Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: pro loco

Scrive il Sindaco

Giovanni Santo Porcu

“Perseguono le attività culturali, promosse dall’amministrazione comunale in collaborazione con la Pro Loco e Antonio Rojch presso casa Marras. Dopo Prof. Pittau, la mostra di Giuseppe Disi, domani sera è il turno del docu-film Le Vie del Sacro.

Galtellì: Museo Etnografico "Sa domo de Sos Marras" (Casa dei Marras)

Realizzato dal giornalista Antonio Rojch, il filmato ripercorre alcuni dei più importanti luoghi “sacri” della Sardegna: da Galtellì a Saccargia, passando per Suelli, Gesturi, Laconi, Mandas e Porto Torres.

Insomma un’altro importante appuntamento

a cui vi invito a partecipare”.

(Commento da: Facebook)

BARONIA, STORIA E LINGUA

Galtellì: Museo Etnografico "Sa domo de Sos Marras"

Lunedì 8 alle ore 20 presso il Museo Marras

l’amministrazione comunale in collaborazione con la locale Pro Loco organizza un incontro con l’illustre prof. Massimo Pittau.

Professore ordinario nella Facoltà di Lettere, già Preside di quella di Magistero dell’Università di Sassari, è autore di una cinquantina libri e di più di 400 studi relativi a questioni di linguistica, filologia, filosofia del linguaggio.

Per le sue pubblicazioni il Prof. Massimo Pittau ha ottenuto nel 1972 un “Premio della Cultura” dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, e nel 1995 il premio del Gruppo Internazionale di Pisa per la sezione “Letterati del nostro tempo” per la sua opera Poesia e letteratura – Breviario di poetica (Brescia 1993).

Ha inoltre ottenuto due segnalazioni in altrettanti premi nazionali per opere di filosofia del linguaggio e altre due nel “Premio Grazia Deledda” per la saggistica. Nell’ambito del “Premio Ozieri” per la letteratura in lingua sarda gli è stato assegnato il premio per la Cultura per l’anno 1995.

Inoltre gli è stato assegnato il «Premio Sardegna 1997» di Sassari per la sezione «Linguistica» e un diploma di benemerenza nel “1° Festival della letteratura sarda“, Bono, agosto del 2004.

Infine gli è stato assegnato il “Premio Città di Sassari – Lingue Minoritarie, Culture delle Minoranze” per il 2009.

Quindi uno dei massimi luminari della lingua e storia sarda attivissimo pur se ha già superato i novant’anni.

“Intervistato dal giornalista Antonio Rojch- afferma il sindaco di Galtellì Giovanni Santo Porcu- cercheremo di capire e apprendere molto della nostra storia.Saranno presenti  alla serata “Sos Cantores de Garteddi“, anch’essi artefici di una bellissima ricerca dei canti sacri della nostra Comunità, che ci allieteranno con il loro vasto repertorio”

Una bella serata di cultura e tradizioni presso Museo Casa Marras

(DA: comunicato Comune di Galtellì-5 Agosto 2016)

 Il prossimo venerdì 3 giugno

al museo etnografico di Galtellì

“Sa Domo ‘e Sos Marras”

L’Associazione Càmpana de Runda

inaugura una collaborazione con la Pro-Loco.

La Proloco di Galtellì è lieta di invitarvi ad una serata unica, all’insegna della convivialità e della condivisione. Sarà il primo di una serie di eventi che verranno organizzati in collaborazione con diverse Associazioni culturali locali.

Il 3 giugno il Museo Etnografico di Galtellì aprirà le sue porte e si animerà, ospitando un’installazione temporanea sensoriale sulle nostre antiche tradizioni e sui riti della settimana santa, a cura dell’Associazione Càmpana de Runda. Assisterete alla presentazione delle numerose attività laboratoriali che, coinvolgendo artigiani, professionisti e hobbisti del paese, si terranno a partire dal mese di giugno nella casa-museo e saranno rivolte ai più grandi e ai più piccoli.

Galtellì: Museo Etnografico "Sa Domo de Sos Marras"

Il progetto Museo Aperto mira a trasformare lo spazio museale in un luogo di coinvolgimento e partecipazione attiva, per chiunque voglia prenderne parte. Riciclo, laboratori culinari, artigianato, cucito creativo, sono soltanto alcune delle attività che potranno essere praticate nella cornice suggestiva della Domo antica.

Dopo l’inaugurazione seguirà un rinfresco per tutti i partecipanti.

Vi aspettiamo numerosi.

(DA: comunicato di Càmpana de Runda e Pro Loco-31 Maggio 2016)

Si svolgerà il 2 Giugno 2016

Eccoci pronti per la 27° Edizione

della Passeggiata Ecologica Baroniese,

un evento unico nel suo genere, una passeggiata insieme che, in poche ore, ci guida in percorsi con vedute mozzafiato, da 20 a oltre 800 metri sul livello del mare del Monte Tuttavista, con incantevoli panorami sulla Valle del Cedrino, Il Golfo di Orosei e le montagne del Nuorese.

In questa edizione si è pensato di riproporre il vecchio percorso che è adatto a tutte le fasce di età, si partirà intorno alle 7:30/8:00 dai pressi dell’antica Chiesa di San Pietro da cui si proseguirà per Taraculi dove è prevista una sosta con rinfresco. Si proseguirà inoltrandoci nei boschi per Su Lutrau, un enorme “balcone” naturale che guarda i monti del Nuorese, poi Padente Chicchine e Su Dorrole, uno sguardo a 360 gradi sul Golfo di Orosei, Il Cristo Miracoloso e l’arrivo a Padente Longu dove ci sarà il pranzo.

Invitiamo tutti a partecipare e condividere…

VI ASPETTIAMO NUMEROSI!

