Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: scolastica

GALTELLI': edificio Scuola Media di Galtellì (Nu)

Nuova sala informatica nelle Scuole Medie

Ultimata nella prima settimana di questo mese la nuova aula informatica delle scuole medie.

Grazie al contributo dell’amministrazione comunale di € 9.000, son stati acquistati e installati 22 nuovi computer. I ragazzi potranno quindi riprendere a tempo pieno lo studio e l’apprendimento di nuovi programmi informatici supportati da macchine di ultima generazione

 ”E’ Un’importante esigenza- afferma Pina Cosseddu, Assessore alla Cultura e Vice-Sindaco che la scuola aveva evidenziato a fine del l’anno scorso e che prontamente l’amministrazione ha soddisfatto, andando a reperire le risorse confermiando ancora una volta la massima attenzione per il mondo della scuola Inoltre ora, grazie al progetto di Edilizia Scolastica, siamo rientrati nel decreto Renzi, avendo spazi finanziari per 260 mila €uro   con i quali in quel plesso andremo a fare dei lavori per renderelo sempre più moderno ed efficiente”

(DA: comunicato Comune di Galtellì-11 Maggio 2016)

Vice-Sindaco e Assessore alla Cultura e P.I. del Comune di Galtellì

 A OTTOBRE  INIZIO MENSA SCOLASTICA

L’Assessore alla Pubblica Istruzione Pina Cosseddu informa che, su richiesta della scuola, dal prossimo venerdì 2 ottobre avrà inizio il servizio mensa scolastica che anche quest’anno è destinato a soddisfare i tre livelli scolastici: infanzia, primaria e secondaria.

Il contributo dell’amministrazione comunale si conferma al 40% mentre la retta delle famiglie è uguale a quella dell’anno scorso ed è prevista per la scuola dell’infanzia (5 pasti settimanali) in 40 Euro mensili, per la scuola primaria (3 pasti settimanali) in 24 euro mensili e per la scuola secondaria (2 pasti settimanali) in 20 euro mensili.

Abbiamo poi previsto – afferma l’Assessore Cosseddu- e con la sola  finalità di agevolare le famiglie più numerose, di prevedere la gratuità sulle rete mensili per le famiglie con tre o più figli frequentanti contemporaneamente partendo, con la gratuità, da quello maggiore a decrescere in ordine d’età. Inoltre si prevede per l’infanzia, di far pagare metà tariffa (20.00 euro) a coloro che consumano meno di dieci pasti mensili”.

Marco Camedda

(DA: sito istituzionale Comune di Galtellì (NU).30 settembre 2014)

Le famiglie potranno optare per la scelta

Le famiglie potranno scegliere se far insegnare il sardo a scuola ai loro figli. E’ la novità maturata per il prossimo anno scolastico grazie a un’intesa fra la Regione e la Direzione scolastica regionale.

L’assessore Sergio Milia aveva, infatti, sollecitato nelle scorse settimane – è detto in una nota – il direttore scolastico Enrico Tocco, in qualità di responsabile ministeriale delle scuole in Sardegna, alla sensibilizzazione dei dirigenti delle autonomie scolastiche all’inserimento dell’opzione per l’insegnamento della lingua sarda nei moduli di pre-iscrizione per l’anno scolastico 2013-2014.

La Direzione scolastica, che già lo scorso anno aveva creato le condizioni per questa innovazione, prevista da una legge del 1999 e mai attuata, ha risposto inviando una circolare ai capi di istituto nella quale si richiede l’applicazione della normativa statale in materia. “Ogni scuola, in base al grado di istruzione che è chiamata a gestire, all’organico di cui dispone, alle strutture fisiche, alle risorse finanziarie, strumentali e professionali a cui può fare affidamento – ha scritto Tocco ai dirigenti – realizza il suo Piano dell’Offerta Formativa. Il curricolo obbligatorio può essere quindi arricchito e integrato da ulteriori proposte formative”.

“Non abbiamo vinto la guerra – ha commentato Milia – perIMò una battaglia l’abbiamo conquistata, siamo riusciti a garantire, da parte del Ministero, l’applicazione della legge anche se tardivamente e possiamo ora impegnarci per rialzare la testa e iniziare il nuovo cammino.

