Gianfranca Salis della Soprintendenza per i Beni Archeologici per le province di Sassari e Nuoro

Sito archeologico “Tanca Manna”

Visite guidate dalle 9.00 alle 13.00 a cura del Prof. Maurizio Cattani dell’Università degli Studi di Bologna

Chiesa Santu Caralu (rione San Pietro)

Visite guidate dalle 15.30 alle 18.30 a cura della D.ssa Claudia Porcu (Gruppo “Nugoro. Eris e oje”)

Chiesa N.S. delle Grazie (rione Seuna)

Visite guidate dalle 15.30 alle 18.30 a cura dell’Arch. Tonino Porcu che ha curato il restauro (Gruppo “Nugoro. Eris e oje”)

**DA: comunicato Comune di Nuoro-27 set 2013**

Il Comune di Nuoro e la Soprintendenza per i Beni Archeologici per le province di Sassari e Nuoro, in collaborazione con l’Ufitziu Limba Sarda–Provincia di Nuoro e il Liceo Classico Giorgio Asproni,

in occasione delle “Giornate europee del patrimonio”, previste per il 29 – 30 Settembre 2012, intendono proporre ai visitatori una serie di itinerari alla scoperta del patrimonio culturale della città fatto non solo di opere custodite nei musei ma anche di tesori da scoprire in siti archeologici “nascosti” e in antiche chiese.

PROGRAMMA

“Nuoro tra archeologia, arte e cultura”

29-30 Settembre 2012 | Orario di apertura 10.00 – 13.00/ 16.30 – 20.30

Spazio Tribu Museo Comunale Francesco Ciusa (Piazza S. Maria della Neve)

- Collezione permanente di Francesco Ciusa

- Mostra permanente di Eugenio Tavolara “Il mondo magico”

- Esposizione al pubblico di alcune ceramiche originali dell’artista Lucio Fontana

Sabato 29 Settembre 2012 | Ore 18.00

Per il ciclo A tu per tu col TRIBU, 25 minuti col capo-lavoro:

Giuliana Altea (Università di Sassari), uno dei più autorevoli storici e critici d’arte in Sardegna, propone una overview sulla figura di Lucio Fontana, alla luce delle riletture recenti della sua opera (» Presentazione dell’evento)

Museo Nazionale Archeologico (Via Manno, 1)

Sabato 29 settembre | Dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Visite guidate al museo (a cura degli studenti del Liceo Classico “Giorgio Asproni”)

Sabato 29 settembre | Dalle ore 19.00

Spettacolo concertistico degli allievi della Scuola Civica di Musica di Nuoro presso il giardino del Museo (in caso di pioggia il concerto si terrà nella ex Casa ASL in via Ferracciu angolo p.zza Crispi) (» Vedi il programma | pdf – 29Kb e la » foto | jpg – 475Kb)

Domenica 30 settembre | Dalle ore 9.00 alle ore 13.00

Visita guidata al sito archeologico di “Noddule

Studenti del liceo classico giorgio asproni effettueranno visite guidate nell’area aercheologica di “Noddule”. L’area comprende un nuraghe, un villaggio nuragico, una fonte sacra e una tomba di giganti .

Visita guidata al sito archeologico di “Tanca Manna“. Verranno effettuate visite guidate al Nuraghe “Tanca Manna”

(Da: Comunicato del Comune di Nuoro-28 set 2012)

 

Domani e domenica tanti appuntamenti nei musei

con escursioni nei siti storici e archeologici

La Giornata europea a Nuoro città, Bitti, Galtellì, Gavoi, Irgoli e Tiana

Barbagia, Baronia, Mandrolisai: per le Giornate europee del patrimonio in programma questo fine settimana, anche la provincia di Nuoro mette in mostra alcuni dei suoi gioielli. Siti archeologici, storici, documenti dall’alto valore archivistico, chiese, esempi di architettura domestica e pubblica, sono stati inseriti in un variegato programma di iniziative.