(DA: comunicato Pro Loco Galtellì-25 Maggio 2016)

Associazione Culturale

“Bocheteatro”

in collaborazione con la Pro Loco

e con il contributo del Comune di Galtellì

presentano

“Viaggi Emozionali, da testi di Grazia Deledda”

  • il 07 Agosto 2014 – Prima Replica,

  • il 21 Agosto 2014 – Seconda Replica

  • il 28 Agosto 2014 – Terza e Ultima Replica

Si apre il 07 Agosto alle ore 20:30 in Galtellì,

GALTELLI’: Chiesa di S.Pietro

con partenza dal cortile della chiesa di S. Pietro, la Quindicesima Edizione di “Viaggi Emozionali”, teatro itinerante da opere di Grazia Deledda, curata dalla Compagnia Bocheteatro di Nuoro, con il contributo dell’Amministrazione Comunale e la collaborazione della Pro Loco.

I protagonisti dei Viaggi emozionali: bambini e adolescenti di Galtellì, diretti dall’attrice e regista Monica Corimbi,

Ancora una volta i protagonisti saranno i bambini e gli adolescenti di Galtellì, diretti dall’attrice e regista Monica Corimbi, responsabile della sezione bambini e ragazzi di Bocheteatro, alle prese con i personaggi deleddiani e con alcune ricostruzioni storiche della vita sociale dell’epoca.

La recitazione come sempre è bilingue, ed è proprio la lingua sarda garteddesa che fa di questo itinerario teatrale un percorso originale ed unico, in un’ambientazione privilegiata per uno dei viaggi emozionali più esclusivi, attraverso il tempo e le sensazioni rievocate dai luoghi descritti in “Canne al Vento” e altre opere della scrittrice nuorese.

Momenti di particolare magia sono dati dalla riproposizione delle atmosfere lunari descritte nell’opera, quando “il popolo misterioso dei folletti, delle fate e degli spiriti erranti” anima il trascorrere della notte al sospiro delle canne” del Cedrino.

E’ uno spettacolo itinerante di teatro, musica e canto tradizionale, che si snoda lungo i luoghi più suggestivi del centro storico di Galtelli, Frutto di un Laboratorio teatrale durato circa 15 giorni, a cui hanno partecipato n. 37 elementi tra bambini e adolescenti

Grazia Deledda in un mio ritratto a china e colore del 1999

Un progetto di teatro itinerante che attraversa tutto il centro storico di Galtellì, a partire proprio dalla bellissima chiesa Romanico/Pisana di San Pietro.

L’ obiettivo primario naturalmente è di far conoscere la scrittrice nuorese Grazia Deledda, nei confronti della quale noi sardi abbiamo più di un debito

Una scrittrice, che nasce a Nuoro nel 1871, in una famiglia benestante, e che frequenta solo fino alla 4 elementare, ed arriva al Nobel per la letteratura nel 1926, studiando praticamente da sola.

La maggior parte dei quadri che formano il nucleo dello spettacolo “Viaggi Emozionali” sono tratti dal romanzo “Canne al vento”, per il quale la Deledda ha tratto ispirazione proprio da Galtelli, Galte nel romanzo, dopo un suo soggiorno ai primi del secolo con la sorella Nicolina.

Il progetto è frutto di una volontà politica, sociale e culturale, dell’Amministrazione Comunale di Galtellì che, insieme alla Pro Loco e a Bocheteatro, ha gestito la manifestazione in tutti questi anni. Il teatro dunque come ulteriore strumento per difendere quel patrimonio culturale, identitario e sociale che contraddistingue questo bellissimo paese della Baronia, valorizzando e recuperando al contempo il patrimonio inestimabile e unico del centro storico.

Bocheteatro

(DA: comunicato Associazione culturale Bocheteatro-6 Agosto 2014)

L’ARTE DI COSTANTINO NIVOLA A OROSEI

DAL 19 LUGLIO AL 31 AGOSTO

INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA

Venerdì 19 Luglio – ore 18,30

SEDE ESPOSITIVA “L’ORMEGGIO”

ADIACENTE AL” MUSEO GUISO”

LABORATORI DIDATTICI GRATUITI

PER 20 PARTECIPANTI DAI 7 AI 13 ANNI

Mostra a cura del Comune di Orosei con la collaborazione

di collezionisti privati e della Pro-Loco di Orosei

COSTANTINO NIVOLA

sardo di Orani,

scultore di fama internazionale.

>> UNA MOSTRA DA NON PERDERE! <<

 

(DA: comunicato Assessorato alla Cultura Comune di Orosei-10 Luglio 2014)

Si riportano di seguito i dettagli della manifestazione: 

1) Passeggiata ecologica Galtellì – Monte Tuttavista – 02 Giugno 2014;

2) Orario raduno dei partecipanti Hotel Bellavista via Nazionale ore 08,00;

3) Trasferimento con navette al Santuario N.S. del Rimedio di Orosei ore 08,30;

4) Orario di partenza dal Santuario N.S. del Rimedio di Orosei ore 09,00;

5) Arrivo previsto al Monte Tuttavista ore 12,00;

6) Pranzo a ( Padente Longu ) ore 13,30 (dettagli come da locandina).

(DA: comunicato Pro-Loco Galtellì-31 maggio 2014)

S.Maria 'e Mare (in una  foto di circa 20 anni fa)

La chiesetta e la festa di S.Maria 'e Mare (in una foto di circa 20 anni fa)

Chiesa e Festa di Santa Maria ‘e Mare

Pubblico volentieri questo delizioso “Pezzo” (scritto nel 2011)  dell’amico Tommaso Esca che descrive una sintesi della  storia della “Cresieddha” (Chiesetta) dedicata a Santa Maria ‘e Mare e della relativa festa che ogni anno attira migliaia di  fedeli e turisti attratti dalla suggestiva processione di barche nel fiume Cedrino e dal corollario di avvenimenti culturali sempre più numerosi e importanti che precedono e seguono questa manifestazione religiosa che si è tenuta oggi, domenica 25 maggio, durante la quale, apprezzatissima, ogni anno si effettua nei pressi della chiesa e in riva al Cedrino la distribuzione gratuita di panini con polpi preparati dalla locale Società Pescasportiva e amici.