L’obiettivo è raggiungere in cinque anni almeno la maggioranza delle famiglie che optano per il sardo (o le altre lingue presenti in Sardegna) e un’educazione multilingue che non dimentichi l’italiano e le altre lingue straniere. La Regione – ha continuato Milia – si impegnerà comunque in questa opera di sensibilizzazione grazie anche alla collaborazione con alcune università di prestigio internazionale quali quelle di Edimburgo, Madrid e Padova”.

(DA: L’Unione Sarda-25 gen 2013)

-disegno e grafica di marco camedda-

 "CONTRO LA DISPERSIONE SCOLASTICA"!
Ha preso inizio mercoledì scorso il progetto educativo finanziato dall’assessorato Servizi Sociali del Comune che prevede l’inserimento di un equipe educativa composta da tre educatrici professionali e una coordinatrice esperta in disturbo specifico dell’apprendimento, all’interno della scuola elementare e materna.
L’amministrazione ha stanziato per 45 mila euro per ogni anno scolastico dal bilancio comunale.
«Per la nostra amministrazione - sottolinea Denise Dalu (assessore ai Servizi Sociali)- offrire servizi contro la dispersione scolastica rappresenta un obiettivo chiaro.
Abbiamo in previsione un convegno in collaborazione con l’Associazione Italiana Dislessia».
(Fonte:La Nuova-a-fontanesi)
 COMUNICAZIONE DI DENISE  DALU
Assessore ai Ai Servizi Sociali
Ha preso inizio mercoledì scorso il progetto educativo finanziato dall Assessorato Servizi Sociali del Comune di Orosei che prevede  l’inserimento di un equipe educativa composta da tre educatrici professionali e una coordinatrice esperta in Dsa, (disturbo spec dell’apprendimento) all’interno della Scuola elementare e materna di Orosei.
La richiesta pervenuta dal sensibile e attento corpo docente della Scuola, viene accolta dall’amministrazione che stanzia dal  bilancio comunale 45 mila euro per ogni anno scolastico per salvaguardare il diritto allo studio di minori diversamente abili e bambini affetti da Disturbo Specifico dell’apprendimento.
L'equipe, affianca il corpo docente nelle attività educative, rieducative e di 
socializzazione all'interno del gruppo lasse, dando risposte specifiche per i
singoli bambini

Il progetto risponde ancora una volta ad una esigenza chiara che pone attenzione a chi maggiormente ne ha bisogno. Per la Nostra amministrazione offrire servizi che garantiscano, per nostri ragazzi, il successo scolastico diminuendo la dispersione scolastica rappresenta un obiettivo chiaro sin dal
principio del nostro mandato.
In tal senso si possono rimuovere tutti gli ostacoli di ordine economico sociale e culturale che rischiano di
essere un freno nella piena fruizione del diritto allo studio.
Le azioni intraprese non finiscono, infatti abbiamo in previsione un convegno organizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Dislessia, argomento tecnico che merita attenzione al pari di molte altre problematiche ancora poco conosciute e che intendiamo affrontare nel tempo quali autismo e iperattività.
Il Nuovo Plus, in fase di stesura, non potrà che mostrare attenzione ulteriore per tali argomenti. Auspichiamo la stessa premura anche dalla Struttura Sanitaria Locale che da diverso tempo prevede la presenza nel nostro territorio, di una nuova figura logopedica attualmente non presente ma notevolmente richiesta, e un fondamentale aumento delle ore della neuropsichiatra infantile presente ma con un numero di ore notevolmente inferiore alle richieste; molti utenti devono, infatti, attendere troppo tempo per avere un appuntamento e avendo a che fare con bambini, ovviamente ogni attesa prolunga inutilmente l’inizio di eventuale riabilitazione.
La nuova struttura asl prevista nel nostro territorio farà sicuramente da apripista per l’inizio di nuovi importanti miglioramenti per l’intero bacino della Valle del Cedrino.

continua…

Ragazzi cha vanno a scuola

continua…