A Nuoro nello spazio espositivo Tribu, dedicato allo scultore Francesco Ciusa, oltre alla collezione permanente dell’artista nuorese autore de La madre dell’ucciso e la mostra di Eugenio Tavolara (ingresso gratuito domani e domenica), si possono ammirare alcune ceramiche originali di Lucio Fontana che domani alle 18 saranno al centro di una conferenza del critico d’arte Giuliana Altea. All’Archeologico, sempre nel capoluogo, visite guidate dalle 9 alle 13 e dalle 19, domenica tutti a Tanca manna e Nodule e alla chiesetta di San Carlo, mentre all’Archivio di Stato sarà possibile ammirare le foto segnaletioche d’epoca del Fondo questura.

A Bitti da non perdere il complesso nuragico di Romanzesu, il Museo della civiltà contadina e pastorale, quello multimediale del canto a tenore e Nostra Signora del Miracolo di cui ricorre la festa, compresa la suggestiva processione nel pomeriggio di domenica.

A Galtellì visite all’Etnografico, percorso deleddiano, castello di Pontes e vari luoghi di culto. L’itinerario prosegue con Irgoli , l’Antiquarium e aree archeologiche Janna ‘e Pruna-Su Notante. A Tiana i visitatori potranno ammirare il sistema museale Le vie dell’acqua: antiche tecniche di tintura dell’orbace nell’area della gualchiera. A Gavoi l’evento si intreccia con Monumenti aperti: al centro della scena la casa Porcu-Satta, le chiese di San Gavino, San Giovanni, Sant’Antioco, Carmelo, il santuario di sa Itria, le domus de janas Uniai e il nuraghe Littoleri.

(Da l’Unione Sarda- fr.gu.- 28 st 2012)

PROVINCIA DI NUORO

Dichiarazioni dell’assessore provinciale alla Cultura, Gianfranca Logias, relative all’ esclusione della provincia di Nuoro dallo stanziamento Cipe a favore del patrimonio museale in Sardegna.

 ”Apprendo che il Cipe ha deciso di stanziare 76 milioni di euro per assicurare investimenti a favore del patrimonio culturale e museale italiani. 4 milioni vengono assegnati alla Sardegna ma, guarda caso, ancora una volta si sceglie di investire su Cagliari e Sassari, escludendo completamente le strutture museali della provincia di Nuoro ed in particolare tagliando fuori la sua punta di diamante, il Man, il cui valore, non dovrebbe essere necessario ribadirlo, oltrepassa i ardegna,confini della provincia e perfino quelli regionali e nazionali, dimenticando e trascurando completamente un territorio come il nostro, abbattuto da una crisi inarrestabile che qui colpisce più che altrove.

La mia convinzione è che, in questo momento di grave difficoltà, investire sulla cultura diventa di importanza capitale, proprio perché la cultura può rappresentare oggi una possibile via di uscita dalla crisi e un contributo insostituibile alla crescita democratica dei suoi abitanti.

Ritengo pertanto sia di estrema gravità la decisione di mortificare ulteriormente questo territorio ed i suoi abitanti non concedendo loro alcuna chance di riscatto.

 Si tratta di una scelta indiscriminata che rappresenta l’ennesima conferma di un totale disinteresse nei confronti di un territorio come il nostro, già fortemente a rischio. Una scelta vergognosa ed inaccettabile che si pone in netto contrasto con il continuo tentativo di questa amministrazione di valorizzare il territorio, e soprattutto le zone interne, oggi vittime dell’ennesimo scippo perpetrato a danno dell’intera popolazione della nostra provincia.

 Il nostro territorio ha dimostrato infatti in questi anni di avere nella cultura e nell’arte una risorsa strategica essenziale per il suo futuro che non deve essere messa in discussione da ulteriori tagli e scelte calate dall’alto che stanno mettendo in ginocchio l’intero sistema costruito con fatica e grandi sacrifici”.

(Da:Comunicato Provincia di Nuoro-23 mar 2012)

 

ISRE-giornata-europea-del-patrim

(Da:Comunicato stampa ISRE-Nuoro-23 set 2011)

Una Fondazione acquisirà la proprietà entro 15 giorni. Avanza un’ipotesi: Cagliari sede della redazione culturaleL'immagine “http://www.infed.org/images/people/gramsci_pd.jpg” non può essere visualizzata poiché contiene degli errori.

continua…