Chiesetta di S.Maria 'e Mare
Chiesetta di S.Maria ‘e Mare (foto camedda-2009)

TESTO di: Tommaso Esca

Al centro della costa orientale della Sardegna, il Golfo di Orosei, uno dei paradisi naturali del Mediterraneo.

Al centro del Golfo, la foce del fiume Cedrino, attorniata dagli stagni, su un’altura , sin dal XII secolo circa , “sa cresieddha de Santa Maria ‘e Mare“. Edificata dalla comunità marinara della città di Pisa, che per circa 200 anni ha gestito i traffici commerciali del porto di Orosei, nasce in un punto di incomparabile bellezza, tra mare, foce del fiume e terra, come cappella del “ Consul Mercatorum ” a devozione di Santa Maria de Pisis.

Interno chiesetta di S.Maria 'e Mare

Interno chiesetta di S.Maria ‘e Mare. Nelle pareti e arcate  le barchette votive donate dai fedeli (2009)

Con l’arrivo degli spagnoli, la stessa viene dedicata alla Madonna di Monserrato. Con la loro cacciata, per gli oroseini diventa semplicemente Santa Maria ‘e Mare, protettrice “ de sos tristos navigantes, in su mare tempestosu, sezis portu de reposu,e ghia de caminantes.” Diventata proprietà dei baroni Guiso di questa contrada, nel novecento , subisce un rapido declino ed abbandono del culto e del manufatto.

don nanni e peppino guisoNel 1975 circa, l’insegnante elementare nuorese Giuseppina Manca, ed i suoi ragazzi, effettuano un servizio fotografico ed una lettera accorata , al notaio oroseino in Siena Dott. Giovanni Guiso, ultimo erede con il fratello Giuseppe. Il nostro mecenate, si prende a cuore, tale stato di degrado e finanzia un ottimo intervento di restauro. La chiesa torna agli antichi splendori, con centinaia di barche votive e tutte le bandiere degli stati che si affacciano sul Mar Mediterraneo.

Ecco quindi la processione mariana sul fiume Cedrino, con le barche dei nostri pescatori, addobbate con cura e dedizione dall’Associazione fioristi del nuorese e non solo. Questa festa religiosa e di popolo è frutto della collaborazione della Regione Sarda, Comune di Orosei, Associazione Pro-Loco, Parrocchia di Orosei, Gruppi e Associazioni di volontariato, cultura e sport, nonché degli Imprenditori oroseini, la animano la festa in questo giorno domenicale.

Orosei:Via S.Veronica infiorata in attesa del passaggio delle barche anch'esse infiorate che saranno varate nel fiume Cedrino

Orosei:Via S.Veronica infiorata con la gente in attesa del passaggio delle numerose barche anch’esse infiorate che saranno varate nel fiume Cedrino-(foto T.Esca 2011).

Apre la stagione turistica oroseina , che consente di dare lavoro a migliaia di persone. I tanti gruppi folcloristici locali in costume animano ogni iniziativa. Nell’ultima domenica di maggio, la mattinata si trascorre piacevolmente nel centro storico della Piazza del popolo ,dove si prepara l’addobbo della barche con mille colori e mille forme. Il tutto tra uno stuzzichino dei nostri prodotti tipici, un buon bicchier di vino, Nel pomeriggio, le vie per il fiume Cedrino, si riempiono di fiori colori e “nuscos” (odori) di stagione.

Fiume Cedrino:la barca che trasporta il simulacro di Santa Maria è Mare verso la chiesettaFiume Cedrino: la barca che trasporta il simulacro di Santa Maria è Mare verso la chiesetta (foto T.Esca 2011)

Le barche e la processione con “sas corfarias “ di Su Rosariu, Sas Animas e Santa Rughe, la statuina della Santa, in processione dentro il fiume sino alla foce ed alla chiesina. Dopo la santa Messa, in mezzo ai tamarici , ai cannicci e alla menta di fiume,il Comitato della festa offre alle migliaia di intervenuti panini con polpi ed n buon bicchiere di cannonau per tutti. In questo giorno di festa, un pensiero ed una preghiera a Santa Maria ‘e Mare a protezione dei tanti disperati che dal nord Africa, ogni giorno affrontano le insidie del mare aperto con delle carrette del mare.

Questi disperati, emigranti per guerre ,carestie, miserie ed ogni genere di povertà, solcano i nostri mari in cerca di pace, serenità , vita decorosa, salute ed istruzione per se e per i figli. Tante anime innocenti ci lasciano la vita. Per chi riesce a solcare felicemente il mare, l’inizio di una nuova vita.

Bona ‘Esta a tottus, peri pro chie nos leghet.”

(Buona Festa a tutti, anche per chi ci ci legge)

 

( Testo e ultime due foto: di Tommaso Esca-2011)

 Associazione  Culturale  Bocheteatro

 con la Pro Loco ed il Comune di Galtellì

presentano

“VIAGGI EMOZIONALI “

  • il 08 Agosto 2013 Prima Replica,

  • il 22 Agosto 2013 Seconda Replica e

  • il 29 Agosto 2013 Terza e Ultima Replica di “Viaggi Emozionali”

Inizio ore 20:30

Lo spettacolo itinerante, di teatro, musica e canto tradizionale, a cui assisterete è frutto di un Laboratorio teatrale durato circa 15 giorni, a cui hanno partecipato 33 bambini e ragazzi, diretti dall’Attrice Monica Corimbi.

Grazia Deledda in una mia grafica

I Protagonisti della manifestazione perciò sono gli abitanti di Galtelli.

Fautori e sostenitori della manifestazione sono l’Amministrazione Comunale di Galtellì e la ProLoco di Galtellì, che da 12 anni si fanno carico di questo progetto teatrale.

Un progetto di teatro itinerante che attraversa tutto il centro storico di Galtellì, a partire proprio dalla bellissima chiesa Romanico/Pisana di San Pietro.

