Vai ai contenuti

NONSOLOBARONIA: Blog di Marco Camedda

LA NOSTRA "PIAZZETTA VIRTUALE" DOVE CI SI INCONTRA TRA BUONI AMICI

Archivio

Tag: soci

Specializzati in protezione civile

Nuovo traguardo per i volontari della Croce Bianca,

in attività da 25 anni 

Il direttivo della Croce Bianca è arrivato a fine mandato. Venerdì 14 l’assemblea dei soci si riunirà per decidere la data delle nuove elezioni. Sono stati due anni di grande impegno per l’amministrazione uscente che ha realizzato gli obiettivi prefissati.

Tra questi il censimento in protezione civile lo scorso gennaio, l’acquisto della nuova ambulanza, il seminario relativo alla protezione civile svolto a Villacidro in primavera che ha portato al gemellaggio in occasione del recente venticinquennale, due festival canori e varie altre manifestazioni organizzate per raccogliere fondi e finanziare il programma sopracitato.

Un lavoro impeccabile quello del direttivo, reso possibile dalla partecipazione e generosità di molti. «Ringrazio di cuore tutta la comunità di Orosei, i settori lavorativi grandi e piccoli, il comparto cave, le amministrazioni comunali succedutesi che sono state molto sensibili alle nostre iniziative e la Regione che con il suo contributo economico ci ha dato la possibilità di acquistare il nuovo mezzo», dice il vicepresidente e responsabile sociale Toni Diana, che spera in un incremento dei volontari sia per il servizio sanitario che per quello neonato della protezione civile.

I volontari di Orosei ritengono determinante l’apporto di tutti coloro che hanno contribuito alla crescita dell’associazione. «È stato prezioso – riconosce Diana – il lavoro dei soci, dei giovani e dei nuovi iscritti in protezione civile», Venerdì, in prima convocazione alle 20 e in seconda alle 20,30, nella sede sociale in Piazza Mercato, l’assemblea generale dei soci, invitati a partecipare numerosi, discuterà circa il fine mandato del direttivo e delle elezioni per il rinnovo dei vertici della Croce bianca, che potrebbero essere convocate per fine mese.

(DA: L’Unione Sarda-Agostina Dessena-11 dic 2012)

I Comuni contestano l’indicazione di Marconi poi decidono di votarlo

CAGLIARI. Da ieri Abbanoa ha un amministratore unico: Carlo Marconi, 67 anni, umbro, che guadagnerà 160mila euro lordi l’anno per cercare di mettere ordine e rilanciare la società. I soci (Regione e Comuni) l’hanno eletto con il 95 per cento dei voti.

Al di là della percentuale bulgara, però, non è stato facile raggiungere l’intesa sul nome di Marconi, un manager dal curriculum denso di incarichi in società pubbliche del Centro Italia tra cui anche l’Asia di Napoli, l’azienda dei servizi igienici ambientali che si è occupata dell’emergenza rifiuti.

La Regione, che è socio di riferimento nella società per azioni Abbanoa, ha reso noto, attraverso l’assessore all’Industria Alessandra Zedda, di aver individuato la figura giusta in Marconi dopo aver esaminato i curricula dei 23 manager che avevano risposto al bando.

L’assemblea dei soci di Abbanoa, in sostanza, ripartiva dallo stesso punto su cui i sindaci, solo una settimana prima, avevano chiesto un rinvio per assumere le opportune informazioni. Il fatto nuovo era che la Regione non li aveva informati ma aveva compiuto la scelta. Cristiano Erriu, presidente dell’Anci, non ha nascosto il disagio: «Avevamo chiesto che si procedesse nella massima trasparenza per definire tempi, metodi e procedure ma quell’accordo non si è concretizzato. L’Anci non è stata coinvolta». Erriu ha chiesto un ulteriore rinvio per consentire ai sindaci di esprimere una valutazione di merito: «Non possiamo votare a scatola chiusa».

Ma la Regione non poteva aspettare: Abbanoa rischia di tramutarsi in un’altra bomba sociale perché l’azienda è fortemente indebitata con le banche e ha enormi difficoltà di gestione; 1.400 lavoratori, 600 occupati indiretti, rischi di esuberi.

E mentre nel salone dell’hotel l’assemblea dei soci va avanti tra una sospensione e l’altra, fuori ottanta operai della società Opere Pubbliche (depurazione e manutenzione impianti) protesta: «Siamo da sei mesi senza stipendio – dicono -, abbiamo continuato a lavorare finchè non sono terminati anche i soldi per la benzina e i mezzi ora sono fermi».

A sventare il possibile slittamento della nomina di Marconi piomba a metà assemblea il governatore Cappellacci, avvisato al telefono dall’assessore Zedda. Seduta sospesa e riunione a porte chiuse del presidente della Regione con i rappresentanti dell’Anci e i sindaci dei Comuni con più «azioni» in Abbanoa. Erriu cambia opinione: «Il presidente della Regione ci ha rassicurati sul fatto che i curricula dei candidati sono stati valutati bene e mi ha convinto a superare le perplessità. Anche perché Abbanoa è un puzzle che dobbiamo completare a partire dall’Ato».

(Da:La Nuova-Alfredo Franchini-7 feb 2012)

L’Associazione Croce Bianca di Orosei, organizza per i propri soci una giornata di studio e documentazione presso la sede del centro operativo di  Protezione Civile del Medio Campidano a Villacidro.

L’iniziativa si colloca nell’ambito delle attività connesse alla costituzione del nucleo di Protezione Civile che l’Associazione porta avanti, ed intende fornire ai propri soci una prima occasione di conoscenza dei vari aspetti organizzativi ed operativi che un’associazione di volontariato operante in questo settore dovrà affrontare.

Il servizio di Protezione civile del Medio Campidano di Villacidro è riconosciuto come uno dei più dotati ed efficienti della Sardegna.

L’incontro prevede un aggiornamento sui vari aspetti riguardanti la Protezione Civile, la presentazione e il funzionamento delle varie attrezzature operative, alcune simulazioni pratiche “sul campo”.

La visita è prevista per domenica 5 febbraio p.v. e si prevede la partecipazione di ca. 50 soci. Sono stati invitati a partecipare il Sindaco, i componenti il Centro Operativo Comunale di Protezione Civile e l’intera Giunta Comunale.

  (Da:Comunicato della Croce Bianca di Orosei-21 gen 2012)