L’ obiettivo primario naturalmente è di far conoscere la scrittrice nuorese Grazia Deledda, nei confronti della quale noi sardi abbiamo più di un debito.

Una scrittrice, che nasce a Nuoro nel 1871, in una famiglia benestante, e che frequenta solo fino alla 4 elementare, ed arriva al Nobel per la letteratura nel 1926, studiando praticamente da sola.

La maggior parte dei quadri che formano il nucleo dello spettacolo “VIAGGI EMOZIONALI” sono tratti dal romanzo “Canne al vento”, per il quale la Deledda ha tratto ispirazione proprio da Galtelli , Galte nel romanzo, dopo un suo soggiorno ai primi del secolo con la sorella Nicolina.

Comunque volta per volta, cercheremo di illustrare brevemente i singoli avvenimenti, che si snoderanno attraverso gli angoli più suggestivi del centro storico, in compagnia dei protagonisti, sempre tesi tra peccato e rimorso, fra impulso sentimentale e il rispetto delle regole e della legge tra questi spicca in particolare:

il servo Efix, le tre dame Pintor, il nipote di queste ultime Giacinto e tanti altri personaggi.

**DA: comunicato e foto di Bochetatro-8 ago 2013**

APRONO LE CELLE DI GRAMSCI

A VILLANOVA TRUSCHEDU.

Da Lunedì 13 maggio 2013 al 31 Agosto 2013 nel complesso di San Gemiliano A Villanova Truschedu potranno essere visitate le 11 cellette del Novenario realizzate in occasione del 76° Anniversario della Morte di Antonio Gramsci e ognuna ispirata a una lettera scritta dal pensatore sardo.

La Pro Loco di Villanova Truschedu curerà le visite su appuntamento telefonando a:

SERGIO: 3883666200 E MARIE CLAIRE: 3273545989.

CELLE, ARTISTI E LETTERE:

n.1: Marco Lorenzetti: Il topo e la montagna;

n.2: Mauro Podda:Lettera a Tatiana del 9.12.1926;

n.3: Marie-Claire Taroni:I passerotti ;

n.4: Tonino Mattu: Lettera a Delio sull’Elefante(s.d. n. 153 nell’edizione breve edita Einaudi);

n.5: Francesco Casale: Lettera alla madre del 10 Maggio 1928 ;

n.6: Marco Pili: Lettera al figlio sul mare del 10.10.1932; n.7: Michele Marrocu: Lettera a Julca Roma 20 Novembre 1926;

n.8: Massimo Spiga: Lettera su Nansen del 18.04.1927;

n.9: Ilaria Marongiu: Lettera alla Madre del 25.04.1927;

cella diroccata: Fabrizio Da Pra: Lettera a Tatiana del 24.07.1933 ;

cella costruita con materiale di riciclo: Federico Coni:

Albero del riccio Lettera a Delio del 22.02.1932.

Per info:bibliotecagramsciana@libero.it; sergiolloi@libero.it.

(DA: comunicato Biblioteca Gramsciana-Ales_OR-12 mag 2013)

Il Comune di Galtellì insieme alla Pro-Loco ha organizzato anche quest’anno questo teatro itinerante a Galtellì la cui prima rappresentazione è già avvenuta il 9 agosto con partenza dalla Basilica di S.Pietro. La direzione artistica è sempre di Bocheteatro e la regia di Monica Corimbi. 

Come scritto sul volantino pubblicato si tratta di una “Ambientazione privilegiata per uno dei viaggi emozionali più esclusivi attraverso il tempo e le senzazioni rievocate dai luoghi descritti in Canne al Vento, celebre romanzo di Grazia Deledda

 …OGGI 23 Agosto a Galtellì,dalle ore 20,30

…con 30 bambini del paese che recitano

le opere di Grazia Deledda…

…”Un’emozione da non perdere”!

Marco Camedda

(Da: Pro-Loco Posada)

Il servizio verrà gestito direttamente dal Comune, che continuerà anche a sostenere la Pro loco per tutte le attività di cultura e spettacolo.

L’associazione di volontariato che dal 1987 fino ad oggi si era impegnata nella promozione delle bellezze di Orosei sta vivendo una situazione non florida. Il problema è fondamentalmente di natura economica: la Provincia non solo non ha provveduto a erogare i contributi necessari a garantire il servizio per la stagione alle porte, ma non ha ancora accreditato i soldi relativi a quella del 2011. «Sarebbe stato da irresponsabili lasciare che da sola si facesse carico dell’oneroso compito di promozione turistica», dice l’assessore al turismo Emanuele Murru.

NOVECENTOMILA PRESENZE In un luogo turistico per eccellenza non può certamente mancare un punto di riferimento per i numerosi visitatori che scelgono di trascorrervi le vacanze. Orosei conta ogni anno novecentomila presenze (circa la metà di quelle dell’intera provincia) negli ottomila posti letto. «Numeri importanti – osserva Murru – che testimoniano quello che siamo e quanto contiamo a livello turistico. Solo mettendo il focus sul turista, vestendo i suoi panni per capire quali sono le sue reali richieste, possiamo soddisfarlo pienamente e migliorare così il servizio».

LE NOVITÀ Il nuovo ufficio si caratterizza per alcune novità che riguardano il personale assunto e la strategia di lavoro. Due i dipendenti (già selezionati) che verranno ulteriormente formati per garantire la massima professionalità e che beneficeranno di due voucher erogati dalla Regione; sarà prioritaria l’analisi dei bisogni del turista, al quale saranno forniti dei questionari in cui potranno esprimere il proprio grado di soddisfazione, mettere in luce eventuali criticità e proporre dei suggerimenti per superarle; agli utenti sarà garantito un continuo aggiornamento rispetto alle attività di cui potranno giovare, tramite un sms o via e-mail.

(Da: l’Unione Sarda-Agostina Dessena- 8 maggio 2012)

«Rispetteremo gli impegni»

 Dopo l’ennesima protesta dell’Unpli (Unione pro loco) da qualche giorno di nuovo sul piede di guerra per il mancato trasferimento dei fondi regionali 2011 da parte della Provincia, arriva la replica dell’assessore provinciale al Turismo Gianfranca Logias, la quale rassicura rispetto alla volontà dell’amministrazione di ottemperare a breve al proprio dovere: «Gli impegni con le Pro loco verranno tutti rispettati – scrive Logias – così come più volte ribadito in sedi e occasioni ufficiali, non da ultimo nella riunione del Consiglio pubblica ed aperta, alla quale hanno partecipato i rappresentanti dei sodalizi».

Un invito alla pazienza quindi, all’indirizzo di Mario Dessolis, presidente territoriale Unpli, che venerdì scorso aveva sollecitato all’ente l’applicazione della «determinazione dell’assessorato regionale degli Enti locali finanze che ha autorizzato la liquidazione della terza e quarta rata da un apposito fondo unico. A Nuoro è stato assegnato il saldo di 3 milioni e 755 mila e 726 euro, il tre per cento dei quali spetta a noi».

( Da:L’Unione Sarda-fr. gu.  -13 mar 2012)

La Pro Loco di Orosei invia tutti a partecipare a questa manifestazione organizzata quale augurio prenatalizio sperando che,nonostante l’attuale periodo di crisi generale,  aiuti a passare un un momento di serenità a passeggio fra gli stands degli artisti e artigiani e  allietati dalle note della musica etnica e altro…come evidenziato nella locandina.

Buon divertimento a tutti!

ama-la-naura

Cari Amici Lettori,

Nel 1988 ho eseguito solidarmente per la Pro-Loco di Orosei (mi onoro sempre della loro richiesta) questo manifesto contro l’incivile abitudine di lasciare i rifiuti per terra o appesi agli alberi dopo  la “festosa(?)” baldoria di una giornata di vacanza.  L’euforica “libertà(?)”  di alcuni goderecci villeggianti lasciava devastazione, miasmi maleodoranti e un senso di frustazione a chi, persona di corretti costumi, frequentava poi gli stessi luoghi e osservava schifato questa  orribile aggressione alla natura, impotente a reagire a questa inciviltà.

Sono passati 23 anni da allora ma il malcostume non solo non è regredito ma si è amplificato, complice inconscio il maggior afflusso di villegianti nelle zone costiere…ma non solo! E gli appelli alla civiltà e le lotte degli ambientalisti non è che mancassero, magari non amplificati dai mass media oggi supportati da internet.  Quella modesta parte del nostro genere umano (o disumano) che esisteva e lordava allora è stata sostituita (in) degnamente dai sozzoni… o meglio ZOZZONI di oggi. Anch’essi piccola, modesta parte di noi ( o meglio…di  loro) che continua imperterrita a SPORCARE IL MONDO” in cui noi (ma anche loro) viviamo.

La mia era una modesta, piccola vignetta, un piccolo contributo, per un manifesto dato agli amici della Pro-Loco di allora che lo ha diffuso nelle spiagge, contro la proterva abitudine di riempire la natura di ogni genere di immondizia con la scusa magari che allora non c’erano i cassonetti, poi da diversi annni in quà  opportunamente predisposti dalle amministrazioni per consentire il deposito dei rifiuti in modo civile. Ma anche allora, 23 anni fa, le persone di corretti costumi c’erano già e nei cofani delle loro auto colme di tavolini, sedie, sdraio, contenitori con le varie succulente delizie per lo spuntino del mezzogiorno all’ombra ristoratrice degli alberi, inserivano con sensibilità “anche” alcune buste di plastica che venivano colmate dei residui del pasto e riportate a casa propria per essere ritirate da chi era preposto. E non appese agli alberi o abbandonate ai piedi del loro tronco!

Così la natura e l’ambiente erano salvi, difesi, amati come si dovrebbe fate con l’habitat in cui viviamo tutti i giorni! Ma lì i zozzoni non ci andavano (e vanno) tutti i giorni!  Lì questi pochi (in tutti i sensi) ma purtroppo insensibili incivili lasciavano (e lasciano) il residuo delle loro “festose (?)” vacanze distruggendo in un giorno l’ambiente, rendendolo maleodarante e inguardabile a chi madre natura ha dotato di sensibilità e rispetto per gli altri e ciò che li e ci circonda. Magari buttavano proditoriamente (e buttano) le immondizie fra i cespugli per nascondere agli altri che potevano vedere (e condannare) la loro (s)natura incivile. Magari guardandosi intorno e rendendosi conto (ma facendolo però…purtroppo) che il loro gesto non era certamente per loro motivo di vanto. Magari nascondendoosi anche alla vista dei propri figli che prima critici e poi (da grandi) mi auguro non copiassero questi pessimi esempi.

Per questo motivo, conscio che questo fenomeno è e credo sarà una fatica estirpare definitivamente, credo che tutte le battaglie di Forze dell’ordine, Amministrazioni, Associazioni, Legambiente, Aliga Day e altri omologhi debbano continuare (BENVENUTE!!!), uso il termine… DURE, per combattere questo bubbone della società civile che son convinto, come dicevo prima, sia causato da pochi irrispettosi del proprio e altrui spazio… irrispettosi (per non dire altro!) che bisogna  continuare a combattere con le armi forti della civiltà ma predisposti, come si usa dire oggi, alla TOLLERANZA ZERO. Per questo motivo in questa mia piazzetta web gli articoli su questo lercio costume, anzi ” contro questo lercio costume” troveranno sempre spazio e ci sarà sempre un plauso e gratitudine nei confronti di chi lo combatte!

Amiamo la natura, difendiamo l’ambiente!

Un caro saluti a tutti,

Marco Camedda

L’evento. Per il quinto anno consecutivo il paese mette a disposizione dei visitatori i suoi tesori artistici

Galtellì: Piazza Parrocchia

Galtellì: Piazza Parrocchia

Per il quinto anno consecutivo il Comune in collaborazione con la Pro loco, la società di servizi Tramas e gli operatori commerciali, per il giorno di Pasquetta aprono gratuitamente ai visitatori il paese e i suoi tesori ambientali storici e culturali. Una iniziativa che sinora ha premiato lo sforzo della “comunità ospitale” e che nelle edizioni precedenti ha visto il paese invaso da centinaia di turisti provenienti da diverse parti dell’isola.

Il programma prevede visite guidate di tutte le chiese medioevali presenti all’interno del antico borgo, degli ambienti che sono stati fonte di ispirazione del Nobel per la letteratura Grazia Deledda, dell’ufficio turistico per la distribuzione del materiale illustrativo e del castello di Pontes.

galtelli-museo-etnografico-sa-domo-de-sos-marras1Perno della giornata, che conclude la Settimana santa con i suoi antichi riti tradizionali, sarà la visita al museo etnografico «Sa domo ’e sos Marras» dove i dirigenti della pro loco e le guide offriranno ai visitatori la degustazione di prodotti tipici oltre alla presentazione dell’antica casa padronale adibita a luogo della memoria attraverso l’esposizione degli strumenti della cultura pastorale e de sos massaios.

In questa iniziativa si inseriscono anche gli operatori economici locali (strutture ricettive e di ristorazione) che per l’occasione hanno predisposto dei pacchetti diversificati sia per il fine settimana di Pasqua che per il giorno di Pasquetta. Proposta che è stata distribuita a diversi tour operator e pubblicata nel sito internet del comune www.galtelli.com.

sa preta istampata

sa preta istampata

CRISTO DEL TUTTAVISTAGli organizzatori dell’iniziativa suggeriscono anche la visita al monte Tuttavista, che grazie alla sua posizione consente di godere di uno scenario mozzafiato da cui è possibile ammirare tutte le bellezze che si presentano lungo il golfo di Orosei, dalle coste dorgalesi sino alle spiagge incantate di Biderosa.

D’obbligo anche la visita al Crocifisso issato in cima al monte, una statua bronzea alta dodici metri, e al monumento naturale de Sa preta istampata. Ospite e animatore della giornata di festa sarà il coro El Vajo di Chiampo, comune del vicentino gemellato con il comune di Galtellì da circa dieci anni.

(Da:La Nuova-Angelo Fontanesi-20 apr 2011)

salvatore-marraslo storico Presidente  è stato riconfermato

“Tutto scorre, nulla si distrugge, tutto si rinnova”:

è con questo moto che l’Associazione Turistica PRO-LOCO di Galtellì annuncia il rinnovamento del Consiglio di Amministrazione .

galtelli-museo-etnografico-sa-domo-de-sos-marras1Da un terreno fecondo e continuamente coltivato con amore e passione dai Soci fondatori per ben oltre 25 anni, ecco spuntare i primi germogli di gioventù della sua Galte, che con tanta grinta ed entusiasmo porta una ventata di freschezza, seguendo le ormai fossilizzate orme dei suoi predecessori, forti di una esperienza ventennale e pilastro nella comunità Galtellinese della promozione turistica e culturale.

È proprio in questa solida base, che lo scorso Venerdì 08 Aprile 2011, il neo Cda formato da Mario Saggia (Vice-Presidente), Battista Nocco (Segretario), Battista Mastio (Cassiere), Corraine Giuseppe (Consigliere), Poddighe Silvio(Consigliere), Piredda Marco (Consigliere), ne ha fatto il suo punto di forza, scegliendo di farsi guidare, ancora una volta, dal suo storico Presidente Salvatore Marras.

giovanni-santo-porcu2vincenzo gallusUn ingresso ufficiale a pieno titolo alla presenza dell’Assessore Comunale alla Cultura Giovanni Santo Porcu e del Consigliere della minoranza Vincenzo Gallus, occasione dunque per la conferma a proseguire un cammino in piena sintonia di intenti fra Amministrazione Comunale e Pro-loco, vista l’imminente inizio della nuova stagione turistica che apre le porte con le manifestazioni legate alla Settimana Santa e Pasquetta.

Mente e corpi, esperienze e giovani promesse sono il connubio su cui si inaugura il nuovo inizio della Pro-loco di Galtellì, che dopo tanti sforzi per non disperdere il seminato, trova i semi giusti per un futuro raccolto ancora più abbondante e rigoglioso, ricco di tanti programmi innovativi e allo stesso tempo volti al recupero di altri ormai diventati storici, e brevettati ex-novo dalla stessa Associazione.

Dall’astratto al concreto, dalla lingua alla parola:

PROLOCO DI GALTELLI’,

lavorare insieme per il borgo autentico di Galte.

È con questa carica, che profuma di giovinezza e fervide promosse, che il nuovo team si presenta ufficialmente ai suoi conpaesani, cogliendo l’occasione per invitare chiunque voglia unirsi a loro per rafforzare le radici della società Galtellinese con tante attività volte ad animare le diverse fasce generazionali.

(Comunicato Pro-Loco Galtellì-10 apr 2011)


IL VASCELLO DEI PIRATI: Uno dei carri del  Carnevale oroseino del 2004

IL VASCELLO DEI PIRATI: Uno dei carri del Carnevale oroseino del 2004

Gli storici carristi: «Comune e Pro loco ancora in letargo»

Rumori di carnevale anche ad Orosei, un paese che pur non avendo un carrasecare storico negli anni ’80/ ’90 aveva saputo innescare un bel movimento festaiolo che nelle ultime edizioni, grazie soprattutto all’entusiasmo dei più giovani, sta cercando di rinverdire.

IL CASTELLO DELLE FATE: Uno dei carri del  Carnevale oroseino del 2004

IL CASTELLO DELLE FATE: Uno dei carri del Carnevale oroseino del 2003

E le notizie su questa imminente edizione sono più incoraggianti del solito, con sei gruppi di carristi già all’opera e soprattutto con la ridiscesa in campi di alcuni storici protagonisti dei carnevali oroseini. Rumori che arrivano dai capannoni e dalle cantine dove si stanno allestendo i carri allegorici e organizzando i gruppi in maschera, che fanno però da contraltare al silenzio ingombrante delle istituzioni deputate ad organizzare e coordinare la festa. «Sinora non abbiamo avuto nessun comunicazione ne dal Comune ne dalla Pro loco».

Così si lamenta Tonino Sannai, uno degli storici animatori dei carnevali oroseini che furono e che dopo alcuni anni di «letargo» ha deciso di rimettersi in gioco e soprattutto in maschera. «Io e altri come me stiamo lavorando insieme a tanti ragazzi giovani, molti sono studenti che si quotano di tasca loro per fare il carro e comprarsi i vestiti.silvano1 Possibile che il Comune e la pro loco non capiscano le potenzialità di questo movimento e non lo supportino tangibilmente?». Insomma qualche contributo, almeno per le spese vive, non sarebbe sgradito, e possibilmente subito, non come simbolico premio finale.

«I fondi per il carnevale sono stati stanziati come ogni anno – assicura l’assessore alla Cultura Silvano Camedda – ed è previsto sia un contributo ad ogni carro che una premiazione finale». Quanto e quando però rimangono incerti come pure il percorso e il calendario delle sfilate. E qui occorre fare subito chiarezza perchè forse non sarà la Pro loco a doversene occupare: «Quest’anno – spiega sempre Camedda – dovrebbe essere la Orosei Freestyle».

Nessuno però ne sa ancora nulla, tanto meno i carristi che giustamente mugugnano.

(Fonte:La Nuova-rass.stampa Prov NU-a fontanesi)

sede-pro-loco-oroseiRicevo via mail  e pubblico questo manifesto della Pro loco di Orosei che organizza un’esposizione permanente di foto  di appassionati (e non professionisti) che valorizzino il nostro territorio e patrimonio architettonico-storico  e culturale del centro abitato.

Le foto dovranno pervenire esclusivamente in formato digitale  entro e non oltre il 12.09.2010

1Per informazioni:

Presso la PRO-LOCO

dal Lunedì al sabato dalla ore 9,00 alle 13,00

Tel:0784.  998367

3Stasera (sabato 28) la Pro-Loco inaugura  in Piazza del Popolo alle ore 19,00 la “3a Fiera Mercato” che si protrarrà anche domani (domenica 29) fino alla mezzanotte.

Saranno esposti, in appositi gazebi, prodotti agro alimentari e manufatti artigianali  dei produttori di Orosei e del circondario. Inoltre la Pro Loco  ha organizzato una mostra itinerante di foto di fotografi dilettanti che  saranno esposte lungo le vie del centro storico  e dovranno rappresentare gli scorci e le bellezze più suggestivi del paese e del territorio.  Esse saranno  messe in vendita e  i soldi ricavati saranno ripartiti  tra l’autore e l’Associazione Turistica che stamperà le foto a sue spese acquisendone i diritti.

Marco Camedda

IMPORTANTE

Oggi 18 Agosto mi è pervenuta  questa mail dalla Pro Loco di Orosei

con la presente si informa che l’iscrizione per la ” MOSTRA D’ARTE DI  PITTURA ” è stata prorogata al 19 sera“.

Marco  Camedda

======================

locandina-prolocoTema: A piacere. Tra: (Uomo – Ambiente – Tradizione)

REGOLAMENTO:

Attraverso l’accoglienza delle diverse espressioni artistiche, l’I° edizione MOSTRA D’ARTE di Pittura si pone come obiettivo quello di affrontare nelle sue infinite sfaccettature, la verità visibile e nascosta, di un rapporto  complesso ma affascinante e difficile, tra uomo, ambiente e tradizioni.

La mostra è aperta a tutte le espressioni artistiche.

Gli Artisti potranno aderire ed esporre con un massimo di tre opere.

Quota di adesione €. 25,00.

Coloro i quali intendono aderire dovranno presentare adesione presso la Pro Loco di Orosei, completa di Generalità e recapito telefonico.  Termine ultimo per l’adesione entro le ore 13,00 del 17/08/2010 (prorogato al 19 agosto)

La Mostra d’Arte di Pittura avrà inizio il 20/08/2010 fino al 05/09/2010 presso la Galleria Pro Loco (ex mercato).

Le opere oggetto di esposizione devono essere consegnate entro il 18/08/2010.

Il trasporto o le spedizioni delle opere sono a carico degli artisti. Tutte le opere non potranno essere ritirate prima della conclusione ufficiale dell’esposizione.

A tutti gli Artisti partecipanti sarà rilasciata una Pergamena di partecipazione.

L’Inaugurazione sarà alle ore….20,30.

Per informazioni tel.0784998367

Orosei 13/08/2010.


Elisa Carrone nella mostra fra le sue opere

Elisa Carrone nella mostra fra le sue opere

Allestita nei locali che la  Pro-Loco in Piazza del Popolo utilizza per questi scopi l’artista pittrice Elisa Carrone espone le sue opere insieme a Livio Nieddu, quarantenne artigiano di Bolotana che lavora in modo delizioso il legno. La mostra è stata inaugurata il 18 di Luglio e resterà aperta fino al 1° Agosto.

Le opere in legno di Livio Nieddu

Le opere in legno di Livio Nieddu

Elisa Carrone , diplomata all’Istituto d’arte di Nuoro in oreficeria, dipinge dall’età di dieci anni e  ha al suo attivo un centinaio di  mostre in Sardegna, Italia e anche all’estero. Inizia ad esporre all’età di sedici anni ed è evidente nella sua pittura, in cui usa dorature e lacche che rendeno i suoi quadri gioielli di una grande eleganza pittorica , l’influenza della sua scelta scolastica nel voler fequentare il corso di oreficeria.

Accompagna spesso i suoi quadri con poesie in sardo che scrive o dopo averli dipinti  o  ispirano le sue delicate opere. Fra le sue tante passioni: Il teatro, suo grande amore, dove ama recitare con sue composizioni in limba e, appene  e ove il copione  lo  richiede, vestita col suo costume sardo oroseino!

ELISA CARRONE: Una sua opera"Costumi sardi-l'influenza del mare"

ELISA CARRONE: Una sua opera"Costumi sardi-l'influenza del mare" (olio su tela 50x60)

Auguro un gran successo a Elisa e Livio!

Marco Camedda

pro-loco

pro-loco 1maggioRicevo dalla Pro-Loco di Orosei e pubblico la locandina per la

Festa del  del 1° Maggio

http://www.happyvacation.it/img/proloco.jpgDomenica  18 aprile scorso ha debuttato con successo la prima edizione de “La festa della Pro loco di Orosei”,  facendo tirare un bel sospiro di sollievo  al direttivo della locale associazione che la aveva organizzata con entusiasmo  ma anche col timore di chi  sa che audacemente ha cercato di collocare questa data in un periodo fuori stagione turistica.

Piazza del Popolo:Una panoramica della 1a"Festa della Pro-Loco"
Piazza del Popolo:Una panoramica della 1a”Festa della Pro-Loco”

Ma i risultati non si sono fatti attendere e sin dalla prima mattina i primi turisti e vacanzieri e tantissimi oroseini , grandi e piccini, hanno potuto godersi in Piazza del Popolo e nella parte bassa  di Via Nazionale chiusi al traffico per tutto il giorno ,questa festa di popolo .

Insomma una  fiera varia e colorata, dove in una trentina di gazebo allestiti per l’occasione  e in altri spazi sono stati esposti prodotti locali, le opere di  artisti,  ceramisti, ricamatrici, prodotti artistici in marmo,  ferri battuti. Presenti anche  alcune aziende che ne hanno approfittato di questa  fiera’ per promuovere  la loro produzione imprenditoriali e presenti le  immancabili le bancarelle con  dolciumi e giocattoli. La gente che ha potuto girovagare tranquilla ha ammirato i prodotti esposti non disdegnando gli acquisti  e comunque i contatti e le domande di rito nate dalla curiosità abbondantemente solleticata da tanta arte e ottimo artigianato.

Stands e bancarelle in Via Nazionale
Stands e bancarelle in Via Nazionale

A dare valenza promozionale a questa festa anche la ovvia presenza del  gazebo della locale Pro-Loco e altri due di Galtellì e Cala Gonone che  hanno distribuito depliant e materiale informativo sul loro territorio. La chiusura al traffico  dello spazio dove si è svolta la manifestazione  ha favorito il girovagare  tranquillo e rilassato della gente in una prova  anticipata  di isola pedonale che già l’estate scorsa , e non solo nella Notte Bianca, aveva avuto il consenso unanime durante  la stagione calda del turismo.

Giocolieri, clowns e trampolieri in Via Nazionale chiusa al traffico
Giocolieri, clowns e trampolieri in Via Nazionale chiusa al traffico

Notevole  di mattina la coreografia dei balli  in costume di alcuni gruppi in costume oroseino accompagnati di mattina dall’organetto diatonico del bravissimo Giampaolo Piredda e, alla sera, la musica e canti etnici dei gruppi folk  che hanno deliziato i presenti  e fatto da colonna sonora  a tutta la giornata. Molto apprezzata e variopinta la presenza  di una compagnia di bravi artisti di strada che ha proposto per grandi e piccini una serie di spettacoli itineranti esibendo  giocolieri, trampolieri  e clown.

gruppo in costume e balli in piazzaCerto le presenze non erano quelle della stagione turistica estiva ma la gente era veramente tanta  e ha consentito i buoni  affari per bar e negozi vari  che come a pasqua, hanno aperto le loro attività di domenica e fino a tarda sera. Unanime la considerazione dei presenti e di tanti esercenti attività ma anche di molti degli espositori che questa formula “s’ha da ripetere”autentica e riuscita prova generale  fuori stagione, per un paese come Orosei a grande vocazione turistica e che quindi si deve mostra re aperto a queste apprezzatissime promozioni , sopratutto in bassa stagione perchè  ha movimentato,colorato, portato allegria nel paese, anticipando un pò l’estate   e favorito i buoni affari . Il che non guasta mai!

testo e foto di marco camedda

GALTELLI': l'assessore  Giovanni Santo Porcu sul  Nuovo Centro Commerciale naturale!Resoconto del successo della giornata di “Paschisedda” (Pasquetta) a Galtellì:

“Caro Marco buondì,

Augurandomi che te e gli amici del blog abbiate trascorso delle serene festività,vi scrivo due righe per fare un resoconto della giornata di ieri a Galtellì. Sa paschisedda nonostante il forte vento che ha caratterizzato la mattinata,ha segnato un punto a nostro favore e non solo,nella promozione del paese.

Turisti sin dalla mattina,hanno cominciato a vivere il nostro borgo,con attento silenzio,scoprendo i nostri beni materiali e immateriali, con assoluta attenzione e rispetto.E’ stato tutto il giorno un formicolare di persone che nei vari ambienti messi a lustro hanno potuto godere fino a tardi del potenziale che Galtellì cerca di esprimere da alcuni anni.Da un confronto con le guide turistiche,dislocate nei luoghi di visita,dove Pontes l’ha fatta da padrone,abbiamo convenuto su un migliaio di visitatori,tralasciando il monte,che ormai da una settimana a questa parte segnava ogni giorno decine e decine di escursionisti e tuttora continua.Da un riscontro con le strutture della ristorazione e ricezione posso dire che tutti hanno avuto il pienone,anzi qualcuno ha dovuto rifiutare,dando così un inizio positivo alla bella stagione che si avvicina.

pasquetta a galtellìMi preme ringraziare per la fattiva collaborazione

la Proloco,tutte le guide turistiche, il CCN e strutture commerciali, aggiornandoci ai prossimi impegni che ci aspettano nell’immediato di cui sarà mia cura aggiornarvi.”

Saluti,  Giovanni Santo Porcu